Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS

 
ULTIME NEWS
   
dot JUVE AGLI OTTAVI DI FINALE DELLA CHAMPIONS! SUPERATA QUOTA 800 SOCI

dot “SPAL...LATA” AL CAMPIONATO!

dot 28 NOVEMBRE ASSEMBLEA DEI SOCI

dot ANDRIA&BASSAVALLE: FRATELLANZA AD OLTRANZA

dot AUGURONI ALBERTONE NOSTRO

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
   
 
ASSEMBLEA DEI SOCI: IL DIRETTIVO SI "RAFFORZA"
 
Lo scorso 28 novembre, alla presenza di una buona rappresentanza di soci, si è tenuta alle ore 20,00 in seconda convocazione, presso la sede dello Juventus Club Andria sita in Via Enrico Dandolo n. 39, l'assemblea di tutti gli iscritti a quella data ed in regola con il versamento delle quote sociali. 
Dopo il discorso introduttivo del Presidente Francesco Nicolamarino che ha elencato tutte le attività sociali svolte nell'ultimo biennio si è data lettura della relazione economica predisposta dal tesoriere Nicola Pisani con l'indicazione degli utili rinvenienti dalle ultime due stagioni sportive (2016/2017 e 2017/2018) che vanno a sommarsi all'utile che si aveva al termine della stagione sportiva 2015/2016. Chiunque dei soci volesse prendere visione della relazione con relativo quadro economico può richiederne una copia agli uffici della Segreteria del Club. La relazione dopo alcuni interventi da parte dei soci presenti è stata approvata. Il Presidente ha poi rimarcato come sia sempre più necessario avere "forza/lavoro"all'interno del Consiglio Direttivo, vista la crescita numerica del Club oltre che della partecipazione alla trasferte che comporta un supplemento di lavoro per gli attuali componenti del Consiglio Direttivo che prestano la loro collaborazione solo per pura passione. Si ringraziano tutti quei soci che pur non facenti parte del Direttivo forniscono un prezioso apporto alle svariate attività del Club. Per questa motivazione il Presidente ha richiesto all'Assemblea dei Soci di deliberare l'aumento dei componenti dell'attuale consiglio direttivo da 9 a 11 unità. 
L'assemblea all'unanimità dei presenti vota la riconferma di tutto il Consiglio Direttivo già in essere oltre all'aumento di n. 2 unità che il Presidente individua nei seguenti soci:

- CHIEPPA SABINO  
- FIANDANESE MARCO

Gli stessi soci individuati e presenti all'Assemblea, accettano l'incarico che sarà ratificato nella prima riunione utile del consiglio direttivo.

Seguono altri interventi per poi dare inizio alla consegna delle Tessere Official Fan Club stagione 2018/2019 con in regalo lo splendido sciarpone in doppia lana e celebrativo dei 15 anni di vita del Club. Viene ricordato come il gadgets puntualmente fornito a tutti i soci venga sempre realizzato a spese del Club non della Juventus.

Si rinnova anche la collaborazione con Domenico Mosca quale responsabile per la gestione del sito internet del club.

Al termine dell'incontro si è festeggiato il 44° compleanno del Segretario Fabio Attimonelli che ha chiuso l'incontro con un bellissimo intervento applaudito da tutti i presenti. 

JUVENTUS CLUB ANDRIA, SEMPRE UN PASSO AVANTI! 
 

 
 
JUVE AGLI OTTAVI DI FINALE DELLA CHAMPIONS! SUPERATA QUOTA 800 SOCI
 

Il primo obiettivo stagionale seppur minimo è stato raggiunto. La qualificazione agli ottavi di finale della Champions arriva questa volta con un turno di anticipo rispetto alle ultime annate quando si doveva aspettare sempre l’ultima giornata per sperare di qualificarsi, per di più come seconda o attendendo altri risultati. Quest’anno la Juve ha dimostrato di avere maggiore consapevolezza della propria forza, maggiore esperienza e soprattutto un atteggiamento mentale da squadra finalmente autoritaria, capace di fare la partita contro qualunque avversario. Per la cronaca non siamo ancora primi matematicamente è per farlo dovremo andare a vincere anche a Berna nell’ultimo turno, ma potrebbe forse bastare anche un pari o addirittura una sconfitta se il Manchester Utd. dovesse non andare oltre il pareggio a Valencia. Vincere aiuta a vincere ed allora anche a Berna la Juve dovrà fare bottino pieno per continuare nella striscia di vittorie consecutive fuori casa, sarebbe la sesta di fila. Altri risultati non dovranno esistere.

Dopo averlo battuto a domicilio la Juventus batte nuovamente il Valencia, questa volta 1-0 allo Stadium. Dopo un primo tempo così e così non proprio convincente con Szczesny che salva la nostra porta sul finale della prima frazione di gioco, ecco che nella ripresa la Juventus scende in campo con la voglia di far sua la partita ed ancora una volta un invenzione del “marziano” Cristiano Ronaldo mette nelle condizioni Marione Mandzukic di siglare una rete facile facile. Potremmo raddoppiare ma la Juve si sa, ama farci soffrire sino al termine. Contava solo vincere dopo il passo falso casalingo contro lo United, contava solo arrivare agli ottavi di finale è ci siamo arrivati. Adesso da febbraio avrà inizio per noi la vera Champions. Da allora in poi non bisognerà più sbagliare nulla, da allora in poi nella testa dovranno avere soltanto il verbo VINCERE! Anche contro il Valencia un nutrito gruppo di soci è arrivato su per rappresentare l’intero Club. Quasi 30 persone partite, chi in Pullman organizzato assieme ad altri club pugliesi, chi con treno o aereo. Insomma come sempre pur di esserci i nostri soci non si fanno mancare mai nulla. Molti erano alla primissima volta a Torino, emozionati ed entusiasti li abbiamo sentiti a fine gara. Come sempre Giorgio, Maria, Agnese e Davide a fare da ciceroni per tutti oltre a Riccardo Albanese altra vecchia conoscenza. Il gruppetto in Sud si sistema compatto nella parte bassa sulla sinistra della curva. Terminata la gara smontano le pezze tra chi ripartiva subito dopo in bus è chi invece restava a dormire su a Torino per poi ripartire comodamente all’indomani.

Un altra presenza è stata garantita, un altra partita è già alle spalle ed è già tempo di pensare alla trasfertona di Firenze, dove in ben 30 unità il nostro Club sarà presente con un bus che si preannuncia molto “caliente”. Portare tutta questa gente in una trasferta come quella di Firenze è davvero “tanta roba”, ma oramai noi dello Jc Andria non ci stupiamo più per la semplicità con cui si organizzano le trasferte. La mentalità, lo ribadiamo da sempre, non la si acquista al supermercato, la mentalità la si “forma” sul campo è noi in 15 anni abbiamo oramai acquisito una tale mentalità che oggi ne avremmo davvero da vendere ed insegnare…..Qualcuno “dice”…(o pensa….) ma voi non siete “ultras”…siete tifosi di un Club…..eh no….proprio qui la differenza…noi ci sentiamo “Ultras nel cuore e nella mente” è tifiamo la “nostra” squadra a NOSTRO MODO ed a NOSTRE SPESE! Di Firenze ci sarà tanto da raccontare nel prossimo articolo, ne siamo certi vista la partecipazione alla trasferta di numerosi soci che già al solo leggere i nomi ci vien da ridere…..

Al Club martedì sera solito pienone, solita goliardia è solito buffet questa volta offerto dal socio Paolo Ernesto che ha voluto omaggiare tutti i presenti di uno stuzzico salato consumato tra il primo ed il secondo tempo. All’indomani, nell’occasione dell’Assemblea dei soci, abbastanza partecipata, nel corso della quale si è approvata la relazione consuntiva del bilancio 2017/2018, oltre che aumentato il numero dei componenti del consiglio direttivo, riportato a 11, si è anche festeggiato il 44° compleanno del nostro Segretario Fabio Attimonelli che ha voluto brindare con tutti I presenti segno di un attaccamento senza eguali verso il Club! Onore a lui! Ma la notizia più bella in assoluto è stata il raggiungimento e superamento del tetto degli 800 soci un risultato che mai avremmo potuto immaginare all’inizio di questa avventura che dura da ben 15 anni.

Stupende le sciarpe che abbiamo iniziato a consegnare con le tessere, proprio da mercoledi’ sera scorso in occasione dell’Assemblea sociale. Apprezzate da tutti i soci. Altro grande sforzo compiuto da questo Consiglio Direttivo che oramai va spedito come un treno ad alta velocità. La consegna di tessere e sciarpe avverrà alla sera dalle ore 19,30 alle ore 20,45 oppure in occasione delle partite. Adesso testa nuovamente al campionato, ci attende una doppia difficile sfida prima a Firenze poi in casa contro l’Inter. Se dovessimo fare ancora bottino pieno allora si che si potrebbe dire di aver ammazzato il campionato. Facciamolo!

AVANTI NOI, AVANTI JUVENTUS, AVANTI JUVENTUS CLUB ANDRIA!

SEMPRE UN PASSO AVANTI!

 

 
 
“SPAL...LATA” AL CAMPIONATO!
 

La Juve batte la Spal per 2-0 nella giornata in cui il Napoli pareggia incredibilmente in casa contro il Chievo ultimo in classifica...portandosi a +8 in classifica proprio sui partenopei. E' stata un altra partita che la Juve ha vinto senza dover faticare più di tanto contro un avversario attento ed ordinato in campo ma mai pericoloso dalle parti di Perin. Il solito Cristiano Ronaldo e Marione Mandzukic i marcatori dell'incontro che fanno volare la Juve a 37 punti in classifica in 13 giornate di campionato. Una media punti incredibile che sembra non conoscere pause ed ostacoli. Diciamola tutta, quando furono sorteggiati i calendari, avremmo messo tutti una firma se ci avessero detto di arrivare al mese forse decisivo per noi in campionato con un simile punteggio ed un altrettanto simile distacco dalle inseguitrici. Dicembre lo sapevamo sarà il mese che potrebbe davvero dirci il futuro di questo campionato. Se la Juventus dovesse superare anche questo mese con lo stesso passo con cui ha affrontato i precedenti tre mesi, allora si che potremmo iniziare a pensare alla Champions gestendo le forze ed il vantaggio in campionato. Per far si che questo avvenga bisognerà con il vincere  a Firenze sabato prossimo dove noi dello Juventus Club Andria ci presenteremo in massa con ben 30 unità. Tanta roba!

Ma prima di pensare alla trasfertona di Firenze che si preannuncia molto “calda” per la presenza di determinati elementi del nostro Club, dobbiamo pensare alla gara contro il Valencia in Champions che potrebbe finalmente regalarci il pass verso gli ottavi di finale con un turno di anticipo. Per farlo bisognerà prestare molta attenzione per tutta la durata dell'incontro nella speranza che la lezione del Manchester Utd sia servita a tutti, Mister compreso! In Europa si deve attaccare sempre, mai tirare i remi in barca. Vince la competizione chi fa più reti, non chi ne subisce di meno. Tornando alla gara contro la Spal possiamo dire che è stata davvero una splendida giornata sotto tutti i punti di vista,  sia da un punto di vista climatico che, soprattutto, per l'organizzazione della trasferta da parte del nostro Club che ha visto giungere a Torino ben 57 soci con un bus organizzato. Qualcosa di incredibile la passione che ci mettiamo di settimana in settimana che fa ovviamente uscir pazzi tutti coloro che non ci sopportano! Il bello di questo viaggio è l'aver dato la possibilità a tantissimi papà di poter portare con se i propri figli. Almeno una quindicina i bambini a bordo bus che hanno animato è non poco tutto il viaggio. Ma a dire il vero era più difficile tenere a bada i genitori che i bambini. Comitiva molto esuberante e goliardica con tantissimi alla prima trasferta. A guidare il gruppo su a Torino l'immancabile Sabino Chieppa, questa volta accompagnato dal nostro grande ed infaticabile segretario Fabio Attimonelli, supportato dal mitico Pasquale Cipriani oltre che da Marione Zingaro, Giorgio Nicolamarino (se non ci fosse bisognerebbe inventarlo) e da Maria Scamarcio e Agnese Zingaro A bordo bus anche altre due donne quali Maria Magrone, grande trascinatrice e Simona Cifaratti. Insomma comitiva vecchia e nuova con il ritorno allo Stadium di Emanuele Trepiccioni e Nicola Patruno. Bello questo mix di gente vecchia e gente nuova, segno sempre più evidente che questo Club è cresciuto davvero tantissimo. Le prime tre ore di viaggio sono trascorse in un clima di totale allegria con il cibo che andava avanti ed indietro nel corridoio, ma soprattutto il vino e la grappa.....Altra novità è stata rappresentata dalla possibilità per ogni socio di poter caricare il proprio smartphone alla sua postazione. Un altro servizio in più offertoci dalla Ditta Sassi che ha voluto migliorare i servizi a bordo dei propri bus. Soci ovviamente ben felici di quest'altra grande novità. Finalmente, per la gioia degli autisti, tutti crollavano ritornando pimpanti subito dopo Piacenza. Alle 9 erano già su a Torino pronti tutti a vivere questa fantastica giornata. Un gruppo aiutava Sabino nello scarico di tanto ben di Dio che sarebbe poi servito per il mega pranzo come sempre organizzato alla solita nostra trattoria. Fabio si recava alla riunione di tutti i responsabili regionali ed europei tenutasi alla Continassa. Per il grosso del gruppo alle 11,15 aveva inizio il Tour dello Stadium e del Museum. Poi tutti a tavola con i ragazzi del Gruppo Bassa Valle che raggiungevano i nostri alla trattoria. Grande pranzo come sempre organizzato dal nostro Sabino Chieppa. Alle 16 il gruppo della Sud era già in fibrillazione con Fabio che nel frattempo rientrato dalla riunione iniziava a dare disposizioni a tutti. Tutti dentro con Fabio come sempre ultimo ad entrare con Davide Leonetti un altra nuova leva “iniziata” a formare.....Una volta accertatosi che tutti fossero entrati, anche i soci negli altri settori,  il nostro Fabio con Davide entrano dentro nella Sud. Solito giro a salutare i tantissimi amici di curva. I nostri soci erano tutti posizionati dietro lo striscione o nella zona in basso allo stesso, alcuni in primissima linea. Fabio era la solita trottola impazzita, parlava a destra, cantava al centro, parlava a sinistra, andava al bar, incontri di qua, incontri di la, sempre accompagnato dal “fido” Giorgio, suo braccio destro. Poi nella parte finale della partita lo si è visto sbandierare il bandierone TRADIZIONE per poi salire sulla vetrata a far cantare la parte alla sinistra della curva nella parte finale a risultato oramai acquisito. Uno spettacolo! I soci a fine partita erano ovviamente tutti estasiati con i bambini i cui occhi brillavano di gioia per aver visto da vicino Cristiano Ronaldo e la Juventus. Immaginate che sul bus a fine gara proprio i bambini....intonavano il coro....Un solo grido un solo allarme...FIRENZE IN FIAMME...proiettandosi già alla prossima gara....ahahahahhaha adesso che faranno ci vieteranno i bus per le prossime partite?????

Prima di addormentarsi e crollare dalla stanchezza vengono stappate altre due bottiglie una di prosecco e l'altra pensate un po di Champagne portata da Maria Magrone. Di lusso!

Sosta in zona Parma dove in autogrill troviamo l'intera squadra proprio della Spal, i tifosi estensi è qualche sfigato intertriste di rientro da Milano. I classici incroci....ma nulla di che....

Si riparte verso Andria dove si arriva alle 9 di domenica mattina in leggero ritardo per qualche fermata in più..Altra splendida trasferta che ci ha riempito di grande orgoglio soprattutto per la presenza di tutti questi bambini neo tesserati ed appartenenti al quartiere Europa. Nemmeno il tempo di rifiatare che un altra pattuglia di soci (27) è partita per Torino lunedì sera, molti dei quali  a bordo di un bus organizzato in collaborazione con altri Club pugliesi. Insomma siamo sempre in continuo movimento. Al club doppio appuntamento, martedì sera la Champions mercoledì l'Assemblea dei Soci. TUTTI PRESENTI!  

AVANTI JUVENTUS CLUB ANDRIA! A MODO NOSTRO A NOSTRE SPESE.

 

 
 
28 NOVEMBRE ASSEMBLEA DEI SOCI
 
Si porta a conoscenza di tutti gli amici SOCI dello JUVENTUS OFFICIAL FAN CLUB ANDRIA "AVV. GIOVANNI AGNELLI" in regola con il pagamento delle quote sociali stagione sportiva 2018/2019, che presso la sede sociale di Via Enrico Dandolo n. 37/39 è indetta in seconda convocazione per Mercoledì 28 Novembre 2018 alle ore 20,00 l'Assemblea dei Soci che avrà per oggetto il seguente ordine del giorno: 

- Relazione generale del Presidente sulle attività svolte nel biennio 2016/2018; 
- Rendiconto finanziario relativo al biennio 2016/2018; 
- Proposta del Presidente in relazione all'attività del Gruppo Direttivo; 
- Dibattito dell'Assemblea su eventuali problematiche che dovessero evidenziarsi e su nuove iniziative. 

Essendo l'Assemblea dei Soci il massimo momento di crescita del nostro organismo associativo, si invitano tutti i Soci, non solo a partecipare personalmente, ma anche a veicolare al massimo la presente informazione, che viene pubblicata e diffusa solo attraverso Whatsapp, Sito internet ufficiale, Affissione in Sede sociale, oltre che a produrre idee finalizzate ad una sempre più forte crescita e visibilità del nostro Club. 

Al termine dell'Assemblea si procederà alla distribuzione, a cominciare dai presenti, della tessera associativa del corrente anno sociale 2018/2019 e del gadget che annualmente il nostro Club fornisce gratuitamente ai propri soci e che quest'anno sarà celebrativo dei 15 anni di attività del Club! 

Fino alla Fine FORZA JUVENTUS!

Il Consiglio Direttivo 

Andria, novembre 2018 

TUTTI PRESENTI ALL'ASSEMBLEA! 

p.s. le prime tessere e gadget saranno distribuite ai soci che sabato, in maniera numerosa, parteciperanno alla trasferta di Firenze. 
 

 
 
ANDRIA&BASSAVALLE: FRATELLANZA AD OLTRANZA
 
Nelle pause del campionato come da nostra tradizione e consuetudine amiamo ritrovarci per cementare sempre più il nostro rapporto di fratellanza all'interno del club con tutti i soci, vecchi e nuovi che di anno in anno si aggregano a questa straordinaria famiglia chiamata JUVENTUS CLUB ANDRIA ed invidiata da tutti! Invidiata perchè quello che noi riusciamo a fare con estrema semplicità altri possono solo sognare di farlo. Nel corso del weekend appena trascorso abbiamo avuto l'onore ed il piacere di ospitare ad Andria tre rappresentanti del Gruppo Bassa Valle Juventus, Federico il leader, Simone l'anti granata per eccellenza e Cristiano...non Ronaldo, accompagnati in questo viaggio dalle loro mogli e/o compagne con figli. Arrivati venerdì sera in aeroporto a Bari e prelevati da Fabio e Tommy da subito si sono calati nella nostra realtà. Peccato per il brutto tempo che ha condizionato la loro permanenza. Siamo comunque riusciti a fare tutto quello che ci si era prefissi di fare. Venerdì sera una grande prima serata al solito TAPAS DA POLDO dove in quasi 40 persone ci siamo fatti come sempre riconoscere con cori, canti, brindisi ed euforia a mille con la chicca finale dell'inno della Juve cantato a luci spente nel locale oramai sotto il nostro comando, oltre ai cori anti granata per la gioia del mitico SIMO. Un grazie immenso a Ciccio Turi per la disponibilità e pazienza. Soltanto alle 2 abbastanza barcollanti siamo rientrati accompagnando i ragazzi alla struttura dove alloggiavano. Al sabato un giro per il centro città, visita a qualche amico del Club che stava lavorando, per poi alla sera ritrovarsi da SCIUSCIA' dove altri brindisi, altre risate hanno caratterizzato la serata sempre ad alto tasso alcolico. Alla domenica visita del centro storico di Andria, visita al Castel del Monte per poi recarsi a Barletta per il pranzo. Ma il momento migliore doveva ancora arrivare, alla sera quando nel Club abbiamo celebrato il nostro gemellaggio ufficiale, la nostra FRATELLANZA AD OLTRANZA, così come è stata definita, con la consegna da parte loro di uno striscione che riproduce le due storiche pezze che portiamo ogni domenica fianco a fianco in ogni stadio con al centro la scritta DA SEMPRE PER SEMPRE con i colori della Città di Torino. Stupendo vedere l'affluenza dei nostri soci, del nostro zoccolo duro all'interno del Club nonostante fosse domenica sera, una serata da trascorrere con le famiglie, ed invece in tanti, compresi gli amici di Barletta, non sono voluti mancare alla celebrazione di questo momento che resterà per sempre scolpito nelle nostre menti. Discorso del Presidente Francesco Nicolamarino, di Federico Giacosa e di Fabio Attimonelli che hanno ricordato le tappe di questa longeva amicizia nata per caso sui gradoni del vecchio Stadio Delle Alpi. Quanta strada percorsa assieme, quanti km e km fianco a fianco. Al termine birre a go go e apericena offerto a tutti nella sede. Al lunedì passaggio da Trani per una breve visita ed un ultimo pranzo prima di far rientro su Andria per recuperare i bagagli e salutare tutti. E' stato un weekend intenso, emozionante nel segno di una amicizia che va davvero oltre la Juve, oltre tutto. Siamo orgogliosi di questa amicizia con dei ragazzi davvero semplici e straordinari che nonostante siano distanti ben 1.100 km li sentiamo davvero vicini. Come siamo felicissimi della risposta di tutti i nostri soci più storici, la parte più Ultras per intenderci che ha partecipato assieme al Direttivo del Club a tutti i momenti di socializzazione con i ragazzi piemontesi/valdostani. Un altro segno tangibile di quanto grande sia il nostro gruppo, della mentalità che siamo riusciti ad inculcare a tutti voi. Prima viene il Club, prima veniamo noi, poi viene la Juve! 
LA JUVE SIAMO NOI!
 

 
 
AUGURONI ALBERTONE NOSTRO
 
Ciao Alberto, potevamo dimenticarci di te in questo secondo compleanno senza la tua presenza fisica? Ma certo che no, tu forse avrai pensato "ma si sono passati già tanti mesi...potrebbero anche dimenticare...." ed invece eccoci qui a celebrarti ancora una volta come facciamo del resto in ogni maledetta partita da quando quel giorno quel male ha deciso di strapparti a tutti noi, a tutti i tuoi cari. Il 14 novembre avresti compiuto 62 anni, avresti continuato a seguire la tua Juve forse più di prima visto l'arrivo di Ronaldo che ne siamo certi ti avrebbe fatto impazzire di gioia immensa. Avresti voluto seguire la Juve sui campi europei per continuare a rincorrere quel sogno che appartiene a tutti noi. Vogliamo continuare a pensare che tu da lassù stia davvero seguendo noi e la Juve assieme agli altri fratelli che ci hanno prematuramente lasciati, vogliamo immaginarti li con il tuo "trench" e la tua inseparabile sciarpa al collo mentre cerchi di far giungere la tua voce qua giù! Immaginarti così ci fa stare sicuramente meglio. Stupendo il messaggio che Fabio il nostro segretario nella notte del suo compleanno ha voluto inviare ai figli, ai parenti, alla moglie ed a tutti i nostri soci nella chat. 
AUGURONI ALBERTO, BUON COMPLEANNO DA TUTTI NOI. Ti regaliamo questa immagine stilizzata che il nostro grafico Roberto Lomuscio ha voluto realizzare in tua memoria per meglio celebrare il tuo compleanno. 
ALBERTO VIVE! SEMPRE. 
 

 
 
LA JUVE SBANCA SAN SIRO. COME L’ANNO SCORSO…COME L’ANNO PRIMA…
 

Scusateci per il ritardo con il quale “commentiamo” la vittoria (l’ennesima) a San Siro contro il Milan, che alla vigilia più di un pensierino lo aveva fatto su di una vittoria contro di noi, ma ci siamo volute godere sia la vittoria contro i rossoneri che il periodo di relax concessoci dall’ultima pausa campionato del 2018! La Juve ha dimostrato di essere di un altro pianeta rispetto al Milan, sembrato davvero poca roba al nostro cospetto. Ancora una volta la squadra ha dimostrato che di una partita ne riesce a determinare il bello ed il cattivo tempo. E’ stato proprio così anche a Milano, 0-2 il finale a nostro favore, dopo un avvio devastante che ha visto la Juve passare in vantaggio grazie alla rete di Mandzukic ben imbeccato da Alex Sandro, ad un certo punto del primo tempo si stava per rimettere tutto in discussione a causa di un errore di Benatia che ha regalato un calcio di rigore ai rossoneri. Ma evidentemente la sorte aveva deciso così, stabilendo che Higuain contrariamente a quando vestiva la nostra maglia, non dovesse passare una bella serata da ex di turno. Rigore sbagliato ed espulsione poi nel finale di partita dove l’argentino ha letteralmente perso la testa. Lo comprendiamo è ci dispiace pure, perchè lui voleva restare ad ogni costo, come noi lo volevamo ancora con la nostra maglia. Ma la Società ha purtroppo deciso di cederlo al Milan ed eccolo di fronte come avversario. Ci è sembrato stranissimo vederlo con quei colori addosso soprattutto in quello stadio che ad aprile vide il trionfo della nostra Juve grazie ad una sua incredibile rete a pochissimi istanti dalla fine che ci regalò letteralmente lo scudetto ed una vittoria epica contro i “merdazzurri”, per la cronaca la terza squadra milanese! 

Ma torniamo alla sfida prima della pausa del campionato. Nella ripresa la Juve continuava a mantenere il possesso palla dando sempre l’impressione di poterla chiudere da un momento all’altro ma come sempre per riuscire a segnare dobbiamo faticare e non poco. Ma finalmente arrivava la rete della tranquillità proprio con il solito Cristiano Ronaldo che timbra il cartellino anche a San Siro facendo esplodere di gioia i tantissimi sostenitori bianconeri che affollavano come sempre ogni settore dello stadio. Sembrava si giocasse in casa talmente forte è stato il boato ai gol bianconeri, nonostante l’assenza dei gruppi organizzati e club come noi per la protesta sul caro biglietti che hanno lasciato il settore ospiti mezzo vuoto.

Di questa assenza ne abbiamo parlato anche abbastanza nei precedenti articoli è dunque preferiamo non tornare su questo argomento che però vede già delle piccole conquiste visto i prezzi applicati da Fiorentina e Torino nella prossime trasferte, segno evidente che la diserzione dei gruppi ultras e Club nelle precedenti trasferte qualche effetto lo ha generato. Resta assurdo il prezzo applicato dall’AC MILAN che per la prima volta in 15 anni di Club non ci ha permesso di esserci li a San Siro. Peccato soprattutto per gli oltre venti soci che si erano già prenotati da tempo prima dello stop da noi imposto non appena conosciuti i prezzi. Qualche socio ovviamente ha deciso di partire lo stesso facendolo in maniera autonoma ed acquistando biglietti dei settori di casa. In classifica la Juventus ha mantenuto il vantaggio di 6 punti sul Napoli che ha vinto a fatica a Genova, mentre come era logico aspettarsi (prima o poi) l’Inter è crollata sul più bello a Bergamo dimostrando tutta la sua inesperienza e fragilità. Ora nel prossimo turno alla ripresa del campionato ci attende la Spal rivelazione della prima parte di stagione, squadra rognosa ed imprevedibile che già nella passata stagione riuscì ad imbrigliarci nella gara di Ferrara. Bisognerà prestare molta attenzione soprattutto perchè dopo la pausa del campionato non è mai facile ripartire. Genoa docet!

Contro la Spal incredibilmente partirà un Pullman da Andria con ben 55 persone in viaggio. Segno evidente di come oramai siamo cresciuti nella mentalità che porta I soci a seguire la Juve in ogni gara indipendentemente dall’avversario di turno. Questo Pullman ci riempie ancora una volta di più di tanto orgoglio. Tantissime le giovani e giovanissime leve che si metteranno in marcia verso Torino.

Al Club contro il Milan ovviamente, non essendo stata organizzata la trasferta, per i ben noti motivi, ci siamo ritrovati in tantissimi seguendo la partita come se si fosse allo stadio e festeggiando il compleanno del mitico tesoriere Nicola Pisani che ha offerto da bere a tutti. Poi riunione organizzativa di Fabio che ha dettato “i tempi” del weekend successivo, che sarebbe dovuto essere libero ma come sempre noi organizziamo qualcosa durante le pause del campionato. Questa volta avevamo da dedicarci ai ragazzi del GRUPPO BASSA VALLE giunti ad Andria per una tre giorni da sballo per celebrare la nostra storica amicizia ed unione ed i nostri 15 anni di Club, di cui vi raccontiamo con articolo a parte!

0-2 PER CHI CHIAMA DA FUORI MILANO! NON DIMENTICATELO MAI!

JUVENTUS CLUB ANDRIA, SEMPRE PIU’ FATTI, SEMPRE MENO PAROLE!

ROAD TO 800 SOCI!

 

 
 
IL CALCIO E’ DAVVERO STRANO….
 

Quando meno te lo aspetti, quando tutto sta andando per il verso giusto, quando vedi la tua squadra dominare in lungo ed in largo l’avversario, quando vedi un gol, del più forte calciatore al mondo, che da solo vale il prezzo del biglietto, allora mai immagini un epilogo così assurdo! La Juve stava conducendo in porto una qualificazione matematica agli ottavi ed il primo posto nel girone gestendo un vantaggio purtroppo risicato di 1-0 che meritava di essere ben più consistente per tutte le occasioni sprecate, per la sfortuna avuta, per la nostra incapacità di chiudere le partite, diciamolo pure senza problema è questo il nostro più grande difetto! Se a tutto ci aggiungiamo poi il solito “tirare i remi in barca” del nostro Mister che prova sempre a difendere il risultato (sbagliatissimo) ecco che….. prima o poi vieni fregato. E’ successo mercoledì sera contro il Manchester quando nei minuti finali abbiamo subito un “uno, due” micidiale degli inglesi che ha potuto dare fiato alla bocca di un imbecile che corrisponde al nome di Mourinho, uno degli allenatori più sopravalutati che la storia del calcio abbia mai conosciuto. Grazie alla sua dialettica sempre scomposta riesce a mascherare i suoi limiti. Ma lasciamolo perdere, come lasciamo perdere tutti gli “stronzi” venuti a galla dopo questa nostra sconfitta….gli daremmo sin troppa importanza. Tanto la storia, da sempre, rimette subito tutto a posto…..abbiate fede….  

Ribadiamo NOI SIAMO NOI, voi altri non sappiamo chi siete! Peccato aver letteralmente regalato questa vittoria agli inglesi per nostri stupidissimi errori e soprattutto per aver smesso di giocare. Quando impareremo che le gare della Champions si giocano alla morte sino al fischio finale dell’arbitro? La lezione di Monaco di Baviera, di Madrid evidentemente ancora non è servita! Per fortuna siamo ancora nella fase a gironi, dove tutto è assolutamente invariato, dove tutto è rimediabilissimo. Ma immaginate se una sconfitta del genere fosse arrivata nelle sfide dagli ottavi in poi……ci mancherebbe provare anche quest’altra delusione……

Che adesso serva di monito a tutto l’ambiente ma soprattutto all’allenatore ed ai giocatori in campo. Non si può gettare al vento quanto di buono aveva costruito CRISTIANO RONALDO. Un mostro, un giocatore mai avuto nella storia. Le cose più difficili le fa diventare semplicissime. Ma come abbiamo tutti quanti potuto vedere, non basta CR7 da solo per vincere le partite, per vincere la CHAMPIONS. La MALDETTA la vinci solo se tutti lottano allo stesso modo, se tutti non mollano e non arretrano rispetto all’avversario di un solo millimetro. Forza ragazzi ripartiamo da questa sconfitta che servirà di lezione a tutti. Le partite vanno chiuse prima, serve maggior cattiveria, serve maggior concentrazione, serve maggior determinazione. Non si possono sbagliare certi gol come quelli visti sbagliare mercoledì sera. Le traverse, i pali ci stanno (anche quelli abbiamo preso mercoledì), ma non si può non mettere la palla dentro da due passi. Cuadrado e Pjanic lo abbiamo compreso? Già il primo tempo sarebbe dovuto terminare almeno con un 2-0 ed invece all’intervallo eravamo fermi sullo 0-0. Al vantaggio straordinario di Ronaldo è poi seguita un altra serie di occasioni fallite per poi buttarci, come detto, letteralmente nel finale.  1-2 il tabellino della gara, roba da non crederci che ci ha fatto ancora una volta comprendere di come il calcio sia spesso “bastardo”. Adesso in classifica il Manchester, ma anche il Valencia, sono in piena corsa per la qualificazione con la Juve che per blindare il primo posto dovrà assolutamente battere il Valencia nella prossima sfida allo Stadium, dove basterà comunque un punto per qualificarsi agli ottavi.

Adesso ci auguriamo che la rabbia, la delusione per una sconfitta così assurda si trasformi in energia positiva per sconfiggere il Milan in campionato nella difficile trasferta di domenica sera. Siamo nettamente più forti ma lo dobbiamo dimostrare come sempre sul campo.

Incredibile è stata la partecipazione dei nostri soci nella trasferta allo Stadium contro il Manchester. Tanti, tantissimi a decine erano presenti sugli spalti, in ogni settore, arrivati con ogni mezzo, con la solita contagiosa goliardia che ha destato la solita simpatia da parte degli amici di su. Il grosso del gruppo era ovviamente in Sud questa volta tutti in basso in prima linea dietro lo striscione ANTICHI VALORI, perchè ci sentiamo persone degne di essere li dietro!

Ma prima dobbiamo raccontarvi episodi che hanno caratterizzato l’intero viaggio dei nostri. Sin dalla partenza l’euforia era contagiosa per via della presenza di alcuni “elementi” che messi tutti assieme determinano ogni volta “un mix assolutamente pericoloso……”. Che ridere ragazzi. Con Sabino Chieppa a capo della comitiva che non faceva altro che caricare a bordo di tutto di più oltre agli immancabili litri e litri di vino segno evidente che la giornata sarebba stata ad alto tasso alcolemico. Durante le prime ore di viaggio come sempre i soci sono stati deliziati dal nostro tradizionale e ricco “apericena” compreso nel prezzo del viaggio. Come vi coccoliamoooooo…..

Arrivano a Torino per le 10,30 del mattino con Sabino ed alcuni ragazzi volontari che si prestano a scaricare tutto il ben di dio da portare in trattoria, dove dovete sapere il menu lo decidiamo noi……

A tavola si ritrovano ben 50 persone (che spettacolo che siamo) con il vino che iniziava davvero a scorrere a fiumi. I risultati sono ben evidenti dalle foto o video che iniziano ad arrivare in chat. Nello stadio entrano più carichi che mai con Francesco Lorusso autentico mattatore assieme al suo “socio” Alfi Campanile. Che accoppiata ragazzi. Giorgio il solito perfetto organizzatore, riporta l’ordine nel gruppo in curva. Poi arriva Massimo Matera che con la solita combriccola (Fusaro….Buonomo….& C….sapete nulla voi????? ahahahaha) dal basso consiglia i cori al “lanciacori” tra un via vai di birre….Insomma i nostri avrete ben inteso hanno davvero dato spettacolo in tutti i sensi. Ci facciamo riconoscere ma soprattutto apprezzare per la “qualità” oltre che “quantità”……alla faccia di chi soffre per quello che siamo….per quello che facciamo….! Ma possiamo non parlare di chi pur di esserci è partito con la febbre??? O di chi a fine gara quando Pogba è arrivato sotto la curva a salutarci urlava in dialetto andriese….”poullllll l pandalungeinnnnnnn”….che ridereeeeeee. Questi siamo noi, gente di stadio, gente che vive per le trasferte, per il gruppo, per l’orgoglio dell’appartenenza, non come altri che vivono sono per pensare alla Juve….in quelle poche volte che perde! Ribadiamo: NOI SIAMO NOI….voi chi ca……siete?????

Finisce la gara, ad alcuni la “sbronza” passa, resta la realtà dell’assurda sconfitta difficile da digerire. Smontano il tutto, tornano al Pullman, non prima di aver recuperato del materiale dagli amici di Bassa Valle che nella prossima pausa del campionato raggiungeranno Andria per celebrare I nostri 17 anni di amicizia con loro, una amicizia nata prima ancora che nascesse il Club per mano di Fabio e Salvatore! Viaggio di rientro con i soliti commenti post partita, con la rabbia che aumentava man mano per il modo in cui era maturata la prima sconfitta stagionale ma anche con l’orgoglio di esserci stati anche questa volta!

Adesso saremmo dovuti andare come da 15 anni facevamo a Milano contro il Milan, ed eravamo anche un bel numero, ma per la prima volta in assoluto il nostro striscione, come tanti altri, non sarà appeso alla solita balconata. Il prezzo assurdo e vergognoso praticato dalla società rossonera è stato un qualcosa di assolutamente inacettabile! Esserci significava scendere a a patti con certe logiche di chi oggi non vuole più negli stadi i tifosi passionali come noi! Tenetevi gli occasionali che saranno sempre pronto a farsi spillare di tutto e di piu’. ASSENTI PRESENTI!

Alla Juve chiediamo semplicemente di regalarci una grande soddisfazione. Sarebbe la miglior risposta ai rossoneri! Per tutti gli altri l’appuntamento sarà al Club nel nostro covo per spingere idealmente i ragazzi alla vittoria.

JUVENTUS CLUB ANDRIA: TANTA PASSIONE. TANTA MENTALITA’…TANTA ROBA!

 

 

 
 
ALTRA VITTORIA CON IL MINIMO SFORZO!
 

Anche contro il Cagliari la Juventus non ha disputato una partita perfetta, qualche distrazione e soprattuto meno cattiveria, hanno permesso al Cagliari di crederci almeno sino a quando Cuadrado non ha chiuso definitivamente i conti di una partita che la Juve doveva assolutamente vincere per ristabilire le distanze da Napoli e Inter entrambe vittoriose negli anticipi. 3-1 il risultato finale con reti di Dybala, autorete e come detto di Cuadrado! Sempre + 6 il vantaggio in classifica sulle inseguitrici con il record dei punti in classifica fatti nelle prime 11 giornate eguagliato. Lo stesso apparteneva già alla Juventus allenata da Capello.

Pronti via è Dybala portava subito in vantaggio la Juve mandando in estasi lo Stadium che finalmente è tornato a ribollire di passione grazie alla Curva Sud che, nonostante le giuste motivazioni delle proteste nelle giornate precedenti, ha messo da parte ogni polemica SOLO PER LA MAGLIA (come recitava uno striscione grosso ad inizio partita) solo per il bene della squadra che merita questo ed altro. Sostegno finalmente per CR7, cori e battimano sembrano dare il ritmo ad una serata tranquilla ma invece quando meno te lo aspetti il Cagliari perviene al pareggio. Per fortuna subito dopo ci pensano gli stessi isolani a farci rimettere la freccia con un autorete che ci consente di andare al riposo in vantaggio di una rete. Nella ripresa la Juve come già accaduto contro il Genoa abbassa i ritmi, cala la concentrazione ed ecco che il Cagliari ne approfitta facendosi pericoloso, ma un contropiede condotto magistralmente da Cristiano Ronaldo (altra bella prova la sua) permette alla Juve con Cuadrado di chiudere i conti sul 3-1. Come sempre contava vincere è la Juve lo ha fatto nuovamente con il minimo sforzo soprattutto in vista della gara Champions contro il Manchester che potrebbe regalarci l’accesso agli ottavi di finale con ben tre turni di anticipo. Da premettere anche che contro gli isolani erano diverse le defezioni per via dei tanti infortuni di quest’ultimo periodo. Adesso domenica sera in campionato ci attende la difficile sfida al Milan di Gattuso una trasferta che non vedrà presenti i gruppi organizzati come i Club per la protesta contro il caro prezzi del settore ospiti. Sarà una partita molto difficile ma sappiamo che la nostra Juve farà il possible per regalarci un altra gioia. Prima dovrà farlo in Champions contro il Manchester United di quell’essere spregevole chiamato Mourinho che già lo sentiamo abbastanza nervoso, in quanto consapevole dell’ambiente che troverà nello Stadium. Facciamo da “corsa” sia lui che il Manchester, peccato per Pogba che vesta quella maglia, ma siamo certi che lui invece raccoglierà solo tantissimi applausi…..poi chissàààà!

La trasferta a Torino contro il Cagliari ha visto ben 14 soci salire su nonostante la partita non fosse di grande richiamo ma per noi non vi è differenza. Una parte è salita con voli aerei i restanti con auto per poi proseguire il viaggio con il bus del Club di Giulianova nel segno di un altra grande amicizia nata.

Arrivati su alla spicciolata in orari differenti, il gruppo che doveva andare in Sud si ritrovava nel piazzale antistante agli ordini del nostro grande Fabio. Tutti assieme salutano una infinità di amici li presenti….che si complimentano con i nostri per esserci sempre senza tanti proclami ma rispondendo sempe con i fatti. Prima di entrare dentro si recano a fare un aperitivo molto rinforzato soprattutto dalle birre che scorrono a fiumi…..il tutto offerto dall’Ingegner Giorgio neo laureato che si fa davvero tanto ONORE! Poi alle 19,30 decidono di entrare dentro, non tutti…..per sistemare le pezze al bocchettone. Alle 20,30 sono tutti compatti nel sostenere la squadra, gran bel tifo che cala vistosamente nel finale di tempo come nella ripresa, per riprendere vigore nella parte finale della partita. I nostri sono tutti belli carichi, animati da tanta goliardia come sempre. Del resto con una batteria come quella salita su non poteva che essere così. Metteteci Fabio assieme a Gianni Sinisi, Tommy Moscatelli, Gino Zagaria, Gaetano Maddalena e Giorgio Nicolamarino (i due neo laureati assieme) ed è normale che ne venga fuori una presenza di tutto rispetto!

A fine gara solita foto di gruppo con gli sfottò dei nostri ai cagliaritani nel silenzio dello Stadium. Poi tutti fuori con chi raggiungeva l’auto, chi l’hotel per il pernottamento, chi il bus di Giulianova per fare rientro. Ringraziamo di cuore gli amici del club giuliese per la splendida accoglienza riservata a bordo Pullman per i nostri. Un abbraccione ai mitici Kevin ed Elisiano che questa estate erano stati ospiti della nostra festa per i 15 anni del Club.

Rientro a casa per tutti nella giornata di domenica. Tanta stanchezza ma anche tanta soddisfazione per aver risposto presenti anche a quest’altra partita.

Nemmeno il tempo di rifiatare che già martedì sera è partito da Andria l’ennesimo bus alla volta di Torino per la sfida con il Manchester dove una “colonia” di soci sarà presente sugli spalti.

Come sempre NOI CI SIAMO, come sempre noi rispondiamo con i fatti, come sempre le “chiacchiere” da social le lasciamo ad altri perchè NOI SIAMO NOI, VOI ALTRI NON SAPPIAMO CHI SIETE!

JUVENTUS CLUB ANDRIA, A MODO NOSTRO, A NOSTRE SPESE. DA SEMPRE!

p.s. mercoledì sera per chi non sarà a Torino, mi raccomando tutti al Club, lasciate perdere la diretta di quella merda della RAI. Più siamo, meglio stiamo più……diamo fastidio! Ahhahahahahahahahahahah

 

 
 
CR7 "ABBATTE" L'EMPOLI
 
Cristiano Ronaldo batte Empoli 2-1 . Questa la fotografia di una partita giocata in maniera scialba, superficiale da una Juve apparsa stanca e svogliata. Tutti tranne uno che corrisponde al nome del calciatore più forte del mondo che questa estate la Juventus ha incredibilmente portato a Torino. A Empoli, il fuoriclasse portoghese ha sfoderato un altra prestazione da urlo riuscendo da solo a ribaltare una partita che era diventata tremendamente complicata visto il meritato vantaggio degli empolesi maturato già nel primo tempo. La squadra toscana ha giocato un ottima partita aggredendo la Juve ed accorgendosi che avrebbe davvero potuto compiere l'impresa. Ma evidentemente avevano dimenticato che in campo la Juve ha anche un "extraterrestre" capace di risolvere da solo qualsiasi situazione . Dopo aver raggiunto il pari su calcio di rigore trasformato sempre da CR7 ecco che come una saetta a ciel sereno si abbatte nella porta dei toscani. Una rete strabiliante quella messa a segno dal portoghese che ha regalato tre punti preziosissimi ad una Juve davvero trasformata rispetto all'impresa di Manchester. Si è vinto davvero con il minimo sforzo segno evidente che in questa stagione la Juve in campionato può davvero risparmiare molte energie per la Champions considerando che alla fine le giocate dei campioni prima o poi la partita te la risolvono. Certo non è bello restare in ansia sino all'ultimo istante di una partita sulla carta agevole ma alla fine quello che più conta sono i tre punti che la Juve ha conquistato anche al Castellani di Empoli facendo arrabbiare e non poco oltre che noi tifosi anche il Mister che a nostro avviso dovrebbe anche lui darsi una regolata in queste sfide dove evidentemente non riesce a motivare è spronare al meglio i ragazzi in campo soprattutto nell'intervallo. Dopo il Genoa, un altra prestazione che avrebbe potuto regalare punti alle avversarie, Napoli e Inter, che adesso inseguono in tandem a 6 punti di distacco. Buon margine a questo punto del campionato ma ovviamente non così rassicurante da potersi permettere delle pause. Che ci serva di lezione per la prossima sfida contro il Cagliari altro avversario di cui dovremo assolutamente diffidare dal fatto che possa venire a Torino in gita premio, anzi dobbiamo ficcarci nella testa che in questa stagione tutti cercheranno l'impresa contro di noi per poter dire di aver fermato la Juve di Ronaldo come già accaduto al Genoa. Una settimana piena ed intensa di lavoro che ha sicuramente permesso ad Allegri di ricompattare il gruppo in vista di un altro periodo di fuoco oltre che di recuperare uomini fermi ai box come Mandzukic che evidentemente negli equilibri in campo della squadra risulta essere indispensabile. A Empoli un altra trasferta senza dei gruppi organizzati al seguito oltre che dei Club che come il nostro hanno deciso di continuare coerentemente con la protesta sul caro biglietti. 50 euro più prevendita in uno stadio come quello empolese sono stati davvero troppi. Esserci significherebbe essere complici delle assurde decisioni di queste società che solo perchè arriva la Juve si sentono in dovere di alzare a dismisura i prezzi rispetto alle altre partite. A queste condizioni noi non ci stiamo nemmeno se si giocasse a Bari o Lecce. Noi siamo un gruppo da sempre arrivato ovunque, come tutti sanno non abbiamo più nulla da dimostrare a nessuno, non abbiamo bisogno di stare a contare le nostre presenze in trasferta, perchè le abbiamo sempre fatte tutte, ci siamo fatti conoscere ed abbiamo ricevuto il rispetto di tutti ma adesso crediamo si sia giunti ad un punto di non ritorno. Peccato perchè stiamo soffrendo tantissimo nel non partire più ogni tre giorni come abbiamo sempre fatto, ci sentiamo privati dei viaggi che sono da sempre la vera essenza per tifosi passionali come noi. I momenti più belli di una trasferta li si vivono a bordo del mezzo che ti conduce nel luogo della partita, il condividere i km con gli amici di viaggio, la goliardia, l'ansia, la tensione. Adesso ci stanno togliendo anche questi stati d'animo che solo chi come noi ha sempre viaggiato ci può davvero capire. Sarà così anche a San Siro contro il Milan visto il prezzo pazzesco di 75 euro più prevendita per il terzo anello. Roba da pazzi! Ovviamente noi non costringiamo nessuno a restare obbligatoriamente a casa. Noi come direttivo, come guida di questo Club non organizzeremo semplicemente queste trasferte dove i prezzi saranno alti, non porteremo la nostra pezza in questi stadi. Ma chiunque vorrà comunque esserci sarà libero di poterlo fare in maniera del tutto autonoma ed anonima come hanno fatto tre soci sabato scorso in quel di Empoli. Claudio, Alessandro e Guido che hanno deciso comunque di farsi la passeggiata mettendosi in auto e raggiungendo la cittadina toscana. Bravi perchè hanno comunque denotato un grande attaccamento ed uno spirito di organizzazione che gli ha fatto onore. Ci hanno mandato delle foto mentre erano li allo stadio che comunque pubblichiamo sul nostro sito seppur contrari alla presenza. Ma rispettiamo le idee di tutti anche di chi, altri Club, ha deciso di esserci esaurendo ancora una volta il settore ospiti che è rimasto ancora una volta desolatamente in silenzio. Sarebbe bello lasciarli tutti vuoti così forse comprenderebbero che devono rivedere al ribasso i prezzi. Ma purtroppo noi tifosi juventini siamo ovunque, siamo così tanti che basterebbero i tifosi in loco in ogni città dove si gioca per esaurire uno stadio. Peccato perchè questa protesta meriterebbe maggiore attenzione e maggiore collaborazione da parte di tutti. Ci dispiace tantissimo per i ragazzi in campo che si vedono privati del meritato sostegno, del resto la prova di tifo fatta a Manchester è stata la riprova di quanto sia bello vedere un settore ospiti al seguito ribollente di passione e sostegno. Sostegno che meriterebbero sempre per quello che ci stanno regalando per l'impegno e l'attaccamento alla maglia che tutti i calciatori dimostrano di avere, ma siamo certi che abbiano ben compreso le ragioni della protesta. 
Adesso è già tempo di ripartire per Torino contro il Cagliari dove ci muoveremo con due auto private oltre a chi raggiungerà Torino in aereo per ritrovarci su in ben 14 unità, tanta roba se pensiamo che si affronta il Cagliari. Ma per noi non fa differenza l'avversario, per noi conta esserci al fianco della Juve che proprio oggi, 1 novembre, compie 121 anni dalla sua nascita.Il 1 novembre 1897 fu per noi l'inizio di un grande amore tramandato di generazione in generazione, per tanti altri l'inizio di una vera ossessione anche questa tramandata di generazione in generazione. Resteremo per sempre il vostro INCUBO peggiore! Saranno presenti molti soci che abitualmente frequentano le trasferte ma visto che queste ultime per via del caro biglietti non si riescono più ad organizzare hanno deciso di esserci su a Torino dove ci sarà una bella "batteria"....
DA SEMPRE PER SEMPRE, JUVENTUS CLUB ANDRIA DA 15 ANNI STORIA DI UN GRANDE AMORE! 
A NOSTRO MODO A NOSTRE SPESE.
 
 

 
 
15 ANNI ANNI...E NON SENTIRLI!
 
Come scorre il tempo, come volano gli anni, cambiano le mode, cambiano i tempi, ma lo JUVENTUS CLUB ANDRIA è sempre qui con Voi. Dal 22 ottobre del 2003, da quella sera indimenticabile, quando nello Studio del Notaio Sabino Zinni, si diede vita a questa splendida realtà, mai avremmo potuto immaginare di raggiungere un simile traguardo. Eppure lo abbiamo raggiunto ed alla grande pure, contro tutto e tutti. Oggi con quasi 800 soci, siamo una realtà ben consolidata nella nostra Città e sul territorio e soprattutto stimata e rispettata da tanti. L'unione, la compattezza, l'essere sempre originali, sempre un passo avanti, fanno di noi un gruppo unico, più di un Club come ci piace sottolineare. Dell'invidia degli altri non sappiamo che farcene, NOI SIAMO NOI, gli altri non sappiamo chi siano, soprattutto i "chiacchieroni" da social. Abbiamo raggiunto un livello tale che oggi ignoriamo tutto e tutti andando avanti spediti per la nostra strada, fatta come sempre di tanti km al fianco della Juve è sempre meno parole e zero SOCIAL! Il 23 ottobre 2018 in occasione della gara Manchester Utd - Juventus abbiamo, nella nostra sede, nuovamente celebrato i nostri 15 anni, una festa che dura già da questa estate, alla presenza proprio del Notaio Sabino Zinni colui che diede vita a questa splendida realtà. Un brindisi tra i tantissimi soci che sono accorsi ad assistere all'importante sfida coinciso, con una splendida vittoria della nostra Juve. Obiettivo adesso sarà raggiungere il traguardo dei 20 anni. Grazie di cuore a tutti coloro che hanno contribuito soprattutto negli ultimi 5 anni, dal decennale in poi, a far crescere sempre più il nostro Club, un salto di qualità evidente che oggi è sotto gli occhi di tutti grazie alla passione, alla serietà, al saper fare, alla determinazione di chi egregiamente porta avanti il gruppo. Abbiamo macinato km al fianco della JUVE è tanti ancora ne macineremo. Siamo arrivati ovunque nei posti più impensabili, nei modi più assurdi, ma siamo sempre li in prima linea a difendere la nostra passione più grande. LA JUVE! Tutto il resto è niente per NOI! 
Per celebrare questo traguardo storico abbiamo deciso di regalare a tutti i soci di questa stagione sportiva una sciarpa in doppia lana "stile ultras". La stessa sarà pronta per fine novembre è sarà consegnata assieme alla tessera ufficiale. 
Sempre aperto resta il tesseramento per chi ancora non lo avesse fatto. Non esitare, SEGUI NOI E LA JUVE! 
DA 15 ANNI SEMPRE PIU' UNA SPLENDIDA REALTA'!
 

 
 
AUGURI INGEGNERE!
 
A soli pochi giorni di distanza dalla laurea di Gaetano Maddalena in quel di Roma, ecco giungere un altra grande notizia per il nostro Club. Un altro "figlio" di questa nostra grande realtà chiamata JUVENTUS CLUB ANDRIA, cresciuto a pane & Juve, raggiunge un importante traguardo. Stiamo parlando di GIORGIO NICOLAMARINO, autentica scoperta e rivelazione per il nostro Club che ha saputo, sul campo, scalare le "gerarchie" divenendo a tutti gli effetti una delle persone più di fiducia di questo Direttivo. In tutti questi anni, si è fatto apprezzare non solo da tutti noi, ma anche dagli altri Gruppi e Club, grazie alla sua intraprendenza, grazie al suo saper fare, grazie soprattutto alla sua mentalità da curva.Il 22 ottobre, guarda caso proprio nel giorno in cui il CLUB ha festeggiato i suoi primi 15 anni di attività, Giorgio si è laureato in INGEGNERIA BIOMEDICA presso il Politecnico di Torino, non certamente una cosa semplice. Eppure lui ha saputo ben coniugare gli impegni ed i doveri universitari con la sua infinita passione per la Juve, l'attaccamento per il Club e per la Curva frequentandola in casa e fuori facendo sacrifici immensi. Per questo motivo riteniamo di dover oggi sottolineare a chiari lettere con questo articolo che gli dedichiamo, che la sua è stata davvero una IMPRESA EPICA, degno figlio del suo papà che oggi da lassù sarà immensamente orgoglioso di LUI! Lo siamo anche noi caro Giorgetto. Vederti gioioso ci riempie di immenso orgoglio. Da oggi sarà il nostro "INGEGNE'".  Una grande serata in un locale del Centro di Torino, ha chiuso la sua giornata storica con una festa a cui hanno preso parte anche Maria e Agnese due "ragazze andriesi" che hanno ben inculcato la mentalità dell'orgoglio di appartenenza e fratellanza che da anni stiamo seminando in tutti i nostri soci.   
VAI GIORGIO, SIAMO STRA FELICI PER AVER RAGGIUNTO QUESTO IMPORTANTE RISULTATO. E' SOLO L'INIZIO DI NUOVI GRANDIOSI TRAGUARDI CHE TI ASPETTANO! SEMPRE CON LA JUVE ED IL CLUB NEL CUORE E NELLA MENTE!  
Complimenti alla Famiglia che lo ha ben supportato e soprattutto educato! 
FIERI DI TE! FIERI DI AVERTI TRA NOI!
JUVENTUS CLUB ANDRIA. PIU' DI UN CLUB
 
 

 
 
LA JUVE “SBANCA” L’OLD TRAFFORD, LA SUD “SMERDA” MOU!
 

Nella terza giornata del girone H della Champions la Juve ha affrontato l’avversario più duro del girone, il Manchester United nello storico stadio dell’Old Trafford, allenato da quel piccolo uomo che corrisponde al nome di Mourinho. Prima volta che ci trovavamo di fronte a Paul Pogba ancora tanto amato da noi tifosi juventini che continuiamo a sognare un suo ritorno……staremo a vedere. Intanto gli prepariamo la grande accoglienza che merita nella gara di ritorno allo Stadium quella che siamo convinti lui continui a sentire ancora casa sua. Perchè chiunque va via dalla Juve lo fa lasciando dietro di se una famiglia che difficilmente riesce a trovare altrove.

Questa gara era fondamentale nell’economia del girone. Vincerla significava tanto soprattutto in considerazione del mese di dicembre che ci attende in campionato. La Juve dopo l’inatteso pareggio casalingo contro il Genoa ha disputato nel Regno Unito, una partita straordinariamente gigantesca (0-1 il finale), mettendo in mostra tutte le sue doti, tutta la sua forza, tutta la sua voglia di vincere contro qualunque avversario, in ogni condizione, in ogni stadio, che si chiami BERNABEU o che si chiami OLD TRAFFORD. La Juve in questa stagione ha una mentalità differente in Europa, la stessa mentalità con la quale avevamo affrontato il Real nella sfida di ritorno della passata stagione, partita che segnò si, la nostra uscita stagionale dalla competizione che tanto vogliamo vincere, ma segnò anche l’inizio di una nuova era. Ve lo avevamo detto sin da allora ed I fatti come sempre ci stanno dando ragione….perchè noi dello JUVENTUS CLUB ANDRIA….sappiamo sempre quello che “diciamo”………

Una Juve così bella che ci ha fatto davvero divertire e gonfiare il petto li all’Old Trafford nel Teatro dei Sogni dove l’ultima volta eravamo usciti a testa bassa per aver perso l’ennesima finale Champions, una finale che ancora oggi brucia perchè persa contro il Milan. Noi sappiamo ammettere tutto!

Il primo tempo se si fosse concluso sullo 0-3 non ci sarebbe stato davvero nulla da dire. Forse questa l’unica pecca in questo momento che possiamo rimproverare alla squadra. Il non saper chiudere prima le partite dando la possibilità agli avversari di poterla sempre recuperare. Ma questa volta la Juve è stata monumentale anche nel momento in cui è un attimino calata la fisicità. Una difesa d’acciaio con Chiellini e Bonucci sugli scudi, con Cancelo, CR7 e Dybala in uno stato di forma strepitoso, come tutto il reparto di centrocampo. Applausi scroscianti da parte dei 4.000 gobbi al seguito che hanno letteralmente dominato anche la partita sugli spalti, riuscendo finalmente a mettere da parte ogni contestazione, ogni polemica, sostenendo a gran voce i ragazzi in campo che hanno apprezzato questo sostegno dal primo all’ultimo respiro della gara senza un attimo di tregua. Per la curva la prima prestazione stagionale degna del nome della nostra grande CURVA. Se siamo sempre così possiamo metterci in “tasca” chiunque, qualsiasi tifoseria avversaria senza se e senza ma!

Dopo un primo tempo in cui la Juve è stata a tratti devastante, con il Manchester graziato dal proprio portiere, che ha salvato i suoi da una clamorosa capitolazione limitando i danni alla sola rete subita ad opera di Dybala e che ha permesso alla Juve di violare l’Old Trafford, nella ripresa la Juve, dopo aver avuto altre occasioni con il portiere degli inglesi sempre sugli scudi, ha arrettrato il proprio baricentro permettendo qualche sortita offensiva allo United che ha anche rischiato di pervenire al pareggio, ma la Juve ha saputo resistere seppur molto stanca portando a casa un risultato prezioso che la mette nella condizione di essere ad un solo punto dalla qualificazione agli ottavi di finale. Bisognerà però vincere anche la gara di ritorno per garantirsi definitivamente anche il primo posto del girone. Guai a rilassarsi ora. In questa competizione l’attenzione deve restare sempre molto alta se vogliamo davvero alzare questa maledetta coppa che mai come oggi inseguiamo come dei “dannati”. Forza Ragazzi noi ci crediamo!

Gli ultimi minuti della gara hanno fatto sapere al mondo intero che Josè Mourinho è un uomo di merda, visto il coro cantato a squarcia gola dal popolo bianconero in trasferta. Sembrava si fosse allo Stadium, vibrava tutto. Grande tifo, grande Juve! Avanti così!

Veniamo alla trasferta dei nostri li nel Regno Unito. Dovevano ritrovarsi in 16 si sono ritrovati in 15 causa febbre alta sopraggiunta a Nico Lotito. Partono a scaglioni chi alla domenica sera verso Roma Ciampino, chi al luned’ sera da Brindisi, chi da Bari, chi al lunedì sera verso Liverpool da Roma. Come sempre non ci facciamo mancare mai nulla. In viaggio quasi tutta la vecchia guardia delle trasferte europee con Giuseppe Cavaliere, Fabio Attimonelli, l’immancabile Chiaretta Abbasciano unica donna al seguito, Gianni Greco, Luigi Lomolino, Marco Di Vincenzo, Gianfranco Cannone, Franco Fusaro, Massimiliano Capece, Riccardo Dell’Olio, Riccardo Ievone, Michele Mastrorillo ed udite udite il grande ritorno del socio fondatore di questo Club Riccardo Roberto, uno spasso viaggiare con lui. Uno squadrone di tutto rispetto con la presenza anche di due bambini, Lorenzo il figlio del grande Fabio ed il figlio di Michele Mastrorillo. La loro prima volta in una trasferta all’estero. Di meglio non potevano chiedere questi bambini che crescono bene a pane&juventus. Nella chat già si respirava aria molto goliardica soprattutto come detto per la presenza di Riccardo Roberto che è davvero unico!

Arrivati a Manchester alla sera tarda tranne chi volava su Londra, i nostri si dirigono subito a bere una birra, tranne chi preferisce andare subito in stanza. Stesso albergo per tutti perchè noi siamo un gruppo COMPATTO e COESO. Al mattino colazione per poi recarci a prendere i biglietti per lo Stadio, poi giro in centro città con appuntamento alle ore 14,00 all’Albert's Schloss uno stupendo ristorante tedesco dove ci si era dati tutti appuntamento compresa la truppa in arrivo da Londra in auto. Birra su birra, goliardia alle stelle per poi alzarsi di li intorno alle 16. Breve sosta in camera per poi alle 18 recarsi in taxi (Uber) verso l’Old Trafford. Servono due taxi oltre all’auto noleggiata da Cavaliere arrivato da Londra. Arriviamo nel vialone che conduce al settore ospiti incorciando una marea di tifosi locali tutti con boccali di birra in mano nei pub lungo la strada. Nessun problema, ci scrutiamo, ci osserviamo arrivando al settore ospiti in tutta tranquillità. Controlli al limite dell’ossessione….vivono davvero male questi inglesi. Fabio si innervosisce bisticciando con degli steward che non lasciavano passare uno zainetto al figlio….Poi finalmente dentro, posizionandosi tutti alla sinistra del settore, nel pezzo verso la Tribuna principale. Fabio con Riccardo Ievone sono in primissima linea con pezza tenuta a mano per tutta la partita, contenuti soli dagli steward che rompevano le palle ad ogni minimo movimento. Alla rete delirio totale così come nel finale sino all’esplosione di gioia per la vittoria. Fabietto come sempre teneva vivi tutti i cori nella parte di settore dove erano allocate i nostri al seguito. Terminata la gara saluti ed abbracci con altri amici per poi fare la tradizionale foto di gruppo all’esterno del settore con tutte le nostre pezze al seguito. Poi tutti ritorniamo verso il centro sempre grazie ad “Uber”. Arrivati li trovano oramai tutti i pub in chiusura che non potevano più servire birra. Alcuni terminano la serata nel Mc. Donald altri ritornano nel ristorante tedesco del pranzo trovando una “bella” situazione. Al mattino all’alba Fabietto e Riccardo Ievone sono i primi a lasciare Manchester seguiti poi a ruota da chi andava verso Londra o chi con più tranquillità ripartiva nel pomeriggio da Manchester. Immancabili i pranzi o le cene sulla strada del ritorno con Fabietto fermo a Frosinone in compagnia del neo dottore Gaetano Maddalena passato a prenderlo da Ciampino è ripartito verso Andria con lui ed il piccolo Lorenzo, chi a cena in zona Ariccia chi ad Andria prima di lasciarsi definitivamente, insomma come sempre hanno tutti dimostrato uno spirito di gruppo ed un attaccamento al Club da “libro cuore”. Orogliosi di Voi per quest’altra numerosa presenza in una trasferta europea.

Quinta vittoria di fila in trasferta europea, record storico per la nostra Juve. Atene, Londra, Madrid, Valencia e Manchester nell’ordine le vittorie messe in fila dalla nostra Juve. Fino alla Finale! Speriamo bene.

Sabato si torna a giocare nel campionato dove dobbiamo immediatamente riscattare il passo falso casalingo contro il Genoa. Ad Empoli bisognerà vincere senza se e senza ma. Noi purtroppo ancora una volta non ci saremo tranne un auto di soci che è voluta comunque partire in maniera del tutto indipendente. Ancora una volta il prezzo assurdo del biglietto nel settore ospiti, 50 euro più prevendita non ci ha consentito di tornare in quello stadio dove nel passato ci siamo stati tante altre volte. In uno stadio del genere degno dei campi di serie C e a certe condizioni noi non ci stiamo a pagare certe cifre assurde. La nostra coerenza ci spinge a rinunciare ad una cosa che ci piace tanto fare, seguire la Juve ovunque e viaggiare ma purtroppo qualcuno forse preferisce non avere i tifosi abituali sapendo che tanto ne arriveranno una marea di occasionali. Tenetevi il silenzio, noi preferiamo non esserci è non essere complici di questa assurda situazione che si sta verificando da oramai due anni a questa parte in diversi stadi con l’innalzamento dei prezzi, ma solo quando arriva la Juve. A NOSTRO MODO, A NOSTRE SPESE. COME SEMPRE .

Al Club martedì sera un afflusso di soci incredibile, una passione immensa come se si fosse allo stadio per poi tutti assieme brindare ai primi 15 anni di vita di questo grande Club alla presenza del Notaio (socio) Sabino Zinni che 15 anni fa nel suo studio notarile diede vita alla nostra realtà.

ONORE A NOI TUTTI, DA 15 ANNI UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER DIVERSE GENERAZIONI GOBBE!

JUVENTUS CLUB ANDRIA…SEMPRE PIU’ PASSIONE SEMPRE PIU’ MENTALITA’, SEMPRE MENO SOCIAL!

 

 
 
LA JUVE FERMATA DAL GENOA! PRIMO PAREGGIO
 

Prima o poi doveva succedere ed è successo sabato in casa contro il Genoa, che ferma la Juve sull’1-1, imponendo ai bianconeri il primo pareggio della stagione dopo solo vittorie. E’ vero come detto che poteva succedere, ma non ci aspettavamo assolutamente che potesse accadere in questa giornata con il turno casalingo. Fa rabbia per come sia maturato questo pareggio, letteralmente regalato per un evidente rilassamento di tutta la squadra ma soprattutto per una dormita di Benatia prima, che aveva battezzato oramai il pallone fuori andandosi a posizionare per il calcio d’angolo con il calciatore genoano invece che avendo atteso il rimbalzo della palla la rimetteva in gioco avendo tutto il tempo di alzare la testa e crossarla al centro dove Bonucci e Szczesny si addormentano permettendo al calciatore genoano di infilare di testa la palla nella porta. Il primo tempo della Juve non era stato dei migliori ma la squadra sembrava potesse tranquillamente condurre in porto la vittoria che stava maturando grazie alla rete facile facile di Cristiano Ronaldo, un CR7 più in forma di tutti che ha sfiorato la rete anche in altre occasioni, fermato anche dal palo. Nella ripresa tutta la squadra si rilassa senza più provare sortite in avanti con il Genoa che inizia a fiutare la possible impresa di essere la prima squadra a fermare la Juve di Ronaldo. Ci riescono meritatamente portando a casa un punto meritato. Alla Juve dovrà servire di lezione questa partita affrontata sotto tono da moltissimi giocatori. E’ vero arrivavano tutti o quasi tutti dalle partite in nazionale, ma questa non può essere una giustificazione. Serviva più grinta e maggior cattiveria agonistica. Questo pareggio ci ricorda una volta per tutte che nessuno ci regalerà nulla in questa stagione. Quindi facciamo tutti tesoro di questa esperienza sin dalla prossima partita in campionato a Empoli. Adesso però prima dobbiamo pensare alla trasferta nel Regno Unito a Manchester contro lo United, gara difficile contro un avversario che resta di tutto rispetto seppur in un momento non proprio brillante.

Contro il Genoa a Torino, nonostante l’ennesima chiusura della Sud che ha creato un clima surreale nello Stadium, i nostri soci sono comunque saliti su andando ad occupare i posti nella Nord, in Ovest e Est. In ben 23 hanno comunque deciso di esserci lo stesso. Ovviamente senza delle nostre pezze vista la squalifica della Curva, occupata per l’occasione dai bambini delle scuole calcio piemontesi e valdostane. Complimenti a loro per esserci stati, per aver scelto questa gara, sobbarcandosi il solito lungo viaggio, iniziato in bus da Andria alle 22,30 circa. Alle 11 del mattino erano già su in zona stadio per poi dirigersi nell’area commerciale dove ammazzare il tempo nell’attesa della partita. Qualche birra con Vito Coratella che dava le ultime istruzioni soprattutto ai nuovi per poi ognuno recarsi al proprio settore. Al termine delusione per la mancata vittoria con rientro ad Andria alle 07,30 avendo fatto una sosta in meno.

Adesso è già tempo di parlare dell’affascinante trasferta all’OLD TRAFFORD, il Teatro dei Sogni, la primissima volta in quello stadio per il nostro Club. Ben 16 i soci che partiranno con diversi voli con rotta sul Regno Unito, chi direttamente su Manchester da Brindisi o Roma, chi su Liverpool, chi su Londra per poi spostarsi con auto a noleggio verso il Nord dell’Inghilterra. Insomma come sempre non ci facciamo mancare mai nulla pur di riuscire ad arrivare in ogni dove. Servirà vincere per chiudere ogni discorso sulla qualificazione agli ottavi. Proviamoci tutti assieme, spingiamo la squadra dagli spalti, sul campo dove abbiamo perso una delle tante finali Champions, quella contro il Milan. Onore a chi ci rappresenterà li in terra inglese nell’ennesima trasferta in campo europeo per il nostro Club. Non ci fermerà mai niente e nessuno!

Per tutti gli altri l’appuntamento sarà presso la sede dove prevediamo il pienone anche per festeggiare tutti assieme i 15 anni dalla nascita di questo splendido JUVENTUS CLUB.

22/10/2003 – 22/10/2018 DA 15 ANNI STORIA DI UN GRANDE AMORE!

 

 
 
RICCARDO&MARIA SPOSI! MATRIMONIO A FORTI TINTE GOBBE
 
Giovedì 18 ottobre abbiamo festeggiato Riccardo Pisani e Maria Bruno convolati a nozze. E' stato per noi un matrimonio molto sentito e particolare perchè Riccardo è il figlio di Nicola Pisani, tesoriere storico dello JUVENTUS CLUB ANDRIA, da sempre persona fondamentale del Club qui ad Andria, sia nel primo Club, che in questo secondo Club arrivato oggi a 15 anni di attività anche e soprattutto grazie al suo saper fare. Riccardo suo figlio è un altro ragazzo che abbiamo praticamente visto crescere a pane, Juve e Club. Sin dalle scuole medie lo vedevamo arrivare in sede per la visione delle partite, sempre presente, come il suo papà. Oggi Riccardo è diventato un UOMO, ha messo su una famiglia è noi non potevamo mancare a questo importante momento. Anche la data del matrimonio, sarà un caso....., non crediamo è stata fatta coincidere con la sosta del campionato e delle coppe. Tutto calcolato. Buona parte dei soci ci siamo riversati sia in chiesa che alla Sala Ricevimenti per celebrare questo momento, questa gran bella famiglia come quella di Teresa e Nicola Pisani che hanno meritato tutto il nostro affetto! Già dal mattino giungevano in chat le foto di Nicola e Riccardo in posa con l'immancabile sciarpa del Club. All'uscita della Chiesa poi gli sposi sono stati immortalati con tanto di sciarpa del Club che avevano portato anche in Chiesa a dimostrazione di come anche loro si sentano profondamente legati a questo Club considerato oramai da tutto come una grande famiglia allargata. L'apoteosi in sala con l'arrivo di molti più soci, con trenini, balli a festeggiare Riccardo e Maria e tutta la Famiglia Pisani ai quali ci sentiamo fortemente legati da una amicizia che va anche in questo caso oltre il calcio. Alla fine inno della JUVE cantato a squarcia gola dagli sposi oltre che da quasi tutti gli invitati a dimostrazione che è stato il matrimonio più gobbo in assoluto che abbiamo mai visto! Nella foto gallery abbiamo inserito tutte le foto delle nostre tappe in questa sosta, comprese quelle del matrimonio. A Riccardo e Maria giunga il nostro abbraccio immenso e le felicitazioni di tutti i soci per questo nuovo percorso di vita che speriamo presto possa donarvi i frutti del vostro amore.
VI ASPETTIAMO PRESTO AL CLUB, perchè ricordatelo sempre, la JUVE viene prima di tutto! 
BRINDIAMO NUOVAMENTE ALLA VOSTRA FELICITA'. JC ANDRIA 
 

 
 
AUGURI DOTTORE!
 

E' stata per noi dello Juventus Club Andria una sosta del campionato particolarmente densa di impegni, dalla grigliata sociale al matrimonio di Riccardo Pisani passando per la laurea di Gaetano Maddalena. Insomma giorni frenetici di pura passione e divertimento che ci hanno visto spesso assieme. 

Andiamo con ordine. Se della meravigliosa GRIGLIATA GOBBA vi abbiamo già raccontato con articolo a parte, non potevamo non celebrare il nostro carissimo socio Gaetano Maddalena che in questo Club abbiamo visto arrivare quando ancora ragazzino delle scuole medie. Una crescita la sua che è andata di pari passo con quella del Club. E' stata una delle nuove leve su cui abbiamo maggiormente puntato per aver dimostrato tanta mentalità da stadio nonostante la sua giovane età. Trasferitosi a Roma per intraprendere gli studi universitari ha continuato ad essere presente soprattutto nelle trasferte più calde e complicate. Molto legato al Club dimostrandolo in tantissime occasioni. Il 17 ottobre Gaetano si è laureato in Medicina e Chirurgia al Campus Bio Medico di Roma, un percorso fatto di tanti sacrifici senza mai mettere da parte la sua passione per la Juve ed il suo orgoglio di appartenere ad un gruppo come lo JUVENTUS CLUB ANDRIA. Emozionate è stato scoprire i suoi ringraziamenti ad alcuni componenti del Club oltre che al Club in generale sulla sua tesi di laurea, una dedica che ci ha lasciato stupefatti tutti. Possiamo dire oggi di aver cresciuto già una generazione di ragazzi, formandoli e facendoli diventare UOMINI grazie anche ai valori che siamo stati capaci di trasmettere, valori che vanno oltre la comune fede calcistica. SIAMO ORGOGLIOSI DI TE GRANDE GAETANO, SIAMO FELICI PER LA TUA FAMIGLIA IN PARTICOLAR MODO PER IL TUO PAPA' CHE TI HA SEMPRE ACCOMPAGNATO NELLE TRASFERTE SINO ALLA MAGGIORE ETA', SIAMO ONORATI DELLA DEDICA E MENZIONE RICEVUTA NELLA TUA TESI. Adesso ti aspettiamo al Club per festeggiare tutti assieme questo grandioso traguardo che è solo l'inizio delle tante altre soddisfazioni che saprai regalarci.

AUGURI DOTTO', ULTRAS NEL CUORE E NELLA MENTE! 

 

 
 
GRIGLIATA GOBBA! CHE NUMERI…..
 

Non appena il campionato si ferma, come da nostra oramai consuetudine ci riuniamo per stare tutti assieme, un modo per ricaricarci, per fare sempre più gruppo, per restare sempre compatti! Incredibile è vedere la partecipazione a queste serate. Quasi 70 soci, martedì 16 ottobre alla sera presso Grill House,  hanno raccolto l’invito lanciato in chat dal nostro condottiero Fabio! E’ stata un altra grande serata, una serata servita per fare il punto delle situazione e soprattutto cementare l’amicizia tra parte vecchia (era presente buona parte dello zoccolo duro del gruppo) e nuova di questo sempre più fantastico club. Oramai non abbiamo più aggettivi da usare per definire quanto grande sia questo Club. Facciamo sempre parlare di noi, per quello che riusciamo a fare e soprattutto per i nostri incredibili numeri che altri possono solo sognare di avere, anche in semplici serate così. La passione che ci mettiamo in ogni cosa è un qualcosa di commovente. A inizio serata dapprima il discorso di Fabio, poi quello del Presidente, poi i cori per Sabino Chieppa, poi il discorso di Salvatore, poi ancora cori su cori per dichiarare tutto il nostro amore per questi meravigliosi colori che amiamo alla follia. Non poteva mancare il ricordo verso Alberto Tesoro ad un anno e mezzo dalla sua scomparsa. Il tutto tra fiumi di buon vino bevuto che accompagnava le diverse portate e soprattutto la tanta carne “grigliata”. All’1,00 in punto della notte abbiamo dato il “rompete le riga” non prima di aver tagliato anche la torta che celebrava 15 anni di noi, che cadono proprio in questi giorni, il prossimo 22 ottobre per l’esattezza. Gli avventori del locale che abbiamo letteralmente “invaso” è che ci ha ospitato restavano sorpresi da quanta gente ci fosse e soprattutto dalla nostra irrefrenabile goliardia e gioia di stare assieme. 

FINO ALLA PROSSIMA SERATA GOBBA….DI CALICE IN CALICE!

p.s. la prossima serata (sosta campionato di novembre) si preannuncia ancora più calda……con gli amici del gruppo Bassa Valle che arriveranno ad Andria per sancire una amicizia che dura negli anni.

JUVENTUS CLUB ANDRIA…SEMPRE PIU’ PASSIONE SEMPRE PIU’ MENTALITA’, SEMPRE MENO SOCIAL!

 

 
 
CR7 E LA JUVE CI HANNO REGALATO UNA SOSTA TRANQUILLA
 

Vincendo per 2-0 sull’ostico campo dell’Udinese, la Juventus ha affrontato la seconda sosta stagionale per le nazionali, in maniera del tutto tranquilla, regalandoci serenità e soprattutto tranquillità a noi tifosi sempre indaffarati con le scadenze per le prenotazioni dei biglietti ed organizzazione dei viaggi che si susseguono senza tregua.

A Udine “nell’Autosalone” dei Pozzo, lo chiamiamo così per gli assurdi prezzi che ci impongono per andare a vedere la Juve, sono andati a segno Betancour e Cristiano Ronaldo, autore di un gol straordinario che ha fatto scattare in piedi quasi tutto lo stadio, come sempre, nonostante i prezzi assurdi, stra pieno di tifosi juventini soprattutto della zona. I gruppi organizzati come la stragrande maggioranza dei Club, come anche il nostro, hanno disertato per il secondo anno di fila questa trasferta. 65 euro per un settore ospiti è davvero una ladrata bella e buona soprattutto per chi come noi segue la Juve in ogni stadio! Assurda la situazione che si sta verificando con i settori ospiti che comunque si esauriscono, non di tifosi passionali e sempre presenti, ma di tifosi occasionali di una volta tanto…..c’è una bella differenza, ma evidentemente il sistema calcio “moderno” non vuole più il tifoso sempre presente, preferisce questa situazione che comporta meno rogne, meno problemi di ordine pubblico e gestione! Pensate che a Milano contro i rossoneri il terzo anello ospiti definito da sempre la “piccionaia” costerà la bellezza di Euro 75,00…..ma cosa ci offrono nel prezzo??? Prosecco ed aperitivo almeno??? Ma che andassero a cagare…..ma dove stiamo arrivando??? Nel mezzo ci si è messo anche l’Empoli con i suoi 50 euro più prevendita in uno stadio ed un settore ospiti degno dei campi di serie C. Diserzione a Empoli, diserzione a Milano, questa la nostra risposta. Resteremo coerenti sino in fondo, non importa se la Juve ci sarà permesso vederla poche volte in trasferta, ma è proprio il caso di dire….ASSENTI…PRESENTI per una giusta causa!

Sarebbe bello però se il settore ospiti di Milano restasse completamente vuoto! Sarebbe un grande segnale…..

Tornando alla partita di Udine la Juventus ha disputato una gara tatticamente perfetta tenendo sempre il controllo della gara chiusa già nella prima frazione grazie al doppio vantaggio maturato e mantenuto sino al termine. Avremmo meritato un risultato molto più ampio se non fosse stato per il portiere dei friulani che ha salvato l’Udinese da un passive ben più pesante. Insomma possiamo ben dire che anche l’Autosalone di Udine è stato “stuprato” dalla nostra Juve…..usiamo questa espressione, che nulla ovviamente avrebbe a che vedere con il calcio (non c’è ne vogliano le donne che ci leggono), ma purtroppo molto in voga per bocca di molti deficienti che in questi giorni si attaccano a tutto, cercando di innervosire il nostro ambiente. Più fanno così più ci rendono ancora più forti e cattivi, non hanno ancora capito che devono subire la nostra dura legge! Non hanno ancora compreso che CRISTIANO RONALDO veste la maglia della JUVENTUS! Fatevene una ragione! Scoppiate!

Ottava vittoria consecutiva in campionato con la Juve a punteggio pieno, 24 punti in classifica con un vantaggio di +6 sul Napoli secondo. Non potevamo sperare di meglio. Adesso alla ripresa (finalmente si riparte) troveremo di fronte il Genoa dell’attuale sorprendente capocannoniere della Serie A. Inutile dire che servirà vincere a tutti i costi per poi tuffarci nuovamente nella Champions che ci vedrà affontare martedì sera all’Old Trafford il Manchester Utd., un altra gara importante che potrebbe già regalarci la qualificazione se non matematica ma quasi certa agli ottavi di finale.

A Manchester ovviamente ci saremo ed anche in gran numero, ben 16 soci che voleranno oltre manica con le solite diverse combinazioni aeree. Paradossalmente per farvi comprendere l’assurdità del caro prezzi in Italia, il settore ospiti di Empoli costerà tanto quanto quello di Manchester. Detto questo detto tutto!

Al Club così come è stato contro l’Udinese, così vogliamo che sia contro il Genoa, stracolmo di passion per poi trasformarlo in bolgia martedì sera. Intanto a Torino contro i grifoni nonostante l’ennesima squalifica della nostra CURVA SUD, ben 23 soci saranno presenti sugli spalti guidati da Vito Coratella, tra Nord, Ovest ed Est, onore a loro che si sono messi in viaggio venerdì sera! Peccato perchè con la SUD aperta avremmo potuto portare molte più persone. Qualcuno addirittura ha deciso di salire ma restare fuori per guardarsi la partita nella nostra solita trattoria. Questo ci fa ancora più onore nel sapere di avere dei soci così sempre disposti a tutto!

TESSERAMENTO:

Nel frattempo il tesseramento ci vede quasi arrivati a 800 tessere sottoscritte un numero incredibile che proprio in questi giorni della sosta ci ha visto battere il record assoluto di soci che avevamo stabilito nella stagione 2011/2012! Avanti così perchè la gente come noi non molla mai!

NO AL CARO BIGLIETTI, NON DISTRUGGERETE LA NOSTRA PASSIONE!

A MODO NOSTRO, A NOSTRE SPESE

JUVENTUS CLUB ANDRIA DAL 2003 SEMPRE AL TUO FIANCO!

 

 
 
“TRYBALA” LANCIA IN ORBITA LA JUVE!
 

Seconda giornata del girone H della Champions. La Juve ha affrontato, per la prima volta nella storia, gli svizzeri dello Young Boys. Sulla carta l’avversario meno temibile ma in Europa si sa che tutto può sempre accadere. Era importante dimostrare che l’approccio a certe gare fosse ben diverso anche dal recente passato, dove proprio in sfide del genere, la Juve era frequente complicarsi la vita. Ebbene si anche questo esame è stato superato a pieni voti vincendo per 3-0 una gara che avrebbe potuto avere anche un risultato di proporzioni maggiori. Era anche la seconda partita in Europa senza di CR7 vista l’espulsione nella prima gara a Valencia maturata quando si era ancora sullo 0-0. Il gruppo ha risposto alla grande dimostrando ancora una volta che chiunque giochi riesce a contribuire al risultato finale. Vincere aiuta a vincere da sempre è la Juve in questa stagione sembra essersi stampata nella mente questa frase. Lo ripetiamo sino alla noia, abbiamo davvero una grande rosa in questa stagione con la squadra che ci sembra abbia finalmente acquisito la vera mentalità della grande squadra, che vince sempre anche quando può essere in giornata no! Dybala, ribatezzato dopo questa gara come Trybala grazie alla fantastica tripletta con la quale ha spazzato via gli svizzeri, ha dimostrato di essere sempre lui, il giocatore capace di fare la differenza in ogni occasione. In assenza del grande Cristiano Ronaldo si è preso lui tutta la scena come giusto che sia! Partita subito messa sui binari della tranquillità da una Juve attenta, cinica e determinata al raggiungimento del risultato. Bella prova di Bonucci autore di lanci millimetrici! Nell’altra sfida il Manchester non è andato oltre lo 0-0 casalingo contro il Valencia. Adesso ci attenderà proprio la doppia sfida contro gli inglesi prima all’Old Trafford. Saranno determinanti per la qualificazione agli ottavi che potrebbe già arrivare al 7 di novembre permettendo così alla Juve di gestire diversamente l’infuocato mese di dicembre in campionato. Avanti così ragazzi.

Adesso ci attende la difficile trasferta di Udine nell’”Autosalone” della famiglia Pozzo, dove bisognerà cercare di infilare la decima vittoria consecutiva di questo incredibile inizio di stagione. Ribadiamo non sarà semplice perchè la squadra friulana spesso riesce a metterci in difficoltà. Anche questa gara andrà affrontata con la giusta grinta senza avere cali di concentrazione. Peccato che ancora una volta noi non ci saremo al seguito come I gruppi organizzati a causa del prezzo del biglietto troppo alto per un settore ospiti di una gara di campionato. Come il Chievo Verona alla prima, anche in questa gara si è deciso di aderire alla protesta, restando a malincuore tutti a casa, ma a queste condizioni non è più possible esserci. E’ già il secondo anno che l’Udinese applica questi assurdi prezzi. 65 euro sono davvero una ladrata, se si pens ache costa meno l’Old Trafford. Ancora onore a società come Parma e Frosinone per non aver approfittato dell’arrivo della Juve, mantenendo i prezzi a livelli accettabili. Segno sempre più evidente che il calcio sta diventando cosa più elitaria più che popolare per come la pensiamo noi.

Ci ritroveremo tutti nella nostra tana ad Andria, tutti appassionatamente assieme con qualche birretta in più visti i soldi risparmiati almeno da chi ci sarebbe andato a Udine oltre alla solita ed immancabile goliardia che contraddistingue ogni partita vista al Club per la gioia dei vicini!

La trasferta contro lo Young Boys è stata di difficile organizzazione per la vendita dei biglietti troppo anticipata dalla società che non ha permesso l’organizzazione di un viaggio comune. Man mano che i soci si sono prenotati si invitava gli stessi ad organizzarsi il viaggio in autonomia. Alcuni si sono aggiunti proprio qualche giorno prima come Vincenzone Giannelli che ha trovato spazio solo in Sud secondo anello. Alla fine come sempre siamo riusciti a portare su ben 16 persone con ben 4 defezioni all’ultimo momento nonostante il biglietto già acquistato ma non più annullabile. Giorgio, Antonio, Roberto e Giuseppe a far da rappresentanti nella Sud oltre che da guida agli altri arrivati alla spicciolata con i vari mezzi (treno, bus di linea, aereo e auto privata). Come sempre non ci facciamo mancare nulla. Si sono ritrovati nella sud alle spalle delle nostre pezze. Stadio pieno con grande presenza svizzera I quali ultra hanno fatto un gran figurone con sciarpate, bei cori e gran bella fumogenata. Peccato che se solo ci permettesimo noi di fare cose del genere avremmo finito di poter vedere le gare della Juve…..figuriamoci già lo si rischia con molto ma molto meno……lasciamo perdere che forse è meglio!   

Terminata la gara i nostri hanno dovuto pernottare tutti su in vari alberghi e b&b per poi ripartire al giorno dopo la maggior parte in treno al mattino. Ancora una volta presenti! Grazie a chi ha scelto questa partita pur di rappresentare il club in quest’altra trasferta a Torino, la terza di fila in soli sette giorni. Provateci a fare quello che facciamo noi……poi forse lo riuscirete a comprendere……

JUVENTUS CLUB ANDRIA…SEMPRE PIU’ PASSIONE SEMPRE PIU’ MENTALITA’, SEMPRE MENO SOCIAL!

 

 

 
 
NAPOLI BATTUTO, FUGA INIZIATA!
 

Adesso si lo possiamo dire, la Juventus battendo il Napoli per 3-1 allo Stadium è ufficialmente in fuga nel campionato di Serie A, una fuga che noi tifosi gobbi speriamo possa durare sino al termine della stagione, magari riuscendo anche ad allungare ulteriormente in classifica in modo tale da poterci concentrare maggiormente sull'obiettivo Champions. Sappiamo benissimo che non sarà assolutamente semplice perchè sulla nostra strada incontreremo tantissimi ostacoli e difficoltà a partire già dalla prossima gara che si disputerà “nell'Autosalone di Udine”. Certo che un inizio di stagione così è davvero stato per noi da goduria totale. 7 giornate, 7 vittorie, due delle quali  con avversarie come Lazio e Napoli che nella passata stagione erano addirittura venute a vincere a casa nostra. Questo ci fa comprendere come la squadra costruita in questa estate sia davvero fortissima, con una panchina che potrebbe da sola vincere il campionato! L'importante sarà sia per la squadra che per l'ambiente, continuare a mantenere i piedi per terra, continuare a lavorare per cercare di vincere ogni partita preparandole come se fossero tante finali. Se il gruppo manterrà questa convinzione, questa concentrazione, allora si che in questa stagione potremo toglierci tantissime soddisfazioni. Anche contro i partenopei, forse l'unica squadra in grado di impensierirci come già accaduto nella passata stagione, la Juventus ha dimostrato tutta la sua forza, tutta la sua rabbia agonistica, soprattutto quando si trova in svantaggio o raggiunta. Era già accaduto a Verona, poi a Parma e adesso contro il Napoli. Subito dopo la rete del vantaggio dei napoletani la squadra ha iniziato a macinare azioni su azioni, pressing su pressing, asfissiando gli avversari che sono capitolati grazie ad una invenzione di Cristiano Ronaldo che dalla fascia sinistra ha messo in mezzo un pallone per la testa di SuperMario Mandzukic. 1-1 al riposo con la Juve che ha sfiorato il vantaggio subito dopo il pari. Appena in campo ci si accorge subito che il Napoli è lo stesso della seconda metà del primo tempo quando ha iniziato a subire la Juve. Gioco forza è arrivato il 2-1 ad opera ancora di un grande CR7 che propizia la facile rete ancora di SUPERMARIO, autore così di una doppietta. Poi il Napoli resta in dieci, giocando forse meglio e arrivando incredibilmente a sfiorare la rete del pareggio. Spaventata la Juve ha ripreso le redini del gioco in mano portandosi subito sul 3-1  grazie a Leonardo Bonucci che si fa perdonare per aver causato l'unica marcatura dei napoletani e mettendo al riparo una vittoria stra meritata. Una Juve che chiude in scioltezza sfiorando anche la quarta rete. Insomma strapotere JUVENTUS potremmo dire. Il Napoli esce dallo Stadium consapevole che forse anche in questa stagione sarà difficile poter sfilare lo scudetto alla Juve, ma comunque bisognerà giocarsela, mai pensare che tutto sia già chiuso. Per ora ci godiamo questi sei preziosissimi punti di vantaggio in classifica proprio sul Napoli, sempre secondo in classifica che dopo solo sette giornate sono davvero tanta roba!

Lo Stadium era come sempre stracolmo con circa 600 napoletani residenti fuori dalla Campania presenti nel settore ospiti oltre a gruppetti sparsi nelle tribune, alcuni troppo spavaldi che hanno davvero rischiato il “linciaggio”.

La nostra CURVA SUD sempre più bistrattata, sempre più oggetto di una incredibile repressione, sempre più in protesta. Facile dare contro ai gruppi soprattutto da casa o sui social. Bisogna vivere le situazioni, bisogna conoscere le cose, bisogna frequentare sempre la curva in casa e fuori è solo allora si comprenderà davvero le ragioni di questa situazione. Dunque chi non conosce le cose non faccia il “professore” nei confronti di chi da sempre ha dato anima e cuore nei confronti di questa SOCIETA' che deve a sua volta riconoscere che se è cresciuta arrivando a questi livelli lo deve soprattutto a chi oggi viene considerato un semplice cliente che però quanto le cose non andavano bene era sempre li pronto a sostenere i nostri colori. Tra questi ci siamo con orgoglio anche Noi che c'eravamo, ci siamo è ci saremo sempre al fianco della JUVENTUS. Peccato assistere ad assurdi divieti, a questo caro prezzi dilagante a delle regole sempre più stringenti che porteranno la curva a diventare come una tribuna. Con questa protesta si vuol far comprendere a tutti ma soprattutto alla società quanto brutto sarebbe non avere una curva che traini la squadra in campo. Ma sembra che questo non interessi alla Società, sembra che vada bene questa situazione dove di tanto in tanto ci scappa un applauso, dove di tanto in tanto ci scappa un coro spontaneo, dove di tanto in tanto ci si accorge che senza della spinta costante degli ULTRA' effettivamente lo STADIUM appare ora meno coinvolgente. La squadra sabato è stata sostenuta durante tutta la fase di riscaldamento, per poi a partita iniziata ammutolirsi e seguendo comunque in piedi la partita. Sul finale di primo tempo qualche botta, per poi nei venti minuti finali dare il meglio che si poteva. Insomma comprendiamo che non è una bella situazione, ma comprendete anche tutti che le ragioni si cercano sempre nel mezzo, senza mai estremizzare le cose come purtroppo sta avvenendo, dove si arriva a guardare anche alla dimensione di uno striscione.......che sta li da una vita.....lasciamo perdere che è meglio!

AVANTI SEMPRE, A MODO NOSTRO!

Nel pre partita una significativa e del tutto pacifica protesta ha sancito la MORTE della Sud per le ragioni sopra elencate.

Ancora una volta la nostra presenza a Torino è stata significativa ed in gran numero con un bus partito da Andria alle 21,30 di venerdì sera con a bordo il solito “masterchef Sabino Chieppa” che ha deliziato tutti i presenti di tantissimo cibo, dal salato sino al dolce il tutto accompagnato da un ottimo vinello. A bordo anche Nicola Pisani, l'immancabile FABIONE ed Andrea Leonetti a condurre la truppa nell'ennesima trasferta piemontese. Tantissime facce note, come Michele Leonetti, Rino Losito, Francesco Troia, Gianni Greco. Francesca e Michela a rappresentare le ragazze ed una bella comitiva molto “attiva”.

Si giunge a Torino per le nove del mattino trovando una splendida giornata quasi estiva. Solite tappe tra chi si dirige ad accompagnare il gruppo al tour del Museum e Stadium è chi cazzeggia nell'attesa del tradizionale pranzo. Un gruppo dei nostri raggiunge gli amici del Gruppo Tradizione per poi alle 14 ritrovarsi in ben 50 assieme anche agli amici barlettani alla solita trattoria. Belli carichi alle 16 lasciano il ristorante per dirigersi allo Stadio con il gruppone della Sud fermo all'esterno per la protesta. Poi tutti dentro ed in massa dietro le nostre pezze con Fabio che nel prepartita sventola il bandierone del gruppo Tradizione sul retro della porta in basso.

Degli splendidi battimano vengono fatti sul finire della partita con i soliti sfottò ai napoletani oltre che al loro allenatore!

Finisce come sempre in trionfo con i nostri che festeggiano con gli amici di Bassa Valle. Un altra trasferta andata alla grande sia per l'organizzazione che per la splendida partecipazione di tutti, vecchi e nuovi. Viaggio di rientro molto tranquillo con la solita goliardia di alcuni elementi. Alle 8,30 si era già tutti in Stazione belli carichi per affrontare una radiosa giornata!

Ora sarà nuovamente Champions con ben 15 soci che sono saliti su a Torino per la sfida allo Young Boys, ennesima nostra presenza indipendentemente dall'orario, indipendentemetne dal giorno, indipendentemente dall'avversario. Per noi conta solo esserci sempre al fianco della nostra JUVENTUS! Onore a NOI per quello che da 15 anni facciamo!

Ad UDINE, sabato prossimo, come già accaduto nella scorsa stagione non saremo presenti visti gli assurdi prezzi che la società friulana ci impone in quell'autosalone del loro stadio. Impensabile sostenere questi costi. 65 euro per un settore ospiti sono una follia per la Serie A. Coerentemente alle altre precedenti diserzioni decise dai gruppi Ultras, anche noi aderiamo alla protesta del caro biglietti che ci vede sempre più tartassati. Onore a Parma e Frosinone per averci ospitato con prezzi normali ed accettabili. Non abbiamo più nulla da dimostrare a nessuno, siamo arrivati in ogni stadio d'Italia dove la Juventus è scesa in campo, ma a certe condizioni non siamo più disposti a farlo. Negli ultimi due anni si è superato ogni limite!

AVANTI JUVENTUS CLUB ANDRIA. A MODO NOSTRO A NOSTRE SPESE!

DA SEMPRE PER SEMPRE!      

 

 
 
SEI SU SEI, ORA IL NAPOLI!
 

Era fondamentale arrivare al big match contro i partenopei, gli unici ancora una volta a tenere il nostro passo, a punteggio pieno è con i tre punti di vantaggio. La Juventus era chiamata a battere anche il Bologna reduce dalla convincente vittoria contro la Roma. Ci è riuscita sfoderando una grande prestazione di forza, dimostrando ancora una volta a tutto il campionato italiano, di come la rosa sia davvero formidabile. 2-0 il finale, con Allegri che ha schierato molti elementi alla prima presenza stagionale, ma nonostante ciò, il gruppo non ne ha risentito affatto. Esordio anche per Mattia Perin, il nostro secondo portiere. A segno Dybala che riesce finalmente a sbloccarsi emozionandosi, anche se il suo contributo sin qui è stato fondamentale pur non andando a segno. Poi il solito Matuidi, ancora una volta monumentale, che mette al sicuro la partita indirizzandola da subito sui binari della tranquillità. Un Bologna a tratti remissivo o forse impotente dinnanzi allo strapotere bianconero. Sfiora più volte la terza rete, con Cristiano Ronaldo più in versione di aiuto alla squadra in cui sembra divertirsi davvero tanto. Insomma miglior viatico non poteva esserci per questa attesissima sfida contro il Napoli dell’ex Ancellotti che immaginiamo come possa essere accolto nel nostro Stadium. Un turno infrasettimanale insomma che ha confermato il duello a distanza dello scorso campionato, con lo scontro diretto dello Stadium che potrà dirci davvero tanto sul futuro di questo campionato. Obiettivo deve essere quello di vincere per poter distaccare i partenopei ed arrivare alle due sfide champions contro Young Boys e Manchester soprattutto, molto più tranquilli. Al Club nonostante l’avversario fosse il Bologna, l’afflusso di soci è stato a dir poco impressionante con un entusiasmo sempre più dilagante. Sottoscritta la tessera n. 708, numeri davvero formidabili per un gruppo cresciuto di anno in anno, acquisendo una mentalità tale che ci porta a girare in ogni stadio dove la Juve giochi. Onore a Giorgio, Maria, Agnese e Davide che hanno fatto da condottieri del gruppetto di soci saliti su, chi in auto per la primissima volta come la famiglia Mangione, chi preferendo il treno con albergo annesso, chi sacrificandosi con il bus della Marino e ripartendo all’alba. Insomma ennesimo sacrificio settimanale da parte dei nostri soci che hanno permesso al Club di esserci anche in quest’altra partita. Incredibile come ci sia sempre chi si prenoti in ogni gara. Questa la cosa di cui andiamo più orgogliosi. Arrivati su a Torino, i nostri scambiano due chiacchiere con il grande Luca “daje rega” per poi infilarsi dentro andando a posizionare striscione e pezze al solito posto. Poi giro di saluti con la curva ancora sottotono vuoi anche per il clima di protesta per le tante e troppe restrizioni che penalizzano sempre più il tifo organizzato. Termina la gara, smontano il tutto per poi, il gruppetto dei soci presente in Sud, recarsi tutti assieme a bersi una birretta. Un altra presenza è stata fatta, un altra dimostrazione di grande attaccamento a questi colori. Ora ci attende la trasferta contro il Napoli che vedrà partire un altro bus da Andria con un altro gran numero di soci pronto a mettersi in viaggio. La gente come noi non si stancherà mai di essere presente in ogni dove!

SEMPLICEMENTE JUVENTUS CLUB ANDRIA!    

 

 

 

 
 
A FROSINONE ALTRI TRE PUNTI PESANTI
 

Dopo la grande e difficile prova di Valencia era prevedibile attendersi qualche difficoltà nel turno di campionato a seguire. Anche se l’avversario si chiamava Frosinone noi avevamo previsto la prova da libro cuore dei ciociari, del resto lo sappiamo benissimo che quando affrontano la Juventus, ogni avversaria, anche la più debole, almeno sull carta, si trasforma. Così è stato domenica sera nel simpatico ed accogliente stadio Benito Stirpe, con i frusinati che hanno a lungo cullato il sogno di riuscire nell’impresa di fermarci nuovamente, esattamente dopo tre anni dal clamoroso 1-1 dello Stadium. Ma così non è stato, perchè la Juve pur non in una serata perfetta ha praticamente tenuto il pallino del gioco per quasi tutta la durata dell’incontro, “stancando” gli avversari che a dieci minuti dalla fine sono praticamente crollati sotto il colpo di Cristiano Ronaldo abile a farsi trovare pronto al limite dell’area piccola depositando in rete la palla dell’1-0 che ha sancito l’urlo liberatorio di un settore ospiti stipato all’inverosimile (ben di più dei 1.100 posti dichiarati). Ne troveremo di avversarie che pur di fermarci si metteranno tutte dietro sperando di riuscire nell’impresa. Ancora una volta la forza di questo gruppo, ma soprattutto la panchina hanno fatto la differenza. Se pensate che nonostante alcune important defezioni per infortunio, a Frosinone sono entrati in campo Cancelo, Matuidi e Bernardeschi autore quest’ultimo di una bellissima rete del raddoppio che ha sancito l’ennesima vittoria di questo inizio stagione per la nostra Juve. 0-2 il finale tra la gioia del settore ospiti per l’ennesima vittoria di questo straordinario inizio di stagione.

Primato in classifica consolidato con il solo Napoli che riesce ad inseguire è tenere il passo della Juve, facendo si che lo scontro diretto di sabato prossimo assuma già i connotati di una partita che potrebbe chiudere il campionato o stabilire che la lotta sarà nuovamente a due come nell’ultima stagione. In mezzo la partita con il Bologna che ha visto la Juve vincere nuovamente per 2-0 di cui vi racconteremo con un articolo a parte. A Frosinone non era facile arrivare in buon numero considerata l’esiguità del settore ospiti, ma per noi nulla è difficile è siamo riusciti nell’impresa di portare nel nuovo impianto frusinate ben 21 persone a dimostrazione di come siamo sempre più una grande realtà. In un bus da 25 posti abbiamo affrontato questa trasferta insolitamente più vicina. Partenza a mezzogiorno dalla stazione di Andria con una bella squadra di soci, capeggiata da Fabio, Salvatore e Vincenzo, tra facce nuove e volti oramai noti di questo grande Club, come Pasquale Mancini, Francesco Lorusso, Paolo Porcelli, Giuseppe D’Azzeo e Silvano Alicino. Insomma un bel mix di persone. Il viaggio è trascorso tra sorrisi, battute e l’attesa di conoscere un nuovo stadio. All’arrivo a Frosinone troviamo un servizio d’ordine ben organizzato. Si viene scortati allo stadio dopo circa due ore dall’arrivo, verso le 18,30 per poi appena giunti allo Stirpe, fare ingresso nel settore con il nostro Salvatore Lomuscio, ribatezzato Ketty Lomuscio, che inizia il suo show…..chi c’era sa! Che ridere. Riesce comunque ad entrare ma quante “marionette”…..

Tutto il gruppo si posiziona nella parte alta del settore, essendo pochissimo lo spazio disponibile in prima linea, con le nostre pezze posizionate sul retro dell’ultima fila. Da li tifiamo è teniamo vivi i cori che partono dal basso. Onore alla curva ciociara che ci è sembrata in gran forma e soprattutto con una bella mentalità oramai acquisita. Come dobbiamo complimentarci con la società frusinate per aver tenuto basso il prezzo del settore ospiti, probabilmente il più basso che andremo a pagare in questa stagione. Solo 35 euro, prezzo onesto per un settore popolare dal quale si assiste in maniera perfetta alla partita, senza barriere ed ostacoli alla visuale. Un bell’impianto per una realtà come quella di Frosinone. Anche il nostro tifo è stato di buon livello, abbiamo cantato compatti è spesso senza pause. Fabietto come sempre si gira tutto il settore per scambiare “chiacchiere” con tutti, se non ci fosse bisognerebbe inventarlo! Termina la partita, si ritorna al parcheggio con Fabio e Salvatore che salutano un vecchio amico ciociaro prima di ripartire per Andria dove arrivano assonnati alle 3,30 della notte con unica sosta nell’autogrill di Mirabella. Ancora una presenza è stata fatta, ancora una grande partecipazione di soci, ancora una dimostrazione che siamo un grande gruppo come pochi in circolazione, del resto i numeri parlano insesorabilmente per noi!

Anche contro il Bologna in settimana, ben 12 i soci che ci hanno rappresentato tra la Sud e la Nord. Altro sacrificio ma altra vittoria che ha ben ripagato i nostri saliti su!

JUVENTUS CLUB ANDRIA, PASSIONE & MENTALITA’!

 

 

 

 
 
SBANCATO IL “MESTALLA” CONTRO TUTTO E TUTTI
 

Grande prova di forza della Juventus nell’esordio stagionale nel temibile stadio Mestalla contro il Valencia. Vittoria per 0-2 con il risultato che poteva essere anche ben più rotondo.

Una Juve che non si vedeva così da anni all’esordio della Champions. Ha avuto il “piglio” della grande squadra che scende in campo convinta di vincere, riuscendo a farlo contro tutto e tutti. Contro l’ambiente caldissimo e contro l’arbitro che evidentemente complice del potere di “altri” ha volute a suo modo punire Cristiano Ronaldo forse per la scelta di essere andato via dal Real…..Se così fosse sarebbe gravissimo, ma la JUVENTUS ha dimostrato che questa stagione tutti dovranno fare i conti con noi, senza se e senza ma. A pensar male spesso ci si azzecca. Restiamo al campo ed il campo ci ha detto che se la Juventus giocherà come ha giocato dal primo all’ultimo istante in terra spagnola, con una rabbia ed una determinazione a tratti disarmante, sarà davvero un anno in cui potremo finalmente recitare un ruolo da protagonisti sino all’ultimo. Fino alla Fine! Nelle ultime annate, anche in quelle in cui si è arrivati comunque alla finale, la Juve ha sempre avuto difficoltà nel girone, affrontandolo sempre con superficialità e forse inesperienza. Adesso gli errori del passato hanno evidentemente aiutato la squadra a crescere soprattutto da un punto di vista mentale. Nei primi venti minuti e comunque prima dell’assurda espulsione di Cristiano Ronaldo, la Juventus poteva già essere tranquillamente almeno sul doppio vantaggio, maturato poi comunque nell’arco della partita grazie alla doppietta di Pjanic su calcio di rigore, rigori giustamente assegnati. Clamorose le occasioni fallite nella prima mezz’ora soprattutto quella di Khedira. Ancora una volta Matuidi è stato devastante, come anche buona è stata la prestazione di Bonucci oltre che di Sczesny che nel finale ha anche parato un calcio di rigore al Valencia.

Insomma una prova da incorniciare che ha consegnato all’Europa intera una squadra che tutti dovranno temere anche per la completezza e compattezza della rosa di questa stagione. Come ha detto il Presidente Agnelli “TUTTI PER UNO, UNO PER TUTTI”! Emblematica la scena sull’espulsione di CR7 quando tutto il gruppo lo circonda mentre lui è disperato seduto sul terreno di gioco. Lo rimettono in piedi con Bernardeschi che gli urla….”sei il numero unooo”. Lo spogliatoio crediamo sia la nostra forza maggiore ma anche la fame di vittoria in questa competizione. Probabilmente la squadra con la maggior rabbia e fame di tutte. Avanti così ragazzi, se le affronteremo con la stessa determinazione, le vinceremo tutte!

Anche la trasferta dei nostri ragazzi è stata “eroica” come i ragazzi in campo. Le nostre trasferte lo sapete non sono mai semplici da un punto di vista organizzativo. Anche questa volta è stato così con i 6 soci andati in Spagna che si sono sobbarcati il treno notturno sino a Bologna per poi dall’aeroporto emiliano prendere un volo diretto per Valencia che gli ha fatti arrivare verso l’ora di pranzo nella caldissima e bellissima città valenciana. Prendono un auto a noleggio che gli servirà per poi spostarsi nella notte dopo la partita su Madrid, da dove avevano il volo di rientro diretto su Bari (almeno quello)….Lo avete dunque compreso che le cose facile non fanno proprio per noi……ahahahahhaha! Arrivano così in centro, ritirano i biglietti dall’Hotel indicato dalla Società per poi finalmente divorarsi come degli ingordi “paella” su “paella” accompagnate dall’immancabile birra, in compagnia degli amici barlettani e di Mondragone. Grande tavolata, grande euforia, grande baldoria. Poi un breve giretto per poi recarsi autonomamente alle 18 già in zona stadio. Alle 19 sono già dentro e piazzano la nostra immancabile pezza ANDRIA PRESENTE con quella per ALBERTO in bella mostra nel settore. Arriviamo ovunque, sempre ed in ogni condizione! A nostro modo, a nostre spese! I sei, capitanati dagli infaticabili Salvatore Lomuscio e Giorgio Nicolamarino ed accompagnati nell’avventura da Vincenzo Cicco, Gioacchino, Angelo e Vincenzo si sono posizionati subito dietro con la Polizia locale che non gli voleva far stazionare in quella posizione a loro dire di passaggio. Gran bel tifo e grande soddisfazione per aver assistito alla quarta vittoria consecutiva in trasferta in campo europeo (Atene, Londra, Madrid e Valencia). I nostri seppur stanchi per la notte in treno, erano raggianti per aver portato a casa i primi fondamentali tre punti. Ritornano a piedi in centro dove avevano lasciato l’auto per poi ripartire immediatamente alla volta di Madrid, ben 400 km di distanza in piena notte e con la stanchezza che oramai si faceva sentire. Davvero eroici, pur di esserci, pur di rientrare presto a casa dalle famiglie, dimostrano che erano li solo per la presenza, solo per il Club, non certamente per fare una gita. Una grande mentalità. Arrivano nello scalo verso le 3,30 della notte, dopo aver passato qualche km prima l’uscita per il nuovissimo stadio dell’Atletico Madrid, prossimo teatro della finale Champions. Loro la strada la conoscono già……Lasciano poi subito l’auto a noleggio per recarsi ai controlli per poi cercare di trovare qualche panca dove poter riposare. Che dire a questi soci che hanno trascorso una notte in treno, qualche ora buttati sulle commode panche dell’aeroporto Bolognese, per poi nella seconda notte dormire nell’aeroporto madrilèno. Storie da raccontare, storie di gente appassionata di calcio, storie che voi altri non potrete mai comprendere! Trovano diversi tifosi della Roma di rientro dall’amara trasferta al Bernabeu, tutto ovviamente preventivato, tutto ovviamente tranquillo. Ripartono per Bari, crollando sul volo in un sonno profondo. Alle 12,30 erano già ad Andria, alcuni pronti a recarsi al lavoro nel pomeriggio. Semplicemente unici! Orogliosi di Voi.

Adesso giusto il tempo di rifiatare un attimino che domenica mattina si riparte per Frosinone, per fortuna una trasferta vicina ogni tanto, che ci vedrà arrivare in ciociaria con un bus da 20 posti ed un auto privata! Insomma come sempre riusciamo a fare dei numeri impressionanti, anche dove gli stadi sono piccoli ed i biglietti pochi. Ci aspetta un altra bella e divertente trasferta. 

Forza ragazzi, spingiamo la squadra verso un altra vittoria!

Per gli altri appuntamento come sempre al Club. Più siamo, meglio stiamo.

JUVENTUS CLUB ANDRIA, SEMPRE UN PASSO AVANTI, SEMPRE IN PRIMA LINEA!

CONTRO TUTTO E TUTTI!

 

 

 
 
CRISTIANO RONALDO PORTA IN FUGA LA JUVE
 

Scusandoci per il ritardo con cui pubblichiamo questo articolo di commento all’ultima giornata di campionato, ma il boom del tesseramento ci sta letteralmente “sfiancando”. Quasi 700 soci a settembre era un risultato completamente inaspettato se pensiamo che abbiamo già raggiunto e superato il numero di tesserati (666) fatti nella scorsa stagione a fine campagna tesseramento (gennaio). Adesso puntiamo al record assoluto di sempre!

Se siamo giunti sin qui lo dobbiamo al grande lavoro di squadra di questo instancabile gruppo dirigente che giorno dopo giorno contribuisce alla crescita e al raggiungimento di ogni traguardo, anche i più insperati!

La Juventus era chiamata ad una sfida abbastanza complicata contro una squadra in forma e soprattutto perchè alla ripresa dopo la pausa per le nazionali le sorprese sono sempre dietro l’angolo. Nella prima frazione le maggiori difficoltà quando la Juve non è riuscita a sbloccare il punteggio, poi nella ripresa arrivano il primo ed il secondo gol di Cristiano Ronaldo che fanno letteralmente esplodere di gioia sia il portoghese che l’intero stadio. Emozioni uniche, perchè ancora non ci sembra vero che Ronaldo sia un nostro calciatore. Si poteva tranquillamente andare sul 3-0, ma alla fine la Juve riesce a complicarsi la vita subendo il 2-1 e restando in dieci per l’espulsione (giusta) di Douglas Costa (sputo sul volto) che cade nel tranello della provocazione di un avversario che non merita nemmeno di essere citato. Insomma vittoria con qualche patema finale. Ma contava solo vincere è per di più lo si è fatto con la prima doppietta italiana di CR7, che altro chiedere di più ad una giornata che ha regalato anche tante soddisfazioni a noi tifosi gobbi, grazie ai risultati delle dirette concorrenti che hanno permesso alla Juve, alla vigilia dell’esordio stagionale in Champions, di aumentare il distacco sulle stesse. Di meglio non potevamo chiedere a questa prima parte di stagione. Nel frattempo, ma vi racconteremo con articolo a parte, si è vinto anche nel difficile campo del Mestalla di Valencia per 0-2 grazie alla doppietta su calcio di rigore di Pjanic nonostante l’ingiusta ed assurda espulsione di Cristiano Ronaldo. Insomma una Juve schiacciasassi che non lascia nulla al caso macinando vittorie su vittorie. La trasferta contro il Sassuolo a Torino ha visto arrivare sotto la Mole quasi 40 soci iscritti che approfittando dell’unica partita pomeridiana alle 15 e della locale festa patronale, hanno in gran numero preso parte ad una trasferta per molti insignificante ma non per noi che abbiamo dimostrato ancora una volta di più come la nostra mentalità sia davvero top! Un Pullman realizzato in collaborazione di un altro club regionale del tarantino oltre ai soci che hanno raggiunto autonomamente Torino. Da segnalare anche Valerio Alicino che ha deciso di partire all’ultimo momento con la famiglia sperando di trovare dei tagliandi ancora disponibili al botteghino, poi trovati, dimostrando un grande senso di attaccamento alla Juve! Davvero complimenti a tutti ma soprattutto a Giorgio Nicolamarino e Tommy Moscatelli per aver in maniera egregia seguito con attenzione ogni socio, soprattutto le new entry. Ma l’oscar della giornata va ad una nuova socia iscritta, Alessandra Sinisi che quasi al sesto mese di gravidanza si mette in Pullman pur di coronare il sogno di assistere ad una partita della Juve allo Stadium. Davvero complimenti Ale per la tua forte determinazione. Viaggio filato via tranquillo che ha visto partire alle 09,45 da Andria il bus con arrivo a Torino poco dopo le 10 del mattino dove trovano una giornata uggiosa. Solite tappe, tra chi effettua il tour dello Stadium/Museum, chi al Mega Store, chi impaziente di entrare dentro. Il gruppo della Sud lo fa intorno alle 13,30 tranne Andrea Leonetti che giunto in auto con la famiglia attende all’esterno gli ultimi soci a cui fornire I tagliandi di ingress. Nella Sud i nostri come il gruppo TRADIZIONE, sono tutti rigorosamente in camicia bianca per protestare contro la Società che vorrebbe anche la Sud trasformata in una sorta di tribuna a sedere. Si resta in silenzio per l’intero primo tempo ed anche Ronaldo si accorge che serve invece la spinta della curva. Nella ripresa si inizia a cantare dimostrando che senza della Sud, lo Stadium non è più la stessa cosa. La protesta, civile ed originale è riuscita dimostrando che quando lo vogliamo riusciamo anche noi a realizzare belle cose. Il tifo nella ripresa ha visto una curva vecchi tempi. Sarà una semplice coincidenza che le reti sono arrivate proprio nella seconda frazione di gioco? Bellissimi i nostri in camicia bianca…sembravano dei camerieri. Curiose è simpatiche le foto che ci mandavano dall’interno dello Stadium…che ridere…..in chat.

Termina l’incontro con i nuovi soci in delirio per aver assistito alla trasferta e soprattutto per le prime reti di CR7. Non smettono mai di ringraziarci per aver dato loro la possibilità di seguire la Juve in prima linea dal vivo!

Tutti in posa dietro lo striscione, la pezza per Alberto con AngelaMaria, Anna e Maria a rappresentare le ragazze andriesi con tanto di loro pezza al seguito. Altra soddisfazione per noi tutti è stata quella di vedere tutto il gruppo della Sud mettersi compatto dietro il nostro striscione, oramai lo spirito di gruppo e l’orgoglio di appartenenza sono dei valori ben inculcati in tutti, nuovi e vecchi soci.

Chi arrivato a Torino con mezzi propri o di linea resta su pernottando una notte, chi in Pullman riparte subito dopo per Andria dove arrivano alle 5,30 di lunedì mattina con molti pronti a recarsi al lavoro. Queste sono le vere trasferte, non i classici big match.

Adesso ci attende la trasferta a Frosinone, la terza volta in ciociaria per noi, la prima nel nuovo stadio. Ci recheremo con un bus da 25 posti per un altra partita da vincere ad ogni costo. Guai a sottovalutare l’avversario. Rispetto per tutti e massima concentrazione. Da segnalare è questo fa tanto onore alla società ciociara il prezzo del biglietto, il più basso in assoluto sin qui praticato. 35 euro, prezzo giusto ed equo per un settore ospiti. Complimenti. Gran bella squadra di soci in partenza per Frosinone.

SEGUI LA JUVENTUS CON NOI! NON TE NE PENTIRAI!  

SEMPRE IN PRIMA LINEA, A MODO NOSTRO, A NOSTRE SPESE!

JUVENTUS CLUB ANDRIA, DA 15 ANNI TANTI FATTI…POCHE PAROLE, MA SOPRATTUTTO SEMPRE PRESENTI!

 

 
 
SIAMO UNO SPETTACOLO! GIA' A 650 SOCI
 
Lo Juventus Club Andria cresce ed aggrega sempre più. Oramai siamo un punto di riferimento per la città, siamo un gruppo dinamico ed iperattivo, che riesce a mettere assieme gente di ogni età. Questo ci viene riconosciuto da tutti. Come da nostra oramai consuetudine, alle soste del campionato ci si ritrova intorno ad un tavolo a bere, ridere e scherzare. Questa volta durante la pausa ci siamo ritrovati non una, non due, ma ben tre volte, la prima in occasione della festa per il 40° compleanno del sacerdote più GOBBO che esista almeno qui ad Andria, uno spettacolo di persona che corrisponde al nome di DON CLAUDIO STILLAVATO parroco alla Chiesa di San Nicola. La domenica dopo la trasferta di Parma ci siamo recati presso il luogo della festa salendo sul palco e  facendo lui una mega sorpresa con tanto di pezza ANDRIA PRESENTE (come dalle foto nella gallery) e consegnandoli la maglia celebrativa del settimo scudetto consecutivo che la Juventus aveva donato al nostro Club!  La seconda occasione da Poldo, venerdì scorso, per salutare il passaggio da Andria di Luca leader del GRUPPO AOSTA e diretto verso il Salento per le vacanze, la terza da Mamà, ieri, per prepararci mentalmente alla ripresa della stagione. In tutte le occasioni ci siamo ritrovati come sempre in gran numero dando spettacolo grazie alla goliardia che ci contraddistingue e di alcuni particolari personaggi che animano la vita di questo Club. Birra e alcool a go go con la nostra passione per la Juve sbandierata in faccia a tutti. Due serate che hanno contribuito a cementare sempre più il gruppo con alcuni ragazzi nuovi appena affacciatisi alla vita del Club rimasti sbalorditi dal nostro essere, dall'essere gobbi sette giorni su sette, dalle innumerevoli amicizie che abbiamo saputo conquistare sui gradoni degli stadi. Se il Club è cresciuto in questi lunghi 15 anni, se ha raggiunto questi livelli, lo dobbiamo proprio a questo modo di fare ed intendere la vita di club. Facciamo invidia a tutti perchè riusciamo a fare cose per molti difficili ma che per noi diventano facili. Il tesseramento nel frattempo ci vede tagliare il traguardo delle 650 tessere praticamente quasi lo stesso numero fatto nella passata stagione ma al termine del tesseramento ovvero a gennaio!!!!!! Incredibile. Dove si arriverà in questa stagione non lo sappiamo, ma sappiamo che con l'aiuto di tutti possiamo raggiungere sempre più importanti traguardi. 
FINO ALLA PROSSIMA BEVUTA! 
LO SPETTACOLO CONTINUA.....IL TESSERAMENTO PURE!
AVANTI GOBBI ANDRIESI!!!!!!!!!
 

 
 
SI RIPARTE CON LA JUVE A PUNTEGGIO PIENO!
 

Era fondamentale arrivare alla prima sosta stagionale a punteggio pieno è la Juve ci è riuscita espugnando per 1-2 anche il difficile campo del Tardini di Parma, ultimo impegno di campionato prima della pausa. 9 punti e vetta della classifica già in solitaria con il Sassuolo, prossimo avversario a inseguire subito dietro a 7 punti. Vincere la prossima sfida potrebbe significare molto anche in virtù dell’inizio della stagione europea che adesso ci vedrà sempre impegnati su due fronti con partite ogni tre giorni. Del resto se l’obiettivo stagionale dichiarato è l’Europa….sarebbe fondamentale poter fare il massimo dei punti sino a febbraio cercando di allungare in classifica in modo tale da poter poi gestire la fase calda della stagione, quando avranno inizio le sfide decisive da dentro o fuori della Champions. Ma adesso ci rendiamo conto che stiamo volando molto di fantasia……è quindi ritorniamo subito alla realtà che come detto si chiama Sassuolo una squadra ben messa in campo, rivelazione di questo inizio di stagione con una buona esperienza acquisita oramai nel massimo campionato. Bisognerà come sempre prestare molta attenzione soprattutto perchè si torna in campo dopo la sosta con molti calciatori partiti per i rispettivi impegni con le proprie nazionali.

La gara di Parma ha visto la formazione di casa dare battaglia, affrontando la sfida a viso aperto. E’ stata una partita che poteva terminare anche in parità. Ma la Juve si sa, quando è chiamata a battagliare viene invitata a nozze, riuscendo a resistere nel momento di maggior pressione dei ducali è colpendo con la sua forza, con il suo carattere e grande determinazione, facendo sua anche quest’altra partita grazie alle reti di Mandzukic e Matuidi, splendida la prova del francese. Incredibile il potenziale della nostra rosa e chi se ne frega se Cristiano Ronaldo non abbia ancora segnato la sua prima rete ufficiale. Ribadiamo noi vogliamo che la Juve vinca è la cosa più importante e che CR7 sia in campo con la nostra maglia e non da avversario. Dunque fatevene una ragione è sappiate che seppur siamo ancora ad inizio stagione….noi stiamo già godendoooo!

Anche lo stadio Tardini ha visto giungere migliaia di sostenitori bianconeri presenti in tutti i settori dello stadio, oltre ad un intera curva. Noi come sempre siamo stati presenti ed anche in gran numero con 14 soci sugli spalti, arrivati con un furgone ed un auto, insomma quando in campo c’è la Juventus tutto il resto è niente per noi…..giusto ribadirlo a chi ancora oggi non riesce a farsene una ragione sul fatto che si segua così in maniera costante e passionale la Juve qui da Andria! Noi siamo orogliosamente gobbi! Punto.

Un viaggio molto ma molto goliardico ma soprattutto caratterizzato da numerosi episodi da segnalare, su tutti l’intenso traffico e la chiusura di una galleria nelle Marche che ha causato l’uscita dall’Autostrada per un lungo tratto. Poi code immense da Imola a Bologna ed anche nel tratto precedente con altra uscita dall’Autostrada con bomba d’acqua annessa in zona Faenza, ma il nostro grande Gianni Sinisi alla guida non ha mai perso la pazienza anche quando ad un certo punto sembrava che si dovesse giungere a Parma a partita abbondantemente iniziata. Nel mezzo la sosta dagli amici di Giulianova con cui abbiamo poi ripreso la marcia dopo un giro di birre assieme. Simpatico vedere le offese che ci lanciavamo da un furgone all’altro, simulando sulla statale interna che attraversa i paesi, una sorta di scazzottata mentre si era fermi ad un semaforo con la gente che guardava molto preoccupata…..che gran ridere….

Nessun altra sosta è stata più possible a causa del traffico che aumentava sempre più ed il navigatore che ci allungava sempre più i tempi di percorrenza. Anche l’auto del socio Claudio nel frattempo nonostante fosse partita prima restava inghiottita dal traffico del contro esodo dalle ferie. Insomma giornata da bollino nero sulle autostrade, con il maltempo a fare da contorno ad una situazione già di per se complicata. All’interno del furgone l’atmosfera resta sempre goliardica con Fabietto a far da condottiero tra una telefonata e l’altra con amici di altri gruppi, Lucio che prendeva in giro la “povera” Tonia costretta a subire le sue battute….la tranquillità disarmante di Gianni Greco e Gaetano nel mezzo del furgone con il reparto fumatori nel retro dove si segnalava il ritorno in trasferta di due pezzi storici di questo club, Nicola Fortunato e Antonio Lorusso. A cassone immaginate chi c’era??? Sempre lui il mitico Enzo il fotografo!

Tonia nel frattempo aveva addolcito la bocca di tutti con un ottimo plum cake preparato dalle sue manine….che dire se non che siamo orgoliosi di avere con noi diverse ragazze che frequentano così assiduamente il club!

Si giunge al casello di Parma alle 20,00 in punto con la scrota che ci conduce allo stadio a bordo di navette predisposte, li entriamo alle 20,29 in punto, in pratica quando l’arbitro d ail fischio di inizio. Ci posizioniamo subito alla sinistra del settore dove troviamo spazio per le nostre pezze sulla vetrata principale con il buon Lucio salito sopra mentre la partita era già in corso con la digos intervenuta in forze invitandolo a scendere! Ma lui ignaro ha continuato a sistemare la pezza…..semplicemente grande, con Fabio dal basso che dava indicazioni è chiedeva alla digos di avere pazienza….ahahahahahha

La partita scorreva via, con una pioggerellina sopportabile e con i nostri in prima linea a far baldoria con il gruppo NOI CI SIAMO e gli amici di BASSA VALLE. Insomma abbiamo riassaporato il profumo delle trasferte, l’essenza per veri tifosi come noi. Ci mancavano terribilmente questi momenti. Termina la partita, il saluto alla squadra, il saluto agli amici di curva con la soddisfazione dipinta sul volto di tutti i nostri per aver risposto come sempre presenti. Foto di gruppo con la pezza per Alberto è subito via. Giunti al casello riprendono il mezzo, fanno rifornimento per poi dritti alla prima sosta in autogrill, non prima di aver provato l’esperienza di non trovare il biglietto di ingresso in autostrada con conseguente coda creatasi e retromarcia…..ahahahaaha. Poi cambio alla guida con Fabio che conduce il gruppo ad Andria dopo la sosta a Giulianova per salutare i nostri amici giuliesi. Giungono ad Andria poco dopo le otto del mattino di una tranquilla domenica con colazione offerta a tutti da Riccardo del Bar di Via Vespucci. Anche questa presenza è alle spalle adesso siamo già proiettati alla prossima trasferta a Torino contro il Sassuolo che ci vedrà arrivare in tantissimi….roba incredibile! Quasi 40 soci al seguito della Vecchia Signora. Numeri pazzeschi. Per tutti gli altri l’appuntamento è al Club domenica alle ore 15!

SEGUI LA JUVENTUS CON NOI! NON TE NE PENTIRAI!  

SEMPRE IN PRIMA LINEA, A MODO NOSTRO, A NOSTRE SPESE!

JUVENTUS CLUB ANDRIA, TANTI FATTI…POCHE PAROLE!

     

 

 
 
BATTUTA ANCHE LA LAZIO! AVANTI JUVE
 

Anche la seconda giornata, seppur più impegnativa per l’avversario affrontato, la Lazio, ha visto la Juventus vincere per 2-0 dopo un primo tempo molto compassato, chiusosi comunque in vantaggio per 1-0 (gran gol di Pjanic) ed una ripresa in cui la Juve ha accelerato di più la manovra ed alzato il ritmo della gara giungendo al raddoppio grazie alla rete di Mario Mandzukic, azione che ha visto sfiorare di pochissimo, la prima marcatura personale di CR7.

Un CR7 che ha giocato un altra buona partita non lasciando il suo timbro sulla gara ma con belle giocate ed aperture di gioco verso i suoi compagni che imparano sempre più a conoscerne tutta la sua potenzialità. Tiene sempre due uomini, alle volte tre su di lui, lasciando liberi di agire tutti i suoi compagni di reparto, un reparto quello avanzato della Juve da paura sia per chi scende in campo da titolare, sia per chi siede in panchina. La panchina uno dei punti di forza di questa stagione!

La Lazio ha provato ad impensierire soprattutto nel primo tempo il nostro portiere ma poi alla lunga è calata complice anche i cambi. Tutt’altra storia rispetto alla scorsa stagione quando i laziali dopo averci battuto in Supercoppa vennero addirittura a vincere allo Stadium!  

Anche in questa seconda giornata il portiere avversario con una gran parata ha detto di no a CR7 che avrebbe potuto mettere a segno un gran gol come successo già a Chievo, ma va benissimo così, ci metteremmo una firma se la Juve vincesse sempre le prossime partite e Cristiano Ronaldo andasse vicino alla marcatura. La Juve di Ronaldo ha vinto ancora è dovrà farlo assolutamente anche nell’ostico campo di Parma, nel prossimo turno, dove come sempre troveremo un avversario ringalluzzito dal veloce ritorno in Serie A dopo un assenza di soli tre anni. Noi saremo presenti, visti i prezzi del biglietto più contenuti e ragionevoli con un furgone da 9 ed una macchina! Ben 14 unità! Come sempre grandi!

La nostra trasferta a Torino per la prima casalinga contro la Lazio è stata a dir poco fantastica. Non vedevamo l’ora di poter ripartire, vista la nostra adesione alla protesta del caro biglietti alla prima giornata. Già al ritrovo in Stazione, alle 20 si poteva tagliare a fette la gioia di tutti dipinta sul volto delle vecchie facce ma soprattutto delle tante nuove con molti giovani. Il solito Sabino Chieppa ha portato una quantità di roba da mangiare che ha “terrorizzato” i nuovi che ovviamente non immaginavano cosa gli aspettava a bordo Pullman. Un bus davvero comodissimo per questa prima trasferta stagionale a Torino. Il viaggio scorre tra fiumi di vino e mangiare di ogni genere. Arrivati a Pescara si era ancora intenti a degustare qualcosa…..Solita goliardia ed entusiasmo a bordo con Il Presidente Francesco, il buon Sabino, il grandissimo Giorgio, Michelone Zagaria e l’immancabile Fabietto che in questa trasferta ha preferito sedersi sul retro del bus assieme ai nuovi per caricarli è farli subito entrare nel vivo della nostra vita di Club. Semplicemente grande. Arrivati a Torino, solo verso le 10,30 dopo code in autostrada, il gruppo si divide tra chi raggiunge subito il Museum e lo Stadium per il tour, chi corre al Mega Store per acquistare la maglia di CR7 e chi attende impaziente, stappando birre,  l’inizio del mega pranzo alla nostra solita trattoria di ritrovo, fissato per le ore 12,45.

All'uscita dallo Store, Nicola Patruno (come da immagine inserita nella gallery) viene intervistato dalla troupe della Domenica Sportiva per un servizio su CR7. Saverio Montingelli ha fatto l'intervista al nostro Nicola, poi inspiegabilmente non mandata nel serivio.....immaginiamo anche il perchè....rosica anche lui.....ahahahahhahaha

Ci si ritrova a tavola in quasi 60, visto l’arrivo anche di chi aveva viaggiato in autonomia che man mano ci raggiungeva.

Assieme a noi anche gli immancabili amici barlettani con i quali abbiamo fatto il classico brindisi iniziale. Ad un certo punto Fabio con la “squadra” formata a tavola raggiunge il bar di ritrovo degli ultrà per il salute di inizio stagione. Baci ed abbracci con tutti per quest’altra stagione appena iniziata.

Poi verso le 16,00 arriva alla trattoria Guido Vaciago, capo redattore di TuttoSport, il giornalista che ci intervistò, dedicandoci una intera pagina sul giornale. Ci voleva conoscere essendo rimasto piacevolmente colpito dalla nostra organizzazione. Anche questo momento è stato immortalato ed inserito nella gallery.

Poi alle 17 tutti nello stadio, con il grosso del gruppo in Sud ed i restanti soci distributi tra Ovest primo e secondo, Est secondo, Est centrale, Family e Nord. Giorgio Nicolamarino e Nicola Patruno fissano lo striscione al solito posto con la pezza Alberto Vive, poi arrivano le “ragazze andriesi” capitanate da Agnese Zingaro con la loro pezza. Insomma classici riti pre partita. Il bello è vederli tutti posizionati assieme, un gruppone dietro lo striscione. Grande mentalità, grande spirito di gruppo, con i nuovi soci estasiati ed in prima linea dietro appunto allo striscione! Bellissimo vedere il nostro Presidente proprio li dietro a braccia alzate nel sostenere i ragazzi…..Fabio invece era la solita scheggia impazzita, lo vedevi ovunque, abbracciava tutti, pacche sulle spalle, il solito che non trascura nessun particolare. Immenso!

Terminata la partita i nostri erano sempre li dietro lo striscione sin quando lo stesso non veniva smontato e riposto nello zaino. Grande mentalità. Poi tutti al bus felici e contenti. Prima di riaprtire una gran bella sorpresona per il nostro Presidente. Erano state fatte preparare due torte per celebrare il suo compleanno caduto qualche giorno prima, insomma altri brindisi ed altra euforia. Il Presidente sorpreso, taglia e dispensa fette di torta a tutti, anche a chi passava di li, dal nostro bus….ahahahhahahah

Poi finalmente si riparte, con la stanchezza che prendeva il sopravvento su tutti. Bellissima trasferta. Si giunge ad Andria verso le 8,30 del mattino di domenica con i volti sorridenti seppur segnati dalla stanchezza.

SORTEGGI CHAMPIONS

Nel frattempo a Montecarlo la Juve ha conosciuto il cammino iniziale nella prossima Champions che a metà settembre avrà inizio in trasferta a Valencia. Nel gruppo H anche Manchester United e Young Boys svizzeri di Berna. Insomma finalmente tre nuove trasferte per il nostro Club che varcherà per la prima volta l’Old Trafford. Come sempre siamo stati subissati di prenotazioni per tutte le tre trasferte, soprattutto per Manchester e Berna dove si preannuncia presenza massiccia da Andria! Obiettivo vincere il girone senza problem! AVANTI VERSO IL SOGNO!

JC ANDRIA, SEMPLICEMENTE GRANDI!

SEGUITE NOI, NON VE NE PENTIRETE.    

 

 
 
LA JUVE VINCE LA PRIMA “BATTAGLIA”
 

Ebbene si, quella che tutti pensavano dovesse essere per la Juve una partita agevole da vincere in scioltezza senza alcun tipo di problema si è rivelata essere una sfida più difficile del previsto. Noi da sempre predichiamo calma ed attenzione in ogni gara soprattutto in questo periodo quando i veri valori di ogni squadra ancora non sono reali, complice la preparazione fatta in maniera spezzettata per la nostra squadra, complice il gran caldo e l'umidità, complice un avversaria che come tutte le altre che andremo ad affrontare, in questa stagione contro di noi, metteranno il tutto per tutto delle loro forze, pur di riuscire nell'impresa di poter dire.....”abbiamo fermato la Juve di Cristiano Ronaldo”. Il Chievo Verona ci stava per riuscire in questa impresa che riteniamo possibile per chiunque in quanto a calcio si gioca in 11 contro 11 è la giornata storta potrà sempre capitare. Solo lavorando con la massima intensità e concentrazione si potrà ottenere sempre il massimo. La Juve lo ha fatto arrivando a questa gara già in palla, già pronta alla battaglia seppur con qualche piccola disattenzione che avrebbe potuto rovinare l'esordio assoluto nel campionato italiano di CR7! Ci è piaciuta l'intensità, l'approccio alla gara che poteva con un pizzico di fortuna essere chiusa già al primo tempo. Poi il pareggio dei clivensi a fine primo tempo, ed il rigore, giusto, ad inizio ripresa, che gli ha portati in vantaggio. Ma la Juve di li in poi ha dimostrato di essere una belva feroce che se aggredita.....riesce comunque ad azzannare la preda ribaltandola completamente. 2-3 il finale  con una rete annullata. Quello che più ci ha reso felici lo ribadiamo è stato il vedere la squadra giocare da squadra nel momento di maggior difficoltà. Mai disunita, sempre coesa e compatta hanno iniziato ad attaccare a tutto spiano facendo traballare il fortino che giustamente il Chievo aveva messo in piedi. Grazie anche ai cambi effettuati con l'ingresso di Mandzukic, Emre Can e Bernardeschi la Juve ha vinto la partita con un CRISTIANO RONALDO che ci ha deliziato di splendide giocate oltre che di cannonate verso la porta tutte parate da Sorrentino in giornata di grazia, come sempre contro di noi.....Uno spettacolo vederlo giocare il portoghese, anche le cose più difficile lui le rende di una semplicità disarmante. Non ha segnato, ma ci ha fatto capire che con lui in campo sarà sempre spettacolo allo stato puro. Avendo una marcatura a volte asfissiante con due uomini spesso fissi su di lui, ne beneficiano le altre nostre bocche di fuoco li davanti che vengono dimenticate....Vederlo scendere in campo, sorridere, parlare con i suoi compagni, spronarli, arrabbiarsi con la sfortuna per un mancato gol....è stato semplicemente fantastico. Ancora oggi non ci sembra vero che il più forte calciatore del mondo indossi la nostra maglia. E' così legato alla Juve che sembra quasi come se fosse a Torino da una vita. Di questo ne siamo felicissimi. Le reti della Juve portano la firma di Khedira, poi calato vistosamente mettendo in difficoltà il reparto (crediamo sia meglio giocare con un centrocampo a tre), un autorete propiziata da Bonucci (fischiato inizialmente) oltre alla rete della vittoria di Bernardeschi, dal quale ci aspettiamo una grandissima stagione....Abbiamo anche compreso che abbiamo una rosa di assoluto livello con in panchina tanti titolarissimi e soprattutto tanta prima scelta, che potrà consentire ad Allegri di provare diverse soluzioni tattiche. Gran bella prova di Alex Sandro oltre che di Cancelo i due motori sulle fasce. Il portoghese devo solo migliorare in fase di copertura. Sugli spalti del Bentegodi almeno 25.000 tifosi della Juve che hanno gremito l'impianto arrivando da ogni dove nonostante lo sciopero e diserzione dei Gruppi della Sud al quale abbiamo come detto precedentemente, aderito anche noi per il “caro biglietti” problema che in questa stagione si presenterà spesso e volentieri. Per coerenza noi non andremo dove il prezzo del biglietto raggiungerà cifre assurde come ad Udine nel mese di ottobre....A Verona abbiamo comunque avuto ben 15 soci che in maniera autonoma senza rappresentare il Club, hanno deciso cmq di esserci. Complimenti a loro per aver organizzato il viaggio pur rispettando la scelta è la linea decisa dal Direttivo. Ovviamente niente tifo, se non i soliti cori “Olè..olè..olè...olè....Juveeee..juveeee”, dopo ogni gol o nel momento di difficoltà. Purtroppo il tifo juventino è così vasto che ovunque si andrà si troverà sempre gente a spendere anche 100 euro pur di assistere alla partita in un settore ospiti.

Noi restiamo coerenti alla nostra linea. Non abbiamo più niente da dover dimostrare a nessuno, siamo arrivati sempre ovunque ed ovunque siamo disposti ad arrivare ma a certe condizioni NON PIU'!

I nostri a Verona non hanno cmq perso l'abitudine di sentirsi per stare cmq assieme, chi a pranzo, chi ha dormito nello stesso alloggio, chi ha affrontato il viaggio assieme, oltre che in compagnia nello stadio seppur ribadiamo in maniera del tutto anonima!

Grazie a Vincenzo Leone e Corrado Solfato per le foto che ci hanno fatto cmq. pervenire.

E' stata anche una giornata molto particolare per via dei funerali di Stato tenutisi a Genova a seguito della incredibile tragedia del Viadotto Morandi crollato. Un viadotto percorso tantissime volte in occasione delle trasferte a Genova o di passaggio dalla Città ligure verso altre destinazioni. Tragedia assurda, che ci lascia con una rabbia dentro è con un senso di impotenza. Tragedia evitabilissima causata dalle responsabilità di chi doveva controllare. Pensare che chi controlla...chi affida certe convenzioni sono le stesse persone che tartassano gli ultrà per problemi ben più piccoli....alle volte di poco conto....Ci è piaciuto poter immaginare nel tratto crollato, un tifoso “juventino” che abbraccia e sorregge seppur idealmente un genoano ed un doriano (foto articolo), quasi a significare un voler aiutare una città così profondamente segnata dall'ennesima grave tragedia. FORZA GENOVA RIALZATI!

Al Club???? Volete proprio saperlo???? In quasi 200 per la prima di campionato al 18 di agostooooo......una passione incredibile con l'esplosione al gol del 3-2 arrivato nei minuti di recupero! Iniziamo bene......ahahhahahahahah

Il TESSERAMENTO ci vede quasi raggiungere le 500 iscrizioni un numero incredibilmente alto che non sappiamo a questo punto dove si arriveràààààà. Ancora deve terminare Agosto ed abbiamo già affiliato quasi il 75% del totale fatto lo scorso anno a fine gennaio.....NUMERI PAZZESCHI!

Nel frattempo CLAUDIO MARCHISIO ci ha salutato. Terminata la sua lunghissima permanenza alla JUVE. Tutto finisce prima o poi. Una vita in bianconero. Ci spiace ma era nell'aria. Sappiamo che conserverà un posto speciale per sempre nel cuore di tutti noi. Grazie Claudio per quello che ci hai saputo regalare. Adesso speriamo di poterlo salutare come meriterebbe nella gara interna contro la Lazio!

Appunto al Lazio.....la prossima nostra trasferta a Torino con un bus da 55 posti tutto esaurito oltre a chi raggiungerà Torino autonomamente. Insomma una presenza massiccia che ci fa comprendere quale sarà il trend stagionale....sarà emozionante vedere entrare nello Stadium CR7 per la prima volta con il pubblico sugli spalti!

DI EMOZIONE IN EMOZIONE.....

JUVENTUS CLUB ANDRIA, VIENI ANCHE TU TRA NOI!

 

 

 
 
BUON FERRAGOSTO....ATTENDENDO L'INIZIO DELLA STAGIONE
 
Cari soci, cari simpatizzanti juventini, cari lettori di questi nostri articoli, cari amici vicini e lontani dello Juventus Club Andria, l'arrivo del ferragosto segna per noi amanti del calcio, degli stadi, delle curve, la fine delle vacanze, una sorta di spartiacque tra l'inferno (il lungo periodo senza calcio) ed il paradiso (terrestre), il ritorno al calcio giocato!
Ricaricate le batterie, godetevi quest'ultima giornata di relax sperando che siate riusciti a rilassarvi il più possibile, che da sabato prossimo si torna a fare sul serio, si torna ad avere tutti i weekend condizionati piacevolmente dalla nostra Juve, si torna a frequentare il club, si torna a gioire e soffrire tutti appassionatamente assieme. 
In questa giornata di festa ovunque vi troviate, ovunque andrete, qualsiasi cosa facciate non dimenticate mai di ostentare la vostra fede, di mettere al primo posto in cima a tutto, la JUVE, di dimostrate tutto l'orgoglio dell'appartenenza al nostro CLUB, un Club che con i fatti ha dimostrato di essere superiore a tutto e tutti! Non a chiacchiere come altri. La verità fa male.....recitava una canzone, ma tanto TUTTI lo sanno......
BUON FERRAGOSTO A TUTTI, anche agli "inferiori" da quelli di "ANDRIA PRESENTE"!
p.s. Nella spettacolare foto a corredo dell'articolo un nostro grande socio, Luciano Mariano, in vacanza nel Salento, si è lasciato ritrarre con la nostra sciarpa, quasi a voler dire....."a breve....prendiamo la sciarpa e corriamo da te...." 
JUVENTUS CLUB ANDRIA, PIU' DI UN CLUB! 
 

 
 
UN’ESTATE A DIR POCO INTENSA ED EMOZIONANTE…
 

Mai avremmo pensato, dopo la chiusura del campionato lo scorso 19 maggio, di trascorrere un’estate così intensa e vissuta giorno dopo giorno nel nome del nostro orgoglio di appartenenza a questo Club, che ci porta oramai a vivere la nostra immensa passione per la JUVE, sette giorni su sette, settimana dopo settimana e mese dopo mese.

Dall’Hellas Verona, ultima di campionato della scorsa stagione al Chievo Verona, prima di campionato di questa nuova stagione che si annuncia già “elettrizzante” per noi tifosi bianconeri, quante cose sono accadute in questa estate, che non ci hanno fatto staccare quasi mai! Anzi ci è sembrato come se la stagione non fosse mai terminata!

Dall’acquisto e arrivo di Cristiano Ronaldo, al boom del tesseramento, dal calendario della nuova stagione alle gare amichevoli “americane” della nostra Juve che ci hanno tenuti svegli per diverse nottate senza dimenticare i tanti bei momenti di fratellanza con gli amici gobbi di Barletta con i quali abbiamo trascorso tante serate all’insegna della goliardia e della baldoria!

Insomma un’estate così non l’avremmo mai potuta immaginare, con il mercato assoluto protagonista! Da sballo!

Ci eravamo lasciati qui sul sito con la serata di festa per l’arrivo di Cristiano Ronaldo che ancora oggi sta facendo spappolare i fegati ai tantissimi nostri detrattori! Ci ritroviamo oggi qui nell’ultimo weekend senza campionato (finalmente si riparte..) con tante novità che vi andremo a raccontare in questo articolo da leggere tutto di un fiato!

IL CALENDARIO DELLA SERIE A….

Dapprima il calendario della nuova Serie A che ci vedrà esordire a Verona contro il Chievo il prossimo sabato 18 agosto alle ore 18. Sarà la prima di CR7 con la nostra maglia, un sogno che si avvera! Una gioia immensa che la vedi sui volti di tutti i tifosi bianconeri dai più grandi ai più piccolo, un entusiasmo senza precedenti che ha contagiato tutti. Abbiamo in rosa il calciatore più forte al mondo! Fatevene una ragione!

Un calendario che sulla carta sembrerebbe “soft” ma guai a pensarlo. Bisogna subito fare il più alto numero di vittorie possibili cercando di battere anche Lazio e Napoli in casa che troveremo rispettivamente a fine agosto (il 25) e fine settembre (il 30). Prima della sosta per la Nazionale (esiste ancora????) la Juve sarà di scena in quel di Parma tornato in serie A, grazie ad una serie di aiuti……(meno male che la Juve…..ruba….ah mammmm si dice qui ad Andria).

Sassuolo e Bologna le altre sfide casalinghe prima del Napoli con in mezzo la trasferta a Frosinone, anche i simpatici ciociari ritornati in Serie A. Ottobre inizia con la trasferta friulana a Udine, con gara casalinga contro il Genoa, poi trasferta Toscana a Empoli, altro ritorno in Serie A.

Novembre ci vedrà affrontare in casa nell’ordine Cagliari e Spal con in mezzo la trasferta a Milano dell’11 di novembre contro il Milan del Pipita Higuain che tanto ci spiace aver dovuto salutare! Dicembre il mese di fuoco, assolutamente il più importante con le trasferte a Firenze il 2, derby con il Toro il 16 ed il 26 a Santo Stefano ospiti dei bergamaschi per scambiarci gli “auguri di Natale” ahahahahahahah. In casa sfide contro Inter (il 9), Roma (il 22) per chiudere l’andata poi contro la Samp il 29 allo Stadium. Poi a gennaio si entrerà in scena nella Coppa Italia (avversarie possibili….Padova, Bologna, Livorno o Crotone), si disputerà la Supercoppa Italiana contro il Milan in Arabia Saudita per poi ripartire con il girone di ritorno del campionato.

Nel mezzo di questo periodo ci saranno le sei partite del girone della Champions che conosceremo soltanto a fine agosto. Noi come sempre saremo sempre al fianco della squadra in ogni dove, compatibilmente al tema a noi tanto caro del “caro biglietti” di cui vi parleremo più avanti….

IL CALCIOMERCATO….

Il mercato di questa estate è stato il più entusiasmante degli ultimi anni, oltre che il più importante per noi tifosi gobbi. L’arrivo di Ronaldo, ha rappresentato per noi juventini, come già ampiamente detto un motivo di grande orgoglio che ha scatenato i tifosi anche i più pacati. Ma oltre a CR7, la Società Juventus sta construendo attorno una corazzata che dovrà puntare diritta all’ottavo scudetto di fila oltre che alla tanto desiderata Champions League, che prima o poi arriverà, di questo ne siamo certi. La rosa si è svuotata di tanti elementi che non erano da Juve o per lo meno non erano da Champions League. Ha suscitato invece clamore mediatico lo scambio con il Milan Bonucci – Caldara. Non lo discutiamo tecnicamente, ma mai avremmo potuto immaginare il ritorno di Leonardo Bonucci con la nostra maglia dopo solo un anno. E’ vero ci fece tanto male lo scorso anno vederlo andare via ed al Milan, ma adesso ci dovrà dapprima dei chiarimenti. Il calciatore non si discute. E’ un top player per la difesa che ci tornerà utilissimo in chiave Champions. Gli consigliamo testa bassa e pedalare e poche parole sui social, almeno per il momento. Spiace invece tantissimo per il Pipita Higuain che solo dopo due anni, come fu per Tevez, ci lascia anche lui per andare a giocare a Milano con I rossoneri. A lui ci eravamo legati tantissimo, ci ha regalato momenti di gioia estrema, non possiamo che augurarli il meglio e ringraziarlo per questa sua breve ma molto intensa avventura con i nostri colori. Le ripetute reti al Napoli e quella all’Inter dello scorso aprile hanno rappresentato per noi momenti di goduria ed eccitazione totale. GRAZIE PIPITA, ma ribadiamo non andava venduto in Italia!  

Adesso non sappiamo cos’altro ci riserverà il mercato che in Italia chiuderà quest’anno il 17 agosto alle ore 20,00, ma sentiamo che qualcosa potrà ancora accadere, in meglio per noi, che già se restassimo così avremmo una rosa dal valore incredibile con cui poter puntare a tutto. Ma le vittorie le si conquistano sul campo, non sulla carta, pertanto tutti uniti iniziamo a remare verso i nostri obiettivi.

LE AMICHEVOLI……

La Juventus come ogni stagione estiva utilizza le gare amichevoli solo per mettere benzina nelle gambe, solo per iniziare a forgiare gli schemi per una lunga stagione, altri invece con le amichevoli si esaltano ed iniziano a sognare come loro costante abitudine. La Juve non ci esalta mai nei pre campionati dove quasi sempre da otto anni a questa parte rimediamo spesso sconfitte e prove incolori. Le gare di questa estate ci hanno visto affrontare nell’ordine il Chisola battuto per 4-0 (reti di E.Can, A.Sandro oltre che dei giovani Kastanos e Clemenza). Poi i bianconeri sono volati in America per partecipare all’International Champions Cup dove ha affrontato dapprima il Bayern Monaco battuto per 2-0 grazie alla doppietta del promettente attaccante Favilli andato poi in prestito al Genoa. Nella sfida contro il Benfica, con una formazione sempre piena di giovani e priva dei nazionali che hanno disputato il Mondiale ha pareggiato per 1-1 grazie ad un altra rete di Clemenza, davvero splendida. Poi vittoria ai rigori per 4-2. Altra amichevole contro la rappresentativa del campionato Americano, le stelle della MLS con cui arriva un altro pareggio per 1-1 rete ancora del giovane Favilli che ricorda per sembianze e movimenti in campo Bobo Vieri. La Juve vince poi la sfida 5-3 ai rigori. Arriva il Real Madrid con cui la Juve perde per 3-1 dopo essere stata in vantaggio grazie ad un autorete, partita in cui I carichi di lavoro si sono sentiti parecchio. Poi il rientro alla Continassa per il primo vero allenamento del gruppo tutto unito compresi i nazionali rientrati alla base. La prima vera amichevole con CR7 è stata quella disputata domenica pomeriggio 12 agosto nel piccolo stadio di Villar Perosa intitolato alla memoria di “Gaetano Scirea”. La tradizionale sfida in famiglia tanto cara all’Avvocato Agnelli nella quale i bianconeri hanno affrontato la nostra formazione primavera. Sono entrati in oltre 5.000 tutti stipati come sardine con almeno altre 10.000 persone giunte comunque in Valle pur di essere idealmente al fianco della squadra. Cristiano Ronaldo ha compreso cosa significhi la JUVENTUS in Italia, la Juventus intesa come società, ha compreso che cosa grandiosa abbia fatto nel portare il più forte calciatore al mondo nella propria rosa. Un entusiasmo, una passione incredibile come non mai prima di oggi. La partita è terminata come sempre prima del tempo con la tradizionale invasione di campo che ha visto i giocatori sommersi dall’affetto di un popolo che chiede a gran voce una stagione senza precedenti. 5-0 il finale con la prima rete siglata proprio da Cristiano Ronaldo su splendido lancio di Bonucci, poi un autorete, doppietta di Dybala e rete nella ripresa di Marchisio poco prima della sospensione del match per l’invasione di campo. CR7 è rimasto incredibilmente sopreso da tanto affetto, da tanta passione. Un tempo per lui in campo. Adesso in settimana si disputerà l’ultima amichevole contro la JUVENTUS UNDER 23, la seconda squadra della nostra società che disputerà il prossimo campionato di SERIE C nel girone A, dopo le donne, siamo i primi ad avere una seconda squadra in un campionato professionistico!

NIENTE CHIEVO VERONA!

A Verona contro il Chievo il nostro Club non sarà presente con la tradizionale “pezza” al seguito. Il biglietto del settore ospiti è costato 55 euro più prevendità per una partita senza una vera tifoseria avversaria in una trasferta dove il settore è arrivato al massimo a costare 30 euro. Semplicemente assurdo. Pertanto abbiamo da subito comunicato ai nostri soci che “coerentemente a quanto già deciso nella scorsa stagione in altre analoghe situazioni (vedi Udine e Roma), rinunceremo alla prima uscita ufficiale della nostra Juve. A queste condizioni diventa sempre più difficile reggere il passo. Non si può spendere tra viaggio, noleggio e biglietto 130,00 euro per una trasferta come quella contro il Chievo. Ci considerano dei clienti, forse scomodi, ma noi invece siamo semplicemente dei tifosi che ci mettono tanta ma proprio tanta passione”. Anche I gruppi organizzati della Sud diserteranno la trasferta Veronese. Ovviamente abbiamo lasciato liberi di esserci chi dei nostri soci non voleva mancare perchè in ferie o perchè già in zona. Infatti ben 15 saranno i nostri presenti nel settore, ribadiamo senza pezza, senza simboli del Club, ma in maniera del tutto autonoma. Bello comunque vedere lo spirito di comprensione e di attaccamento verso il Club ed il Direttivo. Nonostante la protesta per il caro biglietti, ma era immaginabile, il settore ospiti come lo stadio sono andati completamente esauriti, non vi saranno striscioni, non vi sarà tifo organizzato, non sappiamo a cosa servirà, ma sappiamo che la coerenza e la mentalità vengono prima di ogni cosa. Onore a Noi!

Ci aspetta una dura stagione fatta di prezzi assurdi quando arriverà la Juve! Noi non abbiamo più niente a dimostrare a nessuno, sappiamo che anche se saremo assenti è come se fossimo lo stesso presenti! Pensate che per Chievo, 18 agosto, piena estate, avevamo pronto un furgone da 9……oltre ai 15 che sarebbero cmq andati autonomamente.  Semplicemente gradiosi!

BOOM DI ISCRIZIONI AL CLUB….GIA’ A QUOTA 400 SOCI!

Prima ancora che il campionato abbia inizio registriamo già ben 400 tessere sottoscritte al Club, un risultato eccezionale che ci fa pensare che questa stagione probabilmente raggiungeremo numeri incredibili. Una passione incredibile si è scatenata tra i tifosi juventini di Andria. Tantissimi i volti nuovi che per la prima volta si iscrivono al Club. L’aver seminato bene oggi ci permette di raccogliere i frutti di tanta organizzazione e passion che ci vengono riconosciuti da ogni dove. Pensate che con la Lazio siamo già con il Bus sold out con tantissimi nuovi soci a bordo, si è preferito privilegiare proprio i nuovi che si sono avvicinati alla nostra realtà. Adesso pensare di arrivare a 500 soci a fine agosato non è più un sogno. Il tesseramento vi ricordiamo è possible farlo sino a fine dicembre. Oltre che presso la sede del Club è anche possible iscriversi presso tre punti dislocati in città:  

ALIMENTARI LOTTI in Piazza delle Regioni n. 1 (chiedere di Nino Lotti)

CAFFETTERIA GOODNESS in Via A. Vespucci n. 79 (chiedere di Riccardo Frisardi)

DISTRIBUTORE ESSO in Via Corato (chiedere di Franco Buonomo) 

Per tesserarsi presso la sede del Club è sempre preferibile in questo periodo anticipare una chiamata al 320 6209445 per appuntamento che vi verrà dato.

VIENI ANCHE TU TRA NOI!

 

FRATELLANZA GOBBA ANDRIA&BARLETTA

Sono continuate le serate assieme con i fratelli gobbi di Barletta, oramai un amicizia che va oltre il calcio, oltre i club, oltre tutto. Dopo le serate di Andria questa volta è toccato a noi rendere visita ai barlettani presentandoci, giovedì 2 agosto, in ben 20 unità ad una cena in pieno centro storico presso il Ristorante 95. Serata dai contenuti prevalentemente alcolici con cori a tutto spiano che hanno cementato sempre più il rapporto tra i due gruppi, che oramai non è più il rapporto tra Fabio e Gino, tra i Presidenti, tra Sabino ed Elio, ma è il rapporto di tutti, un rapporto sincero, fraterno e di profondo rispetto reciproco. AD MAIORA SEMPER, ANDRIA&BARLETTA GOBBE! Stupenda la torta celebrative che gli amici barlettani hanno fatto preparare in onore di questa grandiose amiciza.

Giovedì 9 agosto, nuovo giro, nuova serata…. una stretta rappresentanza di Barletta ed una stretta rappresentanza del nostro gruppo hanno nuovamente trascorso una serata assieme questa volta in compagnia di Massimo del Nord Est Bianconero, sceso in Puglia per una vacanza. Altra bella serata, nella villa privata del nostro Sabino Chieppa con un altra grande mangiata ed un altra grande bevuta con torta celebrativa fatta preparare a sorpresa da Massimo del Nord Est.

Le amicizie, sono l’essenza più importante del nostro gruppo!

 

JC ANDRIA, SEMPLICEMENTE GRANDI! BUONA STAGIONE A TUTTI!

SEGUITE NOI, NON VE NE PENTIRETE.    

 

 
 
E' BOOM DI ISCRIZIONI! "EFFETTO CR 7"
 
Chi lo avrebbe mai potuto minimamente immaginare un colpo simile da parte della nostra grandiosa Società. Nessuno, nemmeno il più inguaribile degli ottimisti lo avrebbe potuto prevedere. Sapere che nella stagione che sta per iniziare, il calciatore più forte del mondo, CRISTIANO RONALDO, farà parte della squadra per la quale tifiamo e soffriamo da bambini è un qualcosa che ci mette sin da ora i brividi addosso! Un colpo così sensazionale che ha tramortito ancor di più i nostri squallidi detrattori è mandato in estasi il popolo della Juve, soprattutto nella giornata dell'annuncio ufficiale oltre che nella sua prima giornata a Torino. L'attenzione mediatica del calcio mondiale si è spostata tutta sulla Juventus, lasciando le briciole alle altre squadre che già di per se soffrono la crescita esponenziale che la Juve ha avuto negli ultimi sette anni, figuratevi adesso con l'arrivo di CR7, una grande azienda che entra in un altra grandissima azienda. Un connubio micidiale che potrebbe lanciare definitivamente nell'orbita mondiale la JUVENTUS FC. L'arrivo di Cristiano Ronaldo non da ovviamente la certezza di vincere la CHAMPIONS LEAGUE, obiettivo numero uno oramai della nostra Società oltre che di noi tifosi, ma aumenta di tantissimo le probabilità che di qui a poco questo potrà accadere. Nessuna fretta, nessuna ansia, per adesso ci godiamo questo MAGIC MOMENT che sta mandando in delirio tutti i tifosi della Vecchia Signora. La Società ci ha ancora una volta stupito, riuscendo a "ripagare" tutti gli sforzi che soprattutto noi tifosi passionali facciamo da anni ed anni! 
Troppo facile adesso ricordarsi che esiste la Juve o che esiste il Club ad Andria, noi c'eravamo, ci siamo è ci saremo sempre. Siamo ovviamente ben felici di accogliere tanti nuovi soci nella nostra già grande famiglia, ma ricordiamo a tutti coloro che adesso si avvicinano o riavvicinano alla nostra splendida realtà che bisognerà dimostrare con i fatti di credere innanzitutto all'orgoglio di appartenenza allo JUVENTUS CLUB ANDRIA per poi meritarsi anche la partita importante. La Juve la si segue ovunque in ogni campo a prescindere dall'importanza della partita. Messaggio molto esplicito vero? Crediamo sia arrivato in maniera chiara ed inequivocabile a tutti coloro che ci leggono o che stanno tesserandosi o decidendo di farlo con noi! 
Se pensiamo alle notti insonni da quando la notizia bomba è iniziata a circolare, se pensiamo alle centinaia di messaggi nelle chat del Club, dove tutti si manteneva un atteggiamento prudente per evitare di restare tutti delusi....anche se di giorno in giorno cresceva la sensazione che il sogno di avere Cristiano Ronaldo, sarebbe diventato di li a poco realtà. Quando abbiamo visto il Presidente Andrea Agnelli salire su qeull'aereo privato alla volta della Grecia, li abbiamo iniziato a materializzare che eravamo davvero arrivati al dunque, che di li a pochissimo saremmo esplosi in un entusiasmo incontenibile.....così è stato quel martedì 10 luglio, esattamente una settimana fa quando arrivò l'ufficializzazione dell'acquisto di CR7. Un così grande entusiasmo che subito in chat è partito il "tam tam" di ritrovarsi tutti a brindare in birreria.....in sole due ore ci siamo ritrovati in ben 50 unità presso EL TAPAS DA POLDO (foto articolo) con gli amici di Barletta arrivati a supporto per brindare con noi in segno anche di una grande amicizia che ci lega oramai. E' stata un altra serata spettacolare, tra la birra che scorreva a fiumi ed i cori che si innalzavano al cielo nella tranquilla (per gli altri...non per noi) e calda serata. Solo all'una della notte abbiamo abbandonato il locale tra la gioia dei residenti.......che sicuramente non ne potevano più di sopportare il nostro incontenibile entusiasmo. Abbiamo alla fine ribatezzato un Rum offerto da Ciccio e Gilberto del Poldo con il nome di "El Chiringuito".....in pratica il nome dell'emittente spagnola che ci ha tenuti costantemente aggiornati sull'affare Ronaldo....ahahahhahahahha che ridere. Non volevamo proprio lasciarci talmente era la gioia mista all'incredulità per un colpo simile. Incredulità che ancora ieri alla sua presentazione ufficiale era dipinta sui volti di tutti noi che abbiamo seguito passo passo il CR7DAY. Stiamo davvero vivendo un periodo magico oltre che storico per la nostra JUVENTUS è vogliamo viverlo al meglio! Sappiamo che questo momento può rappresentare una svolta epocale per la nostra JUVE è solo con noi la si potrà vivere in prima linea al fianco della squadra. 
Non sappiamo cos'altro il mercato ci riserverà, ma sappiamo che si sta costruendo una squadra che possa per sempre entrare nella storia del calcio. Qualche calciatore a cui siamo fortemente legati probabilmente ci dovrà lasciare, uno su tutti GONZALO HIGUAIN. Fa parte del gioco, quando arriva il momento di dover dividere le strade. Se così sarà potremo dire di lui che è stato breve ma molto intenso, resterà anche lui nella storia per sempre. I gol al Napoli ma soprattutto quello all'Inter che ci ha regalato il settimo scudetto di fila non potremo dimenticarli MAI! Vediamo, nel frattempo sono arrivati anche altri tasselli importanti che si aggiungono ad una rosa già di per se molto forte.  
L'effetto CR7 ha inevitabilmente generato un entusiasmo travolgente facendo arrivare il nostro tesseramento a livelli RECORD per il periodo con quasi 250 iscritti! Pazzesco ma tutto vero! Ad onor di cronaca dobbiamo dire che è anche l'effetto del grande lavoro, della grande organizzazione e precisione che questo DIRETTIVO ha fatto nel corso degli ultimi anni. CR7 sta facendo il resto.....Per chi vorrà far parte della nostra grande famiglia non deve fare altro che scaricare il modulo di adesione nel formato PDF qui presente sul sito nella sezione tesseramento alla voce moduli, per poi portarlo compilato in sede previa telefonata di appuntamento (320 6209445). 
RAGAZZI E' TUTTO INCREDIBILMENTE VEROOOOOOOOOOOOO! 
STIAMO GODENDO A PIU NON POSSO! 
BEM-VINDO CRISTIANO RONALDO!
 

 
 
CIAO NATALIA, CI MANCHERAI!
 
Non sappiamo cosa stia accadendo in questo ultimo periodo al nostro Club, ma sappiamo che oggi, un altra socia ci lascia. 
Un altra terribile notizia ci ha sconvolto in questa calda domenica di luglio. Natalia Sinisi a soli 42 anni è volata lassù in cielo, dove ad accoglierla troverà gli altri fratelli juventini di questo meraviglioso Club. Socia già da tre anni, la cara Natalia lo scorso dicembre aveva coronato il suo sogno di seguire la Juventus in una trasferta allo Stadium. Era la gara contro la Roma a soli due giorni dal Natale. Si era fatta questo regalo ed era felicissima, al settimo cielo per essere riuscita grazie a noi a realizzare questo suo grande desiderio. Stava lottando contro il terribile male che gli si era presentato, aveva una grande forza interiore, non si arrendeva mai è ci aveva promesso di sconfiggere quel maledetto avversario che si era ritrovata di fronte. Purtroppo ha vinto lui! Voleva fare un altra esperienza con il Club al seguito di quella che era una delle sue più grandi passioni, la JUVENTUS! Aveva pianto parecchio quando apprese della morte di Alberto, oggi noi piangiamo te! Assurdo, semplicemente assurdo!
Ci mancherà la tua forza di volontà, ci mancherà il tuo sorriso, la tua simpatia, la tua voglia di vivere ogni attimo, ogni momento, il tuo attaccamento al lavoro, la tua felicità di quel 23 dicembre scorso allo JUVENTUS STADIUM quando sprizzavi gioia da tutti i pori! Ci resterà questa splendida foto ad immortalare nelle nostre menti, nei nostri occhi il tuo splendido sorriso. Ciao Natalia, fai buon viaggio, lassù come detto sarai accolta come una principessa dai tanti altri fratelli che popolano l'immaginaria Curva Paradiso dalla quale continuerai a seguire e sostenere la tua amata JUVENTUS!   
Ci stringiamo alla famiglia, al marito in questo terribile momento.
I funerali saranno lunedì 16 luglio presso la Chiesa Madonna dei Miracoli alle ore 10,30 mentre per chi vorrà portare il suo ultimo saluto alla cara Natalia potrà farlo presso la Casa Funeraria Villa Eve dopo il Santuario del SS. Salvatore! 
RESTERAI PER SEMPRE NEI NOSTRI CUORI. CIAO NAT 
JUVENTUS CLUB ANDRIA 
 

 
 
GIULIANO E LUISA SPOSI
 
Oggi 7 luglio (questo numero ultimamente ci sta portando bene........) per tutto il nostro gruppo, per la grande famiglia dello JUVENTUS CLUB ANDRIA è un giorno importante ma soprattutto per Giuliano Zefferino e Luisa Dell'Aquila, due ragazzi cresciuti a " pane.....& club".....convolati a nozze....si avete capito bene...... 
Due ragazzi che frequentando assiduamente il nostro Club si sono meglio conosciuti, tra una partita e l'altra, di trasferta in trasferta, arrivando oggi a coronare il loro sogno d'amore. Giuliano, componente molto attivo del Consiglio Direttivo e Luisa una della primissime ragazze ad avvicinarsi alla nostra splendida realtà. Chi lo avrebbe mai potuto immaginare, quando questa nostra avventura partì nel lontano 2003, che saremmo stati capaci anche di "formare" le famiglie del futuro! Permetteteci di dire che oggi ci sentiamo tutti un po orgogliosi di questo matrimonio celebrato in mattinata nella Chiesa Cuore Immacolato di Maria qui ad Andria. A Giuliano e Luisa non possiamo che augurare tutto il meglio che possa esserci per una coppia che oggi intraprende un nuovo cammino di vita, ma soprattutto tanta felicità & serenità, elementi fondamentali per poter assieme vivere per sempre il loro sogno d'amore. Siamo molto legati a loro due proprio per aver visto questa splendida storia nascere dall'interno del nostro gruppo, oltre che per la loro solarità, soprattutto della bella Luisa.....non c'è ne volere caro Giuliano....ahahahahahah. In molti i ragazzi del Club accorsi alla messa per festeggiare e vivere con loro questo grande momento. All'uscita dalla Chiesa, Giuliano e Luisa avevano due sciarpe del Club che hanno con orgoglio mostrato dandosi un lunghissimo bacio. Poi la foto di rito con le pezze del Club a suggellare il loro legame con lo JUVENTUS CLUB ANDRIA....che galeotto fu......In serata al taglio della torta sarà apoteosi totale! 
AUGURI GIULIANO, AUGURI LUISA ed auguri anche al piccolo Mirko, da parte di tutta la vostra grande famiglia dello JUVENTUS CLUB ANDRIA. 
FINO ALLA FINE GIULIANO & LUISA....... 
JUVENTUS CLUB ANDRIA.....PIU' DI UN CLUB 
p.s. Ragazzi al rientro dal viaggio di nozze vi attende una lunghissima stagione di trasferte al fianco della Vecchia Signora......
 
 
 

 
 
PARTITO IL TESSERAMENTO, GIA' OLTRE CENTO SOCI IN SOLI TRE GIORNI
 
Non vedevamo l'ora già di ricominciare, ma pensate che si sia riusciti effettivamente a staccare???? ma che! Noi senza Club non possiamo stare, oramai è entrato a far parte del nostro vivere quotidiano, sette giorni su sette. Prima la grande festa organizzata con quasi 200 presenze, poi la preparazione della nuova campagna tesseramento che ha visto la sua partenza ufficiale mercoledì 27 Giugno. In soli tre giorni già registriamo ben 111 iscrizioni, numeri impressionanti che ci fanno comprendere anche per questa stagione quale sarà l'andazzo! Questi sono i frutti dell'organizzazione, della programmazione, della passione, dell'aver saputo creare un Club per tutti non per "pochi intimi". Dai bambini ai ragazzi, dagli anni 70/80 sino ai veterani con le donne sempre più numerose, sempre più fiore all'occhiello di questa realtà!  
Non abbiamo variato assolutamente i costi, la tessera base "socio semplice" costa sempre 40,00 euro (dei quali vi ricordiamo che ben 25,00 vengono versati alla Juventus per l'affiliazione di ogni singola persona) con il contributo di ingresso a partita di euro 3,00, l'abbonamento per i giovani, valido per assistere all'intera stagione senza ulteriori esborsi, sempre ferma a 55 euro con l'allungamento della fascia sino ai 19 anni da compiere (in pratica un anno in più),quello per gli adulti sempre fermo a 95 euro (visione dell'intera stagione), quello per le donne sempre fermo a 40,00 euro (visione dell'intera stagione) mentre la vera novità è rappresentata dall'introduzione della tessera per gli UNDER 16 a soli 30 euro. In pratica abbiamo innalzato l'età dai 12 ai 16 anni, abbassando la quota di ben 10,00 euro rispetto al passato. Un forte segnale quello che il CONSIGLIO DIRETTIVO di questo Club lancia alle future generazioni. Si vuole avvicinare sempre più giovani alla nostra realtà per garantire un futuro sempre più importante a questo gruppo fiore all'occhiello ed esempio, oltre che punto di riferimento per tutti. Ricordiamo inoltre che ogni tipologia di tessera prevede la stessa possibilità di poter richiedere biglietti per tutte le partite. NO TESSERA CLUB NO BIGLIETTO!  Sul sito nella sezione tesseramento, trovate il REGOLAMENTO INTERNO che vi invitiamo a leggere. Non dobbiamo aggiungere altro se non ribadirvi che stiamo partendo più carichi che mai, animati da una infinita passione ed una grande mentalità che cerchiamo di anno in anno di inculcare in tutti coloro che ci frequentano. A chi non si è mai avvicinato alla nostra "famiglia", perchè di vera famiglia trattasi, l'invito è quello di provare a farlo, vedrete che anche voi, se veri tifosi juventini, non ci lascerete più. Ricordate sempre che l'orgoglio dell'appartenenza ad un gruppo della tua città è tutto, chi non ha appartenenza non ha orgoglio! Vi aspettiamo come sempre numerosi, vi aspettiamo come sempre vogliosi di macinare km e km con noi al fianco della Juve in ogni dove, vi aspettiamo sempre più orgogliosi di appartenere allo JUVENTUS CLUB ANDRIA perchè essere uno di noi è un motivo di VANTO. VIENI ANCHE TU TRA NOI! Facciamo come sempre parlare i FATTI non le parole o chiacchiere da bar! NOI SIAMO NOI!  
NO SOCIAL, NO TAG, SOLO BIRRE E GOLIARDIA A VOLONTA'. 
In questa fase, vi invitiamo a prendere contatti telefonici al numero 320 620 9445 per fissare appuntamento per consegna modulo di adesione. Il modulo lo potrete come sempre scaricare dal sito nella sezione tesseramento. Abbiamo anche due punti di riferimento dislocati in città, ALIMENTARI LOTTI in Piazza delle Regioni n. 1 oppure presso la CAFFETTERIA GOODNESS in Via A. Vespucci n. 79. 
JUVENTUS CLUB ANDRIA DA 15 ANNI STORIA DI UN GRANDE AMORE....CONTINUIAMO TUTTI INSIEME A SCRIVERLA, FACENDO PARLARE DI NOI!
 
 

 
 
E' STATA UNA SERATA STRAORDINARIAMENTE FANTASTICA
 

Non potevamo chiedere di più dalla serata organizzata per festeggiare i trionfi stagionali della JUVENTUS e soprattutto per dare il via alle celebrazioni per i primi 15 anni di attività di questo grandioso Club. Organizzata in maniera impeccabile dal Consiglio Direttivo in poco più di due settimane, dopo la chiusura del campionato, in una nuova location alle porte di Andria denominata VILLA ZAD, una villa privata con piscina e splendidamente arredata. Ancora una volta il Direttivo di questo gruppo si è superato, dando il meglio di se per questo traguardo storico raggiunto grazie alla determinazione, alla enorme passione, alle capacità organizzative di una “squadra insuperabile”. Ma tutto è stato possibile grazie anche alla collaborazione di ognuno dei soci, sia di chi è poi stato presente alla festa ed anche di chi non è potuto esserci ma che ha sostenuto sia pure attraverso semplici messaggi, la perfetta riuscita dell'evento! Oggi ci sentiamo piacevolmente ed orgogliosamente soddisfatti nell'aver visto tantissima gente divertirsi e sorridere in quella serata definita “straordinariamente fantastica”. Cerchiamo in questo articolo, di riavvolgere il nastro per raccontarvi il film della serata per farvi vivere le emozioni che si sono provate.

I giorni che hanno proceduto la festa sono stati davvero frenetici, pieni di incontri affinchè tutto andasse per il meglio. Non abbiamo lasciato nulla al caso. Abbiamo previsto davvero tutto. Ed è proprio questo che ci rende GRANDI ed UNICI. In tanti oggi guardano a noi come modello da imitare consapevoli però che raggiungere il nostro livello è umanamente impossibile. Non lo diciamo con presunzione, ma è la realtà dei fatti che lo dice, oltre alla gente che lo attesta.

Al pomeriggio tutto il Direttivo supportato da soci che si sono voluti mettere a disposizione si è recato presso la VILLA per allestirla con i nostri colori, con le nostre bandiere, con i nostri striscioni. Tutto è stato organizzato in stile matrimonio ed in stile discoteca. Dalle 21,30 la gente ha iniziato ad affluire alla Villa, trovando ad accoglierla una pattuglia di vigilanza privata e steward/bodyguard che controllavano meticolosamente ogni singolo accesso. Anche questo è stato per i nostri soci sinonimo di perfetta organizzazione. Parcheggio privato e custodito interno per tutti. Poi si entrava nella splendida villa dove la musica del bravissimo Matteo Bucci iniziava a mettere l'allegria addosso, con Anna che offriva uno spritz per tutti. Alle 22 in punto con tutti i  soci quasi arrivati (circa duecento persone...) la festa aveva inizio con i saluti di rito del Presidente Francesco Nicolamarino e del Segretario Fabio Attimonelli i quali da perfetti “padroni di casa” salutavano tutti ringraziando gli amici di altri Club/Gruppi che non sono voluti mancare all'appuntamento suggellando delle amicizie nate sui gradoni dello stadio. Intervenivano Rocco Fiorino giunto da Torino, Kevin ed i ragazzi arrivati da Giulianova e Gino Zagaria con la sua rappresentanza da Barletta. Targa celebrativa donata dagli amici di Barletta con i quali è nato uno splendido rapporto che va oltre il calcio. Prima del via ufficiale è stato mandato in onda sullo schermo il video story di quest'ultima annata del Club con tutte le trasferte ed attività realizzate. Davvero emozionante il video realizzato da Giuseppe Leonetti. Nel mentre i soci scoprivano un altra sorpresa, un drone che riprendeva il tutto dall'alto è che veniva contestualmente proiettato live sullo schermo. Abbiamo pensato davvero a tutto. Poi partiva la musica house del Dj supportato dalla bravissima vocalist LA KRIS!!!!! Spettacolo vedere tutti in pista a ballare e ad un certo punto non si capiva più nulla, musica sempre più “tosta” con i soci, soprattutto la parte più giovane scatenata. Alcuni video della serata che sono girati hanno potuto testimoniare quanto davvero bella sia stata questa festa danzante organizzata dallo JUVENTUS CLUB ANDRIA. Alle 23,15 il primo break con il gran buffet di stuzzicheria ed antipasti che veniva fornito. Altra sorpresa. Un maestro casaro della Ditta CASEIFICIO MONTRONE che è stato tra gli sponsor principali dell'evento ha realizzato dele mozzarelle e nodini direttamente sul posto lasciando stupiti tutti. Nel frattempo che il buffet procedeva si riprendeva a ballare, vero motivo della serata con Fabio che trascinava nuovamente tutti in pista supportando benissimo la vocalist. Verso mezzanotte e mezza Mario Caldarola il noto bar man catalizzava l'attenzione dei presenti con la preparazione dei suoi cocktail per poi andare tutti a bordo piscina per assistere allo spettacolo pirotecnico organizzato dalla Ditta PiroFantasy di Barletta e proceduto da una bellissima fumogenata tricolore tra i tanti cori da stadio cantati a squarciagola. Insomma man mano che si andava avanti le sorprese non finivano più con la gente sempre più estasiata e meravigliata di così tanta organizzazione. Subito dopo l'apprezzato ed applaudito spettacolo pirotecnico si ritornava in pista con il buffet di Frutta e Dolci che nel frattempo deliziava tutti. Anche per la frutta dobbiamo ringraziare l'altro sponsor principale la Ditta NATURA & QUALITA' che non ha fatto mancare davvero nulla. La musica ed il ritmo diventavano sempre più forti trascinando anche i più tranquilli nel vortice......Dopo l'una il taglio della torta preceduto dallo striscione celebrativo (foto articolo) per i 15 anni, di oltre venti metri tenuto a mano dallo zoccolo duro delle trasferte. Lungo l'applauso dei quasi 200 soci, con tantissime donne che hanno partecipato a questa spettacolare serata. Numeri impressionanti quelli che questo Club riesce a mettere assieme di attività in attività, di trasferta in trasferta. Poi ancora disco dance sino quasi alle 3,00 della notte. Esausti si iniziava a smontare gli striscioni, le bandiere tra i tanti grazie che abbiamo ricevuto. Questa è stata la soddisfazione più grande. Dopo la bellissima festa del decennale festeggiato alla LAMPARA ecco un altra festa di cui ci ricorderemo a lungo. I quindici anni sono appena entrati nel vivo dei festeggiamenti, di qui a Natale ci saranno con molta probabilità altri momenti di festa. Per adesso lasciateci ancora godere di questa festa perfettamente riuscita nell'attesa di rimetterci a breve in moto con l'avvio della campagna tesseramenti per la nuova stagione 2018/2019 che dovrà vederci sempre più protagonisti. Già tantissimi i soci o le persone che ci stanno scrivendo o contattando smaniosi di potersi già iscrivere. Keep Calm, la nostra stagione è appena terminata. Dateci il tempo di rifiatare un attimino per poi ripartire più carichi che mai. A breve conoscerete tutti i dettagli su tesseramento e campagna abbonamenti.

Un grazie grosso lo rivolgiamo a tutti coloro che ci hanno aiutato nell'organizzazione generale, come alla Ditta di Michele Zingarelli che ci ha preparato il servizio catering a buffet. Un grazie va anche a Mario Borraccino per l'articolo che ci ha dedicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno dove è riuscito a raccontare l'essenza ed i valori di questo Club. Un altro grazie va a Sabino Chieppa che se non ci fosse bisognerebbe inventarlo, l'uomo giusto per la risoluzione di ogni problema. Per lui i problemi non esistono! Un altro grazie immenso va a Maria Scamarcio che pur residente al Nord non ha voluto assolutamente mancare a questo evento dimostrando un grandissimo senso di appartenenza al gruppo davvero commovente.  Immancabile come sempre il caro Pasquale Cipriani da Gravina sempre presente alle nostre iniziative, sempre più uno di noi, come Giovannone Sinisi il nostro socio di Minervino oramai parte integrante di noi. Bello anche vedere tutto lo zoccolo duro dei soci fondatori e delle trasferte tutto al completo e ballare in pista spesso abbracciandosi tra di loro!

SIAMO UNA SPLENDIDA REALTA'!

2003 -2018...DA QUINDICI ANNI STORIA DI UN GRANDE AMORE – JC ANDRIA

GRAZIE A TUTTI!

 

 

 
 
TUTTOSPORT CI DEDICA UNA INTERA PAGINA
 

Niente poco di meno che, TUTTOSPORT il quotidiano nazionale torinese nella giornata di sabato 2 giugno ci ha dedicato una intera pagina, riportando in copertina il titolo "VIAGGIO ALL'INTERNO DELLO JUVENTUS CLUB ANDRIA", già annunciato nella giornata di venerdì 1 Giugno nei profili social del giornale stesso. Una grandissima soddisfazione, a dimostrazione della grandezza del nostro Club riconosciuto oramai a livello nazionale tra i migliori nel variegato panorama della tifoseria organizzata juventina. Mai avremmo potuto immaginare agli inizi di questa avventura di poter giungere un giorno a ricevere questo importante riconoscimento, proprio nell'anno in cui festeggiamo i 15 anni di attività al fianco della Juve. La cosa ha fatto inorgoglire ancora di più tutti noi del Direttivo e tutti i nostri soci sempre più felici di appartenere a questa grande realtà, ma allo stesso tempo avrà fatto morire dall'invidia tutti coloro che non ci sopportano o i "quattro" chiacchieroni da social network che si ridicolizzano sempre più nel continuare a scrivere le solite stronzate! Noi invece dimostriamo di essere sempre più di un "altro pianeta", sempre più lontani da quei Social che riteniamo essere alquanto distanti dal nostro essere, dalla nostra mentalità, dal nostro modo di vivere ed intendere la vita di Club. Proprio su questo argomento è stata incentrata l'intervista del quotidiano torinese, sul nostro essere atipici ed in controtendenza in quanto ai social netwwork. Saremo forse gli unici a non fare utilizzo di questi strumenti che allontanano la gente piuttosto che aggregarla. Noi preferiamo il vivere quotidiano, il vivere i rapporti umani, fatti di serate in pizzeria, di trasferte su trasferte perchè no....di bevute, di goliardate, situazioni che non fanno altro che cementare sempre più i rapporti tra di noi soci, rendendo il nostro gruppo sempre più come una grande famiglia, apprezzata e stimata da tantissimi altri gruppi e/o Club d'Italia. Le amicizie, quelle importanti, che abbiamo oramai in ogni dove sono la dimostrazione lampante di quello che siamo stati in grado di saper costruire. 
Ma veniamo alla sorpresa di sabato scorso....Nella giornata di venerdì sui nostri gruppi Whatsapp sono iniziati a circolare degli screenshot del profilo facebook e twitter di Tuttosport che annunciava che all'indomani avrebbero pubblicato un intervista alla scoperta della nostra realtà organizzata....Ovviamente increduli non riuscivamo a comprendere come fosse possibile visto che erano quasi le 12,00 è nessuno aveva ricevuto un contatto o una chiamata. Ma ecco che verso le 13 si materializzava il tutto, con la chiamata addirittura di GUIDO VACIAGO al nostro Segretario Fabio Attimonelli con il quale veniva concordata una intervista telefonica verso le 14,30. Intervista durata oltre mezz'ora nel corso della quale Fabio ha sviscerato a 360 gradi la vita del nostro Club, una bella intervista in cui si racconta al meglio il nostro essere, il nostro vivere quotidiano la passione per la Juve seppur a 1.000 km di distanza. E' stato molto apprezzato il nostro sito internet, sempre aggiornato, sempre pieno di contenuti. Grande attenzione hanno avuto anche le "ragazze andriesi" come i soci ultrasettantenni ed ottantenni che frequantano assiduamente il club. Un cenno alle persone che ci hanno purtroppo lasciati con Lorenzo e Alberto su tutti. Si parla della storia d'amore nata proprio al Club tra GIULIANO e LUISA che il prossimo 7 luglio convoleranno a nozze. Si parla delle nostre iniziative in ambito sociale, della nostra costante presenza in trasferta, dei veri e propri buffet organizzati da Sabino Chieppa a bordo pullman, della festa dei quindici anni. Insomma una gran bella intervista rilasciata dal nostro Fabio. Immaginate poi sabato mattina....con la corsa ad acquistare il giornale, sin dalle prime ore dell'alba, andato poi completamente esaurito in Città e nei paesi limitrofi. Nessuno voleva perdersi questa giornata storica per lo JUVENTUS CLUB ANDRIA. E' iniziato poi l'invio della foto-selfie con il giornale in mano aperto alla pagina n. 13, una simpatica cosa che ha coinvolto tutti i soci che si sono lasciati trasportare in questa fantastica giornata tra l'altro festiva. Ne abbiamo ricevute tantissime di foto anche dai molti amici di altre città che hanno voluto attestare i loro complimenti per questo grande riconoscimento fatto al nostro Club. 
Nella versione smartphone del nostro sito potrete estrapolare in pdf l'intera pagina e leggerla al meglio. 
JUVENTUS CLUB ANDRIA, AMORE VERO....PIU' PERSONE...MENO SOCIAL!
SCEGLI NOI PER LA PROSSIMA STAGIONE PER VIVERE LA PASSIONE ALLO STATO PURO!
 




SCARICA LA PAGINA

 

 
 
JUVENTUS "DISCO CLUB" ANDRIA - 16 GIUGNO MY7H PARTY
 
Dopo i festeggiamenti al Club e sul campo per la vittoria della Coppa Italia, dello scudetto maschile e perchè no....anche di quello femminile, ci siamo presi una piccola pausa di relax che è servita per rigenerarci dopo un altra stagione vissuta con intensità sempre in prima linea al fianco della nostra JUVENTUS! 
Periodo in cui abbiamo anche organizzato la festa che oggi vi annunciamo ufficialmente anche qui sul sito del club. Sarà una grande festa come è da sempre nel nostro stile, che trattasi di cena sociale o serata "disco", tutto viene organizzato sempre nel miglior modo possibile. A grande richiesta, da parte soprattutto dei tanti soci più giovani abbiamo organizzato nuovamente uan serata danzante, ma questa volta in maniera ancora più "formato discoteca" rispetto alle altre. Ricorderete le serate danzanti già tenute presso la Lampara, presso Montegusto o quella presso la Fenice Cristal Palace Hotel, bene questa sarà ancor più bella, ancora più attraente, ancora più a "baldoria". Sarà delirio allo stato puro.Matteo Bucci sarà nuovamente il DJ Set accompagnato dalla vocalist "La Kris" per una notte che si preannuncia fantastica e che si terrà il prossimo sabato 16 giugno a partire dalle 21,30 presso una bella Location con piscina come VILLA ZAD, sita 1,5 km dopo il Santuario del Santissimo Salvatore, sulla destra. Il costo sarà di 25 euro a persona. Bisognerà arrivare presso la Villa già muniti del tagliando d'ingresso al PARTY che andrà acquistato prima, telefonando al 320 620 9445. Il costo comprenderà il cocktail di benvenuto, il gran buffet di stuzzicheria varia e antipastini, l'angolo del casaro organizzato dal CASEIFICIO MONTRONE, il gran buffet di frutta (offerta dalla Ditta NATURA & QUALITA') e dolci oltre alla torta celebrativa finale ed un coktail alcolico. Il Bar Man sarà Mario Francesco Caldarola. Al termine spettacolo pirotecnico e fumogenata per festeggiare i trionfi della nostra JUVENTUS è dare il via alle celebrazioni per i 15 anni di vita di questo grande CLUB. Grande l'attesa da parte dello zoccolo duro, soprattutto da parte del gruppo "caldo" delle trasferte che non vede già l'ora di ricominciare ma soprattutto di riunirsi tutto assieme. Sarà come una discoteca, con musica house, perchè vogliamo celebrare i TRIONFI stagionali in maniera grandiosa.Hanno assicurato già la loro presenza gli amici dei Club di Giulianova e Barletta a testimonianza dei tanti legami che abbiamo. 

SU SU SU SU SU SU LE MANIIIIIIIIIIIIIIIIII PER QUESTO GRANDE CLUB!
 Siamo davvero tanto orgogliosi per quello che riusciamo ad organizzare e per quello che siamo. L'invidia ed il rosicamento lo lasciamo come sempre....agli altri......ahahahhahahahha! Soddisfazioni su soddisfazioni per un Club che cresce sempre più!  
TUTTI AL MY7H PARTY! NON FARTELO RACCONTARE!
 
 

 
 
LA JUVENTUS WOMEN CAMPIONE D'ITALIA
 

Anche la JUVENTUS WOMEN è CAMPIONE D'ITALIA al suo primo campionato di Serie A in assoluto. Potrebbero organizzare qualsiasi campionato ma siamo certi che lo vinceremmo sempre noi. Come sempre la JUVE è sempre un passo avanti a tutte le altre società d'Italia è questa nuova esperienza avviata la scorsa estate ha già prodotto i suoi frutti. Vincere al primo tentativo è un qualcosa che lo si può ottenere soltanto con una grande programmazione e grandi investimenti. Sin da subito abbiamo creduto in questa nuova realtà, legandoci a queste ragazze, seguendole ufficialmente per la prima volta nella trasferta a BITETTO contro la squadra femminile del BARI oltre che in TV quando è stata concessa qualche diretta. Adesso l'occasione era ghiotta. Lo spareggio che valeva lo SCUDETTO contro le più esperte giocatrici del BRESCIA, arrivate a pari punti nella stagione regolare,  con le nostre giocatrici allenate da RITA GUARINO. La partita si è disputata allo Stadio Piola di Novara, (dove già contavamo una presenza nel 2012) è le nostre incredibili RAGAZZE ANDRIESI, rimaste su a Torino per godersi la festa scudetto della JUVE del sabato sera, domenica hanno raggiunto anche NOVARA sorprendendo tutti noi che con immensa soddisfazione le abbiamo viste in TV inquadrate più volte dietro la loro bellissima pezza. Una presenza che va ad avvalorare sempre più il concetto che siamo davvero una grande realtà se anche delle ragazze si siano avvicinate a noi mettendoci poi anima e cuore nel seguire non solo la squadra maschile ma adesso anche la femminile. ONORE a MARIA SCAMARCIO e AGNESE ZINGARO (le due ideatrici del gruppo femminile) per questa presenza che ci ha reso davvero tanto orgogliosi e facendoci ricevere tanti complimenti. La partita trasmessa in diretta su RAI SPORT 1 è stata seguita da tutti noi con trepidazione. Si è arrivati sino ai calci di rigore, dopo che tempi regolamentari e supplementari si erano conclusi sullo 0-0. 5-4 la vittoria ai calci di rigore con la corsa sotto il settore dove erano assiepati i tantissimi tifosi juventini giunti a Novara. Anche i bresciani erano arrivati in gran numero. Bellissimo al termine con le ragazze della squadra che hanno portato la COPPA proprio sotto le nostre due ragazze presenti inquadrate a più riprese mentre esultavano come due “pazze”. Dopo aver pernottato ancora su, al lunedì hanno fatto rientro ad Andria. INTREPIDE!

Nella gallery alcuni scatti direttamente da Novara per l'ennesima presenza stagionale. Dopo la Primavera ci siamo tolti anche la soddisfazione di seguire la squadra femminile. Non ci facciamo mancare proprio niente. Per questo siamo dei GRANDI!

Adesso ci siamo ripromessi di seguirle il prossimo anno magari in maggior numero in qualche altra occasione come magari potrebbe essere la Champions League femminile.

ONORE ALLE RAGAZZE ANDRIESI

 

p.s. Invitiamo le ragazze di Andria e dintorni che ci leggono a non essere diffidenti. Se la vostra passione per la Juve è immensa, allora non perdete tempo, avvicinatevi alla nostra grande realtà. Non ve ne pentirete.

 

 
 
IL TRIONFO FINALE! UN ALTRA GRANDE STAGIONE
 

La Juventus battendo per 2-1  l'Hellas Verona, chiude un altra stagione trionfale per noi tifosi bianconeri. La passerella finale è stata un tripudio di bandiere bianconere al cielo di Torino, uno stadio in festa, una Città invasa da migliaia e migliaia di tifosi che si sono riversati nelle vie del centro per tributare tutto l'amore verso una squadra leggendaria che sarà ricordata per sempre nella storia del calcio mondiale! VINCERE 7 SCUDETTI di fila è un qualcosa che non accadrà più!

Era anche l'ultima partita con la maglia della JUVENTUS per Gianluigi Buffon, che resterà anche per lui, per sempre nella storia di questa gloriosa società, qualunque sarà la sua scelta noi lo porteremo per sempre nel nostro cuore, perchè chi ha accettato di scendere in SERIE B con noi, sarà UN1CO A VITA! Emozioni forti quando è uscito dal campo sostituito da Pinsoglio, il terzo portiere. La partita si è fermata, siamo tornati indietro nel tempo, a quando un altro grande capitano ALEX DEL PIERO lasciò la Juve. Brividi, lacrime, nonostante la pioggia BUFFON ha voluto salutare uno ad uno i tifosi in prima linea di tutti i settori. Quante emozioni, quante soddisfazioni, quanti trionfi, GIANLUIGI BUFFON sarà per sempre il NUMERO 1 DEI NUMERI 1. Nel frattempo Rugani e Pjanic ci regalavano le ultime due reti e l'ultima vittoria di questo straordinario campionato chiuso a 95 punti con un +4 su di un Napoli che ci ha reso sino al termine la vita difficile. Ecco perchè l'impresa resta epica ed ecco perchè a Napoli, dove hanno fatto il record di punti, stanno davvero male nel ritrovarsi con quei punti li è non aver vinto nulla. Nel guardare le nostre immagini dei festeggiamenti i loro fegati saranno letteralmente esplosi, ma non solo i loro......Lo STADIUM era un catino infuocato è per la settima volta di fila, in pratica dalla sua nascita, ha visto ancora una volta alzare al cielo la COPPA SCUDETTO, con la splendida cerimonia finale quando i calciatori e lo staff tecnico sono stati chiamati uno ad uno per ricevere la giusta consacrazione di CAMPIONI D'ITALIA! Poi tutti all'esterno ad attendere l'uscita del pullman scoperto della squadra che è andata a raccogliere il grazie della gente. Impressionante il numero di persone che ha letteralmente invaso il percorso del pullman. A Piazza Castello dove il bus ha chiuso la sua lunga parata, almeno 100.000 persone hanno atteso l'arrivo dei calciatori. Una festa splendida alla faccia di tutti quelli che ci odiano. Non ci stancheremo MAI di festeggiare scudetti. Per noi è sempre cose se fosse la prima volta. RICORDATEVELO TUTTI.

Anche al Club abbiamo festeggiato nuovamente per la gioia della gente che abita nei dintorni....ahahhahahhahah. Ancora cori, brindisi, bandiere, sciarpe, bambini con maglie della Juve, fumogeni, trombe ed anche una simpatica “bara” dedicata principalmente al Napoli a sancire la definitiva “morte sportiva” di PULCINELLA è di tutti coloro che sostenevano i napoletani......SARO' CON TE.....è stato il coro più gettonato.... che ridere, che gioia, che soddisfazione vedere tutti i nostri soci in estasi. Bellissimo l'ingresso alla sala che abbiamo dedicato al nostro PRESIDENTE. In praatica lo zoccolo duro dei soci, la parte più calda del Club si è disposta sul retro su due lati.....facendogli fare ingresso in passerella con tanto degli oleeeeeee. Siamo una vera banda di matti, siamo davvero una grandissima realtà per quello che facciamo, per quello che combiniamo come sempre A MODO NOSTRO! INIMITABILI!

Per non parlare dell'ennesimo pullman partito per Torino venerdì sera dalla stazione di Andria verso le 21,45. In 54 sono saliti su per gustarsi questa passerella e festa finale capitanati da Salvatore Lomuscio, Giorgio Nicolamarino e Sabino Chieppa. Alla partenza anche una decina di soci che non erano in partenza ma che volevano salutare i fratelli gobbi che si apprestavano alle dodici ore per raggiungere Torino. Una bella truppa di gente esperta a bordo con il solito buffet organizzato dal mitico Pelè, dal salato al dolce con l'immancabile vinello per la gioia di Agnese, Salvatore, Gianni Sinisi & C. Giunti a Torino verso le 10,30 del mattino, la mattinata è trascorsa tra un aperitivo e l'altro ed un pranzo anticipato alle 11,45. Alle 13,15 il gruppo della Sud si è organizzato per fare ingresso all'interno e per sistemare lo striscione. Abbracci e baci con tutti, birre che scorrevano a go go. Poi l'inizio dell'atto finale, sotto una pioggia abbondante i nostri in prima linea attendevano l'arrivo di BUFFON. Emozioni indescrivibili. Poi la festa finale, la foto di gruppo con le nostre pezze spalle al campo (come da foto articolo) per riversarsi fuori ad attendere l'uscita del bus dalla Tribuna. Alle 20,30 lasciano Torino, tranne chi aveva deciso di restare su per gustarsi la festa in centro, come Maria, Agnese, Francesco, Sebastiano e Mimmo. Tra gli immancabili scherzi è la consueta goliardia che ci contraddistingue affrontano anche quest'ultimo viaggio della stagione, un po malinconico per molti, visto che adesso per ben tre mesi resteremo senza Juve e senza trasferte. E' stato un altro anno incredibile per il nostro gruppo che con numeri impressionanti, con una splendida mentalità ha seguito la JUVE in ogni dove, dalla festa dello scorso Luglio a Torino per i 40 anni del GRUPPO TRADIZIONE sino alla trasferta con il Verona di sabato sscorso, abbiamo dimostrato di che pasta siamo fatti. Per noi parlano i numeri ed i fatti. Le parole, le chiacchiere da social le lasciamo tranquillamente ad altri. NOI SIAMO NOI!

Giungono ad Andria alle 08,00 di domenica mattina con la soddisfazione nel cuore di aver contribuito anche questa stagione al TRIONFO DELLA VECCHIA SIGNORA!

Applausi per tutti noi per quello che siamo stati capaci di fare! Adesso stacchiamo un attimo la spina, ma prima dovremo organizzare la nostra festa, che sarà una serata da sballo, una serata danzante in cui faremo una incredibile baldoria. E' il giusto premio per chi come noi, non ha mollato mai, anche quando tutto sembrava perso.     

#doveteSoffrireTuttiMaInSilenzio

JUVENTUS CLUB ANDRIA.....vi faremo impazzire.....

 

 
 
ANCORA CAMPIONI D’ITALIA! ORA SOFFRITE, MA IN SILENZIO…..
 

La JUVENTUS pareggiando all’Olimpico di Roma per 0-0 si laurea per la settima volta consecutiva CAMPIONE D’ITALIA, lo SCUDETTO N. 36 della storia, NON UNO DI MENO!

Ancora a Roma, dopo la festa di mercoledì sera in COPPA ITALIA, riecco i nostri giocatori ancora in trionfo nello stesso stadio, peccato senza il tifo organizzato al seguito, ma solo molti occasionali che avrebbero fatto meglio a restare a casa, ma evidentemente non hanno resistito alla possibilità di essere in prima linea almeno per una volta. NOI coerentemente alla decisione dei gruppi ultras abbiamo disertato la trasferta, come già accaduto ad Udine in questa stagione. Non esiste pagare 75,00 euro per un settore popolare. Peccato perchè la gente come noi avrebbe meritato di essere li al fianco della squadra a festeggiare questo tricolore, il più difficile dopo quello del primo anno di Conte. Abbiamo vinto contro tutto e tutti, abbiamo vinto nell’anno dell’introduzione del VAR, abbiamo vinto contro un avversaria che piuttosto che concentrarsi sull’obiettivo ha solo pensato a polemizzare con noi, ritrovandosi alla fine con una atroce delusione dalla quale difficilmente riusciranno a riprendersi, così come tutti gli anti juventini che si erano vergognosamente coalizzati ai napoletani pur di non vederci vincere ancora. Ed invece hanno ricevuto una MAZZATA tremenda. Sette anni fanno davvero male. Te ne accorgi dalle stronzate che scrivono sui social e se fossero un tantino più intelligenti…..non avrebbero dovuto scrivere nulla ed invece ci dimostrano di quanto stiano davvero male nel vederci sempre in TRIONFO!  Per questo motivo noi GODIAMO ANCORA DI PIU’, pensando già alla festa di sabato pomeriggio quando sarà delirio totale su a Torino, con il saluto al nostro Grande G1G1 BUFFON il numero 1 dei NUMERI 1 che giocherà la sua ultima partita con la maglia della JUVE! Gli anni passano per tutti, purtroppo non vorremmo mai separarci da lui, ma ti rendi conto che la vita scorre inesorabile è guai a fermarsi. Gigi farà parte per sempre della nostra grandiosa storia, ha vinto tutto tranne la maledetta Champions sfiorata per ben tre volte, assurdo destino. Ma per noi è come se l’avesse vinta per quanto ha saputo darci, per l’essere sceso in B nel 2006. Questo non lo potremo mai dimenticare. Varrà per sempre più di ogni altra cosa, più di ogni altro trofeo.

La Juventus riceverà per il settimo anno consecutivo la COPPA SCUDETTO nello Stadium, in pratica da quando è nato il nuovo stadio! Poi sarà festa grande con il Pullman scoperto che sfilerà dallo Stadium per le vie del centro di Torino, insomma alla FACCIA di chi ci odia, gli faremo scoppiare il fegato se ancora gli fosse rimasto integro!

A Roma è stata una partita a tratti noiosa come era prevedibile, con i giallorossi che avendo conquistato matematicamente il piazzamento nella Champions ed avendo appreso del pari della Lazio a Crotone, non hanno pigiato sull’acceleratore se non nella parte iniziale della gara. Poi la Juve ha saputo controllare la partita mettendola sui binari della tranquillità. Così è stato sino al termine quando al triplice fischio dell’arbitro i ragazzi si sono abbracciati, festeggiando un po sul campo per poi proseguire la festa negli spogliatoi ed all’arrivo a Torino quando hanno trovato diverse centinaia di tifosi ad attenderli a Caselle.

Il coro più gettonato è oramai quello dei napoletani…..trasformato in diversi modi per paracularli alla grande, del resto adesso sono impegnati nel cercare di ritrovare lo scudetto a quanto pare perso in albergo a Firenze…..roba da psicoanalisi…..

Al Club domenica sera c’era l’affluenza delle grandi occasioni, non essendo partito nessuno per Roma, c’era il meglio del meglio….o se volete il peggio……ahahhahahah

Tutti arrivati come se fossero in trasferta, con magliettine, giubbottini, felpe, sciarpe al collo, insomma dimostrando come sempre una grande mentalità.

Prima dell’inizio della partita le luci si sono abbassate, una imagine di MIKY ROBERTO e’ stata proiettata sul maxi schermo. Il Presidente lo ha ricordato. Poi un silenzio è calato nella sala, interrotto da un lungo applause ed un coro per lo sfortunato ragazzo scomparso la scorsa settimana. Ci piace immaginarlo seduto sulle gambe del nostro caro ALBERTO a festeggiare come due “pazzi” quest’altro scudetto vinto dalla nostra JUVE!

Poi la partita vista tra una risata è l’altra, pensando a che battaglia sarebbe dovuta essere se fossimo ancora con un punto di vantaggio…..A fine primo tempo tutti in gruppo per una mega foto con le nostre pezze per una domenica anche loro al riposo. Poi arrivano i minuti finali, il count down per un altro storico scudetto, con bottiglie di spumante che vengono stappate nella parte antistante del club, mentre sul retro era già delirio. Un nostro socio Vincenzo Carbutti ci aveva già detto che in caso di matematica vittoria dello scudetto ci avrebbe attesi tutti presso il suo nuovo locale MEZZA LUNA PIENA per una panzerottata a suon di birre…..Ci organizziamo, si forma un grande corteo che percorre tutta Via Enrico Dandolo, con cori possenti, batti mano e soprattutto i fumogeni portati dai ragazzi più giovani (grande Nicola Liso). Ci sentono tutti, la festa aveva avuto inizio è più di uno per questo motivo pare non abbia trascorso una buona nottata……ahahahhahahahahah

SU LE MANIIIIIIIIIII………SIAMO NOI, SIAMO NOI, I CAMPIONI DELL’ITALIA SIAMO NOI! Ancora una volta lo JUVENTUS CLUB ANDRIA ha dimostrato di essere una grande realtà. La festa è poi proseguita all’interno di questo locale in Via Lorenzo Bonomo, con altri cori, continui brindisi, goliardia allo stato puro è il DISCORSO DEL PRESIDENTE! A mezzanotte e trenta, esausti e soprattutto abbastanza “accelerati”….abbiamo dichiarato il rompete le righe….

Nei giorni a seguire, sentire il rumore del nemico, il borbottio, il chiacchiericcio da social non ha fatto altro che farci GONFIARE ancora di più il petto.        

GODIAMO, GODIAMO E’ STRAGODIAMO ANCORA NOI!

Dopo esserci presi quattro giorni di pausa, da giovedì abbiamo messo in piedi l’organizzazione dell’ultima trasferta della stagione che vedrà partire da Andria l’ennesimo Pullman da 50 al seguito della Juve, in un anno da Record per le nostre presenze in termini numerici al seguito della squadra in ogni partita, un crescendo sempre più incredibile.

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA:  TANTA PASSIONE&MENTALITA’!

 

CAMPIONI D’ITALIA PER LA TRENTASEIESIMA VOLTA!

 

p.s. un grazie a tutti i ragazzi che seguono assiduamente la squadra in trasferta per i sacrifici fatti, per la mentalità ed attaccamento dimostrati che hanno fatto consacrare ancora di più il nostro gruppo, ricordate sempre che quello che stiamo facendo NOI da anni VALE ben più di un TRIPLETE, ben più di un MAI STATI IN B.

NOI SIAMO NOI! LO SANNO ANCHE LORO!

 

#SoffriteMaInSilenzio

 

 
 
DI TRIONFO IN TRIONFO! JUVE BATTE MILAN 4-0!
 

La JUVENTUS, nella finale di Coppa Italia contro il Milan dell’ex Bonucci, trionfa per 4-0 riconquistando per la quarta volta consecutiva la COPPA ITALIA, la tredicesima della nostra storia. Un altro RECORD che va ad aggiungersi ai tanti stabiliti in questi ultimi sette anni. Abbiamo riscritto la STORIA DEL CALCIO ITALIANO ed ancora continueremo a farlo. Mai nessuno era riuscito a vincere per quattro volte di fila il trofeo nazionale. Se poi lo fai a spese del Milan la goduria diventa pazzesca! Stiamo vivendo stati d’animo di pura gioia, di immensa felicità. Le soddisfazioni che ci continua a regalare la nostra Juve sono un qualcosa di incredibile. Vedere poi i tirapiedi soffrire come dei dannati non ha per noi prezzo. Dieci giorni di goduria stratosferica, prima la vittoria a San Siro contro gli intertristi, poi l’illusione del trionfo…. data ai napoletani, per chiudere con gli schiaffi “in faccia” rifilati ai rossoneri. Abbiamo informato, per questo motivo, la SANGALLI di passare a ritirare le buste di ORGASMO…….tutte le sere dal Club…...ahahahahahhahahahahahahahah!

Anche mercoledì sera delirio allo stato puro per i tantissimi soci che si sono recati a Roma, come per chi è rimasto in sede ad Andria con tanto di festeggiamenti finali che hanno nuovamente ricacciato nella depressione più totale il vicinato……

Un primo tempo quasi soporifero con pochi sussulti ed un equilibrio che lasciava presagire che la partita poteva protarsi anche ai supplementari. Poi nella ripresa la Juve ha preso definitivamente le misure ai rossoneri con Dybala e Douglas Costa che salivano in cattedra iniziando a dettare legge. Prima Benatia, poi Douglas Costa, ancora Benatia, con Donnarumma a metterci del suo e Kalinic con un autorete a suggellare una autentica disfatta per loro che speravano invece di poter chiudere una stagione anonima in trionfo. Ed invece hanno ricevuto il giusto “premio”. Una pesante scoppola che racchiude il film dell’intera stagione rossonera. Da incubo….ben gli sta!

ZERO TITOLI PER TUTTI!

La trasferta a Roma del nostro Club è stata fatta in massa, quasi 90 soci si sono messi in marcia con Pullman ed auto private, una bella carovana che ancora una volta ha dimostrato quanto grande sia il nostro gruppo. Purtroppo il risveglio al mattino non è stato dei migliori. La notizia della morte di Miky Roberto ci ha profondamente turbati. L’animo di tutti noi appena ci siamo ritrovati in stazione già dalle 08,30 del mattino non era dei migliori. Proprio nel giorno della partita che Miky tanto stava attendendo è arrivata questa terribile coincidenza. Da subito sia nelle nostre chat che sul Pullman ci siamo organizzati per garantire la nostra vicinanza alla Famiglia. Abbiamo immediatamente dato ordine al nostro grafico di realizzare uno striscione come delle immagini in ricordo di Miky. Grazie a chi partiva in auto siamo riusciti a far giungere nello stadio Olimpico di Roma lo striscione che abbiamo esposto nella nostra balconata, al di sopra del nostro striscione. Incredibile l’organizzazione ed il tempismo di noi tutti che hanno fatto sic he Miky fosse ricordato come meritava. Il viaggio verso Roma è stato molto tranquillo in rispetto della Famiglia Roberto. Sosta in Autogrill a Irpinia, con foto del gruppone compatto, per poi dirigerci verso ROMA SUD dove la truppa dei nostri soci nell’Autogrill di Frascati si è soffermata per il pranzo. Alle 15,20 varcavano l’uscita autostradale dove sono stati immediatamente fermatI dalla Polizia, controllati è lasciati partire verso le ore 16,00. Alle 17,00 erano già sul Lungo Tevere, con il gruppo che doveva introdurre all’interno dello stadio gli striscioni e le pezze che si incamminava subito verso gli ingressi, mentre tutto il resto del gruppo in maniera compatta è più tranquillamente raggiungeva lo stadio verso le 18,30. Alle 17,45 in punto Fabio Attimonelli, Massimo Matera, Giorgio Nicolamarino, Riccarda Lotti per le ragazze, Giuseppe Di Serio, Gino De Astis, Giorgio Nicolamarino e Gaetano Maddalena facevano ingress con il bandierone è tutto il material da sistemare. Solita balconata, solita predisposizione, solita grande organizzazione.

Il resto del gruppone come detto si compattava con chi arrivato in auto agli ordini del Presidente Francesco Nicolamarino, Nicola Pisani e Andrea Leonetti. Una parte entrava in Sud, la restante nei Distinti Sud. Appena tutti dentro si posizionavano come da ordini impartiti tutti dietro lo striscione. Stupendo vedere la compatezza del nostro Gruppo, con Fabio, Massimo e Giorgio che nel frattempo avevano dialogato con i gruppi per l’organizzazione della coreografia occupandosi di gestire la parte sopra la nostra balconata. Nel frattempo grazie all’auto di Riccardo Matera e Francesco Pizzolorusso arrivava lo striscione per Miky. Si attendeva l’inizio, la Sud andava man mano riempiendosi, ci si riscaldava la voce con i primi cori. E’ stata una serata per noi di grande tifo, con il nostro Gruppo che ha fatto cantare tutta la parte alta. La coreografia molto meglio delle altre volte, con quella rossonera come sempre spettacolare anche se gli ha portato una sfiga pazzesca…..Viene giù la pioggia poi ritorna il sereno con la Juve che come detto in campo scatena la tempesta nella ripresa chiudendo la pratica in pochissimi minuti.

Sugli spalti è un tripudio di bandiere bianconere, con la nostra bandiera dedicata all’Avvocato che viene poi sventolata in basso al momento della premiazione, proprio li dove la squadra viene a portarci la Coppa. A fine gara ci abbracciamo tutti per l’immensa gioia provata è prima di lasciare l’Olimpico scandiamo nel cielo di Roma un coro dedicato a Miky con tanto di applausi anche dei gobbi di ogni dove. Tutto insomma è andato alla perfezione. Anche se avremmo preferito che Miky fosse stato sugli spalti con Noi. Ma lo abbiamo immagintao seduto sulle gambe di Alberto Tesoro ad esultare come pazzi da lassù come era loro solito fare. Ciao Miky salutaci le altre nostre stelle li nel cielo! Ci mancherà il tuo sorriso, la tua simpatia, la tua voglia di vivere! Sarai di esempio per I nostri figli! Tramanderemo la tua storia a tutti! Grazie per le emozioni che hai saputo regalare a tutti!

Il viaggio di ritorno è stato ovviamente scandito dalla gioia irrefrenabile di tutti ma anche dalla soddisfazione di aver fatto una presenza così massiccia. Gli autogrill erano tutti stracolmi di tifosi, riusciamo a fermarci soltanto a Teano per poi fare rientro direttamente ad Andria alle ore 06,00 circa, pronti per tuffarci in una giornata di lavoro, con la stanchezza che veniva vinta dalla gioia ed adrenalina per l’ennesimo trionfo vissuto! Al pomeriggio una nostra delegazione si è recata poi ai funerali di MIKY. Sempre più una grande realtà!

Adesso nemmeno il tempo di festeggiare come si dovrebbe che è già tempo di pensare forse ad un altra festa che potrebbe giungere già domenica sera sempre all’Olimpico di Roma, quando la Juve con un punto o se il Napoli non vincesse, potrebbe conquistare il suo settimo tricolore di fila!

Peccato che noi NON CI SAREMO, avendo aderito alla protesta contro il CARO BIGLIETTI, promossa dai gruppi ULTRAS della CURVA SUD! E’ stata una decisione sofferta per tutti, gruppi compresi, ma abbiamo fatto la COSA MIGLIORE! Peccato che comunque il settore sarà popolato di tantissimi tifosi occasionali pronto sempre a farsi “spennare”. 75 euro per un SETTORE OSPITI va contro ogni logica. L’AS ROMA ha fatto una grande vigliaccata nei nostri confronti! Tutti i soci che erano prenotati per questa trasferta si ritroveranno domenica sera al Club, per fare gruppo a dimostrazione che il GRUPPO, GLI AMICI, vengono prima di ogni cosa. Grazie a tutti per aver compreso i motivi della nostra scelta ed aver rinunciato comunque alla trasferta.

LA JUVE SIAMO NOI, LA JUVE SIAMO NOI, LA JUVE SIAMO NOI, SOLO NOI!

ANDIAMO A CONQUISTARLO!

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA SOLO PASSIONE&MENTALITA’!

 

Nella gallery le foto della FINALE COPPA ITALIA

 

 
 
CIAO MIKY, CON NOI PER SEMPRE!
 
Che assurda coincidenza, proprio nel giorno della FINALE di COPPA ITALIA, Miky Roberto è purtroppo volato in cielo.Il risveglio al mattino non è stato semplice una volta appresa la notizia che mai avremmo voluto sentire. La partenza per la trasferta a ROMA è stata segnata da questa brutta notizia che ha trasformato i nostri stati d'animo. All'Olimpico, Miky non vedeva l'ora di ritornarci, avrebbe dovuto incontrare da vicino i suoi beniamini, i calciatori della Juventus che oramai ben lo conoscevano, era per loro come una mascotte, soprattutto per Paulo Dybala. La sua storia, la sua purtroppo breve esistenza, resteranno per sempre come esempio nelle menti di noi tutti. L'amore che ha saputo trasmettere è che ha ricevuto dalla sua splendida famiglia sono un qualcosa da LIBRO CUORE, sono di insegnamento per tutti, che spesso nella vita ci abbattiamo per futili motivi. Miky lascia in eredità a tutti coloro che ne hanno avuto la fortuna di conoscerlo, il suo sorriso, la sua simpatia, la sua goliardia, la sua voglia di vivere. Noi nel nostro piccolo, avendo la sua stessa passione per questi colori che ha amato alla follia, non potevamo che ricordarlo ed onorarlo proprio a Roma, con uno striscione fatto realizzare ed arrivare a Roma in tempi da record. Lo dovevamo a lui, lo dovevamo alla sua famiglia. Un coro a fine gara ha scandito il suo nome è ne siamo certi che da lassù lui ci ha ascoltato ed avrà sorriso, seduto sulle gambe del nostro caro Alberto Tesoro. 
CIAO MIKY, GRAZIE PER L'AMORE CHE HAI SAPUTO DONARE A CHI TI CIRCONDAVA! 
JUVENTUS CLUB ANDRIA
 
 

 
 
E' PRATICAMENTE FATTA! DOVETE “IMPAZZIRE” TUTTI.
 

Per il settimo scudetto consecutivo, il 36° della nostra storia, manca solo la certezza matematica ma possiamo dire che da domenica pomeriggio, dopo l'ennesimo passo falso del Napoli, questa volta in casa contro il Toro, è cosa praticamente fatta. Anche un arrivo a pari punti ci premierebbe in virtù della differenza reti abbondantemente a nostro vantaggio. Chi lo doveva immaginare, che dovevamo riuscire in questa impresa STORICA di conquistare per sette anni di fila lo SCUDETTO del campionato italiano. Un qualcosa di davvero incredibile, un traguardo UNICO che questa nostra grande squadra ha raggiunto alla faccia di tutti coloro che non ci sopportano. Se ne devono fare una ragione, soprattutto in questa stagione, dove tutti si erano esposti dichiarando da più parti di sostenere il Napoli, affinchè togliesse questa DITTATURA imposta dalla nostra JUVENTUS. Ed invece ancora una volta sono li tutti ad arrampicarsi sugli specchi, tutti a cercare di accampare le solite scuse, le solite teorie del complotto, le solite puttanate insomma dei PERDENTI. Mai che si fanno tutti un profondo esame di coscienza, mai che si interrogano sui limiti evidenti delle loro squadrette che come sempre in ogni estate fanno proclami di qua, proclami di la, per poi puntualmente ritrovarsi con un pugno di mosche in mano. A Napoli qualcuno spiegasse una volta per tutte che gli scudetti non si festeggiano al giro di boa o dopo aver vinto uno scontro diretto. Gli scudetti si festeggiano solo quando la matematica ti dice che sei CAMPIONE D'ITALIA. Troppo bello, troppo godereccio questo SCUDETTO, che arriva anche in questa stagione, forse la più difficile di questo lungo ciclo, la stagione che vedeva, a gran voce richiesta, la tecnologia in campo, con l'esordio del VAR. Ed ancora una volta sono li che protestano, sono li che abbaiano e borbottano. Insomma i soliti “quattro sfigati” da chiacchiere da bar è come sempre le chiacchiere se le porta via il vento, mentre il 20 maggio a Torino, rivedranno la JUVENTUS rialzare al cielo la COPPA SCUDETTO per la settima volta consecutiva. Un ciclo che si ricorderà per sempre, FINO ALLA MORTE! Si è vero fa tanto male ammetterlo, lo sappiamo, li abbiamo ridotti noi in questo stato pietoso a tutti i tifosi delle altre squadre, oramai stanno impazzendo tutti, oramai sono nella fase del delirio più totale, nemmeno più “borderline”.....ahahhahaha come godiamo, quanto godiamo. E' sino a quando noi vinceremo in ITALIA, solo in ITALIA, loro resteranno a bocca asciutta. TUTTI, altro che Fino al Confine, altro che noi abbiamo il Triplete, altro che noi abbiamo 7 Champions, la realtà dei fatti ci racconta che uno scudetto, lo vorrebbero davvero vincere anche loro è come se lo vorrebbero vincere......ed invece GUSTATEVI LA NOSTRA PROSSIMA FESTA, nella speranza di abbinarci anche quella della COPPA ITALIA, così come avviene da ben tre anni!

Quanto è pazzesco il calcio, se pensiamo a sole due settimane fa, quando tutto sembrava compromesso, con il misero vantaggio di un punto. Oggi ci ritroviamo nuovamente a + 6  con lo scudetto saldamente cucito sulla nostra maglia!  

Sabato sera scorso allo Stadium la Juve ha battuto senza non poche fatiche il Bologna per 3-1, complicandoci nuovamente la vita con un primo tempo davvero inguardabile dove i felsinei erano riusciti a portarsi in vantaggio, ridando speranza ai napoletani, ma nella ripresa con l'ingresso in campo del giocatore più in forma della JUVE, Douglas Costa una sorta di tornado in campo, l'autentica rivelazione di questa stagione, il Bologna è stato spazzato via. Prima un autorete, poi Khedira, poi ancora Dybala, tutti su assist perfetti del brasiliano è la JUVE rimetteva tutto a posto avvicinandosi allo scudetto poi diventato certezza, come detto, dopo la partita del Napoli. Applausi a scena aperta per questa squadra, per questo gruppo che hanno faticato è non poco anche in questa lunghissima stagione, come noi del resto che non abbiamo mollato un attimo la squadra, restando in ogni dove al suo fianco. Ritmi impressionanti i nostri che anche sabato sera in ben trenta unità sono saliti su a Torino (chi in aereo, chi in auto) per conquistare quest'altri tre punti preziosi. Un applauso ai ragazzi andati in SUD che dapprima si sono ritrovati al BAR del Gruppo Tradizione per poi entrare in Curva ed aderire alla protesta del caro prezzi del SETTORE OSPITI di ROMA per la prossima trasferta contro i giallorossi di domenica 13 maggio, quando il settore a noi dedicato costerà la “bellezza” di 75 euro compresa prevendita. UNA FOLLIA AUTENTICA, UNA VIGLIACCATA UNICA, UNA COSA INAUDITA. Siamo sempre più sconcertati di questi differenti trattamenti nei confronti della nostra tifoseria che a differenza di altre si trova spesso a pagare cifre assurde. No è giusto non andare a ROMA, a malincuore, visto che si potrà festeggiare il TRICOLORE, ma è una questione di principio e coerenza. Si resterà a casa, consapevoli che STANNO UCCIDENDO LA NOSTRA PASSIONE PIU' GRANDE! Erano già oltre venti i prenotati, che hanno da subito compreso che fosse giusto fermarsi. Li ringraziamo tutti per la collaborazione, per aver saputo dire NO. Di questo passo dove andremo a finire????? Per questo motivo gli striscioni nella Sud contro il Bologna erano tutti al rovescio, compreso il nostro. Terminata la partita Giorgio e Pinuccio, hanno attesto tutti gli altri che man mano facevano rientro dai loro settori per salutarsi è festeggiare l'oramai prossimo tricolore. Un grosso grazie a Franco Fusaro per la collaborazione prestata in questa trasferta. Siamo davvero una “squadra fortissima”!

Tutti hanno fatto rientro alla domenica. Adesso ci attende l'ennesima MARCIA SU ROMA, per la FINALE DI COPPA ITALIA, dove in ben 84 saranno i nostri soci che partiranno con un Pullman da 55 tutto pieno oltre a diverse auto private. Insomma un altra presenza da RECORD per un altra FINALE CONQUISTATA! Testa, cuore e grinta ci vorranno sia da parte dei ragazzi in campo che noi sugli spalti. Dobbiamo cercare ad ogni costo di conquistare nuovamente la COPPA ITALIA.

FORZA RAGAZZI REGALATECELA NUOVAMENTE!

 

AVEVANO UN SOGNO NEL CUORE.......INSENSIBILIIIIIIIIII!

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA: PASSIONE ALLO STATO PURO!

 

 

 
 
BUON 5 MAGGIO A TUTTI
 

Lo score degli ultimi sette campionati recita impietoso: sesto posto, nono posto, quinto posto, ottavo posto, quarto posto, settimo posto, quinto posto (attualmente). Sette anni senza Champions, un paio di apparizioni con annesse figure di merda in Europa League, soliti acquisti esosi, ceduti dopo un paio di mesi o nell'anno successivo. No, non è colpa di Orsato, né degli arbitri in generale. Non è la Juve la causa dei vostri insuccessi.

Avete maturato un gap di 200 punti negli ultimi sette campionati, senza Moggi e adesso anche con il VAR. 
Siete di una mediocrità pazzesca, di una tristezza unica.

Buon 5 Maggio, MERDE!

 

 
 
SE NON CI FOSSERO, BISOGNEREBBE INVENTARLI! STRAGODIAMO
 

E’ inutile, gli interisti riescono sempre a regalarci soddisfazioni immense, come nessun’altro sa fare! Anche questa volta è stato così. Vederli incazzati per i soliti “presunti” torti, vederli “schiumeggiare” dalla rabbia, vederli ancora invocare il “presunto” fallo di Iuliano su Ronaldo, vederli ridotti in questo stato pietoso, vederli esporre la SOLITA COREOGRAFIA a noi dedicate, non fa altro che aumentare la nostra GODURIA. Una goduria IMMENSA forse senza precedenti, seconda soltanto a quel famoso 5 MAGGIO 2002 che proprio oggi ricorre! Non poteva che cadere in un momento migliore la sfida ai PRESCRITTI, una partita da dentro o fuori sia per loro che per noi, una partita che per loro avrebbe potuto rappresentare una sorta di parziale rivincita proprio di quel famoso 5 MAGGIO, ma che invece adesso si è AMPLIFICATO ancora di più, facendoci trascorrere una settimana magnifica. La JUVENTUS ha sbancato SAN SILO per 3-2 vincendo al 90° una partita che solo qualche minuto prima si stava perdendo ed anche in malo modo e meritatamente per 2-1. Poi la JUVE che non muore letteralmente mai (cit. Repice), ha gettato il cuore oltre l’ostacolo, ancora una volta, pervenendo dapprima al 2-2, grazie ad una invezione di CUADRADO, per poi purgare i “chiacchieroni” con una rete di testa del solito GONZALO HIGUAIN su perfetto cross di Dybala. L’1-0 lo aveva messo a segno Douglas Costa.  I 10.000 ma sicuramente anche di più, tifosi juventini presenti a Milano hanno fatto letteralmente tremare e vibrare lo stadio, come noi al Club il cui boato è arrivato in diverse zone della Città, oltre ai cori di festeggiamento a fine partita che hanno bloccato l’intera via Enrico Dandolo! Che gioia ragazzi, ancora oggi nel cercare di raccontarvi le emozioni di quest’ultimo turno di campionato ci vengono i brividi!


Peccato che le tre reti della Juventus siano state tutte regolari, avremmo preferito magari vincerla al 90° con un rigore inesistente o per un gol in netto fuorigioco. Peccato. Perchè vincere in questo modo con loro non ti da la giusta soddisfazione. Considerando che si lamentano sempre appellandosi a tutto, ma mai che si fanno un esame di coscienza, ammettendo la loro manifesta inferiorità nei nostri confronti. Eppure il campo, le classifiche alla mano, lo dicono con numeri impietosi! Sin quando erano sul 2-1 tutto andava bene, anzi parlavano già di impresa visto che erano in inferiorità numerica. Anche loro, come i napoletani, hanno festeggiato, ben prima del raggiungimento dell’obiettivo, facendo così al termine, una magra figura, come quella che hanno rimediato i partenopei a Firenze, perdendo clamorosamente per 3-0 una partita che avrebbero dovuto vincere a mani basse. Ed invece come sempre si sono dimostrati una squadra senza carattere e senza palle per poter competere per certi traguardi. L’importante, come tutti del resto, che hanno festeggiato per la vittoria contro di noi nello scontro diretto, per poi ritrovarsi, tutti appassionatamente assieme, con un pugno di mosche in mano! Certo non è ancora finita, tutto può ancora accadere, ma ancora una volta, come abbiamo più volte ribadito prima di andare a giocare a Milano, tutto resta sempre fortemente nelle nostre mani!


Ci basterà battere Bologna e Verona in casa per conquistare il settimo tricolore consecutivo. Comprendiamo bene che la rete di HIGUAIN a Milano deve aver lasciato un segno molto evidente nello stato d’animo di chi ci odia, di chi pensava finalmente di riemergere dalle FOGNE, ed invece vi ci abbiamo ricacciato dentro è cercheremo con ogni mezzo di farvi stare li per molto altro tempo, magari a pensare allo scudetto dell’anno (quale annooooo????), o alle sette Champions, o al Triplete o al MAI STATI IN B, insomma ne avrete di tempo ancora per pensare…..pensate…è pensate bene! Piuttosto interrogatevi sul perchè le vostre squadrette commettono di anno in anno sempre i soliti errori.


Della sfida decisive vinta a San Silo dobbiamo anche segnalare che se nel primo tempo avremmo forse meritato di chiuderla sul 2-0, nella ripresa il solito black out ci aveva quasi mandato all’inferno. Con un uomo in più siamo stati rimontati oltre che quasi schiacciati dietro. E’ evidente che la squadra è oramai stanca. Questo lo sappiamo ed è per questo motivo che ci siamo compattati tutti per sostenerla a gran voce per spingerla oltre ogni ostacolo. Ad un certo punto a Milano sembrava davvero che tutto fosse finito, nessuno più ci credeva, ma invece ancora una volta questi meravigliosi ragazzi, soprattutto chi è subentrato dalla panchina, hanno provato a buttare il cuore dall’altra parte dell’ostacolo riuscendoci incredibilmente!


Provate soltanto ad immaginare cosa hanno potuto provare i nostri splendidi soci saliti su, provate ad immaginare cosa sia potuto accadere al Club. DELIRIO PIU’ TOTALE! 


Cori, urla impazzite, abbracci, gente che piangeva di gioia, sfottò a più non posso ale solite facce frustate degli interisti. Insomma ancora una volta è stato come l’anno scorso, come l’anno prima….


La trasferta a MILANO della nostra BANDA DI MATTI è iniziata alle 6,45 del mattino di sabato con il ritrovo nella piazza della stazione per poi recarsi tutti assieme a fare colazione in un posto che riteniamo essere fortunato per noi….per scaramanzia non lo citiamo….un furgone, un auto oltre a chi aveva già raggiunto o doveva ancora raggiungere, Milano in aereo. Insomma alla fine una pattuglia di ben 23 soci, tutti nel SETTORE OSPITI. Tanta roba!


Il viaggio è proseguito in maniera del tutto tranquilla con pranzo all’altezza di Modena dove in autogrill i nostri hanno incrociato diversi tifosi “prescritti” ed anche degli ultra’ avellinesi con i quali hanno scambiato qualche parola.


Poi diretti a Milano, nel parcheggio ospiti percorrendo tutta Via Novara. La tensione, il nervosismo per una gara così importante, lo si tagliava a fette. Nel parcheggio soliti abbracci e saluti con i tanti amici di ogni dove. Si aspettano tutti gli altri soci di ANDRIA saliti con altri mezzi per poi alle 18 in punto fare ingresso nello stadio per andarsi tutti a posizionare alla destra del settore, dopo la solita arrampicata in piccionaia. Bellissimo vederli tutti dietro lo striscione e le nostre pezze, segno di una raggiunta maturità e grande mentalità. Di questo ne andiamo molto orgogliosi. Salvatore, Giorgio, Gianni Strippoli, Nicola Patruno, Andrea e Maria (la nostra ragazza onnipresente) dei vecchi, ma anche i nuovi come Sante, Capuzzolo, D’Ambrosio, D’Ercole, il gruppo Suriano e tutti gli altri presenti che hanno dimostrato un profondo senso di attaccamento al gruppo. Grazie di cuore a tutti. La JUVE vi ha premiato, soprattutto a voi che ci avete creduto, raggiungendo MILANO per l’ennesima presenza stagionale, una presenza fatta da “PADRONI” come sempre in prima linea. Gran tifo, continui sfottò con l’anello in basso, per poi esplodere in una gioia irrefrenabile a fine gara, con Lomuscio su di giri che non era più nella pelle! Un grande il nostro Salvatore. Rientro abbastanza tranquillo, diversi cambi alla guida ed alle 08,30 erano già tutti al Bar in Via Vespucci dove ad attenderli hanno trovato Fabio, il Presidente ed altri soci per festeggiare una vittoria dal valore doppio….. Una nottata dove nessuno ha dormito, immaginate gli intertristi…..Anche al Club come detto l’entusiasmo è stato incredibile. Pieno all’inverosimile. Tutti hanno risposto all’appello di guardarla al Club. Uno a fianco all’altro, era la partita da VINCERE A TUTTI I COSTI, l’abbiamo vinta con le unghia e con fatica. Si ripete contro il Bologna. Noi all’INTER non ci pensiamo già più (5 MAGGIO a parte), mentre loro continueranno a pensarci per mesi e mesi sino alla prossima sfida con noi. Questa la sostanziale differenza che regna sovrana tra noi e loro. Anzi pensate già alla prossima COREOGRAFIA da dedicarci. Più ci pensate, più vi porterà sfiga!


Allo Stadium contro il Bologna ben 29 unità saranno presenti su a rappresentare l’intero Club, un altro numero ragguardevole è stato raggiunto per questa partita che potrà rappresentare tantissimo per la vittoria finale. Un weekend insomma perfetto quello scorso, culminato poi nella notizia giunta da Firenze dove il Napoli ha incredibilmente perso rimettendo ogni cosa al suo posto come era prima dello scontro diretto.  Delirio nel delirio…….SARO’ CON TE….TU NON DEVI MOLLARE…ABBIAMO UN SOGNO NEL CUORE…..LA JUVE DI NUOVO CAMPIONEEEEEEEEEE……..


Ahahahahahahahahhahahahahahahahahahah! Godiamo ma quanto godiamooooooo


 


JUVENTUS CLUB ANDRIA, TANTA PASSIONE, TANTA MENTALITA’! ZERO CHIACCHIERE DA SOCIAL.


 

 
 
CI SIAMO COMPLICATI LA VITA!
 

Da sabato sera in avanti, ogni passo falso potrebbe essere quello decisivo. Purtroppo in soli quattro giorni ci siamo divorati sia il vantaggio che avevamo saputo accumulare e sia i bonus che ci avrebbero consentito di arrivare alla trasferta di Milano prima e Roma poi, con maggior tranquillità. Purtroppo fa parte del gioco, quando pensi che tutto sia dalla tua parte ecco presentarsi le insidie e le difficoltà che adesso, come non mai negli ultimi anni, ci mettono spalle al muro è in una condizione che ci vede in pratica costretti a vincere sempre da Milano al 20 maggio, senza dimenticare di mezzo la Coppa Italia. Insoma ci siamo “complicati la vita con le nostre stesse mani”. Solo vincendo sempre potremo festeggiare questo tricolore che stiamo meritando soprattutto per la rimonta che eravamo riusciti a compiere sul Napoli. Sperando adesso, di non subirla noi! Il pareggio di Crotone ve lo avevamo scritto è stato deleterio per noi, mentre per i partenopei è risultato essere il volano verso la sfida di Torino che hanno affrontato con un piglio differente, con il piglio della squadra costretta a vincere, mentre noi abbiamo disputato la peggior partita degli ultimi sette anni. Una Juve a dir poco irriconoscibile che ha subito l’iniziativa del Napoli ma che stava resistendo nonostante tutto. Ancora una volta fatali sono stati i minuti finali. La rete della vittoria è arrivata quasi al 90°. Assurdo comunque aver affrontato la partita decisiva della stagione con una tattica rinunciataria ed assolutamente attendista. La squadra è sembrata svuotata sia mentalmente che fisicamente. Adesso i ragazzi che tanto ci hanno dato in questi 7 anni, devono dimostrarci di volerlo fortemente questo scudetto, devono dimostrarci che Crotone e Napoli sono stati due incidenti di percorso dovuti alla stanchezza. Non possiamo pensare che una squadra che va a vincere a Madrid in quel modo spettacolare, possa poi perdersi così….

Ecco la motivazione della presenza a Vinovo in settimana di tantissimi tifosi soprattutto del gruppo nostro amico TRADIZIONE ANTICHI VALORI, che non hanno contestato la squadra, ma hanno semplicemente fatto comprendere a tutti, quanto importante sia per noi questo SCUDETTO, perchè i precedenti li abbiamo già dimenticati, perchè non possiamo regalare un tricolore già quasi nostro al Napoli. Dipende tutto da noi. Abbiamo la possibilità di vincere 4 partite consecutive, senza dover attendere i risultati del Napoli. E’ tutto come sempre nelle nostre mani! Pertanto tutti uniti, tutti compatti, voi tirate fuori le palle in campo, noi la voce sugli spalti è lo SCUDETTO sarà nostro! Abbiamo come sempre tutti contro, qualsiasi tifoseria, chiunque vorrebbe vedere mettere la parola fine al nostro dominio in Italia. 6 anni di successi consecutivi ha rovinato tutta questa gente che adesso sta riemergendo dalle paludi in cui erano sprofondate. Tifano tutti per il Napoli, anche le tifoserie rivali, questo ci fa gonfiare ancor di più il petto, perchè ci fa comprendere che quanto abbiamo fatto in questi lunghi anni è un qualcosa di straordinariamente irripetibile ed è per questo motivo che vogliamo allungare questa striscia di successi perchè così sarebbe ancor più bello alla fine! Quindi lo diciamo da domenica sera, CREDIAMOCI tutti quanti, remiamo tutti nella stessa direzione, non è il tempo adesso di tracciare bilanci o giudizi su quello o su quell’altro, anche se sull’allenatore ne avremmo da dire delle belle…..(del resto è risaputo il nostro odio/amore nei suoi confronti)….adesso è solo il momento di FARE GRUPPO, di pensare soltanto alla squadra, dimostrandolo con i fatti, come sempre ci piace fare. Ed i fatti dicono che ben 23 soci saliranno su a Milano per sostenere i ragazzi all’impresa più importante per tenere vivo il sogno di rivincere questo SCUDETTO. Farlo a Milano, in casa di chi vive oramai in funzione nostra, di chi passa 24 ore al giorno a pensare alla Juve…..sarebbe davvero il massimo, sarebbe davvero da goduria totale. Sappiamo che anche loro vorranno fare altresì ma noi siamo la JUVE, noi siamo nettamente più forti è dobbiamo dimostrarlo con la FORZA sul campo, contro TUTTO e TUTTI!

Della partita contro il Napoli non abbiamo proprio nulla e nessuno da salvare. Prova che non possiamo nemmeno commentare per quanto brutta è stata. Spiace ribadiamo non aver portato a casa quell punticino che stavamo per conquistare che ci avrebbe regalato quasi mezzo scudetto. Primo tempo inguardabile, secondo tempo da…”peggio che andar di notte…”

I napoletani alla fine sono venuti, non hanno riempito nemmeno il settore di sotto (circa 900), oltre ad infiltrati qua e la che alla fine sono stati anche “premiati” dalla buona sorte con quella rete all’ultimo respiro che ovviamente li ha mandati in visibilio. Comprensibile vista l’importanza di questa vittoria che ha visto una intera città festeggiare come se lo scudetto fosse già cucito sulle loro maglie. Bene, questa deve essere benzina per i nostri giocatori che sabato sera dovranno INCENDIARE San Siro! 

La trasferta dei nostri soci su a Torino, ci ha visto in una formazione largamente “rimaneggiata”, complice la certezza che anche per quest’anno, I napoletani non sarebbero stati fatti venire, dunque senza tifoseria avversaria non è divertimento, pertanto la partita era stata snobbata dallo zoccolo duro, anche perchè non ci si aspettava il pareggio a Crotone. Poi dapprima (il lunedì) la notizia dell’apertura del settore ai napoletani non residenti in Campania….poi il patatrac di Crotone avevano reso questa sfida importantissima, ma oramai era troppo tardi. I biglietti erano stati assegnati ed esauriti. Pertanto in 40 sono saliti su in Pullman, abbastanza comodi e capeggiato da Massimo Matera. All’arrivo solito pranzo, questa volta divisi in due gruppi per poi una delegazione recarsi al ritrovo fissato dal Gruppo Tradizione a presidio “del territorio”……Alla fine tutto tranquillo, nessun problema, solita goliardia, solite bevute, per poi alle 19 fare tutti ingresso nella Sud per posizionare lo striscione con le altre nostre pezze. Il nostro tifo segue l’andazzo della partita…..no comment, giornata proprio da dimenticare. A fine gara i nostri soci rientrano al Pullman tutti afflitti e sconsolati, tanta rabbia ma soprattutto delusione. Affrontano un viaggio di rientro dove non si ha tanta voglia di parlare. Si cerca di ritrovare le forze per rialzarsi subito perchè nulla è perduto come in chat da Andria cerchiamo di ribadire a tutti! Rientrano alle 11,30 in stazione di Andria al lunedì mattina. Anche quest’altra trasferta è stata messa alle spalle, anche in quest’altra partita importante nessuno dei prenotati è rimasto senza biglietto. Ancora una volta dimostriamo con i fatti tutta la forza ed il valore dello JUVENTUS CLUB ANDRIA, PRIMO CLUB della PUGLIA di UNICA CITTA’. Le chiacchiere le lasciamo ad altri! Noi continuiamo con i FATTI a fare la DIFFERENZA!   

NON SI MOLLA UN CAZZO….

JUVENTUS CLUB ANDRIA, TANTA PASSIONE, TANTA MENTALITA’!

p.s. visitate la foto gallery delle nostre trasferte.

 

 
 
IMPREVISTO PAREGGIO A CROTONE! TUTTO IN GIOCO…
 

Quando meno te lo aspetti, quando pensi di essere davvero ad un passo dal traguardo, ecco che tutto ritorna tremendamente in gioco a 5 giornate dalla fine con 15 punti in palio e soprattutto con lo scontro diretto di domenica sera che si disputerà allo Stadium contro il Napoli. Lo avremmo potuto affrontare con maggior tranquillità ed invece la pessima prova fornita a Crotone dove la Juve ha pareggiato per 1-1 ha fatto si che questo scontro diretto potrebbe risultare davvero decisivo. Vincerlo per noi significherebbe poter mettere le mani sul settimo scudetto consecutive continuando così di fatto una EGEMONIA pazzesca qui in Italia. Al contrario non vogliamo nemmeno pensarci. Un pareggio andrebbe di fatto meglio a noi, ma terrebbe tutto aperto anche in virtù delle due delicate trasferte che ci attendono contro i Prescritti e contro la Riomma! Pertanto Vincere deve essere l’unico nostro pensiero. Vincere per distruggere tutto e tutti! In 90 minuti ci giochiamo un altra stagione, un altro campionato che vogliamo assolutamente portare a casa!

A Crotone come detto, nel turno infrasettimanale, la Juventus ha disputato una prova scialba, senza grinta, senza voglia di vincere. Davvero una squadra irriconoscibile da quella splendida ammirata a Madrid. Trovato il gol del vantaggio con Alex Sandro, la squadra ha pensato di poter gestire, tirando i remi in barca, senza più lottare, atteggiamento che ha permesso ai calabresi di crederci, venendo poi premiati grazie ad un altra rete su rovesciata simile a quella di CR7 in Champions. Pazzesco ma vero. La Juve esce dallo Scida di Crotone a testa bassa consapevole di aver meritato questo pareggio con il rammarico di non aver giocato da Juve è di non aver onorati I tifosi scesi sin li giù, alcuni dopo aver percorso tantissimi km seppur in settimana. Mai facile raggiungere le città calabresi per colpa delle strade che sono tutte un programma come la 106 Ionica che hanno dovuto percorrere i nostri 7 valorosi soci partiti con un VAN verso mezzogiorno e mezzo da Andria ed arrivati a Crotone solo verso le 18,00. Paradossalmente si arriva prima a Bologna che nella regione sotto di noi.

E’ stata come sempre un altra gran bella presenza e soprattutto una trasferta piena di goliardia grazie soprattutto a Lucio Mariano e Gianni Sinisi autentici mattatori della giornata. Immancabile il nostro Fabietto che merita un capitolo a parte per aver fatto da LANCIACORI per il gruppo Tradizione ed aver fatto cantare un intero settore senza megafono, senza tamburo, ma solo con la sua voce possente ed il suo saper trascinare! Avercelo per noi è davvero tanta roba. Sapere della stima che Fabio ha da parte di tutti è un qualcosa che ci riempie di orgoglio. GRANDISSIMO!

Durante il viaggio I nostri si sono fermata poco prima di Sibari in una salumeria molto nota della Statale 106 per assaporare dei panini “bomba” oltre ad un primo giro di birre. Poi nuovamente in furgone per fermarsi nuovamente in una stazione di servizio degna di quel nome, forse l’unica buona sull’intera tratta. Li conoscono una polacca al Bar che distrae e non poco i nostri…..con Tonia Terlizzi, la nostra ragazza al seguito che ovviamente cerca di riportarli alla realtà dei km che ancora li attendeva fare….Ripartono i nostri sentendosi con gli altri amici in viaggio. Giunti a Crotone vengono agganciati da una pattuglia di Polizia che li conduce sin dentro al settore. Attendono l’arrivo degli amici di Mondragone oltre che del Gruppo Tradizione arrivati in aereo a Lamezia Terme. Tutti assieme entrano all’interno della Nord, accanto al settore ospiti posizionando le nostre pezze alla destra subito dopo il gruppo NAB. Come sempre in prima linea, con le new entry Stefano Loconte e Alessandro Bonomo che da subito si ambientano e dimostrano di avere una adrenalina pazzesca. Bello sapere di soci che preferiscono Crotone a tante altre partite ben più important. Come detto, Fabio salta su in piedi in balconata sopra lo striscione TRADIZIONE per far cantare l’intera Curva che vedeva ovviamente ampia presenza di tifosi juventini di Calabria e Sicilia in pratica tantissimi “occasionali” che avevano poca voglia di cantare non conoscendone nemmeno i cori…..Fabio non si dispera, riuscendo almeno a far uscire fuori degli splendidi battimano ritmati con la voce, una buona sciarpata è qualche bel coro possente. Semplicemente da applausi il nostro FABIO che riceve i complimenti del Gruppo Tradizione oltre che dei tanti amici di ogni dove. Gran bella soddisfazione per lui oltre che per noi. Da segnalare al minuto 39 il consueto ricordo per le vittime dell'Heysel, con i crotonesi che si sono voluti dare un "tono" anche loro facendo un coro contro. Noi sin li non li si era cagati proprio, nemmeno nelle due precedenti occasioni (in B e lo scorso anno), ma evidentemente come detto, con noi tutte le tifoserie si vogliono dare un tono....contenti loro, figurarsi noi. E' tanto già lo so che l'anno prossimo giochi di sabato.....

Termina la partita tra il nervosismo del nostro Giovanni Sinisi che incazzato per l’assurdo pareggio vorrebbe spaccare tutto e tutti…..Nel parcheggio la sua ira si placa. Si riparte non prima di aver salutato un po di amici da parte soprattutto di Fabio, il nostro uomo addetto all pubbliche relazioni….ahahahhaha Si fermano nuovamente nell’area di servizio a Sibari dove sperano di ritrovare la polacca che ovviamente non c’era, ma trovano una bella “milfona” che rende meno pesante il viaggio di rientro a casa…….che ridere….con il grande Corrado che la squadra è ne prende ogni misura. Si riparte per giungere ad Andria alle 04,30 in punto. Un altra fatica incredibile, un altro sforzo compiuto dal nostro Club pur di esserci anche in settimana a Crotone. Km. su km nel segno di una passione incredibile oltre che nel segno di una mentalità, la nostra, che ha pochi eguali. Di questo ne andiamo davvero fieri ed orgogliosi.

Adesso è giunto il tempo di partire per la trasferta più importante del campionato, quella contro il Napoli a Torino che ci vedrà arrivare su ancora una volta in Pullman. Siamo agli ultimo sforzi di una stagione come sempre per noi stressante, come sempre da esaurimento totale, visto il seguito che abbiamo in ogni maledetta partita è credeteci non è assolutamente semplice riuscire ad organizzare ogni tre giorni le diverse trasferte.

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA:  TANTA PASSIONE&MENTALITA’!

 

FORZA RAGAZZI, FACCIAMO TUTTI ASSIEME L’ULTIMO SFORZO!

 

Nella gallery le foto della trasferta a CROTONE!

 

 
 
LA JUVE BATTE LA SAMP PORTANDOSI A + 6
 

La Juventus ha dimostrato che Madrid è stata già abbondantemente cancellata. La rabbia è la voglia di vincere questo SETTIMO scudetto consecutivo, sono così forti, che la squadra ha dimostrato sul campo contro la Sampdoria, tutta la determinazione e cattiveria necessaria per portare a casa un TITOLO che farà letteralmente impazzire dalla gioia NOI TIFOSI è morire dall’INVIDIA tutto il resto dell’Italia che ci odia!

Nell’anno dell’introduzione del VAR, nell’anno in cui tutti davano il Napoli come la favorita a vincere lo scudetto che a loro dire avrebbe interrotto il nostro dominio, nell’anno in cui come sempre le milanesi avevano ricominciato a fare sogni di gloria……VINCERLO sarebbe semplicemente FANTASTICO!

Ci è bastato sentire le parole del Presidente Agnelli e del Direttore Marotta in occasione dell’OFFICIAL FAN CLUB DAY, la tradizionale convention/festa dei 503 Club ufficiali in Italia e nel Mondo, alla quale hanno partecipato Fabio Attimonelli in veste di Responsabile Regionale per la Puglia e Giorgio Nicolamarino in qualità di rappresentante dello Juventus Club Andria, tenutasi domenica mattina presso la splendida location delle Officine Grandi Riparazioni. Agnelli e Marotta  hanno affermato con grande entusiasmo quello che questa Società ha in mente di fare per il presente e per il futuro. Possiamo solo dirvi che non VI LASCEREMO nemmeno le briciole. Fatevene una ragione. L’obiettivo sarà il consolidamento in Italia cercando di aumentare sempre più il gap con le dirette concorrenti, oltre a ridurre lo stesso dalle grandi squadre d’Europa. Possiamo dirlo, la Juventus punta apertamente a vincere la CHAMPIONS LEAGUE che prima o poi arriverà. Di questo ne siamo certi!

Intanto la Sampdoria è stata battuta per 3-0 vendicando così quella sciagurata sconfitta della gara di andata quando si perse meritatamente per 3-2. Ancora una volta sugli scudi Douglas Costa il miglior acquisto di questa stagione. Un fenomeno autentico. Tre assist per le tre reti dell’incontro. Una di Marione Mandzukic, l’altra di Howedes alla sua seconda apparizione…..(miracolo..) è l’ultima di Khedira il nostro metronomo che va spesso a segno.

Bellissima l’accoglienza riservata dallo Stadium pieno come un uovo, per Buffon & C nel riscaldamento iniziale. Un ovazione, un boato, ha accolto questa squadra capace di imprese su imprese. Gli abbiamo ringraziati come meritavano per quello che hanno fatto a MADRID per quello che ci stanno regalando anche in questa stagione.

Bella la prestazione della squadra che ha dovuto attendere un tempo quasi per portarsi Avanti. Poi nella ripresa le altre due reti che hanno messo al sicuro la gara. Pensate che dalla Samp. alla Samp. In pratica un intero girone, la Juve ha subito appena 4 reti! Se non sono fantastici questi ragazzi, diteci allora quale sia una squadra più forte della nostra. Siamo davvero orgogliosi di quello che questo gruppo continua a regalarci da oramai sette anni. Soddisfazioni su soddisfazioni.

Domenica prima che la partita iniziasse è arrivata anche la bella notizia da San Siro, dove il Milan ha fermato il Napoli sullo 0-0 permettendoci in pratica con la nostra vittoria di portare il vantaggio in classifica a +6 sui partenopei che domenica sera riceveremo allo STADIUM con la novità dei tifosi azzurri al seguito, non quelli residenti in Campania, ma comunque pur sempre tifosi. Siamo contenti della trasferta libera, perchè da sempre lo chiediamo che le stesse siano libere per tutti, ma non riteniamo giusta la decisione per questa stagione visto che a noi non ci è statao permesso nella gara di andata di recarci al SAN PAOLO, pertanto ora ci aspettiamo dal prossimo anno di poter finalmente tornare anche noi li a Napoli!

Occasione ghiotta sarà per chiudere definitivamente la stagione ma prima bisognerà andare a vincere a CROTONE nel turno infrasettimanale, dove non sarà così scontato farlo.

Anche contro la Samp, la pattuglia dei nostri soci arrampicatasi su per lo stivale, era abbastanza nutrita, con ben 18 persone al seguito, giunte alla spicciolata con diversi mezzi. Fabio e Giorgio con il solito Pinuccio Tattolo ad accogliere tutti. Prima il passaggio a salutare gli amici di TRADIZIONE, poi il ritrovo alla “nostra” trattoria per caffè ed ammazza caffè per poi sotto una pioggerellina fare ingresso allo Stadium, la nostra casa. Viene sistemato lo striscione, la pezza per Alberto ad un anno dalla sua scomparsa, ricordato in Chiesa lunedì 16 scorso per poi come al solito mettersi tutti assieme ad assistere alla partita. Insomma un altra bella presenza, un altra dimostrazione di attaccamento al gruppo ed al club. Questa la soddisfazione più grossa di tutto, anche più delle vittorie, che ci fa sentire grandi ed invidiati da chi invece è represso, frustrato o si limita semplicemente a gufare noi, festeggiando per vittorie non proprie. Questione di mentalità che NOI ABBIAMO DA VENDERE!

Adesso è già tempo di ripartire. Road to Kroton, si ritorna in Calabria. Non potevamo mancare nemmeno li giù, seppur in settimana, seppur tra le solite mille peripezie per organizzare il mezzo, eppure come sempre NOI SAREMO LI AL SUO FIANCO!

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA, SEMPRE UN PASSO AVANTI!

 

 
 
GRANDE LA JUVE, GRANDI NOI, SENZA SE, SENZA MA!
 

La JUVENTUS era chiamata al Bernabeu per riscattare la prova dell’andata che aveva visto il Real passare allo Stadium per 0-3 in maniera un tantino esagerata per quello che effettivamente il campo aveva raccontato. Il solito CR7 aveva fatto anche in quell’occasione la differenza. Noi sportivamente, abbiamo riconosciuto comunque la forza di un avversario che già in FINALE qualche mese prima ci aveva dimostrato tutta la sua grandezza. Ma si sa, noi juventini, a differenza di altre squadre. NON MOLLIAMO MAI FINO ALLA FINE. Anche quando la montagna sembra insormontabile, noi ci attrezziamo per scalarla. Non abbiamo paura di niente e di nessuno e sappiamo affrontare ogni sorta di difficoltà. La JUVENTUS a Madrid ha semplicemente compiuto un IMPRESA STORICA, rovinata soltanto per mano di un “folle”, l’arbitro, che ad un certo punto ha deciso che la partita doveva terminare li, decretando un rigore ingiusto, all’ultimissima azione del Real che ha suscitato ovviamente le comprensibili proteste del nostro GRANDE CAPITANO GIGI BUFFON (giù le mani da LUI) oltre che dell’intera squadra che si è vista scippare di un sogno, quello di portare ai tempi supplementari una partita che i blancos evidentemente avevano già ritenuta chiusa dalla gara di andata ed invece i nostri FENOMENALI ragazzi in campo avevano sin li, saccheggiato in lungo e largo il tempio del calcio mondiale, profanandolo non una, non due, ma per ben tre volte, proprio quello che serviva per rimettere in parità la contesa. Non sappiamo come sarebbe andata a finire, nessuno lo può sapere, ma per come si stavano mettendo le cose, possiamo dire che ai supplementari ne avremmo viste ancora delle belle…..ed invece ancora una volta I POTERI FORTI, hanno deciso che il REAL non poteva uscire in quel modo, facendo una figura MONDIALE. Resta per noi, oltre al sentimento di amarezza e rabbia anche un sentimento di GRANDE ORGOGLIO per quello che questa squadra ha saputo regalarci anche quest’anno in una competizione che da tempo oramai definiamo MALEDETTA. Non vi è altro aggettivo per poterla definire. Come a Monaco di Baviera tre anni fa, anche questa volta all’ultimo respiro, cambiano le sorti della nostra stagione europea. Pazzesco, se pensiamo che negli ultimi anni siamo andati a comandare a Monaco di Baviera, abbiamo dettato legge sul Barcellona ed abbiamo dato una lezione senza precedenti al REAL MADRID. Di mezzo due finali perse però proprio con Barca e Real. Ma quella delle finali per noi è tutt’altra storia. Usciamo da questa competizione in maniera differente quest’anno, con la consapevolezza che adesso dopo aver provato anche quest’altra assurda ingiustizia, la strada verso la VITTORIA inizia ad essere ben tracciata. Non abbiamo fretta, la molla continua a caricarsi, ma quando arriverà SCAPPERETE TUTTI LONTANO, MOLTO LONTANO! SAPPIATELO!

Vinciamo a Madrid per 1-3, ci resta questa grande soddisfazione di aver dato una LEZIONE DI CALCIO ai 12 volte CAMPIONI D’EUROPA, dimostrando loro chi siamo, a domicilio. Non importa se poi qualcun’altro ha deciso di aiutarli per evitare loro una FIGURA COLOSSALE, ma questa sarà comunque ricordata come una impresa EPICA della nostra squadra. Nessuno in questa competizione era mai riuscito a ribaltare e rimettere in parità un confronto che partiva dallo 0-3 della gara di andata. Una doppietta di Mandzukic nel primo tempo e la rete di MATUIDI nella ripresa avevano fatto esplodere di gioia immensa le migliaia di tifosi bianconeri giunti li in terra spagnola non certamente per fare una gita, ma semplicemente credendo fortemente nell’impresa. Impresa che era riuscita. Dell’arbitro preferiamo non parlarne più, perchè parlare di un VERME così grande ci farebbe solo sprecare del tempo, verme come lo sono tutti coloro che hanno gioito ancora una volta per una gioia non propria. Il nostro tempo resta prezioso, abbiamo da pensare ai prossimi obiettivi che DOBBIAMO a tutti i costi portare a casa, abbiamo da seguire la nostra squadra ancora in 8 partite a differenza di chi fa il tifoso da tastiera, il tifoso da social, il tifoso “cornuto”. Ribadiamo, dalla SERIE A sino all’ECCELLENZA, dovete continuare a SCHIATTARE TUTTI, nessuno escluso, perchè si vede che gli ultimi sei anni di nostre vittorie, speriamo presto che diventino sette, vi hanno ridotti in questo stato pietoso!

La prestazione al BERNABEU è stata sicuramente la migliore partita della JUVE in questi ultimi anni di un gruppo a dir poco ECCEZIONALE. Per questo motivo va reso loro, nel migliore modo possible, tutto il nostro ringraziamento nel riscaldamento pre-partita contro la SAMP, bisognerà far comprendere a questi fantastici ragazzi che LORO hanno davvero compiuto una impresa. Andrebbero applauditi per tutto il tempo, vanno caricati per questo rush finale di stagione dove non dobbiamo lasciare nemmeno le bricciole agli avversari.  

Come grandiosi sono stati i nostri 16 soci che sono arrivati comunque a MADRID facendo gruppo come sempre tutti assieme, posizionandosi nello stadio come sempre TUTTI assieme, come solo un grande GRUPPO sa fare. Le telecamere della Mediaset hanno forse voluto darci ONORE per quello che facciamo andandoli ad inquadrare tante, tantissime volte. Queste soddisfazioni per NOI valgono tantissimo perchè ci RIPAGANO dei sacrifici incredibili che facciamo pur di raggiungere la JUVE OVUNQUE giochi, la nostra squadra del cuore che batter forte il cuore ci fa in ogni partita. Trovateci degli altri folli che pur di esserci, si sobbarcano incredibili viaggi alle volte estenuanti. A Madrid sono arrivati passando per Bologna, dove sono arrivati con auto e furgone, facendo scalo ad IBIZA dove hanno pranzato tutti assieme, per poi raggiungere MADRID solo in tarda serata del giorno prima della partita. Subito in giro nonostante la tarda ora, poi tutti nel mega appartamento prenotato dove appendono anche lo striscione! Al mattino ritirano subito i biglietti in zona Stadio, vengono intervistati da giornalisti italiani, poi effettuano un tour per la Città, che ci ha visti presenti per la quinta volta nella storia del nostro CLUB, con la solita mega bevuta di birre e mangiata di crudo spagnolo. Il tempo non era dei migliori. Poi arriva l’orario della partita con Giorgione Nicolamarino, Agnese Zingaro e Pasquale Cipriani, che entrano prima di tutti dentro posizionando il nostro striscione, che solitamente portiamo a TORINO in balconata principale al fianco dello storico GRUPPO ULTRAS NAB. Alberto Vive e Ragazze Andriesi subito al fianco. Poi entrano tutti gli altri capitanati egregiamente dal nostro PRESIDENTISSIMO FRANCESCO NICOLAMARINO che ancora una volta dimostra tutta la sua immensa passione per questi colori! Da vero NUMERO 1! 

Sostengono, non si illudono, ma ci credono, soffrono, gioiscono per poi essere pugnalati alle spalle da quel lurido verme dell’arbitro. Non abbassano la testa, anzi applaudono i ragazzi consapevoli di aver vissuto un altra storica serata al fianco della JUVE.

Ancora una volta NOI SIAMO STATI GRANDI COME GRANDE E’ LA NOSTRA JUVENTUS, L’INCUBO DI TUTTI COLORO CHE LA ODIANO!

Ancora una volta noi dello JUVENTUS CLUB ANDRIA, senza mai un attimo di tregua, ci rimettiamo in viaggio per raggiungere Torino contro la SAMP in ben 18 unità. Andiamo a riscattare la sconfitta dell’andata, andiamo a scaricare tutta la nostra rabbia sul campionato che VOGLIAMO VINCERE AD OGNI COSTO perchè dobbiamo sbatterlo in FACCIA a tutti!

Il rientro dei nostri da Madrid è stato sempre via Ibiza, con alcuni diretti sempre su Bologna, altri su Roma. Alla sera del giovedì tutti hanno fatto rientro a casa! ONORE solo tanto ONORE a loro ed al nostro club.

Nella Gallery come sempre troverete le foto che i nostri valorosi ragazzi hanno scattato li in Spagna.

 

IL VOSTRO ODIO, LA NOSTRA FORZA! MAI ABBASSEREMO LA NOSTRA BANDIERA.

JUVENTUS CLUB ANDRIA

 

 
 
A BENEVENTO GRANDI SOPRATTUTTO NOI
 

A Benevento la Juventus nell'anticipo di sabato pomeriggio ha vinto per 4-2 ma faticando più del previsto in una gara che ha riservato tantissime insidie come in quella di andata! Pareggiare li sarebbe stato a dir poco deleterio a questo punto della stagione. Ci siamo andati vicini a causa di una prestazione sotto tono. Sarà stato il dopo Real, sarà stato il primo grande caldo, sarà che la testa era al Bernabeu, ma i ragazzi in campo non hanno convinto. Noi invece sugli spalti abbiamo sfoderato un altra grande prestazione in un settore stracolmo di persone con un tifo quasi sempre costante. Anche noi dello JC ANDRIA abbiamo fatto i numeri oltre che fatto un gran bel figurone dal vivo! Partiti alle 11,00 dalla Stazione di Andria in 33 con autobus da 30 posti con a bordo tantissime birre dalle TENNENT'S alle CREST insomma roba leggera.....con una comitiva di soci variegata, dal socio più tranquillo, alla solita comitiva “pericolosa” da trasferta capitanata dal grande Michele Di Schiena. Fabio immancabile come al solito teneva unite le due tipologie di soci, con i più tranquilli che si sono poi lasciati travolgere dall'entusiasmo e dalla goliardia della banda dei matti. Nell'unica sosta in autogrill hanno divorato di tutto, dalla focaccia alla carne cruda ed affumicata, dal carpaccio al provolone, dal salame alla mortadella, oltre a limoncello e dolcetti vari. La temperatura dei singoli “cervelli” saliva ancora di più dopo l'ennesima birra bevuta da tutti! Foto di gruppo per poi ripartire alla volta del Sannio dove giungono alle 13,15. Scortati, si fa per dire, dalla Polizia raggiungono lo stadio Vigorito alle 13,30 per poi Fabietto, Giuliano, Luisa e Vito fare subito ingresso dentro per andare a posizionare le pezze che mettono come sempre in prima linea sulla balconata principale alla destra del settore verso la Tribuna al fianco degli amici di MEDA e ROMA. Il caldo asfissiante ed il sole forte “stonano” tutta la nostra truppa che nel frattempo entra nel settore andandosi a posizionare tutta in gruppo compatto dietro le nostre “pezze”. Anche Tonia, Elisabetta e Luisa a rappresentare le ragazze andriesi. Onore anche a loro. Fabio fa partire i cori nella nostra zona e soprattutto un bel NOI NON SIAMO NAPOLETANI! Si sa che i beneventani sono amici dei napoletani dunque tutto il settore incalza contro i filo-partenopei! Inizia la gara, molti restano a torso nudo, si canta, si soffre, si va in vantaggio con Dybala, poi raggiunti per una prima cagata difensiva, poi nuovamente avanti con un rigore di Dybala, giusto, decretato dal VAR a fine primo tempo. Si ritorna in campo, noi sempre più abbronzati e soprattutto determinati, la squadra un po meno ed infatti subisce clamorosamente la rete del 2-2 per un altro errore della difesa che si lascia ancora una volta sorprendere. Esplode lo stadio delle “streghe” è noi le iniziamo davvero a vedere. Poi dentro Douglas Costa ed Higuain è la JUVE inizia a fare sul serio, prima il 3-2 ancora su rigore, sempre giusto, segnato sempre da Dybala, autore di un altra tripletta, poi Douglas Costa la chiude con una gran rete. Alla rete di Douglas Costa per la troppa euforia dei nostri che ballavano oramai in preda agli effetti della birra....continuata a bere anche nel settore, un “onda umana” travolge tutti.....con Ezio Santovito che si ritrova gambe all'aria....che spettacolo che siamo!

Finisce la gara, noi salutiamo la squadra è restiamo sugli spalti in gruppone unico assistendo alla fase del defaticamento per chi non aveva giocato. Fabio, ancora lui, lascia partire un coro possente, seguito da tutti i nostri oltre che da chi era ancora dentro.....DAI RAGAZZI NOI CI CREDIAMO.....applaudito dal Giorgione Chiellini in campo che alza lo sguardo verso di NOI! Bella scena! I nostri proprio non se ne vogliono uscire fuori con Michele Di Schiena, Enrico Ferro, Savio Ieva, giusto per citare i più “monellacci” che continuano il loro show che prosegue poi all'esterno dello stadio in compagnia degli amici del Gruppo Tradizione ai quali offrono le ultime riserve di birre per poi finalmente ripartire verso casa non prima di essersi fermati in Autogrill per altra “baldoriaaaa.....” con Enrico che rotolo per terra tra le risate di tutti. Guardare le facce dei soci più tranquilli, felicissimi e soprattutto divertiti era davvero bello. Questi siamo NOI, gente da STADIO, gente che mette il GRUPPO davanti ad ogni cosa. Peccato diceva qualcuno che questo viaggio sia ddurato così poco, considerando alle traversate che siamo invece abituati a fare.....magari la Serie A fosse piena di squadre del Centro Sud, sarebbe uno spettacolo....partire tardi ed arrivare presto a casa. Breve ma molto intensa questa trasferta che ha visto rientrare i ragazzi partiti alle 20,15 in Stazione ad Andria.

La squadra ci è apparsa molto stanca e soprattutto non in perfette condizioni fisiche ma speriamo si sia trattato solo di un appannamento momentaneo. Adesso ci attende la trasferta al BERNABEU, la nostra quarta presenza nella storia in quello stadio. L'ultima volta siamo usciti di li in TRIONFO per la conquista della finale di BERLINO. Partire battuti non è da noi. Sappiamo che sarà molto difficile riuscire a ribaltare la situazione, ma come dice il nostro motto....FINO ALLA FINE....e FINO ALLA FINE SARA'! Bisogna lottare, crederci sino a quando ci sarà la possibilità per farlo. DAI RAGAZZI NON MOLLIAMO è PROVIAMOCI! Noi non ti abbandoniamo mai anche e soprattutto quando il gioco si fa più duro. In ben 16 unità, condotte dal nostro PRESIDENTE, sono partite alla volta di MADRID facendo scalo in quel di IBIZA. Ancora una volta dimostriamo di avere una GRANDE MENTALITA!

Noi comunque andrà a finire, AVREMO VINTO!

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA: PASSIONE&MENTALITA' ALLO STATO PURO

 

P.S. Guardate le bellissime foto della trasferta a Benevento nella Gallery!

 

 
 
NOI NON TI LASCEREMO MAI…FINO ALL’INFERNO….
 

Il Real Madrid ancora una volta nel giro di pochi mesi dalla “disfatta” di Cardiff in finale, riesce a batterci in maniera perentoria, questa volta a casa nostra, in quello Stadium violato in Europa solo dal Bayern Monaco. 0-3 il finale che ci lascia molto delusi ed amareggiati ma anche consapevoli che questo REAL è ancora troppo forte per noi, probabilmente l’unica squadra in Europa di un gradino, forse anche più, sopra di noi. Con le altre, Barca compreso, abbiamo dimostrato di potercela giocare alla grande. Continueremo il nostro processo di crescita in Europa, continueremo ad arricchire il nostro bagaglio di esperienza per poi riuscire prima o poi a vincerla questa MALEDETTA! Non abbiamo altre parole per definirla. Resta la consapevolezza che noi vivremo tante altre notti come l’ultima vissuta, resta la consapevolezza che noi continueremo a poter sognare di VINCERLA prima o poi, mentre altri continueranno, come loro abitudine, a tirarci i piedi, a gioire per vittorie non loro, da perfetti frustati quali sono viste le continue amarezze delle loro squadre o squadrette. Se pensate che noi dello JUVENTUS CLUB ANDRIA siamo adesso tristi, depressi o quant’altro, bene allora non ci conoscete proprio, allora non sapete proprio cosa significhi vivere la nostra PASSIONE al “ MODO NOSTRO”. Noi viviamo di appartenenza e mentalità che vanno OLTRE un semplice risultato, negativo o positivo che sia. Noi viviamo per il gruppo, per l’esserci sempre a prescindere da tutto. Dunque per noi alla fine conta solo quello ESSERCI, perchè solo chi è sempre presente può dire di aver comunque VINTO. E’ noi dopo questa partita persa dalla squadra sul campo, possiamo dire a gran voce che invece l’abbiamo VINTA alla grande, per il sostegno dato alla squadra, soprattutto sullo 0-3, per aver fatto gruppo tutti assieme dietro il nostro striscione, per aver cantanto e sbandierato tutti assieme, per essere entrati ed usciti tutti assieme dallo stadio, per aver fatto gruppo tutti assieme a pranzo nel pre partita. Ecco perchè ci sentiamo ampiamente soddisfatti nonostante la pesante sconfitta che compromette il passaggio alle semifinali anche se la speranza è sempre l’ultima a morire.

La trasferta a Torino dei nostri 70 soci portati su lo avrete capito è stata grandiose. Ci siamo mossi in maniera compatta, con un Pullman ed un Mini Bus che hanno viaggiato in simbiosi partendo alle 23,45 dalla stazione di Andria.

Il viaggio è trascorso nelle prime due ore, tra grappa….grappa….grappa….spumante….spumante e i fantastici dolci del BAR ASTORIA. Che sballooooo, con la gente che già dava i primi segni di squilibrio della giornata goliardica che ci attendeva…Poi il sonno aveva la meglio su tutti. Al risveglio ci si ritrova in zona Bologna per fare colazione con il buon Sabino Chieppa che deliziava ancora tutti con i restanti dolci. Insomma come sempre tutti sono stati presi per la gola a bordo del nostro Pullman. Poi partiva l’immancabile lotteria con Fabio, Giorgio e Vincenzo a fare da venditori e banditori…..insomma goliardia alle stelle…..

Nico Sgaramella vince la maglia ufficiale della Juventus. A bordo l’euforia saliva, del resto è partito una gran bella squadra di soci storici, mischiata a gente nuova che ha subito compreso la nostra mentalità, il nostro modo di essere che ha pochi eguali!

Giungono a Torino quasi a mezzogiorno. La pioggia li attende per accompagnarli in tutta la giornata. Una buona parte, i nuovi, si recano al Tour dello Stadium e del Museum per poi alle 14,30 darsi tutti appuntamento nella nostra trattoria di fronte alla SUD. Spettacolo. Ci viene riservata metà sala, sette tavoli da dieci persone. Applausi, brindisi, allegria, goliardia, spensieratezza, diciamolo pure…..”ubriachezza”……insomma non ci facciamo mancare nulla in un pranzo davvero ottimo! A metà pranzo la sorpresa seppur preannunciata, con l’arrivo al ristorante anche del SINDACO di Andria NICOLA GIORGINO nostro socio da sempre, che non è volute mancare a questo grande appuntamento, oltre a salutare tutti i soci presenti. Applausi per lui all’ingresso in sala con suo figlio Antonio. Scambio di battute con tutti! Un altra bella soddisfazione. Il Sindaco era in Tribuna Est Centrale primo anello, assieme ai soci Mario Zingaro, Sabino Chieppa, Franco Fusaro e Sebastiano Carlucci. Poi alle 18,00 ci rechiamo tutti ai bus per riprenderci un attimino dalla sbornia del tanto vino bevuto è per organizzarci all’ingresso soprattutto per gli oltre trenta che erano in SUD. Sotto gli “ordini” di Fabio entrano tutti incolonnati, in gruppo, per andare a posizionare lo striscione ANDRIA e la pezza per ALBERTO lasciando la nostra bandiera in bus vista la pioggia. Tutti in gruppo attendono l’inizio della partita e rendendosi protagonisti del coro lanciato contro i tifosi madrileni nel silenzio dello Stadium in perfetto “spagnolo”. GENIALI.

Lo stadio si riempie, la CURVA SUD inizia a caricare i ragazzi in campo. Poi la coreografia con i nostri che si impegnano a sventolare tantissime bandierine oltre che al bandierone ANTICHI VALORI proprio dietro il nostro striscione. SPETTACOLO! (come da foto articolo).

Inizia la partita ed andiamo subito in svantaggio con il solito CR7 a “purgarci” come a Cardiff. La Juve reagisce, noi pure, la squadra attacca, noi spingiamo, ma niente, l’arbitro, la sfortuna, l’imprecisione non ci permettono di pervenire al pareggio. Si va al riposo speranzosi e convinti che l’avremmo ripresa. Invece come a Cardiff subiamo una debacle, nonostante il buon avvio di secondo tempo. Un errore poi tra Chiellini e Buffon va a generare quello che sarà ricordato come forse il gol più bello della carriera di quel marziano chiamato CRISTIANO RONALDO. Parte spontaneo l’applauso dello STADIUM. Una rovesciata spettacolare, incredibile per come si era sviluppata l’azione. Ancora una volta diamo uno schiaffo senza mani a tutti dimostrando la nostra grandezza, la nostra sportività. Una standing ovation riconosciuta ad un giocatore fenomenale che sin quando sarà in attività non lascerà nemmeno raccogliere le briciole agli avversari. Subiamo anche lo 0-3. La Juve crolla psicologicamente anche se appare bugiardo il passive di tre reti. Avremmo meritato forse una sconfitta di misura. Parte poi lo spettacolo della CURVA SUD che sostiene la squadra come non mai. Sbandierando di tutto, cantando a squarcia gola, che emozioni, che brividi, vedere anche i nostri tre giovanissimi soci LORENZO, ENRICO e PASQUALE che nonostante la delusione, seppur bambini, hanno dimostrato di aver capito tutto anche loro.

DI PADRE IN FIGLIO…..è proprio il caso di dire….  

Davvero dobbiamo applaudire i nostri soci saliti su, per aver dimostrato un attaccamento alla maglia, alla squadra, nel momento di maggior difficoltà stagionale. 

Termina la gara tra gli applausi dello STADIUM, tranne di quei VERGOGNOSI tifosi che hanno abbandonato prima del fischio finale, OCCASIONALI del ca….che meriterebbero di non mettere mai più piede in uno stadio!

Il coro che rimbombava era….”NON VI LASCEREMO MAIIIII”

ONORE ALLA SUD!

Adesso ci attenderà la gara di ritorno, dove ovviamente nessuno ci crede, ma forse saremo anormali, saremo dei pazzi, ma NOI ANCORA CI CREDIAMO perchè il calcio è imprevedibile è tutto può ancora succedere. E’ terminato il primo tempo sul 3-0 per loro. Ora vogliamo vedere una JUVE rabbiosa che aggredisce l’avversario, seppur più forte, dal primo minute. Poi si vedrà. Se usciremo sconfitti renderemo merito come già fatto nella gara di andata all’avversario, ma adesso dobbiamo provare a compiere una IMPRESA che sarebbe da suicidi di massa……

CREDIAMOCI ANCORA, noi nel frattempo ti seguiremo FINO ALL’INFERNO se INFERNO sarà! Anche a Madrid in 16 unità risponderemo PRESENTI!

Ma prima ci attende la tappa in quel di BENEVENTO dove ben 33 soci con mini bus saranno presenti sugli spalti in questa inedita trasferta. Tutti compatti, tutti assieme come sempre, nonostante la vicinanza! Si muove “l’artiglieria pesante…..”

AVANTI RAGAZZI è ancora tutto da conquistare, andiamo a VINCERE QUEST’ALTRA BATTAGLIA in un campo che si aspetta infuocato a dispetto dell’ultima posizione in classifica dei sanniti! Occhio a tutto!

Il rientro da Torino è stato tranquillo, delusione, ma anche tanta forza che I soci si sono dati l’un con l’altro. UNICI! A mezzogiorno circa sono arrivati in Stazione ad Andria.

Chi ci legge, soprattutto i “tirapiedi” sappia che da noi, da questo CLUB ha solo tanto da IMPARARE! MAI DOMI!

JUVENTUS CLUB ANDRIA SOLO PASSIONE&MENTALITA’!

 

Nella gallery le foto della trasferta JUVE – REAL

 

 
 
LA JUVE “ASFALTA” IL MILAN E BONUCCI! + 4 SUL NAPOLI!
 

Lo Juventus Stadium continua ad essere indigesto al Milan, che per il settimo anno consecutivo puntualmente ne esce sconfitto, in pratica da quando questa sfida si gioca nel nuovo stadio. Anche quest’anno gli abbiamo dapprima illusi, fatti “sfogare”, hanno profuso il massimo delle loro forze, per poi sul più bello, ancora una volta purgarli facendoli uscire dallo Stadium a testa bassa, come sempre, soprattutto il “pagliaccio di Bonucci” che avrebbe forse fatto meglio a ricordarsi cosa sia la Juve, che lo ha reso celebre, altrimenti oggi sarebbe stato uno dei tanti calciatori di Serie A (forse….) senza infamia ne lode. Povero Diavolo, povero Bonucci che con la sua rete, con la sua esultanza pensava nella sua mente di esaltato quale è, che avrebbe forse spostato gli equilibri. Ed invece ancora una volta gli equilibri di questo campionato gli sposta la nostra JUVENTUS che approfittando del pareggio per 1-1 del Napoli contro il Sassuolo si riporta a + 4 in classifica recuperando subitissimo i punti persi a Ferrara prima della sosta. Questo turno di campionato non era assolutamente semplice per noi, si arrivava appunto dal pareggio contro la Spal, dalle Nazionali che hanno portato via mezza rosa, dal Real Madrid che incombeva su questa gara contro i rossoneri, eppure la Juve ed il suo allenatore hanno saputo dosare al meglio le forze, prepararla meticolosamente, riuscendo a partire forte con la splendida rete di Paulo Dybala, per poi calare, subire la sfuriata del Milan è poi come detto sopra, riprendere nel momento migliore della partita, il comando del gioco riuscendo dapprima a tornare in vantaggio con il ritrovato Cuadrado per poi mettere il risultato al sicuro con Sami Khedira. Un 3-1 finale che ha fatto esplodere di gioia lo Stadium facendo svanire forse definitivamente i sogni di tornare in Champions per un Milan che adesso oltre che fare i conti con la classifica deficitaria per quanto speso la scorsa estate, dovranno fare anche i conti con le loro casse che pare siano vuote……cavolacci loro. Noi intanto abbiamo goduto tantissimo per averli battuti ancora una volta, la seconda in stagione è se il detto non si sbaglia, non c’è due senza il tre…….

Adesso ci attende la “sfida delle sfide”, la partita dove bisognerà essere perfetti, dove possiamo ancora una volta provare a varcare il confine della felicità. Ci attende quel Real Madrid che lo scorso giugno ci spezzò un sogno che ancora oggi proviamo ad inseguire, senza assilli, senza illusioni, sapendo che quel che sarà…..sarà…..noi intanto ancora una volta siamo arrivati a sfidare i grandi d’Europa, consapevoli di poterli guardare senza paura negli occhi, consapevoli che possiamo giocarcela, consapevoli di essere una grande e bella realtà in Europa, una delle squadre più temute. Ancora una volta tutti i GUFI, saranno appollaiati sui loro divani nella speranza di poter gioire e provare quelle emozioni che le loro squadre di merda non riescono a regalare.

In campionato adesso ci attendono altre otto finali, 7 saranno quelle da vincere ad ogni costo per poi poter realizzare ancora una volta il sogno scudetto, il settimo consecutive. Sarebbe un qualcosa di grandioso soprattutto perchè sarebbe vinto a discapito del Napoli che mai come questa stagione ci sta credendo oltre ogni limite. Dai ragazzi regalateci quest’altro campionato. Del resto di come lo stiamo aspettando questo trionfo lo si è capito dall’esultanza dello Stadium al fischio finale della gara del Napoli. Insomma sabato sera è stata una festa nella festa, ci siamo regalati un altra Pasqua straordinaria, rendendola come sempre amara ad ogni avversaria!

Stupenda anche la trasferta dei nostri tantissimi soci saliti su, chi in bus da 30 posti, chi in aereo, chi in auto per un totale di ben 49 persone all’interno dello Stadio. Che numeri, che soddisfazione per il nostro Club. Anche se è stata una giornata triste, lo si intuiva dall’atmosfera a bordo Pullman dove non vi era voglia di scherzare, di sorridere, di brindare, di fare nulla. Per rispetto all’amico socio VINCENZO SANTOVITO venuto a mancare i cui funerali si sono celebrati proprio sabato pomeriggio. Negli ultimi tempi abbiamo perso tanti, troppi soci, assurdo! Ma come Vincenzo avrebbe volute, bisognava esserci li a Torino ed in tempo record siamo riusciti a realizzare in suo ricordo uno striscione che i nostri soci in Sud hanno salito su ed esposto a caratteri cubitali, coprendo interamente il nostro striscione per tutto il primo tempo. Era il minimo che si potesse fare per ricordarlo come meritava. Anche al Club è stata commovente la partecipazione dei soci che ad inizio partita lo hanno ricordato con una gigantografia proiettata nel maxi schermo con un minuto di preghiera e raccoglimento. Bello il lungo e commovente applauso come bella è stata la partecipazione del Club al suo funerale con la nostra sciarpa messa sul feretro dal Presidente. CIAO VINCENZO ci mancherai tanto anche tu! Un altra stella brilla adesso lassù in cielo.

Come detto la trasferta dei soci saliti su in Bus è stata molto tranquilla. Partiti prestissimo da Andria, alle 20,30 hanno raggiunto Torino già verso le 8,00 del mattino, facendo colazione in un bar di un amico in pieno centro a Torino per poi andare allo Stadio dove il buon Fabio aveva previsto già tutto, dalla visita del Museum, alla visita dello Stadium. Nel frattempo iniziavano ad arrivare tutti I soci giunti su a Torino con altri mezzi. Si sono ritrovati poi alle 14,30 alla solita trattoria per il “tradizionale” pranzo. Poi alle 18,30 il ritrovo tutti assieme sotto la SUD per fare accesso alle 18,45. Montano lo striscione, la pezza per Alberto per poi ricoprire il tutto con lo striscione CIAO VINCENZO. Bello l’applauso dei tanti amici di altri gruppi ed il conforto ricevuto. Poi la partita, con Fabio che si sgolava per far sbandierare e cantare tutti li dietro il nostro striscione. Si soffre, si teme di non sfruttare l’occasione di staccare di più il Napoli ed invece la Juve scaccia tutti questi cattivi pensieri. Semplicemente grandi i nostri soci saliti su che a fine gara si lasciano immortalare tutti assieme dietro lo striscione. Da segnalare l’ottima presenza femminile. Si torna tutti al bus non prima di aver salutato i tanti che si fermavano a dormire sotto la Mole. Ripartono abbastanza celermente dallo Stadium, sapendo che dopo poco più di 48 ore il Pullman sarà nuovamente fermo li al solito posto, questa volta però ben due, quello da 50 posti oltre al mini bus da 20. Si saremo così numerosi contro il REAL MADRID! A bordo Pullman al rientro la gioia era abbastanza evidente. C’era anche la grande soddisfazione di aver ricordato in maniera grandiosa l’amico VINCENZO! A mezzanotte si scambiano gli auguri della Pasqua è questo lasciatecelo dire è un qualcosa di meraviglioso, sapere che abbiamo sempre persone disposte a compiere immensi sacrifici rinunciando anche sotto le festività a restare con le famiglie. Alle 11,00 arrivano in stazione ad Andria felicissimi come una Pasqua……

AUGURI A TUTTI DI BUONA PASQUA appena trascorsa. Noi alla sera della Pasquetta ci rimetteremo in viaggio per raggiungere nuovamente TORINO. Se non è questo un GRANDE CLUB allora diteci quale sia…….

L’orgoglio dell’appartenenza a questo CLUB è un qualcosa che TUTTI ci invidiano.

PROVARE PER CREDERE!

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA SOLO PASSIONE&MENTALITA’!

 

Ciaooooooo bonucciiiiiiii “sciacquati” la bocca prima di parlare di Noi!

 

Nella gallery le foto della trasferta JUVE – Milan

 

MARTEDI’ SERAAAAAAA PER CHI NON SALE A TORINO TUTTIIIIIII AL CLUBBBBBBB! FACCIAMO SENTIRE IL NOSTRO URLO, LA NOSTRA PASSIONE!

 

 
 
CIAO VINCENZO! CI LASCIA UN ALTRO SOCIO
 
Da Pasqua 2017 a Pasqua 2018. Stessa tristezza, stessa maliconia, stessa rabbia, stessi perchè? 
Oggi un altro fratello "gobbo" di questo grande Club ci lascia, un altro pezzo importante di questo meraviglioso puzzle quale noi siamo, vola in cielo. La maledetta malattia ha avuto anche in questo caso la meglio. Ci lascia VINCENZO SANTOVITO, persona splendida, grande juventino, sempre pronto ad aggregarsi ai nostri viaggi settimanali, vista la sua attività di macellaio. Gran bella persona. Oggi non abbiamo altre parole, abbiamo solo tanta tristezza. Abbracciamo la moglie, la famiglia, il fratello Mario anche lui nostro grande socio. Ricordiamo l'ultima trasferta a cui Vincenzo voleva assolutamente partecipare, Juventus - Lazio a gennaio 2017. Non fu possibile più. La malattia si era manifestata. Da allora ha lottato, ha cercato di avere la meglio su quel terribile male. Niente da fare. Noi caro Vincenzo puoi starne certo ti ricorderemo sempre, ti porteremo per sempre nei nostri cuori, nelle nostre menti. Coincidenza assurda. Alberto lo scorso anno ci lasciò proprio a Pasqua, così come Vincenzo. Adesso vi riabbraccerete lassù. Ne siamo certi. Vogliamo pensare questo!  
CIAO FRATELLO BIANCONERO VINCENZO! RIPOSA IN PACE! 
 

 
 
FERRARA E' GIA' ALLE SPALLE. ADESSO NOVE FINALI DA VINCERE
 

Quando meno te lo aspetti le difficoltà sono sempre dietro l'angolo. A Ferrara la Juventus impatta per 0-0 contro una bella squadra, sicuramente la più in forma tra quelle in lotta per non retrocedere. La Spal ha assolutamente meritato il prezioso pareggio conquistato contro di noi, giocando una partita accorta dal primo all'ultimo minuto di recupero, pressando e non mollando mai, nemmeno quando la Juve ha provato ad accelerare. Ma evidentemente non era proprio giornata per molti uomini della nostra rosa apparsi davvero sotto tono e stanchi. Del resto ad una squadra che sin qui ha giocato ogni tre giorni riuscendo a compiere imprese su imprese, cosa puoi chiedere di più, visto che siamo in ballo su tutti e tre i fronti? Niente, non puoi chiedere niente di più. Anzi dobbiamo essere FIERI ED ORGOGLIOSI di ritrovarci a fine marzo in testa alla classifica di SERIE A dopo una lunga rincorsa al Napoli. Adesso è come sempre tutto nelle nostre mani, tutto dipenderà da noi, soltanto da Noi. Vincere le prossime 9 sfide (impresa non difficile) significherà SCUDETTO certo, indipendentemente da cosa farà il Napoli, adesso dietro di soli due punti. Ma potrebbe bastare anche arrivare allo scontro diretto con questo vantaggio, vincerlo per poi gestire a quel punto il vantaggio sino al termine. Insomma come detto bisogna considerare adesso ogni partita una finale da dentro o fuori ad iniziare da quella molto difficile contro il MILAN nel prossimo turno di campionato.

Bellissima la trasferta a FERRARA per i nostri soci (ben dieci) che sono saliti nella città estense. Uno stadio stile inglese, con una tifoseria quella locale, davvero calorosa è bella da vedersi. Forse i più belli visti sin qui in trasferta in questa stagione. La delusione come detto è già alle spalle, già sbollito, abbiamo adesso già la carica giusta per affrontare questo finale di stagione con la giusta determinazione. Anzi in questi giorni siamo stati super impegnati e super stressati per le numerose prenotazioni per le sfide a Milan e soprattutto Real Madrid oltre che per la trasferta a Madrid. Possiamo dirci contentissimi per aver anche questa volta soddisfatto le decine e decine di richieste piovuteci da parte dei nostri soci. Una grande soddisfazione quella di non lasciare a terra MAI NESSUNO! Ecco l'importanza di appartenere ad un gruppo di veri valori e bello come il nostro. Tornando alla trasferta a Ferrara di sabato scorso è stata davvero organizzata alla perfezione con una macchina organizzata da Vincenzo Giannelli oltre al furgone organizzato dal Presidente (incredibile la sua voglia di non mollare mai) con Salvatore Lomuscio che ha anche raccolto su strada i ragazzi di Giulianova capitanati dal formidabile Kevin. Alla guida l'immancabile Giovanni Sinisi, il nostro COLOSSO, una garanzia! Da segnalare anche il ritorno del caro GAETANO ORRICO il nostro storico socio sin dai tempi della Serie B. Partiti a mezzogiorno in punto da Andria hanno dapprima raccolto Salvatore Lomuscio dal lavoro per poi fare tutta una tirata a Giulianova dove hanno pranzato con i ragazzi giuliesi. Poi alle 15,30 sono ripartiti da Giulianova per giungere a Ferrara in tutta tranquillità verso le 19 senza scorta dal casello. Giorgio Nicolamarino entra prima per posizionare le pezze, mentre Salvatore, il Presidente e gli altri restano fuori a chiacchierare del più e del meno. Settore ospiti piccolissimo con pochissimo spazio per poter mettere le pezze in prima linea, ma i nostri come sempre riescono a metterle assieme agli amici di BASSA VALLE perchè come sempre vale il motto ESSERE NON APPARIRE! Appunto basta esserci è noi ancora una volta CI SIAMO STATI ricevendo gli ennesimi complimenti da parte dei molti amici di gruppi e club del Nord Italia. Sono rimasti tutti assieme dietro alle pezze, con Salvatore, addetto alle pubbliche relazioni, tanto della partita c'era davvero poco da guardare vista la scialba prova dei nostri. Ancora una volta pioggia e freddo non ci hanno fermati. Ripartono subito dopo il termine della partita raggiungendo velocemente il casello autostradale di FERRARA SUD. Davvero un servizio di gestione arrivo tifosi ospiti ben organizzato. Alle 6,30 di domenica mattina i nostri ritornano ad Andria con colazione offerta da Riccardo Frisardi che gli attendeva al Bar di Via Vespucci! Onore a loro per esserci stati a rappresentanza dell'intero CLUB oltre che a Gianni Sinisi per aver guidato in andata e ritorno.

Al Club la solita goliardia ha contraddistinto la visione della partita, con il grande Michele Di Schiena che ha portato tanta buona roba da stuzzicare accompagnata da un ottimo vinello. Prima il gruppo, prima gli amici è poi viene la partita! Ahahahahahahha

NON SI MOLLA UN CA.....FORZA RAGAZZI CI ASPETTANO NOVE BATTAGLIE DI QUI ALLA FINE PER PORTARE A CASA ANCHE QUEST'ALTRO CAMPIONATO!

NOI CI CREDIAMO!

 

P.S. IN QUESTA SETTIMANA PER NOI FRENETICA PER L'ORGANIZZAZIONE DI TANTE TRASFERTE CHE CI SARANNO IN POCHI GIORNI, UNA NOTIZIA  CI HA COMPLETAMENTE TURBATO. Giovedì pomeriggio un ragazzo andriese MARCO NESTA ha perso la vita in un terribile incidente stradale mentre rientrava dal lavoro per recarsi a Lecce per seguire la sua squadra del cuore, la FIDELIS ANDRIA. Assurdo, semplicemente assurdo. Era ben voluto, metteva l'anima ed il suo estro per la sua CURVA, per il suo gruppo. Adesso ne siamo certi lo continuerà a fare da lassù. Non ci sono parole. Ci uniamo al dolore della famiglia e dei suoi amici di CURVA. Non possiamo che pregare per LUI oltre che per i suoi cari. CIAO MARCO. RIPOSA IN PACE!

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA

 

 
 
FUGA VERSO LA VITTORIA???
 

La Juventus vince anche il recupero contro l’Atalanta per 2-0 portandosi adesso a + 4 in classifica sul Napoli. Pazzesco, se solo pensiamo ad un mese fa, quando sembrava difficile riuscire a passare in classifica I partenopei. Ma invece complici due loro passi falsi ecco che la nostra classifica oggi assume un aspetto completamente differente. La nostra squadra quando decide di iniziare a fare sul serio non sbaglia più un colpo. Almeno sino ad oggi è stato così. Basti pensare che le vittorie consecutive sono ora diventate ben 12, mentre le gare senza subire reti ben 9, oltre ad essere miglior attacco e miglior difesa. Insomma numeri da far girare la testa quelli che la Juve anche in questa stagione sta realizzando, alla faccia di chi credeva (come ogni anno) che il nostro ciclo si sarebbe concluso. Ed invece siamo nuovamente in lotta su tre fronti.

La gara contro l’Atalanta rappresentava delle inisidie, la prima quella di giocare in un orario insolito in settimana con meno calore del pubblico visto che molti tifosi pur avendo il biglietto o l’abbonamento hanno dovuto rinunciare per impegni lavorativi. L’altra insidia era rappresentata dall’avversario che non è mai semplice incontrarlo soprattutto perchè in lotta per ritornare in Europa League. Gasperini per buona parte dell’incontro sembrava aver ben imbrigliato la nostra manovra, ma poi come sempre ci ha pensato Gonzalo Higuain, alla mezz’ora a sbloccare la partita mettendola in discesa. Nella ripresa ritmi lenti, la Juventus non sembrava avesse voglia di accelerare, tranne Douglas Costa motorino inesauribile che avrà percorso non sappiamo quanti km in campo. Matuidi la chiude evitando problemi nei minuti finali. Insomma altri 3 punti (fondamentali) portati a casa dalla nostra Juve. Adesso ci attende la Spal nel suo simpatico stadio a Ferrara. Troveremo un ambiente caldo e molto entusiasmo. Non bisognerà rilassarsi perchè gli estensi sono in un buon momento di forma. Poi occhio al rettangolo di gioco che potrebbe creare non pochi problemi alla nostra squadra viste le dimensioni differenti da quelle in cui i nostri sono abituati a giocare.

L’urna di Nyon ci ha riservato in Champions per i quarti di finale proprio il REAL MADRID che ci ha battuti nella finale di giugno a CARDIFF. Una sconfitta che ancora brucia, che ancora ci fa star male per come maturate. Sappiamo che loro sono i più forti in assoluto ma sappiamo anche che adesso la nostra Juve può guardare negli occhi a tutti senza timore. Possiamo farcela nel doppio confronto. Lo abbiamo dimostrato al Real già tre stagioni fa, lo abbiamo dimostrato contro il Barca lo scorso anno. Abbiamo i mezzi per potercela fare. Quando si arriva tra le migliori otto d’Europa, non puoi che iniziare a crederci. CREDIAMOCI TUTTI ASSIEME.

La trasferta dei nostri soci, ben 8, saliti su a Torino nel turno infrasettimanale di recupero contro l’Atalanta è stata faticosa soprattutto perchè organizzata in breve tempo. Un auto con quattro soci a bordo organizzata da Antonio Liso. Bello vederli sempre con sciarpa al collo del nostro Club ovunque andavano. Sebastiano Carlucci ha invece raggiunto Torino in aereo, oltre a Pinuccio, Giorgio e Maria. Da segnalare che Antonio Liso, Pinuccio Tattolo e Sebastiano Carlucci erano stati presenti anche nella domenica in cui la partita venne rinviata per neve. Dunque a loro va un ringraziamento doppio per esserci tornati. Soprattutto ad Antonio che si è sobbarcato 2.000 km in auto con Orazio, Domenico e Luciano. Arrivati su I nostri si sono incontrati per le 16,00 nei parcheggi per poi verso le 16,30 entrare nello Stadium. Un altra presenza importante soprattutto perchè fatta due volte. Dobbiamo ricordare anche i 21 soci che partirono per la gara poi rinviata. Hanno come sempre posizionato striscione e pezze al solito posto per poi sostenere la squadra. Il nostro compito è stato fatto, l’ennesima presenza al seguito della JUVE! Cosa che riesce davvero a pochi! Terminata la gara l’auto è ripartita verso Andria, mentre gli altri hanno pernottato tutti su, tranne Pinuccio Tattolo ripartito anche lui subito dopo la partita. GRAZIE RAGAZZI per quanto fatto anche in quest’altra trasferta.

Ma è già tempo di rimettersi in viaggio. Mentre scriviamo un furgone da 9 posti, capitanato dal Presidente e Salvatore sta partendo per Ferrara per un altra presenza, (saranno in dieci i nostri soci presenti) per un altra trasferta. Facciamo delle cose incredibili, arrivando in ogni campo dove giochi la Juve. Prima volta a Ferrara nella speranza di alimentare questa FUGA VERSO LA VITTORIA FINALE (grattiamoci), poi la pausa prima di tuffarci in un periodo tremendo per l’organizzazione delle trasferte.

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA un “PIENO” di PASSIONE&MENTALITA’

 

Nella Gallery potrete visionare le foto delle ultime trasferte.

 

 
 
FINALMENTE PRIMI IN CLASSIFICA
 

La lunga rincorsa al primo posto in classifica è finalmente terminata. Da domenica pomeriggio la Juventus è balzata in solitudine in testa alla classifica del campionato di Serie A, complice il pareggio del Napoli a Milano che ci permette prima ancora di recuperare la gara della 26^ giornata, rinviata per neve contro l'Atalanta, di essere già soli al comando. Anzi adesso avremo la ghiotta occasione di iniziare la fuga verso quello che sarebbe il settimo titolo consecutivo! Solo a pensarlo ci vengono i brividi. Un punto di vantaggio che mercoledì sera potrebbero, speriamo, essere già 4! Per la prima volta in questa stagione la Juventus si ritrova ad essere sola al comando. Testa della classifica che avevamo perso in quel di Bergamo nella gara di andata è che alla vigilia proprio della gara contro i bergamaschi ritroviamo praticamente dopo oltre un girone. Quella contro l'Udinese dopo l'impresa di WEMBLEY poteva essere per la Juve una partita trappola se non si fosse tenuta alta la concentrazione e l'attenzione, soprattutto per l'euforia che ha preceduto questa gara. Ma la Juve lo sappiamo che non lascia nulla al caso, che prepara le partite come se fossero sempre delle finali da vincere appunto ad ogni costo. Così è stato contro i friulani che hanno provato ad opporre resistenza ma poi hanno dovuto cedere allo strapotere della nostra squadra grazie ad un DYBALA in formato Champions ed autore di una grande doppietta. Spettacolare la punizione che ha sbloccato la partita nel primo tempo. Da segnalare anche l'ennesimo rigore sbagliato in questa stagione ancora ad opera di Gonzalo Higuain. Insomma sarebbe meglio non averne più di tiri dal dischetto. Quest'anno proprio non vogliono entrare.

Sugli spalti il solito grande entusiasmo, ha spinto la Juve verso l'undicesima vittoria consecutiva in campionato. Numeri pazzeschi se pensiamo anche alle reti subite dalla Juve negli ultimi 4 mesi di campionato. Soltanto una!

Adesso la sfida all'Atalanta che troveremo per la quarta volta in questa stagione. Mai semplice affrontare gli orobici ben diretti da quel Gasperini di Grugliasco, in pratica uno nato a pane & Juventus. Ma questo non vuol dire nulla, anzi, sappiamo che se non affronteremo la partita con la giusta intensità rischiamo davvero di vanificare la lunga rincorsa sin qui fatta. Dobbiamo cercare di arrivare al riposo con 77 punti in classifica, significherebbe altre due vittorie nelle prossime due gare prima del Milan allo Stadium e prima soprattutto dei quarti di finale della Champions. Forza ragazzi, ancora un altro grande sforzo prima di iniziare a preparare il rush finale in tutte le competizioni, come sempre accade nelle ultime stagioni!

Contro l'Udinese abbiamo portato su a Torino ben 36 soci, tantissima roba, se rapportato all'importanza del match. Un bus partito da Andria alle 21,00 di sabato sera tra lo stupore di chi passava di li ed i complimenti ricevuti da un tifoso di altra fede, che rimarcava come il nostro Club sia davvero grande per quello che fa da anni! Attestati di stima che non fanno altro che accrescere tutto il nostro ORGOGLIO per quello che facciamo con passione da sempre. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, presenze del genere, in gare del genere, sono davvero un successo per questa grande realtà chiamata JUVENTUS CLUB ANDRIA. Capitanati da Nino Lotti, uomo di poche parole ma tanti fatti oltre che da Giorgio Nicolamarino, rientrato dopo un mese di assenza per impegni universitari. Tantissimi erano alla prima volta, molti i bambini presenti, per una comitiva variegata ma molto ma molto tranquilla. Giungono a Torino verso le 9,00 del mattino trovando purtroppo molta acqua, pioggia che segnerà la loro intera giornata. Alle 10,00 un gruppo di 19 persone si reca al Tour del Museum e Stadium già prenotato da Andria, mentre gli altri attendono nel centro commerciale. Poi a mezzogiorno tutti fanno ritorno al pullman per lasciare o prendere qualcosa per poi il gruppo in SUD fare ingresso allo stadio verso le 13,15. Posizionano il tutto come sempre, sistemandosi tutti dietro lo striscione. Toccante il minuto di raccoglimento, durato anche di più, per DAVIDE ASTORI. Un silenzio spettrale, con cui il pubblico ha seguito le immagini che scorrevano sui maxischermi dello Stadium sotto le note di Lucio Dalla. Da brividi. Commovente, come l'applauso piovuto al termine. Poi la partita, perchè come sempre lo SPETTACOLO DEVE CONTINUARE!

Alla fine della partita vittoria e felicità finale soprattutto per chi era alla prima volta come per la Famiglia Basile oltre che per i bambini presenti. Tornano al pullman sempre sotto l'acqua. Panino e birra al chioschetto solito prima di ripartire poco dopo le 18,00. In pullman ascoltano la gara serale del Napoli che ci regala la certezza del primo posto per poi sostare un paio di volte in autogrill è rientrare ad Andria alle 05,30 del mattino del lunedì, tutti pronti per andare al lavoro, nonostante le due notti di viaggio in pullman. Ma la vittoria della Juve cancella sempre ogni fatica. Grandi, grandi, grandi tutti coloro che hanno preferito questa partita a gare di cartello dimostrando che la mentalità che abbiamo inculcato in tutti i soci sta raggiungendo livelli molto alti! Al club la solita goliardia ha contraddistinto il pomeriggio.

Per la sfida contro l'Atalanta di mercoledì, recupero della 26^ giornata, abbiamo seriamente rischiato di non esserci, ma ancora una volta i nostri soci si sono superati riuscendo ad organizzarsi per far si che il Club non mancasse nemmeno in questa partita. Rimborsati quasi tutti i biglietti acquistati per la gara dello scorso 25 febbraio, Antonio Liso e Giuseppe Tattolo sono riusciti a riorganizzarsi (gli unici tra quelli presenti alla gara rinviata per neve). Antonio ha organizzato un auto con altri tre soci, mentre Pinuccio arriverà con bus di linea assieme a Maria e Gorgio oltre a Sebastiano Carlucci in aereo. Insomma in otto per quest'altra trasferta che pensavamo di non poter presenziare. Semplicemente grandi noi ma soprattutto chi domani si farà in quattro pur di esserci a Torino.   

Nell'attesa di conoscere anche il nostro destino europeo che andrà a completare il mese di Aprile delle trasferte in attesa di essere tutte programmate.

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA: SEMPRE PIU' UNA SPLENDIDA REALTA'!

 

 

 
 
JUVE “REGINA” A WEMBLEY! GODURIA PAZZESCA
 

Nel tempio del calcio mondiale, in quello stadio che da sempre suscita soggezione a chiunque scenda in campo, la JUVENTUS era chiamata a vincere per continuare la propria corsa verso, speriamo, un altra finale Champions! Non era certamente una impresa facile alla vigilia considerando la forza degli inglesi del Tottenham soprattutto in casa dimostrata in questa stagione dove sono riusciti anche a battare i Campioni d’Europa del Real Madrid. Insomma la strada sembrava essere in salita. Ed in salita si era subito messa la gara anche per colpa di un arbitraggio a dir poco imbarazzante che ha negato un evidente e clamoroso rigore alla Juve quando si era ancora sullo 0-0. Di li in poi la Juve ha iniziato a subire il pressing asfissiante degli inglesi che in più circostanze hanno sfiorato il vantaggio raggiunto poi sul finale della prima frazione. Ecco le nubi all’orrizzonte sembravano addensarsi, sembrava che la Juve oramai non fosse in grado di potersi sbloccare, ma invece nella ripresa dopo un avvio soporifero, ecco la doppia invenzione di Allegri, sarà anche fortunato, ma sta di fatto che Asamoah e Lichsteiner hanno per davvero cambiato le sorti della partita. La Juve ha dapprima azzannato la preda, pervenendo al pareggio con Gonzalone Higuain per poi, sentito l’odore del sangue degli avversari che iniziavano a perdere molte certezze, hanno definitivamente fatto un solo boccone degli stessi, infilandoli un contropiede pazzesco con Dybala, innescato da Higuain, che mette a segno la rete del sorpasso e della goduria totale della folla bianconera accorsa li a Londra (migliaia e migliaia al seguito) oltre che dei milioni di tifosi incollati ai teleschermi. 1-2 per noi Tottenham ribaltato! Immaginate adesso per un solo attimo tutte quelle face di merda di chi odia la nostra Juve, di chi odia noi, dalla Serie A all’Eccellenza. Ecco soprattutto questo “pensiero” ci ha fatto godere ancora di più. Ed ancora oggi siamo pervasi da un senso di eccitazione totale! Una partita come quella vissuta a Londra la ricorderemo per sempre. Abbiamo provato tutti i sentimenti possibili, ecco il bello del calcio. In una serata si è avuta la dimostrazione di come il calcio sa emozionarti! Ad un certo punto sembrava tutto impossibile, sembrava tutto perso, si aveva la quasi convinzione che quest’anno avremmo abbandonato prima l’Europa. Poi la sofferenza finale con il Tottenham tutto in avanti alla ricerca del gol del pari che ci avrebbe portato ai supplementary con noi tifosi che in quegli attimi si riviveva le stesse sensazioni di paura di Monaco di Baviera di due anni addietro. Quel palo finale degli inglesi con Barzagli che spazza via la palla sulla linea di porta ci ha quasi fatto fermare il cuore. Sarebbe stata una beffa. Doppia. Supplementari con rete in fuorigioco. No, sarebbe davvero stato troppo, per la nostra squadra, per come hanno saputo lottare anche nei momenti di difficoltà, quando sembravano essere in balia dell’avversario. Hanno vinto da squadra esperta, cinica, come solo una grande squadra sa fare. L’immagine del testa a testa tra Chiellini e Buffon che si scuotono a vicenda per darsi la carica è l’immagine simbolo di questa epica partita è il simbolo della forza di questa squadra, di questa rosa, in grado sempre di saper cavare il meglio anche quando non è in giornata positive. L’altro simbolo permetteteci di dirlo è stata l’esultanza dei nostri ragazzi in trasferta alla rete di Higuain, Maria Scamarcio, Massimo Matera e Salvatore Lomuscio su tutti, inquadrati dalle telecamere di mezzo mondo che esultavano come dei pazzi, come degli indemoniati che hanno fatto comprendere a noi che bisognava crederci, che la qualificazione l’avremmo portata a casa. Così è stato è noi oggi sentiamo di dedicare questa QUALIFICAZIONE ai quarti di finale della Champions League a tutti quei 24 soci che hanno seguito così numerosi la squadra nel Regno Unito, dimostrando attaccamento al gruppo, al Club, restando sempre uniti dalla partenza agli arrivi! Vederli li a WEMBLEY tutti in prima linea con la pezza poggiata per terra sui seggioilini in perfetto stile british non aveva prezzo per noi che siamo rimasti qui a gremire la nostra casa, il nostro covo, esploso come sempre di gioia alle reti bianconere, con le urla arrivate ovunque!

E’ stato proprio un periodo di eccitazione immensa, dalla vittoria a Firenze a questa di Londra passando per il derby e per la vittoria di sabato all’ultimo respiro a Roma oltre che per la finale di Coppa Italia appena riconquistata. Insomma abbiamo rovinato nuovamente il fegato a tantissime persone che immaginiamo quanto distrutte siano.

Peccato per la tragedia di DAVIDE ASTORI, che ha rovinato questo nostro momento stupendo, la cui memoria è stata onorata da noi tutti juventini. Toccante il minuto di silenzio a WEMBLEY con l’immagine del Capitano della Fiorentina impressa nei maxischermo dello stadio. Non volava una mosca. L’applauso lungo, convinto e sincero di noi juventini a dimostrazione di come siamo noi tifosi gobbi. Sappiamo andare oltre ogni rivalità, oltre i colori, cosa che a Firenze non fanno invece per le nostre vittime dell’Heysel. Gli abbiamo dato una lezione senza precedenti. Che DAVIDE ASTORI possa adesso guidare da lassù la sua figlioletta oltre che la sua squadra per la quale giocava.

Anche la squadra nonostante avesse giocato a Londra non ha voluto mancare con una sua delegazione ai funerali del calciatore viola. Grande segno di rispetto applaudito dai tifosi fiorentini che gremivano la Piazza. Bel gesto anche questo.

Veniamo alla trasferta del nostro Club che ci vedeva varcare per la prima volta i cancelli del Mitico WEMBLEY! Un sogno che si realizza per i 24 soci partiti da Andria alla volta del Regno Unito. Tanta roba anche questa volta. Come sempre del resto. E’ stata la nostra 47^ presenza in una trasferta europea, che numeri incredibili. Si tornava a Londra dopo l’ultima presenza contro il Chelsea, anche se da quella Città ci siamo passati anche per recarci a Cardiff lo scorso giugno.

La pattuglia dei nostri soci era come sempre distribuita nei diversi aeroporti, noi è risaputo non ci facciamo mai mancare nulla. Il grosso è partito da Brindisi al martedì mattina, mentre una nutrita pattuglia ha scelto Napoli Capodichino al martedì sera. In 3 da Fiumicino ed in 3 da Malpensa. Insomma le solite “conturbanti” combinazioni anche a causa della chiusura dello scalo di Bari per lavori. Giunti quasi tutti su Stansted si sono ritrovati quelli partiti da Brindisi e quelli che hanno volato via Roma. Sabino Chieppa a fare da cicerone ad un gruppo comunque molto esperto che vedeva la presenza di tutta gente “scafata” in quanto a trasferte europee come Salvatore Lomuscio, Massimo Matera, Marco Di Vincenzo, Gianfranco Cannone, Giuseppe D’Ambrosio, Giuseppe Capuzzolo oltre all’immancabile Chiara Abbasciano. Giunti a Stansted hanno atteso l’arrivo di un altro bel gruppetto navigato come Gianni Zagaria, Gianni Greco e Gaetano Maddalena (che sabato aveva fatto anche la trasferta laziale). Tutti assieme avevano noleggiato un mezzo con autista per essere condotti direttamente agli alberghi e/o appartamenti prenotati. Nel frattempo anche quelli che arrivavano da Napoli raggiunta con le auto private e da Milano raggiungevano Londra dall’Aeroporto di Luton. Anche da Napoli una presenza femminile come Lea Di Palma, oltre a Graziano Palladio, Riccardo Dell’Olio, Max Capece, Franco Fusaro, Gigi Lomolino, insomma un altrapattuglia espertissima. Per par condicio anche da Milano volava una nostra donna, l’immensa Maria Scamarcio che non sappiamo più quante trasferte avrà fatto in questa stagione….abbiamo perso il conto….Pattuglia femminile ben rappresentata come sempre. A Londra si sono poi ritrovati alla sera sul tardi per brindare tutti assieme con delle birre. Poi la stanchezza prendeva il sopravvento. All’indomani appena svegli si recavano tutti a ritirare i biglietti dello stadio al punto di ritrovo fissato dalla Società. Ci si accorgeva ben presto che al seguito della Juve ci sarebbe stata una marea di gente che si incontrava in ogni zona della Città londinese. Una passione immensa che attraversa l’Italia da Nord a Sud per i colori bianconeri. Pranzo tutti assieme nella zona di Piccadilly, foto con la pezza per poi un gruppetto staccarsi prima per raggiungere già WEMBLEY ed entrare con le pezze prima per le posizioni. Si mettono alla sinistra all’altezza del calcio d’angolo con le pezze distese sulle prime file dei seggiolini, coperte da teloni elastici con quella per il nostro ALBERTO immancabile. Vengono ripresi più volte dalle telecamere con Salva, Massimo e Maria come detto oramai diventati IDOLI! Tuttoil resto del gruppo è alle spalle poco più in alto per via dei posti assegnati dai biglietti che in Inghilterra fanno purtroppo rispettare rompendo e non poco le scatole. Grande tifo del nostro settore, ancora una grande prova. Alla fine erano tutti strafelici, li abbiamo visti dalle foto che ci mandavano tutti appassionatamente assieme dimostrando TUTTI uno spirito di appartenenza al GRUPPO senza eguali. Vanno a brindare in una birreria londinese per poi sempre con il mezzo a noleggio farsi riportare negli aeroporti da dove hanno ripreso i voli per l’Italia quasi tutti all’alba del giovedì! Solo applausi per questi soci che hanno speso tantissimi soldi, perso giornate di lavoro, pur di esserci al fianco della JUVE! Li abbiamo ringraziati uno ad uno, lo meritano per quanto fatto, soprattutto Salvatore, Massimo e Maria per essere entrati prestissimo nello stadio! Questi soci andati a Londra sono stati I NOSTRI LEONI DI WEMBLEY! FIERI DI VOI!

Adesso nemmeno il tempo di gustarci questa goduria, questa grande vittoria, il passaggio ai quarti di finale, che già ci ritroviamo rituffati nel clima campionato. L’Udinese prossima avversaria da battere a tutti i costi per poi dedicarci al recupero contro l’Atalanta di mercoledì che potrebbe finalmente portarci in testa alla classifica del campionato. Lo meritiamo!

Pensate che talmente il clima euforico che si registra al Club che ben 36 soci partiranno in BUS per Torino! Numeri pazzeschi per una gara del genere. Un altra finale verso la meta!

Complimenti a tutti coloro che hanno scelto questa gara in quanto ci permetteranno un altra grandiosa presenza al seguito della Juve, perchè ricordatelo tutti, anche le gare casalinghe per noi sono una TRASFERTA. Dunque la nostra passione, i nostri sacrifici, non hanno EGUALI! Onore sempre a chi macina km, qualcunque sia il colore per cui tiene!

Bellissimo al Club mercoledì sera mentre i tifosi degli SPURS intovano il loro storico coro (da brividi….) THE SPURS GO MARCHING IN che ben si sentiva in television, noi abbiamo iniziato a cantare in dialetto andriese……subito dopo la rete del nostro vantaggio…..S’AVV ADDRZOIT U MACNIDD…..S’AVV ADDRZOIT U MACNIDD….mentre prima era….”L’AMM ADDRZZE U MACNIDD….L’AMM ADDRZZE’ U MACINIDD….”

LA NOSTRA ORIGINALITA’ LA NOSTRA PASSIONE NON CONOSCONO OSTACOLI E CONFINI!

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA SEMPRE AL TUO FIANCO. A NOSTRO MODO. A NOSTRE SPESE

 

Nella gallery le tantissime ed originali foto della trasferta di LONDRA!

 

 

 
 
ALL'ULTIMO RESPIRO “PAULO” PURGA IL.... “SAN PAOLO”
 

Il weekend appena passato sarebbe stato perfetto o meglio da sballo se non fosse arrivata la tremenda notizia della morte del giovane calciatore DAVIDE ASTORI, capitano della Fiorentina, morto incredibilmente nel sonno per un arresto cardiaco mentre era ad Udine in ritiro con la squadra. Destino beffardo per un ragazzo sottoposto a ripetuti controlli come tutti gli sportivi che praticano a livello agonistico e professionistico. Assurdo morire così a soli 31 anni. Non esistono colori, in questo momento esiste solo il rispetto per la morte di un ragazzo molto garbato, questo a dimostrazione che noi tifosi juventini siamo ben altra cosa rispetto a quel popolo VIOLA che ancora oggi infanga la memoria delle 39 vittime dell'Heysel. Abbiamo molto da insegnare a quella gente! Per quanto possa servire, nel nostro piccolo ci stringiamo al dolore che ha colpito così inaspettatamente la sua famiglia e soprattutto la sua compagna e sua figlia! Ci piace pensare che i “nostri” angeli lassù in Cielo possano averlo accolto come meritava con il RISPETTO che solo un vero tifoso sa riconoscere all'avversario!

CIAO DAVIDE, buon viaggio che tu possa da lassù proteggere la tua piccolina!

Chiusa questa parentesi vogliamo anche ricordare che le morti sono uguali per tutti è dunque come giustamente è stato fermato il calcio domenica, come fu fermato in occasione della morte di Raciti, lo stesso doveva essere fatto quando morì GABRIELE SANDRI. GIUSTO PER NON DIMENTICARE! NOI NON DIMENTICHIAMO!

Tornando al nostro weekend calcistico che sino a sabato notte è stato a dir poco da “orgasmo puro” dobbiamo tornare indietro nella memoria a quel famoso 5 maggio. Ecco la serata di sabato è stata quasi pari a quella goduria li. Prima la partita della Juve all'Olimpico non giocata bene, la vicinanza alla gara di Londra si sentiva eccome, con la Juveche non pigiava sull'acceleratore oltre che quasi priva di idee. Poi, come nel nostro DNA, come recitava il grande AVVOCATO AGNELLI, come è il nostro motto....FINO ALLA FINE, all'ultimo respiro PAULO DYBALA ha uscito dal suo cilindro una giocata da autentico campione, da fuoriclasse puro, riuscendo prima a vincere un contrasto, ad eludere l'avversario, a mantenere il giusto equilibrio prima di cadere per terra è dare la forza “vincente” al suo tiro imprendibile che ha fatto letteralmente esplodere gli 8.000 tifosi al seguito della JUVE nella Capitale. Delirio totale li a Roma come nel nostro Club. 0-1 il risultato finale. Non si è capito più nulla. Tre punti che valgono doppio si è da subito detto per come sono maturati, quando mancavano solo 25 secondi al fischio finale dell'arbitro. Questa vittoria ha letteralmente purgato i napoletani che dall'interno ed esterno del loro stadio seguivano in maniera attenta la nostra gara, pensando oramai di volare a + 6 mentre adesso potrebbero ritrovarsi dopo il nostro recupero addirittura a – 2. Ma come dal + 6 al – 2????? Ecco questo deve aiutare tutti a comprendere di quanto godereccia sia stata la serata romana soprattutto per i nostri 16 soci al seguito della squadra. Questa rete è sembrata come quella mai arrivata a Cesena qualche anno addietro, nel primo scudetto di Conte, quando allora a San Siro si diffuse la voce di un pareggio dei romagnoli, mai esistito....con festa sugli spalti rossoneri.....così come è accaduto a Napoli dove si era diffusa, dentro e fuori, la voce del pareggio tra Lazio e Juve nel mentre Dybala andava a segnare con loro che festeggiavano un ipotetico + 6.....poi il duro risveglio......con gli “O MARONNA MIA....” che si sprecavano.....che ridere....che goduria estrema....senza ancora sapere quello che sarebbe poi accaduto alle 22,30 quando finiva la partita del Napoli che perdeva incredibilmente in casa contro la Roma, permettendo adesso alla nostra Juve di portarsi a solo – 1 punto in classifica, in attesa di recuperare la partita in meno che potrebbe regalarci la vetta della classifica, ma prima di mezzo abbiamo da pensare a LONDRA per poi sbrigare la pratica UDINESE. Dunque un passo alla volta, un pensiero alla volta. Noi non facciamo calcoli prima come loro, che hanno abbandonato ogni obiettivo per poi essere giustamente PUNITI & PURGATI. Giusto così! La Juve dell'Olimpico ribadiamo non è stata bella come non lo era stata nella sfida di Coppa Italia in settimana, ma sono giustificati dal fatto che mercoledì sera ci giochiamo l'Europa a Wembley, dunque se abbiamo riservato le forze per questa sfida è stato giusto così. Allegri lo saprà. Noi lo capiremo solo dopo Londra. La Lazio è apparsa quasi sulle gambe nella ripresa complice i supplementari e rigori di Coppa Italia. Bene ripetiamo, come sia andata a finire. Aver passato questo ciclo di trasferte terribili consecutive come FIRENZE, DERBY in casa del Toro e LAZIO con tre vittorie è davvero tanta ROBA!

Al campionato ci inizieremo a pensare nuovamente da giovedì adesso tutti concentrati sull'impresa (non impossibile) da compiere a Wembley. Dobbiamo farla, dobbiamo andare avanti in questa competizione per far si che i FEGATI SPAPPOLATI da NORD a SUD, dalla SERIE A all'ECCELLENZA continuino ad essere sempre di più, continuino a stare sempre peggio per colpa nostra. La rete di Dybala a Roma ha fatto male a mezza Italia! Per questo la goduria è stata IMMENSAAAAAAAA!

Dai Juve regalaci un altra notte cosììììì! Se andremo a casa???' Ci sta, non ci saranno problemi in una competizione in cui non ci aspettiamo nulla dopo la notte di CARDIFF. Sappiamo solo che per noi il sogno poi riprenderà da settembre, mentre per altri non sappiamo ancora nemmeno se partirà.....nel frattempo avremo altre competizioni da conquistarci ed altre giornate in cui gioire, mentre ad altri non resterà solo che tirare i piedi a noi. Come sempre. Anche per questo godiamo sempre di più!

La trasferta dei nostri a Roma è stata come si direbbe in gergo prettamente tecnico....”in formazione rimaneggiata” con una squadra al seguito non proprio esperta ma che si è comportata alla grande dimostrando un grande attaccamento al Club, al gruppo. Siamo rimasti piacevolmente sorpresi da loro, meritando tutti i nostri grazie ed applausi per aver saputo sopperire alle defezioni dell'ultimo istante del Presidente e di Vincenzo Quacqurelli. Un furgone e due auto al seguito partiti nella mattinata alle 10,00 da Andria, trovando su strada tanta acqua per poi giungere a Roma Nord verso le 14,30 ed attendere come sempre tanto, troppo tempo per essere condotti allo stadio. Assurdo, ma a Roma è oramai la normalità. Per fortuna riescono ad entrare nello stadio alle 17,30 trovando ovviamente il settore già pieno e sistemandosi tutti assieme nella parte in basso a destra del settore a confine con la Sud che era completamente bianconera. Posizionano la pezza ANDRIA PRESENTE e quella per ALBERTO sulla vetrata laterale al fianco dello striscione dei ragazzi di GIULIANOVA oramai nostri inseparabili amici. Grande Gianni Strippoli per aver quasi rimesso una mano nell'arrampicarsi sulla vetrata per posizionare alta la pezza. Senso ed orgoglio di appartenenza, dicevamo, davvero altissimo quello che hanno dimostrato i nostri ragazzi al seguito. Un grazio lo dobbiamo anche a Gaetano Maddalena, una delle nostre giovani leve, che ha ben condotto il gruppo a Roma occupandosi del disbrigo delle varie “rogne” da trasferta. Ma dobbiamo davvero ringraziare anche Sante che con la febbre ha condotto il gruppo a Roma. Se non è attaccamento questo come lo dovremmo definire???? Grazie davvero Sante. Poi c'era il portafortuna come Nicola Di Stefano, l'Architetto, che poche volte viaggia, ma torna a casa sempre con i tre punti. L'ultima sua presenza era stata a Verona contro l'Hellas a fine anno. Alla rete di Dybala abbiamo davvero compreso che la sua presenza diventa a questo punto fondamentale anche per altre occasioni. Da segnalare anche la presenza di Don Claudio Stillavato il parroco della Chiesa di San Nicola oramai il nostro “padre spirituale” che inizia a viaggiare con sempre più frequenza. Bello come ha esordito in Stazione Nicola Di Stefano che chiedeva a lui se si potesse bestemmiare.....ahahhahaha. Insomma una bella squadra di soci che ha visto il ritorno anche di Stefano La Palma oltre che di Leo Addati, Duccio Leonetti ed altre new entry. Anche a Vincenzo Simone con l'auto che con Antonio Suriano erano alla loro prima stagionale. Insomma grazie a tutti.

Nello stadio sono stati tutti in basso zona Gruppo Tradizione, poi usciti fuori hanno recuperato il furgone parcheggiato proprio all'interno dell'Olimpico per riprendere l'autostrada con alla guida il buon Architetto Di Stefano. Una sola sosta per giungere ad Andria alle due di notte, accolti dal nostro infaticabile segretario Fabio che voleva ringraziarli uno ad uno di persona. Grande gesto da vero leader quello di Fabio! Ma non è una novità!

Adesso la trasferta in quel di Londra per la prima volta il nostro Club sarà presente a Wembley, mentre per la cronaca sarà la nostra quinta volta a Londra in trasferta. Ben 25 i soci partiti per questa trasferta Oltremanica. Un altra grande presenza che dimostra quanto grande sia il nostro Club, senza se, senza ma!

Partita una prima linea di tutto rispetto!

AVANTI RAGAZZI, CONQUISTIAMO LONDRA.

JC ANDRIA, PASSIONE ALLO STATO PURO!

  

 

 

 
 
ANCORA IN FINALEEEEEEE! SARA' JUVE – MILAN
 

 

 
 
LA NEVE FERMA LA JUVE MA NON NOI!
 

Se la nevicata caduta su Torino in maniera copiosa poco prima che iniziasse la prima delle due sfide consecutive all'Atalanta, ha costretto la Juve a fermarsi (ma per noi si poteva e doveva giocare) altrettanto non è riuscita a fare con i nostri “impavidi” soci che hanno comunque raggiunto lo Stadium, chi salendo in aereo, chi in pullman, chi addirittura in auto! 21 coraggiosi che hanno dimostrato quanto il nostro amore per la Juve vada oltre ogni cosa, oltre ogni condizione atmosferica. Vederli dalle foto e video che ci inviavano sotto la fitta nevicata attendere, invano, l'inizio della partita ha riempito i nostri cuori di tanto orgoglio, soprattutto per i ragazzi che erano nella Sud dietro lo striscione già montato con le pezze per Alberto e delle Ragazze ai loro posti. Un plauso ad Agnese Zingaro, Massimo Matera e Giuseppe Di Serio che a distanza di soli sette giorni dal derby sono ritornati a Torino sobbarcandosi altre due notti di viaggio. Ma grazie anche a Tommy Moscatelli, Giuseppe Tattolo e Domenico Fucci, Nino Molino & C. oltre a tutti gli altri sparsi tra la Nord e le Tribune per aver comunque affrontato questa trasferta nonostante si sapesse che le condizioni meteo fossero veramente avverse soprattutto per il gran freddo. Comprendiamo che la Società Juve come quella dell'Atalanta abbiano voluto preservare dei lori patrimoni rappresentati dai giocatori, soprattutto in vista delle prossime decisive partite, più per noi che per loro, ma con tutta la gente che c'era sugli spalti, con tantissimi che come i nostri avevano percorso km e km per raggiungere Torino, spendendo tanti soldi come sempre, forse sarebbe stato più giusto attendere ancora un po, prima di maturare la decisione di rinviare la partita, visto anche l'orario che permetteva di farla iniziare anche alle 19,00. Tant'è vero che già alle 18,35 con i tifosi oramai già tutti fuori e delusi, ha smesso anche di nevicare. Bello comunque lo scenario che si presentava allo Stadium, tutto imbiancato per la seconda volta dopo uno Juventus – Udinese dell'era Conte. Il bello è che i tifosi avevano ricevuto l'illusione che la partita si disputasse visto che era stato suonato l'inno della Serie A ed era stata data lettura delle formazioni. Per la terza volta da quando il nostro Club è nato, ci siamo ritrovati nelle condizioni di una gara rinviata, la prima fu contro il Parma, quando con un furgone si arrivò al Comunale è si apprese della morte di un tifoso parmense in Autogrill. Non si entrò nemmeno. Ad Istanbul in Champions contro il Galatasaray nella decisiva partita per l'approdo agli ottavi, la gara venne sospesa verso la fine del primo tempo, senza mai più ricominciare. Giocata al giorno dopo per volere della Uefa con noi già sul volo di rientro già programmato. In altre occasioni siamo rimasti una volta bloccati dalla neve qui ad Andria. Pullmino da 20 posti tutto pieno si attese invano l'arrivo del mezzo che da Minervino non riuscì ad arrivare ad Andria per via della forte nevicata (era il dicembre 2007). Altre occasioni si è avuto il buon senso di rinviarle prima che si partisse, come per un Cagliari – Juve (inagibilità dello stadio), Napoli – Juve (per un nubifragio) e Bologna – Juve (per una forte nevicata). A memoria queste le occasioni che ricordiamo in quindici anni di attività. Ecco forse sarebbe stato più giusto che magari si valutasse il rinvio già dal sabato in modo da evitare le partenze dei tanti tifosi che arrivano da fuori. Quello che ci auguriamo facciano almeno per mercoledì pomeriggio, quando si giocherà nuovamente contro l'Atalanta per conquistare l'accesso alla finale di COPPA ITALIA a Roma. Ci auguriamo, viste le previsioni non buone, che non si attenda nuovamente l'inizio della gara per deciderlo. Effetti del calcio moderno, dove non si tiene più assolutamente conto dei sacrifici dei tanti tifosi che seguono con passione le proprie squadre. Noi tifosi (quelli veri) siamo sempre l'ultima ruota del carro. Facile fare dietrologie e moralismi del cavolo se si era seduti davanti alla tv su di un comodo divano o poltrona. Per poter parlare o dire la propria opinione bisognava stare li sui gradoni dello Stadium a saltellare per il freddo ma con il cuore caldo perchè in campo stava per scendere la nostra squadra del cuore. La trasferta di chi dei nostri è salito su in maniera anche numerosa per questa gara poi rinviata, forse al 14 marzo ore 18, è stata organizzata in diversi modi, tra chi ha raggiunto Torino in aereo già dal sabato, facendo due pernottamenti su, da chi ha raggiunto Orio al mattino per poi spostarsi in treno verso Torino, da chi ha raggiunto Torino direttamente in auto come Antonio Liso o chi ha raggiunto Torino in autobus organizzato assieme ad altri club della Puglia, partendo da Andria alle 23,50 di sabato sera ed arrivando su quasi a mezzogiorno con il solito carico di mozzarelle dispensate ai tanti nostri amici di su. Giornata trascorsa tra Mega Store e Bar nel Centro Commerciale per poi alle 16,30 circa fare ingresso nello Stadium, montare tutto ed attendere l'inizio partita mai avvenuto! Smaltita la delusione della gara non disputata i nostri non si sono persi d'animo e prima di far ripartire il bus hanno deciso di farsi una pizza ed una birra nella solita nostra trattoria. Alle 20,30 circa hanno raggiunto il pullman per far ritorno verso casa salutando tutti coloro che invece sono rimasti su a Torino e rientrati con i voli del lunedi che hanno subito diversi ritardi causa neve per la “gioiaaaa” delle mogli che attendevano giù molto felici e pronte ad “accogliere” i propri mariti....Ahi ahi ahi ahi, ci servirà un buon legale di gruppo! Per noi cronaca di un altra trasferta comunque effettuata. Non per tutti! Adesso bisognerà programmare la presenza anche nella gara di recupero dove chi vorrà potrà sfruttare il tagliando di domenica oppure richiedere quasi certamente il rimborso dello stesso. 

Ribadiamo tutto il nostro ringraziamento ai soci saliti su a Torino per questa sfortunata trasferta. Siete stati grandi come sempre! Orgogliosi di Voi.

Adesso mercoledì in 5 unità saranno presenti alla sfida di ritorno della Coppa Italia!

JUVENTUS CLUB ANDRIA, SEMPRE UN PASSO AVANTI!

 

 
 
TRE SU TRE! TORINO E’ SEMPRE BIANCONERA
 

Alla vigilia della doppia e difficile trasferta di Firenze e in casa del Toro, con il Tottenham di mezzo, qualche preoccupazione per il campionato l’avevamo, considerato il fattore ambientale che da sempre contraddistingue le sfide a viola e granata. Ma invece la Juve dopo aver vinto in casa della Viola è riuscita a vincere nuovamente nel derby in quella che almeno sulla carta si dice essere la loro casa…..in pratica la casa dei nostri trionfi del passato quando ci chiamava COMUNALE!


A sole 24 ore dall’acceso Derby Primavera giocato al Filadelfia e vinto dai nostri ragazzi allo scadere, la Juventus ha nuovamente “purgato” come da anni accade i granata infliggendo loro la terza sconfitta stagionale su tre incontri disputati. 0-1 il finale con rete di Alex Sandro. Per loro che vivono solo in funzione di questa partita, non avendo altre gioie, se non le nostre sconfitte europee, perdere contro di noi significa entrare in uno stato di depressione pazzesco! Questa volta, come le altre in precedenza, ci credevano tantissimo, ma anche per quest’anno vinceranno forse il prossimo anno! Ahahahhahahahahahah!


Gara come sempre combattuta con troppo nervosismo da parte loro (a farne le spese Higuain e Bernardeschi) che sapendo di essere tecnicamente inferiori hanno cercato di metterla sul piano fisico, iniziando a picchiare di brutto. Ma nonostante ciò, la Juventus si è portata in vantaggio già nel primo tempo, per poi gestire la partita sino al termine portando a casa tre punti pesantissimi per la lotta scudetto contro il Napoli sempre Avanti di un punto. Un campionato pazzesco da parte delle due formazioni che hanno praticamente fatto il vuoto in classifica alle loro spalle. Nona vittoria consecutiva per la Juventus che continua a non prendere gol, uno solo subito negli ultimo dodici incontri! Un ritmo incredibile.


Insomma un weekend per noi veri “gobbi” da urlo. Batterli due volte con lo stesso risultato sia nel Campionato Primavera che in Serie A non ha prezzo. Batterli tre volte su tre in stagione, due in campionato, una in Coppa Italia fa si che……


TORINO ERA E’ RESTA SEMPRE BIANCONERA!


Adesso una settimana di lavoro per preparare la difficile doppia sfida all’Atalanta, una per provare nuovamente a mettere pressione al Napoli, l’altra per conquistarci una nuova finale di Coppa Italia all’Olimpico di Roma. Entrambe le partite si giocheranno allo Stadium ed in entrambe le occasioni noi ci saremo come sempre, facendo sacrifici incredibili soprattutto nella gara di Coppa Italia messa in un orario assurdo le 17,30 in settimana. Ma ancora una volta siamo riusciti nell’organizzarci. 


La trasferta del Derby rappresenta per il nostro Club una di quelle partite dove il richiamo ed il fascino di una stracittadina, che continua ad avere da sempre il “sapore” del calcio old style, resta sempre alto! Ancora una volta i nostri soci hanno risposto alla grande prenotandosi in ben 32 (di cui ben 4 donne), tantissima roba per una partita comunque in trasferta. Ma è stata la qualità dei soci che impressionava di più. Tutto lo zoccolo duro delle trasferte si è presentato a ranghi quasi completi con il ritorno di alcuni elementi che mancavano da un bel po di tempo. Uno squadrone da paura che quando si ritrova tutto assieme ne combina di cotte e di crude. Così è stato per la disperazione degli autisti. Alle 20,00 in punto del sabato sera la “banda” radunatasi in stazione ad Andria è partita caricando a bordo di tutto e di più dal cibo ma soprattutto il bere…….c’era di tutto, sembrava un bar in movimento. Lattine di birra a go go, l’immancabile Sambuca, lo Zabov, l’Amaro del Capo, il vino…..insomma credeteci non mancava assolutamente nulla. Bello vedere tutti indossare la felpa ufficiale del Club che sta riscuotendo un grande successo. L’allegria era già troppa sin dai primissimi km. trenini a bordo, cori, brindisi, sfottò, musica da discoteca, sveglie che suonavano all’impazzata (per chi provava ad addormentarsi…) tra una francesina, panini, provolone, caciocavallo, salsiccia, focaccia, birre a fiumi…..insomma è stato delirio sino a tarda notte con gli autisti questa volta molto ma molto adirati nonostante sapessero chi sarebbe partito……


Giunti a Torino alle 07,30 del mattino direttamente al Bar Black&White ritrovo del Gruppo Tradizione i nostri hanno fatto li colazione salutando i tanti amici del Gruppo con in primis il Presidente. Gli autisti (esausti) per aver anche guidato oltre che in una confusione totale anche con tanta nebbia da Piacenza in poi, vanno giustamente a riposarsi, lasciando a piedi i nostri…... Grazie al Gruppo Tradizione tutti i nostri ragazzi (tantissimi) vengono caricati chi a bordo di loro auto chi a bordo del sopraggiunto Pullman della sezione tedesca dove a bordo trovano altre birre (casse di birre…..) offerte ovviamente ai nostri che non si sono fatti pregare. Giungono sotto lo stadio Comunale ritrovandosi tutti al solito Bar, dove hanno brindato a suon di Sambuca per poi verso le 11,00 fare ingresso nel settore per montare la nostra pezza che mettono alla sinistra in prima linea a confine con la Curva Primavera (un tempo la nostra Filadelfia). A cavalcioni della vetrata a turno si sbandiera il nostro bandierone dedicato all’Avvocato Agnelli. Poi inizia la partita è tutti in basso a sinistra si canta a più non posso per condurre la squadra alla vittoria che stava maturando. Vittoria che arriva con la squadra in festa sotto il settore è con il gesto di un isolato vecchio ultra granata (inizialmente non visto) che arriva sino al confine del nostro settore cercando di scontrarsi con qualcuno in bilico sul parapetto della vetrata. Gesto folle perchè sotto gli occhi di mille camere e soprattutto della Digos colpevolmente intervenuta in ritardo come anche gli steward che osservavano senza far nulla. A farne le spese è stato un ragazzo del Gruppo Tradizione che lo ha affrontato cadendo poi giù. Semplicemente assurdo quanto accaduto. Come prendersi una sicura diffida…..con tutte le conseguenze che ne derivano di questi tempi….


Terminata la partita hanno atteso una mezzoretta nel settore per poi uscire è salire a bordo delle solite “circolari” strapiene (basterebbe metterne qualcuna in più….ogni volta la stessa storia….) che conducevano al Piazzale Caio Mario (parcheggio ospiti) e dove dal mattino erano andati a riposare i nostri autisti. Giunti li i nostri si sono dapprima rifocillati, offrendo tenerelli al liquore (avevano anche quelli….) per poi verso le 17,00 lasciare Torino sotto la pioggia che iniziava a cadere. Felicissimi per il risultato ottenuto e soprattutto per la bellissima trasferta organizzata hanno continuato a brindare con i residui….per poi finalmente crollare per la gioia degli autisti….ahhahahahahahah. Cena subito dopo Bologna in un self service (molto accogliente….ed ospitale…) per poi riprendere la marcia ed il riposo. Giungono ad Andria alle 4,30 del matino del lunedì in tempo per fare qualche oretta nel letto di casa prima di recarsi tutti al lavoro. Un altra grande presenza del nostro Club, un altra grande trasferta è stata archiviata come sempre a testa alta. Un grazie di cuore a tutti ma proprio tutti i ragazzi che sono stati presenti, ma soprattutto a Fabio e Salvatore che hanno organizzato tutto al meglio coinvolgendo da oltre un mese i tanti che sono poi partiti. Applausi per loro che mettono da sempre il club, gli amici, il gruppo al primo posto!


Adesso come detto domenica per Juve – Atalanta di campionato in ben 21 hanno risposto presenti alla trasferta, un altro numero molto alto. Diversi i ragazzi presenti che sono stati anche al Derby domenica, come Massimo Matera, Giuseppe Di Serio e Agnese Zingaro. Orgogliosi di Voi che instancabilmente fate sacrifici fisici ma soprattutto economici pur di esserci per il club, prima ancora che per la Juve.     


 


JUVENTUS CLUB ANDRIA SEMPRE AL TUO FIANCO. A NOSTRO MODO. A NOSTRE SPESE


 


Nella gallery le tantissime ed originali foto della trasferta Toro -JUVE

 

 
 
PECCATO, MA NOI CI CREDIAMO!
 

Come sempre per la nostra Juventus la storia di ogni Champions è sempre molto travagliata oltre che tribolata. Ogni anno, in occasione delle partite più importanti accade sempre qualcosa, tale da rendere più difficile il compito. E' accaduto anche questa volta prima dell'andata contro gli inglesi del Tottenham, quando ad uno ad uno molti giocatori importanti della rosa si sono infortunati, lasciando poche soluzioni tattiche all'allenatore e soprattutto una coperta un po corta per affrontare un avversario apparso ostico ed in forma come si prevedeva. Eppure nonostante tutto la Juve ha avuto un inizio gara davvero incredibile con un “uno-due” che avrebbe dovuto stordire l'avversario, sfiorando il terzo gol in almeno altre due occasioni e ritrovandosi poi a chiudere il primo tempo sul 2-1 dopo aver fallito un calcio di rigore che avrebbe potuto portarci al riposto in una condizione psicologica decisamente migliore. Uno stratosferico Higuain, autore dei due gol, stava letteralmente demolendo il Tottenham. Poi sbaglia un rigore che va ad incidere sul risultato finale (2-2) che vede gli inglesi trovare nella ripresa il pareggio su punizione, che rende più difficile e complicato il ritorno a Londra ma non impossibile. Anzi siamo convinti che li andremo a fare la partita delle partite è che porteremo a casa la qualificazione ai quarti di una competizione, la Champions, da cui oramai non ci aspettiamo più nulla. Viviamo alla giornata. Come vuol andare andasse poi! L'assenza di Matuidi ha pesato tantissimo a centrocampo. Ma inutile star li a parlare di chi non c'era. A Londra servirà l'ennesima dimostrazione di “grandezza”. Sappiamo di avere degli uomini veri in squadra è dunque CREDERCI SEMPRE, ARRENDERSI MAI, altrimenti sia ben chiaro a tutti, chi non ci crede restasse a casa piuttosto di occupare un posto sui gradoni del mitico WEMBLEY dove ben 21 nostri soci saranno all'interno, con ben 7 soci ancora a caccia del tagliando! Lasciate spazio a chi ci crede e merita di essere in massa all'interno dello stadio.

La trasferta dei nostri 55 soci presenti a Torino per la gara di andata è stata come sempre perfetta ed organizzata nei minimi  particolari. Partiti verso le 23,00 del lunedì sera da Andria con a bordo IL PRESIDENTE, Andrea Leonetti e Sabino Chieppa ad accompagnare l'intero plotone. La trattoria viaggiante grazie a “masterchef Sabino” ha deliziato il palato di tutti i presenti a bordo con un ricco aperitivo accompagnato da un ottimo frizzantino. Insomma giunti a Vasto, alla prima sosta, erano ancora intenti nel consumare il tutto. Potete immaginare il clima famigliare e goliardico a bordo bus con il solito mix tra giovani e “vecchie glorie” come Arnese D'Atteo Natale.

A Torino giungono intorno alle ore 11,00 con una piccolissima parte di soci che preferisce raggiungere il centro, mentre tutto il gruppo dapprima partecipa al Tour del Museum e dello Stadium da noi programmato per le ore 13.30 per poi al termine andare alla solita nostra trattoria dove in quasi 50 distribuiti su ben sette tavoli hanno pranzato e bevuto alla grande con soli 15 euro! I soci ovviamente erano tutti estasiati soprattutto quelli alla prima volta. Sentirselo raccontare è una cosa, provarlo è completamente differente. Bello vedere tanti indossare la nostra felpa ufficiale che sta riscuotendo un enorme successo. Poi alle 17,30 fanno tutti ritorno al pullman per lasciare o prendere effetti personali. Alle 18,45 tutto il gruppo che andava in Sud era già pronto agli ordini di Giorgio e Andrea per far ingresso. Poi sopraggiungeva il Presidente che si soffermava a salutare il mitico “Miccoli” del Gruppo Tradizione. Posizionano lo striscione e l'immancabile pezza per Alberto per poi assistere alla partita tutti assieme sulla sinistra della Curva con Enrico Rutigliano figlio di Riccardo, super esaltato dall'ambiente curvaiolo!

La delusione al termine serpeggia sul volto di tutti, man mano che si ritorna al pullman dai vari settori in cui erano sistemati i nostri. Ci pensa il buon Presidente a dare coraggio a tutti in vista del ritorno affermando....”VINCEREMO A LONDRA”. In curva i nostri sventolano le bandierine rosse dietro lo striscione cercando di fare una macchia compatta, cosa che non avviene in altri punti della curva (come spesso accade). Bellissimo vedere che CLAUDIO MARCHISIO a fine partita su Facebook, nel postare un suo pensiero pubblica a corredo una foto del finale della partita con il saluto delle due squadre, dove è immortalato il nostro striscione (SPETTACOLO), come la foto di questo articolo vi mostra.

A bordo pullman l'atmosfera è stata molto tranquilla, completamente differente da quella che si respira in occasione delle trasferte, dove cambia completamente la tipologia di soci.....(vero Francesco Lorusso?????) ahahahahha, già immaginiamo cosa accadrà sul bus da 32 posti che sabato sera partirà da Andria per il derby! Squadra da paura!

All'arrivo ad Andria tantissimi i messaggi di complimenti, ricevuti soprattutto dai soci alla prima volta (non finiscono mai quelli alla prima volta....). Una grande soddisfazione per noi, soprattutto per i numeri di persone che riusciamo a spostare in OGNI MALEDETTA PARTITA!

Al Club gran bella atmosfera, con il pubblico delle grandi occasioni con il solito buffet a fine primo tempo organizzato dal solito Michele Di Schiena questa volta con il “dolce” aiuto di Michele Zagaria. Insomma sempre più a dimostrazione della grande famiglia che siamo. Sia in viaggio, sia al Club è sempre la stessa cosa.  

ORA TESTA AL DERBY DA VINCERE AD OGNI COSTO! PER NOI LA PARTITA PIU' IMPORTANTE (chi vuol far parte di questo Club deve sapere che la vera rivalità è solo questa, non inter...milan....etc. etc...). Al prossimo racconto sicuramente ne leggerete di cotte e di crude....dei trentadue “matti” al seguito della Juve. TANTA MA PROPRIO TANTA ROBA per il derby (partita non sentita per tanti ma non per noi) a 1.000 km di distanza.

 

NOI SIAMO NOI!

JUVENTUS CLUB ANDRIA, SEMPRE UN PASSO AVANTI!

 

 
 
BERNARDESCHI GLI FA “VIOLA”!
 

Vincere a Firenze è da sempre una grossa soddisfazione, seconda solo alle vittorie nel Derby. La Juventus nel difficile turno di campionato che la vedeva impegnata in trasferta a Firenze non aveva altra strada se non quella di vincere per restare in scia del Napoli, nella speranza di un loro passo falso poi non verificatosi. 0-2 il risultato finale in nostro favore con reti nella ripresa dell'ex Bernardeschi e del solito cecchino Higuain.

Come detto la goduria nel vincere li nel loro stadio è sempre massima, poi se a farlo è proprio l'odiatissimo ex, bene allora vuol dire che la serata è stata praticamente perfetta. Bernardeschi contrariamente a quei calciatori “paraculo” che non esultano per rispetto della maglia che hanno indossato in precedenza, ha preferito esultare in faccia ai suoi ex tifosi ovviamente imbestialiti. Potete dunque immaginare quanto i nostri ragazzi arrivati anche a Firenze, abbiano potuto godere dal vivo nel vedere il pubblico viola ancora una volta punito dalla nostra Juve. E' quello che si meritano del resto, ha fatto bene il Berna ad esultare dinnanzi ad un pubblico che continua ancora ad offendere ed oltraggiare la memoria delle vittime dell'Heysel con adesivi e soliti cori beceri. Ma del resto da una tifoseria (non è l'unica) che si presenta allo stadio con sciarpe di squadre che a noi ricordano brutte serate....come quelle del Real o dello stesso Liverpool, cosa puoi aspettarti? Noi mai, seppur per goliardia, acquisteremmo ed indosseremmo una sciarpa di un altra squadra solo per sfottò! Mai. Dunque la tifoseria viola ha dato l'ennesima dimostrazione di essere molto frustrata, di sentirsi così inferiori a noi che pensano di essere grandi nell'assumere certi atteggiamenti! Siete semplicemente vomitevoli come il vostro colore che vi rappresenta! Il + 39 glielo abbiamo sbattuto in maniera gigante, con il bandierone della SUD attaccato sulla vetrata laterale proprio di fronte alla loro curva!

A livello di tifo, la curva Fiesole ci è sembrata molto ma molto calata, non certamente quella dei tempi migliori. In loro compagnia c'erano gli amici portoghesi dello Sporting Lisbona arrivati a Firenze per contraccambiare la loro visita in occasione della nostra sfida Champions a Lisbona.

Partita nel primo tempo non giocata dalla nostra squadra che ci ha fatto un tantino preoccupare. Se la Fiorentina avesse chiuso in vantaggio non ci sarebbe stato nulla da dire. La fortuna ha premiato la nostra Juve che al rientro in campo, con qualche cambio è tornata sui livelli degli ultimi mesi andando prima in vaantaggio con una bella punizione del Berna per poi metterla al sicuro in contropiede con il grande PIPITA che ancora una volta non ha perdonato! Ancora una grande prestazione del “nonnetto” BUFFON autore di una parata con i piedi che per scelta e tempi di esecuzione dell'intervento ha ancora una volta stupito tutti! CLONIAMOLO!

Le troppe defezioni che adesso iniziano ad aumentare in maniera esagerata iniziano a destare qualche problema in vista dell'impegno Champions di martedì sera contro i temibili inglesi del Totthenam. La squadra londinese è in un buon periodo con il loro attaccante KANE che fa davvero impressione per l'annata che sta vivendo. Vedremo se la nostra super difesa reggerà anche il suo urto visto che in tre mesi abbiamo subito soltanto una rete. Speriamo di continuare così anche in Coppa! Sarebbe fondamentale non subire reti.

Dalla Champions lo ribadiamo non ci aspettiamo nulla! La continuiamo a vivere alla giornata e vedremo cosa ne verrà fuori!

La trasferta dei nostri soci in quel di Firenze è stata come sempre organizzata e pianificata alla perfezione....Partiti alle 11,00 da Andria dalla centralissima Viale Roma, Fabio, Tommy, Enrico, Mario, Nicola e Enzo hanno percorso in furgone da 9 posti una prima parte di viaggio tranquillissima e soprattutto comoda....pensando a quello che gli aspettava da metà strada in poi! Dopo Caserta infatti, senza aver fatto nessuna sosta, hanno raccolto i ragazzi di Mondragone oltre alla simpatica “band” dei molisani capitanata dal solito Graziano (già venuto a Bergamo in campionato con noi)! Anche loro per agganciare i nostri li hanno dovuto fare un po di km.

Ora lo possiamo dire. E' oramai andata. Nel furgone da 9 si sono ritrovati in 12 unità, ma come sempre accade, mai si lascia uno a terra. Dunque seppur con i rischi che comportava l'operazione i nostri si sono avviati con il modulo 4-4-3 ed uno a “cassone”, l'immancabile Enzo che adora dormire nel bagagliaio. Per fortuna tutto procede bene, anche nell'immissione di carburante.....DOCcasione.....che ridere! Chi c'era sa!

Giunti a Firenze, con alla guida prima il nostro Fabio che ha poi lasciato la mano a Massimiliano dei Mondragone Boys e dopo aver fatto una sola sosta dal solito amico porchettaro,  i nostri si sono ritrovati ad essere il primo mezzo della colonna di scorta. 

Alle 19,00 erano già nel parcheggio ospiti senza alcun problema, dove si fa trovare Pinuccio Tattolo (ancora un altra presenza per lui) con altri due che hanno raggiunto in autonomia Firenze. Si riscaldano con una Sambuca per poi entrare dentro poco dopo e sistemarsi nel settore a destra verso i Distinti che presentavano una fetta, quella a confine degli ospiti, occupata comunque da tifosi juventini che ha avuto problemi alla rete di Bernardeschi. La “pezza” viene sistemata sotto lo striscione TRADIZIONE. Fabio come sempre ha trascorso un tempo a fare pubbliche relazioni,con il nostro Tommy tornato utile per la sistemazione degli striscioni TRADIZIONE e ANTICHI VALORI. Bello aver ritrovato l'amico Maurizio rientrato dopo una diffida.  

Grande tifo da parte del nostro settore completamente pieno, sia nel primo che nel secondo pezzo. Alla fine grande baldoria e sfottò ai viola che mestamente lasciavano lo stadio ancora una volta “inculati” dalla Juve. Per loro una tragedia visto che si trattava della partita dell'anno. Adesso prevediamo per loro tempi davvero cupi!

Usciti fuori dal settore i nostri ritornano al furgone per riprendere l'autostrada solo verso mezzanotte e trenta. Massimiliano di Mondragone si rimette alla guida con Fabio a tenerli compagnia, mentre tutto il resto della truppa crolla! Una sola sosta poi via verso casa. Raffaele di Mondragone un vero e proprio spasso, all'arrivo da loro fa arrivare al casello dei panini per noi e dell'acqua in modo tale da evitare altre soste ai nostri. Semplicemente grande e calcolatore.  Ritornati ad essere in sei, i nostri  tornano alla comodità. Alla guida passa Enrico Ferro che conduce, alle 07,30 del mattino, la truppa ad Andria in assoluta tranquillità. Grandi loro che di venerdì hanno garantito un altra importantissima presenza al fianco della Juve. TANTA ROBA!

Giusto un weekend di riposo che già lunedì sera in ben 55 hanno lasciato Andria a bordo del nostro pullman! Che dire, numeri impressionanti come impressionante è la passione che ci mettiamo nel seguire la Juve ovunque giochi. ROBA DA LIBRO CUORE!

AMMANETTIAMO ANCHE IL TOTTENHAM!

JUVENTUS CLUB ANDRIA: PASSIONE&MENTALITA'

 

P.S. Nella gallery le foto della trasferta a Firenze!

 

 

 
 
LA JUVE ASFALTA IL SASSUOLO! ORA TESTA A FIRENZE
 

La Juventus riesce nuovamente nell’impresa di mettere a segno in una sola partita ben 7 gol. Ci era riuscita già contro l’Ascoli negli anni ottanta al Comunale e contro il Parma nel 2015 allo Stadium. Uno spettacolo per i fortunati che erano presenti sugli spalti, compreso i nostri dieci soci arrivati su anche per questa partita. Tutto troppo facile. Gli emiliani sono apparsi davvero ben poca cosa rispetto alla squadra degli ultimi anni. Mai in partita, con la Juve che nonostante le defezioni importanti, troppe, non ultima quella di Matuidi, è riuscita comunque a vincere giocando bene, senza concedersi mai pause, dimostrandosi sin troppa concentrata sull’obiettivo di provare a vincere il SETTIMO SCUDETTO CONSECUTIVO! 7 come il numero, guarda caso, delle reti messe a segno! Segno del destino???

Nel frattempo il Napoli continua a non mollare, mantenendo il vantaggio di un punto, mentre i loro tifosi continuano a dimostrare di stare sempre peggio. Vivono pensando costantemente a noi. Pertanto vivono male. Si sono letteralmente bevuti il cervello. Mai sia non dovessero vincere anche questo campionato per loro sarebbe una tragedia immensa. I loro media, come anche la loro Società e addetti ai lavori, dovrebbero iniziare a stemperare gli animi ed abbassare i toni, preparando magari la piazza ad una possible grossa delusione. Poi contenti loro, più contenti noi!   

Intanto per la nostra JUVE a partire da Firenze venerdì sera, inizierà un ciclo tremendo di partite dove non si potrà fare passi falsi. Le trasferte a Firenze e contro il Toro in campionato, la gara di andata della Champions contro il Tottenham allo Stadium. In 10 giorni ci giochiamo una grossa fetta di stagione. Adesso iniziano le gare da dentro o fuori. Noi siamo abituati a ragionare di partita in partita. Il prossimo ostacolo si chiama Fiorentina, che con i suoi tifosi, ci stanno attendendo come sempre con molta ansia. Ci fa piacere sapere che siamo il “chiodo fisso” di molte tifoserie. Assurdo però continuare a vedere che a Firenze liberamente si offenda la memoria delle 39 vittime dell’Heysel senza che nessuno dica nulla. In Italia ci si indigna per altre cavolate, ma poi dinnanzi a questi “IMBECILLI” ed “IGNORANTI” nessuno che prenda dei provvedimenti.

I marcatori del sette a zero al Sassuolo sono stati: ALEX SANDRO, doppietta di KHEDIRA, PJANIC e tripletta di HIGUAIN, la prima da quando veste la nostra maglia con tanto di pallone portato a casa. Entusiasmo sugli spalti, soprattutto dei più piccoli, ma non solo. Noi della Juve festeggiamo una vittoria giusto un attimo dopo la fine di una partita, poi già pensiamo alla prossima.

Un immenso grazie alla nostra “banda” partita con il bus della Marino, chi già al venerdì sera, dormendo su Torino, chi partendo al sabato sera per arrivare al mattino della domenica, vedere la partita è via nuovamente in bus a testa in giù verso Andria. Le partite alle 15,00, insolite per noi, permettono anche la soluzione Marino spesso più economica rispetto a voli aerei o comunque preferibile per via degli orari. Dall’onnipresente Maria che anche domenica pomeriggio ha fatto un grande lavoro, sbrigando diverse faccende “da stadio”, all’uomo delle partite meno importanti, il grande Pinuccio Tattolo (che sarà presente anche a Firenze venerdì sera). Poi Roberto e Andrea i figli del nostro Presidente ritornati dopo diverso tempo assieme con le new entry Angelo ed un ragazzo albanese che vive ad Andria affiliatosi al nostro Club. Poi il gruppo di Michele Leonetti e Domenico Guglielmi con figlio al seguito e Michele Quacquarelli. Insomma ben rappresentati anche questa volta, tra Tribuna Centrale e Curva Sud. I ragazzi in Sud, capitanati da Maria hanno fatto ingresso verso le 13,40 per portare dentro anche striscione in memoria di BEPPE MEMEO. Dopo Bergamo, abbiamo voluto ricordarlo anche nella prima in casa senza di lui. E’ stato bello vederlo ben inquadrato dalle TV in occasione della sostituzione del calciatore BABACAR del Sassuolo. Lo striscione per Beppe è stato messo in maniera fissa sopra il nostro striscione casalingo a fianco della pezza ALBERTO VIVE (come da foto articolo). I nostri sono rimasti li per tutta la partita assieme agli amici di Giulianova ed al grande ed originale  Gino (Pappa&Ciccia) con la sua nuova pezza “BAND E SCIEM” (ahahahhahahahha)!  Ancora una volta abbiamo dato dimostrazione della nostra grande mentalità e passione.

CIAO BEPPE, sappiamo che da lassù sarai sempre orgoglioso di NOI!

Al Club fremono i preparativi per le prossime tre trasferte che ci vedranno sempre più numerosi, sempre più protagonisti al fianco della Vecchia Signora. A Firenze con un furgone da 9…..contro il Tottenham con un bus da 55 e contro il Toro con un bus da 30 posti. Numeri impressionanti che ci fanno comprendere quanto questo Club sia cresciuto in termini di seguito in qualsiasi partita senza l’utilizzo di social, senza proclami, senza inviti.

  

JUVENTUS CLUB ANDRIA SOLO PASSIONE&MENTALITA’!

 

Nella gallery le foto della trasferta Juve - Sassuolo

 

AMMANETTIAMO ANCHE LA VIOLA……AHAHAHAHAHAHAHHA

 

 
 
CIAO BEPPE,SARAI SEMPRE CON NOI
 
Il fotografo della CURVA SUD, Vincenzo Glinni, che ringraziamo, ha voluto immortalare in questo splendido scatto, il nostro striscione che abbiamo realizzato per ricordare BEPPE MEMEO nella trasferta di Bergamo. Adesso che i riflettori si sono spenti, che ognuno ritorna alla propria vita, consapevoli che il dolore, come sempre, resta nelle persone a lui care che lo hanno amato, che ne hanno avuto la fortuna di condividere assieme tanti bei momenti, noi nel nostro piccolo sentiamo di salutare un fratello GOBBO come il caro BEPPE che resterà per sempre vivo nel cuore di tanti amici. Questo gesto era il minimo nei confronti di una bella persona, un grande gobbo andriese. CIAO BEPPE, salutaci lassù tutti i nostri angeli! 
 

 
 
LA JUVE SBANCA BERGAMO! RICORDATO BEPPE MEMEO
 

Riuscire ad esserci per la seconda volta in stagione a Bergamo in un campo da sempre mai facile per i tifosi ospiti è stato per noi un motivo di grande orgoglio. Non è una cosa da tutti fare la trasferta a Bergamo, soprattutto se questa ti cade in settimana ed in pieno inverno. Ma per noi nulla è impossibile perchè quando in campo c’è la Juventus tutto il resto è niente. Ancora una volta abbiamo dato dimostrazione di cosa significhi fare sacrifici fisici ed economici, rinunce, lasciare le famiglie, il lavoro pur di esserci nuovamente a Bergamo, instancabilmente al fianco della Vecchia Signora per una trasferta da sempre “importantissima” per noi! Non ne saltiamo una. E’ un qualcosa di incredibile quello che riusciamo a fare. Siamo la dimostrazione più vera dell’orgoglio dell’appartenenza tutto nel nome di  una grande passione per questi colori che amiamo alla follia che viviamo sette giorni su sette. Onore a chi c’era, onore a chi compie sacrifici per una qualsiasi squadra di calcio andando su e giù esattamente come facciamo noi.

A Bergamo bisognava fare risultato per mettersi già in una posizione di vantaggio in attesa della gara di ritorno. La Juve, che già avrebbe meritato di vincere in campionato, espugna il “Comunale” per 0-1 grazie alla decisiva rete del nostro BOMBER Gonzalone Higuain che nella nebbia è riuscito a vedere la porta dimostrandosi cecchino infallibile. Una nebbia fitta ha caratterizzato la giornata bergamasca, una nebbia che stava per mettere in dubbio lo svolgimento della partita. Poi per fortuna nella ripresa è iniziata a diradarsi permettendo una migliore visuale dagli spalti dove i tifosi juventini al seguito, hanno dato grande dimostrazione di attaccamento alla squadra sostenendola a più non posso in questa partita importantissima che vale l’accesso per il quarto anno di fila alla finale di Coppa Italia che vogliamo nuovamente provare a vincere. Una Juve solida, una Juve cinica, una Juve che ha saputo gestire e soffrire quando l’Atalanta ha provato a pareggiarla, ma un SUPER GIGI BUFFON a 40 anni suonati ha detto di no prima al calcio di rigore concesso dal VAR per poi superarsi sul finale di partita quando si è opposto alla grande a tu per tu con un avversario. Altro che ritirarsi, Buffon andrebbe riconfermato anche per la prossima stagione visto il suo eccellente stato di forma. Insomma 0-1 e tutti a casa con la squadra a festeggiare sotto il nostro settore. Ritorno al 28 di febbraio quando non saranno ammesse distrazioni, la FINALE è ancora tutta da conquistare.

Torniamo a raccontarvi della trasferta dei nostri ragazzi su a Bergamo. Partiti in 4 questa volta più comodamente vista la super offerta beccata con la Ryan che con soli 30 euro a persona (andata e ritorno) ha condotto i nostri su a Orio al Serio. Un grazie all’onnipresente Fabione, a Maria oramai una assoluta certezza e garanzia, a Vincenzo Quacquarelli, ritornato in trasferta dopo 3 mesi e alla new entry Fabio (un altro Fabio)!

Giunti su nel primo pomeriggio hanno dapprima preso possesso della stanza nell’hotel prenotato a due passi dall’Aeroporto per poi recarsi in un centro commerciale per “ammazzare” il tempo. Li hanno preparato dei panini per la sera (tutto rigorosamente low cost), bevuto una birra per poi recarsi al punto di raccolta istituito per i tifosi nei pressi del Casello autostradale. A bordo di navette, partite verso le 18,30 hanno raggiunto lo stadio assieme a tantissimi altri arrivati a Bergamo. Ad un certo punto un agguato dei bergamaschi improvviso con lancio di torce, bombe carta e qualche pietra che manda in frantumi i vetri dei bus che accompagnavano i tifosi allo stadio. Provano a scendere ma le porte sono bloccate ed i pullman continuano il loro cammino verso lo stadio dove arrivano di li a poco. Nell’antistadio i tifosi juventini provano ad uscire fuori ma ovviamente questo non viene permesso. Poi entrano dentro per montare striscioni e pezze. La nostra pezza viene messa in prima linea sulla vetrata tra TRADIZIONE e NAB. Anche Maria sistema la sua pezza delle RAGAZZE in basso sotto NAB con ALBERTO VIVE immancabilmente presente. Quella di Bergamo è stata una trasferta particolare per noi fatta anche nel ricordo di BEPPE MEMEO, un altro grande gobbo andriese purtroppo “volato via”. Periodaccio questo per il nostro Club. Beppe, mentre combatteva contro il male riusciva a seguire la Juve, lo ha fatto fino alla fine, guardando in Tv la sua ultima partita contro il Genoa, poi purtroppo sabato mattina scorso la notizia che non avremmo mai volute sentire, quando i nostri ragazzi erano già in viaggio verso Verona. Noi abbiamo sentito il dovere di ricordarlo nella prima trasferta utile coincisa con quella di BERGAMO, con un semplice CIAO BEPPE (le foto le trovate nella gallery della trasferta) che la famiglia ha molto apprezzato. Un abbraccio forte lo rivolgiamo a Federico Ieva, a Stefano Memeo e tutta la famiglia. Adesso anche Beppe siederà lassù nella Curva Paradiso acconto a tutti gli altri nostri angeli. Nel settore ospiti i nostri trovano un altro ragazzo andriese, Angelo Marzano, vecchia nostra conoscenza, oramai da anni trapiantato su per lavoro, in zona Bergamo.

Si sistemano poi nell’estrema destra del settore quasi a confine con i bergamaschi della Sud ed espongono a mano lo striscione per Beppe nel primo minuto iniziale della partita. L’umidità si fa sentire, la nebbia avvolgeva tutti, ma i cori del settore ospiti quasi l’allontanavano. I bergamaschi non erano proprio nella loro migliore serata. Il settore ospiti lo ribadiamo è stato davvero un gran bel vedere, ecco, quando arrivano queste trasferte difficili dove mancano i tantissimi occasionali, il tifo ne risente sempre in positivo. Fabio nel frattempo dispensava il nostro scotch a mezzo settore, aiutando altri gruppi ad attaccare striscioni e pezze su vetrate molto umide. Come sempe unico! 

Tra una birra e l’altra, tra uno sfottò e l’altro con i ragazzi di Tradizione, con quelli di Mondragone e di Bassa Valle, finisce la partita con Vincenzo che si arrampica sulla vetrata che delimita dal campo, per esporre la pezza di Alberto. Il settore saluta la squadra, i nostri salutano i tanti amici della curva, per poi verso le 23,40 essere condotti nuovamente al punto di raccolta iniziale da dove poi raggiungono immediatamente l’hotel. Un immenso grazie a loro per averci rappresentato in questa difficile trasferta. Un altro grazie lo dobbiamo a Maria che davvero dimostra di avere inculcato al meglio la nostra mentalità, ragazza incredibile è sempre disponibile. Mai un passo indietro, a dimostrazione che il calcio al Sud è anche per le donne. Contenti per le diverse ragazze che si sono avvicinate alla nostra realtà.

Al mattino sveglia prestissimo (ore 6,00) per fare colazione ed andare in aeroporto. Giungono a Bari verso le 10,00. Un altra trasferta è stata messa alle spalle, un altra presenza importante del nostro Club, sempre più una bella realtà nel panorama del tifo juventino!

Nel frattempo al Club ci siamo ritrovati per la partita in una cinquantina nonostante la Diretta Rai. Immancabile la goliardia che ha contraddistinto la serata conclusasi con l’immancabile bevuta di gruppo con una buona bottiglia di ZABOV consumata, questa volta portata dal grande Lucio Mariano.

Il tesseramento al Club nonostante siamo a stagione abbondantemente in corso, procede a buon ritmo giungendo a quota 635 tessere sottoscritte. La società, lo ricordiamo, ha prorogato i termini sino al 28 febbraio. Quindi chi vorrà assistere a questa speriamo lunghissima parte finale di stagione potrà ancora farlo ISCRIVENDOSI al nostro CLUB! Non ve ne pentirete. Chi ci frequenta, NON CI LASCIA PIU’! PROVARE PER CREDERE.

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA, TANTA PASSIONE, TANTA MENTALITA’! ZERO CHIACCHIERE DA SOCIAL.

Nella gallery le foto della trasferta a Bergamo

 

AMMANETTIAMO ANCHE IL SASSUOLO……AHAHAHAHAHAHAHHA

In nove i nostri soci che saranno presenti sugli spalti domenica pomeriggio! AVANTI

 

 
 
CHIEVO “AMMANETTATO” DALLA JUVE!
 

Il titolo che abbiamo deciso di dare a questo articolo, crediamo sia molto eloquente. Su di un campo di calcio, dinnanzi soprattutto a tanti bambini che seguono lo sport più popolare, mai si dovrebbe assistere a sceneggiate tipiche “napoletane” come quella messa in atto da un “piccolo” calciatore che corrisponde al nome di Cacciatore. Il gesto delle manette che lo ha ridicolizzato in tutta Italia, sarebbe da punire severamente, proprio per evitare che altri possano ripeterlo in futuro. Gesto che ha ricordato quello di un “pagliaccio” transitato dall’Italia. Abbiamo già sprecato troppo tempo a parlare di un altro rosicone che pur di screditare l’immagine della nostra JUVE ha cercato di fare il “prezioso” con un gesto che pensava non sarebbe stato visto da nessuno! Poveraccio lui, come tutti coloro che pensano quotidianamente alla Juve. Che vita da miserabili! Noi fortunatamente pensiamo solo alla nostra JUVE è nulla più. Evidentemente godiamo sin troppo che non abbiamo bisogno di godere….come fanno loro, solo per gioie non proprie!

La partita di Verona l’avevamo battezzata alla vigilia come una autentica trappola. Avevamo ragione. Il Chievo ha disposto una ragnatela nella propria metà campo e, ad un certo punto, ha quasi messo il proprio Pullman, dinnanzi alla porta. Non si riusciva a trovare un pertugio a causa anche del nostro ritmo molto blando. La Juve pur mantenendo sempre le redini dell’incontro non ha mai pigiato sull’acceleratore per cercare di chiudere prima un incontro che stava diventando sempre più complicate, nonostante la repentina espulsione sciocca di un loro calciatore fattosi ammonire due volte nel giro di pochissimi minuti. Nella ripresa la musica non cambiava, il Chievo tutto arroccato in difesa con la Juve che non dava mai l’impressione di poter azzannare la partita. Poi l’espulsione per il gesto di cattivo gusto del sopracitato “pagliaccio” ha permesso alla Juve di avere vita ancora più facile, giungendo prima all’1-0 grazie ad una bella rete di Khedira su assist di Bernardeschi, per poi raddoppiare grazie a GONZALO HIGUAIN tornato a segnare dopo qualche partita che non aveva timbrato il solito cartellino!  2-0 il risultato finale in nostro favore.

Insomma a ritrovarsi alla fine “ammanettato” è stato Maran con il suo Chievo con tutti i tirapiedi che guardavano la partita nella speranza di un nostro passo falso! Che goduria! Saperli sempre più fottutamente male per colpa nostra ci riempie ancor più di soddisfazione. Per non parlare poi di quello che continua ad accadere su diversi altri campi, dove il famigerato VAR tanto invocato proprio da questa “povera gente”, sempre quella che rosica per i nostri continui successi, continua a fare tanti danni a vantaggio sempre di altre squadre…..tranne che della nostra, a dimostrazione che non serviva proprio. Noi, sta di fatto, che abbiamo due punti in più rispetto alla stessa giornata della passata stagione continuando a tallonare il Napoli pronti ad approfittare del loro primo passo falso. Dietro di noi il vuoto! Incredibile come siano cadute una dopo l’altra tutte quelle avversarie che sino ad un mese addietro parlavano di scudetto.

Adesso prima di rituffarci nel campionato, con la sfida interna al Sassuolo, abbiamo la gara di andata della semifinale della Coppa Italia contro la sempre più sorprendente ATALANTA che venderà cara la propria pelle soprattutto tra le mura amiche martedì sera. Dovremo cercare di segnare già a casa loro per cercare di facilitare il compito per la gara di ritorno. Noi vogliamo assolutamente tornare in finale per cercare di conquistare la quarta coppa italia consecutiva.

Al club sabato sera, contro il Chievo, si è registrata una buona affluenza di soci con il solito clima molto goliardico è con il solito buffet finale con vino e l’immancabile Sambuca! Da segnalare anche l’autorevole presenza del neo PROCURATORE CAPO DELLA SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE, Riccardo Fuzio, in pratica la sesta carica più importante dello Stato. Una soddisfazione enorme a sottolineare ancora una volta il buon nome del club e l’ambiente sano che lo rende fruibile a tutti, soprattutto a molti bambini a cui inculchiamo la juventinità! 

Non potevamo ovviamente mancare nuovamente al BENTEGODI per la seconda volta nel giro di meno di trenta giorni dopo la nostra presenza contro l’Hellas. In 5 i soci che hanno risposto al nostro appello permettendoci di presentarci anche in questa trasferta, che molti snobbano perchè effettivamente pallosa, ma non noi, che seguiamo la JUVE ovunque giochi. Giunti in auto nel parcheggio della SUD entrano poco dopo le sette dopo aver scambiato Quattro chiacchiere con gli amici di altre zone, tra i quali, Massimo del Nord Est. Appena dentro si posizionano alla destra del Gruppo Tradizione sulla balconata principale. Un grazie ad Andrea, Giorgio, Riccardo, Giuseppe e la porta fortuna Maristella, le nostre nuove leve che ci hanno permesso quest’altra presenza. Viaggiare di notte, rientrare all’alba, per una incredibile passione ed uno spirito di gruppo immenso, pur di far arrivare ovunque la nostra “pezza” è un qualcosa di spettacolare. Ancora una volta abbiamo dato dimostrazione della nostra grandezza.

Come la daremo, udite udite, anche in quel di Bergamo, martedì sera in Coppa Italia, quando in 4 ci presenteremo ancora li, per la seconda volta in stagione, cosa non facile, cosa non per tutti, soprattutto se consideriamo la distanza ed il fatto che si giochi in settimana. IMMENSAMENTE GRANDI!

Nel frattempo il tesseramento al Club, seppur più lentamente è giunto a quota 626 tessere sottoscritte. La società, lo ricordiamo, ha prorogato i termini sino al 28 febbraio. Quindi chi vorrà assistere a questa speriamo lunghissima parte finale di stagione potrà ancora farlo ISCRIVENDOSI al nostro CLUB! Non ve ne pentirete. Chi ci frequenta, NON CI LASCIA PIU’! PROVARE PER CREDERE.

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA, TANTA PASSIONE, TANTA MENTALITA’!

Nella gallery le foto della trasferta a Verona contro il Chievo dei nostril validissimi ragazzi.

 

AMANETTIAMO ANCHE L’ATALANTA

 

AUGURONI A GIGI BUFFON PER I SUOI PRIMI 40 ANNI! SEMBRI ANCORA UN RAGAZZINO. GRAZIE INFINITE CAPITANO PER QUELLO CHE SEI, PER QUELLO CHE FAI, PER COSA RAPPRESENTI PER NOI TUTTI! SPERIAMO DI POTERTI GODERE ANCORA A LUNGO E VEDERTI ESULTARE SOTTO I SETTORI OSPITI!

 

 
 
MAI PIU’ UNO STADIO SENZA LA CURVA!
 

Assistere dalla Tv o dal vivo a Juventus – Genoa dobbiamo ammettere che è stato davvero deprimente. Ma questo lo sapevamo già, del resto da decisioni del genere ci siamo già passati nelle scorse stagioni, quando per un motivo o per un altro ci è stata chiusa la CURVA SUD! La FIGC ci è riuscita nuovamente a imporre questa decisione che va a totale discapito degli abbonati del settore più caldo dello Stadium, il “nostro settore”, visto che li abbiamo il maggior numero di abbonati come Club e soprattutto la riteniamo come una seconda “nostra casa” considerando che siamo li, sin dalla nascita del nuovo stadio. Senza la SUD non è la stessa cosa, senza la Sud andare in un altro settore per noi dello zoccolo duro non ha alcun senso. Peccato che la Società non si sia opposta o non abbia cercato di rimediare in favore di tutti gli abbonati alla Sud che vedono anche in questa stagione perdere la possibilità di assistere ad un incontro già pagato nel prezzo “esoso” dell’abbonamento fatto in estate. Ci aspettavamo perlomeno la possibilità di ottenere la gratuità magari nella gara di semifinale di ritorno della Coppa Italia contro l’Atalanta, ed invece nulla, come se tutto fosse stato normale. Una decisione assurda se pensiamo che si parla di presunti “rapporti illeciti” intrattenuti dalla Società con i gruppi organizzati…..incontri che tra l’altro avvenivano alla luce del sole sotto il controllo della QUESTURA…..ma per la FIGC questo bastava per chiudere nuovamente la SUD e cercare magari di ostacolare la squadra che ovviamente ne ha risentito sul campo, della mancanza della spinta del proprio tifo, soprattutto nella fase finale dell’incontro. Ma ancora una volta ai vertici del calcio è andata male…..RIPROVATECI ANCORA…..FORSE SARETE PIU’ FORTUNATI…..!

Non sarete di certo VOI a fermare la JUVE e la nostra immense PASSIONE! 

La partita giocata in un giorno insolito, di lunedì sera, dopo la pausa invernale, nascondeva delle insidie dettate dallo stop che ha un attimo allentato la concentrazione della squadra. Effettivamente a livello atletico sono apparsi non in buone condizioni e, non chiudendola prima la gara, hanno sofferto molto nel finale quando si è rischiato di pareggiare. 1-0 il risultato finale in nostro favore con rete dell’inesauribile DOUGLAS COSTA, sempre più parte integrante di questa squadra, sempre più determinante per le vittorie finali.  

La tenuta della difesa è stata la notizia più bella della serata dove qualche errore di troppo è stato commesso, ma ribadiamo eravamo più che consapevoli che alla ripresa avremmo avuto delle difficoltà, come siamo convinti che anche la trasferta a Verona sarà molto difficile per la nostra squadra. Adesso bisognerà ritrovare la forma migliore, la concentrazione e soprattutto recuperare i tanti infortunati. Nel frattempo un altra giornata è andata con il Napoli che continua a non mollare mantenendo su di noi il punto di vantaggio. Curioso vedere i festeggiamenti che hanno fatto dopo la vittoria di Bergamo manco avessero vinto un trofeo…..atteggiamento molto provinciale….qualcuno vada a dirgli che le feste si fanno al massimo nel mese di maggio…..

Anche contro il Genoa, nonostante la chiusura della CURVA SUD, abbiamo fatto i miracoli pur di esserci comunque. Grazie a Giuseppe Tattolo, Giacomo Carlone, Giorgio Nicolamarino e Roberto Di Maria siamo riusciti, con un auto, a timbrare comunque il cartellino della presenza anche in questa partita…..ma l’elogio più grande va dato a Giorgio e Giuseppe che sono arrivati su ed in quanto abbonati alla Sud non potevano ovviamente accedere in nessun settore, visto il divieto che c’era, di acquisto di un tagliando per un altro settore. Sono rimasti fuori dalla Sud (eccoli nella foto dell’articolo), partecipando alla manifestazione di protesta (con tanto di stendardo e pezza per Alberto) organizzata da tutti i GRUPPI ULTRAS e per dimostrare ancora una volta tutta la nostra mentalità e passione. Tra un coro e l’altro, tra una birra e l’altra per vincere anche il freddo, hanno trascorso la serata li nel piazzale della SUD. Davvero tanto ma proprio tanto ONORE a NOI e a chi c’era! Questa vittoria “sporca”, “sofferta” ladedichiamo soprattutto a loro. Tre punti importantissimi come quest’altra nostra seppur minima presenza. Roberto e Giacomo (lui alla primissima volta) invece hanno assistito all’incontro dalla Nord.

Ancora un immenso sacrificio fatto dai nostri soci e soprattutto dai grandissimi Pinuccio e Giorgio che in queste situazioni critiche non si tirano MAI INDIETRO! Orgogliosi di Voi. 

Di sacrificio in sacrificio arriveremo alla meta…..ancora una volta alla GRANDE ed a testa ALTA non a “chiacchiere” o in maniera “insignificante” come altri…….

Anche a Verona sabato sera, per la seconda volta in un mese, ci saremo dopo la presenza contro l’Hellas di fine dicembre. Non è stato facile organizzare anche quest’altra presenza, ma grazie all’immenso GIORGIO (seppur pieno di impegni universitari) ad ANDREA, alla new entry RICCARDO, MARISTELLA e GIUSEPPE (per loro un ritorno in trasferta dopo quella di Bologna) saremo nuovamente presenti, ed in buon numero, al Bentegodi. Queste sono le presenze che ci riempiono ancor più di orgoglio. Vedere soci che si prenotano per partite teoricamente meno importanti, pur di rispondere all’appello di essere presenti per il CLUB è un qualcosa di FANTASTICO! Quattro su cinque hanno potuto acquistare la curva del Chievo….(ahahhahaha). L’importante sarà avere un tagliando valido per l’accesso….l’importante sarà esserci! Come sempre. Buon viaggio ragazzi.

Nel frattempo tesseramento al Club giunto a quota 622 tessere sottoscritte. La società ha prorogato i termini sino al 28 febbraio. Quindi chi vorrà assistere a questa speriamo lunghissima parte finale di stagione potrà ancora farlo ISCRIVENDOSI al nostro CLUB! Non ve ne pentirete. Chi ci frequenta, NON CI LASCIA PIU’! PROVARE PER CREDERE.

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA, SEMPRE PIU’ FATTI, SEMPRE MENO PAROLE!  

Visitate come sempre la gallery qui sul sito, dove troverete la foto story di ogni nostra trasferta!    

 

 
 
620 ISCRITTI FESTEGGIATI CON FIUMI DI BIRRE
 
A differenza di chi, pur di avere un attimo di notorietà, pensando magari di riuscirci, mette in piedi fantomatiche iniziative senza senso e senza seguito.....a noi piace, da sempre, fare le cose più semplici, quelle che sono la vera essenza di un Club, quelle che fortificano e fanno crescere un Gruppo, già di per se grande. 
Come da "tradizione" oramai da un paio d'anni, alla soste del campionato, ci ritroviamo tutti assieme per una pizza e birra nell'attesa di ripartire più carichi di prima. Questa volta, l'atmosfera che si è respirata all'interno del "Tapas de Poldo" è stata una cosa spettacolare, che ancora oggi fa parlare di noi come un gruppo di persone straordinarie che vive la propria passione in maniera piacevolmente esagerata e coinvolgente! Noi viviamo la Juve ed il Club, sette giorni su sette è di questa nostra mentalità ne andiamo fieri ed orgogliosi! Ritrovarsi in un pub in pieno centro città, in quasi 80, di mercoledì sera, senza che fosse una cena sociale, ma un semplice invito a fare gruppo per programmare le prossime trasferte è un qualcosa che ci ha colpito tantissimo, facendoci comprendere che cosa oggi è diventato lo JUVENTUS CLUB ANDRIA. Cori a più non posso, batti mani, divertimento sfrenato come se stessimo festeggiando qualcosa....inno della Juve cantato a luci spente nel Pub, poi musica da discoteca che ci ha fatto anche ballare per chiudere la serata, con ripetuti brindisi, speriamo beneauguranti, per questo rush finale di stagione che ci attende! Ma quanta birra abbiamo bevuto???? Fiumi.....Occupato un intero Pub, con i titolari, nostri soci, che hanno addobbato a dovere la sala. Bello vedere arrivare tutti i soci con sciarpa al collo, felpa del Club, maglie del Gruppo Tradizione a cui siamo tantissimo legati, insomma una serata dove abbiamo celebrato il "NOSTRO MODO DI ESSERE E DI FARE". Per questo motivo siamo invidiati da tutti. Abbiamo brindato per aver anche in questa stagione sfondato il muro delle 600 tessere al Club, oggi già a 620 che ancora una volta ci consentono di essere il PRIMO CLUB per soci iscritti della Puglia di unica CITTA' senza sezioni! Di questo ne andiamo molto orgogliosi. Una serata in cui una rappresentanza di una decina di amici dello Juventus Club Barletta ha voluto essere presente per celebrare ancora una volta una grande amicizia nata così dal nulla, una amicizia celebrata da cori che accomunavano le due città! Insomma la serata doveva essere un motivo per farci ripartire più carichi di prima. Obiettivo raggiunto, lunedì sera il Club lo trasformeremo in una bolgia. Peccato non poterci essere a JUVE - GENOA, vista la chiusura INGIUSTA della SUD, il nostro settore per via dei presunti rapporti che la Società ha avuto con i gruppi organizzati. Appunto...presunti....ma la FIGC ancora una volta ha voluto mettere un freno alla nostra "potenza e passione". Non riuscirete a fermarci, sappiatelo. Onore a chi sarà presente all'esterno della Curva Sud per manifestare contro questa decisione, per presidiare la stessa e per dimostrare tutto l'amore per la nostra JUVENTUS. Due nostri soci, Giuseppe Tattolo e Giacomo Carlone hanno deciso comunque di esserci nonostante si giochi di lunedì sera.    
JUVENTUS CLUB ANDRIA. FATTI NON CHIACCHIERE!
 

 
 
IL NOSTRO NATALE “BLACK & WHITE” TUTTO PER AMORE. TUTTO PER GIORGIA
 

Anche in questo Natale, abbiamo deciso di trasformare la nostra tradizionale festa sociale, in un evento solidale. Dopo la bellissima esperienza dello scorso anno quando si decise di sostenere una delle comunità scolastiche del centro Italia colpite dal terribile sisma, abbiamo deciso anche per questa edizione, la quindicesima, di dare un taglio solidale al nostro momento di festa, rinunciando al classico programma che ha sempre contraddistinto l'evento. Grazie al contributo di tutti voi soci, siamo riusciti a sostenere una Associazione intitolata alla memoria della piccola Giorgia Lomuscio, figlia del nostro socio Giuseppe deceduta nell'estate del 2016 a causa di una malattia ancora oggi poco conosciuta, come il “sarcoma di Ewing”. L'Associazione mediante diverse iniziative raccoglie fondi che poi destina ai ricercatori dell'Ospedale Meyer di Firenze che hanno avviato gli studi di questo terribile male che ha colpito la sfortunata Giorgia. E' stato bellissima vedere la partecipazione dei nostri associati ai vari appuntamenti di queste festività organizzati dalla stessa Associazione che racconta la propria esperienza per viva voce dei genitori. Il tutto si è concluso nella sede del nostro Club, sabato 6 gennaio nell'intervallo della partita CAGLIARI – JUVENTUS quando si è proceduto materialmente a donare all'Associazione l'assegno della somma raccolta di Euro 1.010,00 alla presenza come detto dei genitori, dei famigliari e degli amici dell'Associazione Tutto per Amore. Un lungo applauso ha salutato le belle parole del papà di Giorgia. Al termine della partita sono stati premiati i cinque  vincitori della lotteria organizzata a sostegno dell'iniziativa oltre ad un brindisi, l'ennesimo tra i tantissimi soci affluiti nel nostro covo. L'anno nuovo del resto è iniziato così come si era concluso quello vecchio. VINCENDO!

Ma la vittoria più grossa sentiamo di averla ottenuta noi come CLUB nell'essere riusciti, ancora una volta, ad organizzare un evento simile che vale più di tanti altri eventi e/o chiacchiere varie con cui altri pensano di sentirsi grandi!

DONANDO SI RICEVE! TUTTO PER AMORE. TUTTO PER GIORGIA.

Un grazie sentiamo di rivolgerlo alle testate giornalistiche locali che senza che le avessimo coinvolte hanno voluto liberamente parlare di queste nostre iniziative lodando non solo il nostro dinamismo a livello prettamente sportivo, ma anche nell'ambito sociale.

SEMPRE PIU' ORGOGLIOSI DELLA NOSTRA GRANDE REALTA'!

Arrivederci alla prossima edizione che coinciderà con i festeggiamenti per i 15 anni di attività del nostro Club.

JUVENTUS CLUB ANDRIA (sempre Noi). FATTI NON PAROLE!

 

 
 
JC ANDRIA & UNITALSI NEL RICORDO DI ALBERTO TESORO
 

Lo scorso 6 gennaio, a chiusura della nostra tradizionale festa del “Natale Black & White” che da ben 15 anni organizziamo, presso la sede della Sottosezione di Andria dell'Unitalsi in una sala gremita vista la concomitante festa sociale dell'Epifania, alla presenza di una nostra delegazione, con a capo il nostro Presidente Francesco Nicolamarino, l'Avv. AngelaMaria Cannone, Presidente dell'Unitalsi, della moglie di Alberto, la Sig.ra Annamaria e della famiglia, abbiamo provveduto a donare il “defibrillatore” che lo stesso Alberto volle a sua volta donare al nostro Club per lasciare un segno “per sempre”, prima della prematura scomparsa, del suo forte legame che aveva con il Club. Fu all'epoca un gesto che ci sorprese parecchio, lasciandoci emozionati per il gesto d'amore nei confronti della nostra realtà che lui riteneva essere come una seconda famiglia. In questi mesi ci abbiamo riflettuto parecchio sull'effettivo utilizzo di uno strumento così utile e prezioso per salvare vite umane e sulla possibilità che potesse tornare davvero utile alla nostra struttura. Assieme alla moglie abbiamo, seppur in maniera sofferta, deciso che sicuramente sarebbe tornato molto più utile donarlo a chi opera quotidianamente nel sociale assistendo gli ammalati. Di qui la decisione di donarlo proprio all'Unitalsi struttura che lui ben conosceva è che, ne siamo certi, sarà adesso da lassù ancora più orgoglioso di noi e della scelta fatta. Bella cerimonia, con il ricordo del nostro Presidente di Alberto, di cui ne ha raccontato una delle ultime trasferte fatte a Doha nonostante fosse già ammalato.

Gli applausi sentiti di tutto l'Unitalsi ci hanno fatto comprendere quanto il gesto da noi fatto in memoria di Alberto fosse davvero grande!

ALBERTO VIVRA' PER SEMPRE NEL CUORE DI TUTTI NOI!

 

 

 
 
A CAGLIARI TRE PUNTI PESANTISSIMI!
 

Che a Cagliari sarebbe stata battaglia lo avevamo immaginato sin dalla vigilia, che sarebbe stata più dura del previsto non lo pensavamo proprio. Ecco perchè i 3 punti che la Juventus è riuscita a conquistare alla Sardegna Arena (0-1 il finale rete di Bernardeschi), stadio più appropriato per giocare sfide da “subbuteo” o “calcetto”, assumono nell'economia di un campionato, un valore importantissimo. Tre punti che come si suol dire valgono quasi doppio, anche perchè conquistati nella giornata in cui Inter e Roma sembrano aver mollato quasi definitivamente la “corsa” al titolo! Resta sempre il Napoli davanti di un punto, tallonato dalla Juve che gli mette molto fiato sul collo, tanto è vero che i “vesuviani” iniziano oramai, come loro abitudine, a sclerare, iniziando a vedere scheletri nell'armadio, forse un modo per prepararsi anche questa stagione a non vincere nulla è dunque si creano il classico alibi da perdenti! Vedremo.

Volevate la tecnologia??? Bene, la tecnologia è arrivata ma le palle le continuate a rompere. Patetici! Noi marciamo consapevoli che le difficoltà possono essere sempre dietro l'angolo quindi massima concentrazione sia in campo che sugli spalti dove abbiamo il compito di spingere la squadra oltre l'ostacolo, soprattutto nelle giornate difficili come ben fatto a Cagliari quando i presenti hanno sospinto e sostenuto la squadra per tutta la durata dell'incontro. Complimenti ai presenti! Non una trasferta per tutti!

In campo la squadra avrebbe potuto risolvere la gara già nel primo tempo, se non fosse stato per traversa e palo che hanno negato il meritato vantaggio, poi il Cagliari ben messo in campo ha iniziato a capire che poteva anche osare, sfiorando il gol. Ancora grande il nostro Szczesny che non ci fa sentire minimamente la mancanza del Capitano ancora fuori (per riposare vista Champions???). Se così fosse anche per il futuro possiamo dire di stare tranquilli. Nella ripresa i minuti passavano, il gioco iniziava a farsi duro ed iniziava ad esserci anche nervosismo dettato da alcune particolari situazioni in campo. Ma ancora una volta la panchina di qualità della Juve permette di risolvere la partita. Fuori Dybala per infortunio, speriamo di breve durata, dentro Douglas Costa, fuori Khedira dentro Mandzukic ed ecco che la Juve accelera trovando grazie al brasiliano, un perfetto assist per il Berna che porta in vantaggio la Juve, vantaggio che sarà mantenuto sino al termine degli esagerati 6 minuti di recupero. Preziosa vittoria alla faccia di tutti coloro che vivono non in funzione delle proprie sfigate squadrette, ma in funzione della nostra Juve! Che pena che ci fanno tutti quelli che invece di spendere il proprio tempo a pensare ad altro.....lo perdono scrivendo km di minchiate sui social......Gente da basso livello!

Mentre loro continuano a perdersi in chiacchiere, non accorgendosi che le loro squadrette continuano a fare acqua.....noi continuiamo a fare i fatti ed i fatti si concretizzano con presenze su presenze al seguito della Juve come fatto anche a Cagliari, per l'ennesima volta!

Grande trasferta come ogni anno, presenza importante, dimostrando ancora una volta che non ci sia giorno che tenga. Quando in campo c'è la Juventus tutto il resto è niente per noi! Anche all'Epifania presenti, non dietro l'angolo di casa, ma a CAGLIARI, in Sardegna, con tutte le difficoltà logistiche. Trasferta questa volta organizzata bene se consideriamo la distanza ed il tempo che i nostri due valorosi soci, Fabio e Salvatore, sono stati fuori di casa. Salvaguardato il pranzo a casa, sono partiti alle 14,45 per l'Aeroporto di Bari da dove alle 16,15 avevano il volo diretto per Cagliari. Per fortuna è coinciso l'orario. Whisky in aeroporto prima di partire per poi imbarcarsi “turbati” dalla presenza di una prosperosa signora.....che ridere....

Giunti in Sardegna, alle 18,00, apprendono prima ancora di scendere dal volo che la scorta per lo stadio era già partita. Per fortuna che in aeroporto erano rimasti ancora i due ragazzi di Aosta ed i due di Bassa Valle con quattro tifosi sardi della Juventus che avevano lasciato li le loro auto pensando di poter prendere il servizio di scorta verso lo stadio a bordo delle navette. Non si perdono d'animo è decidono di andare a bordo delle due auto dei tifosi juventini di Sardegna. Sbagliano strada è finiscono sotto la curva dei cagliaritani. Nessun problema, si allontanano per poi riuscire a raggiungere il viale dei distinti, dove scendono dalle auto in tutta tranquillità mischiati ai tifosi sardi, percorrendo a piedi il tratto verso il settore. Dall'Italia ci sono circa 100 tifosi della Juve, i restanti sono tutti sardi juventini in un settore che contiene circa 500 posti. Assurdo avercelo fatto pagare ben 65 euro, con una visuale limitata sulla parte destra del settore. I nostri appendono le pezze al fianco di quella di Tradizione, come da foto gallery inserita sul sito è restano li in basso per tutta la gara, con Fabio che improvvisa ad un certo punto un tamburo che riesce a far ritmare un batti mano spettacolare a tutto il settore. Video che spopola ed è anche diventato virale! Grandissimo Fabio che si coordina con il lancia cori dei Drughi che fa cantare l'intero settore sospingendo la squadra soprattutto nel momento di maggior difficoltà. Questa vittoria e soprattutto la loro, dei ragazzi presenti li in terra sarda. Continui sfottò e battibecchi con la Curva al nostro fianco. Mondiale il coro.....”vi ruberemo il gregge...” che gli faceva incazzare e non poco....Un grazie i nostri intendono rivolgerlo ai tifosi juventini di Sardegna, soprattutto al grande Giorgio, per aver offerto diverse birre a Fabio e Salva. Il rispetto e la stima che hanno ricevuto sono cose che ci riempiono d'orgoglio. Significa che abbiamo fatto tanto in questi anni. Soliti dialoghi con i tifosi giunti dall'Italia, le solite facce, possiamo dire. I cagliaritani??? ci sono sembrati non in buona giornata. Sentiti poco quanto nulla. Bello il saluto alla squadra a fine gara sotto il settore, con i nostri che tengono in prima linea a mano le pezze Andria e Alberto. Poi foto di gruppo con gli amici di Aosta, Bassa Valle e Giulianova (foto articolo) ad immortalare una trasferta che resterà tra le più importanti di questa stagione. Poi la lunga attesa per essere riportati in Aeroporto. Non è possibile ripartire da uno stadio ben due ore dopo il termine di una partita. Cose che accadono soltanto in Italia. Giungono in aeroporto all'1,00 della notte trovando ovviamente tutto chiuso, senza acqua ne cibo. Inizia una protesta vivace con la Polizia che decide a quel punto di far giungere sul posto un camion di un “paninaro”, la salvezza per tutti. Si fa gruppo tutti assieme mangiando panini e bevendo birre, per poi verso le 2,30 della notte trovare rifugio all'interno dello scalo su delle scomode panche per riuscire a riposare qualche ora prima di ripartire ognuno verso la sua destinazione. I nostri alle 6,00 si imbarcano per Roma, per poi da Fiumicino prendere subito un volo per Bari dove giungono alle ore 10,30 abbastanza stanchi ma felicissimi per esserci stati. Alle 11,15 erano già ad Andria a salutare qualche amico nel bar! Grandi, grandissimi, per aver rappresentato il Club in una trasferta, lo ripetiamo, NON PER TUTTI! Sacrificio nel nome di una passione, di un attaccamento al Club senza eguali! 

Adesso ci attende un meritato riposo, se consideriamo che oltre alla sosta prevista, ci sarà una sosta in più per noi, considerando che la Sud contro il Genoa sarà chiusa, pertanto si resterà a casa, anche se due soci hanno deciso comunque di salire andando in Nord, nonostante si giochi di lunedì sera. Abbiamo fatto una prima parte di stagione come sempre alla grandissima. Gli altri possono solo guardare è morire dall'invidia. Nel frattempo, come detto, noi facciamo i fatti, fatti che il 6 gennaio sono stati anche dimostrati con le due iniziative benefiche portate a compimento nella sede dell'Unitalsi e nella sede del nostro Club di cui vi diremo a parte. La partecipazione e l'entusiasmo che tutti voi soci ci mettete nel sostenere le iniziative di questo Direttivo, sono un qualcosa di incredibile.

Manca pochissimo al raggiungimento del traguardo delle 600 tessere per questa stagione. Che altro aggiungere se non dire..... immensamente grandi! 

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA, SEMPRE UN PASSO AVANTI!

 

 
 
LOTTERIA “TUTTO PER AMORE” NATALE BLACK&WHITE. I VINCITORI
 

Martedì 4 gennaio 2018 come da programma si sono conosciuti i cinque numeri estratti sulla ruota di TORINO del gioco del LOTTO. In diversi si sono ritrovati al Club per seguire l'estrazione in diretta tramite internet, in molti aggiornavano sulla Chat del Club. Una bella partecipazione come tutte le nostre attività.

 

Ecco i numeri estratti sulla ruota di TORINO dell'estrazione del 04/01/2018

 

1° estratto il numero 50 acquistato da PESCE ALESSANDRO

 

2° estratto il numero 75 acquistato da FUZIO PIETRO

 

3° estratto il numero 38 acquistato da TESORO PASQUALE

 

4° estratto il numero 60 acquistato da LANTANO RICCARDO

 

5° estratto il numero 71 acquistato da CANNONE GIANFRANCO

 

Il primo premio prevede la trasferta gratis a Torino in occasione di Juventus – Tottenham del prossimo 13 febbraio, la fiaba per Giorgia ed un cesto natalizio di prodotti, il secondo premio prevede una FELPA del Club con cesto e fiaba, il terzo premio una sciarpa della Juventus con cesto e fiaba, il quarto premio una bandiera on cesto e fiaba, il quinto ed ultimo premio, un gagliardetto ufficiale con cesto e fiaba.

 

Complimenti ai cinque vincitori, complimenti a tutti per aver permesso la riuscita dell'iniziativa contribuendo alla raccolta di ben 1.010,00 euro.

 

Sabato 6 gennaio alle ore 21,30 si procederà alla premiazione dei cinque vincitori alla presenza dei genitori della piccola e sfortunata GIORGIA LOMUSCIO. Vi aspettiamo numerosi anche per assistere alla partita CAGLIARI – JUVENTUS.

 

Si chiude un altra bella edizione del nostro NATALE BLACK & WHITE sempre più votato per il sociale!  Giorgia ed Alberto da lassù, ne siamo certi, saranno felicissimi ed orgogliosi di Noi!

 

JUVENTUS CLUB ANDRIA, PIU' DI UN CLUB.

 

 
 
LA JUVE MATA ANCORA UNA VOLTA IL TORO VOLANDO IN SEMIFINALE
 

Ancora una volta come sempre accade da oltre vent'anni a questa parte, il Toro esce non solo sconfitto dallo Juventus Stadium, ma come sempre “piangendo” e protestando, l'unica cosa che gli riesce sempre bene. Per cercare di mascherare la loro manifesta inferiorità cercano di distogliere l'attenzione mediatica, protestando sempre e comunque. Ridicoli ed inferiori da sempre. Quelli che vorrebbero dominare in Italia e prendersi la Città, ma come sempre i loro sogni SONO LA NOSTRA REALTA'. Grazie di esistere! 2-0 il risultato finale della gara a turno unico dei quarti di finale della Coppa Italia. Douglas Costa e Mandzukic gli autori delle due reti che potevano essere molte di più se non fossimo stati precipitosi ed imprecisi. Ma va benissimo così, contava soltanto vincere è sbattere fuori anche i “granata”. Anzi peccato che non si sia vinto soltanto con una rete dubbiosa. Allora si che sarebbe proprio stato il massimo. Peccato però che la rete di Marione, secondo loro viziata da un fallo durante lo svolgimento dell'azione, fosse del tutto regolare come acclarato dal loro tanto decantato VAR. Volevano la tecnologia in campo. Eccoli accontentati. Adesso non sanno più a cosa appellarsi. Ovviamente ci rivolgiamo non solo ai granata ma anche a tutti gli altri poveri sfigati che continuano a rovinarsi il fegato per colpa nostra. Ma quanto godiamo, ma quanto gioiamo nel saperli tutti mal ridotti per causa nostra. Più parlano di noi, più ci riempiono di orgoglio rendendoci sempre PIU' SUPERIORI! Una partita come detto senza storia, dove il Toro si è affacciato soltanto in due occasioni nella metà campo nostra. Ma cosa andate cercando????? Ma piuttosto fatevi delle domande è datevi delle risposte....come mai il vostro caro allenatore è stato esonerato????? Non sarà perchè parla troppo a vanvera non concludendo mai nulla e soprattutto in due sfide stagionali allo Stadium vi ha fatto tornare a casa con le ossa rotte e sei gol sul groppone??? Ma diciamola una volta per sempre la verità. Sognavate come sempre la gloria ma la dura realtà del campo dice sempre che TORINO E' BIANCONERA! Adesso sarà semifinale contro la sempre più sorprendente ATALANTA che troveremo a fine gennaio in quel di Bergamo e a fine febbraio nel decisivo ritorno allo Stadium dove cercheremo di conquistare a tutti i costi la quarta finale consecutiva a Roma.

Per non parlare della grande prova della CURVA SUD che ha fatto da telecronaca alla RAI che per fortuna aveva i suoi “giornalisti” da strapazzo in sciopero......ma magari lo fossero sempre. Tutta Italia, soprattutto quella che ci odia ha potuto ascoltare il nostro show incessante. Cori, battimano un tifo quasi d'altri tempi. Ecco quando vogliamo sappiamo davvero fare la differenza in curva contro chiunque. Da casa i granata non si sono mai sentiti come non si sentivano allo Stadium. Insomma doppia vittoria, in campo oltre che sugli spalti. Anche a questo derby non potevamo mancare. Seppur avessimo pochissimo tempo a disposizione per organizzarci, seppur i costi di voli aerei fossero alti, seppur molti pur provando ad organizzarsi non sono poi riusciti a trovare la Sud rinunciando poi alla partenza, siamo comunque riusciti ad arrivare a quest'altra partita a Torino seppur in sole 5 unità con due soci in Tribuna Ovest e tre soci in Curva Sud (eccoli nella foto dell'articolo con le nuove felpe in bella mostra). Una presenza questa che vale certamente molto ma molto di più rispetto a tante altre trasferte. Siamo stati molto orgogliosi nel vederli presenti li dietro lo striscione. Un grazie a Gino salito in aereo al pomeriggio, a Maria e Nino partiti in bus della Marino alla sera precedente oltre a Sergio e Roberto arrivati su in auto con le famiglie, per poter poi trascorrere qualche giorno in più approfittando delle vacanze natalizie. Insomma sapere che vi è sempre gente disposta al sacrificio, pur di rappresentare il nostro Club è un qualcosa di fantastico. Noi non siamo gente che pensa solo a sottoscrivere TESSERE pur di sventolare numeri di iscrizione, avvalendosi di gente di qua o di la.... tessere tra l'altro che non servono a un cazzo di niente se poi non hai mentalità, se non hai uno spirito di gruppo o se sei solo presente nelle “gite” a Torino. Noi siamo lo JUVENTUS CLUB ANDRIA il PRIMO CLUB della REGIONE PUGLIA che rappresenta un unica CITTA'!

I nostri arrivati su in diversi orari, chi in bus già dalle otto del mattino, chi in auto verso l'ora di pranzo, chi in aereo al tardo pomeriggio. Quelli del bus Maria e Nino hanno trascrso la mattinata tra centro commerciale e un Bar di appoggio. Poi hanno atteso l'arrivo del grande GINO ritornato in trasferta dopo un po per poi fare ingresso nella Sud salutando i tanti amici di stadio per poi appendere lo striscione, la pezza di Alberto e quella della ragazze portata da Maria. Grande gioia e soddisfazione finale per poi rientrare assieme ad un gruppo di amici lucani con il loro mezzo organizzato. Arrivano ad Andria verso le 11,30 di giovedì mattina orgogliosi di esserci stati, orgogliosi di aver rappresentato il Club, orgogliosi di quello che siamo e di quello che facciamo. Bravissimi!  Al club invece affluenza di tantissimi soci, inusuale per la Copa Italia, complice anche i compleanni di Vincenzo Quacquarelli e Sabino Chieppa che abbiamo festeggiato alla grande, brindando nuovamente ed urlando tutta la nostra gioia e passione! UNICI

CHIUSURA DEL NATALE “BLACK&WHITE”

Adesso ci attende un weekend intenso. Sabato 6 gennaio si chiuderà la nostra tradizionale attività del Natale Black&White che in questa stagione ci ha visti impegnati sempre in ambito sociale per sostenere la ricerca del “SARCOMA DI EWING” attraverso l'Associazione GIORGIA LOMUSCIO. Abbiamo raccolto la somma di Euro 1.010,00 già versati in data 04/01/2018 sul conto corrente dell'Associazione stessa. Tra il primo ed il secondo tempo della partita CAGLIARI – JUVENTUS alla sede del Club si procederà alla premiazione dei cinque vincitori della Lotteria oltre che alla consegna di un assegno “simbolico” alla famiglia che sarà presente. Ma le iniziative non finiscono qui. Sempre nel corso della giornata dell'Epifania alle ore 19,00 una delegazione del nostro Club, accompagnati dalla vedova di Alberto Tesoro, si recheranno presso la sede dell'UNITALSI di Andria, nel corso della loro festa sociale della Befana, per consegnare e donare loro il “defibrillatore” che Alberto volle a noi donare prima della sua scomparsa, ma avendo fatto una attenta riflessione se pur sofferta abbiamo deciso che questo importante strumento sia più utile ed importante per un Ente che operi nel sociale o nel mondo dell'Assistenza ai malati. Siamo certi che da lassù Alberto sia felicisssimo di questa nostra scelta. Sempre a fine primo tempo la Presidente dell'UNITALSI di Andria si recherà poi presso il Club per ringraziare personalmente tutti di questo nobile gesto ma soprattutto per ricordare la figura del nostro ALBERTO TESORO!

Insomma possiamo già affermarlo tranquillamente che noi la nostra CHAMPIONS LEAGUE della solidarietà l'abbiamo già ampiamente conquistata. ONORE A NOI!

Nel frattempo che tutte queste attività saranno portate a compimento anche alla SARDEGNA ARENA due nostri validissimi rappresentanti saranno presenti anche nella difficile trasferta (NON PER TUTTI) sarda! IMMENSAMENTE GRANDI LORO CHE SARANNO LI!

JUVENTUS CLUB ANDRIA, SEMPRE UN PASSO AVANTI!

 

 
 
LA JUVE VINCE ANCHE A VERONA. E' STATO UN GRAN 2017
 

La Juventus vince anche al Bentegodi di Verona (1-3 il finale)  dopo ben sedici anni, chiudendo un anno 2017 che resterà scolpito nelle memorie di noi tifosi passionali che non abbandoniamo mai la squadra, seguendola in ogni dove, in ogni giorno della settimana, in ogni modo! E' stato come detto un anno 2017 da ricordare, CARDIFF compresa, perchè mentre noi viviamo di emozioni tutte nostre agli sfigati non resta che vivere di gioie non proprie. Essere arrivati ancora una volta in una finale di Champions, seppur nuovamente persa, ci ha riempito di gioia immensa per un traguardo sempre bello da raggiungere, gioia che prima o poi si trasformerà in DELIRIO ed allora..... lo ricordiamo sempre....... proprio gli sfigati dovranno iniziare a correre....correre...correre, lontani, lontanissimi da NOI perchè  il loro INCUBO (chiamato JUVE) si trasformerà in tormento perenne! Nel frattempo in questo anno hanno nuovamente visto la JUVE vincere per la sesta volta consecutiva lo scudetto, hanno nuovamente visto la Juve portare a casa la coppa nazionale....(che tanto avrebbero voluto vincere loro pur di trionfare in qualcosa...). Noi abbiamo nuovamente goduto, abbiamo nuovamente festeggiato è fatto tantissimi km per essere sempre presenti al fianco della squadra che tante gioie ci regala, come in questa nuova stagione che ha chiuso l'anno 2017 con la consapevolezza che anche quest'anno tutti dovranno fare i conti con la JUVE! Anche il 2017 lascia in dono tantissimi fegati spappolati, tantissimi rosiconi disperati per le proprie disfatte e soprattutto una squadra su tutte che già a dicembre può dire che anche questa stagione non vincerà nulla: ZERO TITOLI! RIDICOLI!

Un 2017 che è stato anche per il nostro Club un grande anno, dalla fredda serata dell'8 gennaio contro il Bologna allo Stadium, sino a Verona sabato sera, siamo stati presenti ovunque attraversando l'Italia e l'Europa a testa altissima, dimostrando grande mentalità oltre che mettere in piedi grandi iniziative, grandi momenti di aggregazione rendendo questo Club sempre più come una grande famiglia. Insomma anche il 2017 ci ha visto protagonisti in prima linea al fianco della JUVENTUS. Il 2017 è stato però anche l'anno che ci ha visto perdere il nostro fratello Alberto Tesoro come Savino Fusaro.

A Verona la Juve è scesa in campo determinata, vogliosa di prendere gli ultimi tre punti dell'anno per restare agganciata al Napoli che vince il titolo di CAMPIONI D'INVERNO.....oh mi raccomando avvisateli che non viene consegnata nessuna coppa.......

Subito in vantaggio con il colosso del nostro centrocampo, Matuidi, la Juve sfiora in più occasioni la rete del 2-0. Poi nella ripresa un momento di appannaamento permette al Verona di giungere al clamoroso pareggio con l'ex di turno Martin Caceres autore di una bella rete. Ma di li in poi la Juve ritorna in cattedra ed inizia ad accelerare ed alzare nuovamente i ritmi con Dybala sugli scudi autore poi della decisiva doppietta che fissa il risultato sul 3-1. Tutti a casa olè cantavano i nostri tifosi sugli spalti del Bentegodi gremiti di tantissimi sostenitori bianconeri, tra i quali ben 16 nostri soci arrivati nella fredda città scaligera con ben 4 auto, una di Fabio Attimonelli, una di Nicola Di Stefano, una di Vincenzo Giannelli e l'altra di Graziano Palladio. Nonostante fosse il 30 dicembre, nonostante la distanza, nonostante la difficoltà della trasferta, ancora una volta siamo stati presenti in buon numero all'ultimo sacrificio dell'anno! Partiti in orari differenti per le diverse organizzazioni del viaggio tra chi ha poi proseguito la sosta in Veneto trascorrendo li il fine anno o chi era di rientro dalla settimana in montagna o chi è partito da Andria solo per la partita. Chi arrivato prima su Verona si è potuto godere la bella città di Giulietta e Romeo con passeggiata per le vie del centro stracolme di turisti. Chi arrivato in tempo per la partita ha dato il meglio di se in trattoria all'altezza di Modena mangiando e bevendo l'impossibile. Tutti si sono poi ritrovati alle 18,00 circa al casello di Verona Nord per poi una volta ricompattatisi, fare il tragitto verso lo stadio ed il parcheggio ospiti tutti assieme, senza scorta in compagnia delle auto del Gruppo NCS arrivati al casello nello stesso momento dei nostri. Giunti al parcheggio in tutta tranquillità, dopo aver dapprima sbagliato uscita, hanno atteso l'apertura delle porte riscaldandosi con un buon “Vin Brulè”. Graziano Palladio iniziava il suo immancabile show nonostante la stanchezza del viaggio si facesse sentire. Appena dentro i nostri si posizionano in balconata principale alla destra del settore con tutti i soci presenti dietro le nostre pezze. Anche Florinda, Lea e Francy le tre ragazze andriesi presenti, si posizionano dietro la loro pezza sostenendo ed incitando la squadra. Fabio come sempre anima quella parte di settore . Poi vin brulè che scorre a go go....anche sulle scarpe....Sfottò con i veronesi che abbiamo trovato molto calati rispetto alla loro fama. Come sempre tifosi juventini distribuiti ovunque e al “chi non salta veronese è.....” anche nei distinti ed in tribuna molta gente salta con gli animi che si surriscaldano. Termina la partita con il tripudio del nostro settore che ha fatto un buon tifo costante per tutti i novanta minuti nonostante la temperatura fosse di zero gradi. Escono dopo una abbondante mezz'ora per poi salutarsi nel parcheggio ed ognuno riprendere la propria strada, chi subito verso Andria, chi verso gli alberghi prenotati.

Un altra presenza significativa del nostro Club che dimostra tutta la passione che abbiamo verso questi colori! Non ci fermerà mai niente e nessuno! Nella Gallery come di consueto potrete visionare tutte le foto di quest'altra trasferta.

Al Club nel frattempo altra serata di auguri e brindisi a fine partita, questa volta per il nuovo anno alle porte. Insomma sempre più una grande famiglia. Tutti orgogliosi di appartenere a questa splendida realtà chiamata JUVENTUS CLUB ANDRIA. A chi ci odia o non ci sopporta non resta che rosicare o invidiare questo nostro modo di vivere la nostra passione difficile da poter.....”imitare”!

Nemmeno il tempo di rifiatare che in 5 saranno i nostri soci a raggiungere Torino per il derby del 3 gennaio. Poco il tempo per organizzarsi. Altri hanno provato a salire ma niente. L'importante sarà la presenza. Onore a Nino, Maria, Gino, Sergio e Roberto che in aereo o bus della Marino, raggiungeranno Torino per questo importante derby da vincere a tutti i costi per raggiungere le semifinali di Coppa Italia.

Non ci resta che augurare a tutti Voi nostri soci, a tutti gli amici del nostro Club, vicini e lontani, alle vostre rispettive famiglie, ai lettori di questo nostro sito, tirapiedi o rosiconi compresi, BUON ANNO 2018 che statene certi vedrà nuovamente i nostri colori essere protagonisti.

Ricordiamo anche l'appuntamento dell'estrazione del lotto del 04/01 che vedrà premiati i primi cinque estratti sulla ruota di Torino per la nostra Lotteria di Solidarietà del Natale Black & White del Club, premi che saranno consegnati in occasione della partita Cagliari – Juventus del giorno dell'Epifania alla presenza della famiglia di Giorgia Lomuscio alla cui associazione nata in sua memoria sarà destinato l'intero ricavato della vendita dei biglietti andati ovviamente tutti esauriti.

Chiudiamo ricordando l'amico Melchiorre Jans, uno dei fondatori del Club di Lillianes, i nostri amici della Bassa Valle, venuto a mancare nell'ultimo giorno dell'anno. Lo ricordiamo con piacere quando ci ospitò nel suo Bar in occasione dell'8^ Edizione del Memorial disputata nel 2015 proprio in Valle d'Aosta. Che possa adesso riposare in pace e salutarci il nostro Alberto che siamo certi lo accoglierà con la tradizionale ospitalità di noi meridionali. Ci piace pensare questo! Ciao Melchiorre! Abbracciamo idealmente anche la famiglia oltre che l'intero Club valdostano.

GLI AMICI DI ANDRIA!      

 

 
 
 
             
 
 
 
 
             
 
 
 
Juventus Club Andria "Giovanni Agnelli" - Via Enrico Dandolo 37/39 - 76123 Andria
Info line 320/6209445 - Sede: 0883 1983534 - info@juventusclubandria.it - Webmaster: Domenico Mosca

 
Sito non ufficiale in quanto tutti i marchi e i loghi (Juve, Juventus e Scudetto) sono di esclusiva proprietà della Juventus Football Club S.p.a..
Il sito non rappresenta un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 /2001 in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. I video, le immagini e i disegni
utilizzati sono tratti da Internet e quindi sono da ritenersi di pubblico dominio, in caso di violazioni comunicarlo a info@juventusclubandria.it,
provvederemo alla pronta rimozione.