Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS

 
ULTIME NEWS
   
dot CIAO RICCARDO AMICO BIANCONERO!

dot #NOIRESTIAMOACASA - ANDRA' TUTTO BENE

dot LA JUVE AFFONDA L’INTER. STOP A TUTTE LE COMPETIZIONI

dot EMERGENZA COVID-19. CHIUSURA DEL CLUB E SOSPENSIONE DELLE ATTIVITA’

dot LA JUVE PERDE A LIONE. MALE MA RIMEDIABILE

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
dot News anno 2019
dot News anno 2020
   
 
AL VIA I RIMBORSI DELLA GARA JUVENTUS - INTER
 

Carissimi soci, nell'attesa di comprendere cosa ne sarà di questa stagione e soprattutto di come e quando poter riprogrammare le nostre attività sociali, siamo a comunicarvi che abbiamo iniziato a rimborsare tutti coloro che avevano acquistato un biglietto e/o prenotato il viaggio in bus, in riferimento alla partita di campionato JUVENTUS - Intermerda, inizialmente programmata per il 01 marzo, poi rinviata al giorno 08 marzo e disputatasi a porte chiuse causa emergenza sanitaria Covid-19. I rimborsi vengono effettuati solo su appuntamento previo accordi telefonici al 320 6209445. Alla consegna della somma, che era stata versata in acconto o saldo, andrà sottoscritta una ricevuta che attesta l'avvenuto rimborso da parte del Club della somma dovuta. 
Mai, avremmo potuto immaginare una situazione simile e adesso che gli scenari sono molto più chiari, iniziamo a farcene una ragione. Crediamo che non sia giusto riprendere il campionato come anche le competizioni europee, crediamo sia più giusto mettere la parola fine, senza assegnare alcun titolo. Non siamo mica come "quelli del 5 maggio...." che si appropriano di pseudo titoli.....
La non ripresa della stagione la si deve a tutta la gente che ha sofferto, a tutte le persone venute a mancare in ogni angolo d'Italia a causa di questa pandemia, lo si deve anche a tutti coloro che oggi vengono investiti da una crisi economica senza precedenti con scenari futuri molto nebulosi.
Ci dispiace essere giunti a queste conclusioni ma crediamo, da persone sensibili e mature, che tutto debba fermarsi qui. Noi come ampiamente ribadito a tutti voi soci e a tutti i nostri simpatizzanti, avremo la forza di rimboccarci le maniche e ripartire più forti di prima nella consapevolezza e certezza di poter contare su di un grande gruppo, una grande famiglia sempre pronta a sostenere il Club. 
Non sarà un virus a poterci abbattare, non sarà un virus a mettere fine alla nostra passione e al nostro modo di essere.
Ricordiamo anche a tutti i soci che erano prenotati per le seguenti gare: JUVENTUS - Milan (Coppa Italia) - JUVENTUS - O. Lione (Champions League) - Milan - JUVENTUS (Campionato),  per le quali si era già proceduto all'acquisto dei tagliandi, che non appena la JUVENTUS FC e il Milan provvederanno a comunicarci il da farsi e ad emanare delle direttive comunicheremo il tutto procedendo, non appena restituite dalle Società stesse, le somme dovute per i relativi rimborsi. Saremo noi a contattare singolarmente i soci interessati dalle partite. 
In questi giorni post periodo pasquale e soprattutto di fine fase 1, meglio nota come Lock Down....ed inizio fase 2 (una ripresa verso la libertà....), abbiamo messo in piedi una bella iniziativa in collaborazione con l'Associazione Onda d'Urto che ci ha segnalato di una azienda locale, del Sig. Pasquale Leonetti che ringraziamo di cuore per la gentile concessione, il quale avendo disponibili ben 49 uova di cioccolato griffate Cristiano Ronaldo e rimaste invendute a causa della lunga chiusura di molte attivita' come i Bar, ha deciso di donarle al nostro Club con la precisa richiesta di regalarle a bambini/ragazzi diversamente abili, in situazioni familiari non felici o in situazioni economiche non buone. Siamo riusciti nell'intento, individuando i casi, regalando dei sorrisi, delle piccole gioie a tanti bambini/ragazzi che magari un Uovo non lo avevano potuto ricevere. Alle volte bastano dei piccoli gesti per riempirsi di orgoglio il cuore. Siamo riusciti ancora una volta a superarci. Ogni bambino/ragazzo che ha ricevuto l'uovo, consegnato presso il negozio di Alimentari del Consigliere Lotti, ci ha poi inviato una sua foto con l'uovo in mano. Abbiamo realizzato tanti collage che abbiamo fatto girare sulle nostre chat, inviandoli anche alle famiglie interessate.   
Buon 5 Maggio a tutti voi, giornata di festa nazionale che celebriamo da oramai 18 anni alla faccia di chi, come sempre, credeva di aver già vinto. E' stato uno degli scudetti più belli in assoluto della nostra storia.  

PER ARGINARE LA NOSTRA EGEMONIA CI E' VOLUTA UNA PANDEMIA! 

JUVENTUS CLUB ANDRIA, SEMPRE PIU' FATTI, SEMPRE MENO PAROLE. NO SOCIAL NO TAG. NUMERI UNO DA SEMPRE!

 

 
 
CIAO RICCARDO AMICO BIANCONERO!
 
Lunedì mattina 6 aprile abbiamo appreso del decesso di un nostro socio Riccardo Abruzzese, notizia che ha rattristato parecchio il nostro ambiente bianconero. Già il periodo di per se non è dei migliori, anzi oseremmo dire  drammatico e certamente il peggior momento della storia contemporanea. Purtroppo ogni giorno che passa, si allunga la lista di persone e di amici che lasciano questa vita terrena in ogni parte della nostra nazione, maggiormente nelle regioni settentrionali. Riccardo Abruzzese, di anni ne aveva 77 ed era una persona amabile e conosciuta in diversi ambiti cittadini, della quale ne vogliamo onorare la sua figura con un pensiero anche qui sul sito ufficiale del club:
"L
o abbiamo conosciuto come una persona appassionata ma equilibrata, competente ma discreta, sempre presente al Club ogni qualvolta ci fosse una partita della sua amata Juve, fino all'ultima gara con il Lione del 26 febbraio scorso. La sua assidua partecipazione alle attività sociali, lo aveva portato a vincere in una delle ultime attività benefiche della nostra associazione anche la maglia originale del suo beniamino, Paulo Dybala".
Che altro dire di Riccardo se non che lascerà un grande vuoto, perché il silenzio, la discrezione, l'educazione, purtroppo vengono apprezzati di più quando la vita ci priva di esse. Ora Riccardo, ne siamo certi, tiferà Juve da lassù insieme ad altri amici suoi vicini di posto e di umanità come Sabino Fusaro, Alberto Tesoro e Franco Sinisi venuti a mancare anche loro prematuramente nel recente passato. Una sincera vicinanza ed un bacio da noi tutti ai suoi cari: possono essere orgogliosi di aver percorso la loro vita al suo fianco.
Ciao Riccardo, siamo certi, che la tua signorilità di persona per bene, piacerà anche all'Onnipotente".
Purtroppo è stato sfortunato, entrato in ospedale per un intervento cardiologico programmato, nella fase di riabilitazione ha contratto il terribile virus che in maniera subdola ed infame si è impossessato del suo corpo. Tornato a casa ha avuto subito i sintomi di febbre e problemi di respirazione. Trasferito ad Acquaviva dopo pochi giorni di terapia intensiva il covid ha avuto la meglio su di se. Peccato non poterlo salutare come avrebbe meritato, purtroppo il momento vieta i funerali, vieta l'accesso al cimitero. Grazie ad un nostro socio, Paolo Ernesto, che ha curato il servizio funebre, siamo comunque riusciti nell'intento di mettere la nostra sciarpa sul feretro come lui avrebbe voluto. E' andato via così senza parenti attorno, senza gli amici di sempre, ma noi ti promettiamo che non appena questo periodo di merda sarà terminato ti renderemo il giusto omaggio.
Un abbraccio a suo fratello Nino anche lui socio del Club. 
CIAO RICCARDO, JUVENTINO PER SEMPRE! 

Un grazie immenso lo rivolgiamo al MILAN CLUB ANDRIA per la vicinanza dimostrata anche in questa occasione. Il rispetto da sempre genera rispetto. Grazie ragazzi! Chi sa andare oltre i colori, oltre le rivalità in certe occasioni dimostra di avere una grande mentalità.

A tutti gli amici del nostro Club, vicini e lontani, a tutti voi soci, ben 847 in questa stagione (ancora una volta il primo Club regionale di unica città)auguriamo una Buona Pasqua seppur legata ad un momento molto difficile da un punto di vista prettamente lavorativo per molti. Che dirvi amici, stiamo soffrendo non tanto per il fatto di non poterci godere la nostra Juventus, ma soprattutto il non poter stare assieme.

RESISTIAMO ANCORA, POI SARA' PIU' BELLO!
 

 
 
#NOIRESTIAMOACASA - ANDRA' TUTTO BENE
 
Carissimi soci, carissimi amici di ogni dove, cari lettori del nostro sito stiamo vivendo un periodo che mai avremmo potuto immaginare di vivere. Un periodo difficile che sta richiedendo tantissimi sacrifici a tantissime categorie di lavoratori, a tantissime persone, ma soprattutto che stiamo pagando con la perdite di tante vite umane in tutta la Nazione con numeri giornalieri impressionanti che non si registravano nemmeno in occasione delle due guerre mondiali. Una guerra contro un nemico invisibile, una guerra troppo sottovalutata all'inizio, una guerra che si preannuncia in questa fase difficilissima. Non esiste un vaccino contro questo maledetto virus che si trasforma di persona in persona, di caso in caso. Si trasmette con una rapidità impressionante. Bisogna evitare ogni tipo di contatto sociale se non rispettando le imposizioni e prescrizioni che la scienza, che i medici, che il governo ci impone di fare. Ma purtroppo ancora oggi vediamo e sappiamo di persone che ancora continuano a fare le loro attività come se niente fosse, continuano a non voler perdere le loro abitudini quotidiane.
Ma lo vogliamo capire che ogni persona in giro può essere portatrice del virus? lo vogliamo capire una volta per tutte che dobbiamo restare rintanati nelle proprie abitazioni? lo vogliamo capire che si esce solo se necessario? in che lingua lo si dovrebbe dire? 
E' inutile addentrarci in ulteriori ragionamenti ed approfondimenti che oramai nelle Tv ci stanno spiegando in mille modi, anche in maniera molto elementare vista la tanta ignoranza che molti cittadini dimostrano di avere. 
Noi dello JUVENTUS CLUB ANDRIA invitiamo tutti a restare a casa, a vivere in uno stato di isolamento sociale, per giorni, per settimane perchè siamo convinti che solo rispettando queste regole basilari potremo sconfiggere il subdolo NEMICO. Cosa saranno mai, qualche settimana trascorsa a casa con la famiglia, rispetto ad una vita che potremo poi trascorrere nuovamente riprendendo le nostre abitudini? Facciamolo per la salute di tutti noi, per i nostri genitori, per i nostri figli, poi dopo sarà più bello tornare a riabbracciarsi. Sicuramente questo periodaccio ci lascerà in dono tanti problemi di natura economica ma siamo convinti che ci renderà più forti ed uniti. La sofferenza aiuta a crescere, aiuta dopo a superare meglio qualsiasi altro problema, aiuta a farci comprendere quanto alle volte arrabbiarsi per futili motivi non serva a nulla.
FORZA RAGAZZI, LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI.
Un abbraccio immenso a tutto il personale che lavora negli ospedali, dai medici agli infermieri, dagli operatori socio sanitari sino al personale che distribuisce i pasti! Orgogliosi di voi!  
JUVENTUS CLUB ANDRIA, ORGOGLIOSI DI ESSERE ITALIANI!
  
 

 
 
LA JUVE AFFONDA L’INTER. STOP A TUTTE LE COMPETIZIONI
 

Tanto tuonò che alla fine piovve……la tanto discussa gara (non per noi) Juventus – InterMerda si è disputata domenica 8 marzo a porte chiuse prima dei decreti del Governo che hanno bloccato l’Italia ed ovviamente tutto lo Sport in generale a seguito dell’emergenza sanitaria che ha investito la nostra nazione definita una pandemia mondiale. Chi lo avrebbe mai potuto immaginare nel 2020. Non abbiamo si vissuto la guerra e non possiamo certamente paragonare l’oggi a quei tempi ma gli scenari che stiamo comunque vivendo, stando rintanati in casa (non tutti purtroppo......) sono un qualcosa di surreale. Ma torniamo per un attimo alla sfida di domenica sera che per due ore ci ha fatto staccare la spina dai tanti problemi legati all’emergenza CORONAVIRUS.

Una partita che si sarebbe già dovuta disputare nella giornata prevista, poi spostata, poi riprogrammata, poi nuovamente a porte aperte, poi a porte chiuse, poi…..poi….poi…..tutte polemiche messe in campo dalla squallida società merdazzurra magistralmente orchestrate dal boss romano Lotito. Per non parlare delle vergognose proteste di quella pseudo Curva Nord di Milano..... che forse un tempo poteva essere definita una vera curva.... ma che oggi allo stato dei fatti è diventata una curva ridicola che scende in campo solo per squallide ed infantili proteste che non dovrebbero riguardare il mondo ultrà……...Ma come sempre gli accade....dopo aver sputato in cielo hanno riavuto tutto in faccia sia loro che tutti quei pseudo tifosi che hanno, nei giorni precedenti, pubblicato dei post che con il mondo del calcio nulla dovrebbero avere a che fare. Del resto ancora una volta si sono qualificati per la loro pochezza, per il loro essere gente piccola di cervello, ma non nei nostri confronti che già lo sapevamo... ma nei confronti dei loro stessi tifosi ed adepti che certamente riescono ad andare oltre le rivalità ed ammettere che esistono “Club di tifosi con due palle così ed una mentalità da vendere” e club (????) della nullità più assoluta. Ne avete avuto la riprova!

Il tempo è sempre galantuomo. Del resto dei celebri tifosi delle merde hanno duramente preso posizione contro la propria società per le polemiche assurde inscenate.....detto questo detto tutto. DUE PERE...A CASA....LA STORIA SI RIPETE??? VERO???

Nonostante tutto subito dopo la gara gli abbiamo chiesto se volevano rigiocarla magari a luci spente, oppure a porte socchiuse o con le porte a soffietto……tanto in qualunque modo la vorrebbero rigiocare la storia sarebbe  sempre la stessa.

Il bello è stato che volevano giocarla a tutti i costi a porte chiuse convinti di avere un vantaggio enorme ma invece la loro squadraccia ha nuovamente fornito una prestazione davvero pessima come già accaduto nella gara di andata. Lo avevamo detto a qualche intertriste locale: Antonio Conte aveva promesso a qualcuno di noi.... subito dopo il passaggio alle merde (udite...udite..) di lasciarci i 6 punti nelle due gare di campionato......promessa seguita da una risata....(non stiamo scherzando….) E’ stato di parola……..Adesso gli "intertristi" che sono senza vergogna.... fanno i leccaculo con CONTE, uno “juventino nel sangue” come definito qualche giorno addietro da Andrea Agnelli e che veniva offeso ed attaccato da loro con i più pesanti degli epiteti. Non sono stati nemmeno coerenti a loro stessi......iniziando ad osannarlo, idolatrarlo e difenderlo.... non rendendosi conto di come si stiano ridicolizzando. Ma il tifoso intertriste lo sappiamo…..è un pagliaccio nel DNA.

Salta con noi……ANTONIO CONTE….salta con noi ANTONIO CONTE….

La partita come detto si è giocata in un clima surreale a porte chiuse. La primissima volta nella storia dello JUVENTUS STADIUM. A memoria d’uomo ricordiamo uno Juventus – Verona di Champions League giocata a porte chiuse dopo i tragici fatti dell’Heysel.

Una partita iniziata bene per la nostra Juve che ha imposto il ritmo alla gara con qualche occasione da rete. Poi i bianconeri hanno fatto venire fuori dalla propria area gli avversari colpendoli nella ripresa proprio in un momento in cui sembrava che gli avversari stessero premendo di più. Una splendida azione che ha  portato Ramsey ha siglare l’1-0. Poi Sarri legge bene i cambi, rafforza ancora di più la squadra che inizia a far un solo boccone dell’avversario con Dybala che mette a segno una rete a dir poco splendida. Ronaldo sfiora più volte la rete del 3-0 che non arriva. Finisce 2-0 con la panchina ed i dirigenti e accompagnatori bianconeri a sostituirsi alla curva con cori e festeggiamenti.

Una splendida partita che ha ridato il sorriso a tutti noi juventini d’Italia in un periodo davvero molto difficile sia da un punto di vista sanitario che economico. E’ stato duro non poter vedere la partita tutti assieme come siamo abituati da sempre a fare nel nostro COVO (invidiato da tutti) è stato duro non poterla seguire dal vivo, ma grazie alla Chat del Club ci siamo tenuti compagnia, abbiamo sofferto per poi gioire tutti assieme. A gruppi e gruppetti ci siamo divisi nelle varie case evitando assembramenti. Molti hanno sofferto incollati alla radiolina come ai vecchi tempi. L’urlo dei gol e della felicità è riecheggiato di casa in casa, di condominio in condominio, di strada in strada. Splendido il messaggio inviato sia da Fabio il nostro segretario che dal Presidente del Club a tutti i soci. Ci siamo sentiti davvero più vicini, più uniti seppur solo idealmente. Siamo una grande famiglia e lo abbiamo dimostrato anche in questa occasione. Poi sono arrivati i giorni più difficili, quelli che stiamo vivendo chiusi in casa in uno stato di isolamento sociale. E’ giusto così, rispettiamo le regole che ci sono state dettate, solo restando a casa forse riusciremo a limitare i danni e torneremo a riabbracciarci più forti di prima. Sarà più bello. 

Nel frattempo il campionato è stato sospeso nella speranza di riuscire a riprenderlo giocando tutte le gare rimaste. Bisognerà far saltare gli Europei. Non esistono cambi di regole in corso d’opera seppur in emergenza non prevista. Se non sarà possibile il campionato andrà annullato. Noi non vogliamo titoli non conquistati sul campo, seppur PRIMI IN CLASSIFICA…..non da terzi come i cartonati…..A Lotito il suo piano è andato di traverso……quanto godiamooooooo! Se si riprenderà (auguriamocelo tutti) si ripartirà dalla trasferta a Bologna.

Come era prevedibile anche nel mondo del calcio sono arrivati i primi positivi da COVID – 19 seppur asintomatici. Daniele Rugani il nostro difensore è risultato essere il primo calciatore della Serie A, ma chissà quanti altri delle zone focolaio ve ne saranno. Gioco forza l’attività della Juventus è stata sospesa con ben 121 persone andate in quarantena. A Rugani come a tutti gli altri giocatori sin qui interessati dal contagio va tutto il nostro ideale abbraccio!

Anche la UEFA, alla luce di questi primi contagi, ha dovuto inevitabilmente, seppur con ritardo, sospendere la Champions con alcune squadre già approdate ai quarti di finale tra le quali storicamente l’Atalanta (complimenti) ed altre come la nostra JUVE che dovranno ancora disputare il ritorno degli ottavi di finale. Sarà anche in questo caso giustissimo portarla a termine sperando che l’emergenza COVID – 19 possa rientrare con l’arrivo del caldo. Adesso la SERIE A e la CHAMPIONS vengono messe da parte dalla nostra mente, adesso vi è in ballo la salute di tutti e soprattutto dei tanti al Nord che stanno soffrendo. Speriamo che l’ondata di contagi prevista qui da noi non sia dannosa.

 

FORZA RAGAZZI. LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI!

RESTIAMO IDEALMENTE UNITI. RESTIAMO A CASA

JUVENTUS CLUB ANDRIA!

 

p.s. il sito internet del club se vi saranno aggiornamenti importanti pubblicherà immediatamente comunicati ufficiali. Al momento l’attività resta sospesa sino a nuove direttive.

 

 
 
EMERGENZA COVID-19. CHIUSURA DEL CLUB E SOSPENSIONE DELLE ATTIVITA’
 

COMUNICATO URGENTE

 

Cari soci,

a seguito della emanazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020 “ulteriori disposizioni attuative del decreto legge del 23 febbraio 2020 n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID – 1”, applicabili sull’intero territorio nazionale, con il presente si comunica che il Consiglio Direttivo dello JUVENTUS OFFICIAL FAN CLUB ANDRIA PRESENTE, con propria delibera del 06/03/2020 regolarmente verbalizzata,

 

HA SOSPESO TEMPORANEAMENTE  FINO AL 03/04/2020

 

tutte le manifestazioni, iniziative, visione di partite ed ogni altra forma di riunione presso la propria Sede sociale.

 

Le attività di front-office e segreteria  saranno garantite esclusivamente utilizzando i contatti telematici (mail info@juventusclubandria.it ) e telefonici (320 6209445) a voi già noti.

 

Le predette misure potranno essere soggette a modifiche a seguito del variare dello scenario epidemiologico e delle eventuali disposizioni nazionali e regionali.

 

Cordiali saluti.

 

 

Come avete letto dal comunicato urgente emanato, a malincuore abbiamo dovuto sospendere le attività del nostro Club, iniziate già con la sospensione delle trasferte in seguito al decreto che stabilisce la disputa delle partite a porte chiuse.

 

Pur avendo valutato ogni possibile iniziativa per scongiurare la chiusura della Sede Sociale (con dotazione di mascherine, rispetto delle distanze minime previste tra le persone ed altri dispositivi igienici) si è giunti alla determinazione che avendo questo Club un numero di soci elevatissimo ed una frequenza nelle partite molto consistente, l’accesso limitato avrebbe potuto permettere la visione a non più di 40 persone.

 

Dato che questo CLUB ha da sempre avuto tra i principi fondanti quello della condivisione da parte di tutti di ogni evento senza l’esclusione di nessuno, nostro malgrado si è pervenuti a questa decisione molto sofferta.

 

Siamo certi della vostra comprensione e condivisione massima di questa decizione fatta ad esclusivo interesse e salvaguardia della salute collettiva.

 

Auspichiamo di poterci ritrovare il prima possibile per poter finalmente tornare a seguire la nostra passione più grande.

 

FINO ALLA FINE ED OLTRE….FORZA JUVENTUS!

 

Un abbraccio immenso a tutti voi Soci di questo meraviglioso Club.

 

 

 

 
 
LA JUVE PERDE A LIONE. MALE MA RIMEDIABILE
 

Aspettavamo tutti la ripresa della Champions per ottenere delle indicazioni dalla nostra squadra che sin qui in campionato non ha mai dato l’impressione di sfruttare al meglio il potenziale che la rosa offre sia in termini numerici che di qualità, nonostante qualche perplessità sul reparto di centrocampo. La Champions per l’appunto doveva scioglierci almeno in parte questi dubbi visto che nel girone la squadra si è espressa molto meglio che nel campionato lasciandoci pensare che fosse anche un fattore psicologico con l’obiettivo Europa in testa. Ed invece a Lione è caduta ogni teoria sopra avanzata. Un approccio molle ed evanescente ad una sfida tanto attesa da noi tifosi che avremmo invece voluto un risultato favorevole per mettere già al sicuro la qualificazione nella gara di andata, visti anche i precedenti favorevoli a Lione. Un primo tempo che sembrava essere iniziato bene con un Ronaldo come sempre in palla, ma poi dopo dieci minuti il Lione ha iniziato ad avanzare sfiorando la rete del vantaggio trovata poi in un momento in cui la Juve sfortunatamente era in dieci uomini per l’uscita dal campo di DeLigt colpito duro in uno scontro aereo fortuito. La Juve va in bambola rischiando di subire anche la seconda marcatura in un paio di circostanze. Non bene. Ci si aspetta una reazione feroce nella ripresa ma invece si continua si a mantenere il possesso palla ma senza mai riuscire a tirare in porta. Poi dopo i cambi con l’uscita di Pjanic e Rabiot la squadra inizia a salire il baricentro dando l’impressione di poter giungere da un momento all’altro al pareggio che forse avremmo anche meritato vista la sfortuna nella rete annullata a Dybala per un fuorigioco di poco ed almeno un calcio di rigore negato clamorosamente. In Europa questi sono episodi che purtroppo possono essere poi decisivi. Peccato la squadra si sia svegliata tardi. Alcuni giocatori non andavano proprio schierati dall’inizio ma oramai inutile star li a sentenziare. Non ci sentiamo di addossare colpe a nessuno. Siamo tifosi tosti, siamo gente abituata a lottare, siamo duri a morire, pertanto abbiamo da giocarci la gara di ritorno, si spera tra le mura amiche e con il pubblico, vista l’emergenza CORONA VIRUS scoppiata qui in ITALIA. Dunque possiamo tranquillamente ribaltare l’1-0 maturato in Francia, possiamo andare ai quarti di finale, dipenderà solo dalla cattiveria e dalla determinazione della nostra squadra che resta decisamente più forte di quella del Lione ma andrà come sempre dimostrato sul campo. Non può concludersi agli ottavi la nostra esperienza europea di questa stagione. Non vogliamo minimamente pensarlo…..Restiamo uniti e compatti, fregandocene di quello che dicono gli altri, evitando di rievocare quello o quell’altro. Adesso la Juve è allenata da Maurizio Sarri che va sostenuto ed aiutato come tutti i componenti della rosa, dal primo all’ultimo. Noi ci crediamo più di ieri. SENZA SE SENZA MA ANDREMO AVANTI!

Anche a LIONE in Francia, per la terza volta nella storia del nostro Club, siamo stati presenti, nonostante il tira e molla delle notizie che hanno anticipato la trasferta stante le voci su possibili divieti causa coronavirus per i tifosi italiani. Notizie che hanno ovviamente destabilizzato un pò tutti nell’incertezza e nella preoccupazione di poter avere problemi alla frontiera o negli aeroporti o direttamente in Francia. Finalmente poi arrivava la conferma da parte della Juventus che si poteva arrivare senza nessun problema, ma nel frattempo qualcuno aveva già deciso di rinunciare alla partenza perdendo soldi dei biglietti stadio, aerei e alberghi. Dei 17 soci che sarebbero dovuti giungere in Francia soltanto 10 alla fine partono, meno numerosi ma come sempre presenti. Onore a loro, suddivisi in tre gruppetti, i primi partiti nel pomeriggio di martedì da Andria verso l’Aeroporto di Napoli per un volo diretto su Lione (Franco Fusaro, Gaetano Maddalena e Giuseppe D’Ambrosio), poi è stata la volta del gruppo partito alla sera con il bus della Marino verso Torino (Salvatore Lomuscio, Pasquale Mancini, Pasquale Cipriani, Nicola Liso e Maria Scamarcio) con gli ultimi due soci partiti poi all’alba del giorno della partita diretti su Ginevra (Svizzera) poi con auto a noleggio verso Lione (Massimiliano Capece e Gianfranco Cannone). Insomma come sempre non ci siamo fatti mancare nulla. La trasferta più lunga e colorita è stata senza ombra di dubbio per chi ha prima raggiunto nella notte Torino a bordo della Marinobus per poi raggiungere Lione a bordo del Minivan organizzato assieme agli amici di BASSA VALLE E AOSTA. Pranzo a Ivrea per poi sconfinare in Francia attraverso il traforo. Che ridere a bordo. Freddo e neve al confine non hanno fermato i nostri. Anche chi arrivato già alla sera precedente su Lione ci postava foto di passeggiate per una tranquilla Lione e soprattutto diverse bevute di birre! Alle 18 del giorno della partita erano tutti al parcheggio ospiti pronti per recarsi allo stadio con le navette predisposte. Appena allo Stadio ne approfittano per un altro giro di birre per poi entrare tutti assieme nel settore, posizionare la pezza ALBERO VIVE sulla vetrata principale, posizionandosi tutti assieme li dietro. Gruppo come sempre compatto, tranne che la squadra in campo. Delusione immensa alla fine, ma grandi loro che come sempre hanno tenuto alto il nome del nostro Club. Immensi. Alla fine in 5 restano a pernottare su Lione gli altri 5 quelli del furgone fanno subito rientro su Torino passando una notte abbastanza tribolata con maltempo, neve e ghiaccio che mettono a rischio la loro sicurezza. Una strada sbagliata stava per complicare il tutto. Chi c’era sa, per fortuna possiamo raccontarlo ridendoci anche sopra. Al mattino si imbarcano sul volo Torino – Bari giungendo all’ora di pranzo ad Andria. Anche chi rimasto su Lione fa rientro nella giornata ad Andria con qualche ritardo sulla tabella di marcia. Davvero da applausi lo sforzo fisico ed economico che tutti hanno sostenuto pur di seguire la vecchia signore oltre confine! Al Club come sempre gran pienone oltre che grande delusione per il risultato maturato. Nella FOTGALLERY le più belle foto della trasferta in terra francese la n. 56 all’estero per il nostro CLUB.

 

EMERGENZA CORONAVIRUS

Poi sono arrivati i giorni più duri e caotici. L’emergenza CORONA VIRUS inizialmente forse sottovalutata da tutti ha iniziato a creare non pochi problemi. Si era alla vigilia di una gara importantissima come JUVENTUS – intermerda con tantissimi soci in procinto di partire con un bus tutto pieno. Si parte. Non si parte. Si gioca a porte chiuse. No la gara viene rinviata. Con tutte le polemiche che ne conseguono nelle ore successive sulle quali preferiamo non soffermarci più di tanto. Ne abbiamo lette di tutti i colori, ne abbiamo sentite di peggio, ma come sempre essendo SUPERIORI soprattutto a chi tifa per quella squadraccia di merda restiamo SIGNORI NON SCENDENDO AL LORO BECERO LIVELLO. Si sono bevuti il cervello ed abbiamo avuto la conferma che il loro fegato è finalmente SCOPPIATO. Noi come sempre di un altro pianeta rispetto a loro! FATTI NON PAROLE.

Per il resto seppur travolti dal marasma di notizie vere e non vere, abbiamo gestito alla grande il rinvio della trasferta contro l’Inter come abbiamo gestito alla grande a poche ore dalla partenza del bus, la trasferta poi non più svolta per la semifinale della COPPA ITALIA sempre a Torino contro il Milan. Soltanto alle 21 abbiamo dovuto comunicare ai 41 viaggianti che alle 22,30 non ci saremmo più ritrovati nella piazza della Stazione. Abbiamo ingoiato quest’altro duro rospo ma sapendo che siamo in piena emergenza ci atteniamo alle disposizioni che vengono emanate dalle Autorità preposte. Ad oggi tutti i biglietti restano validi per le date dei recuperi salvo come trapela nelle ultime ore che la gara contro l’Inter possa disputarsi la prossima domenica a porte chiuse. Per la Coppa Italia si spera invece in un rinvio ad un periodo in cui finalmente si possa dire sconfitto questo maledetto Virus che sta rivoluzionando le abitudini di noi italiani creando un danno economico a tantissime categorie. Questo quello che tanti personaggi squallidi avrebbero dovuto dire ma che invece hanno pensato solo a far polemica. Ci ricordiamo tutto, non preoccupatevi.

Ad ora dunque la situazione è in continua evoluzione pertanto il CLUB ha deciso di non prendere più prenotazioni per le prossime trasferte in attesa di conoscere la definizione del calendario e la disputa delle partita a porte aperte o chiuse. Dunque invitiamo i prenotati di Bologna – Juve e Juve – Lecce ad attendere nostre disposizioni e comunicazioni. Restano in piedi tutti i prenotati (tantissimi) della gara di ritorno contro il Lione che si spera di poter giocare a porte aperte. I biglietti anche per questa partita sono stati tutti acquistati e pagati alla JUVENTUS come per quelli contro Inter e Milan.

Qualora la gara contro l’Inter si dovesse disputare a porte chiuse, si attenderà news da parte della Juventus sull’eventuale rimborso o iniziative in favore dei possessori di biglietto, mentre il Club provvederà ovviamente al rimborso delle quote viaggio per chi partiva in bus organizzato dal Club. Per il Milan e per il Lione come detto invece aspettiamo mantenendo tutto in piedi l’organizzazione.

Grazie per la collaborazione di tutti ma soprattutto l’incredibile comprensione senza nessuna polemica. ORGOGLIOSI DI VOI, ORGOGLIOSI DI NOI. E’ evidente come l’ottima comunicazione che abbiamo oltre alla meticolosa organizzazione fa si che non nascano mai incomprensioni o spiacevoli equivoci.

 

JC ANDRIA UN GRANDE GRUPPO!

 

 
 
LA JUVE ESPUGNA FERRARA
 

Al terzo tentativo da quando la Spal era tornata in A, la Juventus riesce finalmente nell’impresa di vincere al Paolo Mazza di Ferrara, un impianto che ricorda molto gli stadi inglesi degli anni settanta ed ottanta. 1-2 il risultato finale con una partita praticamente quasi a senso unico, tranno che nella parte iniziale della gara quando la Spal ha provato ad impensierire la Juve. Poi per il resto ci è sembrata una Juve in palla, una Juve che avrebbe meritato un risultato più largo, visti i pali e le traverse che negli ultimi tempi continuiamo a colpire, una Juve che ha avuto un giro palla più veloce che lascia ben sperare per le prossime gare quando saranno in ballo tutti gli obiettivi stagionali. Ancora una volta abbiamo subito un calcio di rigore, questa volta passerà alla storia perché il monitor del VAR non funzionava quindi l’arbitro si è praticamente fidato di quanto gli raccontavano dalla regia senza poter vedere con i suoi occhi. Clamoroso perché a parti invertite avrebbero chiamato la Procura della Repubblica. Vergognatevi tutti, anzi ricordatevi sempre che quando parlate della Juve, prima dovrete ripulirvi quelle vostre bocche luride che avete. Meritate soltanto questi aggettivi da parte nostra. Ma noi come sempre siamo più forti di tutto e di tutti, anzi nelle difficoltà riusciamo sempre a cavare il meglio di noi perché ricordatelo tutti…..LA JUVE NON MUORE LETTERALMENTE MAI!

Di Cristiano Ronaldo e Ramsey le reti dei bianconeri che così difendono il primato in classifica restando sempre a +1 sulla Lazio e portandosi momentaneamente a +6 sull’Intermerda che dovrà recuperare una gara tra le tante rinviate per l’emergenza sanitaria CORONAVIRUS!

Ore difficili quelle che hanno preceduto la sfida di Ferrara con le primissime notizie di focolai in Italia del Coronavirus nelle zone di Lombardia e Veneto con i casi che hanno iniziato a susseguirsi motivo per cui molti eventi non solo sportivi sono stati rinviati mettendo a dura prova una nazione intera.

Come sempre la pattuglia dei nostri soci al seguito della Vecchia Signora non poteva mancare ed è stata anche abbastanza nutrita, con ben 14 unità presenti. Due auto ed un furgone da 9 posti. Ritrovo alla Caffetteria Goodness di Via Vespucci con Fabio a dare la carica a tutti. Colazione di gruppo per poi partire verso l’Emilia. Salvatore Lomuscio con Michele Zagaria a fare da condottieri, ma tante le presenze “abituali” delle trasferte come Sebastiano Zingaro e Gaetano Orrico. Viaggio in assoluta tranquillità e con tanta goliardia. Giunti alle 16,30 sotto al settore ospiti i nostri bivaccano un po prima di entrare attendendo l’arrivo dell’auto di Alessandro D’Ercole che purtroppo ha avuto un incidente nei pressi dello stadio. Per fortuna tutto tranquillo e sotto controllo se non tanta paura e partita purtroppo persa per via del tempo necessario al disbrigo delle pratiche post incidente che hanno visto il ricovero del malcapitato ciclista investito che per fortuna è in buone condizioni all’Ospedale di Ferrara. Insomma come detto tanta preoccupazione con Salvatore ed i ragazzi che si attardano a fare ingresso nello Stadio in attesa di ricevere notizie più rassicuranti. Poi entrano dentro salutando tanti vecchi amici ritrovati in questa trasferta. Posizionano la pezza per Alberto sulla vetrata principale posizionandosi tutti sulle prime file del bel settore ospiti. Si tifa, si sostiene la squadra seppur a tratti ma ribadiamo ancora una volta che qualcosa ricomincia a prendere forma. Alla fine si festeggia una vittoria preziosa e fondamentale soprattutto alla vigilia di una trasferta europea fondamentale come quella di Lione da dove si spera si possa iniziare un lungo percorso verso la meta tanto ambita. Prima di lasciare Ferrara i nostri brindano stappando una bottiglia di spumante e girando un breve e simpatico video alla faccia di chi ci vuole male. Onore a loro, onore a noi, perché fare così tanti km ogni settimana, in ogni partita, contro ogni avversaria, in ogni situazione non è cosa assolutamente semplice. Quello che continuiamo a fare noi da anni è davvero roba da LIBRO CUORE, roba per pochi, non per tutti. Provateci ad essere organizzati come lo siamo noi, provateci a dimostrare di fare quello che facciamo noi…..poi forse potrete ricevere la nostra considerazione……

Fanno rientro ad Andria alle ore 03,30 della notte tra sabato e domenica stanchissimi ma come sempre felicissimi per esserci stati li al nostro posto sui gradoni a sostenere la Juve non a criticare sul divano come fanno molti!

Nel frattempo al Club si iniziava a discutere del problema CORONAVIRUS con il quale molto probabilmente dovremo imparare a conviverci per qualche tempo. Alla vigilia di una trasferta europea proprio non ci voleva questa emergenza. Non tutti i 17 soci prenotati per Lione partiranno ma comunque come sempre noi di ANDRIA PRESENTE saremo li al nostro posto nel nome del CLUB, nel nome della maglia, nel nome della passione che abbiamo!

 

JC ANDRIA, MAI DOMI, SEMPRE AL TUO FIANCO!

 

 
 
LA JUVE TORNA DA SOLA IN TESTA ALLA CLASSIFICA
 

Dopo l’importante pareggio rimediato in extremis a San Siro contro un buon Milan nella gara di andata della Coppa Italia, la Juventus era chiamata a tornare immediatamente alla vittoria dopo l’incredibile sconfitta maturata a Verona nel turno precedente di campionato. La gara contro il Brescia non era certamente un banco di prova importante per capire se la squadra fosse effettivamente uscita fuori dal torpore che ne ha condizionato le ultime gare soprattutto in trasferta. Ma contava tornare subito alla vittoria per recuperare punti alle dirette concorrenti che si sono sfidate all’Olimpico con la Lazio vittoriosa. La Juventus ha fatto il suo dovere battendo per 2-0 le rondinelle rimaste già nella prima frazione di gioco in dieci uomini. Una magistrale punizione battuta da Paulo Dybala ha messo poi la gara in discesa con la Juve che ha sfiorato in altre occasioni la rete del raddoppio arrivata poi nella ripresa grazie ad un buonissimo Cuadrado riportato nella sua posizione naturale. Ma la notizia della giornata oltre alla vetta solitaria della classifica ritrovata (+1 sulla Lazio + 3 sull’InterMerda) è quella del ritorno in campo di GIORGIONE CHIELLINI assente da sei mesi causa infortunio. Il suo ingresso in campo è stato salutato dal pubblico presente sugli spalti con una ovazione incredibile. Un recupero fondamentale ed importante per la nostra squadra che ci lascia guardare al futuro prossimo con maggior fiducia e tranquillità. Come importanti saranno i prossimi recuperi di Khedira e Bernardeschi che daranno maggiori soluzioni all’allenatore rimasto in questa fase di stagione con pochissime soluzioni a centrocampo. Per questo motivo noi continuiamo a guardare al futuro di questa stagione con sempre maggior ottimismo. Siamo convintissimi che adesso che avrà inizio la vera stagione la squadra saprà tirare fuori il meglio di se, avendo tutte le carte in regola per puntare diritto a tutti gli obiettivi. Crederci sempre, arrendersi mai il nostro motto in questo momento! Prima del periodo clou avremo da affrontare la trasferta a Ferrara contro il fanalino di coda Spal, una gara da non sottovalutare dove bisognerà tornare alla vittoria in trasferta per poi tuffarsi nella Champions League con le giuste motivazioni è con la giusta cattiveria e ferocia con la quale va affrontata questa competizione che vogliamo a tutti i costi conquistare. Contro il Brescia allo Stadium una minima rappresentanza di nostri soci è partita verso Torino, tutti in aereo visto l’orario comodo che ha permesso il rientro in serata. Unica defezione quella di Marco Fiandanese che per motivi di famiglia non è potuto più partire perdendo il volo di andata ed il bus della Marino al ritorno. L’immancabile Giorgio Nicolamarino a far da punto di riferimento per Riccardo Pizzolorusso, Scarcelli, Licia e Fabiana. Insomma una minima presenza ma che ha garantito come sempre al nostro Club di esserci li sui gradoni dello Stadium. Da apprezzare la massiccia presenza di bresciani nel proprio settore che ha solidarizzato con la nostra curva per le note vicissitudini non cantando cori contro e rispettando il momento della Sud! Finita la gara la corsa verso l’aeroporto per prendere il volo di rientro verso casa. Ancora una volta l’Andria Gobba ha risposto presente come lo farà anche nella trasferta di Ferrara dove ben 14 soci saranno li presenti sugli spalti a sostenere la Juve in un'altra trasferta fondamentale ai fini della conquista dello scudetto. Da apprezzare tutti questi soci che indipendentemente dall’avversario si sobbarcano km d’amore e passione.

 

JC ANDRIA SEMPRE AL TUO FIANCO

 

 
 
JUVE BRUTTA, MA BUON PAREGGIO A MILANO
 

Nella gara di andata delle semifinali di Coppa Italia la Juventus riesce ad ottenere un buon risultato pur producendo il minimo sforzo. Una squadra priva di idee, a tratti svogliata e deludente sul piano del gioco che grazie al solito CR7 evita la seconda sconfitta consecutiva  che avrebbe potuto minare alla tranquillità dell'ambiente. Ed invece una classica invenzione del fenomeno che si inventa una rovesciata la cui palla termina sul braccio del difensore rossonero generando così il giusto calcio di rigore che ha sancito l'1-1 finale. Adesso l'accesso alla finale lo si giocherà nel nostro Stadio dove la Juve sarà chiamata a vincere con qualsiasi risultato per regalarci l'ennesima finale di questi anni bellissimi. Una partita molto fallosa da parte dei rosseneri che hanno ovviamente cercato di sopperire al divario tecnico in campo con l'agonismo. Diversi i falli commessi che ne condizioneranno la loro formazione nella gara di ritorno quando mancherà anche Ibra. Questo ovviamente non vorrà dir nulla, anzi la finale è ancora tutta da conquistare. Finale che potrebbe essere contro il Napoli vista la vittoria dei partenopei nella gara di andata a Milano contro l'Inter.... Guai comunque a pensare di averla già raggiunta. Il 4 marzo bisognerà sputare sangue se vogliamo raggiungerla. Una Juve che a San Siro è stata come sempre sostenuta da migliaia e migliaia di tifosi assiepati non solo nel terzo anello verde ma anche in ogni angolo dello stadio. Prova superlativa di Gigi Buffon che nonostante l'età tiene in piedi la Juve evitando una sconfitta che ad un certo punto sembrava cosa fatta. Mentre molto tifosi continuano (sbagliando) a fare le differenze con la passata stagione......noi continuiamo a fare quello che meglio ci riesce fare, ovvero sostenere la squadra in ogni dove, in ogni condizione, in ogni momento, nella buona e nella cattiva sorte. Sappiamo solo che tutti gli obiettivi sono li alla nostra portata è siamo convinti che si tratta soltanto di un periodo di appannamento dovuto alla preparazione atletica. Adesso avrà inizio il periodo decisivo con l'avvio della Champions ed è li che siamo sicuri che la squadra esprimerà il meglio di se. Dunque nessuna preoccupazione....anzi se dobbiamo preoccuparci noi allora quelli che sono usciti fuori dalla Champions è con un piede fuori dalla Coppa Italia cosa devono dire? Per non parlare di chi i sogni di gloria gli ha invece abbandonati sin dagli albori di questa nuova stagione.....Questi sono degli anni bellissimi che dobbiamo in tutti i modi far si che continuino all'infinito.

Anche nella trasferta milanese, la seconda in questa stagione, noi dello Juventus Club Andria siamo stati li presenti come sempre in prima fila nonostante si giocasse di giovedì, ma per noi il giorno in cui si gioca non fa differenza, perchè riusciamo sempre ad organizzarci, sempre ad essere al fianco della squadra. Questa volta viaggio comodo per i 7 soci che ci hanno rappresentato su a Milano. Volo aereo da Bari diretto ed economico su Malpensa al pomeriggio del giovedì. Giunti nello scalo milanese alle 18,15 con qualche apprensione per il “coronavirus”, i nostri si dirigono subito verso i noleggi auto. Con un mezzo adeguato raggiungono in un traffico bestiale su Via Novara, lo Stadio San Siro. Alle 20,15 dopo aver bestemmiato per gli assurdi prezzi del parcheggio ospiti (ben 30 euri.....li mortacci....) si sottopongono a dei lunghi ed assurdi controlli. Finalmente riescono a salire su per la torre con Massimiliano e Fabio che arrancano dalla fatica. Giunti sopra si posizionano come sempre alla destra del settore in prima linea sulla balconata esponendo ALBERTO VIVE ed un tricolore sul quale pende la nostra sciarpa. I milanisti non erano in una buona serata di tifo, mentre da parte nostra si ricomincia a vedere qualcosa di buono e degna di nota. Pian pianino il tifo sta tornando è questo quello che più conta. Un plauso ai nostri soci li presentida Cesare Giorgino all'immancabile Giorgio Nicolamarino, da Gaetano Maddalena (altra bandiera di questo club) a Riccardo D'Avanzo e Daniele Cammarrota oltre come detto all'artiglieria pesante Massimiliano Capece e Fabio Attimonelli il nostro grande segretario. Fabio dal nervoso dopo la rete del Milan abbandona la propria posizione iniziando a girovagare per il settore sino a posizionarsi proprio dietro ai vetri che separano dal secondo anello, da dove assiste al calcio di rigore. Grande esultanza al gol di Ronaldo con cori possenti ed applauso finale alla squadra nonostante la prova non buona. Alle 23 finalmente abbandonano lo stadio. Appena nel parcheggio subito si mettono alla ricerca di un pub aperto. Lo trovano, lo raggiungono è si fanno una mega mangiata (ottima spaghettata) è bevuta di birre. Alle 2 escono dal Pub dirigendosi verso il Duomo dove si lasciano ritrarre. Il freddo si fa sentire, ritornano così all'auto per dirigersi verso Malpensa con sosta in autogrill per un riposo di un paio d'ore. Poi caffè, rifornimento all'auto è subito ai controlli in aeroporto, da dove riprendono il volo alle 06,40. Arrivano a Bari poco dopo le 08,00 per giungere ad Andria alle 09,00. Una rinfrescata velocissima è tutti a lavorare o studiare. Immensamente grandi. Quello che facciamo di partita in partita è sotto gli occhi di tutti. Le nostre presenze sono delle presenze che lasciano il segno, delle trasferte vere, dove alla fine ci sarà sempre qualcosa da ricordare non a “chiacchiere”....come qualcuno vuol far credere....contenti loro......più contenti noi! Ma intanto chi deve sapere sa....chi deve giudicare sa......NOI SIAMO NOI!

Nemmeno il tempo di rifiatare che si ripartirà seppure in pochissime unità verso Torino per JUVENTUS – BRESCIA, gara di campionato da vincere a tutti i costi, stante lo scontro diretto tra Lazio e Inter. 

Nella gallery come sempre troverete le fototifo della trasferta a Milano come di tutte le altre.

JUVENTUS CLUB ANDRIA, PASSIONE ALLO STATO PURO!

 

 
 
BRUTTA SCONFITTA A VERONA
 


Che la trasferta di Verona non sarebbe stata una passeggiata lo si sapeva sin dalla vigilia, ma che la Juve potesse gettare al vento una vittoria che stava conseguendo seppur in difficoltà, questo non era preventivabile. Passata in vantaggio la Juventus con il solito CRISTIANO RONALDO, ancora a segno per la decima gara consecutiva, i bianconeri non sono riusciti a difendere la preziosa vittoria che stava maturando regalando letteralmente la rete del pareggio con gravi errori in fase di costruzione della manovra con Bentancur e Pjanic che confezionano la rete di Borini. Poi ci si mette anche la sorte con il fallo di mano di Bonucci in una chiara occasione da rete per gli scaligeri. Rigore poi trasformato da Pazzini per il 2-1 finale in favore dei veronesi. La Juve non reagisce, come non ha reagito dopo la rete dell’1-1. E’ questo quello che maggiormente preoccupa in questa stagione. Il non riuscire spesso a mantenere il risultato, il non avere una reazione decisa in una situazione avversa. Dalla trasferta di Napoli in poi la squadra ha mostrato diverse pecche e lacune ma soprattutto una tenuta fisica che lascia molto a desiderare. Noi al contrario dei più non stiamo li a preoccuparci più di tanto, non stiamo li a invocare il recente passato, non stiamo li a dare addosso all’attuale allenatore, ma piuttosto cerchiamo di comprenderne i motivi di questo periodo no, cerchiamo di essere positivi, anche perché abbiamo tutti gli obiettivi li alla nostra portata. Il Verona si è dimostrato una squadra tra le più in forma in questo momento nel campionato, con un gioco aggressivo, veloce che riesce a mettere in difficoltà chiunque. Ribadiamo peccato visto che si era passati in vantaggio dopo aver colpito anche una traversa ed un palo. A dir la verità il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, ma il calcio lo sappiamo quanto è beffardo….Noi ci siamo immediatamente rimboccati le maniche dopo questo turno di campionato così avverso che ha visto vincere sia la Lazio che l’Inter nel derby contro il Milan, vittoria che ha permesso loro l’aggancio in classifica alla Juve. Adesso tutto tremendamente aperto con tre squadre in un punto. Ma il campionato non era chiuso prima, come non è certamente perso ora. Ci sarà da lottare punto a punto sino al termine non con una ma con ben due avversarie. Noi siamo pronti è siamo convinti che lo sarà anche la Juve.


Anche al Bentegodi come facciamo da diversi anni sia sponda Chievo che Hellas una nostra rappresentanza di soci è stata li presente. Ben 5 con i cugini Giorgio (onnipresente…) e Andrea Nicolamarino, Alessandro D’Ercole (il socio dalle trasferte pesanti….dopo Brescia e Bergamo adesso anche Verona) e le new entry come Benedetto e Giancarlo, persone davvero a modo oltre che simpaticissime. Giunti con l’auto sin nel parcheggio ospiti i nostri hanno atteso un po all’esterno prima di entrare, tra una chiacchierata e l’altra con qualche amico di su e gli amici di Modugno che abbiamo ritrovato con immenso piacere al seguito della Juve. Appena dentro hanno sistemato la pezza per Alberto nelle balconate interne al settore posizionandosi ovviamente li dietro. Grande tifo da parte dei veronesi come sempre con la nostra curva popolata per lo più da tanti occasionali della zona. Peccato per il risultato, i ragazzi arrivati su non avrebbero meritato questo risultato. Nulla da segnalare se non l’ennesima presenza del nostro Club al seguito della Vecchia Signora. Un qualcosa di incredibile quello che riusciamo a fare noi settimanalmente. Rientro a casa del tutto tranquillo. Nella gallery troverete le foto scattate in questa trasferta. Adesso ci attende la trasferta a Milano di Coppa Italia dove un altro manipolo di soci partirà nonostante la giornata lavorativa, ma per noi questo non fa differenza, quando in campo scende la Juventus, pur di esserci siamo sempre disposti a tutto.


Nel frattempo inizia al club un periodo di grande lavoro in preparazione di trasferte importantissime come quelle di Lione in Francia (ben 17 unità), in casa contro l’Inter, contro il Milan in Coppa Italia e contro il Lione al ritorno dove complessivamente partiranno da Andria ben tre bus con tantissime prenotazione di soci anche in aereo.


LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI!


JC ANDRIA SEMPRE AL TUO FIANCO


 



 

 
 
“FIORENTINA” BEN COTTA ALLO STADIUM!
 

In uno stadio pienissimo e all'ora di pranzo la Juventus ha divorato la “Fiorentina” battendola per 3-0 grazie a due calci di rigore di Cristiano Ronaldo e alla rete allo scadere di De Ligt. Una partita in cui la Juve ha mostrato qualche difficoltà nella prima frazione di gioco per poi prendere il comando della partita conducendola in porto in assoluta tranquillità. Qualcuno informi Commisso, questo essere astratto giunto dall'America, dopo essere partito dall'Italia.... che nel calcio la palla è rotonda, che vince chi la mette dentro, che hanno capito tutti il suo giochetto.....Quest'uomo, anzi diremmo “ominicchio” o se meglio volete “qua qua ra qua....” cerca di nascondere il fallimento stagionale della sua squadra cercando il classico alibi dei perdenti...ovvero mettersi contro la squadra più forte per catturare le simpatie dei propri tifosi e perchè no degli altri perdenti che si trovano sulla sponda sfigata dei Navigli.....Noi caro Commisso, domenica abbiamo goduto nel vedervi come sempre “viola” non per la maglia, ma per la vostra rabbia dopo l'ennesima sconfitta rimediata contro la JUVENTUS, la partita della vita per voi, quella che potrebbe aggiustare la vostra solita e squallida stagione. Piuttosto guardatevi alle spalle non vorremmo che anche in questa stagione vi ritroviate a dovervi salvare da una retrocessione in B. Detto questo, era doveroso, torniamo a parlare della nostra Juve piuttosto che perdere del tempo a parlare del nulla....Un grande Szczesny evita il vantaggio della Fiorentina, poi il solito spento Pjanic sul quale dovremmo aprire un capitolo a parte in quanto non riesce proprio ad entrare nel meccanismo di gioco richiesto da Sarri, causandone spesso dei tremendi black out di un reparto spesso anello debole della nostra squadra. Ancora un ottimo DeLigt a prescindere dalla rete ed il solito mostruoso Cristiano Ronaldo che timbra ancora il cartellino del gol raggiungendo quota 19 in classifica. Era fondamentale tornare alla vittoria dopo la brutta sconfitta rimediata al San Paolo. La squadra e l'allenatore devono trovare ancora la quadratura del cerchio ed un sistema di gioco che possa garantire continuità e stabilità. Siamo convinti che stiano lavorando sotto questo aspetto. Non è semplice cambiare da un anno all'altro sistema di gioco e modo di stare in campo. Noi come sempre dobbiamo fare il nostro seguendo e sostenendo la squadra in ogni dove così come abbiamo fatto contro la Fiorentina che ha visto partire da Andria l'ennesimo pullman verso Torino con un totale di oltre 50 soci che hanno raggiunto lo Stadium con a bordo l'immancabile Sabino Chieppa che come sempre ha organizzato aperitivo per l'andata e pranzo dopo la partita nel solito ristorante. Viaggio del tutto tranquillo condizionato dalla forte nebbia nell'ultimo tratto, nebbia che avvolgeva lo Stadium all'arrivo che non permetteva nemmeno di vederlo. Alle 08,00 erano già su tutti a fare colazione nel bar di fronte alla Sud. Poi dopo una buona parte si è diretta in visita al Museum mentre gli altri a passeggio nel centro commerciale, con il gruppetto più “ultras” a bersi una birretta nonostante l'ora. Giuseppe Di Serio, Maria Scamarcio, Francesca Fasciano e Giorgio Nicolamarino hanno sbrigato le tante “commissioni” pre partita, smistando i soci nei vari settori per poi condurre nella Sud il grosso del gruppo, compreso chi arrivato in auto o volo aereo. Nello stadio una bella atmosfera con la Sud che conferma i miglioramenti intravisti nelle ultime gare casalinghe. Più tifo, più voglia di sostenere la squadra che merita tutto il nostro calore. Speriamo si continui così. A fine gara solita foto di gruppo tutti assieme per poi raggiungere il ristorante per il tradizionale pranzo di gruppo, un bel momento di aggregazione. Alle 17,30 erano già tutti al bus pronti a ripartire verso Andria, stanchi ma felici per esserci stati. Alla prima rete su calcio di rigore, il consueto festeggiamento di CR7 è avvenuto proprio sotto al settore dove erano posizionati i nostri con tanto di bandiera tricolore che sventolava, il tutto ripreso da un socio con il telefonino. Da segnalare anche un altro momento emozionante, quello in cui il figlio di Nicola Di Stefano (sei anni) sulle spalle del papà che sventolava il nostro tricolore. E' il caso di dire...DI PADRE IN FIGLIO, di generazione in generazione.

Ritornano a casa per le 05,30 del mattino del lunedì tutti pronti per affrontare la giornata lavorativa o scolastica. Immensi e da applausi come al solito.

Nella gallery troverete tutte le foto più rappresentative di quest'altra trasferta.

Adesso ci attende la difficile trasferta a Verona dove una esigua rappresentanza di soci sarà presente anche li. In 5 andremo al Bentegodi a dimostrazione che la gente come noi non molla mai!

 

L'ANDRIA GOBBA SEMPRE AL TUO FIANCO!

 

 
 
OCCASIONE PERSA. JUVE KO A NAPOLI!
 

La gara di Napoli, lo sapevamo sin dalla vigilia, è stata per la nostra Juventus difficilissima. Contro un avversario resuscitato miracolosamente contro la Lazio in Coppa Italia e che immancabilmente ha dato il massimo contro di noi perché è risaputo che per i partenopei la gara contro la Juventus significa tutto per la loro stagione. Vivono in funzione nostra, per questo ribadiamo vivono malissimo, aspettano ogni anno questa gara manco fosse la finale che ti assegni il titolo……contenti loro come sempre più contenti noi. Peccato non aver sfruttato la ghiotta occasione di giornata, ovvero il mezzo passo falso casalingo dell’Inter che ha pareggiato contro il Cagliari. Sarebbe potuto essere un prezioso + 6 ed invece chiudiamo questo turno con un vantaggio che scende a + 3. Ci aspettavamo una Juventus diversa, arrembante, a caccia di una vittoria preziosa, una Juventus che avrebbe dovuto azzannare l’avversario ed invece è stata una Juve soporifera completamente differente da quella vista in campo nelle ultime settimane. Sarà stato l’impegno settimanale, saranno stati magari degli allenamenti più specifici e pesanti, sarà stata una giornata particolare, sta di fatto che abbiamo perso una partita che avremmo potuto almeno tranquillamente pareggiare. 2-1 il risultato finale con la Juve che si è svegliata troppa tardi pervenendo al gol solo a tempo scaduto con Higuain che ha poi clamorosamente mancato la rete del 2-2. Di Cristiano Ronaldo, ancora lui, la rete della bandiera bianconera.  

Contrariamente ai tanti tifosi da tastiera, tutti opinionisti ed esperti di calcio, contrariamente a tanti giornalisti faziosi è prevenuti, contrariamente ai tanti nostalgici, noi non ci siamo lasciati prendere da nessun nervosismo, da nessuna preoccupazione. Anzi, restiamo più che convinti che la Juve in questa stagione abbia ancora ampi margini di miglioramento, che la squadra possa davvero regalarci soddisfazioni soprattutto nel periodo che conterà davvero stare in forma. Pensate un po, siamo primi in un anno in cui sembrerebbe che ci siano non una ma due avversarie serie a contendere il tricolore, nonostante la squadra non giri al massimo delle sue potenzialità. Dunque vogliamo fare il gioco dei nostri detrattori o vogliamo restare tutti uniti per difenderci dai tanti nemici?

Bando alle chiacchiere da bar, qui serve gente cazzuta e determinata a sostenere la squadra nella battaglie che ci aspettano di qui a fine stagione in ogni angolo di Italia e d’Europa. Delle dichiarazioni post gara del Mister o dei giocatori o di chiunque altro non c’è ne può fregare di meno. Ognuno le interpreti a  modo suo, ma ribadiamo che stare li a pensare a queste puttanate non fa altro che alimentare i focolai che accende certa stampa…..

Complimenti a noi dello Juventus Club Andria che ci siamo presentati a Napoli in ben 45 unità con un pullman da “paura”. In un settore con poco più di 150 tifosi dei quali appunto, un terzo rappresentato da noi. Sarà stato il prezzo esagerato, sarà stata la preoccupazione per i soliti problemi di ordine pubblico, sta di fatto che noi abbiamo deciso di esserci è come sempre lo abbiamo fatto in grande stile presentandoci belli compatti e cazzuti in una delle trasferte da sempre più complicate. Già dal mattino abbiamo iniziato a respirare aria di trasferta con l’arrivo in città degli amici valdostani di Aosta e Bassa Valle. Aperitivo e pranzo assieme con alcuni di noi per poi partire alle 14,30 dalla stazione di Andria, con a bordo del bus quasi tutto lo zoccolo duro del Club che quando chiamato all’appello non può che rispondere presente. Vogliamo parlare dell’alcool a bordo??? Mamma mia cosa c’era…sembrava un bar in movimento. Di tutto di più oltre alla solita ed immancabile goliardia che ha segnato tutto il viaggio verso Napoli, con una mega foto di gruppo in Autogrill fatta a bordo di un camion adibito al trasporto di auto, che ridere…..

Giunti a Napoli troviamo la Polizia ad attenderci alla barriera autostradale la quale ci conduce al posto di controllo. Li troviamo una sola auto che giungeva dal Nord Italia oltre ad un bus che sopraggiungeva poco dopo di noi. Soliti assurdi controlli con tanto di foto segnaletica manco fossimo dei banditi. Poi si parte per lo stadio ma la Polizia decide di farci fare un giro turistico per l’hinterland napoletano. Finalmente alle ore 20,00 giungiamo sotto il settore in assoluta tranquillità. Stante le poche persone entriamo con facilità nel settore. La sorpresa è rappresentata dai lavori di ammodernamento che finalmente hanno reso quello stadio fruibile anche dai tifosi ospiti. Ci posizionano nella parte alta del secondo anello circondati dagli steward e dalla polizia che ci controlla a distanza. Noi tutti compatti sulla sinistra del settore proviamo a lanciare dei cori nei brevi momenti di pausa dei napoletani. Ci facciamo sentire tanto da provocare la reazione della Curva A che ci fischia.

Finisce la partita, salutiamo la squadra nonostante la sconfitta per poi restare chiusi a lungo nel settore. Da segnalare il consueto apporto di tifo delle due curve napoletane che sono sempre belle da vedersi per chi ama il mondo ultrà. A fine gara la Curva B resta a lungo dentro continuando a cantare come se ci fosse ancora la partita. Complimenti!

Oltre la mezzanotte veniamo finalmente condotti all’esterno per poi essere scortati verso l’uscita da Napoli. Tanta amarezza per il risultato ma tanta soddisfazione per esserci stati in maniera numerosa e compatta. A bordo pullman è ancora la goliardia a farla da padrone con Francesco Lorusso che si improvvisa Dj selezionando dei brani musicali che mantengono “allegra” tutta la compagnia. A bordo del bus anche il Presidente Nicolamarino oltre all’immancabile segretario Fabio, a Salvatore e Marco del nostro direttivo. Il resto dei presenti come detto tutto o quasi dello zoccolo duro delle trasferte. Basti dire che c’era Michele Di Schiena…..detto questo detto tutto! Arriviamo ad Andria quasi alle 4 del mattino. Alle 7 Fabio e Sabino Chieppa erano già operativi per condurre i ragazzi di AOSTA & BASSA VALLE in Aeroporto a Bari. Una trasferta nella trasferta nonostante la stanchezza di una giornata intensa. Ma abbiamo colto l’occasione per rinnovare la nostra grande amicizia che ci lega a tutti loro oramai da una vita.

La prossima trasferta ci vedrà nuovamente a TORINO contro i Viola di merda con una cinquantina di soci prenotati. Ancora una volta una trasferta di massa.

 

Nella foto gallery sul sito potrete visionare tutte le foto di questa trasferta a Napoli.

 

JC ANDRIA, UNICI ED INIMITABILI!

 

 

 
 
SEMIFINALE DI COPPA ITALIA CONQUISTATA! AVANTI JUVE
 

Ancora un mercoledì di coppa Italia allo Stadium, ancora un pienone di pubblico e passione, ancora una Juve bella e travolgente quella che ha battuto per 3-1 la Roma conquistando le semifinali dove si aspetta di conoscere il nome dell’avversaria che uscirà tra il Milan e il Torino. La Juve ha battuto una buona Roma venuta ovviamente a giocarsi la partita. Ancora una volta è stato Cristiano Ronaldo a sbloccare il risultato con una delle sue spettacolari reti in un momento in cui la Roma stava tenendo bene il campo. Poi di li la Juve ha messo la Roma ko come un pugile quando viene messo al tappeto. Bentancur e Bonucci gli autori delle altre due reti che hanno mandato le squadre negli spogliatoi sul risultato di 3-0 per la Juve. Pronti via nella ripresa, la Juve entra in campo troppo sicura di se, troppo sicura di essere già qualificata ed ecco che la Roma ne approfitta andando sul 3-1, poi SuperGigi Buffon dimostra di essere ancora il n. 1 salvando la propria porta dalla possibilità di riaprire clamorosamente la partita. Ma la Juve sfiora poi in diverse occasione la rete della tranquillità riprendendo le redini del gioco. Finisce la partita con il pubblico in festa per quest’altra bella soddisfazione regalataci dalla squadra che lo ribadiamo inizia ad essere sempre più a immagine e somiglianza di Mister Sarri. Roma nuovamente purgata nel giro di pochissimi giorni! Da sottolineare anche la buona prova di tifo della Curva Sud tornata finalmente su buoni livelli seppur senza gruppi e senza striscioni. Ma qualcosa inizia finalmente a muoversi sul sostegno alla squadra. Anche al Club noi ci siamo ritrovati in un buon numero per seguire la partita nonostante fosse in diretta RAI, ma stare assieme ci piace, ci rende sempre più una grande famiglia ed ecco perché ogni occasione è per noi buona per fare gruppo. Da sottolineare come la parte più calda del Club, quella che stazione in piedi sul fondo della sala, ad ogni gol della squadra abbia accolto gli stessi cantando in coro….”Champagne per brindare a un incontro…..” la mitica canzone di Peppino Di Capri….che ridere ragazzi!

In 6 i nostri soci saliti su a Torino che nonostante i pochissimi giorni a disposizione per potersi organizzare sono riusciti nell’intento individuando la miglior soluzione possibile ovvero l’aereo con classico pernottamento a Torino presso l’Hotel Due Mondi in zona Porta Nuova. Partiti al pomeriggio di mercoledì da Bari sono rientrati all’ora di pranzo di giovedì. Alle 20,00 erano sui gradoni della Sud come sempre in basso a sinistra con la nostra nuova bandiera tricolore e la pezza per Alberto oltre alla classica divisa di ordinanza come cappello, felpa e giubbotto griffati Andria Presente. Un grazie a Vincenzo Quacquarelli, ai soliti Davide e Giorgio, a Roberto e Francesca oltre a Gianfranco per esserci stati, per aver risposto presenti in rappresentanza del Club ad un quarto di finale di Coppa Italia. Vi fa tanto onore questa presenza! A fine gara una birra di gruppo prima di andare a nanna visto il freddo preso.

Adesso si torna a pensare al campionato dove ci attende la difficilissima e dura trasferta a Napoli. Da sempre l’ambiente partenopeo si surriscalda quando arriva la Juve. Così sarà anche questa volta seppur la sfida non avrà la valenza delle passate stagioni, quando ai piedi del Vesuvio si sognava di tornare campioni…..sognate…sognate ancora……

Sarà una partita da provare a vincere almeno per mantenere inalterato il vantaggio in classifica sull’Inter. Sugli spalti non ci saranno molti tifosi della Juve, anzi scoraggiati dal prezzo o forse più dall’ambiente ci si ritroverà in meno di 200 unità a sostenere la Juve. Tra questi anche i nostri 44 soci che partiranno in pullman da Andria. La coerenza avrebbe voluto che visto il prezzo anche qui non saremmo dovuti esserci ma Napoli resta sempre Napoli, una delle trasferte da sempre considerate più calde….dunque allo stesso tempo più belle, dunque dopo anni di divieti e imposizioni varie in questa stagione abbiamo pensato di esserci per riprovare l’ebbrezza di una trasferta “vecchio stile…”. Tornando alla questione dei prezzi oramai qui ognuno fa come li pare….eppure Napoli costa poco più di Roma dove il settore era comunque pieno per oltre la metà. Poi non dimentichiamo che all’andata anche la nostra Società ha purtroppo imposto lo stesso prezzo ai tifosi napoletani, dunque era logico aspettarsi lo stesso trattamento. Torniamo al solito discorso….che sin quando le società non si siederanno attorno ad un tavolo con la Lega per stabilire una linea unica sui prezzi dei settori ospiti, continueremo ad assistere a questi assurdi rialzi dei prezzi soprattutto a nostro danno.

Assurdo anche il divieto imposto ai residenti in Piemonte seppur in possesso di tessera del tifoso….

 

OLTRE LA FINE, SEMPRE AL TUO FIANCO!

 

 

 
 
LA JUVE A + 4 SULL’INTER!
 

L’ultimo turno di campionato ci ha regalato la prima vera mini fuga della stagione. Un vantaggio di 4 punti sulla seconda in classifica non lo si era mai registrato da agosto ad oggi. Grazie al pareggio dell’Inter sul campo del Lecce e alla vittoria della Juve nel posticipo domenicale contro il Parma i punti di vantaggio in classifica sono saliti a 4. Un piccolo ma importantissimo tesoretto che bisognerà cercare di difendere e possibilmente ampliare. Per far si che ciò accada bisognerà vincere sempre per approfittare di ulteriori passi falsi, ad iniziare dal prossimo e difficile turno che ci vedrà impegnati a Napoli contro i partenopei che sicuramente proprio contro di noi cercheranno di fare la partita dell’anno considerando anche il ritorno di Sarri li sul loro campo. Contro il Parma, sarà stato l’obbligo di vincere a tutti i costi per approfittare del passo falso dell’Inter, sarà stata la temperatura fredda che si registrava a Torino, sarà stata la stanchezza di mercoledì in Coppa Italia, sarà stato anche il Parma davvero ben messo in campo, ma la Juve non ha propriamente brillato e soprattutto convinto nella manovra apparsa lenta ed a tratti prevedibile. Eppure nonostante ciò la Juve dopo essere passata in vantaggio con il solito Cristiano Ronaldo ha subito sfiorato il raddoppio prima con Ramsey poi con Danilo per poi iniziare a lasciare nella ripresa spazio e campo ai gialloblu che ne hanno subito approfittato pervenendo al pareggio su colpo di testa da palla inattiva, vecchio problema ripresentatosi. Per fortuna che in squadra abbiamo campioni del calibro di Dybala e CR7 che hanno in pratica confezionato subito dopo il 2-1 messo a segno ancora da Ronaldo autore della doppietta decisiva. Di li in poi continui ribaltamenti di fronte con il rischio del pareggio corso in almeno due circostanze. L’importante era vincere è la Juve lo ha fatto, ma dobbiamo assolutamente evitare di correre questi rischi perché abbiamo un potenziale di squadra che non deve assolutamente trovarsi in queste condizioni. Adesso siamo attesi dalla sfida secca contro la Roma nei quarti di finale della Coppa Italia, una sfida da vincere a tutti i costi visto che si giocherà sul nostro campo. Bisogna assolutamente conquistare le semifinali di una competizione in cui vogliamo arrivare sino in fondo. La Roma è una avversaria difficile da affrontare soprattutto quando gioca in trasferta, pertanto ci vorrà attenzione massima e soprattutto cattiveria è voglia di lottare su ogni pallone. Solo così l’obiettivo sarà sicuramente raggiunto. Anche contro il Parma un manipolo di nostri soci si è arrampicato su a Torino tra chi comodamente in aereo e chi in auto come Antonio Liso. Alla fine si sono ritrovati su tra chi in Sud 1 dietro la nostra pezza per Alberto ed il nostro nuovo tricolore griffato Andria Presente e chi in tribuna. In 10 a rappresentare tutto il club in una serata freddissima. A inizio partita il tributo ad un grande campione bianconero del passato come Pietro Anastasi che alla vigilia del match contro il Parma ci ha lasciati. Il minuto di raccoglimento dello Stadium come al Club è stato di un silenzio glaciale, rotto poi dal lungo ed affettuoso applauso verso un grande uomo prima che calciatore. Tifo come sempre a tratti ma da apprezzare che qualcosa finalmente inizia a muoversi. Non riusciamo proprio a non cantare a non sostenere la squadra, bisogna farlo ed a gran voce pure ma purtroppo non tutti coloro che oggi popolano la Sud vengono predisposti per farlo. Terminata la gara i nostri arrivati allo Stadium hanno anche in questa occasione pernottato tutti su per poi fare rientro a casa il lunedì. Onore a loro da Andrea Leonetti agli immancabili Giorgio e Davide. Solita foto di rito a inizio e fine partita, tutto come sempre inserite nella fot gallery qui sul sito. Al Club altro pienone, solita goliardia, sofferenza nei minuti finali per poi esplodere di gioia al triplice fischio dove si cantava….”ehhhh se ne va….la capolista se ne va….”


Continua il tesseramento al Club che ci vede attestati a quota 830 tessere sottoscritte, un risultato eccezionale anche per questa stagione. Chi vorrà farlo lo può ancora fare, ma se viene con l’intenzione di farlo solo per poter assistere a Juve – Inter….bene, che se ne stia a casa. Non abbiamo bisogno di questa gente, ma di gente che deve credere nel gruppo prima e nella Juve poi. Tesserarsi al Club significa frequentarlo, viverlo, partecipare prima alle trasferte meno importanti o più difficili, poi magari conquistarsi la possibilità di esserci anche nei big match.


Da segnalare ancora grandi numeri nelle prenotazioni delle prossime ed imminenti trasferte come Napoli e Juve – Fiorentina. Siamo un qualcosa di davvero incredibile per la passione che ci mettiamo nel seguire la Juve in ogni dove, nonostante le difficoltà dettate spesso dal costo eccessivo dei tagliandi. 


 


A MODO NOSTRO SEMPRE….ONORE!


CIAO PIETRUZZU ANASTASI RESTERAI PER SEMPRE NEI NOSTRI CUORI!



 

 
 
LA JUVE AI QUARTI IN MODALITA’ “PLAYSTATION”
 

Gli ottavi di finale della Coppa Italia contro l’Udinese ci hanno regalato una delle più belle prestazioni stagionali della Juventus targata Maurizio Sarri, la cui idea di gioco, la cui mentalità, il cui credo, si sono visti per tutta la durata del match contro i friulani vinto per 4-0 ma che avrebbe meritato un risultato ancora più pesante. Quello che ha maggiormente impressionato della sfida che valeva il passaggio diretto ai quarti di finale della Coppa Italia è stata l’aggressività dal primo all’ultimo minuto, con il raddoppio sul portatore di palla avversario che ha garantito sempre il recupero del pallone nelle poche occasioni in cui veniva perso. Per non parlare del fraseggio di prima ed anche in spazi strettissimi. Il primo gol della Juve di Gonzalo Higuain è stato da manuale del calcio con un continuo scambio con Paulo Dybala in mezzo ad un mucchio selvaggio di gambe avversarie. Sembrava un azione della playstation….tutti in piedi con lo Stadium in delirio. 40.000 spettatori per un ottavo di finale di Coppa Italia in un freddo mercoledì di gennaio sono un qualcosa di straordinario. Da segnalare anche i 17 tifosi dell’Udinese arrivati a Torino. Poi la Juve raddoppia con Dybala su calcio di rigore. Annullano un'altra rete al Pipita per fuorigioco ravvisato dal Var per poi nella ripresa mettere a segno un'altra rete da cineteca di Dybala alla “Del Piero” e Douglas Costa ancora su calcio di rigore. Di mezzo pali, grandi giocate ed applausi a scena aperta del pubblico all’uscita di Dybala. Insomma una gran bella serata in cui la Juve si è regalata il passaggio ai quarti di finale dove affronterà mercoledì 22 gennaio la Roma che ha espugnato il Tardini di Parma. Bravi bravissimi, se la Juve davvero inizierà a giocare su questi livelli sarà davvero un gran bel vedere. Anche chi ha giocato meno sin qui si è ben comportato a dimostrazione della compattezza del gruppo. Adesso testa bassa e pedalare perché abbiamo fatto semplicemente il nostro dovere. Quindi nessuna facile euforia con testa tutta rivolta al prossimo impegnativo match di campionato contro il Parma che sta facendo una gran bella stagione. Inizia il girone di ritorno. Da adesso in avanti ogni passo falso può costare caro. Al Club nonostante la diretta RAI ci siamo ritrovati comunque in una cinquantina di persone anche per festeggiare due compleanni, quello di Eligio Fucci che ha offerto il “salato” e quello di Tonia Terlizzi che ha offerto il “dolce”. Ancora una volta i nostri soci dimostrano tutto l’attaccamento nei confronti del Club, sinonimo di un ambiente sano, un ambiente compatto, un ambiente unico! Grande euforia anche in sede dunque con la solita immancabile goliardia del gruppo più caloroso del Club. Complimenti anche ai nostri 4 soci presenti su a Torino per assistere dal vivo alla sfida. Giorgio Nicolamarino, Davide Leonetti, Davide Sgaramella e Maria Scamarcio i quattro temerari che ci hanno rappresentato. Posizionati sempre al Gate 122 nelle file basse hanno sventolato il nostro tricolore, accompagnando i diversi cori partiti dal resto della curva ed esibendo l’immancabile pezza per Alberto. A fine gara si lasciano ritrarre spalle al campo (foto articolo) per poi pernottare tutti su e fare rientro all’indomani, così come sarà anche nel prossimo turno di Coppa Italia per il quale si è avuto pochissimo tempo per organizzarsi, ma riusciremo comunque a garantire la nostra tradizionale presenza li sui gradoni della Sud. Intanto domenica sera altra presenza seppur esigua a Torino contro il Parma. 10 saranno i soci a rappresentarci tra chi salirà in aereo e chi in auto.

ONORE A NOI SEMPRE PRESENTI!

 

 
 
RACCOLTI 3.000 EURO PER GABRIELE. ONORE A NOI!
 

Domenica 12 gennaio in occasione della partita Roma – Juventus, abbiamo ufficialmente concluso la nostra iniziativa benefica collegata alla tradizionale festa natalizia, tenutasi lo scorso 27 dicembre. Quest'anno come oramai noto abbiamo sostenuto il piccolo GABRIELE CAPURSO un ragazzino andriese di 14 anni affetto da una terribile distrofia muscolare, la duchenne, una delle più tremende! Sin da subito la sua storia, raccontataci dal papà Saverio, ci ha colpiti. Lo abbiamo visto frequentare il Club settimana dopo settimana con la sua sedie a rotelle. Lo abbiamo visto gioire per un gol della nostra Juventus. Quello che abbiamo fatto va oltre ogni più rosea immaginazione. Aver raccolto ben 3.000 euro, frutto della lotteria e delle tante donazioni volontarie ci ha fatto comprendere quanto grandi siamo. La sensibilità dimostrata da tutti noi non ha eguali. 3.000 euro non cambiano certamente la vita ma aiuteranno la famiglia ad affrontare il percorso della malattia con più serenità ma soprattutto con più forza, quella che tutti noi siamo stati capaci di trasmettere loro. Alla presenza di oltre 200 soci, come testimoniato dalle foto inserite nella gallery di Roma – Juve, domenica sera abbiamo consegnato l'assegno simbolico e la ricevuta del bonifico eseguito tra gli applausi ed i ringraziamenti della famiglia Capurso con Gabriele ovviamente li presente. Anche lo Juventus Club Barletta non ha fatto mancare il suo sostegno all'iniziativa presenziando alla cerimonia di consegna con il Presidente Luigi Zagaria e due componenti del Club a dimostrazione del nostro solido legame di amicizia. La prossima mission sarà portare Gabriele a Torino per assistere ad una gara della nostra Juventus all'Allianz Stadium. Un sentito ringraziamento va a Mario Borraccino giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno per l'attenzione dimostrata nei confronti dell'iniziativa oltre alla Redazione di AndriaLive per l'articolo dedicato al piccolo Gabriele. Grazie a tutti i soci e simpatizzanti che hanno contribuito a questa grandiosa raccolta fondi dimostrando che lo JUVENTUS CLUB ANDRIA è davvero tanta ma proprio tanta roba!

FORZA GABRIELE, AVANTI NOI! INSIEME VINCEREMO LE PROSSIME SFIDE!

 

 
 
LA JUVE “SBANCA” ROMA ED E' CAMPIONE D'INVERNO
 

La Juve torna ad espugnare l'Olimpico di Roma sponda giallorossa dopo quasi 6 anni dall'ultima affermazione. Vincere a casa della Roma non è mai stata semplice da sempre. Averlo fatto nella giornata più importante acquisisce un valore ancora più grande. Giornata importante perchè l'Inter veniva dal pareggio casalingo abbastanza fortuito contro l'Atalanata è per essere campioni d'inverno bisognava vincere ad ogni costo. Non era semplice farlo ma la Juve lo sappiamo che quando è chiamata a fare risultato a tutti i costi riesce sempre nell'intento! Ribadiamo quello che da anni affermiamo: il titolo di campioni d'inverno non serve a nulla, ma lasciato a “quelli la....” avrebbe dato fastidio! Dunque bene così, Juventus prima con quelli la sempre dietro ad inseguire. Ristabilito l'ordine. Adesso inizia la lunghissima volata verso il titolo, fatta di altre 19 tappe. Noi partiamo in pole position....per poter poi festeggiare a maggio quando realmente conta come da 8 anni a questa parte!

1-2 il risultato finale, con i gol della Juve arrivati nella parte iniziale del match dove la Juve ha approfittato di una Roma in bambola. Prima Demiral poi Cristiano Ronaldo su calcio di rigore avevano portato sullo 0-2 i bianconeri. Poi la Juve ha solo gestito il doppio vantaggio rischiando qualcosa nel finale di primo tempo concedendo delle insidiose punizioni ai giallorossi che sono stati rimessi in pista nel secondo tempo a causa di un ingenuo fallo di mani di Alex Sandro. Di li poi ordinaria amministrazione per la nostra difesa che ben si è comportata con la terza marcatura sfiorata in due occasioni ed arrivata grazie ad Higuain ma annullata per questione di centimetri. Assurdo, non si possono annullare reti del genere.....un lutto per il gioco del calcio! Ma alla fine con qualche sofferenza la Juve ha condotto in porto una vittoria come detto fondamentale. Una partita che ha purtroppo registrato i due gravi infortuni al nostro Demiral e al romanista Zaniolo, cuore bianconero....entrambi accomunati dallo stesso destino. Peccato perchè trattasi di due giocatori davero bravi. Il nostro Demiral aveva acquistato da qualche settimana la fiducia del mister che lo stava schierando titolare. Adesso lo abbiamo perso per tutto il proseguo della stagione una perdita importantissima se pensiamo che in quel ruolo abbiamo già Capitan Chiellini fuori. Adesso tutto sarà nelle mani di Bonucci, De Ligt e Rugani in attesa di recuperare definitivamente proprio il Chiello! In bocca al lupo ai due calciatori, anche al romanista Zaniolo al quale auguriamo una pronta ripresa magari in tempo utile per partecipare all'Europeo con la nostra nazionale. Al Club una affluenza da record domenica sera. Sembrava una gara Champions. Davvero incredibili i numeri che stiamo registrando presso la nostra sede, sinonimo di grande attaccamento prima al Club, poi ovviamente verso la squadra. Del resto non avendo organizzato la trasferta a Roma in via ufficiale per via dell'assurdo prezzo del biglietto, tutti ci siamo riversati in sede. Nonostante la mancata organizzazione della trasferta oltre dieci soci sono comunque partiti verso Roma posizionandosi chi nei distinti ospiti come Vittorio Tesoro, Marco e Giuseppe Lambo e chi invece tra Curva Nord, Montemario e Tevere, immischiati ai romanisti e godendo come matti alla fine per la vittoria. Tanti i video arrivati dalle varie angolazioni dell'Olimpico sia al SIUUUUUU che ha accompagnato l'ennesima rete di CR7 che al saluto della squadra a fine gara sotto il settore. Insomma anche a Roma i tifosi della Juve erano in ogni dove, molti imboscati ma c'erano. Noi come detto non abbiamo assolutamente voluto darci in pasto alla SOCIETA' DI MAGNACCIONI quale si è confermata essere l'AS ROMA per il terzo anno di fila, applicandoci un prezzo a dir poco assurdo di 65 euro comprese le varie prevendite Vivaticket e ricevitoria......Se i tifosi del Parma hanno deciso di disertare la trasferta a Torino di domenica prossima stante il prezzo del settore ospiti a 43 + prevendita, noi allora cosa dovremmo dire????? 

PREZZI POPOLARI PER SETTORI POPOLARI! Abbiamo lasciato liberi i soci che hanno voluto comunque esserci seppur autonomamente. Da apprezzare l'aver voluto da parte loro rappresentare il club con tanto di sciarpa ANDRIA PRESENTE, ritratta con sullo sfondo la Sud giallorossa.

Al Club si è poi svolta, tra il primo ed il secondo tempo della partita, la cerimonia di consegna dell'importo dei 3.000 euro rinveniente dalla raccolta fondi posta in essere in favore del piccolo Gabriele in occasione della nostra tradizionale festa natalizia. Bellissimo gesto da parte di tutti noi di cui vi raccontiamo in articolo a parte.

Testa alla gara di Coppa Italia che ci vedrà contendere i quarti di finale all'Udinese. In 4 i nostri soci che ci rappresenteranno come al solito dai gradoni della Curva Sud!

JUVENTUS CLUB ANDRIA, A MODO NOSTRO SEMPRE!

 

 
 
NUOVO ANNO VECCHIE E “SANE” ABITUDINI!
 

Innanzitutto carissimi soci e lettori di questo sito, siamo qui a formularvi ancora una volta i nostri più cari auguri di un Buon Anno 2020 che possa essere pieno di soddisfazioni sportive come lo sono stati i precedenti 8! A chi invece viene a sbirciare nel nostro sito, a chi vive di invidia, a chi vive di insoddisfazioni, a chi vive odiando la Juve, non possiamo che augurarVi tanti altri anni come gli ultimi. Questo vi meritate visto che le vostre squadrette dalla Serie A all’Eccellenza vi regalano soltanto amarezze e dolori. Chiusa questa doverosa parentesi ci tuffiamo nel primo articolo del nuovo anno. Come recita il titolo, nella prima partita dell’anno sia la Juve che il nostro Club hanno voluto ribadire le vecchie e sane abitudini a cui siamo abituati. Ovvero vincere e soprattutto seguire la Juve dal vivo in gran numero. La Juve alla ripresa del campionato nella giornata dell’Epifania ha riservato a noi tifosi una calza piena di tanti gol. 4-0 il risultato finale con Cristiano Ronaldo in gran spolvero autore della sua prima tripletta italiana nel campionato, la seconda da quando alla Juve, la prima l’aveva rifilata all’Atletico Madrid in Champions. Una gara che la Juve ha comandato dall’inizio alla fine, con un Cagliari che è stato sempre limitato nel gioco e nelle ripartenze da una Juve cinica, attenta e spesso spettacolare nella manovra che aveva visto qualche difficoltà di troppo nella prima frazione chiusasi infatti sullo 0-0. Poi al primo errore difensivo dei sardi la Juve ne ha approfittato. Di li in avanti la “scatoletta” delle sardine….è stata aperta con la Juve che ha pigiato il piede sull’acceleratore. Di Higuain subentrato ad un bravissimo ed applaudito Dybala, l’altra rete. Bene così, adesso bisogna macinare punti e vittorie sino alla ripresa della Champions, bisognerà gioco forza cercare di staccare l’Inter per arrivare allo scontro diretto con un vantaggio in classifica. Noi ci crediamo più di ieri, crediamo nel gioco e nelle idee di Maurizio Sarri così come crediamo nella nostra ampia rosa che pochi in Europa possono permettersi. Anche noi abbiamo iniziato l’anno alla grande così come ha fatto la squadra. Arrivare a Torino in ben 41 unità per uno Juventus – Cagliari è un qualcosa di semplicemente grandioso, che in pochi possono permettersi di fare. Un bus con tante donne e bambini, un'altra bellissima trasferta targata Juventus Club Andria che ha dimostrato tutta la sua grandezza, tutte le sue capacità organizzative, tutta la sua mentalità. Solo applausi per questi soci partiti domenica sera alle 20 da Andria è rientrati all’alba del martedì mattina in tempo utile per far ritorno al lavoro o a scuola dopo le lunghe vacanze natalizie. Oramai i nostri numeri sono così importanti che fanno arrossire chiunque. Oltre 800 soci (ad oggi per la precisione siamo a 815), un seguito nelle trasferte incredibile fanno del nostro Club i numeri 1 non solo a livello di Juve ma in generale sul territorio ed oltre….Giunti a Torino alle 08,30 circa, dopo aver fatto all’alba la consueta lotteria a bordo bus che ha visto in palio la terza maglia della Juve di Paulo Dybala, vinta dalla figlia del nostro segretario Fabio! Poi foto di gruppo sotto allo stadio con lo striscione dedicato ad Alessandro Matera, lo sfortunato ragazzo andriese, figlio di Tonino e nipote del nostro MASSIMO, deceduto prima di Natale. Poi un gruppo si è recato in centro sotto le direttive di Riccardo Matera e Giorgio Nicolamarino mentre il restante gruppo è andato sotto la guida di Fabio a fare il tour dello Stadium & Museum. Alle 12,30 erano già tutti al bus per uno spuntino pre partita, per poi alle ore 13,15 fare ingresso quasi tutti nella Sud primo anello. Qualche birretta qua e la per poi posizionarsi tutti sui gradoni in basso alla sinistra della curva con la nostra nuova bandiera tricolore a sventolare e l’immancabile pezza per Alberto Tesoro. Segni di ripresa del tifo nella nostra curva, a sprazzi ma meglio rispetto alle gare precedenti. E’ pur sempre un inizio. Bello vedere la compattezza dei nostri 30 soci in Sud tutti assieme disposti su tre file. Mentalità! Alla fine della gara tutti felici e contenti si lasciano ritrarre spalle al campo nella consueta foto di rito. Poi subito al bus per ripartire immediatamente considerando che al mattino seguente si aveva tutti la fretta di dover tornare al lavoro. Sosta per cena abbastanza movimentata visto che gli autogrill erano tutti stracolmi di gente. Alla fine riescono a trovare un autogrill meno incasinato ma con il self service chiuso…..accontentandosi dei soliti panini. Giungono ad Andria all’alba stanchi ma prontissimi per affrontare una giornata di studio o lavoro. Davvero complimenti a questi 41 soci che hanno in gran numero rappresentato tutto lo JUVENTUS CLUB ANDRIA in quest’altra trasferta. Belli vederli tutti con il nuovo cappellino in lana griffato ANDRIA PRESENTE, in testa. Con il materiale del Club ci sentiamo sempre più orgogliosi di appartenere a questa famiglia.

 

RITIRO TESSERE E REGALI

Ricordiamo a tutti i soci che continua la consegna per tutti di tessere e cappello in lana in omaggio o in occasione delle partite della Juventus, oppure in settimana previo accordi telefonici al 320 6209445.

 

RIEMPIAMO LA NOSTRA SEDE CONTRO LA ROMA!

 

Per il terzo anno di fila abbiamo deciso di disertare ufficialmente la trasferta all’Olimpico per la partita Roma – JUVENTUS. Anche in questa stagione l’AS ROMA si è superata nel prezzo del biglietto del settore ospiti con ben 65 euro compresa la prevendita. Cifra vergognosa ed assurda quella che continua ad applicarci la società capitolina. Noi coerentemente alla nostra decisione intrapresa oramai da tre stagioni, non ci saremo in via ufficiale.

A queste cifre non ci stiamo.

Abbiamo ovviamente lasciato liberi i soci di decidere senza precludere la possibilità di esserci a chi voleva farlo. In 5 saranno cmq presenti nel settore seppur come detto non in maniera ufficiale.

In occasione della partita di Roma inoltre, visto che saremo tutti in sede, ne approfitteremo per concludere ufficialmente l’attività benefica posta in essere in occasione della nostra tradizionale festa natalizia, tenutasi lo scorso 27 dicembre presso il DENNY’S PUB. Consegneremo infatti tra il primo ed il secondo tempo della partita, il ricavato della lotteria e delle somme devolute in maniera anonima e volontaria da parte di diversi soci, alla famiglia del piccolo Gabriele Capurso tifoso juventino che frequenta il nostro club affetto dalla distrofia muscolare duchenne, il quale necessita di cure costanti presso l’Ospedale Gemelli di Roma. Sono stati raccolti ben tremila euro (3.000,00), una somma record mai raggiunta prima in altre analoghe attività del nostro Club. Una somma che è stata già bonificata sul conto corrente intestato proprio al piccolo Gabriele. Ancora una volta ci siamo superati, vincendo non solo in campo, non solo sugli spalti ma soprattutto fuori dal campo.

ORGOGLIOSI DI NOI!

 

Nella foto gallery sul sito potrete visionare tutte le foto di quest’altra bellissima trasferta contro il Cagliari.

 

JC ANDRIA, UNICI ED INIMITABILI! AVANTI A MODO NOSTRO!

 

 
 
 
             
 
 
 
 
             
 
 
 
Juventus Club Andria "Giovanni Agnelli" - Via Enrico Dandolo 37/39 - 76123 Andria
Info line 320/6209445 - Sede: 0883 1983534 - info@juventusclubandria.it - Webmaster: Domenico Mosca

 
Sito non ufficiale in quanto tutti i marchi e i loghi (Juve, Juventus e Scudetto) sono di esclusiva proprietà della Juventus Football Club S.p.a..
Il sito non rappresenta un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 /2001 in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. I video, le immagini e i disegni
utilizzati sono tratti da Internet e quindi sono da ritenersi di pubblico dominio, in caso di violazioni comunicarlo a info@juventusclubandria.it,
provvederemo alla pronta rimozione.