Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS

 
ULTIME NEWS
   
dot BATTUTA LA RAPPRESENTATIVA DELLA ASL NAPOLI! IL NOSTRO CLUB AL 4° POSTO NEL MONDO.

dot RONALDO SALVA LA JUVE NEL DERBY

dot CLAMOROSA SCONFITTA. 609 SOCI IL DATO FINALE DEL CLUB

dot MALEDETTA CHAMPIONS

dot LA JUVE BATTE LA LAZIO CONTRO TUTTO E TUTTI

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
dot News anno 2019
dot News anno 2020
dot News anno 2021
   
 
RONALDO SHOW A CAGLIARI
 
Dopo l'amarezza per l'ennesima eliminazione precoce dalla Champions, la Juventus si rituffa nel campionato affrontando l'ostica trasferta di Cagliari. Cristiano Ronaldo dopo le tantissime voci destabilizzanti di certa stampa becera....ha risposto con ben tre gol in solo mezz’ora liquidando il Cagliari con un prezioso 1-3 che avvicina la Juve al secondo posto e mantenendo la stessa distanza dall'Inter. A Cagliari era l'unico stadio dove Cristiano Ronaldo aveva giocato senza ancora segnare. 30 le reti realizzate in 33 partite stagionali (23 in campionato) certificano l’onnipotenza assoluta di Cristiano Ronaldo. E con tanti saluti a chi lo riteneva (e probabilmente lo ritiene ancora, visto che dalla delusione di Champions non si può tornare indietro) il vero problema di questa Juventus. Come no: mister 57 triplette - di cui tre con il bianconero indosso - è ancora qui tra noi e sarà il caso di goderselo fino all’ultimo giorno utile, anche da parte di chi gliene ha dette e scritte di tutti i colori nelle ultime centoventi ore. (VERGOGNATEVI)! Nella Juve si è rivisto Chiellini accanto a De Ligt: cuore della difesa, dunque, ribaltato rispetto al match con il Porto. Pirlo a centrocampo rimette Danilo in mezzo (Arthur non c’è, entrerà nel finale) dopo la buonissima esibizione contro la Lazio e tra ali e attaccanti li schiera tutti titolari per la prima volta: Kulusevski, Chiesa, Morata e naturalmente Cristiano Ronaldo. Il Cagliari con il nuovo allenatore arrivava da imbattuto alla sfida. Ma al 10’ su azione d’angolo: calcia Cuadrado, capocciata del portoghese senza opposizione alcuna da parte della difesa rossoblù e l’1-0 va in bacheca, assieme al gol numero 768 dell’infinita carriera di CR7. Chiesa, ancora una volta, è in fiducia ed è un vero peccato che Morata non sfrutti il regalino del compagno tirando addosso al portiere. Ma il bis bianconero è dietro l’angolo, a maggior ragione se i rossoblù lasciano campo aperto agli avversari. Ronaldo, su assist di Alvarito, anticipa il portiere che però lo mette giù in area di rigore: il portoghese firma il 2-0 in scioltezza dopo 24 minuti e mezzo. Il 4-4-2 della Juve regge bene, con Danilo che spesso e volentieri s’abbassa, ma il Cagliari non ha paura e nelle ripartenze prova a spaventare i campioni d’Italia. Solo che Ronaldo è in una di quelle serate in cui pratica un altro sport: il 3-0 dopo la mezz’ora è una sassata di sinistro che elude la scivolata di Rugani e piega la mano destra di Cragno. A corredo, ma non troppo, da parte di CR7: un ringraziamento silenzioso rivolto all’assistman Chiesa, più l’esultanza polemica con un orecchio rivolto alla telecamera. Come dire: criticoni, dove siete? Avete visto? Non vi sento. Adesso Romario trema: 772-770 reti in carriera, Pelé già superato senza discussioni. L’unica altra emozione prima dell’intervallo è l’uscita di Alex Sandro: il brasiliano sente dolore e per un guaio muscolare la sua partita finisce qui, con Bernardeschi che gli dà il cambio. Partita a senso unico nel primo tempo, lampi di Cagliari nel secondo con Szczesny impegnato per due volte in un minuto. Allo scoccare del quarto d’ora il Cagliari segna. Un po’ i supplementari e relativa delusione Champions, un pò il risultato nettamente favorevole, la squadra molla nell’intensità e nell’attenzione, con i sardi che provano a prendere campo, ma lo sbilancio di forze sul prato della Sardegna Arena resta chiaro. L’1-4 salta perché Rabiot non ha fortuna, mentre è sempre Ronaldo il più affamato di tutti, il destro del portoghese sfiora l’incrocio dei pali. Via alla giostra dei cambi: nel Cagliari si rivede l’ex bianconero Asamoah, mentre Pirlo cambia Chiellini e Morata con Bonucci e McKennie. Non succede quasi nulla fino a un’altra doppia sostituzione, quando Frabotta e Arthur rivelano Cuadrado e Chiesa. Nel finale il Cagliari prova ancora a riaprirla, ma non centra la porta e Ronaldo all’ultimo istante grazia il portiere sardo dal poker. Il 3-1 è storia, la rincorsa della Juve all’Inter prosegue. Ronaldo se ne torna a casa con il pallone della tripletta: per questa partita può bastare così. Adesso sotto con la sfida al Benevento che nella gara di andata ci ha visto perdere incredibilmente ben due punti. Bisogna vincere e portarsi a -7 dall'Inter sperando di superare già in questa giornata il Milan che appare in fase calante. Le merde di Milano per quattro casi covid non disputeranno la partita, rinviata a data da destinarsi. Che schifo alla faccia delle regole stabilite ad inizio stagione......alla faccia di chi, compreso noi è sempre sceso in campo, nonostante il COVID! Ma proprio perchè noi non siamo come loro, dobbiamo pensare esclusivamente a noi, dobbiamo pensare a vincere di partita in partita, poi si vedrà...... Intanto al Club nonostante la chiusura della sede che oramai si protrae da fine ottobre, siamo riusciti a raggiungere la quota di 563 soci iscritti. In questi ultimi giorni abbiamo infatti registrato ancora delle adesioni (ben 4) seppur in notevole ritardo, ma fatte come atto di amore nei confronti della nostra realtà. Ne siamo orgogliosi, soprattutto perchè queste iscrizioni sono arrivate dopo una grossissima delusione calcistica per noi grandi gobbi. Nel torneo della JOFC LEAGUE invece dopo ben tre mesi che eravamo in testa, il Club di Milano è riuscito a passarci avanti con un vantaggio adesso di oltre 100 punti in loro favore. Continueremo a giocare come se nulla fosse, l'obiettivo era mantenere impegnati i nostri soci in un anno così complicato è possiamo dire di esserci riusciti alla grande facendo anche una gran bella figura nei confronti della Società che ha organizzato questo originale torneo. Nelle chat del Club, passata la rabbia per l'ennesima delusione europea, tutti i soci sono tornati a scrivere agguerriti e soprattutto pronti a lottare per questo finale di stagione. Che nessuno molli proprio adesso. La compattezza, la passione che si vive in questo Club è un qualcosa di davvero incredibile. Riuscire a mettere insieme tantissime persone, riuscendo a mantenere un livello di adrenalina sempre alto, nonostante una stagione non facile, fa del nostro Club, un motivo di vanto. L'ORGOGLIO DELL'APPARTENENZA! JUVENTUS CLUB ANDRIA
 

 
 
 
             
 
 
 
 
             
 
 
 
Juventus Club Andria "Giovanni Agnelli" - Via Enrico Dandolo 37/39 - 76123 Andria
Info line 320/6209445 - Sede: 0883 1983534 - info@juventusclubandria.it - Webmaster: Domenico Mosca

 
Sito non ufficiale in quanto tutti i marchi e i loghi (Juve, Juventus e Scudetto) sono di esclusiva proprietà della Juventus Football Club S.p.a..
Il sito non rappresenta un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 /2001 in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. I video, le immagini e i disegni
utilizzati sono tratti da Internet e quindi sono da ritenersi di pubblico dominio, in caso di violazioni comunicarlo a info@juventusclubandria.it,
provvederemo alla pronta rimozione.