Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS

 
ULTIME NEWS
   
dot CHE JUVE! RAGGIUNTA QUOTA 700 SOCI

dot TRE PUNTI FONDAMENTALI, MA CHE FATICA!

dot SUPERCOPPA: BEFFATI ALL’ULTIMO RESPIRO!

dot FOLLE RIMONTA DELLA JUVE A ROMA!

dot LA JUVE NON BRILLA CONTRO L’ASL NAPOLI 2!

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
dot News anno 2019
dot News anno 2020
dot News anno 2021
dot News anno 2022
   
 
LEZIONE PESANTE SUBITA DAL CHELSEA! SIAMO TORNATI OLTRE CONFINE.
 

La vittoria nella gara di andata e le ultime due vittorie in campionato ci avevano permesso di andare a Londra ad affrontare i campioni d’Europa in carica con la convinzione di poter fare risultato. L'Europa invece riporta la Juventus sulla terra. Non ha storia il big-match di Stamford Bridge, in cui il Chelsea si impone con un sonoro 4-0. Un risultato che consegna il primo posto ai detentori della Champions League, forti di una migliore differenza reti negli scontri diretti (1-0 per noi allo Stadium). Per il piazzamento in funzione del sorteggio agli ottavi saranno decisivi gli ultimi 90', ma ben difficilmente la squadra inglese fallirà in trasferta contro lo Zenit, mentre alla nostra Juve  resta il Malmoe in casa, con cui giocarsi l'ultima possibilità di arrivare in vetta al girone, posizione che garantisce l'opportunità di non incontrare molte delle big continentali e di disputare in casa la gara di ritorno. La Juventus non perdeva 4-0 in Europa dal 9 marzo 2000, ottavi di finale di Coppa Uefa con il Celta Vigo. Che il Chelsea non fosse la Lazio, la Juventus lo capisce subito. La partita scatta con ritmi altissimi, che mettono in difficoltà l'assetto scelto da Allegri: un 4-4-2 con McKennie e Rabiot esterni e con il duo Locatelli-Bentancur al centro. In difesa torna Alex Sandro a sinistra mentre davanti Chiesa affianca Morata. Il passo dei londinesi è asfissiante e avvolgente, tale da impedire il ragionamento al portatore di palla bianconero. C'è sempre un avversario pronto a sbarrare la linea di passaggio oppure a toccare il pallone quel tanto da favorirne il recupero. Una situazione tattica in cui, se non si scarica subito verso un compagno, l'autolesionismo è una conseguenza: Bentancur è quello più in imbarazzo di tutti. Ancora una pessima prova di un calciatore che oramai non riesce a fornire alcun apporto al reaprto nevralgico, ma Allegri inspiegabilmente continua ad utilizzarlo come se niente fosse. Crediamo che anche il Mister sia andato nel pallone. I due anni di pausa temiamo che non gli abbiano fatto per niente bene.  Arriva la prima marcatura dei blues sottomisura da angolo dopo un controllo sospetto di un calciatore inlese, che si aggiusta la palla con la mano. Un episodio che il Var non considera punibile. Assurdo! La Juventus prova a reagire, ma Morata è poco fortunato: il suo pallonetto, su lancio di Locatelli, viene spazzato via sulla linea dal gran recupero di Thiago Silva. Tutto qui per la Juve in una partita praticamente da dimenticare. E la parata di Szczesny, che si allunga su un diagonale da destra è l'anticipo di quanto accadrà nel secondo tempo. Il Chelsea è micidiale nel giro di 120 secondi: 2-0 e 3-0, tutti a casa alè ci sarebbe da dire. La partita si chiude li, più per volontà del Chelsea che della Juventus che non ha nessuna reazione. Infatti, non appena i Blues spingono, sono pericolosi: Szczesny annulla un altra conclusione, ma nulla può nel recupero. 4-0 pesantissimo che alimenta tantissimi dubbi sul proseguo di questa stagione. Una serata da dimenticare subitissimo: sabato c'è l'Atalanta, una finale da vincere a tutti i costi per dare almeno una iniezione di fiducia all’ambiente dopo la figuraccia rimediata in Champions. Da salvare di questa serata europea il ritorno in trasferta nel vecchio continente del nostro Club che con 6 unità era presente nello storico stadio di Stamford Bridge. Terza volta in assoluto nell’impianto del Chelsea. Siamo tornati in una trasferta europea dopo Lione del febbraio 2020 prima del blocco Covid. Un grazie ad Antonio con suo figlio e suo nipote e ad Adriano Ieva &company che hanno permesso nuovamente al nostro Club di varcare il confine nazionale. Emozioni a non finire con le foto che ci hanno inviato sia all’immediata vigilia che prima e durante la gara nelle chat del Club. Vederli in prima linea nell’anello inferiore alla bandierina del calcio d’angolo con la pezza per ALBERTO tenuta costantemente a mano è stato un qualcosa di fenomenale che ci ha reso orgogliosi per aver onorato al meglio in eurovisione la memoria del nostro ALBERTO TESORO. Oramai tutti noi di Andria veniamo identificati con la pezza ALBERTO VIVE. Un gran bel settore, tutto pieno sia al primo che al secondo livello. Nonostante il pessimo risultato hanno cantato quasi sempre, sostenendo la squadra anche sul 3-0. Un grande grazie al nostro Antonio che ha compiuto davvero un sacrificio immenso pur di esserci li a Londra. Arrivati a Londra nella serata di lunedì hanno poi pernottato due notti prima di ripartire per Bari con un comodo volo diretto della Ryan Air. Stante ancora le difficoltà che vi sono per spostarsi nel vecchio continente per il momento ci accontentiamo di esserci stati seppur in numero esiguo. A febbraio speriamo di poterci muovere più liberamente augurandoci di superare bene quest’altra fase critica che si prospetta in Europa sul fronte Covid. Tornando per un attimo al capitolo trasferte da segnalare la vergogna della SALERNITANA con il prezzo del settore ospiti fissato a 62 euro compreso la prevendita. Una autentica follia come quelle già perpetrate a nostro danno già dall’Udinese e dal Napoli per restare a questa stagione. In linea al nostro pensiero, al nostro modo di essere, coerentemente a quanto fatto nel passato, diserteremo in maniera ufficiale questa trasferta, nel senso che non vi sarà nulla di organizzato. Il gruppo storico del Club, quello che si muove in ogni dove ha deciso di non esserci. E’ una questione di principio. Non incide per noi la distanza o meno, si poteva giocare anche a  Bari, ma a quelle cifre non ci andremo mai. Ovviamente abbiamo lasciato liberi i soci di decidere di esserci ma organizzandosi autonomamente. Saranno cmq. in 10 i nostri sugli spalti dell’ARECHI. Peccato perché ci perdiamo una splendida trasferta che avremmo voluto fare non fosse altro per vedere all’opera la bella tifoseria salernitana. Qualcuno si chiederà….ma cosa cambia da 45/50 euro a 60/65……tanto il settore si è riempito comunque come sempre accade. MA PER NOI E’ UNA QUESTIONE DI PRINCIPIO. Oltre i 50 euro non ci andiamo più! Un settore popolare come quello ospiti non può costare così tanto. Testa all’Atalanta che vedrà in trasferta ben 51 soci tra chi in bus e chi in aereo. Tanto onore a quello che facciamo. Al Club nonostante la diretta Tv ci siamo ritrovati in una quarantina circa per festeggiare il caro MICHELE DI SCHIENA che ha organizzato un gran bel buffet a base di carpacci, salsiccia cruda, formaggio e birra con dolcetto finale. Oltre il risultato, oltre ogni cosa, prima ci siamo Noi, poi tutto il resto. Trovateci un gruppo che ama stare sempre assieme, che ama festeggiare i compleanni o altre ricorrenze con gli amici di fede bianconera. Nella gallery le foto delle ultime trasferte. Visitatela.


Continua il tesseramento al Club per la stagione 2021/2022. Se non vorrete perdervi il meglio tra gennaio e febbraio entro Natale regalatevi l’iscrizione allo JUVENTUS CLUB ANDRIA! Cosa migliore non potrete fare!


LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI, SEMPLICEMENTE JC ANDRIA!

 

 
 
 
             
 
 
 
 
             
 
 
 
Juventus Club Andria "Giovanni Agnelli" - Via Enrico Dandolo 37/39 - 76123 Andria
Info line 320/6209445 - Sede: 0883 1983534 - info@juventusclubandria.it - Webmaster: Domenico Mosca

 
Sito non ufficiale in quanto tutti i marchi e i loghi (Juve, Juventus e Scudetto) sono di esclusiva proprietà della Juventus Football Club S.p.a..
Il sito non rappresenta un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 /2001 in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. I video, le immagini e i disegni
utilizzati sono tratti da Internet e quindi sono da ritenersi di pubblico dominio, in caso di violazioni comunicarlo a info@juventusclubandria.it,
provvederemo alla pronta rimozione.