Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS

 
ULTIME NEWS
   
dot BATTUTA LA RAPPRESENTATIVA DELLA ASL NAPOLI! IL NOSTRO CLUB AL 4° POSTO NEL MONDO.

dot RONALDO SALVA LA JUVE NEL DERBY

dot CLAMOROSA SCONFITTA. 609 SOCI IL DATO FINALE DEL CLUB

dot RONALDO SHOW A CAGLIARI

dot MALEDETTA CHAMPIONS

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
dot News anno 2019
dot News anno 2020
dot News anno 2021
   
 
RONALDO COME PELE'. LA JUVE RITROVA LA VITTORIA
 
La Juve ha dimostrato che se recupera tutti gli effettivi può davvero dire ancora la sua in questo campionato. Se poi giochi con un centravanti è anche più facile fare gol. Guarda caso appena Pirlo ha inserito Alvaro Morata in campo la Juve è passata in vantaggio contro un ostico Spezia. Purtroppo lo spagnolo, alle prese con il citomegalovirus, ha un'autonomia di circa mezzora, così la Juventus fatica per un'ora, poi quando entra appare più logica, meno involuta, a tratti perfino bella..... insomma più squadra. Ci mettono meno di un minuto Morata e Bernardeschi, entrati assieme, a portare in vantaggio la Juventus: "Berna" vola sulla sinistra e mette in mezzo un pallone sul quale entra con perfetta sincronia il numero 9. E' la svolta della partita, perché la Juventus trova a stretto giro di posta il raddoppio con un volitivo Chiesa che prova il tiro, non si arrende quando questo è respinto dal portiere spezzino e da terra con un gesto più agonistico che estetico la sbatte dentro. C'è tutto Chiesa e la sua forza di volontà in quella giocata che mette al sicuro il risultato. E c'è anche il sospiro di sollievo di una Juventus che per un'ora è apparsa confusa ed affaticata. Ma per fortuna in questa partita avevamo a disposizione in panchina qualche pedina in più rispetto alla trasferta di Verona. Ci sono state in pratica due partite. La prima durata un'ora che ha evidenziato in modo impietoso l'emergenza nella quale è costretto a districarsi Andrea Pirlo, senza contare l'infortunio di De Ligt durante il riscaldamento (al suo posto gioca Frabotta). La Juventus nella prima frazione appare lenta nella costruzione, fatica a cambiare gioco per sfruttare le ali e penetrare nella difesa spezzina, non riesce quasi mai ad aggredire alta la squadra ligure, che per lunghi tratti del primo tempo tiene la partita sotto controllo, invertendo i ruoli con i padroni di casa. C'è un disagio atletico nei bianconeri, molti dei quali sono acciaccati (vedi McKennie) o spremuti causa i tanti impegni senza soste. Ma soprattutto nei momenti in cui la Juventus arriva sulle trequarti avversaria, diventa difficile trovare un punto di riferimento in area: Kulusevski si danna, ma è in difficoltà non essendo una prima punta. Lo stesso Ronaldo è defilato e sfortunato quando prende un palo clamoroso al 41' che avrebbe meritato altra sorte vista la costruzione del tiro. Poi c'è la seconda partita, quando entrano come detto sopra, Morata e Bernardeschi. A quel punto la Juventus trova uno sbocco più naturale della manovra offensiva. Kulusevski rinasce in quanto liberato dagli oneri di punta, si piazza fra le linee ed è un punto importante per aprire la difesa. Bernardeschi è brillante e convincente (finalmente) anche al di là del cross vincente per Morata. Lo Spezia si spaventa, arretra e soffre. L'uno-due Morata-Chiesa quasi chiude la partita dentro la quale rimane quasi solo Ronaldo, alla ricerca del gol che lo porta sullo stesso pianerottolo di Pelè a 767 gol in carriera per il 3-0 definitivo. Lo segna in contropiede e conferma quando mostruoso sia non solo per qualità tecniche, ma per determinazione. Nel finale c'è gloria anche per Szczesny, che para un rigore generoso quanto inutile assegnato dall'arbitro dopo consulto al VAR. Vittoria importante soprattutto per il morale che ci lascia sempre a 10 lunghezze dall'Inter prima, avvicinandoci sempre più al Milan oramai nel mirino. Le prossime giornate sino al recupero contro il Napoli saranno decisive. Capiremo se effettivamente possiamo ancora lottare per il titolo. Ad ora non si molla di un centimetro seppur il Covid continua a colpire la nostra squadra, come se non bastassero già le altre importanti assenze. Tocca a Bentancur fermarsi. Sulle chat del Club tornato il sereno...speriamo non variabile, non che ci fosse chissà quale clima....ma chiaro ed evidente che una non vittoria comporta poi trascorrere giornate cupe, almeno per l'umore del gruppo. Tutti uniti continuiamo a credere in questo gruppo soprattutto in vista del ritorno degli Ottavi di Champions martedì 9 marzo contro il Porto. Serviranno in campo 11 iene, 11 calciatori famelici, 11 uomini in grado di capire l'importanza della posta in palio per tutto l'ambiente. Nel Torneo della JOFC LEGAUE invece il Club che ci insegue da quasi tre mesi (Milano) ci ha praticamente quasi raggiunti. Solo 10 adesso i punti di distacco. Ci stiamo mettendo tutto l'impegno possibile ma evidentemente non basta. Come in tutti i giochi serve anche un pizzico di fortuna nell'indovinare risultato esatto e soprattutto primo cambio. Quello che più conta è l'aver tenuto vivo il gioco con questo splendido testa a testa venuto fuori. Comunque andrà a finire saremo soddisfatti di aver partecipato in massa a questa bella iniziativa realizzata dalla Società. Prima di rituffarci nella Champions ci sarà da superare l'ostacolo Lazio sabato sera in campionato. Non sarà una partita semplice ma per fortuna iniziamo a recuperare diversi giocatori. Vincere sarà l'unica cosa che conterà. LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI JC ANDRIA PRESENTE!
 

 
 
 
             
 
 
 
 
             
 
 
 
Juventus Club Andria "Giovanni Agnelli" - Via Enrico Dandolo 37/39 - 76123 Andria
Info line 320/6209445 - Sede: 0883 1983534 - info@juventusclubandria.it - Webmaster: Domenico Mosca

 
Sito non ufficiale in quanto tutti i marchi e i loghi (Juve, Juventus e Scudetto) sono di esclusiva proprietà della Juventus Football Club S.p.a..
Il sito non rappresenta un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 /2001 in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. I video, le immagini e i disegni
utilizzati sono tratti da Internet e quindi sono da ritenersi di pubblico dominio, in caso di violazioni comunicarlo a info@juventusclubandria.it,
provvederemo alla pronta rimozione.