Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS

 
ULTIME NEWS
   
dot PRESENTI AL TORNEO PER L'HEYSEL ORGANIZZATO DAL GRUPPO VIA FILADELFIA

dot TUTTI ALLA FESTA SCUDETTO "W8NDERFUL PARTY"

dot TERMINA A GENOVA UN ALTRA STAGIONE VINCENTE

dot IMMENSAMENTE GRAZIE A TUTTI

dot CHE FESTA, CHE GIOIA, CHE EMOZIONI....

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
dot News anno 2019
   
 
LA JUVE SALUTA LA COPPA ITALIA!
 

Sembrerà strano ma è tutto vero. La Juventus è uscita sconfitta meritatamente dallo stadio Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo con un sonoro 3-0 rifilatoci dall’Atalanta che ha disputato una partita praticamente perfetta, correndo per 90 minuti senza concedere quasi nulla alla Juve se non un tiro in porta. Peccato, siamo arrivati quest’anno ad una gara decisiva come quella di Bergamo con le gambe pesanti ed in un periodo in cui gli infortuni ci stanno condizionando parecchio. Ci sta, se vuoi competere in Europa, andava messo in preventivo che qualcosa la si potesse perdere per strada. Potevamo perdere la Supercoppa, potevamo uscire dalla Coppa Italia ed invece quest’anno abbiamo invertito il trend, abbiamo vinto la Supercoppa, non vinceremo la Coppa Italia che vedrà adesso contendersela Milan, Lazio, Fiorentina ed appunto l’Atalanta. Domenica a Roma l’infortunio a Bonucci, mercoledì sera a Bergamo l’infortunio a Chiellini che vanno ad aggiungersi a quello di Barzagli oltre alla partenza di Benatia che ha preferito lasciare la Juve verso campionati ignoti…..Ci restano Rugani, De Sciglio (???) inventato centrale da Allegri (mah) è il ritorno di Martin Caceres che se sta bene fisicamente può davvero tornarci molto utile.

Se aggiungiamo queste assenze a quelle già pesanti dell’ultimo periodo come Mandzukic e Cuadrado bene allora è logico che qualcosa la Juve la perda per forza di cose. Ma a noi non piace accampare scuse, non piace fare del vittimismo, ma ci piace fare autocritica. Molte le critiche piovute su Allegri che continua a parere nostro a non far giocare la squadra e soprattutto a non inventarsi nulla di nuovo è a non sfruttare elementi della rosa che ha voluto trattenere ma che non vedono quasi mai il campo. Spinazzola e Kean a nostro avviso potevano è dovevano giocare almeno in Coppa Italia. Dybala poi continua a essere lontano dalla porta isolando così di fatto Cristiano Ronaldo in avanti che viene già braccato da almeno due difensori in ogni partita. Per carità nulla di così grave, ma sono delle riflessioni che devono semplicemente indurre a pensare…….sul futuro prossimo! Del resto lo sappiamo che Allegri è fatto così prendere o lasciare, come sappiamo che dal suo arrivo a Torino ha sempre diviso l’opinione dei tifosi, spesso facendoci anche discutere tra di noi. Ma vogliamo anche pensare che evidentemente in questo periodo della stagione la squadra abbia fatto un richiamo della preparazione estiva molto pesante, che le gambe siano imballate in vista della doppia sfida all’Atletico dove ci aspettiamo una Juve completamente differente da questa che stiamo vedendo nelle ultime gare. Non è facile reggere lo stesso ritmo per mesi e mesi, ritmo che ha permesso alla Juve di accumulare un vantaggio in classifica di ben 11 punti sul Napoli. Con un pizzico di fortuna in più magari avremmo potuto ritrovarci anche nelle semifinali di coppa dove sulla doppia sfida magari è più semplice avere la meglio. Siamo arrivati a giocarci questi quarti nel peggior momento di forma trovando l’Atalanta nel suo miglior momento stagionale. Doveva andare così evidentemente. Ci dispiace, perchè noi non siamo come quelli che dicono….mah la Coppa Italia non vale niente….solo perchè escono puntualmente fuori dalla competizione….no, noi riteniamo ogni competizione importante è dunque mercoledì sera eravamo anche molto arrabbiati, guai a chi si avvicinava dalle parti di Via Enrico Dandolo dove l’atmosfera era davvero incandescente….ahahahahhahaha del resto se non fossimo gente così passionale, così attaccata ai propri colori, non saremmo oggi quello che siamo, un Club rispettato da tutti un Club di gente vera, che vive la propria passione sette giorni su sette, che si ritrova in settimana per bere una birra assieme dopo essersi magari mandati a quel paese per modi di vedere le partite differenti…..tutta colpa di Allegri…..ahahahahhahaha! Così è stato mercoledì sera quando dopo una accesa discussione (rissa…rissa….rissa…rissa…ahahahahahahahah), normale dopo una sconfitta così, un bel gruppetto di soci si è ritrovato in una pizzeria per stemperare la delusione, oltre all’immancabile SAMBUCA oramai “dolce” compagna dei nostri appuntamenti!    

La Juve del resto è stata anche sfortunata perchè i gol sono arrivati da errori assurdi dei nostri difensori evidentemente spaesati dalla mancanza della guida di Chiello in campo. Oramai è acqua passata come nulla ci frega se non faremo questo stupido “triplete” che continuiamo a dire che non vale niente. Il triplete al massimo lo si misurta o su tre competizioni europee (primi a farlo nella storia) o al massimo su tre competizioni italiane. Ecco mettiamola così, non faremo quest’anno il triplete nazionale…..ma chi se ne frega! Adesso rimbocchiamoci le maniche perchè dobbiamo lottare sugli altri due fronti, quello nazionale è quello europeo. Agli altri cosa resta? Come sempre le briciole……#sapevatelo! Passata la delusione siamo ripartiti più forti e determinate di prima, basti sapere che contro il Parma ben 52 soci sono saliti su a Torino nonostante la neve ed il freddo. Abbiamo organizzato un altro grande bus, partito alle 22 di venerdì sera da Andria. Questo significa avere tanta passione, a prescindere dall’avversario di turno. Agli altri lasciamo i soliti sfottò che ci stanno per carità, ma la vittoria più grande per noi è l’arrivare in ogni dove, in ogni giorno della settimana, sempre al fianco della Juve, questa è invece per “gli altri” la più grande delle sconfitte. Vederci così grandi!  #risapevatelo

Anche a Bergamo infatti nonostante si giocasse di mercoledì a soli 30 giorni dalla trasferta già organizzata in campionato (per di più a Santo Stefano) siamo stati nuovamente presenti. Due volte in stagione a Bergamo è un qualcosa di grandioso. Lo abbiamo fatto per il secondo anno consecutive. Bergamo una trasferta mai semplice, noi del resto ne sappiamo qualcosa, ma dal 2008 non abbiamo mai saltato questa trasferta presentandoci sempre li in prima linea! In 5 questa volta i soci presenti, tanta roba per essere Coppa Italia. Trasferta comoda perchè partiti da Bari in aereo soltanto alle 17,30 con il rischio che se il volo avesse fatto ritardo avremmo magari rischiato di arrivare in ritardo. Ma tutto è andato benissimo. Alle 19,00 si era già a Orio per poi con un auto raggiungere il casello di Bergamo, lasciare la stessa li è salire a bordo delle navette che conducono allo stadio. Alle 20,15 si era già dentro. Il tempo di posizionare le pezze questa volta sulle inferriate interne al settore per poi sistemarci con tutti gli altri gruppi nella parte alta del settore. Non si era in tantissimi, le solite facce, ma l’orgoglio dei nostri di esserci ancora una volta li in quello stadio era davvero tanto. Onore a Fabio, a Vincenzo, a Maria, a Giorgio ad Angelo. Baci ed abbracci con gli amici degli altri gruppi. Si assiste alla gara con il gruppo Tradizione, con gli NCS, con gli amici di Aosta e Bassa Valle, con gli amici di Mondragone. Insomma la solita immancabile gente che come noi mette la Juve ed il proprio gruppo davanti a tutto. Tanti i complimenti che i nostri ricevono per essere arrivati li. Buon tifo nella parte iniziale, grande quello della curva atalantina, poi noi caliamo vistosamente complice il risultato mentre loro giustamente si esaltano. Non succede tutti i giorni di riuscire a battere la Juve, del resto è stata la prima sconfitta stagionale sul territorio nazionale. Termina la gara, Fabio va a salutare gli amici di Massa per poi a bordo delle navette “a porte aperte” raggiungere il casello. Subito in auto per poi recarsi subito in un alloggio trovato nella zona per trascorrere la notte al calduccio. Birra in compagnia dei ragazzi di Mondragone per poi andare nelle stanze. Al mattino alle 7,30 raggiungono l’Aeroporto per poi giungere a Bari verso le 10,30. Delusi dal risultato ma orgogliosi per aver risposto presente. ONORE A NOI!

Con passione e mentalità sempre al tuo fianco!

 

Intanto si è ufficialmente chiuso il tesseramento al Club con ben 902 tessere sottoscritte. RECORD ASSOLUTO DI SEMPRE, PRIMO CLUB DI UNICA CITTA’ DELLA PUGLIA! 

AVANTI NOI! Sabato sera tutti al Club come sempre!

 

Visitate sempre la gallery sul nostro sito. Troverete il foto-racconto di ogni trasferta.

 

 
 
 
             
 
 
 
 
             
 
 
 
Juventus Club Andria "Giovanni Agnelli" - Via Enrico Dandolo 37/39 - 76123 Andria
Info line 320/6209445 - Sede: 0883 1983534 - info@juventusclubandria.it - Webmaster: Domenico Mosca

 
Sito non ufficiale in quanto tutti i marchi e i loghi (Juve, Juventus e Scudetto) sono di esclusiva proprietà della Juventus Football Club S.p.a..
Il sito non rappresenta un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 /2001 in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. I video, le immagini e i disegni
utilizzati sono tratti da Internet e quindi sono da ritenersi di pubblico dominio, in caso di violazioni comunicarlo a info@juventusclubandria.it,
provvederemo alla pronta rimozione.