Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS

 
ULTIME NEWS
   
dot CHIESA TIENE IN CORSA LA JUVE

dot PASSO INDIETRO

dot CHE GODURIAAAAAAAAAAAA. SIAMO IN FINALE DI COPPA ITALIA

dot BATTUTA ANCHE LA ROMA!

dot LA RIVINCITA E' SERVITA.....

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
dot News anno 2019
dot News anno 2020
dot News anno 2021
   
 
LA JUVE VOLA IN SEMIFINALE DI COPPA ITALIA
 
La Juventus batte per 4-0 la Spal, formazione che milita nella serie cadetta ed accede, ancora una volta, alle semifinali della Coppa Italia dove potrà provare a riscattare immediatamente il 2-0 subito solo dieci giorni fa a San Siro che ancora non è andato giù a noi tifosi come a tutto l'ambiente bianconero. La rivincita che vale una finale è in programma martedì 2 febbraio a Milano con la gara di ritorno dopo una settimana allo Stadium. Le semifinali di Coppa Italia non sono mai state in pericolo, la Juve ha regolato in maniera agevole una volenterosa Spal, mettendo in risalto le qualità di titolari aggiunti, rincalzi di lusso e giovani promettenti. Morata su rigore, Frabotta, Kulusevski e Chiesa hanno messo a segno le marcature.
Buffon titolare e capitano alla vigilia del suo 43° compleanno, Dragusin dall'inizio con Demiral e De Ligt a comporre un trio da 21 anni e 85 giorni di età media, Fagioli al debutto assoluto, Morata e Kulusevski di punta: ecco le scelte di Andrea Pirlo. La Spal se la gioca senza pressioni e sotto sotto pensa ad impensierire i bianconeri. Ma la Juve, memore della gara nei quarti contro il Genoa, vuole chiuderla presto la pratica per la conquista delle semifinali. Ci provano prima Frabotta, poi Morata ma niente. Il vantaggio si concretizza al quarto d'ora in seguito a un errore clamoroso dell'arbitro che scambia un fallo del difensore spallino su Rabiot per una simulazione del francese, pure ammonito: il Var fa capire al fischietto che l'azione merita di essere rivista e così l'assegnazione del rigore per la Juve diventa inevitabile. Morata non ha pietà e spiazza dal dischetto il portiere. Il raddoppio è storia dopo la mezz'ora con Frabotta che segna il primo gol da juventino: il terzino approfitta di uno slalom ubriacante di un Kulusevski in palla (lo svedese si porta a spasso mezza difesa avversaria) e con il sinistro insacca, complice una leggera deviazione. Nel frattempo la Spal, quinta forza della Serie B, ci aveva provato timidamente in ripartenza, ma la differenza di categoria salta agli occhi: Ramsey e Morata combinano bene, Fagioli cresce in personalità grazie ai consigli urlati da Pirlo e in difesa la coppia del futuro Demiral-De Ligt piace. Nel frattempo si fa male Bernardeschi e dopo l'intervallo, Pirlo lo sostituirà con il giovane Di Pardo, altro esordiente.

Il primo tempo di Buffon? Più urla, rivolte in particolare a Demiral, che palloni giocati. Fatto sta che la Spal, a parte un tentativo, non lo chiama mai in causa, mentre sull'altro fronte l'intesa Morata-Kulusevski è un ottimo segnale in prospettiva. È ancora Kulusevski a brillare non soltanto per le conclusioni verso la porta, ma soprattutto per quel senso del movimento costante che manda in bambola gli avversari costringendoli spesso all'errore. Pirlo cambia l'acciaccato Morata con Chiesa e Frabotta con Alex Sandro fresco rientrante dalla guarigione dal Coronavirus (finalmente sono stati tutti recuperati). La Spal ha ormai staccato la spina, ne approfitta Chiesa che serve Kulusevski per il 3-0. Debutta anche il 2002 Da Graca al posto di Demiral, quindi McKennie rileverà Fagioli alle prese con i crampi. Chiesa va a un passo dal poker, che metterà a segno a pochi secondi dal termine.
Ancora una volta va sottolineato il coraggio di Andrea Pirlo nello schierare molti giovani. Crediamo che il lavoro del mister alla lunga porterà i suoi frutti soprattutto in ottica futura. Del resto adesso tutti quanti si rendono conto dell'importanza del progetto dell'Under 23 in serie C. Come sempre i primi ad avviare tutti i progetti di crescita di una Società che non ha eguali sul territorio nazionale e che guarda con grande ottimismo alle big del calcio internazionale avvicinandosi di gran leva agli standard europei che il calcio moderno oggi giorno richiede gioco forza. Sorridiamo nel vedere altrove ben altri problemi di natura economica.
Continua ancora per qualche giorno, sino a fine mese, il tesseramento al Club che ci vede adesso attestati a quota 552 iscritti. Ci sarà tempo sino al 7 di febbraio dopo di che se ne riparlerà in estate per la nuova stagione che speriamo di poter riprendere nella più assoluta normalità. Un grosso grazie lo dobbiamo rivolgere a tutte quelle attività che ci hanno collaborato nella sottoscrizione e raccolta delle tessere, da Nodo Gordiano alla Paramedical, dagli Alimentari Lotti alla Caffetteria Goodness.
Nella JOFC LEAGUE, il torneo tra Official Fan Club, la giornata della Coppa Italia ha registrato il record di punti per il nostro Club sin qui mai ottenuto (ben 480) ma con il Club in seconda posizione (Milano) che ne ottiene incredibilmente oltre 500. Ovviamente vetta della classifica ancora mantenuta, ma bisognerà essere sempre in tanti a giocare visto che dietro ovviamente non mollano.
Adesso testa alla SAMP prossima avversaria in campionato. Vincere al Ferraris diventa fondamentale per restare nella scia delle milanesi.
FORZA JUVE VINCI DAI, LOTTA E NON MOLLARE MAI
JC ANDRIA SEMPRE AL TUO FIANCO

 

 
 
 
             
 
 
 
 
             
 
 
 
Juventus Club Andria "Giovanni Agnelli" - Via Enrico Dandolo 37/39 - 76123 Andria
Info line 320/6209445 - Sede: 0883 1983534 - info@juventusclubandria.it - Webmaster: Domenico Mosca

 
Sito non ufficiale in quanto tutti i marchi e i loghi (Juve, Juventus e Scudetto) sono di esclusiva proprietà della Juventus Football Club S.p.a..
Il sito non rappresenta un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 /2001 in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. I video, le immagini e i disegni
utilizzati sono tratti da Internet e quindi sono da ritenersi di pubblico dominio, in caso di violazioni comunicarlo a info@juventusclubandria.it,
provvederemo alla pronta rimozione.