Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS

 
ULTIME NEWS
   
dot LA JUVE FRENA CONTRO IL PARMA!

dot JC ANDRIA INCONTRA ONDA D'URTO

dot LA JUVE SALUTA LA COPPA ITALIA!

dot VITTORIA INCREDIBILE A ROMA. FESTEGGIAMO LE 900 TESSERE!

dot INIZIATA LA VOLATA VERSO LO SCUDETTO…..

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
dot News anno 2019
   
 
LA JUVE TORNA A +11 SUL NAPOLI
 

Vincere a Reggio Emilia contro il Sassuolo era fondamentale anche alla luce del pareggio del Napoli a Firenze. Proprio non gli dice bene ai partenopei quella trasferta dove nella passata stagione si dice abbiano perso lo scudetto in albergo…..oggi la colpa pare sia stata attribuita ad un unica persona: il “portiere” dello stesso albergo….che ridere ragazzi.

Lo 0-3 rifilato ai neroverdi non deve trarrre in inganno. Il Sassuolo ha disputato una buona partita con la Juve che deve ringraziare per ben due volte la sorte che ha volute questa volta premiarci. La prima nell’occasione dello sciagurato retropassaggio di Rugani che stava per mandare in rete gli avversari. Prodigioso l’intervento pulito di Szczesny che ha evitato il rischio di andare subito sotto. A seguire almeno altri due interventi del nostro portiere che ha tenuto nei primi venti minuti a galla la squadra. Poi la Juve come sempre con l’esperienza è riuscita a passare grazie ad un CR7 sempre ispirato, sempre più leader di questa squadra. Tiro respinto dalla distanza con Khedira bravo ad appoggiarla in rete. Buona la prestazione del Prof. Khedira tornato ad orchestrare il centrocampo. E’ questo il calciatore che ci auguriamo di vedere sino al termine della stagione. Nella ripresa poi uscita alla tre quarti del nostro portiere che di colpo voleva rovinare la sua prestazione sin li ottima, svirgola la pall ache Berardi in contropiede doveva soltanto metterla dentro (sarebbe stato l’1-1) ma invece la palla è andata di poco a lato. Altro scampato pericolo. Di li in poi la Juve sale in cattedra, capisce l’importanza della posta in palio è finalmente Allegri invece che difendere lo 0-1 come fatto in altre occasioni capisce che bisogna continuare a salire. Arriva così lo 0-2 grazie ad un perfetto colpo di testa di CR7 da calcio d’angolo. Poi entra Dybala è la squadra acquisisce maggior sicurezza trovando anche la rete dello 0-3 definitivo grazie ad una combinazione tutta di prima Dybala-CR7- Emre Can che sigla la rete finale. Insomma una Juve che ha dimostrato di essere cresciuta di condizione rispetto alle ultime uscite ma che registra ancora dei black out pericolosi nel corso delle partite. La coppia Rugani – Caceres deve ovviamente ancora ambientarsi ma comunque possiamo dire che il pericolo è alle spalle. Sia Chiellini, sia Bonucci, sia Barzagli sono stati tutti recuperati è convocati per la gara contro il Frosinone. Bene così, del resto in campionato abbiamo rimesso ogni cosa al suo posto tornando subito a +11 in classifica sulla seconda, certo potevamo ritrovarci a +13 ma resta un vantaggio importante che ci permetterà di affrontare la doppia sfida all’Atletico di Madrid con maggior serentità. Prima bisognerà battere l’ostico Frosinone squadra annunciata in forma perchè come ha ben detto Mister Allegri vincere sarebbe una vittoria in meno per la conquista dello scudetto che mai come in questa stagione potrebbe davvero arrivare molto prima rispetto alla chiusura della stagione.

A Reggio Emilia come detto noi non ci siamo andati per via della protesta sul caro biglietti (60 euro per un settore ospiti), una protesta caduta nuovamente nel vuoto visto che il settore come sempre era stracolmo di tifosi per lo più “occasionali” o gente disposta a spendere di tutto pur di vedere la Juve. Possono a questo punto mettere il settore anche a 100 euro con la Juve lo si riempirà comunque. Noi restiamo invece coerenti al nostro modo di fare al nostro modo di pensare. Spiace dover saltare tante trasferte oramai ma la decisione l’abbiamo presa, oltre una certa cifra non ci andiamo. Non servirà a nulla? Questo è tutto da vedere, noi perlomeno restiamo coerenti è la coerenza non la si può acquistare al supermercato.  

Simpatica l’invasione di campo di un ragazzo “fisicato” che ha volute salutare Ronaldo da vicino. Per il resto null’altro da aggiungere se non che venerdì sera sugli spalti dello Stadium ben 8 saranno i soci presenti nonostante la giornata lavorativa e l’avversario di turno. Onore come sempre a chi ha deciso di esserci in questa gara. Poi sarà il tempo di Madrid, dove una pattuglia di ben 17 soci (tanta roba) si dirigerà in terra spagnola con diverse combinazioni aeree.

Venerdì sera TUTTI AL CLUB e per chi lo vorrà fare, a fine partita si andrà a bere una birra di gruppo una sorta di “terzo tempo”. Questi siamo noi, una famiglia, un gruppo compatto che ama i colori bianconeri alla follia! FATEVENE UNA RAGIONE!

 

Juventus Club Andria con passione e mentalità sempre al tuo fianco!

 

P.S.

Sono arrivati i nuovi giubbotti “THE SOUTH FACE” impermeabile fuori, felpato dentro con zip, collo alto, tasche esterne e tasche interne, patch ricamate sulle braccia con bottoni, rimovibili,  ANDRIA PRESENTE e TRICOLORE. Pratico per le trasferte ma anche per il tempo libero. E’ possible ordinare la propria taglia provando quella più idonea al Club. Costo Euro 60,00 disponibili al Club per la prova, le taglie: S – M- L – XL – XXL. Il primo ordine partirà subito dopo Atletico – Juve. AFFRETTATEVI!

Nella sezione merchandising troverete le immagini del giubbotto. 

 

 
 
LA JUVE FRENA CONTRO IL PARMA!
 

Periodo così e così per la nostra Juventus, allo stop di Bargamo è subito seguito un clamoroso pareggio caslingo contro il Parma per 3-3, clamoroso perchè abbiamo disputato una buona partita, a tratti anche bella, per ben due volte in doppio vantaggio, ritrovandoci alla fine beffati da clamorosi errori difensivi che ne hanno determinato questo assurdo pareggio.

La Juve paga l’assenza contemporanea della coppia di difensori centrali e soprattutto le non perfette condizioni fisiche di diversi giocatori della rosa. Ripetiamo nulla di così preoccupante, nulla che possa intaccare il nostro buon umore. Del resto se dovessimo preoccuparci noi, i tifosi delle altre squadre cosa dovrebbero fare? Suicidarsi in massa???? Bene ragazzi, guardiamo la realtà che ci racconta di una Juve a +9 in classifica sull’unica inseguitrice rimasta: il Napoli, siamo l’unica squadra in Europa a non aver ancora perso una partita in campionato, con altre grandi società europee che nei rispettivi campionati non sono nemmeno prime in classifica. Dunque è normale nel corso di una stagione non riuscire a vincere qualche gara, certo da fastidio se questo avviene tra le mura amiche, seconda volta in stagione, ma i nostri giocatori sono degli esseri umani, non dei robot. Meglio adesso qualche problema è non dal 20 febbraio in avanti. Pensiamo adesso a recuperare le forze fisiche e mentali che l’evidente richiamo delle preparazione estiva deve per forza di cose aver tolto alla squadra quella freschezza e brillantezza che ne aveva contraddistinto tutto il girone di andata. Poi chiaro che resta sempre il fatto che il nostro allenatore deve sempre metterci del suo, ma questo è un capitolo che preferiamo non affrontare per non innescare inutili polemiche. Certo che se entrava Dybala contro il Parma probabilmente sarebbe stato meglio....non abbiamo la contro prova ma resta iI dubbio………Ora la squadra ha avuto una intera settimana per preparare la sfida al Sassuolo, un altra squadra da prendere con le “molle” perchè De Zerbi le fa giocare ed in questo particolare momento potremmo soffrire parecchio l’iniziativa dei neroverdi. Per fortuna che abbiamo quel marziano che corrisponde al nome di CRISTIANO RONALDO che tanto rosicare fa i “tirapiedi” (vedendolo con la nostra maglia….) è che sembra non conoscere pause. Contro il Parma ha messo a segno una doppietta oltre alla rete di Rugani che deve acquisire però maggiore sicurezza in marcatura dietro. Bene ragazzi riprendiamo il cammino che deve condurci dove tutti speriamo di arrivare. Prima di pensare all’Atletico Madrid abbiamo da vincere due battaglie contro il Sassuolo ed in casa contro il Frosinone, poi tutte le forze le dovremo concentrare sugli spagnoli! Costi quel che costi!

Dunque rimbocchiamoci anche noi le maniche ed affrontiamo assieme alla squadra questo momento di difficoltà, normale nel corso di una lunga stagione.

Anche contro il Parma abbiamo dimostrato tutta la nostra grandezza come Club presentadoci a Torino in quasi 60 unità a bordo di un bellissimo bus pieno di tanta gente storica contrariamente alle abitudini di molte altre volte. Sin dalla partenza si era capita quale sarebbe stata “l’aria” a bordo. Con la presenza di gente del calibro di Graziano Palladio, Salvatore Lomuscio, Michele Leonetti, Nicola Pisani, gli immancabili Sabino Chieppa e Giorgio Nicolamarino, Andrea Leonetti, il ritorno di Marco Fiandanese e Gino Patano, Mario Zingaro, Francesco Manuto, la triade dei fratelli Posto, Giuseppe Inchingolo è tanti tanti altri, insomma davvero uno squadrone da paura. Come al solito sul bus è stato caricato l’impossibile, tra bere e mangiare. Le prime ore come di consueto sono trascorse così tra vino e grappa con tanto ben di Dio. Viaggio molto tranquillo, tanta goliardia, con il freddo che man mano che si avanzava diventava sempre più intense sino a trovare tanta neve da Modena a salire su. Giungevano le prime foto tutti con i piedi nella soffice neve nell’ultima fermata in Autogrill, dove il bus viene fermato da una pattuglia della stradale è controllato per via degli incidenti di qualche anno fa proprio con i tifosi del Parma che provocarono poi la morte proprio di un sostenitore ducale investito da un bus. Tutto tranquillo, si scherza è si ride anche con gli agenti. Arrivano a Torino, gran freddo, gli attende la Maria sempre disponibilissima nel dare una mano con la sua auto nel caricare, scaricare è smistare la roba…..Insomma le nostre trasferte su a Torino sono sempre un gran da fare. Poi una parte si dirige verso il centro città, un altro gruppo va a visitare lo JStore, JMuseum e JStadium. I soci, quelli nuovi, resano estasiati dalla meticolosa organizzazione. Perfetti in tutto, non si lascia davvero nulla al caso, siamo lo possiamo dire una “macchina da guerra”…..sempre pronti a farla……..

Alle 14,30 il gruppone si ricompatta ritrovandosi tutti a pranzo alla solita “nostra” trattoria che come sempre ci riserva uno spazio tutto per noi. Sorpresona per tutti, arrivano anche gli amici del gruppo Bassa Valle. Spettacolo nello spettacolo come spettacolari sono le nostre tavolate, sembrano quelle dei pranzi natalizi. Non manca nulla. Clima davvero familiare con i soci, vecchi e nuovi, che non finiscono mai di ringraziare. Poi arriva l’ora X, quelli della Sud chiamati a rapporto da Giorgio, Andrea e Nicola si dirigono verso i cancelli. Soliti controlli per poi tutti dentro sistemati a sinistra dietro le nostre pezze. Poi arrivano Salvatore con Graziano che nel frattempo avevano fatto le solite pubbliche relazioni ed i “soliti giri”…..tutto sotto controllo…..Il gruppone è compatto. Tifo così e così come spesso accade oramai in Sud a Torino. La partita sembra regalare loro un altra vittoria ed invece la beffa proprio alla fine. Escono abbastanza arrabbiati per quella palla gestita male da Marione Mandzukic, altri arrabbiati per il cambio del Mister. La discussion prosegue sul bus, prima di addormentarsi tutti dalla stanchezza. Al risveglio la rabbia non era ancora passata, ma la gioia, l’orgoglio di esserci ancora una volta stati quello era davvero immense. Onore a chi ha deciso di salire in questa partita, onore per averci rappresentato al meglio, onore a noi che da quasi 16 anni portiamo avanti con PASSIONE immensa questo Club, questo gruppo. Giungono ad Andria per le 10,00 di domenica mattina. Un altra trasferta è già alle spalle.

NO AL CARO BIGLIETTI!

A Reggio Emilia per la sfida al Sassuolo quest’anno non saremo purtroppo presenti a causa del prezzo assurdo imposto al settore ospiti dalla società emiliana. Quasi 60 euro! Una ladrata autentica. Coerentemente alla nostra decisione di disertare le trasferte con questi prezzi assurdi, ci vediamo anche qui costretti a fermarci. Sappiamo che a poco serve visto che come sempre accaduto anche  ppeer le precedent proteste, il settore è andato comunque esaurito dai tanti, troppi occasionali, disposti magari anche a spendere 100 euro…..tanto la Juve magari la vedono soltanto in questa occasione….La coerenza si dice che alla lunga paghi, noi restiamo sempre coerenti con le nostre idée. Spiace non poter sostenere la squadra, che saprà anche senza il supporto del tifo organizzato, vincere quest’altra sfida!  

Spiace solo constatare che ne la LEGA CALCIO ne la FIGC ne le Società stesse, soprattutto la nostra, intervengano su queste società che si permettono di applicare prezzi a convenienza a maggior ragione quando arriva la Juve che ti porta CR7 è migliaia di sostenitori al seguito, ma noi che andiamo sugli spalti non abbiamo stipendi alla CR7……Stanno uccidendo la nostra passione più grossa, quella di seguire la squadra del cuore ovunque!

Sarà un occasione per ritrovarsi tutti al Club è guardare la partita come sempre a MODO NOSTRO!

Juventus Club Andria con passione e mentalità sempre al tuo fianco!

 

P.S.

Visitate sempre la gallery sul nostro sito. Troverete il foto-racconto di ogni trasferta.

Inoltre sono arrivati i nuovi giubbotti “THE SOUTH FACE” impermeabile fuori, felpato dentro con zip, collo alto, tasche esterne e tasche interne, patch ricamate sulle braccia con bottini, rimovibili  ANDRIA PRESENTE e TRICOLORE. Pratico per le trasferte ma anche per il tempo libero. E’ possible ordinare la propria taglia provando quella più idonea al Club. Costo Euro 60,00 disponibili per la prova le taglie: S – M- L – XL - XXL

 

 
 
JC ANDRIA INCONTRA ONDA D'URTO
 
Martedì 29 gennaio è stata scritta un altra splendida pagina della già gloriosa storia dello JUVENTUS CLUB ANDRIA. Da sempre siamo molto attivi ed operativi anche e soprattutto nell'ambito sociale. Lo abbiamo più volte dimostrato di cosa siamo in grado di fare, dal sostegno verso diverse Associazioni e OnLus del territorio e non, alla solidarietà nei confronti delle popolazioni colpite dal terremoto nelle Marche. Ma non potevamo restare indifferenti nei confronti di chi da anni si occupa di comprendere quali siano le cause che abbiano portato al manifestarsi di tanti troppi casi di cancro nella nostra Città di Andria. Stiamo parlando dell'Associazione Onda d'Urto Onlus Uniti contro il Cancro presieduta da Tony Tragno con il supporto di diversi medici e volontari che cercano di raccogliere quanti più elementi utili, alla ricerca delle cause. Da un lato con la ricerca scientifica, dall'altro il diffondere in ogni ambito sociale quella consapevolezza civica che possa aiutare tutti a mantenere uno stile di vita ed abitudini più consone ad evitare determinate malattie. Il tutto frutto di autotassazione e contributi volontari. Questa serie di incontri organizzati in ogni angolo della Città sono scaturiti a seguito di un altra morte giovane, quella della sfortunata Terry Calvano, componente proprio dell'Associazione Onda d'Urto. Di li una maggior determinazione alla ricerca di risposte che da tempo le istituzioni preposte latitano nel fornirle. Come detto non potevamo restare estranei da questo tema che ha visto colpire anche diversi soci nel nostro Club, da Lorenzo Lomuscio ad Alberto Tesoro, da Giorgia Lomuscio a Vincenzo Santovito passando per Natalia Sinisi. Tanti troppi casi soprattutto in persone giovani. Per questo una sera in chat del Club un socio Gianni Strippoli ha parlato dell'argomento chiedendo al direttivo tutto di poter magari organizzare un incontro con l'Associazione al fine di approfondire insieme la problematica. Colto il suggerimento al volo da subito Francesco Nicolamarino ha preso contatti con il Dott. Dino Leonetti anima dell'Associazione il quale ha da subito fornito una data disponibile fissata per il 29 gennaio alle ore 20,30. Subito è partito il passa parola tra i soci per far si che l'incontro fosse il più partecipato possibile. Vedere la sala affollata da almeno 200 persone come se stesse giocando la JUVENTUS ci ha reso davvero orgogliosi. Abbiamo fatto davvero una gran bella figura nei confronti dell'Associazione oltre che della Città tutta dimostrando ancora una volta in più, di cosa sia capace il nostro Club, il nostro gruppo dirigente, ogni singolo associato. Alla serata erano stati invitati i familiari dei nostri soci scomparsi per un cancro. La serata inizia con la proiezione di alcune immagini sul maxi schermo proprio in onore dei nostri soci venuti a mancare nel corso degli anni. Belli gli interventi di Giuseppe Lomuscio, papà di Giorgia,  Nunzio Tesoro, fratello di Alberto, di Mario Santovito, fratello di Vincenzo e di Salvatore Lomuscio figlio di Lorenzo. Commosse in sala le vedove Tesoro e Santovito. Utilissime le testimonianze di Riccardo Rutigliano e Riccardo Roberto che hanno raccontato le loro esperienze, per fortuna conclusesi positivamente, delle leucemie dei rispettivi figli. Diversi gli interventi dei soci che hanno posto diverse domande alle quali sono state fornite delle risposte altrettanto importanti da parte di Tony Tragno che ha illustrato importanti dati statistici raccolti nel tempo dall'Associazione, dati che hanno indotto noi tutti ad una approfondita riflessione. L'incontro si è protratto sino alle 23,00 segno evidente dell'interesse da parte di tutti e dell'attenzione sull'argomento altissima. Tantissime le tessere sottoscritte da nostri soci all'Associazione Onda d'Urto, un piccolo contributo che aiuterà certamente ad intensificare la ricerca! Applauditi gli interventi finali di Dino Leonetti come del nostro Presidente Nicolamarino. Complimenti a noi tutti per la risposta che abbiamo dato, dimostrando di essere grandi anche al di fuori del calcio. Non siamo solo biglietti e trasferte. Siamo anche molto altro! Grazie a tutti! Nella gallery alcune foto della serata.
JC ANDRIA #differente 
 

 
 
LA JUVE SALUTA LA COPPA ITALIA!
 

Sembrerà strano ma è tutto vero. La Juventus è uscita sconfitta meritatamente dallo stadio Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo con un sonoro 3-0 rifilatoci dall’Atalanta che ha disputato una partita praticamente perfetta, correndo per 90 minuti senza concedere quasi nulla alla Juve se non un tiro in porta. Peccato, siamo arrivati quest’anno ad una gara decisiva come quella di Bergamo con le gambe pesanti ed in un periodo in cui gli infortuni ci stanno condizionando parecchio. Ci sta, se vuoi competere in Europa, andava messo in preventivo che qualcosa la si potesse perdere per strada. Potevamo perdere la Supercoppa, potevamo uscire dalla Coppa Italia ed invece quest’anno abbiamo invertito il trend, abbiamo vinto la Supercoppa, non vinceremo la Coppa Italia che vedrà adesso contendersela Milan, Lazio, Fiorentina ed appunto l’Atalanta. Domenica a Roma l’infortunio a Bonucci, mercoledì sera a Bergamo l’infortunio a Chiellini che vanno ad aggiungersi a quello di Barzagli oltre alla partenza di Benatia che ha preferito lasciare la Juve verso campionati ignoti…..Ci restano Rugani, De Sciglio (???) inventato centrale da Allegri (mah) è il ritorno di Martin Caceres che se sta bene fisicamente può davvero tornarci molto utile.

Se aggiungiamo queste assenze a quelle già pesanti dell’ultimo periodo come Mandzukic e Cuadrado bene allora è logico che qualcosa la Juve la perda per forza di cose. Ma a noi non piace accampare scuse, non piace fare del vittimismo, ma ci piace fare autocritica. Molte le critiche piovute su Allegri che continua a parere nostro a non far giocare la squadra e soprattutto a non inventarsi nulla di nuovo è a non sfruttare elementi della rosa che ha voluto trattenere ma che non vedono quasi mai il campo. Spinazzola e Kean a nostro avviso potevano è dovevano giocare almeno in Coppa Italia. Dybala poi continua a essere lontano dalla porta isolando così di fatto Cristiano Ronaldo in avanti che viene già braccato da almeno due difensori in ogni partita. Per carità nulla di così grave, ma sono delle riflessioni che devono semplicemente indurre a pensare…….sul futuro prossimo! Del resto lo sappiamo che Allegri è fatto così prendere o lasciare, come sappiamo che dal suo arrivo a Torino ha sempre diviso l’opinione dei tifosi, spesso facendoci anche discutere tra di noi. Ma vogliamo anche pensare che evidentemente in questo periodo della stagione la squadra abbia fatto un richiamo della preparazione estiva molto pesante, che le gambe siano imballate in vista della doppia sfida all’Atletico dove ci aspettiamo una Juve completamente differente da questa che stiamo vedendo nelle ultime gare. Non è facile reggere lo stesso ritmo per mesi e mesi, ritmo che ha permesso alla Juve di accumulare un vantaggio in classifica di ben 11 punti sul Napoli. Con un pizzico di fortuna in più magari avremmo potuto ritrovarci anche nelle semifinali di coppa dove sulla doppia sfida magari è più semplice avere la meglio. Siamo arrivati a giocarci questi quarti nel peggior momento di forma trovando l’Atalanta nel suo miglior momento stagionale. Doveva andare così evidentemente. Ci dispiace, perchè noi non siamo come quelli che dicono….mah la Coppa Italia non vale niente….solo perchè escono puntualmente fuori dalla competizione….no, noi riteniamo ogni competizione importante è dunque mercoledì sera eravamo anche molto arrabbiati, guai a chi si avvicinava dalle parti di Via Enrico Dandolo dove l’atmosfera era davvero incandescente….ahahahahhahaha del resto se non fossimo gente così passionale, così attaccata ai propri colori, non saremmo oggi quello che siamo, un Club rispettato da tutti un Club di gente vera, che vive la propria passione sette giorni su sette, che si ritrova in settimana per bere una birra assieme dopo essersi magari mandati a quel paese per modi di vedere le partite differenti…..tutta colpa di Allegri…..ahahahahhahaha! Così è stato mercoledì sera quando dopo una accesa discussione (rissa…rissa….rissa…rissa…ahahahahahahahah), normale dopo una sconfitta così, un bel gruppetto di soci si è ritrovato in una pizzeria per stemperare la delusione, oltre all’immancabile SAMBUCA oramai “dolce” compagna dei nostri appuntamenti!    

La Juve del resto è stata anche sfortunata perchè i gol sono arrivati da errori assurdi dei nostri difensori evidentemente spaesati dalla mancanza della guida di Chiello in campo. Oramai è acqua passata come nulla ci frega se non faremo questo stupido “triplete” che continuiamo a dire che non vale niente. Il triplete al massimo lo si misurta o su tre competizioni europee (primi a farlo nella storia) o al massimo su tre competizioni italiane. Ecco mettiamola così, non faremo quest’anno il triplete nazionale…..ma chi se ne frega! Adesso rimbocchiamoci le maniche perchè dobbiamo lottare sugli altri due fronti, quello nazionale è quello europeo. Agli altri cosa resta? Come sempre le briciole……#sapevatelo! Passata la delusione siamo ripartiti più forti e determinate di prima, basti sapere che contro il Parma ben 52 soci sono saliti su a Torino nonostante la neve ed il freddo. Abbiamo organizzato un altro grande bus, partito alle 22 di venerdì sera da Andria. Questo significa avere tanta passione, a prescindere dall’avversario di turno. Agli altri lasciamo i soliti sfottò che ci stanno per carità, ma la vittoria più grande per noi è l’arrivare in ogni dove, in ogni giorno della settimana, sempre al fianco della Juve, questa è invece per “gli altri” la più grande delle sconfitte. Vederci così grandi!  #risapevatelo

Anche a Bergamo infatti nonostante si giocasse di mercoledì a soli 30 giorni dalla trasferta già organizzata in campionato (per di più a Santo Stefano) siamo stati nuovamente presenti. Due volte in stagione a Bergamo è un qualcosa di grandioso. Lo abbiamo fatto per il secondo anno consecutive. Bergamo una trasferta mai semplice, noi del resto ne sappiamo qualcosa, ma dal 2008 non abbiamo mai saltato questa trasferta presentandoci sempre li in prima linea! In 5 questa volta i soci presenti, tanta roba per essere Coppa Italia. Trasferta comoda perchè partiti da Bari in aereo soltanto alle 17,30 con il rischio che se il volo avesse fatto ritardo avremmo magari rischiato di arrivare in ritardo. Ma tutto è andato benissimo. Alle 19,00 si era già a Orio per poi con un auto raggiungere il casello di Bergamo, lasciare la stessa li è salire a bordo delle navette che conducono allo stadio. Alle 20,15 si era già dentro. Il tempo di posizionare le pezze questa volta sulle inferriate interne al settore per poi sistemarci con tutti gli altri gruppi nella parte alta del settore. Non si era in tantissimi, le solite facce, ma l’orgoglio dei nostri di esserci ancora una volta li in quello stadio era davvero tanto. Onore a Fabio, a Vincenzo, a Maria, a Giorgio ad Angelo. Baci ed abbracci con gli amici degli altri gruppi. Si assiste alla gara con il gruppo Tradizione, con gli NCS, con gli amici di Aosta e Bassa Valle, con gli amici di Mondragone. Insomma la solita immancabile gente che come noi mette la Juve ed il proprio gruppo davanti a tutto. Tanti i complimenti che i nostri ricevono per essere arrivati li. Buon tifo nella parte iniziale, grande quello della curva atalantina, poi noi caliamo vistosamente complice il risultato mentre loro giustamente si esaltano. Non succede tutti i giorni di riuscire a battere la Juve, del resto è stata la prima sconfitta stagionale sul territorio nazionale. Termina la gara, Fabio va a salutare gli amici di Massa per poi a bordo delle navette “a porte aperte” raggiungere il casello. Subito in auto per poi recarsi subito in un alloggio trovato nella zona per trascorrere la notte al calduccio. Birra in compagnia dei ragazzi di Mondragone per poi andare nelle stanze. Al mattino alle 7,30 raggiungono l’Aeroporto per poi giungere a Bari verso le 10,30. Delusi dal risultato ma orgogliosi per aver risposto presente. ONORE A NOI!

Con passione e mentalità sempre al tuo fianco!

 

Intanto si è ufficialmente chiuso il tesseramento al Club con ben 902 tessere sottoscritte. RECORD ASSOLUTO DI SEMPRE, PRIMO CLUB DI UNICA CITTA’ DELLA PUGLIA! 

AVANTI NOI! Sabato sera tutti al Club come sempre!

 

Visitate sempre la gallery sul nostro sito. Troverete il foto-racconto di ogni trasferta.

 

 
 
VITTORIA INCREDIBILE A ROMA. FESTEGGIAMO LE 900 TESSERE!
 

Domenica sera all'Olimpico di Roma si registrava un clima di festa, un atmosfera del tutto tranquilla, sembrava quasi di essere li per la “solita” finale di Coppa Italia, vista l'invasione festosa di migliaia e migliaia di sostenitori bianconeri arrivati davvero da ogni dove. Una sorta di pellegrinaggio di “fedeli” per una squadra unica nel suo genere, unica perchè capace di attirare le folle in ogni dove alla faccia di chi ci invidia, di chi non sopporta questa cosa.

Lo ripetiamo da anni: fatevene una ragione altrimenti continuerete a vivere molto male!

Chi è stato presente stava vivendo una serata da incubo. La peggior Juve della stagione che sembrava ad un certo punto dovesse perdere la prima gara stagionale in campionato. Ed invece ancora una volta la Juve, quella che non muore letteralmente mai, ha tirato fuori il meglio di se proprio nella coda della partita, riuscendo a ribaltarla in pochissimi minuti è davvero all'ultimo respiro, quando tutto sembrava oramai perso. Questa vittoria ci ha ricordato quella di San Siro dello scorso aprile contro l'Inter. 1-2 il risultato finale con le reti di uno straordinario Cancelo e Cristiano Ronaldo su calcio di rigore. Il duo portoghese è riuscito a stendere con uno due micidiale una grande Lazio che aveva sin li giocato la miglior partita della stagione. Se fossimo andati sotto di due reti ad un certo punto non ci sarebe stato nulla da dire. Squadra molle, che sbagliava anche i passaggi più banali, mal messa in campo con un centrocampo in balia degli avversari. Emre Can ne ha combinate di tutti i colori regalando anche il vantaggio ai laziali con un perfetto colpo di testa. Peccato che fosse nella porta sbagliata. Li sembrava tutto perso, sembrava la classica giornata no! Ma prima Szczesny (lo abbiamo scritto bene????).....ha continuato a tenere in vita la Juve, poi la caparbietà del nostro mister che effettuando due cambi riesce a smuovere le acque portando i giusti correttivi ad una squadra che lui, aveva mal disposto in campo. Errore che poteva costarci il mancato allungo sul Napoli che nel frattempo aveva pareggiato a Milano. Sarebbe stato un grosso errore non approfittare di questa occasione che permette adesso alla Juve di portarsi a +11 in classifica proprio sul Napoli. Giungere al doppio impegno di Champions con l'Atletico con un grande margine di vantaggio in campionato ci permetterebbe di concentrare tutte le nostre risorse fisiche e mentali solo su quelle sfide, tralasciando il campionato. Sarà questa la strategia stagionale della Juve? Lo capiremo già al 20 febbraio quando ci toccherà andare a Madrid per la sfida di andata, proprio nella Città in cui lo scorso anno abbandonammo in maniera assurda la competizione. Comunque vincere nel modo in cui si è vinto a Roma è si sofferente, ma alla fine da goduria totale, se pensiamo a come possano stare i tifosi avversari, coloro che ci odiano, che con vittorie come questa si rassegnano sempre più al nostro strapotere! AVANTI!

La trasferta a Roma è stata organizzata dal nostro Club con un mini van da 9 posti oltre a due auto, una di Francesco Lorusso, definita presidenziale (per la presenza del Presidente a bordo), l'altra di Riccardo Suriano ritornato dopo molto tempo a seguire la Juve dal vivo. Il mini van condotto da Salvatore Lomuscio e Sante Tricarico è partito prima per essere tra i primi mezzi a ricevere poi la scorta verso lo stadio, mentre le due auto hanno lasciato Andria intorno a mezzogiorno. Tanta goliardia a bordo di ciascun mezzo soprattutto nel furgone che arriva a Roma in tutta tranquillità verso le 14,30, pranzando tutti assieme per poi verso le 16,30 iniziare a incamminarsi verso l'Olimpico. Lasciano il mezzo sul Lungo Tevere per poi a piedi raggiungere il settore ospiti. Tanta tantissima gente già in coda, mentre iniziava a scendere giù la pioggia. Come al solito organizzazione di merda li all'Olimpico che ogni volta ti costringono a lunghe ed estenuanti code che ti fanno entrare nello stadio dopo molto tempo. Alle 19 entrano i componenti dell'auto di Suriano, alle 19,30 quelli del Mini Van, a seguire i componenti dell'auto di Francesco Lorusso. Tutti  si compattano dietro la pezza con Marco Fiandanese che inizia il suo show, mentre Salvatore Lomuscio “bada” alle solite pubbliche relazioni con tutti. Gran tifo dei nostri, in uno stadio che registrava almeno 20.000 tifosi juventini sugli spalti. Alla rete della vittoria non si è capito più nulla con Andrea Leonetti e Francesco Nicolamarino letteralmente impazziti è ripresi in diretta live da Marco che a sua volta esponeva il solito GODO. Da registrare anche la presenza di soci oramai storici delle trasferte come Michele Leonetti e Rino Losito oltre all'immancabile Gaetano Maddalena una colonna strorica oramai per noi è di Gaetano Orrico altro pezzo strorico di questo Club. Un grazie va a Francesco Lorusso per aver messo l'auto a disposizione, auto sulla quale si è davvero affrontato tantissimi temi, auto dal livello culturale davvero eccelso...ahahahahha

Presenti anche soci giovanissimi che iniziano a prendere confidenza con il nostro modo di fare, con il nostro essere grandi juventini!

Viaggio di rientro tranquillissimo. Si fermano tutti nello stesso autogrill con le due auto che arrivano ad Andria poco dopo le 4, mentre il furgone giunge verso le 5,00. Tutti contentissimi di esserci stati, tutti felicissimi per la perfetta organizzazione del tutto. Come sempre non si è lasciato nulla al caso....

Al Club solito pienone, tanta goliardia, molta preoccupazione per la gara dei nostri, per poi esplodere alle due reti, esplosione dettata anche dall'ottima grappa portata dal socio Mario Casafina. Insomma non ci facciamo mai mancare nulla.

Adesso ci attende la difficilissima trasferta in quel di Bergamo, da sempre difficile sia in campo che fuori. Come sempre facciamo ci saremo anche in questo freddo mercoledì di fine gennaio. Non è semplice arrivare a Bergamo per ben due volte in stagione soprattutto come quest'anno a distanza così ravvicinata. Ma per noi nulla è impossibile. Onore a chi ci sarà, nella speranza che possano spingere la squadra verso le semifinali della Coppa Italia che vogliamo provare a vincere nuovamente.

Nel frattempo martedì sera al Club abbiamo ospitato l'Associazione Onda d'Urto del cui incontro parleremo con un articolo a parte. Un affluenza incredibile (oltre duecento persone) che sembrava stesse giocando la Juve. Questo ci ha fatto inorgoglire parecchio perchè abbiamo dimostrato che non viviamo di solo biglietti e trasferte, ma siamo davvero di una qualità davvero TOP che fa del nostro Club una delle realtà associazionistiche più importanti della città. Parlano per noi i numeri ed i fatti. Grazie a tutti.

 

RAGGIUNTA QUOTA 900 ISCRIZIONI!

Serata tra l'altro in cui abbiamo registrato la sottoscrizione della tessera n. 900 al club in questa stagione. Tesseramento che volge al termine (31 gennaio) che ci ha visto raggiungere un traguardo davvero insperato ed inatteso. Lo possiamo definire STORICO! GRAZIE A TUTTI! Ma crediamo senza presunzione di poter dire che l'organizzazione, l'intensa vita di club, i momenti di aggregazione, oltre la qualità delle persone, alla lunga pagano.

SIATENE TUTTI ORGOGLIOSI DI APPARTENERE!

 

CON PASSIONE & MENTALITA' SEMPRE AL TUO FIANCO!

 

 

 

 
 
INIZIATA LA VOLATA VERSO LO SCUDETTO…..
 

Con la prima giornata del girone di ritorno è iniziata la lunga volata che tutti speriamo possa condurci verso l’ottavo scudetto di fila!

Nel “Monday night” contro il Chievo Verona, già battuto a domicilio nella gara di andata (la prima di CR7 con la nostra maglia) la Juventus vince 3-0 festeggiando al meglio la ripresa del campionato e soprattutto la SUPERCOPPA appena vinta in Arabia Saudita.  

Douglas Costa, Emre Can e Rugani gli autori delle tre reti con un rigore clamorosamente parato a Cristiano Ronaldo con Sorrentino che gli ha nuovamente negato la gioia del gol dopo le straordinarie parate della gara di andata.

Era soprattutto la serata in cui la Juve ha festeggiato la vittoria di Jeddah mostrando al pubblico presente prima del riscaldamento la Supercoppa vinta contro il Milan. Giusto tributo ad un gruppo di ragazzi che ci sta regalando soddisfazioni su soddisfazioni, vittorie su vittorie anche in questa stagione! La gara è stata sempre sotto il controllo della Juve con un Chievo che non ha badato solo a cercare di difendersi ma ha provato qualche sortita in avanti ed in qualche circostanza hanno anche impensierito il nostro Perin. Da segnalare il tiki taka della Juve nell’azione del secondo gol con ben 28 passaggi consecutive, assist finale di Dybala è rete di Emre Can. Un record per la Serie A andare a segno dopo una lunga serie di passaggi. Chi lo poteva realizzare se non noi?

Come vi avevamo già accennato nel precedente articolo la trasferta contro il Chievo doveva essere ben più numerosa se non fosse stato per lo spostamento assurdo della partita alle 20,30 dopo che era stata calendarizzata per le ore 19. Molti soci avevano prenotato il volo pomeridiano della Blue Air da Bari con volo di rientro alle 22,05 da Torino con la Ryan Air. Non tutti a quel punto potevano rientrare al martedì mattina pertanto molti hanno dovuto rinunciare proprio alla trasferta.

Alla fine ci siamo ritrovati comunque in ben 11 unità tanta roba per essere un lunedì sera contro il Chievo.

Ritrovo con gli amici di su al solito Bar, per poi alle 19,15 fare ingresso in Sud montando lo striscione è le pezze al solito posto. Baci ed abbracci con i tanti amici di curva ritrovati visto che era la partita in cui finalmente si riprendeva per tutti. Il tifo ha lasciato molto a desiderare, i prezzi assurdi dei biglietti applicati anche contro il Chievo hanno notevolmente inciso sulle presenze allo Stadium. Dove voglia arrivare con questa politica la società non lo sappiamo ma possiamo soltanto dire che ne risente di molto l’atmosfera allo Stadium vista la presenza di molti “occasionali” che non conoscono nemmeno mezzo coro….Noi come sempre ci siamo stati, al posto nostro, facendo il nostro dovere di sostenere la squadra. Grande Fabietto che con Max Matera ha trainato su la truppa oltre agli immancabili, come Maria, Agnese e Giorgio ed un altro onnipresente in questa stagione come Antonio Liso. Insomma siamo comunque riusciti ad esserci nonostante il cambiamento di orario è quindi dei programmi. Appena ha fischiato l’arbitro i ragazzi hanno subito smontato il tutto, visto che il freddo si faceva sentire (-1 grado) recandosi all’esterno per un panino con porchetta e birra….l’ennesima….dopo quelle offerte da Vincenzo Leone per il suo compleanno, onore aver seguito la Juve nel giorno del proprio compleanno. Poi tutti al pullman per far rientro assieme ad amici di altri club pugliesi che sono riusciti a mettere su un unico bus che ha permesso a molti di poterci essere o come noi far rientro a casa subito dopo la partita. Arriviamo ad Andria verso le 09,30 (in tempo da record), riuscendo tutti a correre ai propri lavori. Onore davero tanto onore a chi ha scelto di seguire la Juve in settimana contro il Chievo Verona, dimostrando ancora una volta quanto attaccamento ha il nostro Club verso i colori bianconeri. Trovateci dei folli che come noi riescano a seguire la Juve in ogni dove, in ogni condizione di viaggio!    

Adesso la squadra ha potuto lavorare per una settimana intera in vista della doppia delicata trasferta all’Olimpico di Roma in campionato e Bergamo in Coppa Italia. Se a Roma bisognerà cercare di allungare sul Napoli in classifica a Bergamo ci giocheremo in sfida secca le semifinali della Coppa Italia. Nel frattempo anche noi in settimana ci siamo mantenuti in allenamento ritrovandoci (lo zoccolo duro delle trasferte….o meglio la parte più calda…) a Minervino Murge sotto una pioggia battente per una mega panzerottata di gruppo. In tutta la città murgiana si sarà oramai diffusa la voce della nostra presenza per il tanto fastidio che abbiamo “arrecato”…..La sala del Grottino….sembrava un campo di battaglia…..

A Roma saremo presenti con un mini van oltre a due auto per l’ennesima presenza al fianco della Vecchia Signora. Per tutti gli altri l’appuntamento sarà come sempre al Club per assistere tutti assieme appassionatamente ad una sfida che potrebbe davvero regalarci un margine di sicurezza quasi “ammazza campionato”!

 

INCONTRO CON L’ASSOCIAZIONE ONDA D’URTO

Martedì sera prima dell’appuntamento della Coppa Italia previsto per mercoledì, un altro importante incontro si terrà al Club, quello con l’Associazione ONDA D’URTO che da anni si occupa di divulgare in modo sempre più capillare possible l’informazione relativa alle cause e problem legati alle patologie oncologiche visto il numero di morti soprattutto giovani che si registra qui nella Città di Andria. Non si può restare insensibili dinnanzi a problematiche che hanno negli ultimi tempi colpito anche molti nostri soci, come Alberto, come Vincenzo, come Natalia….Ci aspettiamo pertanto una grande partecipazione di soci con amici e parenti.

 

CON ONORE E PASSIONE SEMPRE AL FIANCO DEI NOSTRI COLORI! JC ANDRIA

 

 
 
SUPER CAMPIONI D’ITALIA, DIAVOLO ANCORA PURGATO!
 

La Supercoppa Italiana è un trofeo che non ti cambia la vita, è un trofeo che da qualche anno tra l’altro non si dovrebbe neppure disputare, considerato che si affrontano la vincitrice del campionato italiano e la vincitrice della Coppa Italia che da quattro anni consecutivi vede vincere entrambe le competizioni dalla JUVENTUS!

Ma la SUPERCOPPA ITALIANA proprio per questo motivo andava vinta soprattutto perchè di fronte avevamo il Milan, che se l’avesse vinta…..avrebbe festeggiato manco fosse l’ottava Champions…..del resto era già accaduto a Doha due anni addietro.

L’abbiamo vinta, sbattendogliela in faccia, lasciandoli alle solite puerili polemiche molto simili a quelle degli intertristi. Sfigati gli uni, sfigati gli altri. Troppo troppo bello vederli così in questo stato. Del resto non vincere una beata cippa da anni ed anni è vedere soltanto la JUVENTUS trionfare non deve essere cosa assolutamente facile da digerire. Proviamo ad immaginarli soltanto per un attimo al fischio finale…..mamma mia, devono essere dure da digerire tutte queste sconfitte consecutive che gli stiamo rifilando da 8 stagioni a questa parte. Oramai i vincitori delle 7 Champions non valgono più un cazzo di nulla, non se gli incula più nessuno, ma come i loro cugini dell’altra sponda di Milano, sanno solo lamentarsi piuttosto che guardare in faccia la realtà è prendersela con chi gli ha ridotti così.

Intanto devono ringraziare la Juve che abbiamo permesso alla loro squadra di farsi una gita premio in Arabia Saudita precisamente a Jeddah dove hanno anche raccimolato qualche soldino che per loro saranno utili a ripianarsi qualche debito qua e la lasciato dal misterioso patron cinese…..ringraziassero piuttosto che non abbiano aperto una inchiesta altrimenti oggi nemmeno qui si sarebbero trovati! Che pena!

Uno a zero il risultato finale con la rete decisive messa a segno proprio da Cristiano Ronaldo che di testa ha purgato il diavolo ricacciandoli all’inferno!

Immaginate non solo abbiamo tolto loro una Coppa che li avrebbe fatto ringalluzzire ma gli ha segnato proprio CR7 l’acquisto che mai si sarebbero potuti immaginare da parte nostra che ancora oggi li fa impazzire a saperlo con la nostra maglia. Forse non lo avete compreso che stanno tutti “impazzendo” stanno oramai delirando per questa loro impotenza nei nostri confronti.

Noi godiamo è stra godiamo invece nel vederli tutti così mal ridotti.

La partita come prevedibile non è stata facile. Per via del viaggio, per via del caldo, per via della voglia del Milan di riuscire a conquistare questo trofeo. La Juve con la solita calma ha dapprima fatto sfogare ma non più di tanto il Milan, per poi dopo aver sfiorato in diverse occasioni il vantaggio, con Cancelo, Douglas Costa e Cristiano Ronaldo è riuscita a passare in vantaggio. Prima però avevamo rischiato con una traversa clamorosa dei rossoneri. Poi è iniziata la gestione del risultato con il Milan ridotto in 10 da un espulsione sacrosanta con qualche contropiede sbagliato clamorosamente che ha tenuto in vita i rossoneri sino al temrine. Solito nostro errore di non chiudere prima le partite. Ma la nostra difesa ermetica comandata dal Super Chiello non ha concesso più nulla. Coppa al cielo d’Arabia con il pubblico in visibilio. Una cornice di pubblico davvero elettrizzante, anzi dobbiamo fare i complimenti agli organizzatori perchè l’entusiasmo che si manifestava sugli spalti era davvero coinvolgente altro che Doha. Anche lo Stadio molto bello. Tutti attratti dalla Juve, basti vedere ad inizio gara i fotografi che “pensavano” al Milan con quelli che invece scattavano foto alla Juve. Una marea! La trasferta in terra araba non era semplice sia da un punto di vista economico, che per una questione di visti di ingresso. Andare li non era vista come una trasferta da fare a tutti i costi, che andava a cozzare con i valori ed i principi di tifosi passionali come noi che per colpa del Dio danaro, che attrae purtroppo sempre più il calcio moderno, ci vede costretti a spendere tanti e troppi soldi. Abbiamo già fatto l’esperienza di Doha che non fu entusiasmante. Ma come a Doha si è lasciati tutti liberi di decidere se esserci o meno. Noi abbiamo deciso di non esserci con la nostra “pezza” seppur abbiamo registrato la prenotazione è partecipazione di 2 soci che anche in questa trasferta lontanissima hanno permesso al nostro Club di esserci comunque come dal reportage fotografico che ci hanno inviato live da Jeddah (nella gallery troverete le foto più belle). Grande esperienza la loro posizionati nei “distinti” settore tutto maschile quasi alla linea del centrocampo. Complimenti a Gaetano e Vincenzo per aver dimostrato tutto l’orgoglio di appartenenza al nostro Club con tanto di sciarpa al collo esibita in ogni dove, dal taxi allo stadio! Grazie davvero di cuore per la vostra presenza.  Hanno preso ben 6 voli tra andata e ritorno facendo scalo a Roma ed Istambul. Complimenti. Adesso si ritorna finalmente a giocare il campionato, lunedì sera ci attende il Chievo a Torino, un altra trasferta che ha visto prenotarsi ben 16 persone (tanta roba) con ben 5 che alla fine non potranno purtroppo più esserci, per colpa dello spostamento assurdo della partita alle 20,30 (inizialmente programmata per le 19,00) è che vedrà perdere il volo di rientro a tutti i prenotati (era alle 22,05). In pratica chi ha deciso comunque di andarci ha dovuto ricostruirsi il viaggio di ritorno, chi fermandosi a dormire a Torino (altre spese) ripartendo al martedì mattina sempre in aereo, chi invece rientrerà con un auto a noleggio viaggiando per tutta la nottata. Solo questo vi deve far comprendere quanta passione vi è in noi! Provate ad imitarci!

Per tutti gli altri l’appuntamento sarà al Club che andrà gremito come non mai!

Immaginate che in occasione della gara di Supercoppa nonostante si giocasse alle 18,30, orario lavorativo, al Club sono accorsi in tantissimi per poi alla fine celebrare tutti assieme l’ennesima coppa alzata al cielo, con il coro siamo noi, siamo noi I campioni dell’Italia siamo noi che lo avranno sentito….ovunque….Abbaimo anche festeggiato il compleanno della socia Tonia Terlizzi che ha voluto offrire una torta è brindare con tutti i presenti, altro segno di attaccamento al Club che anche le donne dimostrano di avere.

 

SUPER CAMPIONI D’ITALIA, AVANTI VERSO I PROSSIMI SUCCESSI!

 

 
 
JUVE AI QUARTI DI COPPA ITALIA, ORA L’ATALANTA!
 

Qualcuno si sarà chiesto ma tutto questo tempo ci mettono per commentare le ultime sfide? Avete ragione, per molti (lo vediamo dai visitatori del sito) siamo diventati una piacevole abitudine settimanale, ma dovete sapere che il tutto viene fatto per pura ed immensa passione, pertanto tutto quello che facciamo, avviene sottraendo del tempo alle nostre famiglie, alla nostra vita privata ed abbiamo bisogno anche noi di staccare la spina di tanto in tanto. Ma non credete che si stacchi la spina senza far effettivamente nulla….anzi è in questi momenti di pausa che programmiamo il tutto.

Nel frattempo la Juventus oltre a qualificarsi per i quarti di finale della Coppa Italia, ha conquistato pure il primo trofeo stagionale, la SUPERCOPPA ITALIANA. Ma andiamo per ordine.

Ah dimenticavamo, essendo poco social e non avendo quasi mai il tempo di dedicarci a seguire le “puttanate” che quotidianamente vengono scritte nel mondo virtuale….in questi giorni, soprattutto dopo la conquista dell’ennesimo trofeo da parte della JUVENTUS, ci siamo un attimino soffermati a leggere i post, i commenti, gli hastag, i tweet di tutto il popolo degli sfigati. La conclusione? Stanno peggio di come gli avevamo lasciati. Ciò significa che è tutto meravigliosamente nella norma. Ci saremmo preoccupati del contrario. Tradotto in parole povere….gli stiamo lentamente conducendo alla “depressione”. Vi vogliamo così!

Ma torniamo a “snobbarli”, torniamo a parlare di noi. La Juventus dopo la breve pausa invernale è tornata in campo a Bologna per giocarsi l’accesso ai quarti di finale della Coppa Italia. Il regolamento di questa edizione della Coppa, ha visto determinare la squadra casalinga attraverso un sorteggio. Ma giocare a Bologna in pieno gennaio alle 20,30 di sera ci è sembrato davvero assurdo. Temperatura polare, campo ghiacciato, poco pubblico sugli spalti se non fosse stato per i tantissimi juventini accorsi nonostante l’assenza dei gruppi organizzati per la protesta sul caro biglietti. Settore ospiti a 50 euro per un ottavo di finale ci è sembrato davvero una esagerazione. Pensate che la finale ci è costata negli ultimi anni 35 euro….. Anche il nostro Club, mantenendo fede alla linea intrapresa già dalla passata stagione, a Bologna, seppur a malincuore, non è stato ufficialmente presente. Ovviamente non vincoliamo nessuno sulla scelta di non esserci ed infatti anche per questa trasferta ben tre nostri soci sono comunque volute salire su in treno per assistere alla partita. Complimenti ai fratelli Fiandanese (Marco e Fabio) e a Giuseppe Porro per esserci comunque stati seppur senza pezza! La Juventus è scesa in campo con una formazione di tutto rispetto, segno evidente che Allegri come la Società a questo obiettivo ci tiene tantissimo. Tanti titolarissimi, con CR7 inizialmente in panchina ed esordio stagionale dal primo minuto per Kean oltre che per Spinazzola alla prima in assoluto con la maglia bianconera. C’era tanta curiosità per il baby Kean come per Spinazzola. Entrambi hanno davvero stupito, se il primo si è confermato andando anche a segno, il secondo ha disputato una partita davvero bella. Sembrava inserito nella rosa da tantissimo tempo. Solita Juve che ha trovato il vantaggio grazie a Bernardeschi bravo a sfruttare una indecisione della difesa rossoblu per poi gestire con assoluta calma e tranquillità il vantaggio pervenendo al raddoppio nella ripresa come detto con Kean, ancora una volta a segno a Bologna, dove già aveva segnato in una partita di due stagioni addietro.

La Juve vince con il minimo sforzo 0-2 il finale, dimostrando di essere concentrata su ogni obiettivo, abile a sfruttare la gara come test di preparazione della Supercoppa, senza strafare, senza rischiare nulla, soprattutto infortuni. Nella ripresa passerella anche per Ronaldo entrato in campo per far giustificare il prezzo esorbitante del biglietto imposto dalla società bolognese (non lo avrebbero meritato). Applausi per lui dai tanti tifosi juventini sugli spalti, forse più loro che i bolognesi con il nostro Marco dalla Curva San Luca ha fare conquiste su tifose bianconere…..nella foto gallery troverete le foto di questa trasferta seppur non organizzata in maniera ufficiale.

La Juventus dunque si è qualificata per i quarti di finale dove il 30 gennaio dovrà affrontare, sempre in trasferta ed in gara unica, l’Atalanta, sfida difficile nella quale ci giocheremo l’accesso alle semifinali. Una sorta di rivincita delle ultime edizioni sempre terminate con la nostra qualificazione. Bello vedere giungere al Club un buon numero di soci, nonostante la diretta Rai, segno evidente di come sia forte la nostra passione, il nostro attaccamento al gruppo. A farla da padrone l’immancabile Sambuca questa volta offerta da Nicola Pisani che ha “surriscaldato” a dovere gli animi di tutti……ahahahahhaha  

Nel frattempo si è riunito il Consiglio Direttivo del Club eletto nell’assemblea dello scorso 28 novembre per attribuire le cariche sociali oltre che per una rendicontazione dell’attività di beneficienza organizzata nell’ambito della Black&White Dinner in favore dell’Associazione Basta un Attimo Peppe 92 e per deliberare la realizzazione anche di un giubbotto da trasferta. Per quanto concerne l’attività di beneficenza saranno a breve illustrate le modalità di consegna della somma ricavata in una serata che sarà organizzata pressa la nostra sede.

 

Ecco le cariche sociali assegnate:

 

NICOLAMARINO FRANCESCO riconfermato PRESIDENTE

LEONETTI ANDREA nuovo Vice Presidente

FABIO ATTIMONELLI riconfermato SEGRETARIO e REFERENTE PER LE COMUNICAZIONI

NICOLA PISANI riconfermato TESORIERE

 

GIULIANO ZEFFERINO – CONSIGLIERE responsabile richiesta Tessere del Tifoso

MOSCA DOMENICO – delegato quale responsabile sito internet

SCAMARCIO MARIA – delegate quale referente Ragazze Andriesi

 

LOMUSCIO SALVATORE - CONSIGLIERE

LOTTI GAETANO - CONSIGLIERE

QUACQUARELLI VINCENZO  - CONSIGLIERE

FIANDANESE MARCO - CONSIGLIERE

CORATELLA VITO – CONSIGLIERE

 

Il tesseramento chiuderà inderogabilmente giovedì 31 gennaio alle ore 21,00. Ad oggi ben 866 i soci iscritti ed affiliati (esattamente 200 tessere in più rispetto allo scorso anno), un incredibile successo che pone il nostro Club sempre più, tra i più noti ed importanti nel panorama nazionale, PRIMO CLUB DI PUGLIA come unica città.

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA, PASSIONE & MENTALITA’! NO SOCIAL, NO HASTAG, NO TAG!

 

 

 
 
 
             
 
 
 
 
             
 
 
 
Juventus Club Andria "Giovanni Agnelli" - Via Enrico Dandolo 37/39 - 76123 Andria
Info line 320/6209445 - Sede: 0883 1983534 - info@juventusclubandria.it - Webmaster: Domenico Mosca

 
Sito non ufficiale in quanto tutti i marchi e i loghi (Juve, Juventus e Scudetto) sono di esclusiva proprietà della Juventus Football Club S.p.a..
Il sito non rappresenta un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 /2001 in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. I video, le immagini e i disegni
utilizzati sono tratti da Internet e quindi sono da ritenersi di pubblico dominio, in caso di violazioni comunicarlo a info@juventusclubandria.it,
provvederemo alla pronta rimozione.