Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS ANNO 2014

 
ULTIME NEWS
   
dot BOTTINO PIENO ANCHE IN SARDEGNA. VITTORIA DECISIVA!

dot IL 'NOSTRO' TERZO TEMPO ALLO STADIUM

dot ALTRA "SERATA GOBBA"....A MODO NOSTRO....COME SEMPRE!

dot GENOA BESTIA NERA DELLA JUVE

dot PAVEL NEDVED CE L'ABBIAMO NOI!

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
dot News anno 2019
   
 
IL POKER E’ SERVITO: ANCORA CAMPIONI D’ITALIA
 

Festa doveva essere e festa è stata. Sabato pomeriggio a Genova la Juventus era chiamata a raccogliere almeno un punto per poter matematicamente festeggiare, il 33° tricolore della sua gloriosa storia. Ed invece è arrivata addirittura una vittoria per 1-0 su di un campo non facile, contro un avversario alla disperata ricerca di punti per la qualificazione in Europa League e soprattutto senza noi tifosi al seguito, visto l’assurdo divieto di trasferta che non ci ha permesso di poter festeggiare assieme ai nostri calciatori. A siglare la rete di quest’altro scudetto, il quarto consecutivo è stato ARTURO VIDAL, che sembra stia tornando, proprio nel momento più importante, il grande calciatore che abbiamo sempre ammirato.

LA JUVENTUS E’ CAMPIONE D’ITALIA

Vincere il campionato italiano per quattro anni consecutivi è impresa davvero non semplice. Prima di questa Juve, c’era già riuscita sempre la Juventus quella del periodo 1930/1935 che arrivò addirittura a ben cinque scudetti di fila. Chissà che questa non possa riuscire il prossimo anno ad eguagliare quest’altro storico traguardo. Intanto ci godiamo quest’altro successo frutto di sacrificio del gruppo, di spirito di gruppo, di forte determinazione e cattiveria allo stesso tempo. Non era facile, considerando il cambio di allenatore in panchina. Ad Allegri vanno i meriti per essere entrato in punta di piedi nello spogliatoio, per non aver stravolto nulla, per aver saputo aspettare il momento giusto, per riuscire ad imporre le sue idee. Questo è per noi un segno di grande intelligenza. Arrivato tra gli sputi e gli insulti, mai adorato, mai osannato, ha saputo prendersi la sua rivincita. Ve lo avevamo detto che avremmo saputo fare un nostro mea culpa. Eccolo qui. Comunque andrà a finire la stagione, indipendentemente dalla finale di Coppa Italia e dall’esito delle semifinali di Champions, lui ha comunque fatto, quanto tutto il popolo bianconero si aspettava. Bravo Mister Allegri, forse non ti adoreremo mai, ma sappi accettare le nostre scuse ed i nostri complimenti per quest’altro scudetto, frutto anche del tuo lavoro!

Come sentiamo anche oggi di ringraziare Antonio Conte, perché siamo sempre più convinti che se siamo arrivati sin qui è sempre e soltanto merito suo e di questo meraviglioso gruppo che ha saputo formare negli anni! Ringraziamo anche Marotta e la Società, spesso nostri bersagli di critiche, ma sempre dettate dal nostro forte amore e dalla forte passione per questi colori. Noi tifosi, si sa, vorremmo sempre tutto e subito. Ma loro invece hanno saputo attendere, hanno con pazienza saputo mettere su un progetto partito dal nulla. Prima le fondamenta, poi anno dopo anno, si è aggiunto un piano a questa “costruzione” che potrebbe presto diventare un GRATTACIELO!

Peccato che non si sia potuti stare al fianco della squadra in questa trasferta, che ha segnato la conquista dello scudetto. E’ stata una festa strana, lontani dal campo di calcio, lontani dai ns. beniamini, con i calciatori a festeggiare davanti ad un pubblico non amico! Noi eravamo invece tutti raccolti all’interno del nostro club. Voi soci avete gremito il locale, come sempre facciamo, nonostante l’ora lavorativa per tanti. In prima linea la nostra “pezza” tenuta a mano durante la partita come già fatto in occasione dell’altra trasferta vietata a Napoli. Poi quando mancavano dieci minuti al termine, la parte più calda del club ha iniziato a scatenarsi, prima in strada, dinnanzi alla nostra sede, per poi contagiare tutti in sala, anche i più pacati. Cori, balli, trenini, a scandire gli ultimi minuti di gioco, in uno sventolio di bandiere bianconere e tricolori, oltre che di sciarpe. I cori rimbombavano in tutta la strada per poi al triplice fischio finale, esplodere in un urlo liberatorio e in un grande abbraccio gli uni con gli altri. Bello, tutto troppo bello. Una festa sobria, pacata perché la nostra testa era tutta al Real Madrid, come quella della squadra. Per una questione scaramantica abbiamo deciso di rinviare ogni festa al dopo semifinale Champions e al dopo finale di Coppa Italia. C’è ancora tanto da fare, la festa può attendere in questo momento. Nonostante tutto ne è uscita una bella festa, con una sala incredibilmente piena di tantissimi coriandoli sparati dai diversi punti del club. Un tappeto di coriandoli che è sceso sulle teste di tutti i soci, in preda ad un entusiasmo che ha contagiato tutti dai più piccini sino agli anziani del Club. Una grande famiglia, ecco cosa siamo! Davvero ci siamo emozionati nel vedervi tutti felici, tutti orgogliosi di appartenere allo JUVENTUS CLUB ANDRIA. Bello l’abbraccio del consiglio direttivo che ancora una volta egregiamente sta conducendo in porto un'altra stagione straordinaria per il nostro grandioso Club!

ABBIAMO FATTO POKER, come recita la nuova maglia che abbiamo realizzato per celebrare questo 33° scudetto della storia, ed il quarto consecutivo. Una maglia originale come le altre tre precedenti, tutta di colore blu royal come la seconda maglia Juve, con scritte in giallo. Nel presentarla a tutti ha riscosso già un enorme successo. Sarà pronta da questo fine settimana. Una marea di prenotazioni di già! Grazie a tutti! Presto la pubblicheremo anche sul sito!  

Immancabile il brindisi finale che ci ha visti tutti cantare…SIAMO NOI…SIAMO NOI…I CAMPIONI DELL’ITALIA SIAMO NOI….

Nella foto gallery abbiamo pubblicato alcune delle foto scattate durante i festeggiamenti che sono proseguiti sino alle 22,00. Al termine foto di gruppo con la “nostra storica pezza” con la quale da sempre giriamo l’Italia e l’Europa! Poi subito a lavorare per rimettere a posto il Club perché un altro grande evento ci attende martedì sera.

BUON 5 MAGGIO A TUTTI! Perché il 5 MAGGIO, non dimentichiamolo è per noi sempre FESTA NAZIONALE, per altri una brutta giornata.

Buon viaggio a tutti i nostri soci che ancora una volta numerosi, partiranno per Torino a sostenere la nostra squadra chi in pullman (con 50 tondi tondi a bordo), chi in aereo (una ventina circa). Abbiamo fatto anche questa volta turn over, in modo tale da aver permesso anche in questa stagione a tutti voi di poter assistere a grandi partite, a rotazione tra quelle di cartello! Tutti avete compreso è questo vuol dire segno di GRANDE MATURITA’ da parte di tutti.

Per gli altri (i non soci) che hanno tempestato di chiamate il nostro club, l’invito è sempre quello: TESSERATEVI NELLA PROSSIMA STAGIONE! L’APPARTENENZA ALLA NOSTRA REALTA’ E’ PRIMA DI TUTTO UN ORGOGLIO!

SIAMO CAMPIONI D’ITALIA! AUGURI A TUTTI!

#inseguendounsogno

#nonsuccedemasesuccede

P.S. MARTEDI SERA TUTTI AL CLUB A GUARDARE LA PARTITA. LA VEDIAMO COMSE SEMPRE SU SKY. LASCIATE PERDERE CANALE 5 E I DIVANI DELLE VOSTRE CASE. SOFFRIAMO TUTTI ASSIEME

 

 
 
ALTRO ASSURDO PAREGGIO. NAPOLI VIETATA!
 

Il nuovo anno per la nostra Juventus è iniziato così come lo avevamo concluso. Con la delusione per non aver portato a casa una vittoria che nel primo tempo sembrava cosa certissima!

E’ accaduto di nuovo, prima con la Sampdoria, poi in Supercoppa contro il Napoli e adesso con la PrescrittiBand. Assurdo avere in mano le partite, dominarle nel primo tempo, non riuscire come sempre a chiuderle e non riuscire nemmeno ad amministrare i meritatissimi vantaggi. Complice questi inspiegabili cali che non sappiamo se definirli, fisici o mentali! Nel mese di dicembre, fatta eccezione per la vittoria a Cagliari, la Juventus ha sempre pareggiato. Da Firenze e sino alla gara dell’Epifania, Champions compresa, sono stati tutti pareggi sulla ruota bianconera! Certo diranno in tanti, ma è anche lecito che una squadra possa avere nell’arco di una stagione dei momenti di calo e di flessione. Altri diranno, ma anche con Conte, soprattutto nel primo anno, la Juventus mise in fila una serie di pareggi che alla fine portarono comunque ad uno scudetto strameritato e soprattutto insperato. Non dobbiamo assolutamente demoralizzarci e perdere la voglia di lottare per un campionato assolutamente alla nostra portata, difficile da vincere, ma lo sapevamo, ma non impossibile. La Juve è sempre li, questo è vero, prima in classifica da oramai tredici mesi consecutivi, ma sempre più tallonati da una Roma, fortunata ed aiutata! Ma a noi piace anche essere obiettivi e cercare di interpretare il momento. Appare sempre più evidente che nelle situazioni di difficoltà, l’assenza di Antonio Conte è sempre più pesante. Oramai c’è ne siamo fatta una ragione, Allegri non è Conte, ma Allegri può vincere e dobbiamo aiutarlo a vincere. Restiamo uniti e compatti, pur consapevoli che qualcosa non quadra. Ma questo lo abbiamo detto sin dal 15 luglio scorso. Ma noi amiamo alla follia questa squadra, questi colori, questa maglia e pertanto siamo pronti a lottare sin da domenica, per questa lunga volata di 21 partite che ci condurrà alla conquista del quarto tricolore di fila, un sogno che possiamo realizzare solo se tutti remiamo nella stessa direzione!

DIVIETO DI RECARCI A NAPOLI!

Purtroppo però, il CASMS……(di nuovo loro?), dopo tantissimi anni torna inspiegabilmente a colpire la tifoseria juventina, vietandoci di andare a Napoli, alla trasferta più bella dell’anno. Ma si può, senza aver commesso alcuna infrazione e, aggiungiamo noi, in possesso delle tessera del tifoso, vederci vietare una trasferta? Ma la tessera allora per cosa era stata creata? Davvero inspiegabile questo divieto che di fatto blocca i nostri 38 soci pronti a partire (grazie a tutti voi), assieme agli 11 in arrivo da Aosta e BassaValle, in pullman per Napoli, per la solita “allegra e pazza scampagnata”…si fa per dire…partenopea! Che schifo. La nostra passione la stanno man mano uccidendo sempre più. E’ da tempo che molti dei nostri più vecchi soci stanno dicendo….”siamo sempre più ai titoli di coda in Italia per quanto concerne il tifo organizzato…”.

Rifacciamo un passo indietro, la partita di martedì è terminata come detto in parità per 1-1, con la rete del nostro vantaggio del solito Carlitos Tevez, undicesima marcatura stagionale per l’Apache in campionato! Peccato se solo pensiamo che nel primo tempo si sarebbe potuto e dovuto andare al riposo sul risultato almeno di 2-0. Ma con i se e con i ma non andiamo da nessuna parte. Alla fine la potevamo anche clamorosamente perdere, ma questo non giustifica il pareggio. Noi siamo la Juve, caro Allegri, non la PrescrittiBand, noi vogliamo vincerle queste partite, non accontentarci di un misero punticino casalingo, l’equivalente di una mezza sconfitta! Lasciamo perdere, pensiamo già alla prossima e difficile sfida al San Paolo di Napoli, dove noi purtroppo non ci saremo, ma la squadra dovrà esserci e scendere in campo determinata per cercare di vincere in uno stadio dove non ci riusciamo da quasi 15 anni! Sarebbe ora.

CRONACA DI UN BELLISSIMO VIAGGIO A TORINO:

Nonostante di mezzo ci fossero le vacanze natalizie, nonostante la partita contro i Prescritti si giocasse in una giornata festiva e dedicata ai bambini, noi dello JUVENTUS CLUB ANDRIA, siamo riusciti a portare su a Torino, ancora una volta tantissima gente. Un pullman con ben 49 persone a bordo, oltre a 19 persone che hanno raggiunto Torino con aerei o mezzi propri. Un risultato ancora una volta incredibile, per una gara che oramai tra l’altro, non tira più come qualche anno addietro, che ci rende orgogliosi per quello che di trasferta in trasferta riusciamo a fare.  Il viaggio è stato davvero divertante grazie anche alla presenza di persone del calibro di Andrea Leonetti, la satira in persona del nostro Club, il nostro “Charlie Hebdo” (ci stringiamo a tutta la redazione del giornale francese e al popolo francese in generale per quanto purtroppo accaduto), Nicola Patruno il più Contiano dei Contiani, Massimo Matera, l’Ultras Anti Agnelli (spinn u pizz creneut….ahahahah), Riccardo Suriano, il ritorno di Ciccio Roberto, Vincenzo Simone, le immancabili nuove leve, gli immancabili nuovi soci, insomma una bella e variegata comitiva, composta anche di molti bambini e tante donne! Davvero un bel clima a bordo, reso ancora più familiare dalla presenza dell’Autista Agostino Sassi, sempre più UNO DI NOI, che ha tenuto sveglio un intero pullman, raccontando almeno metà della sua vita privata…..ahahahahahaha! Alla partenza, avvenuta alle 23,15 dalla Stazione di Andria, il primo episodio da ridere….”il sequestro di Fabio Attimonelli e Nicola Pisani” tenuti a bordo dall’autista che chiuse le porte è partito con il pullman, liberando i due “pezzi da novanta” soltanto su Viale Virgilio….e recuperati dall’auto del Presidente giunta in soccorso….che ridere.

Giunti a Torino alle 11,30 del mattino, la maggior parte è scesa in centro per trascorrere una Epifania insolita, sotto la Mole. Nel frattempo giungevano su a Torino, anche i soci sciolti dal viaggio in pullman, come Andrea Nicolamarino, figlio del Pres., il Paolo Porcelli Group, Sebastiano Carlucci e Famiglia, Gianni Fortunato e family, Gino e Mary, una delle coppie più belle del nostro Club.

Diversi i pranzi organizzati in centro città, ma quello che ha destato maggiore attenzione è stato l’incontro tra una parte del Gruppo “ATENE”, i reduci dalla trasferta al Pireo, tra i quali si è instaurato un rapporto tutto particolare…con diverse scommesse attuate e ancora in essere…li a Torino si sono ritrovati Chiara Abbisciano, Vincenzo Suriano, Massimo Matera e Alessia Ferrante….cosa ne sia uscito fuori….c’è lo teniamo per noi….possiamo solo dirvi che il tasso alcolemico ha raggiunto livelli altissimi……che squadra….!!!!

Alle 18,30 l’appuntamento era tutti al pullman parcheggiato come sempre nei pressi della Curva Sud….ma tutti in ritardo questa volta, ritardo che ha generato una serie di confusioni nella distribuzione dei tagliandi. Baci ed abbracci nell’antistadio con i ragazzi del Gruppo Bassa Valle per poi alle 20,00 finalmente entrare tutti dentro, con il gruppone della Sud (in 25), alla solita posizione, dietro il nostro striscione al bocchettone (come da foto articolo, nella quale sono ritratti quelli del Gruppo Storico, subito dopo aver appeso lo striscione, da sinistra a destra Andrea Leonetti, sullo sfondo il connetto, guardiano del bocchettone, poi Massimo Matera, Mary e Gino, Nicola Patruno, Andrea Nicolamarino e Davide il futuro del Club). Poi una minima parte si è staccata per andare dietro alla porta con gli amici di Tradizione, con il nostro Massimo Matera fianco a fianco del Presidente Umberto! Grande Massi!

Da segnalare una grande prestazione della nostra CURVA SUD, una fumogenata d’altri tempi, ha reso nei dieci minuti iniziali, la Curva Sud come quella che non si vedeva dai tempi del Vecchio Comunale o come quella dei tempi del Delle Alpi. Spettacolo puro!

Finita la gara, la rabbia e lo sconforto per quest’altro assurdo pareggio ha preso il sopravvento nei nostri soci, ammutinandoci tutti. Idem al Club. Tornati a casa mercoledì mattina alle 11,15, delusi ma sempre a testa alta per esserci ancora una volta stati, sempre in Prima Linea, come dice il nostro Max Matera!

Alla prossima trasferta….NON VIETATA…

TESSERAMENTO AL CLUB:

Continua il tesseramento al club e la consegna delle tessere e regali ai soci. Siamo arrivati dopo la partita contro i Prescritti a ben 476 tessere, un risultato davvero grandioso, per quelle che erano le aspettative stagionali. C’è tempo sino alla fine del mese, termine ultimo!

Grazie a tutti per il sostegno!

LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI!

JUVENTUS CLUB ANDRIA

 

 
 
BUON 2015 A TUTTI
 

Si chiude un anno straordinario per noi tifosi Gobbi. L’anno dei tantissimi record. L’anno del terzo scudetto di fila, l’anno dei 102 punti in campionato, l’anno dei 95 punti nell’anno solare.

Per celebrare degnamente questi traguardi storici che saranno ricordati a vita da ognuno di Noi, abbiamo pensato di realizzare i nostri tradizionali auguri di buon anno (foto articolo e pop up presente sul sito), giocando sul numero 2015 che come noterete scritto al contrario….determina nelle ultime cifre proprio il numero 102…..che coincidenza!

Un bravo al nostro ideatore e grafico Roberto Lomuscio!

Che altro aggiungere se non augurare di cuore e con affetto a tutti Voi soci, a tutti i nostri amici vicini e lontani, a tutti quelli che tifano anche per altre squadre, un 2015 sereno è pieno di soddisfazioni personali e soprattutto pieno di salute.

Sportivamente parlando, speriamo che questo 2015 continui invece a sorridere alla nostra AMATA JUVENTUS.

BUON ANNO A TUTTI DALLO JUVENTUS CLUB ANDRIA

 

 
 
UN ALTRA GRAN BELLA SERATA
 

E’ andata in archivio anche la dodicesima edizione della “Notte Bianconera”, la tradizionale festa di fine anno per tutti i soci dello Juventus Club Andria e simpatizzanti bianconeri!

Come le precedenti edizioni, anche quella di domenica 28 dicembre, ha riscosso un grande successo con la presenza presso la sede sociale del Club, di quasi 200 persone, che hanno riempito l’intera sala!

Segno, sempre più evidente, quello della numerosa partecipazione, che il Club piace sempre più! Del resto vedere tantissimi ragazzi e ragazze tra i 20 e i 30 anni e numerosi bambini è l’aspetto più significativo della serata!

Alle 21,00 i posti a sedere erano già sold out, come ben visibile dalla fotografia dell’articolo!

Pronti via, cala il silenzio in sala per il discorso del Presidente Francesco Nicolamarino, seguito attentamente da tutti i presenti, che ha tracciato un bilancio di questo 2014 che va a chiudersi. Un bilancio estremamente positivo sia per la nostra amata Juventus e sia per le attività del Club.

Il Presidente ha voluto ringraziare quanti hanno voluto sostenere il Club anche in questa annata con la sottoscrizione ad oggi di ben 467 tessere. Ma ha voluto ricordare a tutti, le presenze in trasferta al seguito della Juve che ci hanno visto presenti al fianco della Vecchia Signora in tutti gli stadi d’Italia e d’Europa. Non è mancato il ringraziamento ai collaboratori più stretti, a coloro che pur non facendo parte del direttivo supportano lo stesso nell’organizzazione di ogni qualsiasi cosa e alle numerose donne che da qualche mese seguono la Juve e il Club!

Poi il momento tanto atteso di ogni anno, la proiezione del video che ha raccontato in 10 minuti quello che è stato il nostro 2014. Un plauso a Giuliano Zefferino per la realizzazione ed il montaggio in tempi record.

Tutta la serata è stata allietata dal nostro DJ fatto in casa, il carissimo Mimmo Mosca che ha proposto una selezione musicale, degna dei migliori locali notturni!

L’atmosfera che si respirava in sala era davvero di altissima qualità, soprattutto per le persone presenti.

Finalmente poi si partiva con i giochi tanto attesi dai più piccoli ma non solo! Lotteria, Corsa dei Cavalli è poi ancora Lotteria. Tantissimi i premi in palio. Tantissimi i prodotti ufficiali Juve acquistati dal Club, tantissimi i premi di ogni genere messi in palio dai commercianti amici che nonostante il forte periodo di crisi non hanno fatto, come sempre mancare, tutto il loro sostegno.

La prima lotteria è stata vinta da Biagio Melchiore, socio storico e vice Presidente del vecchio Club, quello degli anni ottanta! La maglia di Morata per lui, quella blu! La corsa dei cavalli, in una atmosfera da stadio, che ha coinvolto davvero tutti anche i più pacati, è stata vinta, dopo le diverse fase eliminatorie, dal cavallo di Sebastiano Sergio che l’ha spuntata su quello di Michele Zagaria! A lui è andata la maglia bianconera di Marchisio. La seconda lotteria è invece stata vinta da Michele Campanale, che si è aggiudicato un televisore 28 pollici della Samsung. Alle 23 terminati i giochi è stato aperto il gran buffet, predisposto da “La Puglia in Tavola” ed offerto dal Club a tutti i presenti. Brindisi finale ad un 2015 speriamo sempre più positivo per la nostra Juve e per il nostro Club affinché possa consolidarsi sempre più!

Bellissimo aver ricevuto tantissimi complimenti per l’organizzazione della serata, alla quale hanno preso parte anche delegazioni di soci provenienti da Barletta, Bari, Casamassima e Minervino Murge. A sorpresa abbiamo ricevuto la visita anche del Presidente dello Juventus Club CORATO BIANCONERA, l’amico Vincenzo Ferrucci, il quale non ha voluto far mancare i suoi saluti a tutti noi. Messaggi poi ricevuti dagli amici di Bassa Valle e di Gravina i quali si congratulavano con noi per quanto facciamo e di auguri a tutti noi!

Cronaca di una bellissima Notte Bianconera, che dal prossimo anno potrebbe trasformarsi (ci stiamo già pensando) in un VEGLIONE DI FINE ANNO. E’ arrivato sicuramente il momento di diversificare la serata, dopo aver consolidato l’appuntamento e fidelizzato numerosissime persone!

Grazie a tutti! JUVENTUS CLUB ANDRIA

 

 
 
DOMENICA SERA VI ASPETTIAMO TUTTI AL CLUB
 
Dopo questa prima "ondata" di festività, trascorse in famiglia e con gli amici più cari, adesso, cari Soci e fratelli Gobbi, Vi aspettiamo tutti al Club (Via Enrico Dandolo n. 37/39), con le vostre famiglie, bambini, fidanzate, amanti...., per la tradizionale festa di fine anno, organizzata dallo Juventus Club Andria. 
Domenica sera 28 dicembre, a partire dalle ore 20,00 e sino a mezzanotte, non prendete nessun altro impegno, la NOTTE BIANCONERA vi attende, come ogni anno, all'insegna di tantissimi giochi, musica e proiezione di filmati sull'anno del nostro Club che va a chiudersi. 
Un anno a dir poco straordinario, intenso, vissuto come sempre da protagonisti al fianco della Vecchia Signora. E' soprattutto la festa dei più piccoli che tanto si divertono al Gioco della Corsa dei Cavalli, ma come sempre, nella nostra festa tantissimi sono i nuclei familiari che affollano la sala, assieme a ragazzi e ragazze (nella foto articolo della passata stagione, uno dei momenti più attesi della festa, l'assegnazione della maglia ufficiale). 
In palio anche per quest'anno, tantissimi premi e prodotti ufficiali della Juventus, tra i più ambiti ci saranno le maglie ufficiali di Morata e Marchisio ed un televisore da 28 pollici! A chiusura della festa buffet di prodotti locali e brindisi bene augurante per un 2015 ancora VINCENTE. L'ingresso è ovviamente gratuito ed aperto anche ai non soci, purchè simpatizzanti bianconeri! Non mancate, vi attendiamo numerosissimi a questo immancabile appuntamento del Tuo Club!
Attenzione.....attenzione.....chi non verrà non arriverà alla fine dell'anno..... 
JC ANDRIA: PASSIONE ALLO STATO PURO  
 

 
 
AUGURI DI BUON NATALE A TUTTI
 

Cari Soci, eccoci giunti ad un altro Santo Natale da trascorrere appassionatamente assieme. E’ il dodicesimo Natale che festeggiamo come JUVENTUS CLUB ANDRIA. Quanto tempo che è passato da quel primo Natale nel 2003. Da allora questo Club è cresciuto davvero tanto, adesso siamo una GRANDE FAMIGLIA è come in ogni buona famiglia che si rispetti non potevano mancare gli auguri del Presidente e dell’intero Consiglio Direttivo.

“Che possa questo Natale regalare gioia e serenità a Voi soci e alle vostre care Famiglie, che possa questo Natale, distogliere per un attimo le attenzioni dalle infinite problematiche quotidiane, di ognuno di Noi, che possa questo Natale regalarVi tanto amore e tanto affetto, sentimenti oggi giorno, troppo spesso dimenticati. Auguri ai 467 soci che ad oggi compongono per questa stagione la famiglia dello JC ANDRIA, auguri ai tantissimi nostri amici e fratelli gobbi di altri gruppi e club, sparsi in ogni angolo dell’Italia Bianconera. Auguri alla Società, al Coordinamento Club, ai calciatori, al Mister, allo Staff. Auguri ad Antonio Conte, auguri alle famiglie delle vittime dell’Heysel. Auguri anche ai tantissimi tifosi bianconeri non soci della nostra splendida realtà (la porta è sempre aperta), auguri anche a coloro i quali non ci sopportano, ma non è un problema nostro. State sereni, il calcio come la vita è bello proprio perché è giusto che ci siano le diversità!”

 

CON AFFETTO AUGURI DI BUON NATALE A TUTTI, BELLI E BRUTTI.

JUVENTUS CLUB ANDRIA

 

TUTTI ALLA FESTA

P.S. DOMENICA 28 DICEMBRE, TUTTI MA PROPRIO TUTTI, DOVRETE ESSERE PRESENTI ALLA GRANDE NOTTE BIANCONERA, LA TRADIZIONALE FESTA DELLO JUVENTUS CLUB ANDRIA. IN PALIO DUE MAGLIE UFFICIALI DELLA JUVENTUS ED UN TELEVISORE 28 POLLICI! A FINE SERATA GRAN BUFFET DI PRODOTTI TIPICI E BRINDISI BENEAUGURANTE PER UN 2015 ALL’INSEGNA DI ALTRE VITTORIE.

CHI NON VIENE, NON ARRIVA A FINE ANNO!

 

Nella foto articolo, abbiamo voluto scegliere tra le tantissime foto in archivio, questa emblematica è casuale immagine scattata a Madrid, in Plaza Mayor, dove tre nostri soci, sono guarda caso di spalle con le tre maglie celebrative realizzate dal club negli ultimi tre anni, per festeggiare i tre scudetti vinti. L’augurio che ci facciamo è quello che la quarta venga da se….

 

 
 
REGALATA LA SUPERCOPPA AL NAPOLI
 

Sotto Natale e sotto l’albero del Napoli da lunedì sera c’è la Supercoppa Italiana che la JUVENTUS ha, letteralmente parlando, regalato ai partenopei, rianimandoli e svegliandoli dal torpore in cui versavano dopo la precoce eliminazione dalla Champions e dopo essere usciti, nel giro di pochissime giornate, dal giro scudetto. Noi siamo veri ed autentici tifosi, non siamo i classici tifosotti occasionali che solo se vincono dicono che la Supercoppa fosse un trofeo importante. Noi anche se oggi siamo qui a commentare una sconfitta della nostra Juve, siamo a ribadire che questa Coppa la volevamo vincere ad ogni costo. Peccato non esserci riusciti, peccato soprattutto in considerazione del fatto che per ben 3 volte, quella SUPERCOPPA è stata quasi tra le nostre mani. Prima al secondo vantaggio nei tempi supplementari di un grandioso Carlitos Tevez, autore di una fenomenale doppietta, poi con due match point avuti, grazie alla straordinarie parate di Gigi Buffon, (assieme a Tevez migliori in campo), in occasione dei calci di rigore e falliti, prima da Chiellini poi da Pereyra, Assurdo, semplicemente assurdo perdere una finale così. Ma si sa che la lotteria del calci di rigore è spesso crudele. Non ci dovevamo arrivare li, perché abbiamo avuto la grande possibilità di chiuderla con i tempi supplementari. Abbiamo gestito gli ultimi minuti del secondo tempo supplementare in maniera davvero sciocca e da squadra provinciale, subendo la rete del pareggio, a soli due minuti dal temine. Ci siamo rintanati a difesa di un risultato che pensavamo oramai essere messo in cassaforte. Invece avremmo dovuto giocarcela ancora e soprattutto in difesa e a centrocampo essere maggiormente concentrati e non superficiali! Non stiamo qui a giudicare i cambi, a condannare chi ha fallito un calcio di rigore, sarebbe troppo facile, siamo qui soltanto a ribadire che questa sconfitta, maturata in questo modo, ci ha dato tanto fastidio e non poco, soprattutto maturata contro un avversario sicuramente inferiore alla nostra squadra. Peccato che alle prove Maiuscole delle due estremità della nostra squadra, non sia seguita una prova altrettanto Maiuscola di difesa e centrocampo. Troppi i palloni persi li nella zona nevralgica del campo, troppe le micidiali ripartenze concesse al Napoli. La squadra è arrivata a questo appuntamento, stanca e molle. Ripetiamo peccato davvero. Ci avrebbe fatto piacere chiudere questo 2014 davvero straordinario con la classica ciliegina sulla torta. Non c’è stata, ma resta appunto un anno straordinario per noi tifosi bianconeri, condito da RECORD su RECORD in campionato! Per la cronaca la partita si è conclusa per 1-1 dopo i tempi regolamentari, poi 2-2 dopo quelli supplementari e dopo una infinita serie di calci di rigore 8-7 per il Napoli.

Voltiamo pagina, ora rilassiamoci per queste vacanze di Natale, per poi riprendere da gennaio la nostra cavalcata verso altri obiettivi ed altri traguardi!

Comunque giocare una partita del genere in un clima davvero surreale….in un silenzio assordante…sembrava una classica amichevole in ritiro da calcio estivo. E’ stato davvero deprimente è poco coinvolgente. Questo è il CALCIO MODERNO che i Signori della Lega ci vorrebbero proporre, per quattro soldi in più le Società si sono vendute ai petrolieri del Qatar, a discapito dei tantissimi tifosi passionali di Juventus e Napoli restati a casa! Onore a quei pochi che hanno comunque deciso di seguire la squadra laggiù, ma ASSENTI PRESENTI!

FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS

JC ANDRIA: ORGOGLIOSAMENTE GOBBI!

 

 
 
NATALE A + 3. BATTUTO UN ALTRO RECORD
 
Con la vittoria per 3-1 sul campo del Cagliari, si chiude, almeno per il campionato, un anno 2014 straordinario, segnato da tantissime vittorie e tantissimi record, battuti dalla nostra JUVENTUS! L'ultimo, quello dei punti conquistati in un anno solare, ben 95, che vede battuto il record, sempre da noi detenuto è stabilito nell'anno 2012 con 94 pt..
Oramai ci abbiamo fatto l'abitudine a vedere, i nostri ragazzi, raggiungere traguardi impensabili solo poco più di tre anni fa. Una squadra straordinaria che non si accontenta mai, una squadra che ha sempre voglia di primeggiare, che ha sempre voglia di VINCERE, come noi tifosi...MAI SAZI! Una squadra, soprattutto, che sta facendo ammalare di fegato tutti i tifosi avversari! 
Anche in Sardegna la Juventus è arrivata con la giusta determinazione, con la giusta cattiveria, maturata dopo il pareggio casalingo contro la Samp. Bisognava vincere per trascorrere il Natale in testa alla classifica e per arrivare alla finale di Supercoppa Italiana con il morale altissimo. Obiettivo raggiunto, missione portata a termine sia dalla squadra che da noi tifosi presenti sull'Isola....che trasferta...tutta da raccontare, ma che faremo in un articolo a parte. 
Dobbiamo però prima fare una considerazione: il passaggio del turno agli ottavi di finale di Champions League ed il successivo sorteggio sembra che abbiano sortito un effetto positivo nella testa del gruppo che lo vediamo davvero carico a mille. La conferma l'avremo nella Supercoppa che si giocherà lunedì in Qatar, ma la Champions, costituiva per i ragazzi una sorta di blocco mentale. Esserci adesso riusciti a superare il girone, in termini di rendimento ed auto convincimento delle proprie forze, avrà un peso specifico notevolissimo! Fidatevi! 
Come contro la Samp., un primo tempo da play station, con la Juventus subito avanti per 2-0 con le reti di Carlitos Tevez (decima marcatura in campionato) e Arturo Vidalche sembra aver ritrovato il passo di un tempo! Un Vidal così, pienamente recuperato sia fisicamente che mentalmente, sarà fondamentale averlo nella doppia sfida ai tedeschi del Borussia Dortmund clamorosamente penultimo in Bundesliga! Nella ripresa poi ordinaria amministrazione, con la Juve che continua a passeggiare sul terreno del Sant'Elia, trovando anche la terza marcatura con Fernando Llorente sempre più partner fisso ed ideale per Tevez. Poi una reazione d'orgoglio del Cagliari consente ai sardi di siglare la rete della bandiera. Nel finale la Juve divora almeno altre tre nitide occasioni da rete, chiudendo la partita tra gli applausi dei 200 tifosi presenti nel vergognoso settore ospiti dello stadio cagliaritano, pagato ben 36 euro da ogni tifoso presente, tra i quali anche NOI come sempre, anche li PRESENTI (come da foto articolo, con la nostra solita pezza, esposta sulla destra del settore, guardando la foto). La Juve adesso, si ritrova a trascorrere un Natale, tranquillo e sereno,  a + 3 punti in classifica sulla Roma, che tanto caos aveva fatto per essersi riportata sotto, per poi puntualmente rovinarsi con le proprie mani e nuovamente tra le mura amiche con il pareggio maturato contro il Milan.
Applausi, ma davvero tanti applausi, a questa squadra, la Juve, che da oltre un anno è sempre in testa alla classifica del Campionato di Serie A! Adesso prima del meritatissimo riposo, servirà produrre un ultimo grande sforzo per portare nuovamente a casa la SUPERCOPPA ITALIANA contro il Napoli, squadra difficilissima da affrontare in questa tipologia di gara. Sappiamo di essere i più forti, ma per vincere non basterà questo, per vincere servirà una prova attenta e cattiva allo stesso tempo.
FORZA JUVENTUS. AVANTI JC ANDRIA!
 

 
 
PRESENTI ANCHE A CAGLIARI
 
La trasferta a CASTEDDU...., quest'anno, si presentava, scomoda e difficile da organizzare, ma non per noi! 
Dopo esserci stati per la prima volta nella scorsa stagione, a gennaio 2014, anche se allora di domenica pomeriggio, quindi si riuscì in giornata ad andare e tornare di li, la trasferta di giovedì in serale, era davvero difficile da poter organizzare e soprattutto poter trovare persone disposte ad esserci. Ma nulla come sempre, viene visto da noi, come una cosa difficile da poter organizzare. Detto, fatto....ci ritroviamo a prenotarci per Cagliari in ben 5 unità, con l'aggiunta di un sesto, Giuseppe dello JC Corato. Di giovedì, sotto le festività natalizie, non era cosa assolutamente pensabile, ma invece noi ci siamo incredibilmente riusciti. Prima Fabio, poi Giuliano, poi Corrado, poi Gino, poi Chiara ecco le cinque prenotazioni per la trasferta. Il programma prevedeva aereo diretto da Bari su Cagliari al giovedì ora di pranzo, per poi al rientro, sempre in aereo, fare scalo su Roma al mattino all'alba. Purtroppo però alla vigilia della trasferta, ben due defezioni, la prima di Gino, vista la morte del nonno nella notte, già in gravi condizioni di salute, la seconda quella all'alba, di Chiara Abbasciano, colpita da una fortissima influenza. Sconforto da parte dei 3 "superstiti" rimasti, che subito però, non si perdono d'animo e decidono di realizzare due piccoli cartelli con scritto: GINO PRESENTE e CHIARA PRESENTE! Era il minimo che si potesse fare, per chi aveva avuto dei problemi, perdendo soldi dei voli aerei e quant'altro! Ma gli intoppi per i nostri non finivano qui....raggiunta Bari in auto, hanno dovuto anche sopportare un ritardo di quasi un ora sulla partenza del volo. Tanti segnali negativi che iniziavano a mettere qualche preoccupazione nella testa dei nostri. Finalmente alle 14,30 riescono a raggiungere Cagliari dove trovano uno splendido sole ed una temperature mite. Entrati nello scalo aeroportuale ad attenderli i 3 ragazzi del Gruppo Bassa Valle, giunti in aereo direttamente da Orio al Serio come altri Gruppi, Aosta, Viking, Nucleo 85 e NAB. Poi l'abbraccio con i ragazzi arrivati da Roma e dintorni con l'immancabile Luca (Daje Rega), i ragazzi di Napoli ed il Gruppo Marche. Insomma le solite facce al seguito, sempre e solo Noi! Queste sono davvero le trasferte che ti riempiono di orgoglio e che ti trasmettono una carica indescrivibile. Andiamo subito a pranzo in un ristorante al piano superiore dello scalo, per poi assieme ai ragazzi di Bassa Valle iniziare a bere l'ottima birra sarda, l'Ichnusa! Ma come scendeva giù....
Finalmente arrivava l'ora del trasporto da parte della Polizia locale, verso lo stadio con due circolari di linea. Ci si ritrova in un centinaio scarsi arrivati dal "continente". Altri baci ed abbracci con il Gruppo di Massa. Alle 17,30 siamo già allo stadio, tutto tranquillo, a bordo del mezzo che ci trasportava allo stadio, la solita goliardia. Giunti nel piazzale antistante lo stadio notiamo dei controlli insoliti per noi. L'essere in pochi permetteva agli steward e alla Polizia dei controlli accurati e capillari. In tanti avevano il problema dei biglietti intestati a nome di altre persone. Fabio si è sgolato per spiegare al meglio il problema derivante dal non funzionamento di diverse tessere del tifoso, regolarmente rilasciate dalla Juventus. Dopo una lunga chiacchierata con il questore di Cagliari, vediamo ritornare Fabio, con la risoluzione del problema. Tutti dentro! Settore ospiti davvero in condizioni pietose. Peccato che abbiano sistemato gran parte dello stadio, per poi non degnarsi di sistemare anche il settore destinato a chi tra l'altro, aveva pagato ben 36 euro, oltre a diverse altre spese, pur di essere li! Calcinacci, spranghe di ferro, mattoni forati, davvero da quel settore si poteva ricavare di tutto....Assurdo...poi si parla di sicurezza negli stadi...di stadi per le famiglie....ma per piacere....
I nostri si posizionano come nello scorso anno, a sinistra del settore, posizionando la pezza al fianco del Gruppo BassaValle sulla cancellata alle loro spalle. Prima della partita, Giuliano e Corrado, espongono, come da foto articolo, scattata da un barcollante Fabio, i due cartelli in favore dei due soci, Gino e Chiara, non più partiti per i problemi di cui detto sopra. Loro da casa, apprezzano tantissimo! 
Si continua a bere birre, la goliardia aumenta grazie anche all'ottima musica underground, messa nel pre-partita e nell'intervallo. Nel settore, con i tifosi juventini sardi, ci si ritrova in poco più di 200 unità. Bel tifo, ci facciamo spesso sentire. Soliti cori contro quel pezzo di merda di Zeman, ancora una volta battuto sul campo! Poi inizia lo show satirico del ns. Fabio con il Mister Allegri, al quale gli rivolge simpaticamente diverse battute...che ridere. Giuliano, riprende il tutto, divertito e quasi piegato in due dalle risate come Matteo e gli altri di Bassa Valle. Insomma peccato che il tutto volga poi al termine. A fine gara, anche il saluto del preparatore dei portieri Claudio Filippi, da bordo campo ai nostri ragazzi che sventolavano orgogliosi la nostra pezza. Ma la chicca finale è stata rappresentata dal siparietto del ns. Fabio con Marco Storari, al quale il segretario voleva passargli la sua birra....! Davvero i nostri sono stati benissimo e si sono divertiti tantissimo in questa trasferta NON PER TUTTI! 
Una di quelle trasferte che accresce i consensi per il nostro già grandioso Juventus Club! Non un Club come tanti! 
Dopo un attesa di circa un ora, ecco che si riparte, tra gli applausi dei tifosi juventini locali, verso l'Aeroporto. A bordo pullman, succede di tutto, con l'autista quasi spaventato e "cagato" sotto...per il casino che si stava combinando a bordo. 
In Aeroporto aveva inizio la lunga notte sarda, con la Polizia che aveva fatto restare aperto un bar per permetterci di rifocillarci, oltre a fornirci la possibilità di avere delle pizze direttamente li......ne arrivano circa una cinquantina è ne viene fuori una mega pizzata, tra tutti i grandiosi gobbi li presenti. Ancora brindisi con birre....per poi ognuno, trovarsi un angolino, dove potersi "addormentare" nell'attesa del volo al mattino all'alba....I nostri dopo battute varie...dopo un giretto di perlustrazione nello scalo, decidono di adagiarsi su delle panche non proprio comode....Alcuni riescono ad addormentarsi, altri li vedi li smanettare con i rispettivi cellulari, altri vagare nello scalo come dei sonnambuli, insomma l'Aeroporto di Elmas, era stato trasformato come in un GRAND HOTEL....dove ognuno di noi...faceva quello che voleva....ahahahahahaha! 
Poi alle 5 tutti a fare colazione al Bar vicino alle Partenze, già aperto....per poi salutarsi con tutti, pacche sulle spalle ed augurarsi il Buon Natale! 
Alle 6,45 partiva il volo dei nostri ragazzi verso Roma Ciampino e se non fosse stato per il Re di Fiumicino, il grande Luca Daje Rega, che conosceva tutta la sicurezza dello scalo di Ciampino, mai i nostri sarebbero riusciti ad imbarcarsi anche sul volo per Bari delle 8,35 da Roma Ciampino. Grandissimo Luca, che ha accompagnato i nostri sino al gate di imbarco per Bari. Giungono ad Andria alle 11,00 di venerdì mattina, spezzati, stanchissimi, ma felicissimi di esserci stati. Grandissimi ragazzi, siete stati davvero immensi. 
Essere stati nuovamente a Cagliari è stata l'ennesima dimostrazione che il nostro club è davvero TANTA ma proprio TANTA ROBA....
Adesso ci riposiamo per quasi tre settimane, vista la nostra decisione di disertare per i noti motivi di cui detto in articoli precedenti e coerentemente alle altre due edizioni, la trasferta a Doha. Prima assenza stagionale per noi, in una partita che non doveva giocarsi li! Mentalità e Passione!     
LUNEDI' PERTANTO TUTTI IN MASSA AL CLUB! VI VOGLIAMO NUMEROSI. CHI NON VIENE NON ARRIVA A NATALE! 
JC ANDRIA
 

 
 
INIZIA LA DISTRIBUZIONE DELLE TESSERE E REGALI
 
Carissimi soci, ecco una notizia che vi riempirà sicuramente di gioia. Arriva uno dei momenti più attesi da tutti ogni anno, scoprire quale sarà la nuova tessera ed i nuovi regali per i soci in regola con l'affiliazione alla stagione sportiva 2014/2015! Innanzitutto ci preme ricordare che nel frattempo il tesseramento è pervenuto a n. 459 tessere sottoscritte. Un risultato davvero grandioso che premia il nostro lavoro e la nostra passione che di anno in anno mettiamo a disposizione di tutti Voi. Dalla serata di martedì abbiamo ufficialmente iniziato la distribuzione di n. 1 tessera, n. 1 regalo e n. 1 calendario da scrivania personalizzato ad ogni socio iscritto. Pertanto accorrete presso la nostra sede a ritirare il Vs. kit. Come noterete dalla foto, ci sono diversi regali in distribuzione. Ovviamente per alcuni di questi il numero è davvero molto limitato ed esiguo. Il prodotto principale sono le bellissime sciarpe ufficiali in raso della Juventus, a sfondo bianco. Poi il cuscino da cameretta, la valigetta dei colori per i più piccini e solo per qualche fumatore incallito, anche l'accendino zippo griffato Juventus! Per tutti poi uno splendido calendario da tavolo personalizzato dello JC ANDRIA che vi renderà davvero orgogliosi di appartenere e di mostrarlo a tutti, come la spettacolare tessera realizzata per questa stagione. In più per chi volesse attendere ancora qualche settimana, da Torino la Juventus ci invierà un altro regalo che non sappiamo ancora in cosa consisterà. 
Pertanto chi ritirerà il regalo oggi, ovviamente non potrà poi cambiarlo domani. Quindi valutate se ritirare subito il tutto o attendere di conoscere l'altro regalo in distribuzione. Non sarà possibile prendere in maniera spezzettata il kit. Ricordiamo inoltre che i regali saranno in totale il numero delle tessere sottoscritte, quindi non è assolutamente possibile, come molti ci chiedono ogni anno, ottenere 2 regali.
NUOVE ADESIONI AL CLUB:
La Società ci ha comunicato nella giornata odierna (16 dicembre) che, in via del tutto eccezionale e solo per i club dimostratisi collaborativi, sara ancora possibile tesserarsi, nel mese di gennaio ed entro il 20! Pertanto, a questo punto, speriamo di poter raggiungere la cifra di 500 tessere sottoscritte. Forza sosteniamo il Club e dovete farlo per...... L'ORGOGLIO DI APPARTENERE AD UNA GRANDE E CONSOLIDATA REALTA'.
Ovviamente a tutti i nuovi soci non sarà possibile subito prenotarsi per JUVENTUS - BORUSSIA DORTMUND. Chi lo farà solo per quello è preferibile che non si affacci proprio dal Club.
TRASFERTA A DORTMUND
Abbiamo dimenticato nel precedente articolo di comunicarVi che l'esito del sorteggio di Champions, come tutti oramai saprete ci vedrà impegnati nel doppio e difficile confronto con i tedeschi del Borussia Dortmund. E' dal 1997 che aspettiamo di vendicare la maledetta finale Champions persa a Monaco di Baviera! C'è la giocheremo ad armi pari, ma dobbiamo metterli fuori a tutti i costi per poi iniziare a sognare! Crediamoci tutti assieme! Intanto vi diciamo di non prenotare più voli senza il nostro assenso. Già 14 le prenotazioni in pochissime ore con varie combinazioni aeree. Saremo in tanti li (PRIMA NOSTRA PRESENZA ASSOLUTA), con o senza biglietti, ma ci saremo! Ora però stop alle prenotazioni. Non dobbiamo davvero rischiare di non avere poi i biglietti per tutti. Ci stupisce davvero vedervi tutti vogliosi di partire per ogni dove, per qualsiasi destinazione! Vuol dire che vi abbiamo davvero "formato" benissimo! Idem per la gara casalinga. Si viaggerà soltanto in pullman e non saranno concessi biglietti a non soci. 
JC ANDRIA: PASSIONE & TRADIZIONE
 

 
 
SOLO UN PAREGGIO CONTRO LA SAMP
 
Dopo una striscia di vittorie casalinghe di ben 25 partite consecutive, la Juventus vede interrompersi questo fantastico record, per mano di una Sampdoria, che ad onor del vero alla fine ha anche meritato questo pareggio allo Juventus Stadium, confermandosi nostra bestia nera a Torino, scorso anno a parte! Le genovesi insomma in questo girone di andata non ci hanno assolutamente portato bene.
1-1 il finale di una partita dai due volti per la nostra Juventus. Un primo tempo, quasi perfetto, che lasciava presagire ad un altra scontata vittoria, ma dopo aver fallito più volte il raddoppio, anche per bravura del portiere avversario, ecco che nella ripresa la Juventus cala di intensità e ritmo, consentendo alla Sampdoria di guadagnare metri su metri e soprattutto la rete del pareggio con Gabbiadini, il nostro attaccante che adesso probabilmente regaleremo altrove, come spesso accade, con queste giovani promesse, per poi puntualmente andare alla ricerca sul mercato di punte comunque giovani, con prestiti alle volte onerosi, come accaduto per Morata. Ecco qui non capiamo la strategia della Società.   
Peccato perchè a fine primo tempo si elogiava la perfetta tenuta atletica della squadra che sembrava non risentire delle fatiche della Champions del martedì precedente. Da capire come mai, spesso ci si ritrovi con questi mancati primi o secondi tempi, con questi black out che ti lasciano un tantino preoccupato e perplesso. Ci auguriamo che non si tratti di problemi di preparazione estiva e che magari sia semplicemente dovuto alla preparazione di questi giorni, in vista sia della gara decisiva di Champions e sia di quella della Supercoppa contro il Napoli del prossimo lunedì.
Comunque va benissimo così, del resto siamo sempre primi in classifica anche se con un solo punto di vantaggio sulla Roma che alle spalle continua a piangere e gridare al lupo...al lupo....fanno davvero pena....degli avversari così, meriterebbero davvero, l'ennesima loro delusione di una storia che li ha regalato pochissime gioie!
La rete del provvisorio vantaggio juventino è stata segnata da Evra, il francese arrivato quest'estate è che dopo un infortunio, sta pian pianino entrando negli schemi del Mister. 
Adesso inizia la volta per il titolo d'inverno con un calendario abbastanza impegnativo per noi, con le trasferte di Cagliari e Napoli e le gare casalinghe contro i Prescritti e contro l'Hellas Verona. In mezzo anche la finale di Supercoppa Italiana in Qatar e la sfida degli ottavi di finale di Coppa Italia in turno unico allo Stadium sempre contro l'Hellas! 
Portare a casa la Supercoppa e il titolo d'inverno non sarebbe male. Ci proveremo perchè noi vogliamo VINCERE sempre, anche se trattasi di due titoli praticamente inutili!

BELLISSIMA TRASFERTA
Essere saliti in pullman con 48 persone a bordo contro la Sampdoria a Torino è stato un altro motivo di grande orgoglio! Una soddisfazione come tante c'è ne stiamo togliendo in questi ultimi anni. Alla nostra trasferta economica, avete risposto ed aderito in tantissimi, complice anche l'orario che ha permesso a tutti di non perdere giornate di lavoro. Una pattuglia di soci, tra vecchi e nuovi davvero bella! Nicola Pisani, Nino Lotti, Salva Lomuscio e Giuliano Zefferino hanno trainato su, si fa per dire, tutto questo plotone, tra i quali anche tanti alla prima volta alla Stadium. Pullman della categoria "extralusso" con alla guida i soliti Agostino e Savino (che solo tre giorni prima si erano sciroppati altri 2.000 km alla guida). Tramite la chat del club su watsapp ci siamo tenuti in contatto con i ragazzi a bordo sino a notte fonda, vista la loro partenza anticipata alle 19 di sabato sera dalla stazione di Andria. Prima che tutti di addormentassero, Salvatore e Giuliano hanno cercato di vendere l'impossibile a tutti i partecipanti, tra t-shirt del Club, sciarpe di Tradizione e calendari 2015. Come commercianti sono davvero unici ed insostituibili! Lavoro perfetto! 
Alle 7,30 erano già su a Torino per l'alba sotto lo Stadium. Tutti a fare colazione per poi recarsi chi in vista al Museum, chi allo Stadium e chi a buttarsi nel Centro Commerciale preso letteralmente d'assalto. Alle 11 ritrovo tutti sotto la Curva Sud, con Giorgio e Andrea Nicolamarino a dare le solite disposizioni a tutti per poi finalmente entrare dentro e andarsi a sistemare nella nostra posizione a sinistra della curva e dietro lo striscione, prontamente sistemato al bocchettone, come da foto scattata ed inviata in tempo reale dal grande Giuliano che sta viaggiando a ritmi da record in questa stagione!
Un altra massiccia presenza a Torino a testimonianza che per noi l'avversario non è importante. Per noi conta soltanto che in campo ci sia la Juventus. Tutto il resto è niente per Noi! 
JC ANDRIA: SOLO GRANDI TRASFERTE. Rientro a casa in tutta tranquillità con arrivo ad Andria alle 4 circa del mattino del lunedì, il tempo di dormire qualche ora anche nel letto di casa per poi essere pronti ad una giornata di lavoro. Tutti felici per l'organizzazione, per la nostra cordialità a bordo e per l'assistenza anche a distanza che di partita in partita non manca mai, da parte della nostra "cabina di regia" da Andria. Peccato solo per il risultato che ha fatto sentire in colpa i nuovi alla prima volta allo Stadium. Non preoccupatevi alla prossima sarà vittoria! 

ANCHE A CAGLIARI ANDRIA PRESENTE
Avrete pensato, no a Cagliari non ci andranno. Troppo scomodo, di giovedì, sotto Natale, sull'Isola difficile da raggiungere....Niente di tutto ciò. Come sempre facciamo, anche a Cagliari seguiremo la nostra squadra del cuore per la 22^ trasferta stagionale su 22 partite! Non manchiamo mai, anche noi c'è lo chiediamo di come sia possibile tutto ciò, eppure ogni maledetta partita c'è sempre chi si prenota. Mai avremmo immaginato però.... in 6 a Cagliari di giovedì...Onore davvero tanto onore a chi rappresenterà il Club sull'Isola sarda giovedì sera. Giuliano, Fabio, Chiara, Giuseppe, Corrado e Gino, loro saranno i nostri soci al Sant'Elia. Seconda presenza ufficiale li, dopo quella del gennaio scorso e dopo i tantissimi divieti degli anni precedenti, adesso in un solo anno ben due volte! Complimenti! 

FESTA DI NATALE
Il 28 dicembre, a partire dalle ore 20, torna la nostra tradizionale festa natalizia per il consueto scambio di auguri tra tutti noi, soci e simpatizzanti bianconeri. Fervono i preparativi per i giochi e per i ricchi premi in palio come ogni anno. Voi non prendete impegni è di domenica e dovete "affollare" come ogni anno il Club. Tutti presenti. A fine serata il buffet di prodotti tipici locali offerto a tutti i soci. 
JUVENTUS CLUB ANDRIA: NON FINIREMO MAI DI STUPIRVI
 

 
 
C'E' SOLO LA JUVE! CHE GODURIA
 
Rivincita doveva essere contro tutti i detrattori della nostra amata Juventus è rivincita è stata. Ma che rivincita! A distanza di un solo anno dall'atroce eliminazione nella fase a gironi ad opera dei turchi del Galatasaray, la Juventus anche quest'anno era chiamata all'ultima gara a conquistarsi il passaggio agli ottavi di finale. Come lo scorso anno, anche in questa edizione serviva un solo punto per qualificarsi come secondi nel girone. Più difficile era invece l'impresa di riuscire a battere i vice campioni d'Europa dell'Atletico Madrid con due gol di scarto per poter conquistare il primato nel GIRONE A. E' finita 0-0 con la JUVENTUS in festa e qualificata agli OTTAVI DI FINALE della Champions League 2014/2015. L'unica italiana ancora in corsa, nella maggiore competizione continentale. 
Un risultato giusto in una partita giocata a viso aperto dalle due formazioni per ben 80 minuti. Poi entrambe le squadre hanno capito che era difficile riuscire a superarsi, tirando definitivamente i remi in barca. Come a Madrid, nella gara di andata, la sfida è stata decisamente giocata alla pari.  Al "Calderon", aveva deciso una disattenzione, l'unica, della difesa juventina, a Torino invece, retroguardie attentissime e portieri insuperabili. Questo ci fa capire come questa Juve sia davvero la mina vagante di questa edizione della Champions. Può davvero giocarsela con tutti, ad esclusione di Real Madrid e Bayern Monaco. Ma il calcio sappiamo tutti quanto sia imprevedibile e pertanto come ha detto il nostro Carlitos Tevez a fine partita: "la vera Champions inizia solo adesso...." Pertanto l'imperativo è d'obbligo: crediamoci senza illuderci, ma crediamoci!   
Ma la gioia per questa meritata qualificazione è stata doppia in tutti noi tifosi gobbi. All'indomani della nostra impresa è invece puntualmente arrivata la disfatta della Roma che nella gara decisiva ha "ammainato" la bandiera, retrocedendo nell'Europa League. Inutile nasconderci dietro ad un dito. Non ne siamo i tipi. Abbiamo stra goduto come matti, vedere la banda dei "roditori...rosiconi" capeggiata dal Maestro di Violino Garcia, essere sbattuta fuori dalla Champions. Sarà anche questo colpa del sistema? 
Ricordatevelo sempre, non solo ai giallorossi...."chi sputa in cielo tutto in faccia riavrà......" Tutto vero!
Se solo parlassero di meno li a Roma, forse nella loro sede avrebbero qualche titolo in più...
Per non parlare di quanto abbiamo goduto noi martedì sera al triplice fischio dell'arbitro che ha sancito la matematica qualificazione della nostra Juventus.....La goduria è stata estrema poi se pensavamo ai tirapiedi collegati via radio, via streaming, via Sky, via televideo, via 7 Gold.......nei bar, nelle pizzerie, nelle auto, nei "bugigattoli"......VE LO SIETE PRESO TUTTO NEL CULO! COME SEMPRE! ahhhhhhhh come godiamooooooooooo! 
Festa nella festa, dallo stadio al Club. Tutto troppo bello, tutto fantastico se solo pensiamo che lunedì nei sorteggi per gli ottavi di finale la nostra Juventus tornerà finalmente ad esserci tra le migliori 16 d'Europa e speriamo davvero di poter fare tanta strada. Intanto noi a Febbraio ci saremo, nell'anno di Expo 2015 a Milano, a portare alta la bandiera ITALIANA nel calcio che conta ci saremo noi, soltanto noi, i CAMPIONI D'ITALIA!
Da quando il Mister è arrivato a Vinovo, dobbiamo dire che di acqua sotto i ponti ne è passata tantissima. E' entrato in punta di piedi, in silenzio. Ha accettato tutte le critiche, non ha cambiato nulla, ma poi pian pianino ha iniziato a metterci del suo, sbagliando, alle volte, prendendosi le sue responsabilità e le critiche. Ma ha continuato a cambiare, senza mai tornare indietro, convinto delle sue idee. Per il momento ha avuto ragione lui, piaccia o non piaccia, ma lo dobbiamo dire. Il primo obiettivo, quello minimo è stato raggiunto, qualificarsi agli Ottavi di Finale. Adesso lo attende il secondo: conquistare la Supercoppa Italiana, altro obiettivo minimo, ma pur sempre importante. Non è ancora il momento di fare mea-culpa, quello con annesse scuse arriverà solo se a maggio il tricolore sarà rimasto cucito sulla nostra maglia. Ci piace per il momento l'atteggiamento che la squadra ha in campo, l'aver ridato la voglia di lottare ad un gruppo che sembrava essere diventato sazio di vittorie. Subiamo di meno con la difesa a 4 che sembra idonea per l'Europa. Crediamo che con qualche accorgimento nel mercato di gennaio si possa davvero recitare un ruolo da protagonisti negli Ottavi di Finale della Champions...poi chissà.....che la fortuna non inizi a girare....siamo in forte credito con Lei in campo europeo, sarebbe ora che iniziasse a non voltarci più le spalle! Abbiamo apprezzato la gestione della trasferta a Firenze e la gestione della gara contro l'Atletico Madrid. Una gestione saggia oseremmo dire! 
Adesso ci tocca però immediatamente rituffarci nel campionato, dimenticando per due mesi abbondanti la Champions. Il prossimo ostacolo si chiama Sampdoria, avversario tra i peggiori da affrontare in questo momento. Sono in uno stato di forma straordinario e sembrano davvero lanciati in questa stagione. Sarà dura riuscire a batterli. Ma dobbiamo farlo, vista la concomitante e difficile trasferta a Genova della Roma, che insegue ancora a 3 lunghezza. Iniziare a staccarli ora potrebbe significare molto, considerando che loro da febbraio dovranno giocare sempre al lunedì e giovedì!
Al Club martedì sera abbiamo registrato una affluenza record, la più alta in assoluto in 12 anni quasi di attività! Ogni centimetro quadro della sala era pieno! Se avessimo segnato il Municipio avrebbe tremato e non solo!
A Torino, martedì sera come anticipatovi, una nutrita pattuglia di "gobbi andriesi" è partita chi in pullman, chi in aereo, chi in auto. Quelli del pullman sono partiti nella sera dell'Immacolata dalla Stazione di Andria, intorno alle 23. Solita euforia a bordo con due "attori mancati", Paolo Rella e Graziano Palladio, tenuto a bada da suo figlio Ivan...pensate un po...A capitanare la nostra foltissima rappresentanza c'erano Andrea Leonetti con suo figlio Giuseppe, Marco Fiandanese oltre alla Nicolamarino band! Tantissimi volti noti, altri meno noti, altri del tutto nuovi. La sorpresa sempre più piacevole ci è stata rappresentata invece dalla presenza di una socia Agnese Zingaro, un altra JC ANDRIA GIRLS, che davvero sta sbalordendo tutti per attaccamento al Club, come altre già fanno....Chiara Abbasciano in primis! 
Giungono a Torino per dividersi tra chi preferisce la solita puntatina in centro e chi invece non resiste dal fascino dello Stadium e resta li per ore e ore nei dintorni prima di poterci entrare. Il gruppo che segue il capo popolo Palladio....diventa sempre più grosso, tutti attratti dal suo immancabile vinello al seguito. Alle 19 si ritrovano tutti davanti ai cancelli della Sud, per la consueta distribuzione dei tagliandi. L'auto in arrivo da Andria e condotta da Mimmo Strippoli e Salvatore Vitanostra è in notevole ritardo (giungerà soltanto alle 20,30) ed allora lasciamo il nostro storico autista del pullman...Savino...detto "Romano Prodi" li davanti all'ingresso del cancello per attendere i ritardatari e poter consegnare i tagliandi.
Entrano tutti dentro e vanno a posizionare lo striscione! Si posizionano tutti li in quella zona. 
A fine gara, sempre tra gli ultimissimi ad uscire, con la stadio oramai praticamente deserto (alle spalle i pochissimi tifosi spagnoli al seguito) eccoli i nostri soci nella foto articolo, una minima parte dei tantissimi che erano in Sud, mentre si lasciano ritrarre dietro il nostro striscione, prima di ripiegarlo e poter ripartire per Andria! Onore a loro. Alle 11 di mercoledì sono arrivati ad Andria stanchissimi ma orgogliosi di aver risposto presenti in quest'altra trasferta.
Nemmeno il tempo di rifiatare, che già ci siamo rimessi al lavoro per programmare ed organizzare al meglio, la trasferta di domenica nuovamente a Torino contro la Samp. Portare su ben 48 persone in pullman non è cosa assolutamente di poco conto, se l'avversario si chiama appunto Sampdoria, senza nulla togliere. Davvero ci sorprendiamo anche noi, di tutto ciò. Complimenti a tutti. Sinonimo di grande mentalità. A partire ci saranno tanti dei vecchi soci, come Nicola Pisani, Salvatore Lomuscio, Nino Lotti, Michele Tesse, Antonio e Felice Mansi, la nuova guardia capitanata da Giuliano Zefferino, Nicola Lorusso e le tante new entry tra tutti Sante Tricarico. BUON VIAGGIO RAGAZZI!
FESTA DI NATALE E TESSERAMENTO:
Venerdì sera 12 dicembre abbiamo staccato la tessera n. 451 al Sig. De Leonardis Gennaro, commercialista di Andria. Che risultato incredibile. Anche in questa stagione, nonostante il difficile periodo di forte crisi, siamo riusciti ad attestarci su livelli altissimi. Ci sono ancora dieci giorni a disposizione prima di chiudere i battenti per la sottoscrizione delle tessere. Il 22 sera sarà l'ultimo giorno utile per poterlo fare, dopo di che, chi c'è...c'è....Per le gare a Torino potremo accettare solo i soci, per quelle in trasferta anche i non soci. 
Grazie di cuore a tutti per la collaborazione che ha permesso di raggiungere quest'altro bel risultato. JC ANDRIA...SOLO GRANDI FATTI!
La consueta NOTTE BIANCONERA, la tradizionale festa di Natale, si terrà quest'anno DOMENICA 28 DICEMBRE a partire dalle ore 20,00. Stiamo organizzando una serata che possa, come ogni anno, sorprendere voi numerosi soci e simpatizzanti bianconeri! Abbiamo qualche idea per migliorare sempre più l'appuntamento, vedremo di riuscirci nell'intento. 
Nel frattempo da lunedì inizieremo a distribuire tessere e regali....con l'aggiunta anche di un calendario da tavolo del 2015 personalizzato mese per mese...a dir poco fantastico! Per non parlare della nuovissima tessera....uno spettacolo...!
Come sempre noi ci contraddistinguiamo per originalità e innovazione! Ma se non fossimo animati da tanta passione e amore per la Juventus, tutto questo non sarebbe davvero possibile!
 

 
 
PARI A FIRENZE, MA LA JUVE SORRIDE
 
Nella giornata di campionato, in cui tutti speravano che la Juve potesse perdere qualcosa nei confronti delle dirette concorrenti, un prezioso pareggio ha assunto, tra sabato e domenica, il dolce sapore di una vittoria. Venerdì sera, l'atteso anticipo contro gli eterni rivali della Fiorentina, al Franchi di Firenze, si è concluso con un nulla di fatto sullo 0-0, con poche recriminazioni e soprattutto poche emozioni. Testa e gambe dei nostri giocatori erano tutte preservate all'importantissima sfida di martedì sera, quando alla Juventus si potrebbero spalancare le porte degli Ottavi di Finale di Champions League, un traguardo insperato dopo la sconfitta di Atene. Ma più che della partita giocata a Firenze dalla nostra Juve, vorremmo un attimino soffermarci sulle partite delle avversarie che hanno regalato a noi tifosi gobbi un weekend dell'Immacolata davvero da sballo. Nella conferenza stampa, alla vigilia della gara della Roma contro il Sassuolo, il loro tecnico "RODI" Garcia aveva detto....."in questo turno dobbiamo sfruttare il probabile passo falso della Juve e portarci al loro fianco..." come sempre le sue previsioni si rivelano sempre fasulle. Pensa solo a polemizzare ma non pensa a come schierare la sua squadra in campo....ed ecco che poi puntualmente viene, ancora una volta, punito dalla sua presunzione. La Juve non vince si, ma in quel di Firenze, lui invece, non è stato capace di battere il Sassuolo tra le mura amiche, anche se alla fine avrebbero stra meritato di perdere visti i favori arbitrali che ancora una volta hanno facilitato il compitino dei giallorossi. Due reti messe a segno entrambe viziate da grossolani errori dell'arbitro, che adesso fungeranno da "tappo alla bocca" per tutto l'ambiente romanista. Ma questo è stato soltanto l'antipasto del weekend, servitoci dai giallorossi. Credeteci, questa Roma, non fa assolutamente paura! Il pranzo della domenica invece, ci è stato servito, dall'ennesima gioia arrivata dal San Paolo di Napoli dove l'Empoli del nostro gioiellino Rugani, che speriamo possa far ritorno alla base già da gennaio, ha imbrigliato il Napoli, eterna squadra incompiuta. Il caffè ci è stato poi servito dal Milan, sconfitto da un sempre più sorprendente Genoa, adesso terza forza del campionato. Il ricco buffet di frutta e dolci ci è stato servito invece, con la solita generosità dalla squadra più prescritta della storia, dagli accattoni che per l'ennesima domenica hanno fatto tutto il loro dovere perchè per loro il MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE! Insomma cari soci, cari tifosi gobbi che leggete con costanza e piacere i nostri editoriali, cos'altro dire di questo weekend???? Nulla, abbiamo goduto e stra goduto, ma adesso calma e gesso, tutti concentrati sulla prima finale di questa stagione. Della gara di Firenze davvero non abbiamo nulla da segnalare, gioco soporifero, pochi sussulti, davvero una gara povera di emozioni. Ma per noi ci è andata più che bene, anche in considerazione del turn over effettuato in vista della sfida all'Atletico Madrid. 
LA NOSTRA TRASFERTA A FIRENZE 
Come sempre accade, in qualsiasi giorno della settimana, anche a Firenze di venerdì siamo stati presenti. 19 gare ufficiali e 19 le nostre presenze al seguito della Juve: solo applausi per noi e per quello che da anni facciamo! L'organizzazione di questa trasferta a Firenze, da sempre città a noi ostile, non è stata delle più facili. Ci siamo mossi in ritardo nell'organizzazione e questo ritardo a fatto si che non trovassimo più biglietti di Curva Ferrovia, quella al fianco del Settore Ospiti, in pratica il Settore di casa, che avrebbe permesso un risparmio di ben dieci euro a testa sull'acquisto dei biglietti. Abbiamo dovuto così prendere il settore ospiti a ben 45 euro....(li mortacci di Della Valle...). All'inizio si pensava di salire con un auto privata, ma poi man mano che passavano i giorni si aggiungeva sempre qualcuno in più. Alla fine ci siamo ritrovati in ben 12 persone su di un furgone a noleggio di soli 9 posti. Vi chiederete ma come hanno fatto....bene siamo andati e tornati. Il giovedì alla vigilia della partita la società Viola ha messo in vendita anche dei posti a visibilità ridotta, i parterre della Curva Ferrovia in pratica a soli (si fa per dire) 25,00 euro, che hanno permesso a chi era senza tessera come Pasquale Mancini e Alessia, la nostra nuova girls al seguito, di potersi aggregare con noi. Da dieci, come detto siamo diventati in 12.....ahahahahahaha! La partenza è avvenuta dal Piazzale della Stazione di Andria, con Alessia prima ad arrivare, puntualissima. Ad accompagnare la truppa c'erano Graziano Palladio, oramai a tutti gli effetti uno dei più affidabili del Club e udite udite....il nostro Fabio, che a sorpresa, dopo Bergamo è ritornato in trasferta in Italia e dopo il derby di Torino di domenica scorsa. Insomma una squadra di tutto rispetto, con Giuseppe Tattolo, Giuseppe Piccininno (gran bella persona) e tutti gli altri. La novità è stata rappresentata dalla nuova collaborazione ed amicizia stretta con i ragazzi di Mondragone, legati anche loro al Gruppo Tradizione, raccolti a bordo del nostro mezzo, al casello di Cassino. Di li in poi hanno ovviamente viaggiato, scomodi ed in sovrannumero. Ma per la Juve e pur di risparmiare si fa davvero di tutto. Prima di partire da Cassino, sosta ad un chioschetto famoso subito fuori il casello, dove i nostri hanno mangiato dei mega panini con la porchetta romana, la caciotta e i pomodori secchi....na bombona....birre su birre ed il vinello portato da Graziano Palladio. Insomma la temperatura a bordo saliva. Primi cori e la simpatia dei nuovi amici campani con il loro inconfondibile dialetto! Raffaele, 43 anni, il loro capo comitiva davvero uno spasso. Sulla strada per Firenze, chiacchierata amichevole, in un area parcheggio, con "Madama" una pattuglia della stradale che ci ha voluto davvero bene...ah ah ah ah ah ah. Ne abbiamo combinate di cotte e di crude ma siamo arrivati in tempo utile al casello di Firenze Sud, da dove scortati...si fa per dire...abbiamo raggiunto lo stadio fiorentino, con la nostra Alessia che dava spettacolo dal finestrino...urlando di tutto alle donne viola...che ridere ragazzi! 
Si entra dentro, anche quelli con la Curva Ferrovia vengono fatti entrare nel Settore Ospiti...... Ci posizioniamo come da foto articolo, su di una vetrata laterale, al fianco dei nuovi amici di Mondragone, degli storici amici di Bassa Valle e di Giulianova, sotto allo striscione del Gruppo Tradizione. Inizia a piovere, della partita c'è davvero poco da guardare, il clima è davvero diverso dagli altri anni, non la solita ostilità, tutto sembra stranamente tranquillo ed allora ci adeguiamo a questo clima anche noi, posizionandoci in basso dietro agli striscioni, praticamente senza guardare la partita e facendo la spola con il bar del settore, tra birre e patatine e chiacchierando con gli altri gruppi sempre presenti, come i toscani di Massa, Aosta, Forlì, Tradizione e Bassa Valle. Sempre le solite facce! 
Finisce la partita tutto tranquillo, salutiamo e ringraziamo la squadra, inneggiamo ai pompieri presenti per poi finalmente raggiungere il parcheggio. Visto il clima tranquillo, la Polizia dice di poter raggiungere l'autostrada in autonomia. Lo facciamo non prima di aver salutato i ragazzi di Bassa Valle con i quali siamo stati a chiacchierare davvero a lungo, Andrea, Daniele e Matteo in 3 per un gruppo che merita solo la nostra stima per quello che da anni anche loro fanno per la Juve!    
Piove, troviamo tratti di nebbia, la stanchezza si fa sentire, lasciamo nella notte gli amici di Mondragone a Cassino, per poi ripartire subito, più comodi, verso Andria dove giungiamo alle 7,00 di sabato mattina. Stanchissimi ma come sempre orgogliosi di esserci stati! Ci salutiamo tutti dandoci appuntamento al Club per martedì sera, non per chi partirà per Torino, come Graziano Palladio che assieme a Marco Fiandanese e Andrea Leonetti con suo figlio Giuseppe, faranno da "balia" ad un intero pullman pieno in ogni ordine di posti. In 55 oltre a tutti coloro che raggiungeranno Torino in aereo (una decina) per un altra presenza massiccia. Subito dopo con la Sampdoria sempre a Torino, ecco un altro pullman allestito incredibilmente con al momento ben 48 persone a bordo! Lo JC ANDRIA vive di tanti fatti e di pochissime parole. 
Per chi martedì resterà ad Andria, l'appuntamento è al Club dove immaginiamo di ritrovarci con numeri da record è con una adrenalina ed una voglia di spaccare tutto! 
AVANTI NOI SIAMO LA JUVE! ANDIAMOCI A PRENDERE GLI OTTAVI DI FINALE!
JC ANDRIA: PASSIONE E MENTALITA'
 

 
 
COLPO "GOBBACCIO" AL 93° MINUTO!
 

Era oramai finito il derby e dallo spicchio dei tifosi granata già li si vedeva esultare come se stessero conquistando una vittoria in casa della Juve, mentre dalla Sud juventina, si faceva partire l’ultimo ed ennesimo classico coro…..”Fino alla Fine…Forza Juventus…..”…., ma diciamola tutta in maniera franca e schietta…..noi tutti ci credevamo davvero poco e, oramai, ci stavamo preparando ad accettare quel pareggio che stava maturando allo Stadium e che avrebbe interrotto sia la striscia di vittorie consecutive in casa per la Juventus (giunta adesso a 25) e sia il lungo digiuno di punti in un derby da parte granata. Ed invece succede l’impossibile, quello che ogni vero tifoso juventino avrebbe sperato magari all’inizio della partita….quando solitamente si dice….”quanto sarebbe bello poter vincere il derby all’ultimo respiro della partita…”.

E’ avvenuto proprio questo con Andrea Pirlo, che a soli due secondi dalla fine scaglia un tiro dal limite dell’area di rigore che va ad insaccarsi nell’angolino basso alla destra del portiere granata, nell’unico pertugio possibile, tra una selva di gambe….una rete pazzesca, straordinaria, da fuoriclasse autentico, che regala una vittoria sofferta ed insperata, dipingendo il cielo di Torino, ancora una volta, come sempre accade di BIANCONERO e lasciando nella depressione più assoluta il Toro ed i suoi tifosi. Che goduria pazzesca. Ci abbiamo messo qualche giorno per scrivere questo articolo, proprio perché volevamo ancora continuare a gustarci quell’attimo finale, quell’azione che resterà impressa per sempre, nella storia dei derby della Mole come per sempre la scarpa con cui il Maestro Pirlo ha scagliato quel tiro fenomenale,  sarà esposta nel Museo della Storia juventina. Emozioni indescrivibili che solo chi le ha potute vivere li a Torino potrà per sempre ricordarle.

Inutile dirvi cosa sia accaduto al club: l’inverosimile, un boato ed una esultanza forse senza precedenti con il rischio anche di farsi male! 2-1 il finale che ripetiamo lascia nella depressione il Torino ed il suo ambiente che pensava finalmente di essere riusciti nell’impresa di strappare un punto alla Juve, ed invece ci ha pensato Sant’Andrea proprio nel giorno del suo onomastico a rimettere la storia dei derby sul giusto binario. Un primo tempo più bello, dove la Juve era passata in vantaggio con un giusto rigore messo a segno da Vidal per ben due volte. Ma subito dopo, con un eurogol da applausi, il Toro aveva pareggiato per poi di li in poi, imbrigliare bene la manovra lenta e prevedibile della nostra Juve, stanca e con le scorie del dopo Malmo. Insomma non un bel derby giocato dalla Vecchia Signora, ma si sa che in queste partite non conta giocare a calcio, conta solo e soltanto VINCERE! Se poi a questo ci aggiungiamo che abbiamo giocato in dieci rischiando anche di perderla la partita, causa l’espulsione di Lichsteiner, allora capite che la goduria sia davvero doppia! Gli abbiamo illusi per poi punirli sul più bello, quando oramai “loro” pensavano…..”è fattaaaaa….” Ah ah ah ah ha ah ah ah!

Da brividi l’accoglienza a Fabio Quagliarella: quattro anni in maglia bianconera non si dimenticano facilmente anche se adesso veste la maglia degli odiati granata. Alla sua sostituzione giù un mare di applausi con la Tribuna che si alza in piedi per ringraziarlo per quanto fatto nella Juve di Conte, la Juve dei miracoli! Grazie Fabio, per sempre!

LA VECCHIA SIGNORA HA VINTO ANCORA: NOI CON LEI

La trasferta dei nostri su a Torino è andata alla grandissima come sempre. Giunti davvero numerosissimi da Andria, in oltre trenta unità e con ogni mezzo. Chi in aereo (tanti), chi in auto, chi in pullman in collaborazione con i ragazzi di Bernalda e Montescaglioso e chi addirittura in treno preso all’ultimo istante in quanto unico mezzo rimasto disponibile….che ridere….siamo davvero incredibili per quanta passione ci mettiamo!

Inutile raccontarvi che il divertimento maggiore sia stato per chi è salito in pullman con Tommy Moscatelli a far da “badante” alla nostra truppa su di un pullman molto pittoresco ed anni “settanta” data la vetustà del mezzo….li mortacci….stracci….

A Torino giungono quasi a mezzogiorno. Visto il tempo chi in pullman trascorre le ore antecedenti al solito Bar, ritrovo del Gruppo Tradizione. La tensione era altissima. Alle 16 era fissato il ritrovo per tutti nel piazzale sotto la Sud per la distribuzione dei tagliandi per i vari settori assegnati, mentre la solita ventina poi in perfetta fila indiana capitanata da Andrea e Roberto Nicolamarino e Massimo Matera, sotto una pioggia fitta fanno ingresso nella Sud, con Fabio, il nostro segretario, finalmente salito su a Torino, a chiudere il plotone. Appena dentro vanno tutti a prendere posizione al bocchettone, dove si posiziona lo striscione e si resta tutti li dietro, in attesa dell’inizio gara e della bellissima coreografia iniziale. Ecco il momento dell’inizio della partita, con la foto scattata da un addetto al campo che ritrae il nostro striscione, proprio nel momento della coreografia dove si vedono le bandierine gialle e blu (30.000), con i colori della Città di Torino, a fare da contorno ed uno striscione che recitava:

Il simbolo ci appartiene... La Torino del calcio siamo noi: fino alla fine forza Juventus.

Un grazie particolare a tutti quelli che ci sono stati, da Riccardo Mari a Nino Lorusso, da Ale D’Ercole al solito Giorgine, da Gianni Pistillo a Pinuccio Tattolo, da Marco a Gianluca Chiappa, da Vito Serlenga a Giacomo Evangelista, da Francesco Brudaglio ad Antonio, insomma la lista è ancora lunga, come ci preme ringraziare le due donne del club presenti, Maria Scamarcio e la cara Flò! Alla fine Fabio e Massimo Matera si ritrovano bagnatissimi ad esultare con il “solito” signore anziano di Torino che si posiziona nella ns. zona il quale è stato fiducioso sin dal primo momento della partita e sino agli ultimi istanti, quando continuava con fiducia a dire che la Juve avrebbe segnato….Quasi lo buttavano all’aria! Che belle scene…sana passione la nostra! Alla fine saluti di rito con i ragazzi di Bassa Valle con i quali si brinda al bar con delle birre prima di ripartire felici e contenti ognuno con i propri mezzi. Un'altra bella trasferta che ricorderemo davvero a lungo.

Da segnalare anche uno splendido striscione scritto a caratteri cubitali che prendeva quasi per intero l’anello inferiore della Sud e realizzato dal Gruppo TRADIZIONE ANTICHI VALORI in memoria di uno storico tifoso granata “GIUGIO”. Questo è il calcio che piace a Noi!

Rivali si, ma sempre nei limiti del vivere civile.

JC ANDRIA: IL TOUR CONTINUA

Venerdì è già tempo di ripartire per FIRENZE. Sarà la 19^ trasferta di fila su 19 gare ufficiali sin qui giocate in cui noi ci saremo…..ma se contassimo le annate precedenti i numeri sono da capogiro….

Con non poche difficoltà, causa il reperimento dei biglietti, il reperimento di un mezzo ed il reclutamento di persone che potessero partire, siamo riusciti ancora una volta nell’intento di organizzare, prima un auto privata, poi diventata addirittura furgone da 9, con il quale si viaggerà come sempre in soprannumero…..pur di risparmiare qualcosina. A condurre la truppa sarà Graziano Palladio. Buon viaggio ragazzi nella difficile trasferta in terra da sempre a noi ostile!   

SUPERCOPPA ITALIANA

Coerentemente a quello che è sempre stato il nostro pensiero su questa manifestazione che da regolamento andrebbe disputata in casa della vincitrice dello scudetto, anche per questa stagione abbiamo deciso di disertare la trasferta che qualche pazzoide in seno alla Lega Calcio assieme al nostro Presidente Agnelli e a quello napoletano, hanno stabilito di andare incontro ai loro interessi economici piuttosto che pensare ai tantissimi tifosi che invece resteranno a casa. Andare in QATAR nella capitale di Doha ci sembra davvero follia pura, di questi tempi!

Dopo Pechino in Cina, dopo l’inversione del campo lo scorso anno in favore della Lazio, quest’anno ci mettono sul piatto quest’altra soluzione. No, cari Signori, preferiamo spendere quei soldi per le nostre famiglie a Natale, per i nostri figli, per pagarci le rate del mutuo o per altre ben più importanti spese. Facciamo tantissimi sacrifici per seguire la Juve in ogni dove, in tutte le gare ufficiali, ma perché giocate nelle giuste sedi. Siamo arrivati anche nei campi più impensabili come a Trabzon ai confini con la Siria o a Donetsk in piena Ucraina o a Malmo nell’ultimo viaggio europeo, ma li abbiamo deciso di non esserci.

Sosterremo la Juve al Club, perché VOGLIAMO VINCERE LA SUPERCOPPA. E’ come se ci saremo lo stesso al fianco della squadra, ma A MODO NOSTRO!

JC ANDRIA

 

 
 
MALMO CONQUISTATA
 

Missione compiuta, la Juventus con i suoi tifosi al seguito è riuscita nell’impresa di SMONTARE i “figli dell’Ikea” a casa loro, nella freddissima Malmo. Non era assolutamente semplice riuscire in questa impresa, visti anche gli ultimi precedenti della Juventus da quelle parti e considerando i disastrosi risultati delle ultime apparizioni in trasferta in campo europeo dei nostri ragazzi. Invece tutto è andato alla perfezione, dal risultato, alla prova della squadra e sino alla trasferta dei nostri soci fin lassù a oltre 2.000 km da casa.

Tutto come sempre è andato alla perfezione. Ma andiamo per ordine. La prova della Juventus è stata una prova di spessore, una prova da grande squadra. Sin dalle prime battute si era capito che non era la solita Juventus che siamo abituati a vedere in campo europeo. Era una squadra agguerrita, una squadra determinata a far sua la partita, con i ragazzi tutti concentrati sull’obiettivo della vittoria. L’approccio alla gara è stato questa volta quasi perfetto. Tranne che in due occasioni quando abbiamo nuovamente imprecato, per il resto la squadra è stata praticamente cinica e perfetta. Questo nuovo modulo ci permette di stare tranquilli e rischiare poco anche all’estero e soprattutto di poter ambire ed osare a qualcosa in più, di un semplice raggiungimento degli ottavi di finale. Noi siamo convinti che questa squadra con due anni in campo europeo di esperienza in più, con un Tevez in queste condizioni, con questo nuovo modulo e soprattutto con qualche giusto innesto a gennaio ed il recupero di uomini fondamentali come Caceres e Barzagli in primis e Vidal poi, possa davvero recitare un ruolo da assoluta protagonista anche in Europa. Crediamoci tutti assieme, ma nel frattempo ci godiamo questi risultati e soprattutto il quasi passaggio al turno successivo. Peccato per il rigore sbagliato da Vidal contro l’Olympiacos a Torino. Oggi avremmo potuto festeggiare la qualificazione matematica al turno successivo. Il 2-0 di Malmo con le reti di Llorente e Tevez, due splendidi marcature della coppia gol juventina, ci permette adesso di poter in casa gestire la qualificazione che arriverebbe anche con un semplice pareggio. Ma noi siamo la Juventus è dobbiamo provare a ribaltare l’Atletico e magari riuscire a vincere con due gol di scarto per poterci qualificare in extremis come primi del girone. Sarebbe fantastico, ma ci accontenteremmo anche di arrivare secondi. L’importante sarà non correre rischi e mettere subito al sicuro il risultato da sgradite sorprese. Gli spagnoli non ci regaleranno nulla, questo lo sappiamo, ma abbiamo il grande vantaggio di giocare in casa in uno stadio tutto esaurito da giorni! (Anche noi abbiamo già allestito e completato un pullman da 55 posti, oltre ai tanti che raggiungeranno Torino in aereo)!

Che gioia e che soddisfazione, mercoledì sera per il popolo gobbo, per i veri tifosi come noi. Sapere che tutti i tirapiedi erano collegati davanti alle Tv, per noi questo, non aveva prezzo alla fine, immaginare le loro facce sconvolte, immaginarli con il bruciore di stomaco, con le “pizze” di traverso e mal digerite….ahahahahahahahah…che ridere!

Al Club scene di gioia e di giubilo per questa importantissima affermazione. Una vittoria all’estero in Champions ci mancava da ben 21 mesi (A Glasgow l’ultima vittoria). Dal dopo Atene qualcosa è cambiato nella squadra, ora rivediamo negli occhi dei nostri ragazzi, quella giusta cattiveria e quella fame di vittorie che ha contraddistinto gli ultimi tre anni di questo gruppo! Ma adesso dobbiamo lodare e onorare al meglio la trasferta dei nostri soci, ben 7, saliti su nella freddissima Svezia per essere come sempre facciamo, al fianco della nostra amata squadra! Giuliano Zefferino, Giuseppe Di Serio, Riccardo Dell’Olio, Marco Di Vincenzo, Gregorio Del Giudice, Gianni Zagaria e Gaetano Maddalena. Una bella squadra, un mix di esperienza e juventinità allo stato puro. Nuova e Vecchia Guardia, tutta gente molto legata al Club, tutta gente con un senso di appartenenza incredibile! Partiti martedì sera da Bari per Budapest in Ungheria, dove hanno sostato una notte (e che notte…) assieme ai nostri amici dei RUJ i ragazzi ungheresi juventini, capitanati dal loro leader Blas. Gli hanno accolti ed ospitati nella loro terra in maniera egregia. Fiumi di birra prima e grappa poi scorrevano a go-go. Poi esausti e soprattutto alticci….hanno avuto l’opportunità di poggiarsi al caldo in una camera in attesa del mattino quando tutti assieme con gli ungheresi si sono imbarcati sul volo diretto BUDAPEST – MALMO. Cori ed entusiasmo alle stelle sin dal loro arrivo in Svezia. Ritirati subito i biglietti presso l’Hotel della squadra, hanno preso possesso delle loro stanze, in attesa anche del Gruppo Bassa Valle ed Aosta, i quali alloggiavano tutti nello stesso albergo. Che comitiva….che squadrone….Poi mega mangiata e altra mega bevuta, per poi prepararsi a raggiungere il ritrovo in Piazza Lilla Torg con tutti gli altri veri gobbi come loro che hanno raggiunto la Svezia. Alle 19 circa in corteo per 3 km sono stati condotti verso lo stadio. Nel frattempo ci raccontavano delle bellezze locali…..non aggiungiamo altro…

Appena dentro al Settore Ospiti, si posizionano sopra TRADIZIONE, quasi dietro alla porta alla sinistra. Ad inizio ripresa il giusto premio per loro che hanno compiuto sacrifici fisici ed economici pur di essere li: una inquadratura da sballo dalle telecamere della Mediaset (eccoli nella foto articolo, tratta proprio da un fermo immagine sulla Tv), che hanno onorato tutto il nostro Club, punto di riferimento per tanti. La costanza che ci mettiamo nel seguire la Juve in ogni dove, nel bene e nel male è stata ancora una volta premiata! Tifo degli svedesi davvero bello ed assordante, clima all’esterno tutto tranquillo, saluti con le SOLITE FACCE, sempre presenti! Dopo la partita ancora una bella bevuta di birra per poi crollare ed andare finalmente a nanna. Adesso mentre vi scriviamo sono già di rientro i nostri 7 EROI scandinavi! Complimenti ragazzi ed un applauso a Giuliano per aver organizzato il tutto alla perfezione. Nuove leve crescono!

Nemmeno il tempo di rifiatare che già è tempo di ripartire questa volta per una sfida molto sentita da tutti noi, il DERBY con i granata. In ben 22 saliranno su, tra aerei e pullman in collaborazione con il Gruppo di Montescaglioso e Bernalda. Benissimo, un buon numero per una partita del genere. Tommy Moscatelli e Massimo Matera i nostri condottieri, con Roberto, Andrea e Giorgio immancabili, oltre ad una vecchia guardia di tutto rispetto!

AVANTI JUVENTUS…AVANTI JUVENTUS CLUB ANDRIA…..AVANTI VERSO LA PROSSIMA VITTORIA!

VINCERE IL DERBY: IMPERATIVO D’OBBLIGO! 

 

 
 
APPLAUSI PER I NOSTRI A MALMO
 
Eccoli qui ritratti a fine partita i nostri soci (dietro la "pezza") nel settore con lo stadio alle spalle, che partiti da Andria hanno raggiunto anche la fredda e distante Malmo in Svezia. Tappa a Budapest dagli amici ungheresi per poi tutti assieme volare su Malmo. Riccardo e Marco hanno invece optato per un volo su Copenhagen da cui hanno poi attraversato in treno il ponte che collega la capitale danese alla Città svedese. Cosa non si fa pur di raggiungere in ogni dove la Juve. Per noi che seguiamo la Juve dal Sud Italia è sempre un impresa trovare i voli, le coincidenze possibili ed inimmaginabili....Anche la Svezia è stata toccata dal nostro Club! Arriviamo in ogni dove, prendendoci sempre tanti attestati di stima dai tanti amici di curva. Applausi per questi ragazzi (alcuni non proprio ragazzi ...) che ci hanno rappresentato li, nell'ordine della foto da sinistra a destra ecco MARCO DI VINCENZO, RICCARDO DELL'OLIO, GAETANO MADDALENA, GIULIANO ZEFFERINO E GLI "IMBACCUCCATI" FREDDOLOSI GREGORIO DEL GIUDICE, GIUSEPPE DI SERIO E GIANNI ZAGARIA!
GRAZIE DI CUORE A VOI TUTTI RAGAZZI!
 

 
 
SPENNATA L'AQUILA
 
Mai avremmo immaginato una ripresa del campionato così agevole per la nostra Juventus. La nostra squadra era attesa da una trasferta molto ostica in casa degli aquilotti laziali che ci hanno sempre dato del filo da torcere, anche se non riescono a batterci in campionato da tantissimi anni. Ci aspettavamo una gara difficile, dura, in una giornata in cui si temeva addirittura di perdere punti sulle avversarie che inseguono, ed invece ad eccezione della Roma, che seppur a fatica è riuscita comunque a mantenere invariato il distacco di tre punti dalla Juve, le altre hanno perso ancora terreno da noi, determinandone di fatto, la conferma che la corsa per lo scudetto a questo punto, salvo clamorose sorprese, sarà un affare di Juventus e Roma.
Ma torniamo alla gara dell'Olimpico di Roma, che registrava un pienone di tifosi juventini al seguito. E' davvero incredibile che quando si va a giocare in casa Lazio, la Juve abbia tutto questo incredibile seguito in ogni settore dello Stadio. Davvero per lunghi tratti della partita sembrava di giocare in casa. Alle reti bianconere il boato che si levava nel cielo di Roma era un qualcosa di straordinario. Ancora una volta oltre al Settore Ospiti tutto esaurito, siamo riusciti ad occupare quasi per intero la Curva Sud. Spettacolo sugli spalti è spettacolo in campo con la Juventus che ha letteralmente strapazzato prima, per poi spennare poi, l'Aquila Laziale che alla fine ha fatto davvero una magra figura al cospetto di una JUVENTUS praticamente perfetta con questo nuovo modulo che prevede lo schieramento della difesa a 4. Davvero la squadra sembra aver metabolizzato al meglio questo nuovo assetto che la rende più sicura in difesa e soprattutto più cinica ed imprevedibile li davanti. Molti uomini sembrano trovarsi a meraviglia con questo nuovo schema di gioco. Noi continuiamo a non esaltarci, continuaimo a pensare che le diffioltà sono sempre dietro l'angolo, ma abbiamo iniziato a pensare che effettivamente la squadra abbia ben digerito il cambio di guida tecnica che poi si sta rivelando all'altezza di chi c'era prima. Certo solo un eventuale vittoria del campionato potrebbe farci del tutto cambiare idea sul nuovo allenatore, ma per lo meno oggi possiamo dire che iniziamo anche noi ad osservarlo in maniera diversa da come lo osservavamo sino a qualche settimana addietro. 3-0 il finale dell'Olimpico con la partita che non è mai stata in discussione, con la Juventus che non ha praticamente mai sofferto le iniziative biancocelesti, che sin dall'avvio della gara si è avuta l'impressione di una netta superiorità tecnica e territoriale. Doppietta di Pogba, davvero un fenomeno questo ragazzo e rete poi del solito Carletto TEVEZ, alla sua nona marcatura in campionato, sempre più capocannoniere di questa squadra che ci stupisce sempre più di anno in anno.
Dobbiamo ammettere che la Juve subito dopo la squallida prova di Genova, ha iniziato a cambiare marcia, ha ritrovato quella grinta e cattiveria che hanno contraddistinto le ultime stagioni, ha in pratica ritrovato quella fame di vittorie che hanno reso questo gruppo invincibile. Adesso ci attende la prova del nove con la trasferta difficilisima in casa del Malmo. In Svezia la squadra dovrà dimostrare di aver davvero intrapreso la strada giusta per un cammino sicuro anche fuori dai confini nazionali. Non bisognerà per nulla sbagliare l'approccio alla gara. Li conterà soltanto vincere per avvicinare sempre più quel traguardo chiamato OTTAVI DI FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE, che suonerebbe come uno schiaffo senza mani a tutti i nostri cari tirapiedi che puntualmente si ritroveranno dietro una pizza....(ahahahahahaha).MANDIAMOGLIELA DI TRAVERSO!
Applausi alla squadra, praticamente perfetta, ma applausi anche a questo nuovo e sorprendente acquisto chiamato ROBERTO PEREYRA, davvero un crescendo di prove maiuscole questo talentuoso ragazzo argentino. AVANTI COSI'.
La trasferta a Roma contro la Lazio è stata da noi organizzata come sempre in pullman. Un comodo autobus con 37 persone a bordo. La partenza da Andria alle ore 11,00 del mattino. Praticamente tutti puntuali questa volta. Prima di partire, colazione d'obbligo al nostro Bar Fantasy, che ci ha anche offerto un mega vassoio di pasticcini che hanno deliziato il viaggio di tutti i presenti. A condurre la comitiva verso l'Olimpico di Roma Luigi Sassi l'autista ufficiale del nostro Club, con il Presidente Nicolamarino, Andrea Leonetti e Giuliano Zefferino, sempre più l'alter ego del ns. per ora "insostituibile" segretario. Una comitiva di soci molto tranquilla con tantissime facce nuove. Da segnalare anche la partenza da Andria anche di una auto con quattro soci a bordo che per ragioni lavorative non potevano partire presto in pullman. Insomma una presenza di tutto rispetto , quella fatta dal nostro Club in quel di Roma. Viaggio molto bello tra il vinello di Vito e Carlo Balducci e i pasticcini offerti da Peppino Paparusso e distribuiti dal ns. Presidente. A Roma Nord giungono in perfetto orario alle ore 17. Riescono grazie all'aiuto di un funzionario della Digos di Roma di origini coratine, ad entrare nel primo blocco di pullman scortati verso lo stadio, dove giungono finalmente, rispetto agli ultimi anni, in largo anticipo rispetto all'inizio della partita. Si posizionano con la pezza, in un settore ancora praticamente vuoto, tutti al centro, sul bocchettone/ringhiera di entrata nel Settore al fianco degli amici dello JC ROMA (come da foto articolo), i quali giocavano praticamente in casa. Un grazie di cuore va a Carlo e Luca di Roma, che hanno atteso i nostri lasciandoci spazio sulla vetrata centrale. Sempre più grandi amicizie sparse su e giù per l'Italia. Si posizionano tutti li, con Giuliano e Leonardo Addati in prima linea. La partita va alla grandissima, i nostri ci mandano foto e video in continuazione dall'Olimpico. Finisce la gara è già tempo di ripartire. Viaggio di rientro assolutamente tranquillo con arrivo ad Andria alle cinque del mattino. Grazie a tutti coloro che hanno risposto presente anche in quest'altra trasferta. Siamo contenti di aver ricevuto i soliti complimenti per la perfetta organizzazione soprattutto da chi per la prima volta ha viaggiato con noi.
Mentre vi scriviamo siamo già in procinto di ripartire verso una nuova trasferta europea. Per la prima volta nella storia del Club si metterà piede anche in territorio svedese. In sette, un ottimo numero, seguiranno la Juventus da Andria, sobbarcandosi scali, sfidando il freddo del Nord Europa, pur di esserci al fianco della squadra in questa importantissima trasferta. Ancora Giuliano condurrà i ns. soci prenotati verso Malmo. Una bella compagnia anche con due avvocati al seguito (non si sa mai). Buon viaggio ragazzi (Gregorio, Giuseppe, Gianni, Gaetano, Riccardo e Marco).
SIAMO TUTTI CON VOI! NOI NON TI LASCEREMO MAI.
Nel frattempo, ma non avevamo dubbi, puntuale come una tassa è giunto lo sfondamento del tetto delle 400 iscrizioni al club. Siamo adesso attestati a 412 iscritti, un grande risultato in un periodo comunque difficile economicamente parlando e non solo! E' ancora possibile iscriversi, lo sarà sino al 12 dicembre, vediamo dove riusciremo ad arrivare. Intanto grazie a tutti per averci permesso di raggiungere un bel traguardo. Stiamo approntando le tessere e il materiale. Come sempre vi stupiremo. Vi anticipiamo soltanto la realizzazione anche di un calendarietto da tavolo personalizzato da splendide immagini del Club, che ci farà compagnia nel 2015 per dodici mesi.
NON CI FERMIAMO MAI!
JC ANDRIA, UNA SPLENDIDA REALTA'!
  
 

 
 
#HAPPYFACES
 
Eccoli alcuni dei volti felici ritratti al Club domenica pomeriggio nell'intervallo della partita Juventus - Parma. Non per vanto, ma da noi il divertimento è comunque sempre assicurato. Che si vinca (praticamente quasi sempre), che si pareggi o che si perda (quasi raramente), non puoi che uscire soddisfatto, di esserci stato in questo covo digobbacci bianconeri. Davvero una gran bella famiglia, un luogo dove trovi gente di ogni età e sesso, dal professionista all'operaio, tutti uniti dalla forte passione per i colori bianconeri, dove la Juve viene sempre prima di tutto, dove provi le sensazioni che si vivono allo stadio! 
Tutto questo è lo JUVENTUS CLUB ANDRIA. Vieni anche tu tra di Noi. Fai ancora in tempo ad iscriverti. Manca pochissimo per raggiungere e superare le 400 tessere! Un altro gran bel risultato. Grazie a tutti!
Nello scatto ecco un "quintetto" storico: Vito Fiandanese, Savio Ieva, Enrico Ferro, Salvatore Caldarone e Stefano Locantore. 
Se non ci fossero, bisognerebbe inventarli!
#ASPETTANDOCHETORNILAJUVE
#NOIORGOGLIOSAMENTEGOBBI
 

 
 
#SCAMPAGNATATOSCANA
 
Subito dopo Genova, siamo stati impegnati nella trasferta di sabato pomeriggio a Empoli. Era la seconda volta del nostro club nello Stadio Castellani della tranquilla città toscana. Li in quell'angolo di Italia, si vive il calcio come davvero dovrebbe essere vissuto ovunque. In maniera spensierata e tranquilla. In 6 unità, i nostri soci saliti su in auto, hanno rappresentato lo JC ANDRIA anche in quest'altro viaggio. Eccoli nella foto, prima dell'inizio della partita, i soci storici Salvatore Lomuscio e Vincenzo Giannelli al fianco della "storica" pezza da trasferta. Sullo sfondo invece, sugli spalti, s'intravedono benissimo "l'armadio" Giuseppe Tattolo, Giampiero, Sante e Giancarlo Conversano. Un altra bella trasferta documentata da questo simpatico scatto! 
#ASPETTANDOCHETORNILAJUVE 
 

 
 
#WEINGENOA
 
In questa settimana per noi di riposo "forzato", per l'importante sfida della Nazionale contro la Croazia, pubblichiamo degli scatti significativi delle ultime nostre trasferte o, per meglio dire, degli ultimi nostri sacrifici. Eccoci qui nella foto articolo a GENOVA sponda rossoblu, il 29 ottobre scorso, di mercoledì sera! Trasferta importantissima, trasferta fatta solo dai veri tifosi come noi dello JC ANDRIA. Seppur in due sole unità, eccoli ritratti, con tanto di stendardo che rievoca la nascita del nostro club, i nostri Giorgio e Andrea, nel settore ospiti del Marassi!
#NOIORGOGLIOSAMENTEGOBBI 
#ASPETTANDOCHETORNILAJUVE

 

 
 
LA JUVE GRATTUGIA IL PARMA
 
Che domenica d'altri tempi è stata quella vissuta contro il Parma. Sarà stato per il classico orario del calcio che tanto adoravamo, alla domenica pomeriggio, come era consuetidine sino agli anni ottanta, ma è stato soprattutto per il risultato clamoroso, una goleada che nel calcio moderno, almeno qui in Italia è difficile che si verifichi. Alla Juventus non accadeva di vincere per 7-0 addirittura dall' 11 settembre del 1983, dopo oltre 31 anni questo risultato si è nuovamente verificato contro il Parma. Anche domenica come trentuno anni fa sono state tre le doppiette messe a segno. Di Llorente, Tevez e Morata contro il Parma e di Paolo Rossi, Platini e Penzo contro l'Ascoli nel 1983. Quante analogie.Questo 7-0 contro il "povero Parma" è frutto di una Juventus che ha avuto un approccio alla gara, come da tempo non lo si aveva. Una Juve davvero perfetta in tutto. Il nuovo modulo inizia pian piano a dare i suoi frutti. Sembra che i giocatori lo stiano iniziando ad assimilare. Questo però non deve assolutamente farci illudere che tutto possa essere semplice. Il campionato era è resta durissimo. Non solo la Roma continua ad esserci dietro, ma anche il Napoli secondo noi non è assolutamente da considerare fuori dai giochi. Anzi sembrano aver trovato quella continuità che è sempre mancata. Pertanto la guardia deve essere sempre elevata da parte della nostra squadra. Resta il fatto che contro il Parma, davvero grattugiato, come recita il titolo di questo articolo, tutti i calciatori scesi in campo hanno davvero lottato come noi tifosi vogliamo, dal primo all'ultimo minuto della partita. Una squadra perfetta questa volta, forse come non mai in questa stagione. Anche chi è subentrato nella ripresa ha giocato al massimo. Coman e Morata sono davvero due rincalzi, seppure giovani, ma di lusso per questa Juve. Sapere di poter contare sulla loro vivacità, sulla loro freschezza atletica e soprattutto sul loro estro è per noi tifosi gobbi una grande garanzia. Avere 28 punti, gli stessi della scorsa stagione a questo punto del campionato è davvero un incredibile risultato per una squadra che ha cambiato allenatore. Miglior attacco, miglior difesa, 24 vittorie consecutive in casa, da quasi 12 mesi in testa ininterrottamente alla classifica. Numeri da far arrossire chiunque dei nostri avversari! 
Il bello è stato anche che, alcuni di questi (tirapiedi), non hanno potuto dire nulla, considerando sempre i loro pessimi risultati (ci riferiamo a quelli de "il meglio deve ancora venire"...ahahahahah), in quanto proprio nella settimana precedente erano stati capaci di perdere contro questo Parma, puniti, guarda caso, proprio da uno juventino come Paolino De Ceglie! 
Detto delle tre doppiette, dobbiamo segnalare anche la rete di Lichsteiner. Un grandissimo gol il suo! Ma non potevamo non parlare della rete di Carlitos Tevez, quella del 4-0, un coast to coast dalla nostra metà campo sino all'area di rigore avversaria, saltando ben 4 avversari in velocità e lasciando immobile ed impietrito il portiere ospite che ha potuto solo raccogliere la palla dal fondo della rete. Apoteosi per questo grande campione degno erede della maglia n. 10 che indossa. Proprio ieri l'indimenticabile ALESSANDRO DEL PIERO ha compiuto 40 anni, con striscioni a lui dedicati ed un coro della CURVA SUD che non sentivamo da quel giorno in cui lui salutò definitivamente la sua gente! Auguri Alex, leggenda unica della storia bianconera! Brividi.
UNA BELLA TRASFERTA
Anche contro il Parma la pattuglia di nostri soci su allo Stadium è stata di tutto rispetto. Ben 17 i soci che hanno risposto presente, quasi tutti alla loro prima presenza a Torino. Un furgone da 9 posti, (con ben dodici persone a bordo....) condotto dal grande Sabino Miccoli, lui oramai un veterano delle trasferte allo Stadium, oltre ai 5 soci saliti in aereo. Bello l'aver potuto regalare una grande gioia e soddisfazione a 6 bambini, figli dei soci saliti su. Miglior partita non potevano scegliere. Li abbiamo sentiti gasati e galvanizzati. Partiti da Andria alle 21 di sabato sera, sono giunti alle 8,00 del mattino, in tutta tranquillità e dopo diverse soste in Autogrill. Subito si sono recati in visita allo Stadium e al Museum. Poi alle 13,30 l'appuntamento con chi arrivava in aereo. Roberto e Andrea, i fratelli Nicolamarino, oramai degni eredi del padre, Cavaliere con suo figlio e Figliolia alla seconda presenza. Appena tutti pronti alle 14 entravano dentro per andare a sistemare lo striscione casalingo al solito posto. Poi tutti assieme e compatti hanno assistito alla gara o meglio allo Juve Show. 
Eccoli nella foto dell'articolo, a fine partita, felicissimi, con tanto di striscione esposto, a testimonianza del loro orgoglio di appartenenza al Club. Grazie di cuore per quest'altra numerosa partecipazione di soci ad una partita non di cartello. Ma per noi oramai non esiste più la differenza di importanza tra le varie gare. Nicola Quacquarelli un altro dei soci presenti, a fine partita, ci ha detto di aver vissuto una giornata che difficilmente potrà rimuovere dalla sua memoria. Sentirselo dire da un uomo di quasi 50 anni è davvero una gran bella soddisfazione. Un grazie di cuore va a loro che hanno deciso di partire in furgone, pur stante le avverse condizioni meteorologiche su gran parte dell'Italia. Alle 6,00 di lunedì mattina erano già di rientro ad Andria, pronti per affrontare una giornata di lavoro.
PROSSIME TRASFERTE DI FINE NOVEMBRE:
A Malmoe in Svezia chiuse le prenotazioni a 7 soci. Un altra bella pattuglia. Con la Lazio stiamo allestendo un pullman. Ad oggi già quasi 25 persone a bordo. Forza andiamolo a riempire tutto. Contro il Toro per il derby oltre a chi viaggerà in aereo, ci sarà anche la possibilità di partire comunque con un mezzo organizzato. Speriamo di riuscire nell'allestire un pullman.   
NOI CI SIAMO SEMPRE AL SEGUITO DELLA JUVE!  JUVENTUS CLUB ANDRIA: MENTALITA' E PASSIONE!   
 

 
 
ANCHE IL CARDINALE BERTONE E' UNO DI NOI
 
Nel corso dell'ultimo weekend è giunto ad Andria il Cardinale Tarcisio Bertone, per le celebrazioni del bicentenario dalla nascita di Don Bosco. Bertone, nato a Romano Canavese in Piemonte nel 1934, facente parte dell'ordine dei salesiani è stato anche Segretario di Stato al Vaticano. Molti di voi si chiederanno cosa avesse a che fare con Noi il Cardinale. Bene, vista la vicinanza della sede del nostro club, dall'Oratorio dei Salesiani di Andria, abbiamo preso contatti con Don Mimmo il direttore, il quale seppur a "malincuore" vista la sua fede "granata" ha dovuto dir di si affinchè una nostra delegazione potesse incontrare per un saluto il Cardinale Bertone. Ma ancora molti non staranno capendo il motivo. Bene per chi non lo sapesse, Bertone è un grandissimo sostenitore della nostra amata Juventus. Diversi i suoi incontri al Vaticano con i dirigenti e alcuni componenti della squadra in occasione delle diverse visite papali. Nel corso dell'incontro il Cardinale Bertone ha salutato sorpreso la ns. delegazione, raccontando loro di quando fece da telecronista per una emittente del Nord per la gara Sampdoria - Juventus. Fu presente di recente nella Tribuna dello Stadio Olimpico per la finale di Coppa Italia giocata contro il Napoli, nell'anno del primo scudetto di Antonio Conte. Insomma per un grande tifoso juventino che veniva qui ad Andria, non potevamo che accoglierlo nel migliore dei modi. A fine incontro il Cardinale Bertone si è lasciato immortalare con il nostro "famoso" striscione con il quale seguiamo la Juve in ogni dove!   
P.S. La sua benedizione al nostro Club, ha sortito subito degli effetti immediati....un 7-0 della Juve in campionato non lo si vedeva da ben 31 anni!
Un altra bella pagina di storia per lo JUVENTUS CLUB ANDRIA!

 

 
 
DALL'INFERNO AL PARADISO
 
La serata vissuta martedì sera in Champions League, difficilmente noi tifosi gobbi la dimenticheremo, soprattutto se quella gara poi, risulterà essere decisiva ai fini della qualificazione agli ottavi di finale. Contro l'Olympiacos la Juventus si giocava una intera stagione. Non vincere quella partita sarebbe stato devastante sia per l'umore di noi tifosi che per quello della squadra. Stadium quasi esaurito. In 39.000 sugli spalti a sostenere sotto una abbondante pioggia la Vecchia Signora con gli oltre 2.000 greci, dai quali, sinceramente, ci si aspettava molto di più. Al 21 minuto del primo tempo Andrea Pirlo, schioda il risultato mettendo in rete, su punizione, una palla la cui traiettoria disegnata è stata davvero straordinaria. Magic Andrea (Grazie Galliani, Grazie Berlusca.....alla faccia di chi al suo primo anno alla Juve...."scriveva convinto".....tanto durerà al massimo 6 mesi....ahahahahahahaha). Nemmeno il tempo di gioire, di stare più rilassati che la nostra difesa (Chiellini con la complicità di Buffon) confeziona un pacco regalo per i greci, anticipandone a tutti gli effetti, il Natale. 1 - 1 e tutto da rifare. La Juve sbaglia incredibilmente ben 5 nitide e facili occasioni. Assurdo. Il pubblico si spazientisce ma continua ad incitare la squadra. Nella ripresa ti aspetti una Juve all'arrembaggio ed invece ecco la tragedia (greca). L'Olympiacos al 16 minuto si porta incredibilmente in vantaggio, ancora per un gentile regalo della nostra difesa (questa volta Bonucci). Cala il silenzio, tutti restiamo di ghiaccio. Iniziamo a pensare che l'Europa per noi rappresenti una sorta di maledizione che si manifesta in ogni occasione, in tutti i modi. In quel momento, credeteci, veniva difficile poter pensare positivo, poter pensare che la Juve sarebbe stata così ferita nell'orgoglio che di li in poi avrebbe poi avuto una reazione positiva che l'avrebbe portata a trionfare! Eravamo depressi, incazzati, smarriti ed increduli! Non facciamo difficoltà ad ammetterlo. Noi siamo veri tifosi, non occasionali come molti altri! Dopo soli 4 minuti di orologio, nel corso dei quali siamo stati tutti in apnea, quasi morivamo, ecco la fortuna che inizia a darci un primo segnale. Colpo di testa di Llorente che colpisce il palo, con la palla che però sbatte sulla gamba del portiere greco e carambola in rete. 2 - 2, con ben 25 minuti più recupero ancora da disputare. Ci rianimiamo tutti, ricominciamo a crederci, iniziamo a credere che forse la maledizione in Europa sia davvero terminata con quel gol beffardo di Llorente. Ma nemmeno il tempo di pensare a tutte queste situazioni che Pogba, ancora un "San Paolo".....spezza l'incantesimo, mettendo in rete una palla con un tiro secco ed angolato! Delirio allo stato puro. Nuovamente. Spettacolo sugli spalti. Goduria estrema. Poi si ricomincia a soffrire ogni qual volta i greci si riaffacciano nella nostra area. Si teme tutto e tutti. La Juve, sbaglia ancora altri gol della sicurezza ed addirittura anche un meritato e giusto calcio di rigore, fallito da Vidal con la palla che sbatte contro la traversa. Finisce la gara con la vittoria della Juventus per 3-2, una vittoria che riporta la Juve a pari punti in classifica con l'Olympiacos, una classifica aggiustata rispetto alle 20,44 e soprattutto rispetto alle 22,01 quando la Juve e noi tutti tifosi ci ritrovavamo all'Inferno. Adesso non è certamente finita qui. Bisognerà vincere le prossime due partite o forse potrebbero bastare anche 4 punti per poter restare in PARADISO! 
Non è assolutamente dispiaciuto il modulo proposto dall'allenatore, il 4-3-1-2 che andrà ovviamente perfezionato nei movimenti e nei meccanismi, ma che siamo certi potrà darci maggiore slancio e maggiore solidità sia in campionato ma soprattutto in Europa. Del resto con il rientro prossimo di uomini in difesa del calibro di Caceres e Barzagli si potrà con maggiore fiducia puntare ad un definitivo cambio di modulo. 
Avanti Ragazzi noi ci crediamo!
AL CLUB: Battuto il record di presenze stagionali che si era registrato contro il Malmo. Un pienone pazzesco! Tutti belli carichi, tutti pronti ad esultare come matti per una vittoria che era tanto attesa e tanto voluta! Che Club ragazzi che abbiamo! Sul 2-1 per i greci sono volate parole grosse, c'è stata tanta incazzatura, comprensibile e giusta, c'è stato smarrimento, ma poi dopo soli 5 minuti tutto è tornato a posto, ci si è ritrovati l'uno sull'altro, per una gioia indescrivibile. Il boato di "quelli di Via Enrico Dandolo"! Ancora una volta abbiamo ruggito come si deve. Allo svantaggio in diversi hanno preferito uscire fuori per stemperare la tensione, non rientrando più, nemmeno dopo i due gol della Juve. Alla fine poi apoteosi, la rabbia e la tensione agonistica si andavano man mano sciogliendo. Dopo quest'altra gara, possiamo dire che adesso l'obiettivo di raggiungere le 400 tessere al Club non è più una chimera. Siamo sulla buona strada, ci stiamo avvicinando di gara in gara. Chi vuole farlo, ricordi che è ancora possibile sino a fine mese di novembre. Sosteniamo tutti assieme questa splendida realtà chiamata JUVENTUS CLUB ANDRIA! La cosa più bella del nostro club? il vedere sempre più donne e bambini frequentare con abitudine la sede in occasione delle partite! 
I TIRAPIEDI: Dai per una volta vi facciamo sentire importanti! Si segnalavano in Città, diverse macchine con a bordo i "c.d." tirapiedi (sfigati) che non potendo assistere alla gara in Tv si sono ridotti ad ascoltare la partita per radio in auto, consumando benzina e rientrando poi a testa bassa nelle loro abitazioni! Poveri frustrati! Per non parlare poi di quelli che si ritrovano puntualmente ad assistere alle gare della Juventus in Europa, mangiando "pizze a tradimento"......questa però gli è andata giù di traverso. E' acclarato: vivono in funzione "nostra". Mentre noi da sempre viviamo in funzione solo della nostra JUVENTUS! Ma NOI siamo NOI per l'appunto! 
LA TRASFERTA A TORINO: Quella contro i greci è stata una trasferta non molto numerosa da parte dei nostri soci. In 13 sono saliti su a Torino. Come sempre però non siamo mancati. Due in treno e tutti il resto in aereo, chi su Torino con pernottamento obbligato, chi su Orio e con auto a noleggio ha fatto la spola verso lo Stadium per poi rientrare nella notte, verso lo scalo bergamasco. Si sono ritrovati tutti sotto la pioggia verso le 19,30 nel piazzale della Curva Sud, per poi fare ingresso verso le 19,45. Ancora una volta il trio rivelazione, Andrea, Giorgio e Roberto con la collaborazione di Riccardo Alicino, Lorenzo Bruno e Domenico Carbutti, hanno sistemato lo striscione al solito posto al fianco degli amici di GIULIANOVA sezione del Gruppo Tradizione, per poi sistemarsi tutti li dietro, come da foto articolo, scattata dal basso. Bello è stato ricevere i messaggi di nuovi soci come i fratelli Piazzolla, Sebastiano Carlucci e Tesse che si congratulavano con noi per la perfetta organizzazione! 
Adesso si riparte nuovamente per Torino. Domenica pomeriggio allo Stadium arriva il Parma. Noi come già fatto contro il Palermo saremo presenti su in maniera numerosa. Tutti in Curva Sud in 17!Un grazie a Sabino Miccoli per aver organizzato un pullmino da 9 con ben 12 persone a bordo.....(ahahahahahaha). Tanti soci che si muoveranno su a Torino per la prima volta, come Nicola Quaquarelli, come Domenico Loconte, come Claudio Sinisi. Gli altri salgono su in aereo per poi tutti ritrovarsi fuori ancora una volta agli ordini di Andrea e Roberto! Un altra bella trasferta che vedrà anche diversi bambini presenti. Siamo felici di riuscire ogni maledetta partita a muovere diversa gente al seguito della Juve indipendentemente dall'avversario di turno!  
SORPRESONA: GIGI BUFFON CI SALUTA
In una tranquilla serata di giovedì ci arriva tramite watsapp un video messaggio niente poco di meno che del nostro capitano GIGI BUFFON. Artefice del tutto una ragazza di Andria, fortemente gobba, legata ad un nostro socio storico FIANDANESE, che lavora nell'ambito di Expo 2015 a Milano. Questioni legate a sponsorizzazioni del Gigione Nazionale ed ecco che la nostra LEI s'imbatte in LUI. Gli chiede se conoscesse la realtà del nostro Club....è lui di tutta risposta gli risponde "ma certo che si...sono davvero grandi ed incredibili per come ci seguono". Poi gli chiede se potesse inviare un saluto in un video messaggio. Lui si mostra gentilissimo e per ben 25 secondi si fa riprendere sorridente e disponibile. "Vi seguo sempre con lo striscione ANDRIA...."  questo il passaggio più emozionante del video. Ovviamente in chat tra tutti noi fedelissimi del club si è scatenato un entusiasmo incredibile, nel vedere Gigione rivolgersi a noi tutti.  Questo non fa altro che aumentare l'autostima del nostro Gruppo. Siamo sempre più una grande realtà conosciuta da tutti!  
JUVENTUS CLUB ANDRIA: DAL 2003 ORGOGLIOSAMENTE GOBBI
 

 
 
JUVE POCO BRILLANTE, MA MOLTO PRATICA
 
Innanzitutto ci preme iniziare questo articolo, scusandoci con Enzino Maresca, l'ex centrocampista bianconero, ora in forza al Palermo e che domenica scorsa è tornato a Torino dopo ben dieci anni dalla sua ultima stagione in bianconero! E' stato accolto come è giusto che venisse accolto, lo abbiamo fatto sentire ancora UNO DI NOI, perchè lui da quella sera del 24 febbraio 2002 è entrato di diritto nel cuore di ogni vero tifoso Gobbo! Segnare una rete ai granata, che valse il pareggio, all'ultimo minuto e mimare il segno delle corna del toro è stata una goduria immensa che ancora oggi dall'altra sponda del Pò ricordano come se fosse ieri! Buona fortuna Maresca!
Torniamo all'attualità che rivede la nostra JUVENTUS nuovamente avanti in classifica di tre lunghezze sulla Roma. Nella giornata di TUTTI I SANTI, un Santo in particolare ha primeggiato su tutti: SAN PAOLO!.....Vi starete giustamente chiedendo il perchè....Nel pomeriggio allo Stadio "San Paolo" di Napoli si è registrata l'ennesima debacle stagionale di quella Roma che a fine agosto aveva già vinto lo scudetto....come sempre! In serata poi a Parma è stata la volta di "San Paolo" De Ceglie, il nostro giocatore in prestito ai gialloblu che ha incredibilmente castigato, con una clamorosa  doppietta, la banda de..."il meglio deve ancora venire".....Insomma un compleanno per la nostra JUVENTUS, praticamente perfetto, che ad Empoli ha spento 117 candeline con una vittoria importantissima per 2-0 sui toscani. Una Juventus, come recita il titolo dell'articolo, per nulla brillante, che ha lasciato molto a desiderare, che ci ha fatto arrabbiare e non poco nel primo tempo e sino alla rete su punizione di Andrea Pirlo. Poi abbiamo ringraziato, giusto per rimanere in tema di Santi, anche San Gigi Buffon che ha letteralmente evitato il gol del pareggio dell'Empoli per poi ringraziare Alvaro Moratache con una gran rete ha messo al sicuro il risultato. Insomma alla fine, la cosa che più contava in questa trasferta in terra toscana, sulle colline empolesi, era vincere dopo la beffarda sconfitta di Genova, mal digerita da noi tifosi! Resta comunque una prestazione davvero opaca e poco convincente della squadra, poco brillante con una manovra lenta e prevedibile e con alcuni uomini chiave in condizioni davvero precarie. L'augurio è che questa prestazione, possa semplicemente essere dettata dal fatto che la squadra fosse tutta concentrata all'importantissima sfida di martedì sera a Torino contro i greci dell'Olympiacos, dove servirà vincere ad ogni costo e dove non si potrà minimamente pensare di giocare come contro l'Empoli. 
Anche al Castellani di Empoli il nostro Club è stato presente come sempre facciamo ovunque giochi la Juve. Effettivamente quello che siamo capaci di fare oramai da tanti anni ci sorprende anche a noi, ogni volta di più. Avere sempre qualcuno pronto a partire per una qualsiasi trasferta, in ogni santo giorno della settimana è un qualcosa di incredibile. In pullman o in aereo, in treno, in furgone o in auto, poco importa, quello che conta è che la nostra presenza ci sia sempre al fianco della Juve. Siamo una bella realtà e la stima e le amicizie conquistate in tutti questi anni di militanza, sono la cosa più bella che possa esserci! Mentre si raggiungeva Empoli in auto arrivavano messaggi da parte degli amici del Club di Roma e del Nord Est Bianconero i quali, nel complimentarsi con noi per quello che facciamo ogni maledetta partita, ci dicevano che alla fine, sono sempre le SOLITE FACCE ad esserci sempre in ogni dove! Per carità ad Empoli c'erano davvero tantissimi tifosi juventini arrivati da ogni dove, trasferta da "occasionali". Era impressionante vedere quanto fosse pieno il settore ospiti con decine e decine di pezze, striscioni e stendardi di ogni dove. Vedere di questi tempi i settori ospiti di altre grandi squadre desolatamente vuoti e vedere i nostri, bene, la differenza, è davvero abissale. 
In 6 i nostri soci presenti ad Empoli con Salvatore Lomuscio, Sante Tricarico, Giancarlo Conversano, Vincenzo Giannelli e suo suocero Giampiero e Giuseppe Tattolo. Una comitiva tranquilla e molto affidabile. Partiti quasi alle nove da Andria sabato mattina, hanno effettuato la prima sosta solo a Roma Sud, poi un altra ad una cinquantina di km da Firenze per poi dirigersi a Empoli in assoluta tranquillità e dove sono arrivati alle 16,00 del pomeriggio. Lasciano il mezzo a noleggio fuori dalla zona stadio per evitare tutto il traffico del dopo partita e si incamminano in una piacevole passeggiata con vista sulle colline del tipico paesaggio toscano, insomma una scampagnata sulle rive dell'Arno come il carissimo Sante l'ha definita in un suo commento post-trasferta. Arrivati nel piazzale antistante il settore ospiti i nostri vengono accolti dall'allegra comitiva del Gruppo Bassa Valle, decisamente su di giri con i quali inizia la solita "caciara" da stadio. Assieme, entrano nella Curva Ospiti, già abbondantemente piena e vanno a sistemarsi praticamente a confine con la Gradinata dei tifosi empolesi, all'altezza della bandierina del calcio d'angolo dove posizionano come sempre, le pezze l'una al fianco dell'altra, oramai un binomio perfetto (come da foto articolo)! Qualche minuto prima che la gara finisse, mentre la Juve attacca dalle immagini in diretta vediamo il Grande Salvatore farsi notare sulla recinzione con la pezza tenuta a mano e sventolante in segno di vittoria! Se non ci fosse, bisognerebbe inventarlo il caro Salva! Ma sentiamo di ringraziare oltre a Salvatore, anche gli altri presenti che hanno scelto di spendere i propri soldi per una trasferta come questa anzichè per una gara di cartello. Applausi per Sante che si è alternato alla guida con Salvatore. Oramai, possiamo dirlo, "l'acquisto" di Sante tra i nostri soci si sta rivelando utile e prezioso! Alla sua seconda stagione da socio già ha scalato posizioni importanti. Del resto un ragazzo che ti preferisce andare a Chievo e Empoli non può che ricevere solo APPLAUSI! 
Di Pinuccio Tattolo, Giannelli e Conversano non dobbiamo aggiungere altro se non dire "ONORE" alla Vecchia Guardia che non fa mai mancare il proprio apporto! Viaggio di ritorno del tutto tranquillo con i nostri che arrivano alle 3 qui ad Andria, stanchissimi ma stra felici per aver risposto ancora una volta presenti portando alto il nome del nostro Club! 
Martedì sera nuova trasferta a Torino, in 12 saliranno su tutti in Aereo con relativo pernottamento nel dopo partita. Diversi i soci storici presenti da Riccardo Alicino a Lorenzo Bruno e Domenico Carbutti. La nostra nuova guardia, con Giorgio, Andrea e Roberto, sarà su a seguire nuovi e vecchi soci in questa importantissima partita.      
Al Club come detto nel messaggio mattutino del Presidente nella chat del Club, vi vogliamo TUTTI IN TRINCEA, tutti abili ed arruolati. Ci aspettiamo una affluenza di quelle che passeranno alla storia! TUTTI UNITI! Bolgia allo Stadium, bolgia al Club!
DOBBIAMO VINCERE!
JUVENTUS CLUB ANDRIA: SEMPRE AL TUO FIANCO!

 

 
 
SCONFITTA ASSURDA. RIALZIAMO LA TESTA
 

Una partita, quella del Marassi di Genova, che la Juve avrebbe dovuto vincere o che per lo meno, visto che non siamo capaci di capitalizzare le diverse occasioni da rete che in ogni partita si vengono a creare, l’avremmo dovuta almeno non perdere! Invece è accaduto proprio questo. Nell’ultimo dei quattro minuti di recupero concessi, la Juve è stata capace di subire la rete genoana, subendo così una beffarda ed atroce sconfitta. Immaginate un po lo sconforto e la rabbia del dopo partita in noi tifosi. Ci siamo fatti “fregare” come dei polli, dopo aver sfiorato la rete in diverse occasioni durante la partita, vuoi per la bravura del portiere avversario, vuoi per nostra imprecisione, alla fine ci siamo ritrovati addirittura a mani vuote! E’ solo sfortuna? No, diciamo noi. Noi come sempre siamo obiettivi è guardando la gestione dell’intera partita e soprattutto dei minuti di recupero, restiamo alquanto sconcertati. Da Madrid a Genova e passando per Reggio Emilia e Atene, la Juve ha mostrato una involuzione sia sul piano caratteriale che su quello del gioco. Guarda caso, non appena l’allenatore (?????) ha iniziato a metterci del suo! Non vorremmo diventare noiosi e paranoici, ma noi continuiamo a ribadire che questo qui in panchina, non sia stata la scelta migliore! I fatti ci diranno se abbiamo ragione o se, speriamo, abbiamo torto! La squadra spesso, ci appare disorientata, sembra non avere più quella cattiveria agonistica e quel cinismo che ne aveva contraddistinto le ultime tre vincenti stagioni. Adesso ci attendono due sfide troppo importanti: la prima ad Empoli contro i neo promossi toscani da vincere per poter restare in testa alla classifica, la seconda in casa contro l’Olympiacos da vincere per riagganciare il secondo posto del girone in Champions. Qui si tratta davvero di VINCERE o MORIRE!

Molti ci dicono e si chiedono, ma come si fa a contestare un allenatore che è primo in classifica con gli stessi punti della passata stagione? Noi rispondiamo dicendo che guardiamo oltre e soprattutto guardiamo obiettivamente a quelli che sono tanti altri fattori. Se prima non si lasciava nulla al caso, se prima ogni minimo particolare veniva studiato nei dettagli, adesso c’è da mettersi le mani nei capelli al solo ascoltare le conferenze stampa dei pre e dei dopo gara da parte di quello che sarebbe il nostro allenatore. Vogliamo poi parlare delle scelte degli uomini da mandare in campo? Vogliamo poi parlare dei cambi (sempre tardivi) che si fanno nel corso della seconda parte del secondo tempo? No, meglio di no. Potremmo incazzarci ancora di più. Adesso non è assolutamente il momento di farlo. Adesso noi tifosi dobbiamo pensare esclusivamente a sostenere i ragazzi, affinché possano superare i prossimi due ostacoli, soprattutto il secondo. Restiamo uniti, tutti, il momento è troppo importante. LA JUVE SIAMO NOI, sempre e solo Noi, veri tifosi che seguiamo la JUVE in ogni dove, con ogni mezzo, in ogni giorno della settimana, come è stato puntualmente mercoledì a Genova assieme a tutti gli altri che hanno popolato il secondo anello del settore ospite dello Stadio ligure. Applausi per chi come noi c’era! Ancora una volta una trasferta organizzata in appoggio ai ragazzi del Gruppo Bassa Valle e questa volta anche di Aosta. Giorgio Nicolamarino con Andrea hanno raggiunto dapprima Torino, per poi di li andare in treno sino ad Ivrea, punto di ritrovo per tutti quelli che arrivavano dalla zona. Alle ore 16,00, in ritardo, i ragazzi di Aosta sono giunti alla Stazione da dove sono partiti per Genova. Viaggio tranquillo come sempre con tanta “birra” in corpo! Al porto di Genova, hanno come sempre lasciato il furgoncino per montare a bordo dei mezzi locali predisposti dalla Questura locale. Solite facce al seguito della Juve, solite pacche sulle spalle per il nostro Giorgio che inizia oramai a farsi conoscere da tutti! Bravo…bravissimo Giorgio: orgogliosi di te!  Nel settore si posizionano con la pezza ANDRIA 2003 (a chiusura della settimana che ci vedeva festeggiare l’undicesimo compleanno) alle spalle del Gruppo Tradizione in una ringhiera interna al settore (eccoli nella foto dell’articolo). Più volte, sia prima della partita che durante, sono stati inquadrati dalle telecamere di Sky. Questa trasferta per noi Juventus Club Andria, vale più di tante altre messe assieme, perché riuscire ad arrivare ovunque, nei giorni infrasettimanali, con tutte le difficoltà che ci sono è un qualcosa che ti riempie davvero di orgoglio: ANCORA UNA VOLTA NOI ABBIAMO VINTO, LA SQUADRA NO!    

EMPOLI: Pronti, partenza, viaaaa…rieccoci subito in moto per partire verso Empoli. In 6 rappresenteranno il club anche allo stadio Castellani, dove ci rechiamo per la seconda volta nella storia del nostro club. Complimenti a chi partirà capitanati dal grande Salvatore Lomuscio, in queste che sono definite…partite di secondo livello! Per noi non esiste l’avversario, come invece per molti altri, per noi esiste solo seguire la Juve in ogni dove e contro chiunque scenda in campo.

TESSERAMENTO:

Contro il Genoa è stato sfondato anche il tetto delle 350 iscrizioni! Adesso raggiungere l’obiettivo delle 400 tessere non è più un impresa difficile! Noi ci crediamo e vi aspettiamo entro fine novembre dal Club. Grazie a tutti per il sostegno! 

JUVENTUS CLUB ANDRIA TANTI FATTI SEMPRE MENO PAROLE! ONORE A NOI!

 

 
 
LA JUVE "RIALLUNGA" SULLA ROMA
 
La Juventus batte per 2-0 il Palermo è ritorna a + 3 in classifica sulla Roma, fermata sul pareggio dalla Sampdoria nell'anticipo di sabato sera. Ristabilite in pratica le distanze del post scontro diretto. Contava solo vincere è la Juve ci è come sempre riuscita tra le mura amiche per la ventitreesima volta di fila. Una incredibile striscia di successi, come incredibile resta il ruolino di marcia di questo inizio di stagione in campionato che vede la JUVENTUS in testa con ben 22 punti su 24 a disposizione e con un bel + 3 anche rispetto ai punti sin qui conquistati alla stessa giornata dello scorso campionato, il campionato del RECORD! Contro il Palermo non abbiamo visto una grande Juve, ma abbiamo visto degli ottimi segnali di miglioramento da parte di alcuni uomini fondamentali per l'economia del gioco bianconero, come Vidal e Llorente autori tra l'altro proprio delle due reti messe a segno contro i rosa nero. Due belle reti, soprattutto la prima nata grazie ad una grande giocata del solito Carlitos Tevez, autore di un assist al "bacio". Peccato che questa squadra in Europa poi, puntualmente, non riesca ad esprimersi su questi livelli. Non è solo questione di sfortuna, ma anche di approccio alle gare, di una sorta di blocco a livello psicologico. Non possiamo uscire al primo turno della Champions, per il secondo anno di fila, dobbiamo assolutamente passare il turno per rendere ancora più affascinante anche questo campionato, che se dovessimo rivincerlo, obiettivo principale, sarebbe un qualcosa di assolutamente fantastico! L'allenatore che siede sulla nostra panchina, nella conferenza pre-partita contro il Palermo, ha affermato di essersi meravigliato per le "critiche feroci" ricevute nel dopo Olympiacos! Qualcuno dovrà spiegare a questo qui che lui allena la Juve, che quando si perde si resta zitti e basta....invece di star li sempre a rompere le palle, con questi continui "tweet" che utilizza per comunicare. Meno parole più fatti! Adesso sotto con il prossimo turno di campionato contro il Genoa nel capoluogo ligure, una sfida che si preannuncia difficilissima contro un avversario in uno splendido stato di forma e su di un campo da sempre a noi molto ostico. Sappiamo che sarà difficile vincere, ma siamo la JUVE è dobbiamo farlo ad ogni costo. 
TRASFERTA A TORINO CONTRO IL PALERMO
Contro il Palermo una bella pattuglia di soci è salita su da Andria per rappresentare il nostro club anche in quest'altra trasferta. Tutti in curva Sud come sempre, tranne i due soci presenti in Tribuna Family. La maggior parte di loro era alla prima volta assoluta allo JStadium. Tutti saliti in aereo, tranne Leonardo Liso che con altri 3 soci, si è sobbarcato due notti in viaggio con l'auto pur di esserci. Un grazie al "capitano" di questa comitiva, il giovanissimo Giorgio Nicolamarino, oramai colonna portante del club, nonostante la sua giovane età. Alle 13,45 erano tutti radunati sotto la Sud, tranne il ritardatario Antonio Fiore che ha fatto penare, e non poco, tutti gli altri. Alle 14,30 finalmente ed in clamoroso ritardo, sono entrati in Curva per posizionare lo striscione al solito posto, sistemandosi tutti assieme in basso, a sinistra della curva. A fine partita, i nostri soci erano raggianti per un altra vittoria conquistata e si sono lasciati immortalare, quasi tutti assieme (eccoli nella foto dell'articolo), con lo stendardo ANDRIA 2003, a testimonianza che noi DA SEMPRE E PER SEMPRE, c'eravamo, ci siamo e ci saremo, SEMPRE AL FIANCO DELLA JUVENTUS! 
Da Reggio Emilia ad Atene, da Torino a Genova, il prossimo mercoledi', abbiamo voluto "festeggiare" i nostri PRIMI 11 ANNI DI VITA DEL CLUB, portando in giro questa "pezza"! 

SEMPRE PRESENTI
A Genova, nonostante si giochi di mercoledì, sarà la nostra dodicesima trasferta di fila su dodici gare ufficiali della nostra Juve! Cioè vi rendete conto di cosa siamo in grado di fare da oramai tantissimo tempo? Ancora una volta sarà il nostro "stacanovista" Giorgio a rappresentarci li al Marassi! Il ricambio generazionale procede sempre meglio! 
LA NOSTRA PASSIONE NON CONOSCE OSTACOLI! NOI VERI TIFOSI! 
JUVENTUS CLUB ANDRIA: SEMPRE PIU' ORGOGLIOSAMENTE GOBBI!    

p.s. mercoledì sera vi aspettiamo come sempre numerosi al Club per il turno infrasettimanale. Più siamo e meglio stiamo!

CIAO STEFANO, CIAO CRISTIAN
Stefano e Cristian, rispettivamente padre e figlio, erano due grandi tifosi della Roma. Al rientro dallo stadio martedì sera, dopo aver assistito alla partita di Champions contro i tedeschi del Bayern, purtroppo sono rimasti vittime di un incidente stradale che li ha portati via dall'affetto dei propri cari. Assurdo aver visto, in rete, i loro autoscatti, effettuati durante la partita, li in Curva, dove erano sempre presenti. Ora ci piace immaginarli li su in Paradiso, l'uno al fianco all'altro, sorridenti e sempre orgogliosi della loro squadra. In questi casi si va ben oltre la rivalità. Toccante è stata la celebrazione del funerale, dove le centinaia e centinaia di persone presenti hanno cantato l'inno della Roma in loro onore. 
Riposate in pace, veri tifosi come Noi!
JC ANDRIA
 

 
 
QUELLI DEL CASUAL STYLE
 
Dopo la foto scattata dalla nostra rappresentanza in trasferta a Madrid alla Puerta del Sol, ecco i nostri scesi giù ad Atene ritratti in AVISSYNIAS SQUADRE a Monastiraki, nel salotto della città greca, la piazza da cui si vede l'Acropoli arroccato sulla collina. Subito dopo pranzo, eccoli tutti belli sorridenti con tanta "birra in corpo", assieme agli inseparabili amici del Gruppo Bassa Valle. Da notare il loro look per questa trasferta in terra ellenica: completamente casual (non proprio tutti...tra l'incazzatura del ns. Fabio e di Federico dei BV), del resto l'esperienza ultra decennale che oramai abbiamo ci porta a studiare tutto nei dettagli di trasferta in trasferta. Ed è proprio in quella piazza che alcuni greci (almeno in 4) anche loro tutti casual hanno cercato di cogliere impreparati i nostri, ma la loro "alta attenzione" che avevano in tutti gli spostamenti, ha fatto si che gli stessi battessero in ritirata.
Onore a loro per essere scesi li giù ed aver girato per le strade di Atene e del Pireo, non certamente posti tranquilli! Applausi per il nostro Presidente. Anche la Grecia è andata....ora sotto con la Svezia!
IN ITALIA E IN EUROPA CI VEDERAI...E NON TI LASCEREMO MAI!   
 

 
 
SOLO I VERI TIFOSI VINCONO SEMPRE
 
Noi "veri tifosi" della JUVENTUS, abbiamo ancora una volta vinto, la squadra, invece, come troppo spesso accade in Europa, purtroppo No. Ma dei veri tifosi come lo siamo noi, dello JUVENTUS CLUB ANDRIA, al rientro dalla trasferta sul Pireo ad Atene, non potevano che essere ampiamente soddisfatti per essere stati presenti li giù, trasferta non assolutamente facile, trasferta non per tutti! Ecco, la differenza tra il tifoso occasionale (anche quelli di altre squadre) è noi, sta proprio tutta qui: mentre l'occasionale di altre squadre gode perchè la Juventus abbia perso o l'occasionale bianconero sta li a criticare il modulo, i cambi etc. etc.....il vero tifoso gobbo come noi, rientra a casa con il petto in fuori e l'orgoglio di esserci stato anche li, una soddisfazione che va ben oltre quella di una vittoria sul campo. E' inutile spiegarlo, non lo capireste mai, quello che si prova seguendo la propria squadra in ogni dove, in ogni situazione, su ogni campo, soprattutto su quelli difficili come quello del Pireo. Adrenalina pura! Nella splendida foto dell'articolo, tratta da internet, ecco sullo sfondo, il temibile stadio dell'Olympiacos, con il nostro stendardo tenuto ben aperto dai nostri soci, con in testa il Presidente, che ci hanno degnamente rappresentati! In un articolo a parte vi racconteremo poi la difficile e spettacolare trasferta. 
Ma torniamo per un attimo alla partita della nostra Juventus. Una partita fondamentale, una partita che non andava sbagliata, una gara che avrebbe potuto proiettarci versa la tranquillità ed invece nulla di tutto ciò. La Juve ha nuovamente disputato un primo tempo davvero scandaloso, un primo tempo letteralmente regalato agli avversari, come regalata è stata la palla a centrocampo di Pirlo da cui poi è nata la rete per il definitivo 1-0 dei greci, che ovviamente passati all'incasso, hanno prima ringraziato per tanta grazia ricevuta, difendendo poi con tutte le loro forze e anche con un po di fortuna la loro porta dopo! Assurdo che si debba iniziare a giocare come sappiamo, solo dopo che ti rendi conto che il tempo scorre e che un altra sconfitta sarebbe atroce...Se solo si fosse giocata tutta la gara, con la stessa intensità con la quale si sono giocati gli ultimi 15 minuti, bene, siamo certi, che almeno il pareggio lo avremmo portato a casa. Invece no, ci ritroviamo qui a commentare l'ennesima sconfitta in trasferta in campo europeo, dove la nostra squadra incredibilmente si trasforma diventando troppo provinciale. Così non andrà da nessuna parte, così torniamo nuovamente a giocarci l'Europa League che a quel punto preferiremmo lasciarla ad altri, meglio tornarcene proprio a casa, se poi i risultati sarebbero quelli della passata stagione, quando sul più bello (semifinale) abbiamo deciso di non andare più avanti! A mente serena e smaltita la carica di adrenalina che la trasferta sul Pireo ci aveva trasmesso, adesso la delusione serpeggia ovviamente tra di noi. Ma proprio perchè siamo dei veri tifosi, la delusione riusciamo come sempre a mandarla via....ed oggi siamo più carichi che mai e pronti ad affrontare le ultime tre battaglie che ci attendono. Abbiamo nuovamente il destino nelle nostre mani, non dipendiamo certamente dai risultati degli altri. Sappiamo che abbiamo due gare casalinghe ed una in trasferta a Malmoe in Svezia. Già vincere la prossima in casa allo Stadium contro i greci significherebbe tanto, significherebbe ritrovarci nuovamente in corsa, ecco perchè quella diventa per noi la partita chiave, quella che potrebbe nuovamente aprirci le porte verso il Paradiso chiamato Ottavi di Finale. Servirà la partita perfetta, non abbiamo un particolare risultato da dover inseguire, bisognerà semplicemente vincere con un qualsiasi risultato. Ma servirà anche la bolgia dello Stadium che dovrà trascinare in campo i nostri calciatori ed annichilire gli avversari. CREDIAMOCI SIN DA ORA. NOI ABBIAMO GIA' INIZIATO A FARLO. 
Restano però tutte le nostre perplessità sull'allenatore che continuiamo a non sentirlo "il nostro allenatore" che continuiamo a definirlo un allenatore mediocre non da JUVENTUS! Ora testa nuovamente al campionato, dove ci attende un trittico di squadre (Palermo, Genoa e Empoli) che sulla carta potrebbero sembrare delle semplici sfide, ma che se affrontate come il Sassuolo, potrebbero rivelarsi delle trappole pericolose. Domenica contro il Palermo ben 16 soci saliranno su a rappresentare il club in quest'altra partita di campionato. Un numero davvero alto considerando l'avversario. Grazie a Giorgio Nicolamarino che sarà il nostro referente, sia in questa gara e sia nella trasferta successiva a Genova (ragazzo incredibile). Grazie a Riccardo Liso che partirà con altri soci in auto, sobbarcandosi due notti alla guida. Grazie a tutti coloro che saliranno su in aereo, chi dal sabato, chi in giornata alla domenica con scalo su Orio al Serio, insomma ancora una volta saremo numerosi in Curva Sud per sostenere la squadra.
LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI! JC ANDRIA SEMPRE AL TUO FIANCO!

 

 
 
AL PIREO UNA TRASFERTA ADRENALINICA
 
Lo sapevamo che questa trasferta al Pireo nella Città di Atene contro i temibili tifosi greci dell'Olympiacos, non sarebbe stata una passeggiata, non era una trasferta per semplici tifosi, ma un viaggio a cui dei pazzi come noi, non potevano certamente mancare. Giriamo in lungo ed in largo l'Italia da 11 anni, giriamo in lungo e in largo anche l'Europa, ma una trasferta così difficilmente la potrai dimenticare. Andarci poi da "cani sciolti" come noi, con i mezzi pubblici locali non è stata impresa semplice. Li giù eravamo in 8, partiti nella notte tra martedì e mercoledì da Andria in monovolume e diretti all'Aeroporto di Fiumicino. Una comitiva davvero di tutto rispetto a dir poco spettacolare. Alla guida Beppe Cavaliere, con al suo fianco il Presidente Francesco Nicolamarino, carico più che mai. Poi una seconda linea di assoluto rispetto con Massimo Matera, Fabio Attimonelli e Giuliano Zefferino. Ma la terza linea batteva sia la prima che la seconda....le immancabili girls al seguito, divenuta oramai una ns. costanza in tantissimi viaggi, Chiara e Alessia. Vincenzo Suriano invece ci raggiungeva solitario con altra combinazione aerea. Viaggio di andata molto tranquillo, tra una chiacchiera e l'altra, tra una sosta in autogrill e l'altra...si raggiungeva alle 7,00 lo scalo di Fiumicino. Parcheggiata l'auto, ci siamo subito diretti ai controlli di rito per poi andarci a fare una mega colazione! L'aeroporto era invaso dai tifosi del Bayern Monaco di rientro dal saccheggio all'Olimpico contro quelli che vinceranno sia lo scudetto che la Champions League......Ma tantissimi erano anche i tifosi juventini che si apprestavano come noi ad imbarcarsi sui voli della Easy Jet e della Vuelling verso Atene. Le solite facce, del resto in questi viaggi siamo sempre i soliti a partire. C'erano i ragazzi di Massa capitanati dalla Presidente Paola, c'erano il Gruppo di Firenze e dintorni RH Bianconero...capitanato da Decio, c'era il Gruppo dei Campani....Alife, Mondragone e Napoli, c'era Valeria di Viterbo, immancabile come sempre, c'era il Gruppo FJROMA, c'era Anzio Nettuno con il Suo Presidente Gabriele, insomma c'erano sempre i soliti! Finalmente ci si imbarcava sul volo della EasyJet. Giungiamo ad Atene con una ventina di minuti di ritardo. Subito ci dirigiamo a prendere la Metropolitana che ci conduceva dapprima in centro per poi di li prendere la Metro per il Pireo. Passiamo davanti allo stadio dove alla sera avremmo giocato, poi a piedi per i vicoletti della zona portuale del Pireo, raggiungiamo in tutta tranquillità il nostro albergo. La città ci sembra caotica, stile Napoli. Raggiunto l'Hotel, ci rendiamo conto di aver fatto un ottima scelta per la qualità della struttura ma non logisticamente parlando. Eravamo in pratica proprio nel cuore del Pireo. Insomma eravamo in zona "rossa"! Ci sistemiamo in quattro camere. Doccia per poi prendere tutto il necessario e rituffarci nella metro verso la Piazza Syntagma, quella centrale di Atene. Li avevamo l'appuntamento con il nostro Suriano e con i sei ragazzi del Gruppo Bassa Valle. Poco più avanti quello con il Gruppo Tradizione arrivati in tanti. Dopo i saluti di rito, con gli amici di Bassa Valle andiamo a farci finalmente una mangiata (erano oltre le 16...ora locale). Fa caldissimo, temperature estive. Dopo aver passeggiato per le vie dello shopping di Atene eccoci finalmente accomodarci in un locale  davvero bello. Mangiamo benissimo e soprattutto beviamo tanta e dell'ottima birra. Ci voleva davvero. Poi conosciamo un gruppo di tifosi juventini giunti dalla Macedonia, seduti alle spalle del nostro tavolo. E' incredibile cosa muove la Juve. Con loro parte un coro che rimbomba nella piazza. Forse non avremmo dovuto farlo. Appena finito di pranzare ci incamminiamo verso la Metro per recarci al Meeting Point per i tifosi juventini. Ci accorgiamo di qualche sguardo indiscreto, qualcuno che ci osserva e chiacchiera al telefono. Ci fermiamo per capire cosa meglio avremmo dovuto fare. Li osserviamo anche noi, ci accorpiamo ed una parte scende giù in Metropolitana, un altra dei nostri resta su a capire meglio la situazione. Erano tifosi greci ovviamente che tentavano di colpirci come già avevano fatto ad altri, in altri punti della Città. La nostra attenzione restava alta e sempre vigili. Grazie alla ns. esperienza, eravamo stati abili nel comprendere il tutto. Raggiungiamo la stazione dove c'era il punto di ritrovo per noi tifosi gobbi. Li incontriamo anche i Ragazzi Ungheresi arrivati da Budapest in furgone da 9 e percorrendo ben 1.600 km. Mentalità! Con loro beviamo dell'ottima grappa da loro offerta. Parliamo poi con la Digos Italiana, che sconsiglia vivamente di girare dopo la partita. Nel frattempo partiamo con un convoglio verso lo stadio. Appena arriviamo, i greci dall'altra parte della stazione fanno esplodere botti e lanciano fumogeni. Poi alla nostra uscita non si capisce più nulla, arriva di tutto, mattonelle di cemento, bulloni, lanciati da un ponte sovrastante, sedie da bar, tavolini, monete, pietre....insomma ci rendiamo conto di essere giunti nell' INFERNO GRECO. I tifosi dell'Olympiacos avanzano, facendo indietreggiare la Polizia ed arrivano vicinissimi a noi. Volano schiaffi e pugni, cinghiate, insomma dieci minuti di fuoco. Entriamo poi nell'antistadio del settore a noi riservato. Ci raggruppiamo nuovamente ed entriamo. Nel settore, alla destra della Tribuna principale, alla fine ci ritroviamo in oltre mille, un ottimo numero. Iniziano gli screzi con la curva alla nostra destra, sfociati poi in un lancio di oggetti a fine gara. Il tifo dei greci è stato a tratti assordante e spettacolare. Davvero un gran bel vedere. Cantava tutto lo stadio. Sono davvero tra le migliori e più temute tifoserie europee. Noi ci difendiamo bene, ci facciamo sentire in più di una occasione.
Ecco nella foto dell'articolo la nostra pezza ANDRIA 2003, appesa sulle vetrate laterali, dello stadio greco, che ricorda l'anno di fondazione, visto che proprio in questi giorni ricorre l'undicesimo compleanno dalla nascita del nostro Club. Finisce la partita e attendiamo chiusi nel settore prima di poter uscire. Ci prepariamo ad un altro eventuale attacco dei tifosi locali, ma niente. Non ci sono più. A quel punto bisognava solo stare attenti a rientrare in Hotel per dei pazzi come noi che avevano preso delle camere anzichè ad Atene centro, nel cuore del Porto di Pireo.....ah ah ah ah ah ah. In metro allora decidiamo di raggiungere il centro di Atene. Scesi ad una fermata dalla piazza principale di Atene, ci dirigiamo verso dei taxi, ne prendiamo ben tre per farci condurre nuovamente al Pireo nel nostro Hotel assieme ai ragazzi di Bassa Valle, capitanati come sempre da Federico Giacosa e che alloggiavano anche loro con noi nello stesso Hotel. Giungiamo davanti la porta dell'albergo all'1.00 in punto ed entriamo dentro. Li ci abbracciamo tutti per questa importante trasferta effettuata. La tensione accumulata era stata davvero tanta. L'adrenalina che avevamo in quel momento era davvero allo stato puro! Chiediamo nella hall di poterci far mangiare e bere. Ci dicono che il ristorante era chiuso, ma che avrebbero potuto farci preparare qualcosa ma da mangiare nei comodi terrazzini delle stanze. Ci accomodiamo tutti in una camera. Avevamo davvero tanta fame...mangiando tutto ciò che avevano preparato....salse piccanti, piatti indecifrabili....Vincenzo Suriano che era partito in taxi verso l'Aeroporto per dormire li in attesa del suo volo delle 6,00, ci chiama per dirci che aveva avuto un testa coda con il suo taxi, ma che per fortuna tutto si era risolto al meglio! Che spavento! Alle 2.30 subentra in noi la stanchezza. I ragazzi di Bassa Valle partono per l'Aeroporto alle 6,30 del mattino, noi invece scendiamo alle 9,00 con tutta calma, soprattutto del ns. Segretario. Facciamo colazione per poi riprendere il cammino a "piedi" nei vicoli del Pireo. Ci permettiamo anche un buon caffé lungo il percorso. Alle 12, mezzogiorno in punto arriviamo di corsa all'Aeroporto, rischiando di perdere il volo. Il Gate infatti chiudeva alle 12,20. Chiediamo di poter passare avanti alle file dei controlli. Poi la corsa verso il Gate dove ci imbarchiamo per ultimi. Raggianti e felici ci guardavamo orgogliosi di essere stati presenti in quest'altra difficile trasferta. Aver fatto in un anno Istanbul, Trebisonda e Pireo ci rende davvero molto orgogliosi! Ma di li in poi iniziava una trasferta nella trasferta. Già sul volo la goliardia della nostra truppa di soci si faceva notare dagli altri amici juventini a bordo. Giunti a Fiumicino, impieghiamo mezz'ora prima di ricordarci dove avessimo lasciato l'auto. Poi come se non bastasse decidiamo di andare a pranzo in una bella trattoria a Frosinone. Grande mangiata e grande bevuta. Come se non bastasse. In auto cantiamo di tutto, sembravamo delle schegge impazzite. Ma la cosa più bella è stata vedere il nostro Presidente ritornare ragazzino! Che ridere. Quasi ci dispiaceva dover rientrare. Giuliano allora decide a Mirabella di "acquistare" una bottiglia di limoncello....ovviamente da finire prima del rientro in città. Ci riusciamo. Alle 20,00 raggiungiamo Andria, dove troviamo un gran freddo! 
Ragazzi Onore e complimenti ai nostri soci giunti sin li a rappresentare il Club e per sostenere la Juve, a proprio rischio e a proprie spese come sempre facciamo! 
UNA TRASFERTA CHE DIFFICILMENTE DIMENTICHEREMO! 
JC ANDRIA SEMPRE PRESENTE!
 

 
 
11 ANNI DI NOI. BUON COMPLEANNO JC ANDRIA
 
Mentre i nostri soci si apprestano in questa notte a partire per la Grecia destinazione Pireo (Atene), capitanati dal ns. Presidente Francesco Nicolamarino ed in compagnia di una squadra di tutto rispetto che vede presenti Fabio Attimonelli, Giuseppe Cavaliere, Chiara Abbasciano, Massimo Matera, Alessia Ferrante, Giuliano Zefferino e Vincenzo Suriano, noi tutti, brindiamo al NOSTRO CLUB per l'undicesimo compleanno! 
Incredibile come siano volati tutti questi anni, se solo diamo uno sguardo indietro, pensiamo a quanta acqua sia passata sotto i ponti, pensiamo a quanti km. abbiamo percorso al fianco della nostra squadra, pensiamo a quante amicizie ci siamo costruiti in tutti questi anni, pensiamo a chi eravamo e cosa siamo diventati! Una splendida realtà nel panorama del tifo bianconero. Facciamoci un mega applauso per quanto abbiamo fatto sin qui e per quanto ancora faremo. Chi si ferma è perduto! Noi del resto siamo sempre in viaggio al fianco della nostra amata Juventus, compiamo autentici sacrifici per riuscire ad arrivare in ogni dove, con ogni mezzo possibile! Nella simpatica foto dell'articolo, ecco un altro "selfie" del nostro Andrea a Reggio Emilia (dopo quello casalingo contro il Cesena), dove si vede alle sue spalle, la nostra pezza sulla quale è ben impresso l'anno di nascita del Club: il 2003. 
Correva il mese di ottobre, quando, nove pionieri, in uno studio notarile, decisero di ridare vita allo Juventus Club qui ad Andria. 
JC ANDRIA.....STORIA DI UN GRANDE CLUB! BUON COMPLEANNO A TUTTI NOI!
NEVER GIVE UP!
 

 
 
PERSI DUE PUNTI IMPORTANTI
 
A Reggio Emilia sabato sera, contava solo vincere, sia per proseguire la scia di successi che durava dal 7 aprile 2014 (ben 13 successi di fila tra lo scorso e l'attuale campionato) e sia per non vanificare il prezioso successo contro la Roma, prima della sosta per le nazionali. A proposito, pur non giocando bene (ma contava solo vincere), l'ITALCONTE ha vinto entrambe le sfide in programma, la prima grazie ad una doppietta del nostro SuperCHIELLO. Aperta e chiusa questa breve parentesi azzurra, torniamo a parlare della partita della nostra Juve alla ripresa del campionato. Sapevamo che sarebbe stata dura e che il Sassuolo non avrebbe fatto assolutamente la vittima predestinata dell'incontro, ma sapevamo anche che la nostra Juve era nettamente più forte degli avversari e mai ci saremmo aspettati questa involuzione sul piano del gioco, da parte della nostra squadra. Invece la gara è terminata sul risultato di parità 1-1, che premia gli avversari per il gioco espresso e per aver affrontato la Juve senza timori reverenziali. A noi, lo sapete, non piace crearci degli alibi. Noi siamo tifosi fin troppo obiettivi e questa volta, dobbiamo dire che il pareggio e' stato il risultato più giusto. Inutile recriminare sulle occasioni sciupate dai nostri calciatori. La palla va messa in rete. Punto. Non si fa la storia con i se e con i ma. Due punti troppo importanti persi e due passi indietro sul piano del gioco! Abbiamo iniziato non bene la partita, troppo prevedibili e troppo ballerini in difesa. Zaza, che potrebbe essere il nostro futuro attaccante, ne ha subito approfittato, punendoci ancora una volta, dopo la ininfluente rete dello scorso campionato. Per fortuna subito dopo ci ha pensato Paul Pogba con una straordinaria rete a rimetterci subito in piedi. Peccato che lo stesso Pogba prima e altri giocatori dopo, abbiano sprecato diverse occasioni che avrebbero potuto portarci in vantaggio e, forse, farci vincere la partita. Nella ripresa ci aspettavamo una Juve arrembante, una squadra che avrebbe con la solita tranquillità fatto sua la partita. Invece nulla di tutto ciò. La squadra si è andata man mano spegnendo, ma qui le colpe, sono da attribuire quasi tutte, a quello che dovrebbe essere il nostro allenatore che, come vedete, dal suo arrivo, continuiamo a non pronunciarne nemmeno il suo nome! Lo sapete che non ci è mai piaciuto. Non vogliamo passare per quelli che al primo errore vogliono sparargli addosso. Ma diteci voi se è normale cambiare atteggiamento tattico e modulo per ben due volte nel corso della gara, rendendo insicuri gli stessi calciatori che ad un certo punto, non ci hanno capito più nulla. Anche noi a dir la verità! Ecco, come ha iniziato a metterci del suo, ha forse dimostrato tutto il suo reale valore. Ripetiamo, ma questo ve lo diciamo da luglio, noi speriamo di essere smentiti e di dover recitare un grossissimo mea-culpa, ma oggi vi ribadiamo che, se continuerà a metterci del suo, la vediamo molto dura! Dobbiamo sperare che la squadra faccia il proprio dovere e che "quello li in panchina", li lasci giocare come meglio sanno. Vogliamo parlare del cambio di Pirlo? Ci ha messo almeno due minuti prima di capire chi avrebbe dovuto far uscire dal campo, se Pirlo (poi uscito) o Pereyra. Altra dimostrazione di improvvisazione e insicurezza. Vogliamo parlare della gestione degli ultimi minuti? il suo predecessore si sarebbe mangiato calciatori e terreno di gioco.....lui invece lo inquadravano bello silenzioso e pensieroso a bordo campo! Boohhhh.....noi speriamo davvero di sbagliarci, ma intanto abbiamo perso due punti clamorosi a Reggio Emilia, con la Roma che si è rifatta subito sotto ad un solo punto da noi! Adesso si va a giocare al Pireo (Atene) una gara troppo importante per il passaggio del turno in Champions. Perderla sarebbe deleterio, uscire imbattuti sarebbe importantissimo. Forza ragazzi questa è la sfida più importante di questo avvio di stagione. Noi saremo come sempre al vostro fianco a sostenervi come prima...più di prima! A Roma dicono di essere sicuri di rivincere lo scudetto, anzi sognano anche che quel perdente del loro capitano possa addirittura alzare la Champions nel prossimo Giugno. Forza ragazzi, rimbocchiamoci le maniche e facciamoli tornare sul pianeta terra. Il risveglio per loro potrebbe essere più brusco del solito. Del resto anche nella passata stagione, di questi tempi, in campionato, abbiamo avuto un black-out incredibile in quel di Firenze. Al club sabato sera si è respirato un clima pesante dopo questo primo pareggio, con la "vivace e virtuale contestazione" di chi non ama assolutamente questo allenatore. Sappiamo che non possiamo sempre vincere, ma queste gare, giustamente, vanno assolutamente vinte. Gli scudetti li si vincono proprio con queste vittorie, non solo negli scontri diretti. L'intervento del Presidente ha rasserenato gli animi riportando la calma in tutti. Questo cosa sta a significare? che siamo un club di veri gobbacci sanguigni con una incredibile passione per questi colori! 
A Reggio Emilia ovviamente, eravamo come sempre presenti (eccoci, nella foto articolo, nella CURVA SUD del Mapei Stadium, mentre sistemano e attaccano alla ringhiera, la "pezza"). Dopo Bergamo, ecco un altra trasferta fatta nuovamente, "con base logistica" a Torino/Ivrea, da dove poi, a bordo di un furgone da 9 posti, con i ragazzi del Gruppo Bassa Valle, siamo scesi giù a Reggio Emilia. Questa volta è stato Andrea Nicolamarino il figlio del nostro presidente a provare cosa significhi viaggiare con questi splendidi ragazzi della Bassa Valle. Goliardia allo stato puro, tanto cibo a bordo e, soprattutto, tante birre! Un ringraziamento di cuore, per la loro grande disponibilità, lo dobbiamo anche ai soci Vincenzo G. e Antonio L.
Agli amici di Bassa Valle cos'altro dire, se non ringraziarli come sempre per la loro perfetta organizzazione e per la loro ospitalità e accoglienza. Roba da Libro Cuore oramai. Su tutti Federico Giacosa, un autentico leader! Trasferta assolutamente tranquilla, che se non fosse stata fatta assieme a Bassa Valle, sarebbe stata a dir poco noiosa. Nello stadio, sembrava, come già avvenuto nella passata stagione, di giocare in casa. Stracolmo di tifosi juventini con biglietti andati esauriti in 24 ore!
In questi giorni, come vi diremo in un articolo a parte, ricorre l'undicesimo compleanno del nostro Club. Ecco, per festeggiarlo, abbiamo deciso di portare da Reggio Emilia a Genova, passando per Atene e Juve - Palermo, la nostra pezza che ricorda l'anno della fondazione il 2003, quando nacque questa splendida realtà chiamata JUVENTUS CLUB ANDRIA!
Un grande applauso ai nostri otto soci che si apprestano a partire per Atene. Una trasferta bellissima, una trasferta tosta, una trasferta per la gente come Noi. Anche in Grecia saremo presenti al seguito della Juve. Oramai stiamo toccando tutte le nazioni europee. Ebbene si: in 11 anni ne abbiamo fatta davvero tanta di strada! Potremmo già scrivere un libro! 
JC ANDRIA DAL 2003 SEMPRE AL TUO FIANCO

 

 
 
TRENTADUE PER NOI....TRE A DUE PER NOI!
 
Con questa simpaticissima ed originale foto, inviataci dalla CURVA SUD a fine partita, domenica sera dai nostri soci, Giuseppe e Davide, i due fratelli Leonetti, tra i più assidui frequentatori delle trasferte su a Torino, vogliamo ancora farvi comprendere quale sia il nostro stato d'animo! Siamo super gasati, stiamo stra-godendo, siamo, come si suol dire.....,con il morale alle stelle! Quel tre e due, che con le loro mani, i nostri soci (due ragazzi eccezionali....di padre in figlio...) indicano, con alle spalle il settore dei tifosi romanisti ancora pieno, sta a significare che: 3 a 2 per noi....e tutto il resto non conta un cazzo di niente! Ma quel 3 e 2 sta anche a voler ricordare a tutti voi cari tirapiedi e rosiconi di merda che i nostri scudetti sono 32, come la coreografia prima della partita, che ha ricordato a tutti, i punti dello scorso campionato: 102

Ma che bello è...quando esco di casa...per andare in trasferta......a vedere la Juve! La la la la la....
Adesso una meritata pausa, ci voleva proprio dopo questo primo stressante periodo che ci ha già visti presenti su tutti i campi dove la Juve ha giocato. Dal 30 Agosto ad oggi, già ben 8 trasferte alle spalle! Ora un weekend di relax assoluto e due belle settimane piene, senza partite nel mezzo. Godiamocelo questo riposo con la Juve in testa al campionato e con la Juve in testa al proprio girone di Champions. Meglio di così non poteva iniziare. Alla ripresa ci attenderà la trasferta a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Sono già aperte le prenotazioni. Si dovrebbe viaggiare in furgone da 9 posti. La gara è anticipata al sabato sera. Poi il 22 ottobre la nostra prima volta in GRECIA. Anche li, sotto il Partenone, arriveremo belli numerosi per una trasferta al Pireo che si preannuncia bella calda. In otto i prenotati al momento! Poi sarà ancora Torino allo JUVENTUS STADIUM, con la gara Juve - Palermo ad attenderci. Tutti in aereo per una bella e nutrita pattuglia di soci già prenotati, ben 14 per la prima gara di domenica alle 15,00. 
FORZA JUVENTUS ORA PIU' CHE MAI: ORGOGLIOSAMENTE GOBBI SEMPRE AL TUO FIANCO
p.s. ALLA FACCIA DI CHI CI ODIAAAAAAAA! 3 a 2 per noi...ta ta ta ta ta ta ta ta! 
p.s. giusto per dovere di cronaca il socio n. 300 che ha sottoscritto la tessera al Club si chiama MANGIONE BIAGIO! Grazie e avanti alla ricerca del n. 400!
 

 
 
STIAMO GODENDO COME MATTI
 

Dalle 20,00 circa di domenica sera, ovvero dal triplice fischio dell’arbitro, che ha sancito la vittoria della nostra Juve sulla Roma, noi tutti tifosi gobbi siamo a dir poco GASATI, per quest’altra affermazione sugli eterni "secondi", su quelli che rosicano da una vita, su quelli che non sapranno MAI PERDERE, su quelli che dovranno sempre cercare delle giustificazioni alle loro ripetute sconfitte contro di NOI. Ancora una volta, allo Stadium, pensavano di venire in gita, ma sono tornati a Roma, come sempre, “carichi di meraviglie”. Ancora una volta gli abbiamo riempito il “sacco”. Cinque apparizioni hanno fatto allo Stadium e cinque volte sono usciti come dei “salici piangenti”. Ma questa volta la goduria è stata estrema, perché oltre a loro, anche tutta l’altra metà dell’Italia calcistica, quella anti-juventina, invece di preoccuparsi delle loro “squadrette”, ha pensato a rivendicare un qualcosa che non li appartiene! Se poi a questo ci aggiungiamo certa stampa, certi giornalisti, certi politici (??????) e chi più ne ha, più ne metta, il quadretto è davvero completato! Che ridere nel vederli andare in collera davanti alle telecamere delle varie trasmissioni, che ridere nel vederli ancora una volta rosicare tutti assieme, che ridere di gusto, nel vederli con il fegato in mano oramai spappolato, che ridere nel vederli con un bruciore incredibile al loro deretano…..insomma la rete di BONUCCI (sciacquatevi la bocca) ha fatto davvero male a TUTTI. Questa vittoria e’ arrivata come tutti noi tifosi gobbi sognavamo, alla fine, quando loro non avrebbero più avuto la forza per rialzarsi. Anzi si sono innervositi ancora di più ed il nostro Morata (bravo) gli ha fatto capire di che pasta siamo fatti. Hanno pianto, perché dicono di aver ricevuto schiaffi dalla Tribuna Ovest, sputi dalla Curva Nord e insulti dalla Tribuna Est. Ma non raccontano tutto. Non dicono che quel “coglione” di Totti (ma che cazzo gioca a fare ancora un demente simile????) sia andato a festeggiare sotto i nostri tifosi dicendo di tutto di più….non dicono come la panchina della Roma si sia comportata alla rete del pareggio e alla rete dell’illusorio vantaggio. No, questo cari Amici, non lo diranno Mai! Sono dei codardi. Peccato che dimentichino cosa succede puntualmente a Roma, quando andiamo a giocare li, peccato che dimentichino cosa sia accaduto a Maggio in occasione della Finale di Coppa Italia, peccato davvero. E vogliono pure fare la morale a Noi! Ma per piacere. Qualcuno dovrebbe dirgli, piuttosto, come si vincono le partite. Qualcuno dovrebbe fargli capire che la palla, la si mette in rete e non soltanto a “fil di palo”. Qualcuno dovrebbe dirgli che se non c’era il nostro primo rigore (ma c’è n’era un altro evidente prima) non ci sarebbe stato nemmeno il secondo. Qualcuno dovrebbe fargli capire che il secondo rigore, a noi concesso, c’era, al limite, ma c’era, perché il regolamento parla chiaro! Poi è arrivato il gol di Leonardo Bonucci a buttare tutti giù per terra, una rete straordinaria, una rete che ci sta facendo davvero godere come matti. Signori, la vittoria per 3-2 contro la Roma la ricorderemo a lungo per quanto cazzo stiamo godendo. Doppietta di Tevez su calcio di rigore (capocannoniere solitario della Serie A) e rete per l’appunto di Bonucci.

LA JUVENTUS E’ NUOVAMENTE PADRONA SOLITARIA DEL CAMPIONATO. CHE BELLO, CHE GIOIA INASPETTATA, PER IL QUARTO ANNO DI FILA, STIAMO DOMINANDO LE SCENE DEL CAMPIONATO, per la 22^ volta di fila abbiamo vinto una partita casalinga (RECORD…un altro che si aggiunge ai tantissimi battuti e strabattuti da questa squadra). Che spettacolo!

Una Juve partita bene, che ha saputo inquadrare la partita, che ne ha carpito le difficoltà e le insidie di una gara dura e a tratti “violenta”. Non è mai caduta nelle provocazioni degli avversari venuti su a Torino solo per cercare di innervosirci, non certo per giocare una partita a calcio. Ma la Juve, nonostante fosse andata in svantaggio, non si è scomposta, ha cercato e trovato il pareggio, ha saputo pazientare nella ripresa. Poi con due cambi indovinati, ha cambiato le sorti di una partita che sembrava avviata verso un pareggio. Vidal e Morata dentro per Pirlo e Llorente che rallentavano di molto la manovra. La Juve innesta la quinta, con Morata colpisce un incrocio dei pali, Con Vidal recupera e difende, palloni su palloni. Con Bonucci vince la partita in un tripudio generale. Un estasi che ancora oggi traspare sui nostri volti. Qualcuno faccia capire al "francesino" Garcia che le sviolinate, se le vada a fare a casa sua, magari alla sua compagna o moglie chi che sia….

TRASFERTA A TORINO:

Che pullman ragazzi abbiamo allestito! Che soddisfazione nel vederci riempire di messaggi, con i quali tutti ci ringraziavano per la perfetta e minuziosa organizzazione. Grazie a Voi diciamo Noi, che con la Vostra passione ci permettete di organizzare tutto ciò. Tantissimi soci storici, ma anche tantissimi soci nuovi a bordo, in un pullman a dir la verità questa volta poco comodo, ma pieno in ogni ordine di posti (55). Poi i tantissimi saliti su in aereo, ne abbiamo perso il conto ad un certo punto, ben 22! Siamo riusciti ad accontentare tante richieste, grazie alle tante amicizie e grazie al nostro saper fare. Giuseppe Cavaliere ne è la prova provata di quanto diciamo. Ha chiamato venerdì sera per avere un biglietto di Curva Sud 2° Anello e domenica sera alle 18,00 era regolarmente in Sud! Cos’altro dobbiamo dire? Niente se non che il viaggio è stato molto bello, ravvivato dalla simpatia dei nostri "capi gruppo", Andrea Leonetti, Nicola Pisani e Vincenzo Quacquarelli, ma con tanti che pur non essendo parte del direttivo, per noi è come se lo fossero (Nicola P., Stefano L, Mauro A. e tanti altri! Alle dieci hanno lasciato sabato sera la stazione di Andria. Alle dieci di domenica mattina erano già su a Torino fuori dallo Stadium. Mattinata libera, chi in giro per il centro città, chi in visita allo Stadium e al Museum, chi a bivaccare al solito ristorante e al solito bar! Poi alle 16,15 tutti dentro. Ritrovo sotto la Sud, tra chi entrava per posizionare lo striscione (il solito trio Andrea, Giorgio e Roberto) e chi accompagnava dentro il plotone di soci in Sud primo anello (ben 25). Tutti a sinistra, verso il bocchettone, dove adesso a farci compagnia ci sono i nuovi amici del Club di Giulianova (Abruzzo), anche loro legati al Gruppo Tradizione. A fine gara tutti felicissimi, soprattutto i nuovi soci, soprattutto quelli che erano entrati per la prima volta in curva Sud. Mentre i nostri soci andati nelle Tribune e nella Nord (Nicola Patruno e Franco Di Franco su tutti),s’incamminavano per raggiungere il pullman parcheggiato come sempre al solito posto sotto la Sud, quelli della Curva Sud invece, non volevano più uscire dallo Stadio. Troppo forte era l’emozione di gioia provata! Eccoli a fine gara mentre si accingono a smontare lo striscione assieme ai ragazzi di Giulianova (foto articolo), con lo stadio oramai, praticamente deserto. Qualcuno scherzosamente ad Andria ci dice…..(per il fatto che ci siamo sempre)….”ma voi avete per caso le chiavi dello stadio e del quadro elettrico????”

Si chiudeva un'altra trasferta, con un viaggio di rientro assolutamente tranquillo con arrivo ad Andria alle 8,30 di lunedì mattina! 

AL CLUB:

Al club è stata baraonda assoluta! Alla rete di Bonucci siamo esplosi come non mai. Eravamo tutti troppo tesi, tutti elettrizzati, ma alla fine il boato sarà rimbombato da Piazza Municipio alla Stazione! Club pienissimo. Alla rete ci siamo ritrovati l’uno sull’altro, a rischio di farci male! Poi il coro….CHI NON SALTA E’ UN ROMANO DI MERDA….OH OH OH OH OH OH e SE NE VA…LA CAPOLISTA SE NE VA….che bello…ripetiamo che goduria.

TESSERAMENTO:

Domenica abbiamo sfondato anche il tetto delle 300 tessere. Ora da domenica sera, il nuovo obiettivo è quello di raggiungere le 350 iscrizioni. I risultati indubbiamente ci stanno dando una mano, ma molto lo stiamo facendo noi, con il nostro saper fare, con la nostra passione contagiosa che riusciamo a trasmettervi.

EMANUELE BONI

L’ultimo pensiero sentiamo di rivolgerlo ad EMANUELE BONI, tifoso juventino di 26 anni, malato da tempo di cancro ed originario di Sarzana. Lui, nonostante la sua giovane età, seguiva la Juve in ogni dove. Noi lo abbiamo conosciuto. Era legato al Gruppo NOI CI SIAMO dei Bravi Ragazzi, un ragazzo che aveva una passione incredibile per il calcio e per la nostra JUVE. Oggi Manu non c’è più. Vogliamo accompagnarlo idealmente in questo suo ultimo viaggio verso le porte del Paradiso, da dove ne siamo certi continuerà a seguire e sostenere con noi la JUVE.

RIPOSA IN PACE FRATELLO GOBBO! Un abbraccio alla sua famiglia ed a tutti i suoi amici!

L’UNICA COSA CHE CONTA E’ VINCERE: 3 2….COME TRENTADUE…come TRE a DUE…..ah ah ah ah ah ah ah ah…..(il meglio deve ancora venire….SFI…GA…TI).

JUVENTUS CLUB ANDRIA: IMITARCI E’ PRATICAMENTE IMPOSSIBILE!

p.s. dopo Er gol de Turone….er gol de Osvaldo…adesso a Roma ricorderanno a lungo anche ER GOL DE BONUCCI!

 

 
 
BELLI COME IL SOLE
 

Eccoli tutti assieme i nostri soci partiti per la trasferta a MADRID e ritratti in questa bella foto alla PUERTA DEL SOL, il salotto della Città di Madrid, in compagnia degli inseparabili amici del GRUPPO BASSA VALLE! A loro va tutto il nostro ringraziamento per aver rappresentato ancora una volta lo JUVENTUS CLUB ANDRIA in quest’altra trasferta europea. Già girare ogni tre giorni in Italia è davvero una impresa, immaginate star fuori quasi tre giorni all’estero, quanto sia ancora più complicato! In questo periodo di forte crisi economica, di svariate difficoltà, quello che voi tutti soci riuscite a compiere di partita in partita è qualcosa di davvero straordinario che ci rende orgogliosi di tutti Voi, di tutti Noi.

Un saluto va a Daniele e Alessandro del Gruppo Bassa Valle per questa sana e sincera amicizia che in questa stagione sta crescendo ancora di più! Orgogliosi di esservi amici! Del resto pur divisi da oltre 1.000 km, abbiamo davvero la stessa mentalità!

Alla faccia di tutti gli ANTIJUVENTINI, quelli che in pratica tifano per 19 squadre italiane, forse anche di più, per almeno due volte l’anno e cambiando squadra almeno ogni tre giorni, coppe comprese. Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah!

JUVENTUS CLUB ANDRIA: DA BERGAMO A MADRID SEMPRE PRESENTI

 

 
 
A MADRID SI DOVEVA OSARE DI PIU'
 

Peccato davvero! La Juve vista in scena al Vicente Calderon di Madrid contro l’Atletico, avrebbe ampiamente meritato di pareggiare, anzi, aggiungiamo noi, se solo avesse osato di più, forse la partita la si sarebbe anche potuta vincere, ma alla fine beffardamente e come troppo spesso avviene in Europa, la Juventus la partita, è riuscita alla fine anche a perderla. Assurdo ma vero! 1-0 il risultato finale in favore dell’Atletico Madrid. Alla vigilia di questa trasferta tutti noi temevamo la velocità e l’intraprendenza dell’Atletico soprattutto tra le mura del proprio “catino”. Ma la partita ci ha raccontato un'altra storia e man mano che trascorrevano i minuti si aveva sempre più la sensazione netta, che un pareggio lo avremmo portato a casa e che se solo si fosse avuto un maggior coraggio nell’effettuare i cambi nel momento in cui, alcuni nostri uomini iniziavano a dare segnali di cedimento, forse la storia della partita sarebbe andata in altro modo. Forse! Ma dovevamo provarci ed è questo quello che più ci fa incazzare ogni qual volta varchiamo i confini della nostra nazione! Fa rabbia si, vedere la Juve uscire dal campo, battuta dopo aver brillantemente contenuto e quasi mai sofferto l’iniziativa dell’Atletico Madrid, che ricordiamo a tutti, sono i vincitori dell’ultima Liga Spagnola e sono i vice campioni d’Europa. Fa ancor più rabbia vedere e sentire certi commenti della stampa italiana, completamente differenti da quelli della stampa spagnola, evidentemente non di parte ed ovviamente molto obiettiva. La Juventus c’è e potrà davvero dire la sua anche in Europa, ma se dovessimo avere questo atteggiamento sin dalla prossima trasferta di Atene, allora si che rischieremmo davvero di compromettere anche quest’altra annata. Bisogna e dobbiamo osare di più, siamo la JUVENTUS e non dobbiamo mai giocare per il pareggio. Che il nuovo allenatore lo apprenda presto e soprattutto che qualcuno gli dica che in panchina ci sono sempre tre uomini che possono entrare in campo e non negli ultimi dieci minuti dopo che hai preso un gol! Fiduciosi guardiamo avanti al prossimo impegno di campionato contro la Roma, una partita da vincere a tutti i costi per dimostrare che i più forti siamo sempre noi. Guai a non vincerla, daremmo loro un grandissimo vantaggio e soprattutto aumenterebbe la loro autostima per il prosieguo della stagione. Forza ragazzi VINCERE e’ come sempre L’UNICA COSA CHE CONTA! Adesso nel girone A della Champions, la Juventus continua ad essere sempre prima con 3 punti in virtù della differenza reti. Ma il girone si è maledettamente complicato visto che anche le altre tre squadre sono tutte appaiate a 3 punti, praticamente a 4 giornate dalla fine, sono tutte in corsa per la qualificazione. La prossima doppia sfida con l’Olympiacos sarà in pratica già da dentro o fuori. Serviranno almeno 4 punti per mettersi in una posizione di vantaggio nei confronti dei greci. Se poi ne arrivassero 6 di punti allora potremmo forse già considerarci agli Ottavi di Finale. Ma come sempre tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare!

La trasferta a Madrid della nostra truppa di soci è stata FANTASTICA! Un esperienza a dir poco favolosa. Era la nostra terza trasferta a Madrid, la prima sponda Atletico! Madrid è una città davvero splendida, dove non ci si stancherebbe mai di andarci. I nostri rappresentanti sono partiti martedì mattina in aereo nuovamente verso Bruxelles, dove hanno atteso ben 9 ore prima di poter ripartire verso Madrid. In un Bar a Charleroi hanno “ammazzato” il tempo a suon di birre. Poi nuovamente in aeroporto per la destinazione finale. Prima della partenza sosta in un bar dell’Aeroporto dove consumano altre birre e del vino in compagnia dei RAGAZZI UNGHERESI JUVENTUS, giunti anche loro li direttamente da Budapest! A Madrid giungono poco prima della mezzanotte abbastanza “carichi” e comunque stravolti. Verso l’1,00 della notte, con la METRO’, sono già in centro nei pressi della GRAN VIA dove alloggiavano tutti assieme con i ragazzi del GRUPPO BASSA VALLE in un comodo e modernissimo appartamento a due passi dalla PUERTA DEL SOL, luogo di ritrovo per tutti i madrileni e di festeggiamento del CAPODANNO. Nemmeno il tempo di prendere possesso delle stanze che erano già in strada nonostante l’ora. Sembrava invece che l’1,00 di notte, essere l’ora di pranzo per la quantità di gente in giro per le strade. Complice il bel tempo, l’ottima temperatura ed i prezzi incredibili della “cerveza” San Miguel….(5 bottiglie e soli 4 euro nei bar) eccoli nuovamente tutti seduti a bere birre! Alle 2,30 della notte finalmente decidono di andare a nanna! Al giorno dopo, sistemata la pratica biglietti, si dedicano sempre tutti assieme in compagnia del Gruppo Bassa Valle, a farsi una bella passeggiata per le vie del Centro di Madrid. A mezzogiorno il ritrovo con il Presidente Umberto del Gruppo Tradizione e con tutti i ragazzi presenti, Corrado su tutti (grande persona). Tutti assieme si decide per il solito pranzo al Museo del Jamon, lo squisitissimo prosciutto crudo spagnolo. Che pranzo, che mangiata e che bevuta. Solo 15 euro a testa, dopo aver mangiato tantissimo prosciutto crudo, che al solo pensiero ci viene l’acquolina in bocca! Poi dopo pranzo un paio d’ore di relax nuovamente in stanza prima del grande evento. Alle 17,30 erano tutti a Puerta del Sol dove centinaia e centinaia di tifosi juventini stavano affluendo. Alle 18,00 parte uno splendido corteo per le strade di Madrid, con la gente che filmava dai marciapiedi e dai balconi, stipita per tutto il nostro calore e la nostra passione. Oltre 1.000 persone tutte in corteo per un ora di cammino verso il Vicente Calderon. Spettacolo da adrenalina pura. Arrivati allo stadio ti accorgi che trattasi di una struttura abbastanza vecchia. Dentro si posizionano sul secondo livello, in prima fila con la “pezza” tenuta a mano da GINO (come da foto dell’articolo, tratta da una delle inquadrature di Mediaset a fine partita). Alla fine erano in 2.000 circa. Buon tifo il nostro, ma spettacolare quello dei tifosi dell’Atletico Madrid, che coinvolgeva spesso tutto lo stadio! Il girare da anni in Europa ti permette di poter conoscere tanti stadi e tantissime realtà del tifo europeo. Davvero bellissime queste esperienze. Finita la gara, i nostri con la delusione sul volto, intraprendono nuovamente il cammino “imposto” a piedi. Niente Metrò. Prima però di partire il nostro Fabio (sempre lui) riesce addirittura a saltare a bordo del pullman della Juve Primavera per salutare “nuovamente” dopo Ivrea, Fabio Grosso! Anche la Primavera ha perso per 1-0 il confronto a Madrid.  

Giungono poi esausti al centro di Madrid, vanno in camera per darsi una rinfrescata per poi raggiungere la nostra solita TAPAS “ESPANA CANI”, già frequentata nelle scorse trasferte. Ancora prosciutto crudo a volontà ed ancora birre, birre, birre, birre…..Alle due vanno a nanna (si fa per dire…) visto che alle 4,00 dopo solo due ore, la svegli suonava. Con un Taxi raggiungono alle 5,00 l’Aeroporto, dove ritrovano i tantissimi italiani in partenza per le varie destinazioni. Abbracci con tutti per poi dirigersi verso il Gate che li avrebbe ricondotti a Bruxelles. Li in Belgio sosta di 3 ore prima di ripartire per Bari dove giungono alle 16,00 circa. Alle 17,00 stravolti sono tutti a casa, accolti da tantissimi messaggi degli altri soci storici del Club presenti nella chat! Anche questa trasferta va in archivio e ringraziamo i nostri FABIO, GINO, MARY (sempre con la t-shirt ANDRIA PRESENTE), SIMONE e VINCENZO. Salutiamo con affetto i ragazzi del Gruppo Bassa Valle per la loro piacevole compagnia!

Adesso siamo già pronti e carichi a partire nella serata di sabato verso Torino, con un Pullman tutto al completo (55 persone) per assistere all’importantissima sfida contro la Roma. Oltre al pullman, ben 23 soci andriesi raggiungeranno Torino con diversi voli aerei. Insomma una bella “spedizione” sotto la Mole! A condurre i tantissimi soci avremo ANDREA LEONETTI, NICOLA PISANI e VINCENZO QUACQUARELLI! Forza Ragazzi siamo tutti con Voi.

Per gli altri l’appuntamento è al club, che lo vogliamo vedere come contro il Malmoe! Vi aspettiamo

JUVENTUS CLUB ANDRIA: UNA PASSIONE INCREDIBILE

 

 
 
TRIS ALL'ATALANTA. LA JUVE VOLA
 
La nostra squadra, ha "forse" deciso di farci, morire d'infarto! Troppe le emozioni, che da oramai oltre tre anni, questo gruppo ci sta regalando, anche se con giocatori che man mano si sono aggiunti o sono andati via e adesso anche con una nuova guida tecnica!
Chi lo avrebbe mai detto, soltanto quattro estati fa. Ma chi avrebbe scommesso nell'ultima estate un inizio di stagione come questa? Ve lo diciamo noi: nessuno! Meglio dello scorso anno, quando sia in campionato che in Champions, avevamo due punti in meno rispetto agli attuali. Ma non è solo una mera questione di punti, ma anche e soprattutto di gioco. Lo scorso anno di questi tempi, le vittorie arrivavano comunque, ma spesso erano vittorie di impeto, ottenute con lo sforzo profuso al massimo, non si giocava in questa fase assolutamente bene, prova ne fu lo stop tremendo di Firenze e quello a seguire in Champions a Madrid, preceduto dai pareggi con Copenaghen e Galatasaray. In questa stagione invece, la squadra sta giocando molto meglio, ma quello che sorprende tutti, non solo noi tifosi della vecchia signora è la facilità con cui le partite vengono vinte. La sicurezza acquisita oramai da questa squadra è davvero disarmante per le avversarie che l'affrontano, quasi rassegnate. 
Nulla è però ancora conquistato, anzi lo stiamo ribadendo, di mantenere la calma ed i piedi ben saldi per terra, perchè adesso ci attendono due prove che tanto diranno sul futuro della nostra squadra.
Atletico Madrid e Roma, infatti, ci diranno se la Juve, questa Juve, sia davvero più forte di tutti, almeno in Italia. Ma attenzione: nessuno considera un altro aspetto fondamentale. Questa Juve ha acquisito, nel bene e nel male, una esperienza in campo europeo, di cui in questa stagione ne farà certamente tesoro. Gli errori del passato torneranno sicuramente utili per poter recitare finalmente un ruolo da protagonista anche in Champions. Due anni di europa nella testa e nelle gambe di molti elementi, vedrete che si faranno vedere e sentire! Noi ne siamo convintissimi! 
A Bergamo la Juve ha iniziato la gara controllando al meglio le sfuriate degli atalantini. Poi alla prima vera sortita in avanti, ecco giungere puntuale la rete del vantaggio di Tevez. Nella ripresa, l'arbitro ha provato a far subire a questa squadra e al nostro portierone Buffon, la prima rete della stagione. Ma SuperGigi ha detto di no, salvando il risultato e mantenendo inviolata la sua porta. Sull'azione susseguente a questo calcio di rigore, soltanto 40 secondi dopo, è arrivata la rete del raddoppio della Juve ancora con Carlitos Tevez, autentico trascinatore di questa squadra. Un giocatore fenomenale! Poi la Juve è andata in scioltezza, nonostante i diversi cambi e con Morata, subentrato a Llorente, ha siglato la rete del definitivo 3-0!
Un altra vittoria per rispondere a quella della Roma che aveva superato nel pomeriggio l'Hellas Verona. Domenica prossima Juventus e Roma si troveranno nuovamente di fronte allo Stadium per sfidarsi all'ultimo sangue e per capire chi realmente è la più forte in questa stagione! Loro si sono rinforzati parecchio, ma vedremo se quel "gap" esistente nella scorsa stagione, sia stato ridotto o del tutto annullato! 
Noi siamo la Juve, i CAMPIONI D'ITALIA, loro devono invece, ancora dimostrare di essere effettivamente i più forti.

TRASFERTA A BERGAMO: 
La trasferta a Bergamo della nostra rappresentanza è stata a dir poco eccezionale. Ancora una volta, una prova di efficienza, esperienza ed organizzazione. Come sempre del resto. Quella di Bergamo per noi, continua a restare la trasferta più importante di tutte! 
Andare li non è mai cosa assolutamente semplice, è del resto "non è cosa da tutti" ma noi da ben cinque anni di fila, ci andiamo sempre! 
Una bella squadra è partita da Andria con il Segretario Fabio A., Graziano P., Tommy M. e Angelo M. a rappresentarci in questa stagione. Hanno raggiunto Torino, dove ad attenderli c'erano Federico e Adriano due pezzi storici del Gruppo Bassa Valle. Con loro, i nostri, sono andati ad Ivrea, la città dove si festeggia lo storico carnevale a suon di arance lanciate dai carri! 
Li hanno pranzato in un locale di un vecchio Viking, il grande Macho, un personaggio tutto da conoscere, felicissimo di poter ospitare noi che arrivavamo dal Sud per la Juve e non per andare a vedere uno "scontato" partitone come molti altri fanno da giù, ma per andare a vedere ATALANTA - JUVENTUS a Bergamo! Questione di mentalità!
A pranzo li hanno raggiunti molti altri componenti del Gruppo Bassa Valle, tutti residenti della zona del Canavese. Una mega tavolata con tantissimo vino locale e birre a volontà. Si è mangiato davvero benissimo, ma soprattutto il vino scorreva "a meraviglia". 
Finito il pranzo tra cori e risate, ecco la "sorpresona", di cui vi diremo in un articolo a parte, organizzata dai ragazzi di Bassa Valle, Adriano su tutti. 
La Juve Primavera gioca le sue gare casalinghe, proprio nello stadio di Ivrea...ed ecco che i nostri vengono condotti proprio li, ignari di tutto! Arrivati fuori dall'impianto, Fabio capisce tutto, vedendo il pullman della Juve....Incredibilmente emozionati entrano dentro per sostenere anche i ragazzi contro la Virtus Entella di Chiavari. Poi con il vino appena bevuto, i cori venivano fatti in maniera ancora più forte! Che bella esperienza!
Lasciato lo stadio di Ivrea, si raggiungeva il casello autostradale, dove parcheggiate le auto, si montava tutti a bordo del pullmino da 16 posti più autista organizzato dal Gruppo Bassa Valle. Pronti via, si partiva per Bergamo alle ore 16,00 circa. A bordo ecco spuntare l'immancabile liquore valdostano, il GENEPY, per il quale il nostro Graziano ha un debole particolare. Che ridere. I 16 componenti a bordo del mezzo, sembravano essere in 50. Autista disperato, come anche l'unica donna a bordo, la "Martina" che deve sopportare a stento sempre lui....il solito nostro GRAZIANO "Genepy"!  
Alle 18,30 i nostri sono a Bergamo dove trovano tutti gli altri gruppi. Bello l'abbraccio del Presidente di Tradizione Umberto con il nostro Fabio, alla sua prima stagionale. Alla fine lo vediamo salutare l'intero pullman e li ti rendi conto di quanto il nostro Segretario sia diventato un "personaggio" di curva! 
Si parte finalmente verso lo stadio, non prima di aver assistito all'ennesimo "Palladio show", con una bella ispettrice della Digos di Bergamo. Tutti sono in assetto antisommossa, dalla Polizia a noi tifosi! Ma si arriva allo stadio in assoluta tranquillità. All'interno del parcheggio, antistante lo stadio, consumiamo una pizza portata da uno dei ragazzi del Gruppo Bassa Valle e si beve ancora qualcosa, per poi entrare dentro, tutti belli carichi. 
Si posizionano, come da foto del presente articolo, tutti a destra del settore, quasi a confine con gli atalantini della Sud. Coreografia da parte loro e solito tifo compatto a ribadire che sono sempre una delle migliori tifoserie d'Italia, nonostante le tantissime diffide! Noi ci difendiamo benissimo, nonostante non fossimo numerosissimi come altri anni. Ma forse è meglio. C'era tutta gente che cantava e sosteneva la squadra! I veri tifosi. A fine partita, saluti dei nostri con gli altri club e gruppi, pacche sulla spalla e si attende impazienti la ripartenza che tarda ad arrivare, a causa di una sassaiola dei bergamaschi al primo plotone di pullman partiti dal parcheggio. Al nostro passaggio verso l'autostrada, a mezzanotte e mezza, invece, fila via tutto tranquillo. 
In autostrada verso Milano troviamo tantissimo traffico, rallentamenti causati da lavori in corso e un incidente. Alle due e trenta circa i nostri ragazzi vengono lasciati. Saluti ed abbracci calorosi tra di loro a rappresentare una amicizia sempre più grande e oramai consolidata nel tempo. Grazie di cuore ragazzi. Siete una bella realtà e siamo onorati di esservi AMICI! I nostri ragazzi giungono poi ad Andria alle dieci di domenica mattina, stravolti, ma felicissimi e come dice il buon Graziano Palladio a Fabio...."un giorno scriveremo un libro sui nostri viaggi....ma il migliore è sempre quello che deve arrivare". Un grazie a Tommy Moscatelli che seppur giovane, sta facendo passi da gigante, scalando posizioni all'interno del club. Ragazzo di grande affidabilità!

PRONTI PER MADRID
Anche questo viaggio è archiviato e già messo alle spalle! Noi sempre presenti e sempre pronti a ripartire, come i nostri cinque soci che mercoledì ci rappresenteranno a Madrid all'interno del "Vicente Calderon". Bravi ed onore a loro, ma soprattutto a noi per quello che riusciamo a fare! Siamo una bellissima realtà! Buon viaggio ragazzi! Già pensiamo al pernottamento dei nostri in un appartamento in pieno centro a Madrid assieme alla rappresentanza del Gruppo Bassa Valle....chissà cosa ne uscirà fuori....! Al loro rientro il prossimo racconto!

BENVENUTO TRA NOI A NICOLA SINISI!
Sabato sera, subito dopo la splendida vittoria della nostra Juve a Bergamo è arrivata, verso le 23,30, la bellissima notizia della nascita di Nicola Sinisi, primogenito del grandissimo socio Francesco, un ragazzo eccezionale, che compie da sempre tantissimi sacrifici, un grandissimo lavoratore "che non conosce pause", che rinuncerebbe a tutto, tranne che al partita vista al Club, da lui definito come una seconda famiglia! Siamo felicissimi per lui e per Sabina sua moglie, per questo lieto evento. Miglior momento per nascere caro Nicolino, non potevi proprio scegliere. Adesso sappiamo di qualche problema sia al bambino che a sua moglie, ma, caro Francesco, sappiamo che tutto e sotto controllo e che tutto andrà per il meglio. Stai tranquillo! Presto sia Nicola che tua moglie faranno rientro a casa ed allora si che potrai e potremo festeggiare! UN FORTE ABBRACCIO! 

Vi salutiamo adesso con una battuta: IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE.....ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah, quanto cazzo abbiamo goduto domenica pomeriggio nel vedere il peggior allenatore della storia del calcio italiano (ZEMAN), imporsi a SAU SIRO, contro quella banda di prescritti, accattoni è chi più ne ha....più ne metta! Ma per loro ripetiamo, il MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE....(ah ah ah ah ah), con quel cesso di allenatore sulla loro panchina e con quel Presidente (????) che non capisce un cazzo di calcio, li seduto in tribuna! SIETE PROPRIO DEGLI SFIGATI! Chi sputa in cielo tutto in faccia riavrà!!!!! E' proprio vero!  

AVANTI JUVENTUS CLUB ANDRIA! 
 

 
 
DA IVREA A BERGAMO: TRASFERTA DA 6 PUNTI
 
Chi lo avrebbe mai pensato, che i nostri ragazzi partiti per Bergamo, avrebbero scritto un altra bella pagina della storia del nostro club. Dopo lo scoop dello scorso anno, quando si recarono all'Heysel a Bruxelles, prima della trasferta di Madrid, ecco quest'anno compiere un altra autentica sorpresa! Per carità, questa non era nemmeno immaginabile per loro e per noi, vista la sorpresa confezionataci dai ragazzi del Gruppo Bassa Valle 1897. Galeotta è stata la decisione dei nostri di viaggiare con loro e di raggiungere Ivrea nel canavese. Prima di scegliere questa soluzione di viaggio non avevamo minimamente pensato che la Juventus Primavera disputasse le sue gare interne nello stadio di Ivrea. Sarà sempre Juve, ma della Primavera poco ne sappiamo! Della sorpresa è di come siano andate le cose vi abbiamo descritto nell'altro articolo, quello di commento alla trasferta di Bergamo. Giunti nello stadio "Pistoni" di Ivrea, vediamo una tribuna abbastanza piena di spettatori. Giornata calda ed afosa, percorriamo tutta la tribuna centrale, soffermandoci dietro la panchina di Fabio Grosso, l'eroe Mundial, ora allenatore della nostra Primavera. Nonostante la partita fosse già iniziata, i nostri salutano Grosso, che si gira per ricambiare il saluto con un sorriso ed un pollice alzato! Poi ecco spuntare Gianluca Pessotto, anche lui a bordo campo, ma fuori dalla panchina, lo salutiamo con affetto! Ci dirigiamo nell'unica curva esistente dello stadio, desolatamente vuota e ci posizioniamo dietro la curva. Intoniamo sotto il sole, con il vinello in testa e dietro le nostre pezze, moltissimi cori, uno dedicato proprio a Fabio Grosso che dal campo ci saluta. I ragazzi in campo sembrano apprezzare, tant'è che grazie alla nostra presenza la Juve si porta sul 2-0 contro la Virtus Entella di Chiavari, grazie alle reti di Udoh e Soumah. A quel punto dobbiamo lasciare lo stadio e la Primavera. Era ora di partire per Bergamo. Prima di partire simpatico siparietto tra Fabio e il portiere dell'Entella. Mentre scattava una foto con il suo cellulare, fatto passare attraverso le inferriate del campo, il cellulare del segretario vola in campo. Fabio chiama a gran voce il portiere dell'Entella per invitarlo a raccogliere il telefono...tra le risate generali e il sorriso anche del calciatore ligure che comunque non lo raccoglie. Ci penserà poi un raccattapalle a riconsegnare il tutto a Fabio. Per la cronaca la Juve Primavera ha poi vinto l'incontro per 4-0. Adesso i ragazzi di Grosso voleranno (come la prima squadra e come noi) in Spagna a Madrid per la seconda giornata della Youth League. Quante emozioni! Dopo Chatillon e Saint Vincent in ritiro lo scorso anno, abbiamo conosciuto un altro stadio minore e potremo raccontare di aver fatto una trasferta, come si suol dire...da 6 punti.
JC ANDRIA: C'E' PROPRIO TANTA ROBA
 

 
 
NEVER GIVE UP.
 
Non arrendersi Mai, non mollare mai, fino alla fine, non è solo il motto del nostro Club, ma crediamo sia diventato il "leitmotiv" della nostra sempre più sorprendente squadra. 
Prendendo spunto dall'originalissimo cappellino che il nostro Andrea Nicolamarino, figlio maggiore del ns. Presidente, indossava in Curva Sud, mercoledì sera contro il Cesena nel turno infrasettimanale, abbiamo deciso di intitolare questo articolo proprio così: NEVER GIVE UP! (NON ARRENDERSI MAI)
Incredibile davvero questa squadra, continua a sorprenderci sempre più, di partita in partita, continua a macinare record su record, come le vittorie consecutive in casa, come i giorni consecutivi in testa alla classifica, come le giornate senza subire rete. A luglio, nessuno di noi si aspettava un inizio così, eravamo tutti abbastanza preoccupati, molto titubanti. Ma eravamo pronti ad essere smentiti dai fatti. Ebbene si, dobbiamo ammetterlo, i risultati, ci stanno dando torto! Ma ne siamo ovviamente contenti. Con questo però non ci facciamo nessuna illusione. Sappiamo quanto difficile sarà il percorso di qui a maggio, sappiamo come tutto possa improvvisamente cambiare, sappiamo che dobbiamo restare con i piedi ben saldi per terra! Troppo entusiasmo potrebbe danneggiare la squadra in vista di una settimana a dir poco già decisiva. Bergamo, Madrid e Juventus - Roma a casa nostra, sono tre partite che molto potranno dire, su quella che sarà la nostra stagione. L'obiettivo sarà di uscire vittoriosi dal doppio impegno di campionato, per poi puntare ad uscire con almeno un pareggio dal Vicente Calderon di Madrid. Questa squadra, questo gruppo ne ha tutte le potenzialità per riuscirci, ma per poterlo fare, avrà bisogno di tutto il nostro caloroso sostegno. Un 3-0 al Cesena che non lascia nessuna possibilità di recriminazione ai romagnoli. Manifesta inferiorità da parte loro. Sempre all'attacco con Buffon che compie un solo intervento, restando praticamente inoperoso per tutta la serata. Abbiamo ritrovato Arturo Vidal, tornato al gol, prima su calcio di rigore, poi con un bel fendente piazzato da fuori area nella ripresa. A chiudere i conti ci ha pensato il nostro TRENO AD ALTA VELOCITA'....LICHSTEINER......altro che NO TAV....ah ah ah ah.
Guidiamo la classifica a punteggio pieno, sempre in compagnia di una Roma, mercoledì vittoriosa sul filo di lana. Ma sapevamo che questa Roma sarebbe stata un avversario ancora più tosto, rispetto alla scorsa stagione. Nonostante siano state schierate in campo molte seconde linee, dobbiamo dirvi che tutti ci sono sembrati molto in forma, ben integrati nei meccanismi di una rosa, che, pur cambiando i giocatori in campo, il risultato non cambia! Giovinco su tutti. Prova superlativa la sua! 
Adesso ci attende la difficilissima trasferta di Bergamo in casa di un Atalanta che ha avuto un inizio di stagione abbastanza complicato. Sarà dura in campo, sarà come sempre dura sugli spalti. Anche li NOI CI SAREMO, per il quinto anno consecutivo. Ancora una trasferta che conta per il nostro club, più di ogni cosa. 
Noi come sempre parliamo con i fatti, non con le stronzate, puttanate o minchiate di 4 (dicasi quattro) mentecatti su FB. Superiori da sempre!
Mercoledì sera invece, grazie ad Andrea N., ritratto in Sud nella originale foto/selfie dell'articolo, con alle spalle l'immancabile striscione al bocchettone, siamo stati nuovamente presenti per la terza volta a Torino in soli dodici giorni. Oltre a lui anche Riccardo M. e Nino L., giunti in Aereo su Orio e presenti nella Est Laterale. Tanti non c'erano, noi seppur in pochissimi, abbiamo risposto ancora una volta presenti con sacrificio ed attaccamento alla maglia che hanno davvero dell'incredibile! Ci hanno raccontato del nostro Andrea particolarmente euforico assieme a Federico e i ragazzi di Bassa Valle e con Luca del Gruppo Aosta. Oramai li, sulla sinistra della Sud si respira davvero un atmosfera sempre più goliardica! Questo è il calcio che piace a Noi, a prescindere dai risultati e da tutto!   
Pronti, partenza.... Via.....buon viaggio a chi salirà a Bergamo, a chi volerà verso Madrid, per poi partire tutti in pullman verso Torino per Juve - Roma!
NOI SIAMO LO JC ANDRIA, QUELLI CHE NON SI ARRENDONO MAI!
 

 
 
ANCORA "PADRONI" A SAN SIRO!
 
Quando la Juve va in "scena" a Milano è come se giocasse in casa, sia per le decine di migliaia di tifosi al seguito, posizionati in ogni settore e sia perchè è spesso assoluta padrona del campo! E' inutile, seppur loro (gli avversari) facciano fatica ad ammetterlo, questa è la assoluta e sacrosanta verità! Ancora una volta la nostra JUVENTUS è stata padrona di San Siro, in campo e fuori dal campo, perchè come tutti sanno....MILANO E' BIANCONERA! Fatevene tutti una ragione! 
La settimana che aveva preceduto questa importante sfida, aveva visto i nostri calciatori, silenziosi e concentrarsi, dapprima sul Malmoe, per poi solo dopo, pensare ai rossoneri, mentre dall'altro lato, ogni giorno, abbiamo registrato continue affermazioni dette con assoluta convinzione, dall'allenatore al Presidente, passando per quasi tutta la rosa...., che questa gara sarebbe stata per loro, quella che avrebbe certificato la loro rinascita e la loro forza per puntare dritti allo scudetto.......che ridere ragazzi, erano davvero convintissimi di poter competere con questa Juve! 
Noi li abbiamo lasciati parlare, li abbiamo ascoltati, restando pazientemente in silenzio e concentrandoci sulla partita, per nulla sottovalutata ed affrontata con la giusta determinazione, con la giusta grinta di chi alla fine sapeva di essere più forte, ma lo voleva dimostrare, ancora una volta sul campo! Così è stato: la Juventus ha vinto con uno striminzito 1-0 che non da la giusta dimensione di quelli che sono stati i valori in campo! Il risultato sarebbe dovuto essere molto più pesante per loro. Ma la prestazione in campo delle due squadre non ha lasciato alcun dubbio in noi tifosi e negli addetti ai lavori. La Juve ha stradominato il Milan, tutto rintanato nella propria metà campo, a difesa della propria porta, sperando in un errore dei nostri, in un contropiede o nel solito generoso rigore! Un Milan così remissivo, così rinunciatario in tanti anni, a San Siro, non lo avevamo mai visto. Hanno fatto la figura dei provinciali, loro che si vantano delle loro conquiste europee, loro che si credono "onnipotenti" come il loro Presidente. Alla fine sapete come si sono ritrovati???? Tutti con il ciuccio in bocca.....ah ah ah ah ah ah, quel ciuccio, esibito dal grandissimo Carlitos Tevez (autore della rete che ha permesso alla Juve di sbancare nuovamente San Siro), che simbolicamente sabato sera, lo abbiamo messo in bocca a tutti coloro che soffrono per le nostre vittorie, che rodono per quanto noi facciamo, che insomma vivono pensando a noi, convinti che il meglio debba ancora arrivare! Poveri sfigati!
Eravamo preoccupati alla vigilia di questa partita, giocare a Milano contro il Milan non è mai cosa semplice. Poi dopo un impegno di Champions ancora peggio. Se a questo ci aggiungiamo le importanti assenze, Pirlo e Barzagli su tutti con Vidal, convocato, ma in panchina, bene, allora era lecito esserlo! 
Ma la Juve, che da tre anni continua a stupirci e sbalordirci, nonostante il cambio in panchina, nonostante tutti ci avessero troppo frettolosamente giudicati al capolinea, è riuscita ancora una volta a sorprendere tutti, compreso noi tifosi! Questa Juve ci sembra davvero la Juve dei giocatori, la Juve che vuole dimostrare che si vinceva anche grazie alla loro forza in campo, non solo perchè in panchina sedesse un certo Antonio Conte. Ma se oggi siamo qui, su questi livelli, lo dobbiamo solo e soltanto a lui! Questo nessuno lo dovrà dimenticare. 
Molti ci chiedono come mai continuiamo a non citare nemmeno il cognome del nuovo allenatore....bene vi diamo la nostra risposta. Lo abbiamo detto in estate, ve lo ribadiamo nuovamente adesso. Lui pensasse a fare il suo compito, noi faremo il nostro. Alla fine, saremo noi i primi ad essere felici, se dovesse riuscire nell'impresa di smentirci. Vorrà dire che la Juve avrà vinto ancora. Per ora, solo indifferenza assoluta! 
Che partita, che Juventus, dal primo al 93mo, minuto, sempre all'attacco, sempre a creare pericoli ed imbarazzi alla difesa rossonera. Dopo un palo pieno di Marchisio nel primo tempo ed altre occasioni mancate, ecco a metà ripresa arrivare l'invenzione del MAGO POGBA che serve una palla incredibile a Tevez che con un colpo da biliardo beffa difensore e portiere rossoneri! La San Siro bianconera viene giù, il Club pure. Goduria allo stato puro. Da allora in poi, l'estasi è stata incredibile, dai nostri soci presenti sugli spalti dello stadio milanese ai tantissimi accorsi, ancora una volta al club, nonostante fosse il sabato di "San Riccardo", patrono della Città di Andria. 
Al triplice fischio una gioia immensa, i giocatori in campo, i tifosi sugli spalti e noi tutti tifosi bianconeri! Che gioia! Al Club eravamo tutti sudati, complice il gran caldo e la tensione e le emozioni provate, sembrava fossimo scesi noi in campo! 
Che la festa (di San Riccardo...) poteva avere inizio....tanti gli sfottò che abbiamo potuto fare, prendendo spunto dal "ciuccio" di Tevez o dal Bar di Via Porta Castello ad Andria...."Zero Uno" Caffè, insomma i poveri nostri detrattori sono stati fatti letteralmente da corsa!

A MILANO, come sempre ANDRIA PRESENTE!
La trasferta a Milano della nostra truppa è stata davvero bella. L'avventura è iniziata alle 6 di sabato mattina, quando a bordo di un pullman grosso, organizzato in collaborazione con i gruppi lucani di Montescaglioso e Bernalda, Giuliano Zefferino e Michele Zagaria, hanno capitanato i nostri soci verso Milano. Tanta sonnolenza a bordo, dettata dalla sveglia all'alba. Poi dopo la pausa per la colazione, la comitiva si è ravvivata parecchio con il solito Domenico Giordano a fare da trascinatore a bordo. Nel parcheggio ospiti, i nostri si radunano anche con chi è arrivato a Milano in aereo, per poi attendere il Gruppo Bassa Valle con i quali sono entrati assieme nell'impianto, effettuando la solita scalata verso "l'attico" al terzo anello verde di San Siro! Ci hanno raccontato di un Giuliano con l'affanno....
Appena dentro, si posizionano al solito posto: alla destra del settore, con i soliti amici, nell'ordine che vedete nella foto dell'articolo......AOSTA, NOI, BASSA VALLE e MASSA. A prescindere dal risultato positivo, quello che più ci riempie d'orgoglio è proprio questo, vedere i sacrifici che di partita in partita, i nostri soci effettuano pur di rappresentare in ogni dove il nostro Club. Ad Andria sono rientrati alle 11 di domenica mattina, quando sul Corso principale della Città, sono iniziate, come le definisce il buon Salvatore Lomuscio, le "vasche" a piedi.....avanti e indietro! Ah ah ah ah ah ah. 
STIAMO GODENDO! LO AVEVATE CAPITO????
ohi ohi ohi...ohi ohi ohi ohi....PIPPO INZAGHI segna per Noi.....ohi ohi ohi....

JUVENTUS CLUB ANDRIA: LA PASSIONE ALLO STATO PURO!
 

 
 
IN CASA GIOCHIAMO NOI!
 
Prima di entrare nello stadio, il nostro Giuliano ci aveva scritto: IN CASA GIOCHIAMO NOI.....appena finita la partita ci ha invece scritto...."ora posso dirlo...MISSIONE COMPIUTA...."
Eccolo Giuliano, ritratto nella foto con l'altro nostro referente per questa trasferta, l'ottimo Michele Zagaria, appena scesi dal pullman nel parcheggio ospiti. Hanno come sempre gestito il tutto alla perfezione e per questo li ringraziamo, dal reperimento dei biglietti nei giorni precedenti alla trasferta e sino al rientro ad Andria. Che dire, sapere di poter contare su gente come loro è per noi una soddisfazione grandissima! Un ringraziamento va anche agli altri ragazzi che hanno preso parte a questo viaggio, soprattutto a Luciano per la sua costanza nel frequentare le trasferte. Bravi, bravissimi! 
Mercoledì sera ci aspetta il turno infrasettimanale di campionato contro l'ostico Cesena. Guai a sottovalutare questo impegno. Bisogna vincere per restare sempre in vetta alla classifica che manteniamo da ben 300 giorni consecutivi! Forza ragazzi, vincere è l'unica cosa che CONTE...perchè poi ci aspetterà un tour de force da brividi....BERGAMO, MADRID e JUVE - ROMA a Torino! CARICAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
Mercoledì ci saremo a Torino con Andrea Nicolamarino a far da referente in Curva con altri due soci! 
NOI SEMPRE PRESENTI!
JC ANDRIA
 

 
 
TEVEZ E LA JUVE ABBATTONO IL MALMOE!
 
L'avventura in Champions League è iniziata, quest'anno, nel migliore dei modi. La Juventus, dopo una buona prova e con un Tevez da urlo, riesce finalmente nell'impresa di vincere all'esordio stagionale, regolando per 2-0 gli scandinavi del Malmoe, grazie alla super doppietta dell'argentino Carlitos Tevez, sempre più leader di questa Juve! L'Apache non segnava in questa competizione da oltre cinque anni! Alla prima giornata dei gironi, la Juventus non vinceva da diverso tempo. Negli ultimi due anni, soltanto due pareggi in trasferta ai quali son seguiti poi altrettanti pareggi casalinghi. Comunque andrà a Madrid nella seconda giornata contro l'Atletico, la Juventus avrà più punti rispetto alle ultime due stagioni. Insomma tanti indizi che ci lasciano pensare positivo in questa annata! Il girone A, quello della nostra Juve, ha visto anche la sorprendente vittoria dei greci dell'Olympiacos proprio sugli spagnoli vice campioni d'Europa. Questo a dimostrazione di come in Champions nulla sia scontato. Adesso il girone si è tremendamente complicato, ma sappiamo sulla nostra pelle, che far calcoli non serve a niente, a Madrid avremo la ghiotta occasione di mettere una seria ipoteca sul passaggio agli ottavi di finale. La prova della Juve ci è davvero piaciuta contro una squadra ben messa in campo e soprattutto ben chiusa in difesa. Dopo un primo tempo così e così, dove la Juve meritava però già di essere in vantaggio, ecco una ripresa giocata su ritmi più alti, con Tevez che dall'alto della sua esperienza internazionale ha letteralmente preso sulle spalle la squadra trascinandola verso la prima vittoria! "Apache" a parte, la prova di Lichsteiner è stata a dir poco impressionante. Quante volte ha percorso la fascia destra su e giù durante tutti i 90 minuti, peccato per non aver tirato in porta in due occasioni, quando si è ritrovato a tu per tu con il portiere svedese, avrebbe potuto coronare la sua prestazione con una meritata rete. Buffon sempre attento, nell'unica occasione capitata agli svedesi. Caceres impeccabile: come si può definire riserva un calciatore simile? Asamoah invece è tornato nella sua posizione originaria entrando in partita con un po di ritardo, ma come sempre è riuscito ad essere determinante fornendo un assist di tacco incredibile a Tevez per la rete del vantaggio. Poi dentro Morata che in pochissimi minuti ha fatto ammattire la retroguardia svedese procurandosi una punizione dal limite eseguita magistralmente da Carlitos Tevez, degno erede di Alex Del Piero. Juventus Stadium in trionfo e tutti felici e contenti! 
Trasferta tranquillissima per la nostra pattuglia di soci partita per Torino. Ancora una volta è stato Andrea Leonetti a capitanare il gruppo di 7 persone partito da Andria, dei quali 4 in Curva Sud e 3 in Tribuna Ovest. Una macchina e l'aereo sono stati i mezzi con cui i nostri hanno raggiunto nuovamente Torino, dopo soli tre giorni dall'esordio in campionato. Alle 18,30 erano già tutti sotto la Sud, tradizionale nostro ritrovo. Poi all'apertura dei cancelli tutti dentro, con Giorgio N. e Andrea N. che vanno subito a posizionare lo striscione al bocchettone, mentre Andrea L. e suo figlio Davide, prendono posto in basso a sinistra, all'altezza della linea dell'area di rigore grande! Mentre chiacchierano in curva con i soliti amici del Nord ecco spuntare il grande "amico...Claudio Zuliani" che si era fatto una passeggiata in Curva. Appena notata la "nostra storica pezza", si lascia immortalare mantenendola a mano con i nostri soci! Grande il tifo prodotto dalla Sud martedì sera. Lo diciamo da sempre. Quando non ci sono gli occasionali, la curva si esprime sempre su grandi livelli! Davide Leonetti ha colpito ancora. Alla prima di campionato da quando esiste lo JStadium lui è sempre andato: 4 vittorie su 4, compresa quella contro l'Udinese di sabato scorso. Adesso, spinto da noi tutti, ha preso parte anche alla prima in casa di Champions, dove non era mai stato: ancora una volta vittoria. Con lui presente alla prima di campionato abbiamo sempre vinto lo scudetto, ecco perchè lo abbiamo mandato alla prima di Champions. Appena terminata la partita lui al telefono ci dice: adesso mandatemi anche alla prima di Coppa Italia!  Viaggio di rientro tranquillo con Michele Z. a far da sostegno in auto ad Andrea L. Un saluto anche a Paolo P. e Michele R., quelli della Tribuna Vip, presenti martedì sera in aereo. Nella foto del presente articolo, ecco la nostra "banda" presente in Curva Sud contro il Malmoe! BRAVI, BRAVISSIMI!

IL BOATO DI VIA ENRICO DANDOLO
Martedì sera al club si è registrata una affluenza di soci, manco fosse una semifinale di Champions League! Davvero incredibile! Vedere uscire voi tutti dalla sede felicissimi e ringraziarci (ma di cosa??????) è un qualcosa che ci riempie di orgoglio! Quante donne presenti, a dimostrazione di quanto il nostro ambiente sia sano e soprattutto coeso! Atmosfera da stadio, con tantissimi cori è lasciatecelo dire...alla prima rete di TEVEZ....l'urlo è stato impressionante...avrà riecheggiato in tutto il quartiere, con la parte più calda del club che si è ritrovata "l'uno sull'altro"....
Anche il tesseramento è ovviamente continuato alla grande, sfondando il muro delle 250 tessere ed avvicinandoci sensibilmente alle 300 iscrizioni! Un boom inatteso dopo la vicenda "Conte". Dimostrazione che siamo davvero fortemente legati con orgoglio e passione alla JUVENTUS! 

PRESENTI COME SEMPRE A SAN SIRO!
Sabato mattina all'alba un altra pattuglia di nostri soci partirà a bordo di un pullman organizzato in collaborazione con altri gruppi e club di Puglia e Basilicata, alla volta di Milano dove ancora una volta lo JC ANDRIA sarà PRESENTE per sostenere i nostri colori nella difficile sfida contro i rossoneri che vale il primato in classifica!
AVANTI JUVENTUS...AVANTI JC ANDRIA! NOI CI SIAMO SEMPRE!    
 

 
 
ZULIANI COME NOI: SEMPRE PRESENTE
 
Eccolo Claudio Zuliani, il noto giornalista e commentatore, nostro grande amico, in Curva Sud, martedì sera contro il Malmoe, mentre regge la nostra "pezza" da trasferta. E' il primo da sinistra con cappellino in testa ed occhiali. Un bell'incontro tra lui ed il nostro Andrea Leonetti e con i nostri ragazzi presenti (Giorgio, Davide e Andrea Nicolamarino). Del resto come noi abbiamo un piacevole ricordo delle sue due venute qui ad Andria, così lui continua a ricordarci con grande affetto! Siamo una grande e bella realtà nel panorama immenso del tifo juventino! 
CIAO CLAUDIO, SIAMO ONORATI DELLA TUA AMICIZIA!

JC ANDRIA...SEMPRE IN VIAGGIO...SEMPRE AL TUO FIANCO!
 

 
 
LA JUVE VINCE E CONVINCE
 
Anche in questa seconda giornata di campionato la nostra Juve non solo è uscita vittoriosa dal delicato confronto contro l'Udinese, ma ha anche convinto tutti, sia per il modo di approcciarsi alla gara, sia per la mentalità vincente dimostrata e soprattutto per il bel gioco espresso. Dopo la bella vittoria a Chievo è subito seguita un altra prova che ha soddisfatto tutti, tifosi, addetti ai lavori e media. La Juventus del nuovo corso c'è. E' presto per poter dire se la Juventus sarà capace di ripetere quanto fatto negli ultimi anni, ma la squadra è stata già in grado di dimostrare, seppure con diverse defezioni importanti, che la mentalità e la propria forza sono assolutamente intatte! Questa Juve, non c'è ne voglia il nuovo allenatore, sembra quasi una macchina con guida automatica. La squadra, i singoli, hanno voglia di dimostrare a tutti che non si vinceva solo perchè in panchina c'era Antonio Conte, ma che si vinceva perchè questa Juve è davvero forte. Noi ovviamente c'è lo auguriamo. Bellissimo l'esordio allo Stadium, bellissima la Curva Sud che ha espresso un tifo davvero costante ed eccezionale, il giusto sostegno che questa squadra merita. 2-0 il risultato finale con reti del solito Carlitos Tevez e di un Claudio Marchisio che ci sembra tornato sui livelli di due stagioni fa. Riproposto il 3-5-2 modulo che continua a dare le sue ampie garanzie almeno nel campionato italiano. In difesa tutto ok con prova davvero superlativa del sempre più indispensabile Martin Caceres che adesso sarà difficile far riaccomodare in panchina. A centrocampo prova davvero positiva del neo acquisto Pereyra che si dimostra una validissima alternativa. Ma potevamo dimenticarci di Evra? Assolutamente no. Che esterno, che giocatore, che forza e che esperienza. Insomma gli acquisti della Juve ci sembrano davvero indovinati. Se poi riflettiamo tutti e vediamo chi è entrato alla fine per far rifiatare Tevez e il tuttofare Llorente, bene allora dobbiamo iniziare a pensare che le scelte operate da Marotta e dalla Società in generale, forse sono state davvero "azzeccate"! Vedere Coman e Morata, giocare per pochissimi minuti e lottare con determinazione e grande voglia di spaccare tutto, nonostante il risultato fosse in cassaforte, bene, allora pensi che sognare è del tutto lecito! In questa squadra poi, manca ancora tutta la "spina dorsale"....composta da Barzagli, Pirlo e Vidal, non tre giocatori qualunque! Ci fermiamo qui, i voli pindarici, quelli li lasciamo fare agli altri come sempre. Il campionato infatti inizia a dare dei primi indizi, dei primi segnali di quelli che potrebbero essere i valori. La Roma con la nostra Juve resta la favorita alla vittoria finale, ma nessuno pensa a quante energie la Champions toglierà ai capitolini, da tempo non abituati a fare turn-over. Il Milan forse è l'autentica sorpresa di questo inizio di campionato, anche se la difesa sembra ancora troppo colabrodo....il Napoli sta rispecchiando quello che secondo noi è l'autentico valore, l'eliminazione prematura dalla Champions deve aver rotto degli equilibri già precari nello spogliatoio. Poi ci sta la Prescritti Band, quelli de "il meglio deve ancora venire"....che se giocassero sempre contro il Sassuolo, allora si che potrebbero ambire a vincere lo scudetto! Per il resto i valori dovrebbero essere quelli previsti. 
QUELLI DEL BOCCHETTONE....
Nella foto dell'articolo, si vede la squadra che viene a festeggiare sotto la Sud. Noi come sempre eravamo presenti, nella nostra "riconfermata posizione" che occupiamo in pratica da novembre dello scorso campionato. Siamo a sinistra della porta, verso la bandierina del calcio d'angolo, assieme ai ragazzi di Bassa Valle, Aosta e Roma. In pratica siamo tornati nella posizione originaria di quando s'inaugurò lo JStadium. Siamo oramai definiti "quelli del bocchettone", perchè proprio al bocchettone verso la Ovest mettiamo come sempre il nostro striscione, di partita in partita. Dopo essere stati tra i primi a lanciare la moda dello stendardo a due aste, seguiti a ruota da tantissimi altri, adesso lanciamo un altra moda, quella di "esserci sempre, ma apparire meno!" 
Troppa confusione si era venuta a generare li a centro curva, troppi stendardi, troppi occasionali che sgomitavano pur di essere inquadrati dalle telecamere. Noi invece li c'eravamo non perchè fossimo più visibili, ma perchè uniti da una bella amicizia con i ragazzi del Gruppo Tradizione. Amicizia che ovviamente continua e continuerà sempre. Adesso abbiamo una nostra precisa identificazione in curva, una nostra precisa e definitiva posizione. Chiunque viaggerà di partita in partita dei nostri soci, sarà sempre li, in quella posizione!    
NOI CI SAREMO SEMPRE! JC ANDRIA 
 

 
 
QUELLI DEL BOCCHETTONE....
 
Eccoli qui ritratti, i nostri cinque soci presenti sabato sera in Curva Sud, a fine primo tempo per la prima casalinga allo Juventus Stadium contro l'Udinese. In tutto i nostri presenti a Torino erano 8. Oltre ai "5 curvaioli", anche i tre abbonati di Tribuna Ovest Laterale (R. Chieppa & family), che prima della partita si sono incontrati tutti sotto la Sud per la distribuzione degli abbonamenti ritirati dal nostro "tuttofare" Giorgio Nicolamarino, oramai diventato a dir poco insostituibile...A capitanare la "sparuta presenza" andriese c'era Andrea Leonetti, lui vera colonna portante del nostro club con Davide suo figlio e Vito L. e Fabio M., al loro secondo anno di iscrizione al club, ma già con diversi viaggi alle spalle! Insomma seppur in pochi era una presenza di tutto rispetto. La loro trasferta è iniziata dapprima con la visita al Bar Black & White a Grugliasco per un saluto al Presidente del Gruppo Tradizione, per poi completare i saluti in curva con tutti gli altri. Trasferta tranquillissima effettuata in auto, con un po di problematiche agli ingressi viste queste nuove procedure di cambi nome attuate dalla Juventus. Andranno per noi ancora oleati i meccanismi.... 
Adesso è già tempo di ripartire. Ancora Andrea Leonetti sarà a capo dell'altra delegazione di soci che sarà presente alla prima di Champions Juve - Malmò di martedi sera. In totale saranno in sette a rappresentare come sempre lo JUVENTUS CLUB ANDRIA! 
Come sempre facciamo tanti sacrifici e tanti sforzi pur di esserci sempre in ogni dove con orgoglio e passione! Del resto gli attestati di stima e rispetto che riceviamo su, sono per noi un motivo di vanto ed orgoglio!
TESSERAMENTO
Sabato sera al club, non solo abbiamo sfondato il tetto delle 200 tessere sottoscritte, ma ci siamo avvicinati sensibilmente alle 250. Ne mancano davvero pochissime per poter superare anche quest'altro step e poterci avvicinare alle 300 iscrizioni! 
Grazie a tutti Voi e aspettiamo ancora tanti altri!
JC ANDRIA SEMPRE PRESENTE, SEMPRE AL TUO FIANCO 
 

 
 
FINALMENTE SI RIPARTE
 
Terminata la pausa per gli impegni delle Nazionali, che ci ha visto tutti nuovamente innamorati degli azzurri grazie al "nostro Condottiero" Antonio Conte, vittorioso anche in Norvegia per 2-0 nella prima gara valida per qualificazioni agli Europei di Francia 2016, con le reti dei nostri calciatori, Zaza e Bonucci, ecco pronti a rituffarci nell'atmosfera del campionato e della Champions, per un mese che si preannuncia duro e denso di impegni, almeno sino alla prossima pausa per le nazionali di Ottobre.
Diciamo che davvero non ne potevamo più. Il breve assaggio di campionato a Verona non era assolutamente bastato. Ora si parte davvero per un mese fondamentale, un mese che molto dirà sugli equilibri di questo campionato e sul cammino europeo della nostra Juventus. Partire bene, lo diciamo da sempre, è assolutamente fondamentale per l'autostima del gruppo! E' un momento difficile quello che stiamo vivendo: gli infortuni muscolari di diversi calciatori, non aiutano noi tifosi a restare sereni. 
Già sabato, l'impegno casalingo contro l'Udinese sarà molto impegnativo e assolutamente da non sottovalutare, visto il valore dei friulani con l'eterno Totò Di Natale in avanti a far da spauracchio. 
Noi faremo come sempre la nostra parte, anche questo sabato a Torino ci saremo per sostenere la Juve: come alla prima a Verona (nella bella foto dell'articolo di Enzo Glinni), anche allo Stadium per questa prima casalinga della stagione, saremo presenti in 8. In auto e aereo i nostri soci ci rappresentaeranno all'interno della nostra casa! Un Grazie ad Andrea Leonetti che sarà il punto di riferimento per questa trasferta!
Per tutti gli altri l'appuntamento sarà sabato sera dal club, che per permettere di sottoscrivere le tessere, sarà già aperto dalle ore 19,00.
AVANTI JUVENTUS. AVANTI JUVENTUS CLUB ANDRIA. 
SEMPRE AL TUO FIANCO!
 

 
 
BENVENUTA SOFIA MATERA
 
Nella settimana in cui è ufficialmente partita l'avventura sulla panchina azzurra del condottiero Antonio Conte, che ha esordito a Bari con una splendida vittoria per 2-0 contro l'Olanda, ecco giungere venerdì pomeriggio intorno alle ore 14,00, la splendida ed attesa notizia della nascita della primogenita figlia di Massimo Matera, nostro socio storico, abbonato in Curva Sud e assiduamente presente in tantissime trasferte al seguito della Juve!  Eccolo nella foto dell'articolo il nostro Massimo, con la solita bandierina Tradizione, come sempre in prima linea in balconata e in compagnia del piccolo Lorenzo Attimonelli (....di padre....in figlio...)!
Si chiama Sofia, pesa ben 3,100 kg per la gioia della sua mamma Enza e del suo papà Massimo! Un altra piccola "gobba" entra nella nostra grande famiglia dello Juventus Club Andria. 
Siamo molto felici per te caro Massimo che finalmente inizi un nuovo percorso di vita. Sai quanto ti vogliamo bene, in virtù della tua fortissima juventinità e del tuo forte attaccamento al club! 
A Sofia un dolce bacio a Voi genitori l'augurio più affettuoso!  
p.s. Caro Massimo tempo qualche settimana, giusto il tempo di "ri-organizzarti" che ti vogliamo subito vedere presente nei tanti viaggi che ancora ci aspettano!
IL PRESIDENTE E DIRETTIVO JC ANDRIA

 

 
 
CHI BEN COMINCIA....
 
...e' a metà dell'opera! Magari bastasse solo il famoso detto per avere la certezza di vincere di nuovo! Purtroppo sappiamo bene che non sempre va così, ma possiamo dirvi che dalla stagione 2011/2012, la Juventus, vince sempre la sua prima di campionato e da allora puntualmente, si vince sempre il TRICOLORE....quello che altri continuano a sognare! Siete tutti autorizzati a fare i dovuti scongiuri, già vi immaginiamo con le mani da qualche parte....."sciocchi scaramantici"! 
Cabala a parte, la Juventus è riuscita a vincere il suo difficile esordio al Bentegodi di Verona contro il Chievo, per 1-0 grazie al colpo di testa di Martin Caceres deviato in rete da un difensore clivense. Una vittoria che, a prescindere dallo striminzito risultato, non è mai stata in discussione, con i bianconeri dominatori assoluti del primo tempo che si sarebbe potuto chiudere con un risultato molto più ampio! Nella ripresa la Juventus è calata un po, complice ancora la precaria condizione fisica del gruppo e soprattutto le tantissime assenze, ma non ha rischiato quasi nulla. Come nella passata stagione la Juventus ha vinto la sua prima gara in trasferta con lo stesso identico risultato. A Genova però, contro la Samp., nella passata stagione, non disputammo una grande partita, come invece avvenuto ripetiamo, soprattutto nella prima frazione di gioco a Verona. 
Buon segno e stesso spirito del passato. Segno che la voglia di lottare, di sacrificarsi per la squadra, da parte di tutti è ancora su livelli massimi. Segno che questa Juve è sempre affamata di vittorie. Volevamo tutti delle prime risposte, eccole! La Juventus si è schierata con il tradizionale modulo "contiano", il 3-5-2, senza stravolgere il "modus operandi" di una squadra che con quel modulo li, almeno in Italia, ha dominato le scene! Non era semplice giocare a Verona in casa di un avversario da sempre ostico, con una difesa completamente inedita che vedeva in campo, Caceres, Bonucci e Ogbonna e un attacco che vedeva il solito Tevez con il "ragazzino parigino" Coman. Tutto è andato invece bene, con Vidal e Pogba autentici mattatori a centrocampo, sempre loro, quelli che per tanti giornali in questa estate sarebbero dovuti essere altrove ed invece sono sempre li a fare le fortune della nostra squadra. Coman poi un autentica rivelazione. Ha giocato senza timori reverenziali con la tranquillità di un veterano. Promosso! Insomma questa Juve potrebbe continuare a stupirci, del resto la squadra si è "leggermente migliorata" con i nuovi innesti, anche se siamo consapevoli che quest'anno sarà molto più dura vincere perchè a partire dalla Roma, le avversarie ci sembrano nettamente migliorate. Forse dal mercato ci si aspettava tutti qualcosina in più per poter crescere in ambito europeo, ma se una squadra non vende i suoi pezzi da 90 come appunto Pogba e Vidal allora si che devi esserne orgoglioso! A tutti piacerebbe poter comprare i vari Di Maria, Falcao e via dicendo...ma a quelle cifre folli non è assolutamente possibile competere per una Società come la nostra in una Nazione come la nostra. L'ossatura c'è, pian pianino arriveranno anche gli acquisti di un certo livello, ma per quelli bisognerà attendere forse ancora un annetto, nel frattempo se potessimo riconfermarci in Italia sarebbe già qualcosa di grandioso. In Europa poi non si sa mai.....le favole del Borussia Dortmund e dell'Atletico Madrid sono li sotto gli occhi di tutti, vedremo, intanto speriamo di fare quanta più strada possibile! 
CHE AFFLUENZA AL CLUB
Al Club sabato pomeriggio nonostante l'orario pomeridiano, nonostante il periodo ancora di ferie, nonostante "orfani di Antonio Conte", abbiamo registrato una affluenza davvero inaspettata. Altro buon segno...di quanto il nostro Club sia stimato da tutti! Abbiamo sottoscritto solo sabato ben 54 tessere che ci fanno avvicinare di colpo alla cifra di 200 soci che al 31 agosto ci sembra una cifra davvero impensabile! AVANTI COSI'. Ora ci aspettiamo il pienone delle grandi occasioni, nelle prossime due sfide casalinghe di campionato e Champions League, contro Udinese e Malmo'. 
AL BENTEGODI JUVENTUS CLUB ANDRIA PRESENTE!
Ripresa la stagione ufficiale, abbiamo come nostra abitudine, subito ripreso a viaggiare. Eccoli nella foto dell'articolo, i nostri ragazzi saliti su da Andria a Verona. Nello scatto che li ritrae a fine gara, mancano soltanto Mimmo Canzio, il nostro tenente e suo figlio Angelo, mentre tutti gli altri ci sono da Michele, ribattezzato "la Guerra" a sinistra della foto, al figlio del Presidente Andrea Nicolamarino, dal "direttore"  Sante Tricarico al "capo gruppo" Giuliano Zefferino e dal "re del Vinello" Vito Palmitessa a Carlo Balducci a destra della foto, il nostro "tronista"! 
In otto, per una prima trasferta non certamente di quelle che attirano tanti soci, possiamo dire sia stato un ottimo risultato. Se poi pensiamo alle difficoltà per organizzare questo viaggio, prima la mancanza di un mezzo a noleggio, poi la mancanza dei biglietti ospiti senza tessera del tifoso....insomma mai avevamo avuto tutti questi problemi di organizzazione. Per fortuna riusciamo sempre a superare ogni ostacolo, ogni difficoltà: No problem....si è detto...."acquistiamo i biglietti della "Curva Sud" del Chievo Verona, mica potranno farci entrare li poi? Così è stato, alla fine, controlli blandi e comunque alle porte erano già predisposti nel ritrovarsi tantissimi sostenitori bianconeri con diversi tagliandi anche dei settori di casa, in barba a tessere del tifoso e normative varie!!!! Partiti con leggero ritardo sulla tabella di marcia, quasi alle cinque del mattino, con Andrea Nicolamarino che si sveglia tardi.....è con una città in movimento per via della "Processione della Madonna". Giuliano tira sino a Pescara, poi alla guida del pullmino passa Sante, per poi da Pesaro in poi cedere la mano a Mimmo Canzio il tenente. Da Faenza a Bologna coda chilometrica per via di un incidente e del traffico di rientro dalle vacanze. Quasi due ore a passo d'uomo. Poi finalmente raggiungono l'Autostrada del Brennero dove si fermano per pranzare. A Verona arrivano quasi alle 5, in tempo utile per parcheggiare il mezzo nel settore ospiti e dirigersi agli ingressi. Saluti e baci con tutti gli altri club e gruppi con i quali ci si ritrova dopo oltre tre mesi. Tantissima gente nella Nord, migliaia  e migliaia di juventini, come nel resto dello stadio. Sembrava di giocare in casa. Grande il tifo soprattutto nel primo tempo! I nostri si posizionano tutti a destra della curva verso la Tribuna, assieme ai ragazzi del Gruppo Bassa Valle capitanati per questa occasione da Daniele . Finita la gara, aspettano che il traffico si alleggerisca un tantino approfittando per mangiare qualche panino e bere ancora un bicchiere di vino del solito Vito! 
Siamo enormemente contenti di questa "duratura e vera" amicizia con il gruppo Bassa Valle con i quali pianifichiamo sempre tutto nonostante l'enorme distanza che ci separa da loro. Il viaggio di ritorno è andato benissimo, stanchezza a parte i ragazzi hanno potuto dire al loro arrivo ad Andria....alle 4,30 del mattino...MISSIONE COMPIUTA! Grazie ai soci che hanno partecipato a questa prima trasferta della stagione.
Orgogliosi come sempre di Voi e di Noi per quello che facciamo da oramai 12 stagioni! 
Seguire la squadra, come facciamo NOI, ripetiamo COME FACCIAMO NOI, in ogni dove è la migliore attività che un CLUB possa organizzare! Questo è il nostro obiettivo da sempre, altro non ci interessa! 
JUVENTUS CLUB ANDRIA: PASSIONE ALLO STATO PURO!

 

 
 
SIETE PRONTI A RIPRENDERE IL TOUR IN EUROPA?
 

Nella prima serata di giovedì, si è delineato il nostro percorso in Europa per la prossima Champions League. Riprendiamo il nostro tour alla scoperta di nuove nazioni, di nuove città, di nuovi stadi. Ci eravamo lasciati con l’ultimo viaggio a Lisbona della scorsa stagione, in Europa League, riprenderemo quest’anno ancora da Madrid, ma “finalmente” sponda Atletico. E’ dal 1965 che non affrontiamo la squadra dell’Atletico, rivelazione della passata stagione. Sarà affascinante recarsi all’”Estadio Vicente Calderòn” per l’intensità del tifo degli spagnoli di tutt’altra pasta rispetto ai cugini del Real. A Madrid si giocherà il 1 Ottobre, a Torino il 9 dicembre, l’ultima del girone. L’esordio nella Champions di questa stagione sarà il 16 Settembre allo Juventus Stadium contro gli svedesi del Malmo’, una prima assoluta contro di loro. In Svezia ci recheremo il 26 di Novembre per una trasferta che nonostante il periodo invernale, si preannuncia già abbastanza calda vista la tappa a Budapest , dagli amici ungheresi, che faranno i nostri soci che hanno già prenotato il viaggio. Un'altra prima per noi, sarà la trasferta in Grecia contro l’Olympiacos di Pireo ad Atene. Non per la Juve che dal 2003, anno in cui aprimmo il Club, sempre in Champions, non trovava i greci sulla sua strada. Ad Atene si giocherà il 22 Ottobre, a Torino il 4 Novembre.

Insomma un girone, quello “A” sulla carta apparentemente abbordabile, ma vista l’esperienza dello scorso anno, non sottovaluteremo niente e nessuno. Anzi possiamo dire che è lo stesso gradi di difficoltà. Quindi non diamo nulla per scontato. Pensiamo a vincere la prima in casa, fondamentale per iniziare bene il nostro cammino europeo. Nei precedenti due anni, da quando siamo tornati nell’Europa che conta, mai abbiamo vinto all’esordio. Tendenza da invertire assolutamente. Ovviamente come facciamo da anni, saremo presenti in tutte le trasferte. Abbiamo già individuato delle soluzioni, alcuni hanno già prenotato, altri lo faranno. Proveremo ad individuare anche altre possibili tratte soprattutto per raggiungere Madrid e Atene (forse in nave). Chiunque fosse interessato ci contatti telefonicamente o si rechi dal club. Ricordiamo a tutti che noi forniamo la soluzione aerea più conveniente, mentre la prenotazione è a cura del socio. I biglietti dei settori ospiti saranno da noi forniti solo esclusivamente a chi sarà in regola con l’iscrizione annuale al club!

LINEE GUIDA PER LA NUOVA STAGIONE

In serata di giovedì inoltre si è tenuta la riunione annuale del consiglio direttivo, quella di “start up” di un intera stagione. Dopo il “ritiro” in campagna dello scorso anno, ci siamo ritrovati in città in una splendida location “a bordo piscina”, altro non possiamo aggiungere. E’ stata una serata bellissima che ha cementato sempre più il gruppo dirigente del nostro club. Tra un aperitivo e l’altro, tra un gelato e una bibita, abbiamo delineato le linee guida per questa nuova stagione, la dodicesima dello JUVENTUS CLUB ANDRIA.

 

Regole fondamentali

 

- Al Club potrà accederVi solo il socio in regola con la nuova tessera annuale;

 

- La tessera da socio semplice va saldata in unica soluzione (Euro 30,00);

 

- La tessera da socio effettivo (Euro 85,00) può essere pagata in due o massimo tre tranche, con un acconto minimo di 30,00 euro, soltanto per i vecchi soci;

 

- Le tessere della passata stagione sono tutte scadute a maggio, quindi non più valide per l’accesso al Club;

 

- Chi non avrà la nuova tessera pagherà in via del tutto eccezionale sino a fine settembre Euro 5,00 (quota ingresso da non socio) l’ingresso alla Sala, dopo di che se avrà regolarizzato pagherà Euro 3,00 (quota ingresso per socio semplice) o altrimenti dal 1 ottobre non potrà più avere accesso;

 

- Per i soci effettivi (tessere abbonamento da 85,00 euro) se trattasi di riconferma, il posto a sedere sarà quello della passata stagione, per i nuovi si attenderà fine settembre per capire chi avrà rinnovato e chi no. In base alle eventuali disponibilità di posti che si potrebbero liberare da soci che non dovessero rinnovare,  si andranno ad assegnare le sedie per i nuovi o ad effettuare il cambio posto per vecchi soci. I nuovi occuperanno, provvisoriamente, le sedie blu delle ultime tre file;

 

- Sabato in occasione della prima gara di campionato, il club sarà aperto dalle ore 16,30 per consentire a tutti di rinnovare o sottoscrivere con calma la tessera. Non venite poco prima della partita. Portate con Voi un documento d’identità valido. Dobbiamo registrare soltanto il numero.

 

- Chi intende andare a Torino o in trasferte europee, anche solo una volta, con donne, anziani, bambini, deve sottoscrivere per tutti la tessera club, per poter usufruire del servizio biglietteria.

 

Ripartiamo più compatti che mai, più carichi di prima, a difesa della nostra grande fede per la JUVENTUS! Tutti ci danno già sconfitti, tutti sembrano avere delle certezze sulla stagione delle proprie squadre…..l’unica certezza è quella che abbiamo Noi, l’essere CAMPIONI D’ITALIA ancora una volta. Difenderemo il nostro orgoglio di essere gobbi, difenderemo quello scudetto cucito sulle nostre maglie, quello che oggi è il sogno, la speranza di vincerlo, per gli altri, a maggio prossimo!

JUVENTUS CLUB ANDRIA: LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI!

FATTI…NON PAROLE!

 

p.s. Buon viaggio agli otto soci che partiranno nella notte tra venerdì e sabato per Verona in pulmino! Portateci i primi tre punti della stagione! Quante difficoltà per acquistare i biglietti….non sappiamo di chi sia la colpa…se del Chievo, se della TicketOne, se della Listicket, se del Centro Elaborazioni Dati della Polizia di Stato o se della Juventus Fc…sappiamo soltanto che per reperirli abbiamo dovuto penare non poco…..alcuni in curva del Chievo, altri nel settore ospite per non tesserati, altri in settore ospite per tesserati…insomma come sempre abbiamo fatto a MODO NOSTRO!

L’importante è esserci!

 

 
 
UNA SETTIMANA DI FUOCO
 

“Quando la Società mi chiederà di impostare la preparazione estiva per puntare alla vittoria del Trofeo Tim o altre competizioni del calcio d’agosto, bene allora mi adeguerò…” Parole di Antonio Conte, ripetute spesso negli ultimi tre anni, quando la Juve sistematicamente non ha mai vinto ne il Trofeo Tim ne altre inutili competizioni. Anche quest’anno la Juve non ha vinto il Trofeo Tim, come era anche accaduto dai tempi di Lippi e a tutti i suoi successori, tranne che in una occasione con Ciro Ferrara in panchina nel 2009. Ma sappiamo tutti come andò poi a finire quella stagione. Questa competizione è certamente servita per immettere altri minuti nelle gambe dei singoli giocatori. Qualche dubbio però, nella testa di noi tifosi, è iniziato a serpeggiare da sabato sera. Il timore più grande resta legato al fatto del cambio di allenatore in panchina. La differenza tra il NazionalConte e il Mr. “Cardigan”, visto il maglioncino indossato in tutte queste amichevoli sin qui disputate, dal neo allenatore juventino, sembrerebbe abissale. La troppa pacatezza, la troppa tranquillità in panchina, sono dei segnali eloquenti di una trasmissione (alla squadra) di poca cattiveria in campo. Speriamo come sempre di sbagliarci, del resto da sabato sarà il campo a dire se abbiamo torto o abbiamo ragione. Poi l’altro dubbio è legato al modulo: non si può arrivare alle porte di una stagione e non aver ancora deciso quale modulo adottare o meglio aggiungiamo noi, non aver acquistato un giocatore che sappia comandare una eventuale difesa a 4 che riteniamo essere la scelta migliore per giocare più sicuri in Europa. In avanti poi, ti rendi conto che se ti viene meno Llorente per un qualsiasi acciacco, se ti ritrovi con Morata e Coman fermi ai box, hai davvero poche soluzioni. Giovinco e Tevez assieme non possono secondo noi giocare. Serve una prima punta che sappia mettere la palla in rete con facilità, un rapinatore d’area di rigore, un opportunista d’esperienza, che metta sempre il suo zampino!Le due mini gare disputate hanno lasciato più ombre che luci. La prima gara contro il Milan è terminata sul risultato di 1-0 per i rossoneri, che hanno poi vinto il Torneo. La seconda contro il Sassuolo è stata vinta dalla Juventus per 1-0 con rete di Roberto Pereyra. Altra considerazione è che Ogbonna e Bonucci non possano giocare assolutamente assieme, con quei due in campo la nostra difesa diventa una perfetta BANDA DEL BUCO! Nella sfida contro il Milan abbiamo avuto due certezze, Vidal è sempre lui, non risparmia mai la gamba, lotta su tutti i palloni, come si potrebbe pensare di vendere un giocatore simile???? Pogba è a tratti sontuoso, recupera palloni e si fa largo in campo con una facilità disarmante. Nella seconda sfida vinta contro il Sassuolo, tanta sonnolenza, partita soporifera, brilla il solo Pereyra.   

Come recita il titolo di questo articolo, questa che va ad iniziare sarà una settimana da noi battezzata di fuoco. Non climaticamente parlando. E’ l’ultima settimana di mercato, quella che potrebbe cambiare il volto alle squadre in positivo o in negativo! Che potrebbe innalzare o abbassare, a seconda, le temperature corporee di noi tifosi passionali che del resto grazie al “pallone” sogniamo tantissimo. Poi sarà la settimana in cui conosceremo il nostro destino in Champions da settembre a dicembre, ma è la settimana anche ci condurrà all’inizio di una stagione che si preannuncia molto difficile, la prima del dopo Antonio Conte. Partire bene sarà fondamentale, partire con una vittoria è obbligatorio per la nostra Juventus. Guai a non vincere. Il Chievo non sarà un avversario tra i più forti nel campionato, ma resta una squadra di tutto rispetto che ogni anno è sempre riuscita a metterci in difficoltà, a maggior ragione quest’anno che l’affronteremo alla prima, quando si sa le sorprese sono sempre dietro l’angolo. Noi siamo come sempre chiamati a fare il nostro dovere, seguire la squadra sempre, comunque ed ovunque. Anche al Bentegodi ci saremo per questa prima. In dieci unità, suddivise otto in pulmino e due in auto per weekend con famiglia al seguito. Come inizio niente male, considerando che questa trasferta non ha mai attratto tanti soci. Eppure contro i clivensi a Verona sarà la nostra partecipazione in assoluto più numerosa di sempre. Al Club invece è tutto pronto, stiamo risistemando la sala, stiamo mettendo a punto tutte le apparecchiature, stiamo insomma per rimettere definitivamente in moto la macchina che dovrà condurci verso un'altra stagione, la dodicesima, da quando è nato lo JUVENTUS CLUB ANDRIA.

Anche il tesseramento procede abbastanza bene. Se consideriamo che in questa stagione rispetto alle precedenti non abbiamo avuto ne grandi amichevoli ne la Supercoppa, che richiamavano al Club molti soci, possiamo dire che aver sottoscritto dal 28 luglio (giorno di riapertura) ad oggi 132 tessere è un ottimo segnale!

Che la Settimana di fuoco ci porti solo belle notizie!

AVANTI JC ANDRIA!

 

 
 
HAPPY BIRTHDAY MR PRESIDENT
 

Oggi è un giorno speciale! Oggi è un giorno che nessuno di noi può dimenticare! Oggi 23 Agosto, il nostro caro Presidente Francesco Nicolamarino compie 59 anni. Noi tutti del consiglio direttivo e soci dello Juventus Club Andria abbiamo deciso di far sentire tutto il nostro affetto, tutta la nostra stima, che abbiamo nei confronti di una persona straordinariamente unica, ORGOGLIOSAMENTE GOBBO…..come pochi! Pensate, abbiamo addirittura atteso la mezzanotte in chat facendo il Countdown, inviando immagini di fuochi d’artificio. Ecco Mr. President, tutto questo affetto te lo sei guadagnato e meritato sul campo!

Nella foto dell’articolo, ritratto dai fotografi di Juventus Fc,  ecco il Presidente mentre riceve il braccialetto “all inclusive” il 18 maggio scorso in occasione dell’ultima gara casalinga allo Juventus Stadium, giorno del record di punti e della festa scudetto, quando fu ospite proprio della Società in uno  SkyBox, servito e riverito! Fu il giusto premio ad una persona speciale!

Non emozionarti troppo! Sai quanto grande è il bene che noi ti vogliamo. Continua così sempre con la stessa passione che in tutti questi anni hai saputo trasmetterci .

TANTI AUGURI PRESIDENTE MIO PRESIDENTE
 

 
 
L'INCONTRO TRA UN "CONTE" E UN "CAVALIERE"...ANZI DUE
 

Proprio nel giorno dell’ufficialità di Antonio Conte sulla panchina della Nazionale Italiana di Calcio, ecco giungere una gradita e piacevole sorpresa, per tutti i nostri soci, da parte del neo CT azzurro e allenatore di tantissimi record stabiliti nel Campionato di Calcio di Serie A con la Juventus, che difficilmente potranno essere battuti.

Un nostro socio, Giuseppe Cavaliere (nella foto, con Antonio Conte e suo figlio Francesco), mentre trascorreva le sue vacanze nei pressi di Ostuni, ha avuto la fortuna di incontrare il Mister, in un noto ristorante della zona e con il quale è riuscito a farsi una “lunga” chiacchierata. Conte si è dimostrato fin da subito disponibile nei suoi confronti, soprattutto dopo aver sentito dell’appartenenza allo Juventus Club Andria…..che alla domanda…..se lo conoscesse… fatta da Beppe Cavaliere….ha risposto”cavolo che lo conosco…è sempre presente….”.

Dopo le foto di rito, inviate da Cavaliere in tempo reale sulla chat del nostro club, a grande richiesta di tutti i soci on-line in quel momento, si “pretendeva” un saluto del Mister….e, tempo qualche minuto, che Giuseppe Cavaliere riesce a strappare anche un “saluto audio” registrato di Antonio Conte. Non potete immaginare l’euforia poi subito dopo averlo ascoltato. Onorati Mister del Suo saluto.

Queste le sue parole:

“Un Saluto agli Amici dello Juventus Club Andria. Un abbraccio a tutti e… arrivederci”.

Abbiamo provato ad inserire questa registrazione qui sul sito ma il programma dello stesso non supporta una registrazione audio e pertanto abbiamo provveduto a far girare su watsapp la registrazione a quanti più soci possibile.

La parola che più ci ha colpito è stata quell’arrivederci …convinto! Noi ne siamo certi che le nostre strade torneranno ad unirsi nuovamente, prima o poi.

NOI SEMPRE CON..TE! BUONA FORTUNA ANTONIO!

p.s. un grazie di cuore a Giuseppe Cavaliere che per quanto fatto sabato sera scorso ha dimostrato un senso di appartenenza al club grandioso, segno sempre più evidente di quanto i nostri soci siano legati a questa grande famiglia. Del resto Giuseppe non è la prima volta che si mette così a disposizione di tutti.

Applausi per te e per Francesco, suo splendido figlio più gobbo del padre!

 

 
 
VILLAR PEROSA: UN TUFFO NEL PASSATO
 

Quando dici Villar Perosa è del tutto normale sentirsi sopraffatti da un senso di malinconia, pensando a quel passato che oggi non c’è più. Il tradizionale appuntamento estivo della Juventus nel feudo bianconero in Val Chisone, si è ripetuto anche in questo pre-campionato, mercoledì 20 agosto , quando la prima squadra ha affrontato la Primavera allenata dall’eroe Mundial Fabio Grosso! Come detto è stato immancabile, con la mente, con i ricordi, non fare un tuffo nel passato, quando erano l’Avvocato e il Dottore a portare il saluto alla squadra. Tutti aspettavamo questa giornata per sentire le celebri ed uniche frasi “coniate” dall’Avvocato Giovanni Agnelli sui campioni bianconeri. Adesso loro non ci sono più, al loro posto ci ritroviamo Andrea Agnelli, figlio del Dottore e suo cugino John Elkann nipote dell’Avvocato. Non avranno certamente il loro carisma, non avranno il peso dell’Avvocato e del Dottore, ma comunque meritano un plauso perché ancora oggi continuano sulla tradizione voluta proprio dall’Avvocato, che li a Villar Perosa ne fece la sua residenza estiva.

Anche quest’anno l’amena località estiva è stata presa letteralmente d’assalto dalla tifoseria bianconera. In oltre 5.000 hanno affollato il piccolissimo impianto sportivo che ha ospitato l’amichevole in famiglia. Nella foto dell’articolo uno striscione commemorativo per l’Avvocato ed il Dottore proprio all’ingresso dello stadio Comunale con tantissima gente in fila da ore pur di riuscire a vedere da vicino i propri beniamini.

La partita è terminata sul risultato di 6-1 per la prima squadra ed è durata complessivamente 75 minuti vista la “pacifica e festosa” invasione di campo che ha sancito la chiusura del match con quindici minuti di anticipo.

Nella prima frazione di gioco la Juventus è scesa in campo con la seguente formazione: Buffon tra i pali, difesa ancora schierata a 4 con Lichsteiner, Marrone, Chiellini ed Evra, Vitale, Pirlo e Marchisio nella linea a tre di centrocampo e Pereyra a supporto di Tevez e Llorente. Ancora esperimenti dunque per la Juve, come è giusto che sia, ma certamente questi test amichevoli fin qui disputati non possono dire assolutamente nulla. Non sappiamo se sia stato un bene o un male affrontare dei test così blandi in questo pre-campionato. Quello che possiamo dire è che la condizione di Carlitos Tevez sembra già abbastanza ottimale, come anche le prove di Pereyra, Pirlo e dei sempre più sorprendenti giovani Vitale e BuenaCasa, autori questi ultimi, anche di una marcatura a testa. Le altre reti di Tevez (doppietta), di Lichsteiner e di Pereyra. Anche un rigore sbagliato da Tevez per la cronaca nella prima frazione di gioco.

Nella ripresa, durata come detto soltanto mezz’ora, solita girandola di cambi e null’altro da segnalare. La difesa sembra il reparto più fuori condizione e soprattutto quello dove necessita apportare più qualità ed esperienza, vista anche l’assenza di Barzagli. Adesso la Juve è attesa dal ben più impegnativo test nel Trofeo Tim, sabato sera a Reggio Emilia, dove saranno affrontate Milan e Sassuolo in test da 45 minuti cadauno. Questo l’ultimo impegno prima dell’avvio di stagione a Verona contro il Chievo e prima della chiusura definitiva di questo estenuante calciomercato che andrebbe ridotto ad un mesetto circa. Non ne possiamo più. Ogni giorno circolano sempre nomi, notizie assurde…. ma bastaaaaaaaaaaaaa!

FINALMENTE SI RICOMINCIA. COME SEMPRE SARA’ IL CAMPO A DIRE LA VERITA’. DIFENDIAMO IL NOSTRO TRICOLORE.

JUVENTUS CLUB ANDRIA. ORGOGLIOSAMENTE GOBBI.

(Non abbiamo bisogno di pubblicità, la nostra pubblicità siete tutti Voi)

P.S. TESSERAMENTO: Informiamo tutti coloro che intendono assistere a gare della Juventus nei mesi di Settembre ed Ottobre (Champions e Roma comprese) allo Juventus Stadium, di sottoscrivere la tessera entro e non oltre il 28 Agosto, termine ultimo per l’invio della prima anagrafica soci al Centro Coordinamento. Pertanto non perdete tempo, passate dal club a rinnovare o sottoscrivere per la prima volta la Vs. tessera allo Juventus Club Andria. Per tutti gli altri vi ricordiamo di non accalcarvi tutti alla prima di campionato contro il Chievo al Club per sottoscrivere il tesseramento, onde evitare code e creare confusione.

  

 

 

 

 
 
PROVE DI 4-3-3 e 4-3-1-2. LA JUVE VA
 

La tournèe della Juventus tra l’Indonesia, l’Australia e Singapore si è conclusa con moltissimi riscontri positivi sia in termini commerciali che in termini prettamente tecnico e sportivi. Nonostante i 35.000 km che la squadra si è dovuta sobbarcare nei vari spostamenti, ritorno in Italia compreso, che avverrà nella giornata di domenica 17 agosto, con diversi fusi orari e con diverso clima trovato nelle varie tappe effettuate,  la Juve ci è sembrata davvero in uno stato di forma abbastanza soddisfacente per il periodo e soprattutto, aggiungiamo noi, nonostante il cambio di guida tecnica avvenuto a preparazione appena iniziata. Questa tanto bistrattata tournèe è invece servita per cementare ancora di più il gruppo già abbastanza coeso e per far integrare i nuovi arrivi in uno spogliatoio che ci appare ancor più compatto e con ritrovati stimoli! Difficilmente ci sbagliamo nelle nostre lucide ed obiettive riflessioni, ma sentiamo che stia nascendo un qualcosa di importante. Guida tecnica a parte, sulla quale continuiamo ad avere tanti dubbi ed interrogativi, crediamo che la squadra sia altamente competitiva per continuare a vincere in Italia e per far molto meglio in Europa. Vedremo, tempo al tempo, poi tutto sarà molto più chiaro. Anche l’amichevole disputata sabato a mezzogiorno ora italiana a Singapore, contro una locale selezione di “stelle” locali,  si è conclusa con un risultato positivo di 5-0 il finale e per la seconda gara di fila, senza reti al passivo. Per la prima volta la squadra è scesa in campo con la difesa schierata a 4 con Buffon in porta, Lichsteiner ed Evra laterali e Bonuci ed Ogbonna coppia centrale. A centrocampo Pirlo a dirigere l’orchestra con la Juve ai suoi piedi (che prestazione) con Pogba ed un sempre più intraprendente Vitale, il giovane diciassettenne della Primavera.  In avanti Pereyra e Giovinco a supporto dell’unica vera punta Llorente. Insomma un albero di Natale con Pirlo a protezione della difesa. Questo modulo ci è apparso davvero molto più sicuro e molto più forgiato per le caratteristiche dei nuovi arrivi di questa stagione come ad esempio Evra e Pereyra. Le reti di Pirlo nel primo tempo, su punizione e calcio di rigore, una doppietta a suggello di un ottima prova. Nella ripresa, girandola di cambi con le reti di Pogba, elegante dribbling il suo, Giovinco, tiro al volo da fuori area ed Asamoah. Il bottino poteva essere più grosso, ma va già benissimo così. Da segnalare l’ottima prova anche di Sebastian Giovinco e di Buenacasa il giovane strappato al Barcellona su cui possiamo scommettere tantissimo per il presente e soprattutto per il futuro. Speriamo bene tra Pogba, Coman, Buenacasa ed il difensore Blanco…..potremmo ritrovarci tra un paio d’anni con un incredibile tesoro in casa. Adesso la Juve avrà qualche giorno di riposo. Si ritroveranno il venti per riprendere a Villar Perosa e Vinovo la preparazione che dovrà portare la squadra a raggiungere uno stato di forma ottimale per l’esordio di campionato.

MERCATO

Nelle ultime ore circola con insistenza il nome del difensore Luisao del Benfica un calciatore che se acquistato davvero, farebbe felici noi tifosi. Centrali come il brasiliano in giro attualmente se ne vedono pochi. Età a parte, ma non vuol dire nulla, darebbe alla nostra Juve un apporto ed un supporto in termini di esperienza in campo europeo non indifferente.

FORZA JUVENTUS ANCORA POCHISSIMI GIORNI E SI RIPRENDERA’ A SEGUIRTI IN OGNI DOVE!

JUVENTUS CLUB ANDRIA: PASSIONE ALLO STATO PURO.

p.s. ringraziamo tutti coloro, che anche da altre città, ci stanno facendo i complimenti a mezzo mail, per come gestiamo questo sito internet, in tempo reale, con notizie sempre nuove, con i nostri pensieri, con le nostre riflessioni, con la cronaca anche delle amichevoli più insignificanti. Ma siamo noi che dobbiamo ringraziare Voi. Proprio sapendo che siete in tanti a seguirci e leggerci da ogni dove, siamo spinti da questa positiva e sana passione “gratuita” che mettiamo, nell’aggiornare questo sito, diventato oramai un importante punto di riferimento per tutti gli juventini e anche tanti non juventini…..

 

 
 
IN BOCCA AL LUPO ANTONIO
 

Esattamente un mese fa il nostro Condottiero, il nostro grande idolo Antonio Conte, si dimetteva dall’incarico di allenatore della “Sua” Juventus. Una rescissione del contratto che lo legava per un altro anno alla Juve, a Suo dire “consensuale”, anche se tutti sappiamo che di consensuale ci è stato davvero molto poco.  Questo la Società dovrà prima o poi spiegarcelo. Eravamo, è siamo oggi ancor più convinti, che Antonio sia stato tradito nelle parole prima, nei fatti poi! Non avrebbe iniziato il ritiro se non fosse stato effettivamente stimolato, lui del resto voleva andar via già a fine campionato. Ma le “false” promesse, le favole raccontate da “qualcuno” lo indussero a rispettare il contratto, quel contratto che avrebbe voluto rinnovare alle sue precise condizioni. Condizioni di un uomo che voleva continuare sulla strada intrapresa chiamata VITTORIA…  proprio come il nome della sua figlioletta! Ripetiamo, ad un allenatore così gli si sarebbe dovuto dire: “Antonio, queste sono le chiavi della macchina chiamata JUVENTUS FC…..portaci dove vuoi!”  Oggi a distanza di un mese esatto, Antonio Conte è stato chiamato a “condurre” la Nazionale di Calcio Italiana. Un incarico così prestigioso per lui, il primo CT del Meridione, che deve riempire di orgoglio noi tifosi gobbi! Forse qualcuno, lo avrebbe preferito sulle panchine di Paris Saint Germain o del Monaco oppure ancor peggio su una panchina di club italiano. Ma invece no, proprio perché  gobbo verace, lui ha preferito tuffarsi in questa avventura difficile, intrigante e al tempo stesso molto stimolante che lo vede chiamato a ricostruire i cocci di una squadra nazionale oggi ai minimi storici come fu esattamente tre anni fa per la Juventus! Chissà poi se al termine di questa avventura il nostro Antonio non ritorni nuovamente li al timone della Sua Juventus….

Riportiamo qui di seguito il messaggio che il Presidente del nostro Club ha scritto in chat a tutti i soci:

“Ragazzi Conte CT è un grande risultato per noi juventini. E’ il riconoscimento di 3 anni di dominio assoluto. E’ affermazione da parte della Federazione,  della sua estraneità alla farsa di “scommessopoli”. E’ la constatazione che il pensiero bianconero di cui Antonio è l’espressione… è un pensiero sempre vincente è da parte dei suoi detrattori l’obbligo adesso, di dover essere gioco forza, dalla sua parte. Provino adesso a Firenze o altrove ad indossare i parrucchini in una gara della nazionale … soprattutto dopo le affermazione di Giuseppe Rossi sul conto del nostro Antonio. E’ infine, Conte sarà garanzia di una Nazionale finalmente votata FINO ALLA FINE alla Vittoria, con altri due gobbi veraci come Angelo Alessio e Massimo Carrera che faranno parte del suo Staff. Forza Antonio, sii sempre uno di noi, un GOBBO VINCENTE!

IN BOCCA AL LUPO ANTONIO!  JC ANDRIA   

 

 
 
NEWCASTLE UNITED JETS - JUVENTUS 0 - 1
 

Prima di lasciare la terra d’Australia, la Juventus ha deciso di sostenere un'altra amichevole inizialmente non programmata. Questa volta a porte chiuse a 150 km. circa da Sidney nello Stato del Nuovo Galles del Sud contro la locale squadra del Newcastle United Jets FC che milita nella A-League australiana.  Dopo l’amichevole contro le All Stars australiane e i duri allenamenti sostenuti in questi giorni, ad una temperatura ideale tra i 10 ed i 15 gradi, quest’altra partita è servita per aumentare il minutaggio nelle gambe soprattutto di quei giocatori meno impiegati nell’ultima amichevole.  Quasi tutti i titolari ed i big sono stati tenuti a riposo. La gara giocata su due tempi da 35 minuti ciascuno, ha visto la Juventus vincere per 1-0 grazie alla rete messa a segno, al 26mo del primo tempo, da un Giovinco in uno stato di forma abbastanza discreto. Questo l’undici iniziale con Storari in porta, difesa ancora a 3, Motta, Marrone e Chiellini, a centrocampo Pereyra, Padoin e Vitale con Pepe e Asamoah sulle fasce, in attacco il duo Coman, Giovinco. Gli avversari abbastanza in palla, hanno creato un solo pericolo alla porta difesa da uno Storari sempre molto attento. Su Marco il nostro secondo portiere sentiamo di spendere due parole: in questi giorni si parla di un suo definitivo trasferimento al Sassuolo dove giocherebbe ovviamente titolare. Se la scelta sarà sua, bene, rispetteremo questa decisione perché lui è davvero un grande professionista, uomo spogliatoio come pochi, ma se dovesse essere la Società a voler fare un favore alla società emiliana, visti gli ottimi rapporti, bene devono sapere che un secondo così difficilmente lo si trova in giro. I nomi che circolano sui possibili sostituti sono da mettersi le mani nei capelli… staremo a vedere. Nella ripresa  dentro Rubinho e altri giovani della Primavera portati in tournèe, da segnalare anche l’esordio di Blanco il difensore prelevato dal Barcellona, di cui si dice già un gran bene. La tanto temuta e bistrattata tournèe che la Juventus sta facendo e che proseguirà da giovedì a Singapore, dobbiamo dire che sembra stia facendo bene al gruppo, che lontano dall’Italia sta recuperando abbastanza velocemente dal trauma del post Antonio Conte e quindi dell’arrivo di un nuovo allenatore e del fatto di aver iniziato la preparazione a ranghi ridotti causa mondiali. Il gruppo è unito e compatto più che mai, molto determinato a raggiungere gli obiettivi prefissati dalla Società: quarto scudetto di fila e fare quanta più strada possibile in Champions. Adesso come detto il trasferimento a Singapore per l’ultima amichevole di sabato, poi il rientro in Italia dove a Vinovo sarà affrontata la parte più dura di questa preparazione estiva e dove saranno affilate le armi in vista dell’esordio di campionato a Verona. Alla Società il compito di completare questa rosa, senza vendere i big, migliorandola e sfoltendola dove necessario. DAI RAGAZZI, NOI CI CREDIAMO! JUVENTUS CLUB ANDRIA…….ORGOGLIOSAMENTE GOBBI!  

 

 
 
BUON FERRAGOSTO
 
E' praticamente "volata" un' altra estate. Ci ritroviamo già a ferragosto, che solitamente è considerato come una quasi chiusura della stagione estiva. Peccato che solo in questi giorni si stia, climaticamente parlando, veramente vedendo il clima tipico dell'estate. Calcisticamente parlando invece, il Ferragosto segna il definitivo avvio di un altra stagione per noi appossianati di calcio, per noi tifosi che senza delle partite proprio non riusciamo a stare. Tre mesi abbondanti senza della nostra Juventus sono davvero troppi, ma sono serviti per ricaricare le pile al massimo e soprattutto per rilassarci il più possibile. Dal 18 agosto la nostra organizzazione della nuova stagione della vita del club, entrerà finalmente nel vivo per poi dal 30 agosto iniziare nuovamente la consueta routine fatta di partite dal vivo o vissute tutti insieme, appasionatamente, nella sede del Club. Sentiamo di augurare a tutti voi cari Soci, nuovi e vecchi, di trascorrere questi giorni a cavallo del Ferragosto nel modo migliore possibile, cercando di staccare la spina dai problemi che affliggono la quotidianità di ognuno di noi. Divertitevi e rilassatevi il più possibile se potete, come il nostro Fabio che ci invia questa bella immagine (foto articolo) dalla Spiaggia di Punta Prosciutto nel Salento. Un saluto ed un Buon Ferragosto va anche a tutti i nostri amici di Club, quelli vicini e quelli lontani che tra pochi giorni ritroveremo al seguito della Juve. Ma un Buon Ferragosto sentiamo comunque di rivolgerlo a tutti, anche a quelli che la Juve non la sopportano!
IL CONSIGLIO DIRETTIVO JUVENTUS CLUB ANDRIA
 

 
 
QUANTE EMOZIONI
 
Nonostante fosse una normale partita amichevole del "calcio d'agosto", la gara disputata dalla Juventus, alle 11,30 ora italiana di domenica mattina, contro le All Stars della A-League australiana, ha riservato tantissime emozioni e molti brividi. Non solo per come è maturata la vittoria finale per 3-2 della nostra Juventus, ma soprattutto per la presenza in campo, per la prima volta da avversario, del grande ALESSANDRO DEL PIERO, l'idolo di tutti i tifosi bianconeri (e non solo), la "COSA PIU' BELLA CHE C'E'".....come recitava un coro a lui dedicato!
Vederlo entrare in campo, accompagnato da sua moglie, mano a mano con i suoi tre splendidi figli, mentre le due squadre lo attendevano già schierate in campo, ha rappresentato un momento emozionante per noi tifosi incollati davanti alle tv, nonostante si giocasse in una domenica mattina afosa, in un periodo solitamente destinato al mare.....ma l'appuntamento era di quelli da non perdere! Spledido l'abbraccio tra Gigi Buffon e Alex Del Piero una immagine che ci ha fatto emozionare tantissimo!
La Juventus schierava una formazione pressochè titolare, con Buffon in porta, in difesa Caceres, Bonucci e Ogbonna, a centrocampo Lichsteiner ed Evra sulle fasce e Marchisio, Pirlo e Pogba al centro. In attacco Tevez e Llorente. In pratica si continua ancora sul vecchio modulo e sugli schemi del metodo "contiano" che sicuramente in questo periodo da maggiori garanzie, in attesa magari di modificarlo in un 4-3-3 che in campo europeo darebbe certamente maggiori garanzie. Pronti via e la Juventus come in tutte le amichevoli sin qui disputate, ad eccezione di quella di Cesena, terminata sul risultato di 0-0, è passata in svantaggio. Complice una disattenzione del solito Ogbonna. La Juve rischia molto contro un avversario completamente differente dal precedente indonesiano. Buffon salva la porta dalla seconda capitolazione. Poi sul finire del primo tempo finalmente la Juve si sveglia è con Tevez va vicinissima al pareggio, prima con un palo centrato dall'argentino, poi con una conclusione dal limite dell'area, facile preda del portiere avversario. Sugli spalti il pubblico è numeroso, anche in Australia l'accoglienza per la Juventus è stata grandiosa. Tanti striscioni, addirittura un copricurva bianconero con il numero 32 riportato sopra. Questa tournèè sta facendo crescere tantissimo in temini di commerciali, il marchio Juve in una zona del mondo molto importante. Al rientro in campo la formazione è la stessa, segno che si vuole iniziare ad alzare il minutaggio nelle gambe dei probabili titolari. Llorente, sempre lui al 15mo minuto mette a segno la rete del pareggio su perfetto cross di Evra. Ecco cosa significa avere un giocatore che sappia come mettere la palla a centro aerea, dove il toro basco svetta più in alto di tutti. Sesta rete per lui in questo pre campionato. Poi ritorna a prendersi la scena Alex Del Piero che al 20mo viene richiamato in panchina. Ci è sembrato di rivivere quel fatidico momento in cui Alex lasciò per sempre la Juve il 13 maggio del 2012. Tutti in piedi per la sua ultima apparizione in terra d'Australia. Tutti lo abbracciano in campo, Caceres lo bacia in fronte. Grazie Alex, grazie di tutto, sei stato un campione in campo, ma soprattutto fuori, come pochi nel calcio.
Si riprende a giocare con la Juve che va nuovamente in svantaggio, complice un altra grave amnesia di Ogbonna. Nulla può Storari appena subentrato a Buffon. Entrano Asamoah, poi Pereyra, Pepe, Giovinco e Coman è qui la Juve si trasforma. Marchisio prima di lasciare il campo sfiora la rete di un niente, poi  è Simone Pepe a prendersi la scena. Subito intraprendente il giocatore che tanto ci è mancato per ben due stagioni. Ma è il solito Paul Pogba con una rete delle sue a rimettere in equilibrio la partita. Poi Simone Pepe ad un minuto dallo scadere dei quattro minuti di recupero concessi dall'arbitro con un perfetto diagonale appena dentro l'area di rigore permette alla Juve di vincere quest'altra amichevole. Vincere fa sempre bene, perdere o pareggiare non fa mai piacere.
Adesso la Juventus si trasferirà a Singapore dove disputerà una gara amichevole contro una selezione del calcio locale. L'appuntamento è per sabato 16 agosto a mezzogiorno.
Prima di lasciarvi delle nostre considerazioni sulla Juventus: la squadra quest'anno sembra dalla cintola in su messa meglio soprattutto sulle fasce. Al centro del campo abbiamo uno dei reparti più forti in assoluto. A nostro avviso urge maledettamente l'acquisto di un forte difensore centrale che sappia comandare la difesa. Con Ogbonna e Bonucci, con tutto il bene che possiamo volere per quest'ultimo, in Europa di strada ne faremmo di nuovo poca. E questo non possiamo assolutamente permettercelo. Considerando l'assenza iniziale di Barzagli, la sua età, la squalifica iniziale di Chiellini in campionato, bene urge correre ai ripari. In avanti poi in attesa di conoscere Morata, abbiamo necessità di avere un alternativa all'ottimo duo titolare Tevez e Llorente. Serve in pratica un attaccante con il fiuto del gol, uno di esperienza che veda sempre la porta, non uno tanto per...
Solo apportando questi dovuti correttivi la Juventus potrà davvero essere la sorpresa della prossima Champions. In campionato crediamo che questa Juve sia ancora in vantaggio rispetto alle avversarie. Magari non come lo scorso anno per via del cambio in panchina, ma comunque sempre un tantino più avanti.
Come sarà dura per noi ripeterci, così sarà dura per gli altri. Pertanto Fino alla Fine Forza Juventus!
JUVENTUS CLUB ANDRIA: LA PASSIONE ALLO STATO PURO!
 

 
 
TUTTI PAZZI PER LA JUVE
 
Più che per il roboante risultato della terza amichevole stagionale, disputata dalla nostra Juventus, quello che più fa notizia in questi giorni è la stupenda ed inattesa accoglienza che la squadra ha ricevuto in Indonesia, nella tournèe appena iniziata e che li porterà poi in Australia e Singapore. Sin dall'arrivo nella capitale indonesiana, Giacarta, da noi ribatezzata GiaCARTONE, visto che l'attuale presidente degli Accattoni e Prescritti FC è proprio di li, la Juventus ha ricevuto un accoglienza da delirio generale. La capitale si è mobilitata per la nostra squadra, restando quasi paralizzata. Quello che più ci ha stupito è stato il calore e soprattutto i cori rivolti alla squadra, in un perfetto italiano! Incredibile, davvero incredibile. Oltre ai cori, tantissimi fumogeni, tantissimi bandieroni e stendardi. Dall'aeroporto e sino all'hotel, dove ha alloggiato la Juve, centinaia e centinaia di persone hanno accompagnato la squadra creando una atmosfera elettrizzante che ha certamente fatto bene al gruppo. Durante gli allenamenti aperti al pubblico addirittura oltre 5.000 persone hanno sostenuto a gran voce i ragazzi, per non parlare della gara amichevole di mercoledì pomeriggio, dove nel GBK Stadium i tifosi indonesiani sono riusciti a ricostrutire la stessa atmosfera dello Juventus Stadium, accorrendo in oltre 60.000 e cantando tutti i cori della nostra Curva Sud oltre all'inno ufficiale conosciuto alla perfezione. Bellissimo sentire i cori contro i granata e contro i prescritti, soprattutto contro il loro connazionale e presidente degli accatoni! 
Questa incredibile passione ricevuta dalla Juventus in Indonesia, dovrebbe far capire a tutti, soprattutto a quelli che in Italia e qui al Sud ci dicono...."vergognatevi a tifare per una squadra del Nord....", cosa sia il fenomeno del tifo per la Juventus, che è un qualcosa che ha dell'incredibile, che difficilmente lo si può spiegare e quanto visto in Indonesia dovrebbe indurre ad una sana ed onesta riflessione a tutti. Ognuno è libero di tifare per chi "cazzo" vuole e come meglio crede! La mancanza di cultura sportiva è proprio uno dei motivi che stanno alla base del "fallimento generale" del calcio italiano che in questo momento rasenta proprio il fondo! Ecco spiegati i perchè dei tanti fallimenti delle società calcistiche italiane dalle serie maggiori alle serie minori ed ecco spiegati i motivi del perchè nessuno vuole più investire nel calcio italiano.
Aperta e chiusa, questa importante e doverosa partentesi, passiamo a raccontarvi lo stato di forma della nostra Juventus. Contro le All Stars dell'Indonesia, una rappresentativa del calcio locale, la Juventus ha vinto addirittura per 8-1. Come è nel nostro stile, non ci deprimiamo se perdiamo contro il Lucento e allo stesso tempo non ci esaltiamo se battiamo la rappresentativa indonesiana. E' calcio d'agosto, i voli pindarici, i sogni nelle notti di mezza estate, quelli lasciamoli alle nostre avversarie che un giorno si e l'altro pure, affermano già di aver vinto tutto! Contenti loro, contenti anche noi! La Juventus è scesa in campo nuovamente con il modulo "contiano", il 3-5-2 e vedeva in porta l'esordio stagionale di Gigi Buffon, la linea difensiva composta da Caceres, Bonucci e Ogbonna, a centrocampo Lichsteiner, Pogba, Pirlo, Marchisio e Asamoah, mentre la coppia d'attacco iniziale è stata la stessa di Cesena con Giovinco e Llorente. Passata subito in svantaggio, la Juventus ha subitissimo ristabilito la parità, grazie ad un rigore procurato da Giovinco e messo a segno da Pirlo. Poi è salito in cattedra Fernando Llorente autore di una grande prestazione e di ben tre gol, che sommati alla doppietta contro il Lucento, lo proiettano in testa ai marcatori estivi della Juve. Giovinco segna poi in chiusura di primo tempo e dopo un ottima prestazione individuale. Siamo rimasti stupiti dalle prove di Lichsteiner, Giovinco, Pogba, Llorente, Pirlo e Marchisio....insomma possiamo dire che molti giocatori sono già in un discreto stato di forma. Nella ripresa si riparte dal 5-1 e con Storari in porta, Evra esterno sinistro e coppia d'attacco composta da Tevez e Coman. Proprio il gioiellino di Parigi incanta tutti con le sue giocate, con la sua determinazione e per la sua personalità. Mette a segno il 6-1 su assist di un redivivo Simone Pepe entrato a metà ripresa ed autore anche lui di una bella prestazione condita dalla rete finale dell'otto a uno. Nel mezzo la rete anche di Carlitos Tevez a completare le marcature di tutti gli attaccanti scesi in campo. Considerazione finale: su Evra non diciamo nulla, sappiamo chi è, e sappiamo quanta esperienza porterà nella formazione, ma su Pepe sentiamo di dire la nostra. Se Simone ha recuperato come sembra dal lungo infortunio e se torna quello di due stagioni fa, bene, allora abbiamo acquistato un grande esterno destro che ci permetterebbe di giocare in maniera diversa e di poter dire ancora la nostra. Insomma dall'amichevole di ieri sono emersi tantissimi aspetti positivi, ma anche la consapevolezza che a questa squadra per diventare davvero grande servano ancora un centrale di esperienza in difesa ed un attaccante di razza con il fiuto del gol che possa far rifiatare il Re Leone. Adesso la squadra si trasferirà in Australia, dove proseguirà la preparazione ed affronterà un altra amichevole contro le All Stars, questa volta del campionato australiano, capitanate da Alex Del Piero che affronterà per la prima volta da avversario al Sua JUVENTUS. Che emozioni e che brividi ripercuoteranno i nostri corpi. L'appuntamento è per le 11,30 di domenica mattina 10 agosto a Sidney.
Nel frattempo è partito Mauricio Isla il cileno ceduto in Inghilterra. Lui non ha lasciato nessun ricordo qui, spiace ma è l'onesta verità. La rosa andrebbe sfoltita ancora di due/tre elementi. E' invece arrivato Romulo, l'esterno italo brasiliano che al pari di Pereyra dovrà però dimostrare ancora di meritarsi la nostra maglia. Noi ovviamente ci auguriamo di si. 
Prosegue invece a buon ritmo la campagna tesseramento al nostro club che in soli dieci giorni ci vede già arrivati a quasi 100 tessere sottoscritte tra rinnovi e nuovi soci. Diverse le telefonate che stiamo ricevendo anche da fuori città, segno evidente che quanto fatto sino ad oggi in 11 anni di club è sotto gli occhi di tutti. Grazie per la fiducia.
JUVENTUS CLUB ANDRIA: IL TUO CLUB....VIENI ANCHE TU! TI ASPETTIAMO  
 

 
 
HA FINALMENTE PAREGGIATO IL CESENA
 
Giustizia è fatta! Finalmente. Mauro Suma soprattutto e Carlo Pellegatti poi, notoriamente conosciuti come giornalisti "rossoneri", hanno ottenuto la loro rivincita. Era dall'aprile del 2012 che aspettavano questo momento.....
Ah ah ah ah ah, che ridere al fischio finale dell'amichevole che la nostra Juventus ha disputato mercoledì sera al Manuzzi di Cesena e terminata sul risultato di 0 a 0. Tutti ricorderete lo scherzo effettuato da qualche buontempone presente a San Siro, in quella primavera di oltre due anni fa, che annunciava un presunto pareggio, mai arrivato, del Cesena sulla Juve, che vinse invece per 1-0 con rete di Borriello. Adesso Suma e il suo amico Pellegatti, potranno finalmente dire: AVEVAMO RAGIONE NOI!
Scherzi a parte, ieri la nostra Juve è scesa in campo per la sua seconda amichevole stagionale, contro i romagnoli, neopromossi nella massima serie. Pubblico delle grandi occasioni con uno stadio quasi del tutto esaurito con larghissima presenza di tifosi juventini, segno questo che può succedere di tutto, ma la fede per questi colori per la nostra maglia, non tramonteranno mai. Del resto Rimini 2006, resterà per sempre, l'esempio lampante scolpito nelle memorie di tutti. A Cesena non era importante il risultato, ma come sempre diciamo, mettere benzina nella gambe ed iniziare ad aumentare gradatamente, il minutaggio di ogni singolo giocatore. Noi al calcio estivo non crediamo, non ci siamo mai illusi e soprattutto non ci siamo mai depressi. Negli ultimi tre anni, abbiamo fatto dei precampionati simili a quello di quest'anno, con risultati molto discordanti e prove poco convincenti. Ma come diceva il nostro condottiero Antonio Conte...."quando la Società mi dirà che noi ti paghiamo per vincere il Trofeo Tim o altre competizioni estive...bene allora imposterò la preparazione per questi traguardi...." ah ah ah ah ah....ma quanto ci manchi già Mister, che oggi compie 45 anni. Ti giungano, ovunque tu sia, i nostri più cari auguri. 
Veniamo alla partita che ha visto, tanto possesso palla, poche conclusioni e qualche spunto interessante ma anche molti momenti di assoluta noia. Nessun dramma, siamo appena a fine luglio, quel che conta sarà farsi trovare pronti a fine agosto. Da allora si inizierà a fare sul serio ed allora sappiamo che la nostra squadra sarà pronta per difendere il tricolore che porteremo sulle nostre maglie e per tentare l'assalto al quarto scudetto consecutivo. 
Del resto tutti i nazionali che hanno giocato a Cesena avevano appena due giorni di lavoro nelle gambe e pertanto in rapporto a questo, alcuni ci sono sembrati già in discrete condizioni. La Juventus si è schierata con il classico 3 - 5 - 2 con Storari in porta, Bonucci, Chiellini e Sorensen in difesa Lichsteiner, Padoin, Pirlo, Pereyra e Motta a centrocampo e Llorente e Giovinco in attacco. Nella ripresa solita girandola di sostituzioni con Caceres, Marrone, Ogbonna, Pepe, Asamoah e Marchisio dentro dal primo minuto del secondo tempo e Coman dal ventesimo circa. Poi una serie di ragazzi primavera hanno chiuso la partita. Da segnalare la buona prestazione di Pereyra, l'ottima stato di forma di Storari e Pirlo e le sorprendenti prestazioni di Marrone e Coman. Bello rivedere in campo Simone Pepe che speriamo possa tornare quello di due anni fa! 
La JUVENTUS adesso partirà per una tournèe nell'emisfero australe. Una tappa importante perchè sarà proprio li tra Indonesia e Singapore che la Juve metterà a punto la sua preparazione estiva finalmente a ranghi completi, dopo gli arrivi anche di Paul Pogba ed del neo acquisto Evrà che ha già dato entusiasmo a tutto l'ambiente. Prossima amichevole il 6 agosto a Giakarta, alle 15 ora italiana, contro una Selezione Indonesiana. 
AVANTI JUVENTUS! Contro tutto e contro tutti!
Altro bell'aspetto è stato il ritrovarsi al Club per assistere finalmente ad una gara della Juve. Non ne potevamo più di stare senza la nostra squadra del cuore. 
NOI SIAMO ORGOGLIOSAMENTE GOBBI, ORGOGLIOSI DI APPARTENERE A QUESTA SPLENDIDA REALTA' CHIAMATA JUVENTUS CLUB ANDRIA.
Tu juventino che continui a leggere e non concretizzare mai la tua adesione, che aspetti? Non stare li ancora a pensare, VIENI AL CLUB a sottoscrivere la tua adesione alla GRANDE FAMIGLIA BIANCONERA DI ANDRIA.

 

 
 
L'ORGOGLIO DI APPARTENENZA
 
Tra le tante foto che ci arrivano dalle vacanze dei nostri numerosi soci, dopo quella che ritraeva Andrea Leonetti sulle cime di Puez, eccone un altra che abbiamo ritenuto opportuno premiare con tanto di pubblicazione a sorpresa sul nostro seguitissimo sito internet....altro che facebook!
Sulle Tre Cime di Lavaredo, ben visibili alle spalle dei nostri soci, ecco che la famiglia Miccoli con papà Sabino ed i suoi tre splendidi figli, Elena, Vincenzo e Davide, si sono lasciati immortalare in un paesaggio più unico che raro con indosso le t-shirt, anche se della passata stagione, del nostro Club. Questo ci ha davvero inorgoglito tantissimo, perchè vedervi indossare, con orgoglio i nostri simboli è per noi motivo di grande vanto. Significa che davvero siamo riusciti ad inculcare in ciascuno di Voi, il giusto spirito che deve contraddistinguere ognuno di Noi. Questo è l'orgoglio di appartenenza che da sempre predichiamo, che vogliamo che tutti comprendano. Perchè essere juventini non basta, bisogna appartenere, sostenere e difendere l'orgoglio di far parte dello JUVENTUS CLUB ANDRIA.
Complimenti Sabino! Per te tantissimi applausi.
IL TUO CLUB!  PROVATE A BUTTARCI GIU' DALLA VETTA....AH AH AH AH AH
 

 
 
PROVATE A BUTTARCI GIU' DALLA VETTA
 
Questa foto è davvero emblematica. Rappresenta al meglio quella che è la situazione attuale nel campionato di Serie A italiano. Tutti in questa estate si sentono già sulla vetta, tutti sono convinti di aver già vinto lo scudetto, tutti sono convinti che la nostra Juve non sarà più quella degli ultimi tre anni, tutti in pratica sono convinti che la Juve sia già fuori dai giochi. Ma a riportarvi sul pianeta terra ci pensiamo noi, veri tifosi gobbi, gente navigata che ne ha viste di "cotte e di crude" in tantissimi anni! 
Nel prossimo campionato cari nemici della Juve, si riparte esattamente dall'immagine di questa foto: dalla vetta, con 102 punti, dalla conquista del 32° scudetto e con la consapevolezza di essere sempre la squadra da battere, pertanto lanciamo già la sfida a tutti voi sognatori nelle notti di mezza estate....se proprio volete arrivare li dove noi ancora oggi siamo, bene provate a buttarci giù...se ci riuscite! Un grazie ad Andrea Leonetti il nostro socio consigliere del Club, che in occasione della sua vacanza sulle montagne del Trentino, si è lasciato immortalare in questa emblematica e stupenda immagine che lo ritrae di spalle, sulla vetta con l'inseparabile maglia del Club, che ognuno di Noi indossa in ogni dove! 32 VOLTE CAMPIONI D'ITALIA: RICORDATEVELO TUTTI.
Nella serata di ieri è stato reso noto il calendario della prossima Serie A che vedrà la nostra Juventus esordire al Bentegodi di Verona contro il Chievo, forse in anticipo al sabato 30 agosto. L'esordio casalingo sarà il 13 settembre, anche questo forse in anticipo di sabato per la Champions, contro l'Udinese. Poi trasfertona a Milano contro i rossoneri. Il 28 settembre la dura trasferta di Bergamo. Il 5 ottobre la sfida casalinga contro la Roma di Garcia. La trasferta a Roma sponda laziale sarà il 23 novembre, il derby si giocherà all'andata in casa nostra il 30 novembre, a Firenze invece si andrà il 7 dicembre, prima della sosta natalizia ci sarà Cagliari che sicuramente per via della finale di Supercoppa Italiana del 23 dicembre, sarà anticipata probabilmente al venerdì, il 6 gennaio la befana ci porterà in dono la sfida contro la "Prescritti Band FC", l'11 gennaio la durissima trasferta al San Paolo di Napoli. Si chiuderà il girone di andata in casa contro l'Hellas Verona. In pratica la nostra stagione inizia da Verona e terminerà il 31 maggio sempre a Verona. Nel mezzo tante altre tappe in cui come sempre noi cercheremo di esserci in casa e in trasferta. 
Chi volesse non mancare all'esordio stagionale dei bianconeri a Verona, appena possibile lo comunichi alla segreteria del Club in modo tale da poter programmare le modalità di viaggio. Anche per la prima partita casalinga sarebbe opportuno farsi trovare pronti, prenotandosi con largo anticipo e soprattutto sottoscrivendo la tessera al club condizione fondamentale per poter richiedere ed ottenere biglietti. 
Noi vi aspettiamo numerosi e con rinnovato entusiasmo al motto di ORGOGLIOSAMENTE GOBBI!
JUVENTUS CLUB ANDRIA. 
NON MOLLIAMO UN CAZZO PERCHE' NOI SIAMO DEI "GOBBI DI MERDA"....AH AH AH AH AH AH
P.S. IN OCCASIONE DELL'AMICHEVOLE DI MERCOLEDI' 30 LUGLIO CESENA - JUVENTUS ORE 20,45, IL CLUB SARA' APERTO PER TRASMETTERE LA PARTITA IN DIRETTA SU SKY. VI ASPETTIAMO NUMEROSI ANCHE PER SOTTOSCRIVERE CONTESTUALMENTE LA NUOVA TESSERA STAGIONALE.
 

 
 
ORGOGLIOSAMENTE GOBBI
 
Lunedì 28 luglio lo JUVENTUS CLUB ANDRIA riapre ufficialmente i battenti per questa nuova e speriamo entusiasmante stagione. Ripartiamo da CAMPIONI D'ITALIA in carica per il terzo anno consecutivo. Una gran bella soddisfazione. Questi oltre due mesi di pausa che quest'anno "ci siamo" concessi, sono stati segnati dalla terribile notizia che ha scosso e non poco tutto il popolo bianconero: le dimissioni del nostro Mister ANTONIO CONTE che ancora oggi dividono l'opinione pubblica e purtroppo anche noi tifosi. Mai avremmo potuto immaginare un epilogo del genere. In questi giorni si continuano a scrivere un mare di "stronzate", ognuno che si "arroga" il diritto di svelare la verità delle cose.....noi invece vi abbiamo detto la nostra in un precedente articolo pubblicato sul questo sito, senza mai cambiarne versione e soprattutto pensiero. Restiamo fortemente convinti che la Proprietà e la Società non abbiano fatto nulla pur di trattenere il nostro Condottiero. Restiamo convinti che Antonio Conte abbia fatto benissimo ad andare via, come restiamo convinti che non si debba assolutamente offendere ed incolpare chi in tre anni ci ha fatto ritornare grandi ed orgogliosamente gobbi! Per carità, noi l'orgoglio gobbo lo abbiamo sempre avuto, lo avevamo a Rimini, a Crotone, a Frosinone, lo avevamo contro il Martina Franca, lo avevamo contro l'Albino Leffe, lo avevamo con Ranieri, Zaccheroni e Del Neri, lo avevamo dopo l'eliminazione ad opera del Galatasaray e dopo l'eliminazione ad opera del Benfica, ma per quanto ci ha fatto godere il nostro CONDOTTIERO, no, quelle sono cose che mai potremo dimenticare, che mai potremo cancellare e pertanto SEMPRE CON..TE....aspettando un giorno il TUO ritorno a casa! Da ora in poi concentriamoci sul presente e sul futuro, noi non obblighiamo nessuno a contestare il nuovo allenatore (che come potrete notare continuiamo a non citare), ma nessuno ci può obbligare a dire "FORZA    . . . . . . ."! Chiariti questi aspetti e queste nostre posizioni, da ora in poi concentriamoci tutti sulla CAMPAGNA TESSERAMENTO al CLUB! 
L'ONORE DELL'APPARTENENZA, PERCHE' CHI NON HA APPARTENENZA, NON HA ONORE. 
Ficcatevela bene nella mente questa frase, ad un club come il nostro si deve appartenere a prescindere da ogni cosa, soprattutto a prescindere dai risultati. L'appartenenza ad una grande famiglia come la nostra vi deve rendere orgogliosi agli occhi di tutti. Ricordatevelo sempre, prima viene lo JUVENTUS CLUB ANDRIA, poi tutto il resto. Non ricordiamoci del Club solo quando arriva la gara di cartello o ancora più assurdo come accaduto lo scorso anno, quando ancora dovevamo raggiungere la finale di Europa League, poi non raggiunta, che molti non soci già chiamavano per poter "prenotare" un biglietto.....
ISCRIVETEVI, come sempre in massa al Club: l'appello lo rivolgiamo a tutti i soci della passata stagione, ma anche a quei soci, tantissimi, che nel corso di questi undici anni, si sono persi per strada, per svariate ragioni, magari anche per colpa nostra. Ma sappiate tutti, che la porta del Vostro Club è sempre aperta. 
Il bello di appartenere ad un grande Club come il nostro, sta anche nel fatto di poter assistere alle partite tutti assieme in un luogo di ritrovo spazioso, sicuro e confortevole. Prova ne è i tantissimi bambini che oramai frequentano il nostro sodalizio. Senza parlare delle innumerevoli attività che di anno in anno organizziamo in favore di Voi soci (una anticipazione: il 6 settembre prossimo una grande sorpresa per i nostri soci, ma solo per chi sarà già iscritto al Club!!!!).
Ma non possiamo dimenticare le trasferte al seguito della Juve, in ogni campo, in ogni dove, ogni maledetto giorno in cui la Juventus giochi. Non è semplice trovare una realtà come la nostra che organizza sempre e comunque una modalità di viaggio, dall'aereo alla macchina, dal furgone a noleggio al pullmino, dal treno al Pullman....
Allora non perdete tempo, non cercate scuse, 30 euro all'anno di tessera da socio semplice non sono praticamente nulla, appena 2,50 euro al mese! Per non parlare della tessera da socio effettivo al costo di appena 85 euro che vi permetterà di seguire la Juventus al Club in ogni partita senza versare nessun altro contributo. Un abbonamento a Mediaset o Sky fatto a casa vi costerà sicuramente tanto, molto di più rispetto ai soli 7 euro al mese che vi costa farlo con noi al Club. Potremmo elencarvi tantissimi altri vantaggi e benefici che solo appartenendo e frequentando il Club potrete conoscere. Vi rimandiamo al link del nostro sito,  http://www.juventusclubandria.it/tess.asp , dove potrete leggere tutte le condizioni, i criteri, il regolamento e soprattutto scaricarvi il modulo di adesione http://www.juventusclubandria.it/modulo_tess_1415.pdf , da portare compilato al Club.
Noi per la prossima stagione sappiamo quanto sarà difficilissimo ripeterci, per carità lo sarebbe stato anche con Antonio Conte in panchina, ma adesso senza di lui, sarà ancor più difficile. Proprio per questo dobbiamo sostenere la squadra, senza pensare ad altro, del resto quella è la cosa, che meglio ci riesce di fare, da sempre. Proviamoci tutti assieme a difendere quel tricolore da record che porteremo sulle nostre maglie anche per questa stagione. 
Tutte le sere dal lunedì al venerdì dopo le ore 19,00, ti aspettiamo in sede in Via Enrico Dandolo n. 37 per sottoscrivere la Tua tessera allo JUVENTUS CLUB ANDRIA.
PRIMI PASSI DELLA JUVENTUS
Nel frattempo anche la Juventus ha iniziato la sua stagione nel ritiro a porte chiuse di Vinovo, senza i nazionali che giungeranno tutti a partire da lunedì 28 luglio. Nel pomeriggio di venerdì alle ore 16 allo JUVENTUS CENTER si è svolta la prima gara amichevole della stagione.....chiusa con la clamorosa sconfitta contro il Lucento, una formazione dell'hinterland torinese che gioca nel campionato di Eccellenza. 3 a 2 il finale che ha premiato la sorprendente formazione piemontese. Anche noi siamo rimasti tutti sbalorditi. Del resto siamo tifosi veri a cui darebbe fastidio anche perdere una "semplice" partitella in famiglia. A memoria d'uomo, non ricordiamo un inizio così, contro una formazione dilettantistica. Ma sappiamo quanto poco conto, possano avere questi test giocati a luglio dopo soli dieci giorni di effettiva preparazione. Lo diciamo da sempre, il calcio d'estate non deve mai ne deprimere, ne esaltare. L'esaltazione, quella lasciamola ad altri, che ad oggi, sembra abbiano puntualmente vinto lo scudetto. Per noi il tempo di bilanci ed altre considerazioni, sarà più avanti come sempre. Perchè solo il campo saprà dire se abbiamo torto o "avevamo ragione....". Le reti della Juventus sono state siglate entrambe dal RE LEONE...Fernando Llorente che ha ripreso, li da dove aveva lasciato. La Juventus ha schierato come formazione iniziale la seguente: 
STORARI, MOTTA, SORENSEN, OGBONNA, BAROCCO, PEPE, MARRONE, PADOIN, GIOVINCO, LLORENTE, TEVEZ.
Da una valutazione della stessa noterete intanto che lo schema adottato sia stato il 4 - 3 - 3. Ma se la leggete attentamente noterete che la difesa ad esclusione di Storari e del Primavera Barocco, comprendeva tutti elementi che dovranno partire per altri lidi di qui a fine agosto. Un centrocampo inedito con il recuperato (speriamo) Simone Pepe, il ritorno di Marrone (che speriamo resti) e Padoin anche lui probabile partente. Solo in attacco c'erano tre giocatori in pratica possibili titolari nella stagione. 
Nella ripresa, con la Juve che dopo essere passata in svantaggio aveva recuperato portandosi sul 2-1, dentro anche i nuovi acquisti Coman e Pereyra, fresco di firma sul contratto. Da segnalare anche tre pali per la Juve. Poi dentro tutti i primavera che hanno chiuso la gara, ed è proprio in quel frangente che il Lucento ha ribaltato clamorosamente il risultato. Nessuna giustificazione però. Adesso la prossima sfida amichevole sarà il 30 luglio a Cesena, un test già molto più attendibile contro i romagnoli, neo promossi in serie A.
IL MERCATO
Come sempre preferiamo esprimerci il 1° di Settembre, ma già oggi possiamo fare delle considerazioni. Sul fronte dei giocatori per il futuro...bene possiamo dire che la Juve sta dominando il mercato europeo. Dei colpi intelligenti portati a termine. Nessuna partenza eccellente. Sin qui già saremmo ampiamente soddisfatti, ma sappiamo quanto lungo sia ancora il mercato e quante insidie possano arrivare da quelle formazioni estere che rispetto a noi, possono spendere e spandere grazie ai loro bilanci superiori di almeno tre/quattro volte al nostro.
Un saluto doveroso lo dobbiamo a due giocatori come Mirko Vucinic e Fabio Quagliarella, il primo approdato alla corte dell'Al Jazira....il secondo proprio ai cugini granata. Ora a prescindere da tutto, a prescindere dal loro scarso apporto nell'ultima stagione in particolare, dobbiamo dire solo grazie a questi due giocatori che faranno per sempre parte della nostra storia. Loro erano gli attaccanti della Juventus della terza stella, loro ci hanno trascinato alla conquista di un trentesimo scudetto clamoroso, imprevedibile ed incredibile. Grazie di tutto e buona fortuna....un po meno al Quaglia...visto che è approdato sull'altra sponda del Po'!
Anche Peluso è partito per Sassuolo, dove la Juve ha lasciato Zaza e Berardi due calciatori di cui sentiremo parlare presto. Dal Sassuolo è rientrato alla base Luca Marrone che con Conte esplose e che proprio lui aveva richiesto tornasse. Adesso non sappiamo se resterà o meno. Ha tante richieste. Noi speriamo che il duttile centrocampista resti con noi. Sono arrivati Coman dal P.S.G., giovanissimo che si spera possa ripercorrere le orme di Paul Pogba suo connazionale. Poi Morata dal Real Madrid, altro giocatore che siamo convinti esploderà sotto la Mole. Purtroppo la fortuna non lo ha aiutato nel primo allenamento. Lo rivedremo a metà settembre. Evrà (dal Manchester Utd) il terzino francese non ha bisogno di presentazioni, sarà utilissimo in Champions League, esperienza e classe indiscutibili, fisicamente sta benissimo. Roberto Pereyra dall'Udinesesembrerebbe il vero colpo di mercato. Ci aspettiamo tantissimo da lui, argentino come Carlitos, da oltre quattro anni già in Italia. Puntiamo su di lui. A nostro parere se dovesse arrivare ancora un difensore centrale, un laterale destro ed un altro attaccante di peso, bene potremmo tranquillamente affermare che la JUVENTUS se la giocherà con tutti in tutte le competizioni. Sul fronte cessioni ci sarebbe da sfoltire assolutamente la rosa con almeno altre tre/quattro partenze.
BUON PROSEGUIMENTO DI ESTATE A TUTTI E VI ASPETTIAMO AL CLUB AL MOTTO DI..... 
ORGOGLIOSAMENTE GOBBI......VOI TUTTI FATEVENE UNA RAGIONE!
JUVENTUS CLUB ANDRIA
 

 
 
COME UN FULMINE A CIEL SERENO. CIAO ANTONIO
 
Avete presente quando si perde un parente o un caro amico in maniera improvvisa? Accettarlo non è facile. Ecco, così ci sentiamo noi tutti da martedì 15 luglio. Da quella maledetta sera in cui è arrivata la notizia devastante delle dimissioni del nostro CAPITANO, del nostro MISTER, ANTONIO CONTE! Stiamo male, molto male. Stiamo soffrendo ed in questo momento non riusciamo a pensare a nulla, al tesseramento, all'organizzazione di una intera stagione. Siamo a lutto si....come qualcuno sarcasticamente dice.... 
Ecco questa è la giusta espressione per farvi comprendere il nostro stato! E' l'elaborazione di un lutto non è semplice. Vi sembrerà un paragone troppo grosso, enorme, rispetto al vero significato della parola "lutto", ma questo vi aiuterà a comprendere chi è lo JUVENTUS CLUB ANDRIA, chi sono le persone che lo gestiscono da sempre con tanta passione e niente più!
Ci sentiamo svuotati, disorientati e soprattutto demoralizzati. Perchè quando credevi che tutto quello che avevamo ingiustamente subito otto anni fa, fosse finalmente acqua passata, ecco ritornare a rivivere quelle sensazioni per colpa di qualcuno che sicuramente non AMA la Juve, quanto l'AMIAMO noi! Non ci nascondiamo dietro a nulla, senza far troppi giri di parole: l'indice è puntato contro PROPRIETA' e SOCIETA'. Si proprio loro, hanno voluto interrompere sul più bello questo processo di crescita e vittorie che ci stava conducendo verso nuovi traguardi con un CONDOTTIERO in panchina, oggi miglior allenatore in circolazione in ambito europeo e mondiale. Odiato da tutti solo perchè vincente e bravo! 
Gente, popolo bianconero, aprite gli occhi davanti a certe notizie puntualmente apparse solo oggi, che Antonio non c'è più. Chissà perchè. Ma dato che conosciamo abbastanza bene il mondo del giornalismo italiano, non solo calcisticamente parlando,sappiamo anche come vengano artatamente messe in circolazione certe notizie prive di veridicità! Antonio Conte non è scappato, Antonio Conte è stato messo nelle condizioni di andare via, dalla "Sua" Juventus! Anche noi ci saremmo comportati come lui. Ci fermiamo qui e non aggiungiamo altro, perchè ci sarebbero tantissime cose da dire. Vogliono, adesso, solo metterci l'uno contro l'altro, un po come avvenne con Luciano Moggi che oggi ancora tutti noi vorremmo li al proprio posto!   
Ad Antonio Conte, bisognava dare carta bianca, a lui andavano consegnate "le chiavi" della macchina JUVENTUS FC e si sarebbe dovuto dire....portaci dove vuoi! Ripetiamo, potremmo aggiungere tantissime altre cose.
Adesso loro hanno voltato pagina, noi no, c'è un nuovo allenatore, di cui preferiamo nemmeno citarne il suo nome, talmente ci fa rabbia vederlo li ora seduto su quella panchina e indossare i nostri colori dopo aver sputato fango e veleno contro di Noi! Vederlo passeggiare all'interno del Museum, nella nostra storia! Che umiliazione.
Mercoledì sera, proprio perchè siamo una bella realtà, una grande famiglia, a giro stretto, oltre al Direttivo, ci siamo dati appuntamento al Club anche con molti soci per farci forza e coraggio, per sfogarci ma soprattutto per capire quanto forte ed uniti siamo. Lo abbiamo ancora una volta capito. E' bastato semplicemente guardarsi negli occhi. Spiace leggere in rete, su Facebook, tantissime cose gravi da parte di tantissimi amici juventini. Ecco la cosa più brutta è stata proprio questa. Ci hanno ferito alcune parole. Gli sfottò degli antijuventini invece ci stanno tutti, fa parte del gioco, oggi a te, domani a me. Ma uno juventino che si definisce vero, non può e non deve secondo noi permettersi di scrivere certe cose deplorevoli!  
Ma sappiamo anche rispettare l'altrui pensiero, il mondo è bello proprio perchè non siamo tutti uguali, ma in queste situazioni capisci tantissime cose. Noi le abbiamo capite. 
Bello comunque vedere l'unità di intenti che c'è nella stragrande maggioranza dei nostri soci. Tutti per Antonio Conte senza se e senza ma.
Abbiamo deciso comunque che adesso è il momento di far rasserenare gli animi, di attendere, di valutare, le spaccature non portano da nessuna parte. Al primo posto viene il nostro CLUB, poi viene il sostegno alla squadra, a quei ragazzi che oggi sono disorientati come noi, a quei ragazzi splendidi che solo due mesi fa hanno scritto una pagina di storia assieme ad Antonio Conte che nessuno più riuscirà a cancellare. Ma abbiamo paura che quel grande gruppo possa adesso sgretolarsi. Non ci preoccupiamo più di chi possa arrivare.....ma di chi possa andar via! Perchè da questa Società adesso è lecito aspettarsi altre mazzate...altre delusioni!
Grazie Antonio, grazie di tutto, SENZA DI TE NON ANDREMO LONTANO....ma sarà il tempo a dirlo...tu ci hai fatto sentire orgogliosissimi e fieri di essere juventini, ci hai fatto fare cose inimmaginabili, ci hai fatto arrivare ovunque pur di seguirti (Trebisonda....), ma siamo convinti che non si è trattato di un ADDIO...."CERTI AMORI...non finiscono....fanno dei giri immensi e poi ritornano". Noi saremo ancora li ad aspettarti con qualche anno in più, ma ad accoglierti come un EROE. Grazie anche a tutto il suo staff, da Alessio a Carrera. Claudio Filippi, invece il nostro grande amico è rimasto per volere del nuovo allenatore.
Adesso cercheremo di voltare pagina, appena sarà possibile, appena smaltiremo, se mai ci riusciremo, questa delusione interiore,mettiamo da parte ogni tipo di polemica e stringiamoci attorno alla nostra squadra, difendiamo l'onore dei nostri colori, cerchiamo di condurli ad un altra vittoria. Solo così ci potremo riuscire. Non facciamo il gioco dei nostri avversari, che oggi giustamente si sentono un tantino più avvantaggiati.
TUTTI UNITI sotto il nome dello JUVENTUS CLUB ANDRIA: L'ONORE DELL'APPARTENENZA, PERCHE' CHI NON HA APPARTENENZA NON HA ONORE.
Ci siamo rialzati in tantissime altre situazioni, lo faremo anche questa volta.
 
N.B. QUEST'ANNO CI SIAMO ABBONATI IN MASSA, NON SOLO RINNOVANDO AL 100 % TUTTI GLI ABBONAMENTI CHE AVEVAMO GIA' DALLA PASSATA STAGIONE, MA ANCHE GRAZIE AD ALTRI SOCI PREMIUM MEMBER SIAMO RIUSCITI AD OTTENERE IN PRELAZIONE MOLTI POSTI IN PIU'.
Ribadiamo come sempre in coerenza al nostro modo di fare, che le amichevoli estive non ci hanno mai interessato (ritiri a parte....come la foto dell'articolo testimonia quello dello scorso anno) e pertanto anche quest'anno non seguiremo nulla! Invece con un po di ritardo, tanto non c'è nessuna fretta, a causa di quanto accaduto, faremo partire il tesseramento che non avrà novità di rilievo.....ma al motto diORGOGLIOSAMENTE GOBBI!
Adesso cerchiamo di riprendere la nostra Estate di relax....purtroppo interrotta da questo fulmine caduto in una sera di cielo sereno.
N.B. CARI ANTIJUVENTINI....non vi abbiamo dimenticato: ci fa ridere vedervi scrivere e dire....."senza Conte non vincerete più...." ah ah ah ah....ma scusate ma non erano gli arbitri che ci facevano vincere....????? mettetevi d'accordo.
JUVENTUS CLUB ANDRIA
 
 

 
 
CLAUDIO FILIPPI, COLLABORATORE DI ANTONIO CONTE, IN VISITA AL NOSTRO CLUB
 
Per questa estate, avevamo stabilito di concederci un periodo più lungo di vacanze. Infatti, subito dopo il Memorial Lorenzo Lomuscio, da tradizione ultima attività stagionale del nostro club, ci fu il "rompete le righe" con l'arrivederci a fine luglio. Ma invece nel pieno delle nostre "meritate" vacanze da club, abbiamo ricevuto una telefonata a sorpresa! 
Tutti ricorderete che lo scorso anno, in occasione della festa del nostro decennale, tenuta alla Discoteca Lampara di Trani, oltre agli illustri ospiti presenti, come Stefano Tacconi e Claudio Zuliani, dovevano esserci anche Andrea Barzagli difensore della Juventus e della Nazionale e Claudio Filippi, allenatore dei portieri della Juventus e collaboratore di fiducia di Antonio Conte. Il primo non poté più esser presente causa convocazione anticipata in Nazionale in vista della Confederation Cup, Filippi invece, non partecipò più per un corso di aggiornamento all'estero. Dispiaciuto per il forfait, ci promise, non appena gli si fosse presentata una possibilità, di passare a salutarci e conoscerci. E' stato di parola! Nel corso di quest'ultima stagione, ogni "maledetta domenica", lui, prima di iniziare il riscaldamento a Gigi Buffon, su ogni campo, in casa o in trasferta, con lo sguardo cercava il nostro stendardo per salutarci, quasi fosse un rito scaramantico.  Lunedì scorso ha telefonato al nostro attivissimo socio Alberto Tesoro, con il quale Filippi mantiene una amicizia che dura da ben 17 anni, in pratica da quando lui arrivò ad Andria come preparatori dei portieri della Fidelis Andria. Ad Andria ci rimase per ben tre stagioni, prima di avviarsi verso la sua brillante carriera che lo vede adesso da ben quattro anni alla Juventus. Pertanto il suo legame con questa città è rimasto ben saldo. Ad Alberto comunicò di una sua breve sosta qui in città, di rientro dalle vacanze, nel pomeriggio di martedì, proprio per salutare alcuni vecchi amici ma soprattutto per conoscere finalmente la nostra realtà, il nostro club, molto noto nello spogliatoio bianconero ed in seno alla Società. Martedì abbiamo informato in tutta fretta un cospicuo numero di soci, quelli presenti nella chat su "watsapp", abbiamo "risistemato" la nostra sede ed abbiamo atteso presso il Club, l'arrivo di Claudio. Il Presidente Nicolamarino, accompagnato da Alberto Tesoro e da Umberto Iennarelli, altro nostro socio e storico segretario della Fidelis Andria, hanno prelevato Filippi e la sua famiglia da un albergo in centro, conducendolo in sede dove ad attenderlo c'erano diversi soci accorsi. Al suo ingresso la prima cosa che ha detto è stata: ANDRIA PRESENTE.....tra le risate generali. Poi appena ha visto la gigantografia di Buffon ha esclamato: "Gigi c'è....e va benissimo così....."
Ha poi voluto visitare l'intera sala complimentandosi per la location, per quanto facciamo e per l'attivismo, affermando che club così grossi, difficilmente se ne trovano in giro. Appena ha poi visto Antonio Conte....cartonato ad altezza d'uomo....è scoppiato a ridere...dicendo...eccolo....tra pochi giorni si ricomincia. Proprio al fianco di Conte (cartonato) si è lasciato fotografare con una parte di soci presenti (foto articolo). Ha chiesto tantissime cose, ma soprattutto si è complimentato con noi per l'essere sempre presenti al fianco della squadra. Nicola Pisani il nostro tesoriere gli ha subito posto delle domande di mercato...ma lui è rimasto molto abbottonato su questo argomento. Poi è iniziato lo show di Lorenzo, figlio di Fabio il nostro Segretario, che gli ha posto tantissime domande...su Gigi Buffon, su Marco Storari e anche su Rubinho.....che ridere. Disponibilissimo, persona davvero incredibile questo Claudio Filippi, si è lasciato fotografare con tutti i presenti. Poi gli è stata consegnata la t-shirt celebrativa del club per il 32° scudetto e la pagina celebrativa del nostro club su TuttoSport, di cui ne era già a conoscenza. Insomma lui è rimasto molto colpito dalla "qualità" del nostro Club, noi molto felici dalla sua presenza. 
Subito dopo ci siamo recati tutti in un bar del centro dove abbiamo brindato a lui e alla nuova stagione della Juventus. Ci ha raccontato alcuni aneddoti e retroscena legati al mondo Juve, ad Antonio Conte e in particolare la conferenza stampa che lui tenne prima di Juve - Roma (allenata da Zeman) della stagione 2012/2013, quando sia Conte che Alessio erano stati squalificati per l'assurda vicenda legata al calcio scommesse. Che ridere......ma non possiamo dirvi perchè....segreti!
Filippi è stato tra l'altro in quel periodo, vice allenatore con Massimo Carrera che dirigeva la squadra. E' uno degli uomini di fiducia di Antonio Conte. Prima di salutarlo, ha promesso al nostro Presidente che ci organizzeremo per poter incontrare finalmente il nostro Mister. 
Buona stagione Claudio, salutaci il Mister, la Società e come detto da te....ci vediamo a settembre!
JUVENTUS CLUB ANDRIA: SEMPRE PIU' FATTI....SEMPRE MENO PAROLE!
 

 
 
CLAUDIO FILIPPI SOCIO ONORARIO JUVENTUS CLUB ANDRIA
 
Nella foto, ecco immortalato il momento in cui, presso la sede sociale di Via Enrico Dandolo, Claudio Filippi, preparatore atletico e allenatore dei portieri della Juventus (Buffon, Storari e Rubinho), in occasione della sua vista a sorpresa al nostro Club, sotto gli occhi attenti di diversi soci affluiti presso la sede, riceve dal Presidente Francesco Nicolamarino, la tessera di socio onorario dello Juventus Club Andria. Davvero un bel momento da ricordare e che resterà scolpito nella storia del nostro Club, sempre più una splendida realtà nel panorama del tifo bianconero!
Un grazie a Claudio Filippi per la sua visita. Davvero una splendida persona, che in ogni dove ci saluta sempre prima di ogni partita e prima di iniziare a "riscaldare" Gigi Buffon!
 

 
 
MISTER GIUSEPPE LEONETTI
 
In questo primo scorcio di estate 2014, le sorprese e belle notizie che riguardano la vita del nostro club e dei soci che lo frequentano, si susseguono frequentemente. Prima la visita di Claudio Filippi al nostro club, adesso la notizia di Giuseppe Leonetti, allenatore alla Juventus Soccer School, poi le telefonate di Luciano Moggi e Moreno Torricelli....ma su questi ultimi altro non aggiungiamo. 
Giuseppe Leonetti (figlio del nostro consigliere Andrea), nostro socio attivissimo e soprattutto uno che spesso e volentieri, gira in trasferta con lo stendardo ANDRIA PRESENTE al seguito, dopo essersi brillantemente laureato lo scorso dicembre all'Università di Bari, ha frequentato dapprima dei corsi organizzati a Torino dalla Juventus Fc e denominati "JUVENTUS ACCADEMY", poi un corso difficilissimo a Coverciano denominato "Sics Match Analyst", dove si è classificato addirittura quinto, alle spalle di Riccardo Scirea figlio del grande Gaetano. Grazie a questo corso e alla sua bravura nell'analizzare le squadre da un punto di vista tattico, ha collaborato per la fase finale della stagione, play off compresi, con l'allenatore della Fidelis Andria, il Mr. Ragno, nel campionato di Eccellenza Regionale, poi vinto dopo un duro percorso e grazie anche alle analisi tattiche delle avversarie, fornite proprio dal nostro Giuseppe che nel frattempo era diventato un tutt'uno con il Mister della Fidelis e soprattutto benvoluto dall'intero gruppo di giocatori. 
Ma non finisce qui, adesso la Juventus lo ha chiamato come allenatore nel ritiro estivo della Juventus Soccer School che si sta svolgendo a Cascia (Perugia) dal 28 giugno al 26 luglio, a stretto contatto con l'allenatore degli Allievi della Juventus. 
Noi ci auguriamo e auguriamo lui che possa essere l'inizio di una brillante carriera, che magari presto lo possa vedere raggiungere il suo sogno nel cassetto: entrare nello staff tecnico della Juventus Fc. Eccolo nella foto dell'articolo a centrocampo nello stadio di Cascia, all'inaugurazione della nuova stagione della JSS, con i suoi "allievi", mentre tiene in mano la bandiera della Juventus, la sua squadra del cuore.
Orgogliosi di te caro Giuseppe, orgogliosi di annoverare tra le nostre fila un socio così bravo ed intraprendente. 
AVANTI MISTER GIUSEPPE LEONETTI, IL TUO CLUB E' CON TE!
p.s. ma non dimenticare che la stagione inizia ed appena possibile le trasferte e lo stendardo ti aspettano! 
JC ANDRIA   
 

 
 
ALLO JC CORATO LA SETTIMA EDIZIONE DEL MEMORIAL "LOMUSCIO"
 
In un pomeriggio molto caldo, nel primo vero giorno di questa incerta estate 2014, almeno metereologicamente parlando, sabato 21 giugno scorso, si è svolta la 7^ Edizione del Memorial "Lorenzo Lomuscio".
A contendere quest'anno, l'ambito trofeo alla formazione dello Juventus Club Andria, c'era solo lo Juventus Club Corato Bianconera, ospiti per la primissima volta di questo importante evento. Da questa edizione infatti, rispetto al passato, abbiamo stabilito di rivedere la formula, ospitando di volta in volta, una sola formazione di un club amico, in una partita unica. Come sempre l'attesa, che contraddistingue questo Memorial, è stata alta. Ognuno di noi, consiglio direttivo e non, ha collaborato per organizzare il tutto alla perfezione nei giorni che hanno preceduto l'evento. Sabato pomeriggio alle ore 18,00 eravamo già presso la struttura sportiva che ci ospitava, Andria Sport (ex campi Arca), per sistemare gli striscioni del club, quelli in memoria di Lorenzo, il tavolo delle premiazioni, l'accoglienza alla Famiglia Lomuscio e alla squadra ospite, dell'arbitro, la distribuzione delle maglie ai ragazzi del club, insomma nel breve volgere di poco più di mezz'ora tutto era pronto.
Alle 18,45, dopo le consuete fotografie di rito alle due squadre, tutti si sistemavano nel cerchio di centrocampo per il minuto di raccoglimento fischiatodall'arbitro Giuseppe Recchia, ovviamente juventino e nostro associato. Bello vedere tutti i giocatori, tutti gli spettatori presenti, abbracciati l'un con l'altro, assieme alla famiglia Lomuscio, con la moglie, la Sig.ra Anna e i suoi figli Salvatore, Francesca e Simona, visibilmente emozionati. Come sempre, questo momento è stato commovente, un silenzio surreale che rattristava parecchio, rotto dall'urlo lanciato dal capitano del ns. club, Graziano Palladio, il quale intonava il coro "Lorenzo sempre con noi...sempre con noi...", come recita lo striscione realizzato subito dopo la sua morte da Marco Fiandanese.
Prima del fischio di inizio c'é stata la consegna dei fiori alla Sig.ra Anna, vedova Lomuscio e di una targa ricordo, da parte del Presidente dello Juventus Club Corato, Vincenzo Ferrucci. Tanti applausi, per poi alle 19,00 circa, dare il via all'incontro per assegnare il trofeo per questa settima edizione.
La novità è stata anche rappresentata dal fatto che la partita si sia disputata su di un campo a 9, rispetto al passato che si giocava sette contro sette. I nostri ragazzi sotto la guida del Mister Saverio Sardano, hanno iniziato abbastanza bene l'incontro, sfiorando subito il vantaggio. Poi alla prima vera occasione, gli amici coratini passano in vantaggio.
Vito Antonio Fasciano, punta di diamante del ns. club, ristabilisce la parità subito dopo, ma alla lunga sul finale del primo tempo lo Jc Corato dilaga portandosi sul 4-1. Primo dello scadere della prima frazione di gioco, ancora Vito Antonio Fasciano sigla la rete che tiene ancora in corsa la nostra formazione. Nella ripresa dopo un inutile arrembaggio verso la porta dei coratini che ha fruttato solo un palo e niente più, i nostri cedono definitivamente con il risultato che arriva sino all' 8 - 2 prima del definitivo gol di Sabino Miccoli che fissa il risultato sull' 8-3 finale. Insomma non riusciamo a riconquistare il trofeo, vinto nelle ultime due edizioni e per ben tre volte complessivamente. Complimenti allo Juventus Club Corato che ha messo in campo una formazione altamente competitiva e ben organizzata. Ma in questo caso non contava assolutamente vincere, contava semplicemente esserci per onorare la memoria di un grande amico come Lorenzo Lomuscio. Ci siamo nuovamente riusciti in pieno.
Altro aspetto positivo è stato rimarcato dal fatto che tanti soci, soprattutto i più affezionati, non sono mancati all'evento. Questo è quello che più ci ha fatto piacere, come la sorpresa di vedere arrivare gli amici dello Juventus Club di Trani, Alessandro, il Presidente con Andrea e Gaetano, i quali non hanno voluto far mancare il loro sostegno e saluto alla famiglia Lomuscio, seppur per questa edizione, non coinvolti attivamente. Grazie di cuore ragazzi.
Tanti i messaggi arrivati anche da parte degli amici di fuori che hanno salutato Salvatore e la sua famiglia. Durante lo svolgimento dell'incontro, due tempi da 35 minuti, i tanti bambini affluiti, figli dei soci, hanno improvvisato una partitella sul campetto a loro dedicato, le donne le vedevi invece passeggiare sulla pista d'atletica e chiacchierare tra loro, quelli che non giocavano, sopratttutto il Direttivo, presente al gran completo, fare scherzi o provare a fare qualche palleggio....insomma è stato un pomeriggio davvero molto bello che ancora una volta ha dimostrato quanto il nostro club, sia sempre più una splendida e positiva realtà, praticamente una grande famiglia. Subito dopo l'incontro si è passati alla premiazione delle due squadre (nella foto dell'articolo da sinistra il Presidente Ferrucci del Club di Corato, la Sig.ra Anna Lomuscio, il nostro Presidente Nicolamarino ed il ns. capitano Palladio), con l'attibuzione della coppa ai vincitori e quella per il nostro club, giunto come detto secondo. Tanto entusiasmo e l'immancabile coro finale...Fino alla Fine Forza Juventus,per poi mandare i giocatori tutti sotto la doccia. 
A sancire la chiusura defintiva di quest'altra bella edizione del "Memorial Lomuscio", alle 22,30 ci siamo ritrovati, assieme agli amici dello Jc Corato, in zona Castel del Monte, per una abbondante e squisita grigliata di carne accompagnata da tanto buon vino. Siamo stati davvero molto bene tutti assieme, soprattutto perchè ancora una volta, abbiamo centrato in pieno tutti i nostri "sani principi" che animano il nostro club: RISPETTO, PASSIONE ED ENTUSIASMO! Il resto non ci interessa.
CIAO LORENZO, SAPPIAMO CHE DA LASSU' ANCORA UNA VOLTA HAI GIOITO CON NOI!
N.B. Sulla home page del sito, nella sezione dedicata al Memorial, sulla colonna sinistra o cliccando direttamente sul seguente linkhttp://www.juventusclubandria.it/public/galleria/202/index.html , troverete tutte le foto più rappresentative di quest'altra edizione.
 
IL DIRETTIVO JC ANDRIA
 

 
 
LA NOSTRA FORMAZIONE
 
Ecco nella foto dell'articolo, l'intera rosa dei soci del nostro club che hanno preso parte alla settima edizione del Memorial Lorenzo Lomuscio. Nel gruppo anche alcuni soci che pur non avendo giocato si sono fatti immortalare con chi è poi sceso in campo. In piedi, da sinistra verso destra, Benedetto Abbasciano, Gianni Zagaria, Vito Coratella, Nicola Pisani e Salvatore Lomuscio (entrambi con le t-shirt bianche del club), Savino Moschetta, Giuseppe Leonetti (nostro socio attivissimo e udite...udite....facente parte dello staff tecnico di Nicola Ragno, Mister della Fidelis Andria), Gianni Strippoli, i due portieri Mauro Caldarola e Francesco Zinfollino, Gino De Astis, Michele Zagaria, il mister Saverio Sardano, Giuliano Zefferino, Andrea Leonetti, l'arbitro Giuseppe Recchia, in basso sempre da sinistra verso destra, Giuseppe Di Serio, Sabino Miccoli, i bambini figli di soci, il capitanoGraziano Palladio, Riccardo Giorgio, davanti a loro, seduto Emanuele Trepiccioni, con la palla il mitico Franco Di Franco, Vincenzo Quacquarelli, seduto tra di loro con la maglia bianca Tommy Moscatelli (eroe di Trebisonda), Antonio Quacquarelli e a chiudere seduto a destra il bomber Vito Antonio Fasciano.
A tutti loro va un grosso applauso per quello che fanno per il nostro club, anche se in questa foto ne mancano molti altri dello zoccolo duro ad iniziare proprio dal Presidente.
Questi siamo noi, un gruppo di persone molto unito che rispetta tutti e tutto ma che esige altrettanto rispetto.
SEMPLICEMENTE JUVENTUS CLUB ANDRIA
 
p.s. Pensiero....mondiale:
con l'avventura terminata prematuramente, ed aggiungiamo noi "meritatamente", della nostra nazionale ai mondiali che si stanno disputando in terra brasiliana, possiamo dire davvero conclusa la stagione. Il club nell'ultima gara della nazionale contro l'Uruguay è rimasto chiuso, in forma di rispetto, a causa di un grave lutto che ha colpito i proprietari del nostro locale. Siamo molto vicini alla famiglia Leonetti in questo particolare momento.
Adesso un meritato mese di pausa, anche per questo sito, che resterà privo di aggiornamenti, salvo notizie di estrema rilevanza. Il 28 luglio riprenderemo ufficialmente la nostra attività con l'apertura del tesseramento. La novità rilevante sarà quella che la linea dedicata del club (320 620 9445), sarà da quest'anno attiva solo dalle ore 17,00 alle ore 20,00, dal lunedì al venerdì.  
 
p.s. 1 pensiero....per Ciro:
Ciro Esposito, il tifoso napoletano rimasto gravemente ferito in occasione degli incidenti nel pre gara della finale di Coppa Italia del 3 maggio scorso, purtroppo non ce l'ha fatta. E' deceduto a causa delle gravi complicanze che si sono manifestate. Non è possibile morire per una partita di calcio, non è possibile che in Italia ancora accadano questi assurdi episodi di violenza. Il calcio è un gioco, uno splendido gioco. Vada lo sfottò, vada la sana rivalità, ma ogni forma di violenza è assolutamente da condannare. Bisogna avere rispetto di tutto e di tutti. Spiace però constatare che tragedie come l'Heysel e altre non abbiano purtroppo ancora insegnato niente, che non siano servite a nulla!
Meditate gente, meditate....
Un abbraccio alla famiglia Esposito ed un pensiero al tifoso napoletano volato in cielo. Riposa in pace!
 
 

 
 
7^ EDIZIONE MEMORIAL LORENZO LOMUSCIO
 
Nel mezzo dei mondiali di calcio, che si stanno disputando in Brasile, a quasi sette anni dalla sua scomparsa, anche per quest'anno ricorderemo il nostro indimenticato amico "Lorenzo Lomuscio". Un appuntamento che organizziamo tradizionalmente in questo periodo e che rinnoviamo di anno in anno, ospitando sempre diverse formazioni di club e/o gruppi amici susseguitesi nel corso degli anni, ben dodici, compresa l'avversaria di questa edizione ( http://www.juventusclubandria.it/memorial.asp ). Questa settima edizione, vedrà per quest'anno partecipare per la primissima volta gli amici dello Juventus Club di Corato, i quali hanno accolto con entusiasmo il ns. invito. Da quest'anno, la formula del Memorial cambia, passando da un torneo di calcio a 7 ad una partita unica su di un regolare campo ad 11. Nel passato siamo arrivati ad organizzare un torneo anche ad otto squadre, ma sia economicamente parlando che da un punto di vista prettamente organizzativo, visti gli sforzi che una simile organizzazione richiedeva, si è deciso da questa edizione di semplificare le cose, invitando a rotazione, di anno in anno, una formazione di un club amico. L'obiettivo resta quello di ricordare ed onorare, assieme alla Sua famiglia, la memoria di Lorenzo, indimenticato socio fondatore del ns. Club che incarnava alla perfezione il ns. spirito di tifosi passionali all'ennesima potenza. Del resto è come sempre una occasione per ritrovarci tutti dopo un periodo di inattività e soprattutto per portare, presso il Centro Sportivo Andria Sport, dove si svolgerà l'evento, i nostri figli che potranno liberamente giocare a calcio sui campetti della struttura. Insomma un momento prettamente ricreativo e di svago per tutti noi, per ricordare come sempre a tutti che il calcio è per noi PASSIONE, RISPETTO e DIVERTIMENTO. 
Pertanto l'appuntamento è per tutti i nostri soci presso il Centro Sportivo Andria Sport, sabato 21 Giugno 2014 a partire dalle ore 18,30. Prima dell'incontro tra lo JC ANDRIA e lo JC CORATO, ci sarà il consueto momento di raccoglimento con la moglie e famiglia di Lorenzo Lomuscio per poi dare il via alla "contesa" che vedrà la nostra formazione difendere la coppa conquistata per ben tre volte e consecutivamente nelle ultime due edizioni.  
Vi aspettiamo numerosi, ricordiamo ed onoriamo il nostro fratello Lorenzo!
 
CAMPAGNA ABBONAMENTI JUVENTUS STAGIONE 2014/2015
Come avrete appreso attraverso la stampa ed il sito della Juventus FC, oggi giovedì 19 giugno è partita ufficialmente la fase di rinnovo per gli abbonati della scorsa stagione. Il termine ultimo è fissato nel 3 luglio, ma per noi Club ufficiali la scadenza è fissata per domani 20 giugno. Tutti i nostri abbonati erano già stati da noi allertati per tempo e pertanto nei termini previsti consegneremo tutto quanto necessario per il rinnovo degli abbonamenti dei nostri associati che hanno manifestato la volontà di procedere.
Dal 9 al 12 luglio invece se dovessero residurare dei posti liberi vi sarà l'opportunità di sottoscrivere degli abbonamenti solo per i possessori della Premium Member, mentre dal 15 luglio sempre se disponibili ancora dei posti, partirà la campagna abbonamenti in vendita libera. Ma questa crediamo sia una eventualità molto remota. Pertanto si invita tutti coloro che iniziano a chiamarci per un abbonamento ad attendere comunicazioni ufficiali sull'eventuale partenza della vendita libera.
Il tesseramento allo Juventus Club Andria per la prossima stagione, partirà invece ufficialmente dal 28 luglio e chiuderà il 12 dicembre.
 
MONDIALI DI CALCIO
Come sempre avviene in occasione di questi importanti appuntamenti calcistici,comunichiamo che la sede del Club sarà aperta per la visione delle partite dell'Italia che si svolgereanno in orari comodi come nelle prossime due gare previste, che saranno disputate alle ore 18,00 contro il Costarica (20 giugno) e l'Uruguay (24 giugno), quindi vi aspettiamo in sede per seguire tutti assieme gli incontri. Il bello sarà come sempre vedere la sala piena di famiglie intere con donne e bambini che ognuno di noi potrà liberamente portare.
 
JUVENTUS CLUB ANDRIA
 

 
 
NOSTALGIA CANAGLIA
 
Aspettando i mondiali di calcio, aspettando che il calciomercato entri nel vivo, noi tutti tifosi juventini, "orfani" oramai, da oltre quindici giorni, della nostra amata Juventus, per una sera, abbiamo potuto rivivere le classiche sensazioni che proviamo da agosto a maggio! Ritrovare lo Juventus Stadium e le nostre maglie bianconere in campo è stata davvero una bellissima sensazione. Se a questo ci aggiungete che si trattava delle nostre vecchie glorie, quelle che hanno fatto letteralmente impazzire il popolo "gobbo", bene, allora è lecito titolare.....Nostalgia Canaglia..... 
Lunedì 2 Giugno, nel giorno della Festa della Repubblica, la Juventus ha ricambiato l'ospitalità ricevuta lo scorso anno dal Real Madrid (allora terminò, al Bernabeu, 2-1 per le merengues), organizzando in uno JUVENTUS STADIUM, sorprendentemente pieno, una gara amichevole tra le nostre vecchie glorie e quelle del Real Madrid in una sfida affascinante e soprattutto a scopi benefici ed umanitari, visto che tutto il ricavato è stato devoluto in beneficenza all'UNESCO al fine di sostenere progetti tendenti al recupero di bambini africani. 
Ecco, l'aspetto più importante è stato proprio questo. Ma certamente non poteva passare in secondo piano la "ri-discesa" in campo di tanti giocatori che hanno fatto le fortune della Juventus negli anni passati. Basterebbe vedere la formazione della foto di inizio gara, utilizzata a corredo dell'articolo per rabbrividirsi: da destra a sinistra TACCONI, CARRERA, TACCHINARDI, AMORUSO, FERRARA, TORRICELLI, in basso da sinistra verso destra, DAVIDS, CAMORANESI, NEDVED, DI LIVIO e BIRINDELLI...... quanti ricordi, quante gioie, quanti trionfi con questi giocatori. Molti altri sono poi entrati nella ripresa come Zidane, Ravanelli, Tudor, Iuliano, Alessio, Padovano e Vierchowod. Pessotto guidava dalla panchina tutti questi campioni del passato. Mentre li vedevi correre in campo, la mente inevitabilmente volava, per ognuno di loro, a particolari ricordi, a particolari momenti delle loro straordinarie carriere. Una bellissima serata, delle bellissime emozioni che la nostra Società è stata in grado di regalare a tutti i suoi innamorati. Ai molti bambini che popolavano le tribune dello Stadium o per quelli che erano incollati davanti alla Tv è stato bello poter raccontare, per una sera, vedendoli giocare in campo, i campioni del passato, visti da loro, sino a quel momento, solo attraverso vecchi filmati in rete. 
La partita è terminata con il risultato roboante delle vecchie glorie del Real che si sono imposte per 5-1 sulla nostra Juve.Non c'è stata storia. L'unica nostra rete è stata messa a segno da Alessio Tacchinardi. Loro erano più allenati è meglio disposti in campo. E' inutile il Real, campione d'Europa in carica per la decima volta, ha sempre quel qualcosa in più, che siano campioni di oggi, che trattasi di campioni del passato! Ma noi siamo su di una ottima strada. La programmazione della nostra Società è l'aspetto che più ci lascia dormire sonni tranquilli per il futuro. Sappiamo che entro tre, al massimo quattro anni, saremo molto più vicini ai fatturati delle grandi squadre d'Europa ed è per questo che poter immaginare una Juve che finalmente possa tornare a trionfare anche in Europa non sarà più utopistico.
Avanti JUVENTUS, insieme verso le prossime vittorie.
p.s. Rivedendo Stefano Tacconi in campo, ci è tornata in mente, sia la sua partecipazione alla nostra festa per il decennale del club dello scorso anno, ma soprattutto il simpatico siparietto che il 18 maggio scorso in occasione dell'ultima gara casalinga contro il Cagliari, vide protagonisti i nostri Fabio Attimonelli e Massimo Matera che, nell'intervallo della gara, mentre Tacconi si esibiva in campo al fine di promuovere l'evento del 2 giugno, loro gli urlavano da dietro la porta...."Stefanoooooo........Stefanooooooo". Lui si girò e avvicinandosi ai tabelloni pubblicitari che separano il campo dalla Curva Sud...disse: "avete portato le mozzarelle....." salutandoli con il pollice alzato, tra le risate generali di chi era li in quel momento. Che personaggio il nostro Stefano Tacconi!   
MEMORIAL LORENZO LOMUSCIO
A seguito della riunione del consiglio direttivo tenutasi lo scorso 3 giugno, si è stabilito che la 7^ Edizione del Memorial Lorenzo Lomuscio si terrà con molta probabilità il prossimo 21 giugno di sabato alle ore 18,30 presso il Centro Sportivo Andria Sport (ex Campi Arca). Il torneo da questa edizione sarà svolto in gara unica, contro una avversaria che cambierà di anno in anno. Per questa edizione si sta pensando di far comporre una selezione di Amici dello Juventus Club Andria. A breve definiremo il tutto. Chiunque vorrà giocare nella selezione dello Juventus Club Andria deve comunicarcelo a breve presso la segreteria del Club. 
 

 
 
LO JC ANDRIA NON DIMENTICA
 
29/05/1985 - 29/05/2014. Sono passati ben 29 anni da quella assurda tragedia dello Stadio Heysel di Bruxelles, quando ben 39 tifosi juventini persero la vita a seguito degli indidenti provocati dagli Holligans del Liverpool. Noi non dimentichiamo e non dimenticheremo mai, perchè come recita la bellissima maglietta realizzata qualche anno fa dal Gruppo Nucleo 1985 che riportiamo nella foto dell'articolo....."NESSUNA PERSONA E' MORTA FINCHE' VIVE NEL CUORE DI CHI RESTA".....
Ancora oggi purtroppo, assistiamo a continue e ripetute offese, da parte di determinate tifoserie italiane che feriscono ed offendono la memoria delle trentanove vittime qui di seguito elencate:
 
ACERRA ROCCO
BALLI BRUNO
BOS ALFONS
BRUSCHERA GIANCARLO
CASULA ANDREA & CASULA GIOVANNI
CERULLO NINO
CHIELENS WILLY
CONTI GIUSEPPINA
DAENINCKX DIRK
FABBRO DIONISIO
FRANCOIS JACQUES
GAGLIANO EUGENIO
GALLI FRANCESCO
GONNELLI GIANCARLO
GUARINI ALBERTO
LANDINI GIOVACCHINO
LORENTINI ROBERTO
LUSCI BARBARA
MARTELLI FRANCO
MESSORE LORIS
MASTROIACO GIANNI
MAZZINO SERGIO
PAPALUCA LUCIANO
PIDONE LUIGI
PISTOLATO BENITO
RADCLIFFE PATRICK
RAGAZZI DOMENICO
RAGNANESE ANTONIO
ROBERT CLAUDE
RONCHI MARIO
RUSSO DOMENICO
SALVI TARCISIO
SARTO GIANFRANCO
SPALAORE GIUSEPPE
SPANU MARIO
VENTURIN TARCISIO
WALLA JEAN MICHEL
ZAVARONI CLAUDIO
 
Ecco le abbiamo volute elencare perchè possano sentire da lassù, tutto il nostro calore, tutto il nostro affetto, tutto il nostro rispetto per loro! Alle famiglie inviamo un caloroso abbraccio. A tutti coloro che ancora oggi offendono la loro memoria, sentiamo solo di dire che il calcio farebbe volentieri a meno di Voi. Il calcio per noi è altro, il calcio deve essere delle famiglie, dei bambini, della gente veramente tifosa, passionale, goliardica. Va bene lo sfottò ma che resti sempre nell'ambito di un semplice sfottò. Quando si degenera nella violenza questo non va assolutamente bene. Che stragi come l'Heysel o come altre avvenute nel mondo del calcio NON SI RIPETANO MAI PIU!
Lo scorso anno una nostra delegazione di soci si recò in occasione della trasferta a Madrid sui luoghi della tragedia. Ci ritorneremo ancora appena ne avremo la possibilità, magari in occasione del trentennale del 2015! Nella sezione presente sulla home page del sito e dedicata all'Heysel ci sono le foto di quella nostra visita.
NOI NON VI DIMENTICHEREMO MAI
Francesco Nicolamarino, Andrea Leonetti (presenti a Bruxelles) e tutto lo JUVENTUS CLUB ANDRIA
 

 
 
CHIUSA IN GRANDE STILE UNA PIROTECNICA STAGIONE
 
Anche per questa stagione lo Juventus Club Andria è giunto al suo atto conclusivo, la tradizionale CENA SOCIALE, che ha visto riunirsi presso il Ristorante de "La Puglia in Tavola" in Via Castel del Monte quasi una ottantina di soci. Per l'undicesimo anno consecutivo, in pratica da quando si è costituito lo JC Andria, si è svolto questo appuntamento sempre molto atteso. Nelle ultime due edizioni avevamo realizzato delle feste in grande stile, la prima per festeggiare l'arrivo della TERZA STELLA, la seconda per celebrare degnamente il nostro primo DECENNALE. Da quest'anno, invece, siamo tornati ad organizzare la consueta cena. Nonostante avessimo optato per un giovedì sera, l'affluenza è stata come sempre alta, con lo zoccolo duro del Club presente quasi al gran completo. Segno questo che voi tutti soci siete soddisfatti della nostra organizzazione. Del resto gli attestati di stima che riceviamo quotidianamente da tutti Voi, sono un segno eloquente del Vs. grado di soddisfazione. La serata ha avuto inizio con il tradizionale discorso delPresidente Nicolamarino che ha ringraziato soprattutto la parte più giovane per la costanza ed i sacrifici compiuti per seguire la Juventus ovunque giocasse. Bello vedere tutti i presenti in sala, arrivare con la t-shirt celebrativa del 32° scudetto, del nostro club o comunque con simboli della Juventus. Altro segnale che la Juventus è la nostra più grande passione. Dopo il brindisi di benvenuto, la cena ha finalmente inizio, con la musica di sottofondo del ns. DJ Mimmo Mosca coaudiuvato da Giuliano Zefferino, ed i primi cori intonati dai tavoli. Man mano che il vino va giù, l'atmosfera in sala è sempre più calda. Poi inizia un vero e proprio show della parte più "curvaiola" del club, che intona i cori più gettonati in Sud....per lunghissimi minuti con Salvatore Caldarone e Salvatore Lomuscio autentici leader di quella tavolata. Ecco nella foto dell'articolo la grande ammucchiata fatta proprio al tavolo dei più "facinorosi"! La cena procede, una squisita cena, preparataci da Michele Zingarelli, patron del ristorante. Poi i ringraziamenti speciali del Segretario Attimonelli che elogia uno per uno i tanti ragazzi che hanno con sacrificio ed attaccamento encomiabile portato la nostra pezza Ovunque. Un particolare ringraziamento è andato alla rivelazione dell'anno Tommy Moscatelli per la sua presenza in quel di Trebisonda. Poi il saluto ai rappresentanti dello JC Corato, presenti alla cena con il loro Presidente Ferrucci e alla delegazione di soci del club proveniente da altre città come Bari (Gaetano e Corrado) e Barletta (Carlo). Ma non poteva mancare la LOTTERIA, che vedeva come primo premio in palio la trasferta a Torino per la prima casalinga del prossimo campionato. Poi il profumo della Juve, la cintura ufficiale che utilizzano i calciatori della Juve e numerose t-shirt realizzate dalla Juve e dal Gruppo Ultras Tradizione. Insomma come sempre ricchi e ambiti premi. La trasferta è andata a Luigi Strippoli, primo sicuro "partente" della prossima stagione. Ma arriva il momento più atteso, l'ingresso in sala della torta sulle note dell'inno della Juventus. Una torta straordinaria realizzataci dal pasticciere del ristorante. Euforia incredibile, ma nel frattempo ci si rendeva conto di essere arrivati all'una della notte. Brindiamo tutti assieme allo SCUDETTO DEI RECORD per poi congedarci tutti con abbracci e batti mano. 
Adesso il "rompete le righe" è davvero ufficiale! Un saluto a tutti coloro che non sono potuti esserci chi per ragioni prettamente economiche, chi per impegni lavorativi, chi per problematiche famigliari. Sappiate che abbiamo brindato idealmente anche con tutti Voi!
BUONA ESTATE A TUTTI SOCI JC ANDRIA CAMPIONI D'ITALIA!      
IL DIRETTIVO JC ANDRIA
 

 
 
LA VECCHIA SIGNORA HA VINTO ANCORA.......E LA TORTA A NOI!
 
Eccola la spettacolare oltre che buonissima torta, preparata per festeggiare la nuova vittoria della nostra JUVENTUS in occasione della cena sociale del club. Alla faccia di tutti coloro che ci odiano, che non ci sopportano, che soffrono d'invidia per quello che siamo e per quello che facciamo, noi ancora una volta abbiamo FESTEGGIATO...noi ancora una volta abbiamo "mangiato la torta".....ah ah ah ah ah ah, perchè la VECCHIA SIGNORA HA VINTO ANCORA! 
JUVENTUS CLUB ANDRIA: LA FESTA CONTINUA
 

 
 
CHE FESTA LUNGHISSIMA
 
Diciotto lunghi giorni è durata la nostra festa per la conquista di questo INCREDIBILE TRICOLORE. Uno scudetto che resterà per sempre scolpito nelle menti di tutti noi, che abbiamo vissuto questa stagione, come le altre precedenti, da assoluti protagonisti. Nella foto dell'articolo, l'immagine simbolo di questa annata da Record. I festeggiamenti a Torino con il pullman scoperto che ha condotto la squadra in centro città a raccogliere gli applausi del suo Popolo. Chi poteva esserci in testa al Pullman, come capo popolo? Ma certamente lui, il nostro unico CONDOTTIERO, Antonio Conte, con la COPPA SCUDETTO tra le mani, mostrata con orgoglio, perchè lo sa benissimo che quella coppa al 50% è solo merito suo! 
Ma ripercorriamo questi incredibili 18 giorni di festa, riportandovi i momenti più salienti:
4 MAGGIO
La Roma perde incredibilmente a Catania, la Juventus senza giocare si laurea per la 32^ volta CAMPIONE D'ITALIA. Noi tutti dello JC ANDRIA, eravamo comodamente sdraiati sui divani delle proprie abitazioni, dopo il lauto pranzo domenicale. A fine primo tempo ci sentiamo con messaggi o telefonicamente decidendo di vederci quanto prima al Club. A un quarto d'ora dalla fine della gara della Roma, il club è già affollato con quasi una sessantina di soci. Al triplice fischio finale, stappiamo le bottiglie ed indossiamo tutti le nuove t-shirt celebrative realizzate dal club per festeggiare questo 32° tricolore! Inizia la festa! Alla sera verso la mezzanotte si replica nella Piazza della stazione di Andria dove il nostro pullman parte per Torino, con tantissimi soci a bordo, per la gara JUVENTUS - Atalanta. Vengono stappate altre bottiglie, viene urlato al cielo...SIAMO NOI...SIAMO NOI....I CAMPIONI DELL'ITALIA SIAMO NOI...
5 MAGGIO 
Nel giorno della FESTA NAZIONALE per ricordare il 5 Maggio 2002, un altro scudetto viene festeggiato dalla Juventus. In giro spuntano le prime bandiere ai balconi, ma l'attesa è tutta per la sera, quando al club si riversano un numero incredibile di soci. Si assiste alla gara, sentiamo i nostri fratelli presenti su a Torino che ci trasmettono le loro emozioni in diretta, alla rete di Padoin, iniziano i preparativi. Dopo l'ennesimo brindisi al club, accompagnato da tanti dolcetti, si esce tutti fuori ed in corteo, tutti festanti, con tanti bambini e tante donne, con quasi 200 persone, raggiungiamo Piazza Municipio, oramai teatro dei nostri festeggiamenti negli ultimi tre anni. Tanti cori, tanti fumogeni tricolori a colorare il cielo di una fresca serata primaverile. Poi l'immancabile spettacolo dei fuochi d'artificio con ben quattro batterie.
11 MAGGIO
Si gioca Roma - JUVENTUS, per loro la partita dell'anno, per noi una gara assolutamente normale visto che arriviamo all'Olimpico con lo scudetto già "ri-cucito" sulle nostre maglie! Loro vorrebbero dimostrare una superiorità che in tutta una stagione non si è mai vista. Loro invece dimostrano, con il loro comportamento in campo e sugli spalti, una assoluta provincialità dilagante. Ma quando tutto sembrava oramai scritto con uno 0-0 finale, ecco che Antonio Conte estrae dal suo cilindro magico...la carta Daniel Pablo Osvaldo, sperando proprio in una sua rete contro l'ex squadra mai AMATA. Proprio lui, all'ultima azione, all'ultimo respiro dei 4 minuti di recupero, mette a segno una rete incredibile che regala una festa INFINITA a tutti i presenti al Club, ancora una volta tantissimi. 99 PUNTI raggiunti, record NAZIONALE BATTUTO!
17 MAGGIO
Sull'edizione nazionale di TUTTOSPORT alla pagina 6, il Direttivo del Club, regala un altra sorpresa a tutti i soci. Una intera pagina con tutti i nomi dei quasi 600 iscritti, per ringraziare tutti ma proprio tutti dalla Proprietà, allo staff tecnico, dall'allenatore ai giocatori, autentici protagonisti di questo TRICOLORE DA RECORD. Un altra originale iniziativa che lascia tutti sorpresi. Sin dalle prime ore del mattino di sabato 17 ci siamo prodigati a distribuire in tantissimi bar e barbieri della Città, dal centro alle periferie una copia del giornale. Tutti i soci si sono poi immortalati con una copia del giornale aperta alla pagina n. 6. Un Selfie...come va di moda in questo momento! Ancora una volta abbiamo dimostrato attaccamento, organizzazione ed originalità! Lanciata un altra moda!
18 MAGGIO
Saliamo in massa su a Torino, pullman strapieno, poi ancora soci in auto, in aereo, in treno. Non ci facciamo mancare niente per l'ultima in casa dei CAMPIONI D'ITALIA. Una giornata incredibile, iniziata con l'incontro con Beppe Marotta del ns. Presidente Nicolamarino, proseguita con l'ospitalità sempre al ns. Presidente nello Sky Box dello Stadium, la coreografia da brividi di un intero stadio, quella che ha lasciato senza parole ANTONIO CONTE, che ha commosso la Sua Signora....un tappeto di cartelli con scritto CON...TE...., le tre reti al Cagliari che hanno permesso alla JUVENTUS di stabilire il nuovo record assoluto del CONTINENTE EUROPEO. Ancora una volta la Juve stabilisce un altro record che forse sarà imbattibile per sempre. 102 PUNTI. Poi la festa finale con una parte dei nostri soci in campo ad assistere alla premiazioni, con Massimo Matera che scorta sotto la Sud Leonardo Bonucci, con il nostro storico stendardo alzato con orgoglio e mostrato all'intero stadio. Tutto straordinariamente bello. Si attende la partenza del pullman scoperto dei giocatori dallo stadio, poi il nostro pullman di soci riparte entusiasta per Andria, quelli in auto invece strombazzando per le Vie della Città si mescolano ai caroselli sotto la Mole per poi raggiungere il centro città dove oltre 100.000 persone attendono i CAMPIONI D'ITALIA. Via Po è un delirio indescrivibile. Piazza Vittorio uno spettacolo che ti lascia a bocca aperta. Ecco per chi non è juventino, basterebbero queste immagini a far capire che la JUVENTUS è la vera squadra nazionale. 
22 MAGGIO
Eccoci all'atto conclusivo dei nostri festeggiamenti: la cena sociale del nostro straordinario Club. Prima della cena giungono i saluti di tantissimi club Amici che si congratulano con Noi per quanto fatto in questo anno lunghissimo. Ancora una volta siete stati fantastici. Una cena organizzata nei minimi dettagli, con musica, bandiere, tutti con le t-shirt del club, ma soprattutto tanta goliardia, tanto folklore, tanta vivacità. Come dite tutti, questo non è un semplice club, ma una grandissima famiglia, capace in 11 anni di fare tutto ciò! Alziamoci in piedi e tributiamoci un lungo applauso. Queste in sintesi le parole al discorso conclusivo del Ns. Presidente, applauditissimo da tutti. Poi la chicca finale con la torta meravigliosa, preparata dal ns. partner La Puglia in Tavola. Un grazie anche a loro per la squisita cena preparata. All'una oramai del 23 maggio, dopo aver dato tanto fastidio ai condomini di una tranquilla Via Castel del Monte, c'è stato il ROMPETE LE RIGHE. Adesso godiamoci il meritato relax. Stacchiamo per un po la spina. Ci ritroveremo magari per seguire i Mondiali tutti assieme, ma non perchè ci interessino più di tanto, ma semplicemente per stare tutti assieme! 

JUVENTUS CLUB ANDRIA: UNA SPLENDIDA REALTA'. VIENI ANCHE TU TRA NOI!
 

 
 
LA CARICA DEI 102....
 
Dal 18 maggio nelle sale cinematografiche di tutta Europa è in proiezione il nuovo capolavoro della JUVENTUS FC.....intitolato...."LA CARICA DEI 102"...di Antonio Conte & C.
Anche la "Walt Disney", adesso, se ne dovrà fare una ragione.....ah ah ah ah, visto che gli abbiamo modificato il titolo al loro storico film di animazione.
La Juventus "sfondando" il muro dei cento punti, ha riscritto la storia del calcio del Vecchio Continente. Adesso cari "tirapiedi" provate voi a superare questi numeri, provate voi a scrivere queste pagine di storia. Non ci riuscirete mai. Questi numeri resteranno per sempre scolpiti negli annali di storia del calcio!  
Con la vittoria contro il Cagliari per 3-0, grazie alle reti di Andrea Pirlo (altra magistrale punizione del Professore), di Fernando Llorente (ben 18 reti alla sua prima stagione in Italia) e del Principino Claudio Marchisio, la Juventus ha chiuso in maniera trionfale la sua stagione dei RECORD. Maggior numero vittorie in una sola stagione (33....come il prossimo scudetto che arriverà....), maggior numero di punti in Italia e in Europa (102...), vittorie in casa (19 su 19 partite disputate), e tanti, tantissimi altri primati raggiunti che non vi stiamo qui ad elencare. Anche la nostra è stata stagione da record con le "51 trasferte organizzate" per seguire la Juventus ovunque, in ogni dove, su ogni campo. Da Chatllon-Saint Vincent in estate e sino all'ultimissima trasferta a Torino di domenica scorsa contro il Cagliari è stato un susseguirsi di avvincenti esperienze che ci hanno sempre più consacrato all'interno del Mondo Juve, come uno dei Club più attivi ed operativi a livello nazionale! Del resto le nostre molteplici amicizie e conoscenze ne sono una riprova ed una ulteriore attestazione di quanto il nostro club abbia fatto in tutti questi lunghi anni (quasi 11 oramai). Adesso giunge il momento del relax più assoluto, del rompete le righe, dello scarico a livello mentale per chi in tutti questi lunghi nove mesi vi ha permesso di poter andare in ogni dove. Credeteci, e molti di voi lo comprendono, non è assolutamente facile gestire una grossa realtà come la nostra. Ma sin quando saremo animati da questa incredibile passione per dei colori che AMIAMO ALLA FOLLIA, nulla ci sarà precluso. Adesso prima di congedarci per un mesetto abbondante, vi vogliamo raccontare come sempre abbiamo fatto, anche l'ultima nostra trasferta a Torino. Partiti alle 20,00 da Andria, già in Stazione si respirava un clima, assolutamente festoso e goliardico. Tantissima gente con tutti e 51 i posti del pullman occupati. Un altro incredibile risultato conseguito. A condurre e capitanare la numerosa e chiassosa truppa di soci, il Number One del ns. club, il Presidente Francesco Nicolamarino e l'infaticabile tesoriere Nicola Pisani. Tantissimi soci storici come anche molti alla loro prima trasferta. Tra gli storici come non citare Nicola Patruno, Franco Di Franco, Tommy Moscatelli, Riccardo Pisani, Massimo Matera, Gaetano Maddalena, Corrado Solfato & family, Michele Sguera e figlio, Francesco Basile e figlio, Paolo Rella, Emanuele Trepiccioni, Vincenzo De Francesco, ma la lista è così lunga che la interrompiamo qui. Tutti siete stati incredibili per averci sostenuto FINO ALLA FINE! Siamo noi che ringraziamo Voi per la costanza che ci mettete nel seguire la Juve in trasferta. Bello ricevere i complimenti da tutti i partecipanti all'ultima trasferta dell'anno, per la perfetta organizzazione dei nostri viaggi! Giunti a Torino verso le nove del mattino, una parte è scesa a Torino Porta Nuova, per recarsi in centro, i restanti hanno continuato verso lo Stadio. Alle ore 12,00 ritrovo per tutti al pullman, anche con coloro che nel frattempo aveano raggiunto Torino, in auto, treno o aerei vari. Arriva anche il Segretario Fabio in auto e con la sua famiglia al seguito. Vengono distribuiti i biglietti a tutti con il plotone più grosso che si dirige in Curva Sud con quasi una trentina di soci. All'interno ci si mette tutti disposti a sinistra della porta sistemati su ben cinque file con Tommy in prima linea a tenere lo stendardo! Si scherza, si ride con gli altri gruppi, con Fabio che spesso urla......AVASTTTTTTT....."spegniamo tutti i cellulariiiiiiii"....."non vi voglio sentire piùùùùùùùùùùùùùùù".....delirio da stress....di fine stagione...
La partita continua, ma tutte le attenzioni ed i cori sono rivolti al CONDOTTIERO DELLA SUD: ANTONIO CONTE. Fabio e Nicola Patruno si sbracciano, si sgolano per far cantare tutti. Si avvicina la festa, lo stadio è un tripudio di bandiere tricolori, uno spettacolo. Poi l'inno nazionale cantato a squarcia gola dai 41.000 cuori bianconeri ed ancora gli applausi ed i cori al GRANDE LUCIANO MOGGI, presente allo stadio. L'arbitro fischia la fine, ed in campo diversi ragazzi si riversano per festeggiare i giocatori che però sono costretti a far rientro negli spogliatoi. La gioia per questo scudetto era immensa e giustifichiamo tutto questo entusiasmo. Poi anche un gruppo di nostri soci, (ecco nella foto dell'articolo a centrocampo sotto la tribuna), entra in campo per assistere alla premiazione e alla consegna della COPPA SCUDETTO, direttamente dal terreno di gioco. Spettacolo. Bonucci viene a ringraziarci scortato dal nostro Massimo Matera. La coppa viene alzata al cielo, lo stadio è tutto in piedi. Entusiasmo alle stelle (TRE). I nostri in campo riescono addirittura a salire sul palco della premiazione per farsi immortalare anche loro. Del resto i CAMPIONI DELL'ITALIA siamo Noi! Baci ed abbracci con tutti gli esponenti dei vari gruppi. Poi tutti fuori ad attendere l'uscita del Pullman scoperto dei Campioni d'Italia. Iniziano i caroselli delle auto. Alle 19,30 i Campioni d'Italia escono a bordo del Pullman. Un boato li accoglie. Estasi generale. Il nostro pullman riparte subito dopo per Andria dove arriverà alle otto di lunedi mattina. Molti soci invece restano su a Torino tra i quali Massimo Matera e Fabio Attimonelli, che strombazzando in auto per le vie del centro città, festeggia alla grande con i suoi figli! Poi tutti in Piazza Vittorio ad attendere l'arrivo del Bus....fuochi d'artificio a salutare e ringraziare i Campioni d'Italia. Ma la soddisfazione più grossa arriva verso le 22,35 quando giunge la notizia che il Toro aveva sbagliato un calcio di rigore decisivo. I tifosi granata escono dai locali, dai loro club dove stavano assistendo alla partita, a testa bassa con le bandiere, ancora una volta, arrotolate! Ritenta...sarà per la prossima volta!!!!!!!!
Adesso prima di prenderci il meritato riposo, abbiamo un ultimo appuntamento: LA CENA SOCIALE, già quasi ottanta le prenotazioni per un' altra serata indimenticabile di questa lunga festa iniziata il 4 Maggio e che terminerà giovedi 22 maggio. Venite tutti con la nuova T-SHIRT del Club. Brinderemo decine e decine di volte, festeggeremo alla nostra maniera. Siamo una grande famiglia ed ancora una volta lo dimostreremo! Un sentito ringraziamento a tutti coloro che anche in questa stagione hanno sottoscritto la tessera la Club. Ma un pensiero lo rivolgiamo anche a coloro i quali non hanno potuto più farla per svariati motivi. Ricordate tutti: la porta dello JC ANDRIA è sempre aperta per tutti. Noi Vi aspettiamo sempre! 
JUVENTUS CLUB ANDRIA: VIENI ANCHE TU TRA NOI!
 

 
 
SEMPRE CON...TE!!!
 
Abbiamo vinto Noi. Come sempre. Hanno vinto i veri tifosi della Juventus, quelli che come noi, anno dopo anno, macinano km al seguito della squadra, indipendentemente da tutto! Antonio Conte sarà il nostro Capitano e Condottiero anche per la prossima stagione. Non ne avevamo dubbi, ma ci eravamo "giustamente" allarmati, dopo le sue parole del post Roma - JUVE! Il popolo gobbo quello che ama follemente la Juve, aveva in pochi giorni "scatenato l'inferno" sulla rete, dai social network ai siti internet legati al Mondo Juve! Tutti abbiamo "lottato" affinchè Antonio, restasse ancora con Noi. Perchè come recita il coro da stadio...."....senza di te non andremo lontano...Antonio Conte è il nostro Capitano...". E' proprio così. Senza di lui non andremmo da nessuna parte. Con lui invece ogni traguardo non è precluso, con lui il nostro sogno continuerà, con lui inizieremo la rincorsa al quarto titolo di fila e la nuova rincorsa a quell'Europa che prima o poi sorriderà ai nostri colori. A tutti gli altri non resterà che continuare a rovinarsi il fegato, già abbondantemente spappolato! La goduria più grande dopo i Record della Juventus dei 102 PUNTI, è stato vedere i tanti giornalisti ed opinionisti, detrattori o terroristi, fate voi, restare inculati, dopo la notizia che Antonio Conte restava alla Juventus anche per la prossima stagione, ma aggiungiamo Noi, anche per gli anni a venire, in quanto presto il Mister sottoscriverà il nuovo contratto per un nuovo ciclo di vittorie. Adesso parte un nuovo progetto che prevedrà una mini rivoluzione nella prossima estate per poi attuare un restyling completo della rosa a partire dalla stagione 2015/2016. Insomma la Juventus guarda già abbondantemente avanti rispetto alla concorrenza italiana che continua a restare statica e senza progetti per il futuro! Convincetevi tutti: ANTONIO CONTE continuerà a non lasciarvi neppure le briciole. Spettacolare ed emozionante la giornata vissuta allo Stadium domenica pomeriggio. Tutto il pubblico, ma principlamente la Curva Sud, ha tributato ad Antonio Conte un affetto senza eguali, senza precedenti per un allenatore della storia juventina. Una coreografia ad inizio ripresa tutta per Lui con una intera curva tappezzata da centinaia di cartelli con su scritto CON....TE.... (eccone nella foto, uno sorretto da un ns. socio nella Sud) e tantissimi striscioni molto eloquenti con il quale il Suo popolo gli chiedeva di continuare ad indicarci la strada verso le prossime vittorie. Dal secondo anello veniva srotolata una sua gigantografia. Lui ringraziava, applaudiva tutti i settori, gesticolava, festeggiava alle reti, non mollava neppure sul 3-0, per poi alla fine indossare una maglia celebrativa con la quale ricordava a tutti che LUI ha scritto la storia del calcio europeo! A voi altri non resterà che continuare a leggere le nostre pagine di storia! Spettacolare anche la festa per le strade di Torino che si è scatenata subito dopo la partita con Antonio Conte sulla testa del pullman scoperto, come un vero Ultrà a ballare ed inneggiare assieme al suo popolo. Un fiume umano, un tappeto di persone (oltre 100.000) che ha paralizzato il centro di Torino. Da Piazza Castello a Piazza Vittorio era un delirio totale, Via Pò stracolma di gente arrampicata ovunque per tributare il giusto saluto ad una squadra di FENOMENI! Ma la gente era tutta per LUI: ANTONIO CONTE.....IL NOSTRO CAPITANO.
AVANTI MISTER....CON...TE...VERSO L'INFINITO.....E OLTRE!
JUVENTUS CLUB ANDRIA DA SEMPRE AL TUO FIANCO!
 

 
 
MAROTTA UNO DI NOI!
 
La lunghissima giornata dei 64 soci dello JC ANDRIA, sbarcati a Torino con ogni mezzo possibile ma principlamente in pullman, è iniziata con l'incontro in pieno centro con il Direttore Generale Beppe Marotta, il quale si è intrattenuto a parlare con il nostro Presidente, tra l'altro ospite proprio del Centro Coordinamento Juventus Club Doc, per quest'ultima gara casalinga, in uno Sky Box (un salottino unico ed esclusivo dello JStadium). Marotta ed il ns. Presidente Nicolamarino hanno poi preso un caffè assieme, chiacchierando sulla fantastica stagione da Record della Juventus. Il DG aveva anche assicurato tutti, che Conte sarebbe rimasto come effettivamente è poi avvenuto. Bello il ringraziamento ricevuto da Marotta, per la pagina che abbiamo realizzato su TuttoSport. Nella foto dell'articolo è immortalato proprio il momento di questo piacevole incontro con il D.G. e il ns. Presidente oltre ad una delegazione di soci più giovani come Giorgio, Roberto e Tommy (assolute rivelazioni stagionali del ns. club).
Solo frequentando attivamente lo JC ANDRIA, potrete vivere queste incredibili emozioni. Da segnalare poi che anche due altri soci andriesi come Michele Zagaria e Antonio Fiore, ospiti anche loro in Tribuna Vip Centrale, hanno poi potuto chiacchierare e dialogare con Beppe Marotta il quale si è sentito "accerchiato" da tutti questi "andriesi" festanti! Davvero bellissima questa lunghissima giornata vissuta a Torino da tutti Noi.
JC ANDRIA....STAGIONE DA RECORD ANCHE PER NOI! UN DECENNALE CHE RESTERA' SCOLPITO NELLA STORIA!  
 

 
 
GRAZIE JUVE. GRAZIE CAMPIONI
 

Ancora una volta lo JUVENTUS CLUB ANDRIA PRESENTE, il Tuo Club, il Nostro Club, si distingue per attaccamento e originalità.

Il quotidiano TUTTOSPORT a pagina 6 dell’edizione nazionale riporta una intera pagina, con la quale LA COMUNITA’ DELLO JUVENTUS CLUB DOC “GIANNI AGNELLI” – ANDRIA PRESENTE

RINGRAZIA DIRIGENTI, STAFF TECNICO, CALCIATORI E TUTTI COLORO CHE HANNO PERMESSO DI VIVERE QUESTA FANTASTICA, ENTUSIASMANTE STAGIONE DI VITTORIE.

L’iniziativa, resa possibile grazie ad aziende a noi vicine, ha consentito ad ogni singolo Socio del Club di ringraziare la JUVENTUS per la irripetibile annata.

Perché alla faccia di chi tenta per propria invidia ed impotenza di sminuire il risultato conseguito, quella appena vissuta è stata per TUTTI I TIFOSI JUVENTINI UNA STAGIONE IRRIPETIBILE ED ESALTANTE:

terzo scudetto consecutivo, record di punti raggiunti, record di vittorie consecutive, record di vittorie casalinghe, miglior difesa, miglior attacco e quant’altro, sono lì a dimostrare come difficilmente in futuro

ci potrà essere chi lontanamente possa avvicinarsi ad alcuno dei risultati elencati.

E’ per questo motivo che lo JUVENTUS CLUB ANDRIA PRESENTE ha inteso singolarmente e collettivamente ringraziare.

NOI non viviamo, come altri di riflesso, di gelosie, di invidie e meschinità.

NOI amiamo sempre e solo essere unici, così come UNICA E’ LA NOSTRA PASSIONE PER UNA SQUADRA UNICA:

LA JUVENTUS.

FINO ALLA FINE.

 

 
 
LA JUVENTUS E' NELLA STORIA: GRAZIE CAMPIONI
 
La Juventus vince per 1-0 anche all'Olimpico di Roma, contro l'avversaria di una intera stagione, grazie alla rete dell'ex Osvaldo e consacra sempre più l'incredibile scudetto vinto lo scorso 4 maggio. Uno scudetto che ha dell'incredibile: 99 punti realizzati sin qui che equivalgono a dire NUOVO RECORD per il campionato italiano. In pratica è stato stracciato quel precedente record di "cartone" stabilito dalla squadra più prescritta ed accattona della storia del calcio italiano! Da oggi in poi tutti ricorderanno la JUVENTUS di Antonio Conte stagione 2013/2014. I nostri figli, soprattutto quelli più piccini, diventeranno anziani e non avranno più visto una squadra stabilire questa straordinaria impresa. 32 vittorie ad oggi. Ma c'è di più, battendo il Cagliari nella prossima sfida casalinga, che chiuderà una stagione indimenticabile, la Juventus avrà la possibilità di stabilire il NUOVO RECORD DEL CONTINENTE: 102 PUNTI SAREBBE UNA COSA "FANTASCIENTIFICA"! Il record attuale da battere sono i 101 punti raggiunti dal Benfica (sempre loro....) nel campionato portoghese nel 90/91! Ma sarebbe anche bello se eventualmente si chiudesse a soli, si fa per dire, 100 punti tondi tondi! Ecco perchè chi sarà presente domenica allo Stadium di Torino vivrà una giornata memorabile, una giornata che sarà poi ricordata per sempre. Come sempre, la nostra Juventus è sempre PRIMA a stabilire ogni RECORD. Dopo essere stata la primissima squadra a vincere tutte le competizioni ufficiali della UEFA, adesso si appresta a scrivere il proprio nome in maniera indelebile nella storia del calcio d'Europa.....Cagliari permettendo! Alla faccia di chi si accontenta semplicemente di tifare, invece che per le proprie squadre, per quelle che affrontano la Juve con una sostanziale differenza: NOI ABBIAMO IN MANO UNO SCUDETTO DA RECORD, LORO HANNO IN MANO UN "CAZZO" DI NIENTE!
Che goduria è stata sbancare l'Olimpico di Roma, sbeffeggiando e ridicolizzando i romanisti che volevano ad ogni costo batterci. Invece gli abbiamo purgati nel modo e nella maniera migliore, all'ultimo secondo dell'ultimo minuto di recupero con l'ex di turno, da loro odiatissimo, Daniel Pablo Osvaldo alla prima rete stagionale in campionato, dopo le due in Europa League. Spettacolo per i tifosi juventini al seguito e per tutti noi che eravamo come sempre numerosi nel nostro "covo"! Alla rete non si è capito più nulla. Forse la rete più bella di una intera stagione, quella che ha messo la ciliegina sulla torta scudetto. Vedere le immagini del ribatezzato R..ODI GARCIA....rimasto di ghiaccio li davanti alla sua panchina non ha avuto prezzo, vedere un intero stadio zittito è un qualcosa che ti fa godere tantissimo! I giallorossi, avevano affrontato questa gara, manco fosse la finale di Champions League, con una cattiveria ed una frustrazione interiore che era molto ma molto evidente. Ecco perchè aver vinto li per noi ha avuto una importanza fondamentale. 14 punti di distacco non nascono per caso, miglior difesa e miglior attacco del campionato anche. Averli battuti in andata e in ritorno poi ha ridimensionato, e di molto, la loro stagione che sembrava per qualcuno da favola.....Spiegate ai giallorossi che i campionati si vincono arrivando primi in classifica e vincendo gli scontri diretti!
Subito dopo l'entusiasmante vittoria di Roma, abbiamo noi tutti ascoltato con molta attenzione le parole del nostro MISTER ANTONIO CONTE. Parole importanti, parole che seguivano quelle rilasciate nel dopo Juve - Atalanta, parole non solo rivolte alla Società e alla Proprietà, ma anche e soprattutto a tutti quei pseudo tifosi juventini che ne avevano messo in discussione il suo operato, dopo le eliminazioni da Champions, Coppa Italia ed Europa League di questa stagione. A tutti, non ha fatto piacere uscire da queste competizioni, ma credeteci con la rosa che abbiamo, con delle seconde linee (e lo sapevamo da agosto) purtroppo che non ti permettono ne di far rifiatare adeguatamente i titolari, ne di poter cambiare modulo alla squadra, dove si credeva di poter arrivare???? Troppo bello direNOI VOGLIAMO VINCERE TUTTE LE COMPETIZIONI. Per farlo devi avere una rosa all'altezza. Le nostre seconde linee le ringrazieremo sempre per quanto fatto, ma non è colpa loro se non sono all'altezza dei titolari. Poteva andarci bene in semifinale contro il Benfica, ma invece, quando la fortuna non ti assiste, sono emersi i limiti e la stanchezza di una squadra che ha fatto il massimo sforzo per portare a termine la missione principale: VINCERE LO SCUDETTO!
La rosa necessita adesso di una "mezza" rivoluzione tecnica. Condividiamo a pieno le parole del Mister. Servono investimenti, serve inserire forze di qualità in questa squadra per poter sperare di essere competitivi anche in campo europeo. Riteniamo che molte delle attuali prime linee, possano diventare delle ottime riserve "di lusso". Solo così possiamo diminuire sensibilmente quel "gap" che allo stato attuale ci separa dalle altre squadre europee.
E' chiaro che nessuno ci darebbe la garanzia di vittoria, ma noi riteniamo che il PROGETTO ANTONIO CONTE DEVE ANDARE AVANTI, SENZA SE E SENZA MA! Siamo e saremo sempre con lui anche se dovesse arrivare una stagione senza vittorie, perchè solo con lui siamo certi di poter restare ad alti livelli, senza di lui, con gli squallidi nomi che si fanno sui giornali, torneremmo indietro di 3 anni. Pertanto cara Società, caro Presidente Agnelli, visto che leggete il nostro sito, sappiatelo, che noi veri tifosi PASSIONALI, vogliamo ANTONIO CONTE sulla panchina della Juventus per molti anni ancora, lui è il nostro condottiero, lui è il nostro CAPITANO e senza di lui non si andrà lontano. Se avvenisse il contrario, chiunque arriverebbe ci porrebbe in una condizione di assoluta contestazione verso una scelta assolutamente non condivisa. Abbiamo "accettato" forzatamente l'addio a Del Piero che ancora ci fa star male, ma un addio ad ANTONIO CONTE sarebbe troppo!
ANTONIO CONTE E' UN ALLENATORE CAPACE, AMBIZIOSO E SOPRATTUTTO FORTEMENTE GOBBO, proprio come noi che quando ci sentiamo dire "GOBBI DI MERDA" andiamo in estasi...perchè NOI DELLO JC ANDRIA, SIAMO DEI VERI GOBBI DI MERDA!
Meditate gente (Dirigenza, Società e Proprietà), meditate!
Intanto domenica pomeriggio lo JUVENTUS STADIUM sarà vestito a festa, sarà una autentica POLVERIERA pronta ad esplodere all'ingresso in campo degli artefici di questa straordinaria stagione. Da Antonio Conte a tutti i giocatori, uno ad uno, dai campioni più amati e sino a coloro che hanno disputato solo pochissimi minuti di gioco! Sarà Standing Ovation per tutti ma soprattutto per lui il NUMBER ONE: ANTONIO CONTE.
Al Club le attività di fine stagione procedono molto bene e spedite:
- le maglie celebrative realizzate per festeggiare il trentaduesimo tricolore hanno avuto un enorme successo, pertanto chi ancora non l'avesse presa passi dal Club la sera dopo le ore 19,00 oppure in occasione dell'ultima gara di domenica pomeriggio alle ore 15,00, oppure in occasione della CENA SOCIALE che si svolgerà GIOVEDI 22 MAGGIO ALLA "PUGLIA IN TAVOLA" per la quale procedono le prenotazioni. Ricordiamo a tutti il costo che è di 25 euro a persona con menù completo: 3 Antipasti, 1 primo, 1 secondo con contorno, frutta e dolce, compreso bevande. Sula home page del sito nella "sezione" cena sociale è presente anche il Menù. Vi vogliamo tutti presenti, soprattutto lo zoccolo duro del Club, in quanto sarà anche un modo per salutarci e darci appuntamento a fine luglio quando riapriremo i battenti.  
L'altra notizia che preme comunicare è quella di essere riusciti anche per l'ultima gara casalinga ad allestire un altro pullman con ben 48 persone a bordo. Numeri impressionati abbiamo fatto in questa stagione, partita con il mini bus organizzato per Genova alla prima di campionato e che si conclude con quest'altro pullman per Torino, dove tributeremo il saluto ai CAMPIONI D'ITALIA. In mezzo tantissimi km macinati in ogni dove, su tutti i campi, in Italia così come in Europa. Assieme alla Juventus abbiamo stabilito anche noi un personale RECORD di 51 trasferte organizzate. Complimenti a noi tutti! Domenica oltre a chi salirà in pullman verso Torino, ci saranno diversi che la raggiungeranno in aereo. Insomma per l'ultima casalinga ci ritroveremo su a Torino davvero in tantissimi, dove si assisterà oltre alla gara che potrebbe valere il nuovo RECORD DI PUNTI D'EUROPA, anche alla consegna della Coppa Scudetto e alla sfilata dei giocatori per le vie del centro di Torino sul pullman scoperto! Una festa nella festa!
SORPRESA PER TUTTI I SOCI E SIMPATIZZANTI JUVENTINI LEGATI AL NOSTRO CLUB:
Sabato 17 Maggio, l'edizione nazionale di TUTTOSPORT, pubblicherà in una intera pagina, i nostri personali (di tutti i soci dello JC ANDRIA) ringraziamenti alla JUVENTUS per averci fatto vivere questa fantastica ed entusiasmante stagione di vittorie. Di più non vi diciamo. Correte ad acquistare una copia. Distribuiremo comunque le copie del quotidiano in diversi Bar amici della Città di Andria. Lo sapete del resto che l'ORIGINALITA' e l'UNICITA' sono due elementi che da sempre ci contraddistinguono!
JUVENTUS CLUB ANDRIA IL TUO CLUB, UNA SPLENDIDA REALTA', LA TUA GRANDE FAMIGLIA BIANCONERA!
GRAZIE A TUTTI VOI!
 

 
 
CAMPIONI D'ITALIA, CAMPIONI D'ITALIA, CAMPIONI D'ITALIA
 
Che goduria, che spettacolo, chi lo avrebbe minimamente potuto immaginare nell'estate del 2011 quando Antonio Conte era appena arrivato a Torino. Il Mister trovò un ambiente abbattuto, ferito, ma MAI DOMO. Insieme, ma molto lo dobbiamo a LUI, abbiamo costrutito i nostri incredibili successi, abbattendo ogni RECORD, riscrivendo nuove pagine di storia del calcio italiano. Adesso possiamo dirlo: E' TUTTO VERO! La JUVENTUS ha vinto il suo terzo campionato di fila, la JUVENTUS è nuovamente CAMPIONE D'ITALIA alla faccia di tutti i nostri detrattori, di tutti coloro che ci odiano. Una cosa è certa: loro potranno dire quello che vogliono, ma la differenza sostanziale è che NOI STIAMO ANCORA FESTEGGIANDO, mentre loro ci guardano nuovamente, con il fegato in mano!
La nostra festa per questo TRENTADUESIMO titolo è stata molto lunga ed ancora deve terminare. Iniziata sui "divani" di casa nel pomeriggio di domenica 4 maggio, si concluderà solamente giovedì 22 maggio con la tradizionale CENA SOCIALE che si terrà presso LA PUGLIA IN TAVOLA a partire dalle ore 21,30 sita in Via Castel del Monte n. 23. Sono ufficialmente aperte le prenotazioni. Menù completo dall'antipasto al dolce, compreso bevande Euro 25,00 a persona. E' possibile far venire anche le proprie consorti. Cena aperta a tutti, anche a simpatizzanti bianconeri o soci delle stagioni precedenti. La nostra porta lo sapete è sempre aperta!
Della prima parte dei festeggiamenti vi abbiamo raccontato nel precedente articolo, adesso vi raccontiamo come è proceduta la giornata di LUNEDI 5 MAGGIO, il giorno della FESTA NAZIONALE.
Dopo aver festeggiato lo scudetto arrivato con un anticipo di circa 30 ore rispetto al previsto, nel pomeriggio di domenica con la cinquantina di soci accorsi presso la sede del Club, la festa si è spostata poi nel piazzale antistante la stazione dove a mezzanotte circa il Pullman, con a bordo oltre 40 soci è partito per Torino per assistere alla gara JUVENTUS - Atalanta che ha consacrato la nostra squadra CAMPIONE D'ITALIA! Prima di lasciare Andria, il Presidente Nicolamarino che indossava, come tutti, la splendida t-shirt celebrativa fatta dal nostro club, ha voluto brindare con chi ancora una volta si metteva in viaggio per raggiungere nuovamente Torino. Stappate diverse bottiglie e con tanto di bicchieri gentilmente portati da Michele Zagaria si è potuto sorseggiare un ottimo spumante dolce! Immancabile il coro che è riecheggiato in tutta la piazza, "Siamo Noi...Siamo Noi...i Campioni dell'Italia...Siamo Noi..." Poi il saluto con tutti ed il discorso del Presidente a bordo pullman che visibilmente euforico ringraziava tutti per questo SPETTACOLARE ANNO vissuto in maniera intensa è come sempre da PROTAGONISTI su tutti i campi dove la Juve ha giocato!
Lunedì al mattino abbiamo invece iniziato i preparativi per la festa serale al Club. E' proseguita la distribuzione delle maglie celebrative affinchè tutti le indossassero alla sera. Nel frattempo verso le 13,00 il nostro pullman giungeva in centro a Torino dove tutti scendevano per una passeggiata piacevole, visto il clima primaverile che si registrava sotto la Mole. Ad Andria il club veniva aperto prima, rsipetto al solito, verso le ore 18,00 per agghindarlo a festa. A tutti i soci mediante sms veniva richiesto di portare una sciarpa, una bandiera tricolore o una bandiera della Juve. Da Torino giungevano le foto dei ns. soci già all'interno dello stadio. Ad aggiornarci Mauro Abbasciano, Vincenzo Leone, Tommy Moscatelli, Giorgio Nicolamarino. Ad accompagnare i soci in quest'altro viaggio Nicola Pisani, il nostro "jolly", il tutto fare, l'uomo dalle mille risorse! Grazie anche a lui per quello che fa da 11 anni per questo giocattolo chiamato JUVENTUS CLUB ANDRIA!
Finalmente dopo una lunga attesa, arrivava l'ora X. Il Club "straripava" di entusiasmo. Un affluenza incredibile. Arrivavano anche soci che abitualmente assistono alle partite da casa, soci da fuori città, come Barletta e Minervino Murge. Tantissimi bambini, come tantissime donne e anziani! Che gran bella famiglia. La parte calda e chiassosa del Club era tutta appostata sempre sul retro della sala, rigorosamente in piedi! Non si assisteva alla partita, si canatava, si inneggiava al Presidente del Club. Alla rete di Simone Padoin l'entusiasmo era alle stelle. Poi a segnare la rete era un giocatore che magari non sarà un campione, ma è un gregario silenzioso, mai una parola fuori posto, sempre utile alla causa, sin dal suo arrivo. Grazie Simo, Grazie anche a te per questi trionfi! Ancora più felici quando ancora una volta le telecamere di Sky immortalavano il ns. stendardo che seppur non più in posizione centrale, per nostra scelta, viene sempre ricercato dalle telecamere. Giù gli applausi della sala! Arriva il fischio finale, la Juventus stende anche l'Atalanta per 1-0, vince la sua diciottesima partita allo Satdium su 18 incontri, arriva a quota 96 punti, con la miglior difesa ed il miglior attacco. Cosa chiedere di più da una squadra???? Nulla, siamo troppo felici!
Parte la musica nel club con alla consolle Giuliano Zefferino DJ, la strada si riempie all'inverosimile, altri soci ci raggiungono a fine gara. Si stappano tantissime bottiglie, si mangiano i tantissimi dolcetti che diversi soci hanno voluto preparare o acquistare per condividere questo momento di gioia con tutti gli altri. Bello tutto troppo bello. Ecco nella foto una parte della sala mentre festeggia a fine gara. Poi il Presidente annuncia a tutti, che come da TRADIZIONE anche quest'anno ha voluto offrire i fuochi d'artificio, predisposti sul terrazzo di una abitazione in Piazza Municipio. Come lo scorso anno e come l'anno prima, tutti in corteo, con i bambini davanti, abbiamo percorso il restante tratto di Via Enrico Dandolo per poi sbucare su Via Giovanni Bovio è raggiungere Piazza Municipio dove all'arrivo del festante corteo (circa 200 persone) sono partite le quattro batterie di fuochi d'artificio per festeggiare uno scudetto che resterà nella STORIA non solo nostra, ma di tutto il calcio italiano. Perchè mentre noi continuiamo a scrivere pagine di storia del calcio, altri continuano come sempre a leggerle.
Bello il corteo, con tante bandiere e bandierine del tricolore italiano, con gli immancabili cori da stadio e i fuomgeni tricolori che coloravano il cielo di una notte di primavera!
Grazie a tutti per aver partecipato numerosi! Finita la festa, si ritornava al Club per riordinare la sala e soprattutto per rilassarci un po. Adesso ne abbiamo davvero tutti bisogno.
51 trasferte organizzate in una sola stagione sono il frutto di grande passione!
Tra due settimane finalmente, con la cena sociale ci sarà il nostro "rompete le righe", non prima di aver organizzato l'ultima trasferta in Pullman a Torino per la gara conclusiva contro il Cagliari dove sarà ufficialmente consegnata la COPPA SCUDETTO alla JUVENTUS con il corteo per le Vie della città del PULLMAN SCOPERTO che trasporterà gli artefici di questo tricolore a salutare le decine di migliaia di tifosi che si riverseranno nel capoluogo piemontese. NOI CI SAREMO!
Non ci saremo a Roma invece domenica prossima: 45 euro per un biglietto OSPITE è una ladrata. Anche nel Derby, a Firenze e a Napoli è costato così tanto. Ma allora contava esserci, allora contava fare un sacrificio, adesso credeteci preferiamo andarceli a mangiare questi soldi. Alla faccia della Roma, degli americani, di Totti e di Garcia. Abbiamo aperto la stagione disertando Roma nella finale di Supercoppa Italiana per la nostra nota protesta, la chiudiamo disertando di nuovo Roma. Che coincidenza! Quindi tutti al Club!
P.S. SABATO 17 MAGGIO, ALLA VIGILIA DI JUVENTUS - CAGLIARI, UNA GRANDE SORPRESA DEL NOSTRO CLUB.
SAPETE QUANTO SIAMO ORIGINALI, DEL RESTO "ABBIAMO LANCIATO TANTE MODE" IN TUTTI QUESTI ANNI. ADESSO UN ALTRA BRILLANTE IDEA, UN ALTRA BELLA INIZIATIVA, SORPRENDERA' SOCI E NON SOCI!  
NON C'E' DUE SENZA TRE....E IL QUARTO VIEN DA SE!
JUVENTUS CLUB ANDRIA. DA UNDICI ANNI IL TUO CLUB.
IL TRICOLOR.....ABBIAMO VINTO IL TRICOLOR....
 

 
 
UN SOGNO SVANISCE, UN ALTRO SI AVVERA: CAMPIONI D'ITALIA
 
Abbiamo vissuto quattro giorni di sensazioni, di emozioni, di delusioni ma soprattutto di grande soddisfazione, visto il regalo giunto anzitempo da Catania! Clamoroso al Cibali! 
Andiamo per ordine. La partita contro il Benfica poteva spalancarci le porte verso un sogno chiamato FINALE DI EUROPA LEAGUE, un desiderio che tutto il popolo bianconero aveva, un sogno che sembrava vicino ad avverarsi! Noi tutti ci credevamo, non per questo siamo partiti da Andria, davvero in massa verso Torino, tra chi in Pullman e chi come sempre comodamente in Aereo! Abbiamo accontentato tutti i soci che avevano fatto richiesta di biglietti e questa è stata per noi, alla fine di tutta la trasferta, la più grande soddisfazione! La partita non era semplice, lo sapevamo, dovevamo rimontare il 2-1 subito a Lisbona. Ma contavamo tantissimo sul nostro caloroso ambiente. Purtroppo questo non è bastato. Noi sugli spalti, ma anche la squadra in campo abbiamo dato tutto quello che potevamo. Un atmosfera magica che però non ci ha aiutati a segnare quel gol che ci avrebbe portato in finale, per giunta nella casa nostra. Ecco questo è il rammarico più grosso. Una finale a Torino, nel tuo splendido stadio chissà quando ci potrà ricapitare! Piangersi addosso non serve, abbiamo vissuto così tante delusioni in campo europeo che nemmeno ci facciamo più caso. Restiamo fermamente convinti che prima o poi arriveranno anche queste soddisfazioni. Un grattacielo si costruisce piano dopo piano. Noi abbiamo già iniziato. Altri non hanno nemmeno delle fondamenta per poter partire. Però ci piace anche ricordare che a Torino, sotto la Mole, si è vinto tutto quello che in campo europeo e mondiale ci sarebbe da vincere. Questo giusto per ricordarlo a tutti gli anti juventini che puntualmente, dopo essere stati in apnea con il fegato in mano, sono tornati a respirare per qualche ora per poi puntualmente tornare a fare "abuso" di Maalox Plus. 0-0 il finale di una gara strana, con un Benifica giustamente rintanato nella propria metà campo, che imbrigliava ogni azione della Juve. Più i minuti passavano più aumentava l'ansia della nostra squadra. Ogni momento sembrava sempre quello buono per passare, ma nulla di che! Terminava la partita con i giocatori lusitani sempre stesi per terra per perdere quanto più tempo possibile. Al fischio finale siamo rimasti tutti impietriti, con lo sguardo perso nel vuoto per alcuni minuti. Silenziosi come non mai! Ci guardavamo negli occhi è da un semplice sguardo traspariva tutta la nostra amarezza, ma anche tutta la nostra forza per ripartire subito! La trasferta è stata di quelle con i fiocchi, da raccontare con orgoglio a chi non vive le nostre emozioni, a chi non appartiene alla nostra splendida realtà associativa. Partiti quasi all'una della notte tra mercoledì e giovedì, già dalla stazione di Andria si capiva di che pasta era fatto il nostro pullman. Dovremmo citarli tutti i soci presenti quasi una settantina, perchè tutti meritevoli, per quanto danno al club da diversi anni. Ma l'elenco sarebbe interminabile. L'allegria di Benedetto Abbasciano era contagiosa come sempre. Ma anche l'aver creato un bel gruppetto di ragazze che viaggiano completamente sole è per noi un altro motivo di vanto: Antonia Terlizzi e la new entry Agnese Zingaro ne sono state la riprova. Quante risate in autogrill al mattino per la colazione. Poi la consueta lotteria a bordo con diversi premi è la maglia di Carlitos Tevez andata a Franco Guadagno! Per strada, a Modena Nord abbiamo anche raccolto due andriesi residenti al Nord. Insomma tra uno scherzo e l'altro, l'allegro pullman è giunto quasi all'ora di pranzo a Torino in zona stadio. Bellissimo il pranzo organizzato dal segretario Fabio. Quasi metà pullman ha deciso di pranzare assieme al solito nostro ristorante. 18 euro per un pranzo davvero squisito. Oramai li a Torino abbiamo tutte le nostre conoscenze. Come bello è stato il ringraziamento della nostra Ditta di Pullman, che di settimana in settimana ci trasporta in ogni dove! Siamo anche noi che ringraziamo loro per la pazienza nel "sopportarci". Gli altri che non hanno pranzato hanno visitato il museo. Poi tutti nel centro commerciale per un altro caffè. Poi tutti al Bar degli Ultrà per l'ammazza caffè e per la distribuzione dei tagliandi. Alle 19 tutti sotto la sud, la stragrande maggioranza, tranne chi andava in Nord, in Est e in Family. Appena saputo che tutti erano dentro, Andrea Leonetti, Salvatore Lomuscio e Nicola Pisani sono entrati dentro dove Fabio con tutti gli altri aveva già sistemato ogni cosa (ecco nella foto dell'articolo la spettacolare CURVA SUD giovedì sera, con i nostri posizionati sul fondo della Curva a destra della foto). Tutti assieme posizionati alla sinistra della curva. Uno di fianco all'altro! Finita la gara come se non bastasse, ci si metteva anche la pioggia torrenziale ad accompagnare la nostra uscita dallo stadio. Nel pullman c'era silenzio e tanta incredulità. L'urlo di incitamento di Fabio, dava come sempre coraggio a tutti! Siamo una grande famiglia, siamo un grande club ed anche da queste cose lo si nota! 
Viaggio di rientro tranquillo con arrivo ad Andria alle 11,30 di venerdì mattina. In stazione ad attenderci troviamo il grande Presidente. Ci riuniamo nel Bar Fantasy per una breve ma significativa riunione!
Noi in Europa ci riproveremo, in quella principale nuovamente, altri ancora non sappiamo. Noi festeggiamo le nostre vittorie, mentre altri festeggiano le nostre sconfitte. Noi il 5 MAGGIO festeggeremo ancora, altri cosa faranno???? Continueranno a rosicare, alcuni nell'incubo del nuovo 5 Maggio!
CRONACA DI UN POMERIGGIO DI FESTA
Ma come vi dicevamo dopo una delusione è arrivata subito una grande ed inattesa soddisfazione anticipata almeno di 24 ore, che ci ha fatto sobbalzare giù dai divani nel primo pomeriggio di una domenica piovosa. 
La Roma che perde clamorosamente a Catania ci permette di festeggiare già nel pomeriggio di domenica il nostro terzo scudetto di fila, uno scudetto da Record, uno scudetto storico, conquistato stra meritatamente contro una concorrenza agguerrita alla partenza, ma svanita man mano sotto i colpi di una Juve davvero straordinaria che sta riscrivendo le pagine di storia del campionato di calcio italiano. 
Non ci stancheremo mai di Vincere un trofeo, che si chiami anche Coppa Italia o Supercoppa Italiana. Mai. Figuriamoci uno scudetto, sapendo che altri restano puntualmente a mani vuote. 
Bello il tam tam, di messaggi tra i soci del club questo pomeriggio che ci ha visti in fretta, aprire il club nel secondo tempo della gara di Catania. Abbiamo assistito tutti assieme ai minuti finali della gara, per poi festeggiare e brindare. Decine e decine i soci accorsi per poi alla fine ritrovarci in una cinquantina abbondante. La festa ha appena avuto inizio, una festa inconsueta perchè sarà spezzettata in diversi momenti, dal club nel pomeriggio, alla partenza del pullman (l'ennesimo) per Torino in tarda serata. Ancora una volta di lunedì siamo riusciti ad allestire un pullman con 46 persone a bordo. Ma il clou sarà previsto per LUNEDI' 5 MAGGIO, GIORNATA DI FESTA NAZIONALE, quando al Club si assisterà alla gara contro l'Atalanta per celebrare degnamente i CAMPIONI D'ITALIA tutti assieme con tantissime sorprese come sempre! 
Vogliamo vedere il club pieno come un uovo. ACCORRETE IN MASSA! Donne e soprattutto bambini vi vogliamo numerosi!
Nel pomeriggio dopo i cori, lo show "artistico" del Presidente, i brindisi e la baldoria, abbiamo anche iniziato la vendita delle spettacolari maglie celebrative di questo 32° scudetto che abbiamo fatto realizzare. Ecco tutti domani la dovranno indossare. Le abbiamo realizzate in tre colori....GIALLE, BIANCHE E NERE. Sono davvero stupende. A breve le pubblicheremo anche sul sito. 
Sarà più bello per i soci che partono per Torino accompagnati da Nicola Pisani, Vincenzo Leone e Tommy Moscatelli già tutti con indosso le maglie del Club. L'ennesimo sforzo organizzativo da parte nostra, premiato dalla risposta in termini di adesione da parte dei nostri soci! 
Anche il sito internet è stato prontamente aggiornato in tempo reale con il nuovo tricolore conquistato. 
Noi siamo sempre pronti, sempre operativi, sempre un giro avanti. A breve comunicheremo anche la data ed il luogo della tradizionale cena sociale, che ritorna dopo due anni di feste in grande stile organizzate per celebrare la TERZA STELLA e il DECENNALE DEL CLUB. 
Ma ci sarà anche un altra chicca che forse regaleremo a tutti Voi Soci dello JUVENTUS CLUB ANDRIA. Una dopo il 18 di Maggio, l'altra nella prima decade di Settembre. 
UNA DEDICA CON "STILE"A TUTTI QUELLI CHE CI ODIANO:
"Non rispondo a quelli che odiano la Juve, perchè il loro è solo un problema psicologico" cit. Giovanni Agnelli. 
Fatevene una ragione, aggiungiamo Noi! 
JUVE....STORIA DI UN GRANDE AMORE....CHE NON AVRA' MAI FINE! 
NOI SIAMO LA JUVE, SIAMO GIA' PROIETTATI VERSO LA PROSSIMA VITTORIA. 
BUON 5 MAGGIO A TUTTI!
 

 
 
CINQUE MAGGIO: FESTA NAZIONALE
 
LA STORIA STA PER RIPETERSI! E come l'anno scorso....e come l'anno prima.....ah ah ah ah! 
Chi lo avrebbe mai immaginato ad inizio stagione che la sorte ci avrebbe potuto riservare nuovamente questa immensa goduria! Per la terza volta nella storia, dal fatidico 5 MAGGIO 2002, la Juve potrebbe laurearsi CAMPIONE D'ITALIA proprio il 5 Maggio, proprio come avvenne anche lo scorso anno, quando battendo per 1-0 il Palermo la Juve si laureò Campione per la 31^ volta. Adesso a distanza di un anno esatto, la sorte ha voluto che la Juve giocasse in Europa League affinchè poi la gara contro l'Atalanta venisse posticipata al lunedì 5 Maggio. Scherzi del destino, che evidentemente si diverte a giocare con i sentimenti dei tifosi intertristi che mai dimenticheranno quella atroce giornata. Poi se a quello ci aggiungiamo che la Juve in quella giornata vince e rivince scudetti...beh allora la goduria per noi ed il rosicamento per loro, ma non solo, sono elevati alla massima potenza! Per festeggiare il 32° scudetto, adesso manca davvero poco, una vittoria contro l'Atalanta o addirittura una non vittoria della Roma nella gara di domenica a Catania. Poi la festa potrà aver inizio! Che spettacolo questo campionato. Che bello aver visto cadere sotto i colpi dell'ARMATA di Antonio Conte, una ad una, tutte le avversarie, tutte capitolate al cospetto di una squadra senza precedenti, di una squadra che probabilmente mai nessuno sarà più in grado di eguagliare. 93 punti conquistati sin qui, con la prospettiva di poter sfondare il muro dei 100 punti. Roba da impazzire! 
Insomma è proprio vero che chiederemo al Presidente della Repubblica di istituire questa FESTA NAZIONALE!
Il bello è sentire però tante stronzate e puttanate uscire ultimamente dalla bocca di molti rosiconi che stanno di fatto impazzendo per questo ulteriore scudetto della Juventus. Abbiamo deciso di non citarli più per non fare loro della pubblicità gratuita. Sono soltanto dei "poveri a loro" come si suol dire dalle nostre parti.
Anche a Reggio Emilia contro il Sassuolo la Juventus ha dimostrato per l'ennesima volta di che pasta è fatta. Andare sotto di una rete, sotto una pioggia stile Perugia, contro una squadra ben disposta in campo e poi riuscire a rialzarsi credeteci non è assolutamente cosa facile. Ieri alla rete del vantaggio nero verde a Roma erano iniziati i caroselli delle auto....molti tirapiedi avevano rievocato proprio il fantasma di Perugia, ma come sempre non avevano fatto i conti con questa GRANDIOSA JUVENTUS, capace di vincere poi per 3-1, con reti di Tevez, Marchisio e Llorente. 
Altro scherzo del destino....poi dite che non dobbiamo credere a questi segnali....provate a sommare il numero di maglia di Tevez (la 10), di Marchisio (la 8) e di Llorente (la 14) e vedete che totale esce: TRENTADUE (32)...come lo scudetto che stiamo per conquistare. Incredibile. Ci viene da pensare ma sarà anche questa colpa de "er sistema".......ah ah ah ah ah ah. 
Che serata, passata interamente sotto l'acqua per i nostri intrepidi e valorosi soci partiti per l'Emilia alla 10 del mattino da Andria, come sempre in ritardo per causa del solito Graziano Palladio che accumula questa volta un ora di ritardo! Il bus da 25 posti noleggiato era tutto pieno, ma a dir la verità era molto scomodo, in compenso due validissimi autisti, molto di compagnia. Viaggio in assoluta tranquillità tra chi ne approfittava per schiacciare un pisolino mattutino, come Corrado e Gaetano, l'inseparabile coppia dei tempi della Serie B, chi nel ricordare le proprie esperienze in trasferta a Trebisonda, come Tommy Moscatelli e chi offriva già dell'ottimo vino a tutti, come Graziano Palladio, il ritardatario per eccellenza. Fabio a capitanare il gruppetto, aiutato da Vincenzo Leone, suo cognato. Giunti al casello di Reggio Emilia, ovviamente in ritardo, trovano una interminabile coda che li fa giungere nel parcheggio solo alle 19,30, tra le bestemmie di Fabio che doveva consegnare biglietti ad altre persone, tra le quali anche l'immancabile Giuseppe Tattolo, onnipresente nelle trasferte del Centro Nord Italia. Si entra finalmente dentro, non prima di aver atteso i ragazzi del Gruppo Bassa Valle, arrivati anche loro in buon numero a Reggio. Appena dentro sotto una pioggia incessante i nostri si sistemano nella parte alta della Curva all'altezza di uno dei bocchettoni di uscita, come da foto articolo. La pioggia non da proprio tregua, a fine primo tempo i ragazzi sono letteralmente inzuppati con la roba che gli si appiccica indosso. Una bruttissima sensazione. Maledetta Emilia, dice Fabio che aveva provato nell'agosto del 2010 a Modena per la gara dei preliminari di Europa League, contro lo Shamrock Rovers, una esperienza simile. Nonostante tutto, loro cantano, si sgolano, soffrono per poi gioire tutti assieme per questo successo che ci permette di METTERE DEFINITIVAMENTE LE MANI SULLO SCUDETTO! Che invasione gobba a Reggio Emilia, vedere una intera tribuna, gli interi distinti e tutta la Nord strapieni di tifosi bianconeri è un qualcosa che ti aiuta a percepire quanto numeroso sia il popolo juventino che arriva da ogni angolo dell'Italia. Bellissima l'esultanza del Mister e della panchina tutta alla rete di Llorente, la rete che ha di fatto consegnato, nuovamente, il tricolore alla Juventus. Sotto la pioggia a fine gara la squadra esulta sotto la Nord, noi pure, inizia la festa. Bellissimo il coro: VIN CE RE.....VIN...CE...RE...VIN...CE..RE LA COPPA....NOI VOGLIAMO VINCERE LA COPPA! 
Poi corriamo subito al bus ad asciugarci e a toglierci gli indumenti intrisi d'acqua. Nel primo autogrill cerchiamo in ogni modo di asciugare la nostra roba. Che esperienza. Non ci si ferma più per le esigenze lavorative di molti. Alle 7,45 sono già in Stazione ad Andria. Tutti sorridenti nonostante la giustificata stanchezza. Onore a loro che anche di lunedì hanno voluto esserci! Adesso un breve riposo che già si riparte. Mercoledì sera alla volta di Torino per la GARA DELLA VITA, LA PARTITA DELL'ANNO, il ritorno contro il Benfica. La gara da dentro o fuori, da Vincere o Morire. Sarà una battaglia ma dobbiamo ad ogni costo raggiungere questa FINALE, un sogno per Noi! Noi ci saremo in grande numero, con oltre 60 unità tra quelli in autobus e chi ha prenotato gli aerei. Abbiamo praticamente accontentato tutti o quasi, tranne i ritardatari, quelli che hanno prima atteso il risultato dell'andata....per poi chiamare, quando non c'era oramai più nulla! 
La nostra settimana "santa" o "della passione" ha appena avuto inizio con la gara contro il Sassuolo. Si concluderà contro l'Atalanta, quando speriamo di essere già in finale per poterci godere al meglio la festa scudetto.
AVANTI JUVENTUS, INSIEME, SUPERIAMO QUEST'ALTRO ULTIMO OSTACOLO PRIMA DELLA GLORIA E ANDIAMO A RISCRIVERE NUOVI CAPITOLI  DELLA NOSTRA IMMENSA STORIA
JUVENTUS CLUB ANDRIA...sempre al TUO fianco!
NUOVAMENTE CAMPIONI D'ITALIA!

MAGLIETTE CELEBRATIVE Lunedì sera al Club saranno disponibili le nuovissime e stupende magliette che abbiamo realizzato, per festeggiare lo SCUDETTO N. 32. Tutti dovranno averla ed indossarla. Il costo sarà di 10 euro, disponibile in tre colori: bianca, nera e gialla! LA MAGLIA E' UN SIMBOLO DI APPARTENENZA, DI ORGOGLIO DI FAR PARTE DI QUESTA GRANDE FAMIGLIA. TUTTI AL CLUB Ragazzi, soci questo è un appello: Sia giovedì sera contro il Benfica, ovviamente per chi non parte e soprattutto lunedì sera contro l'Atalanta vi vogliamo tutti ma proprio tutti al Club che deve essere pieno all'inverosimile, dobbiamo (speriamo) tutti assieme brindare e festeggiare allo scudetto! PULLMAN CONTRO L'ATALANTA Anche contro l'Atalanta riusciremo nell'impresa di organizzare un altro pullman, pertanto chi fosse interessato a partire lo deve comunicare entro venerdì. Ci sono ancora posti e biglietti disponibili.
 

 
 
FORZA RAGAZZI NOI CI CREDIAMO
 
Ha dell'incredibile la partita andata in scena al "Da Luz" di Lisbona (splendido stadio che ospiterà la prossima finale di Champions League), dove la Juventus, nell'andata delle semifinali di Coppa Uefa, pur disputando una bella partita e dimostrandosi superiore al Benfica per buona parte della gara, è uscita sconfitta per 2-1. Risultato che non compromette assolutamente nulla, la finale è ancora li ad un passo, ma giocare magari con un pareggio che stava maturando, sarebbe stato meglio che inseguire il risultato. Qualcuno però, subito dopo la partita diceva, aggiungiamo noi giustamente, che comunque non avremmo potuto giocare per conservare lo 0-0 iniziale. Troppo pericoloso. Anche con un pareggio avremmo dovuto giocare per vincere per metterci al sicuro. Aver fatto una rete a Lisbona è stato troppo importante. Adesso, come avevamo detto dopo il pareggio casalingo contro la Fiorentina è appena terminato il primo tempo di questa doppia sfida. Nel secondo tempo dobbiamo assolutamente vincere proprio come a Firenze, cercando di non subire reti oppure vincere con almeno due gol di scarto. La Juventus può e deve farcela. Dobbiamo conquistare ad ogni costo questa finale che per noi popolo bianconero significherebbe impazzire dalla gioia! Poi al ritorno avremo dalla nostra il vantaggio (enorme) di giocare nel nostro fortino, dove i 40.000 presenti dovranno sembrare almeno 80.000, dove il Benfica dovrà restare impaurito, dobbiamo rispedirli a casa senza se e senza ma! E' questa la vera partita dell'anno, la partita che potrebbe poi, far riscrivere la storia alla nostra Juventus. Dobbiamo restare uniti, dobbiamo spingere la squadra oltre quest'ultimo duro ostacolo. Noi ci crediamo perchè in finale ci andremo Noi, costi quel che costi! Chiunque sarà presente quella sera a Torino dovrà dare il proprio apporto. Dobbiamo urlare a squarciagola, dobbiamo, come recita una canzone della Sud, tornare a casa senza voce, dobbiamo essere davvero il DODICESIMO UOMO IN CAMPO, che con il proprio fiato, deve spingere ed accompagnare ogni azione della Juventus! Noi siamo veri tifosi, tifosi passionali, gente che ama la Juve alla follia. Come prima della doppia ed importante trasferta a Genova e Firenze di Coppa, abbiamo nuovamente scritto una mail al Direttore Generale Beppe Marotta, per spronare e caricare la squadra. Crediamo nella scaramanzia, oggi come allora, andrà bene è questo vorrà dire che Marotta ci deve riconoscere il giusto ruolo di "portafortuna"! Ah, ah, ah, ah...!
La partita si è messa subito male, dopo due minuti eravamo sotto per una grave disattenzione di Bonucci. Peccato, partire con questo macigno sulle spalle non ci voleva proprio. Il primo tempo infatti è stato condizionato da questa rete con la Juve che ha comunque reagito bene, senza però costruire nulla di importante, anzi prestando il fianco in un paio di contropiedi molto pericolosi. Poi nella ripresa in campo si è vista soltanto una squadra, la nostra, che ha alzato il proprio baricentro, imponendo il ritmo alla partita. Una bella Juve, che raggiunto il pareggio con una spettacolare rete di Carlitos Tevez, ritornato al gol in Europa dopo ben 5 anni, ha provato addirittura a vincerla la partita, ma trovandosi poi incredibilmente sotto per un eurogol degli avversari. Un tiro che riprovato altre decine di volte, non sarebbe entrato. Assurdo, ma è la dura legge del calcio. Poi una ghiotta occasione di Marchisio trovatosi a tu per tu con il portiere malamente sprecata dal nostro centrocampista. Insomma siamo usciti dal campo con un grosso rammarico: "aver fatto una bella partita è ritrovarsi con una sconfitta"... Ma questo ne siamo convinti servirà di carica per la gara di ritorno, i giocatori dovranno scendere in campo con il sangue agli occhi. Ci ritorna in mente la semifinale con il Real Madrid di Champions del 2003 persa in Spagna per 2-1 per poi al ritorno al Delle Alpi ribaltare tutto. Anche nel 1993 proprio contro il Benfica in Coppa Uefa, fu 2-1 per loro in Portogallo per poi ribaltare il tutto a Torino sempre per 3-0. Riproviamoci!
La trasferta a Lisbona è stata bella ma dispendiosa sia economicamente parlando che da un punto di vista fisico. Uno stress incredibile per i nostri ragazzi saliti a Malpensa in auto, capitanati da Giuliano Zefferino e Vincenzo Ferrucci Presidente immancabile dello JC Corato. Partiti alle 22,00 di mercoledì sera da Andria hanno raggiunto, in cinque, alle 6 del mattino l'Aeroporto di Malpensa viaggiando tutta la notte con una FIAT 500 L, tanto per restare fedeli alla nostra proprietà.....ah ah ah ah ah. A ruota si sono tenuti tutti svegli, perchè guidare di notte dopo aver, ognuno di loro, trascorso una giornata lavorativa, era davvero non semplice. A Malpensa parcheggiata l'auto al Terminal 1, hanno prima fatto una abbondante colazione per poi ritrovarsi con tutti i tifosi juventini che partivano in charter. E' sempre bello riabbracciarsi con i tanti ragazzi degli altri gruppi del Nord. Nel vederci sempre presenti, loro continuano sempre a chiedersi come facciamo ad essere così costanti da tantissimi anni! 
Alle 9,00 finalmente si partiva verso il Portogallo è alle 11,30 ora locale, i ragazzi ci comunicavano che anche in terra lusitana lo Juventus Club ANDRIA era PRESENTE! Spettacolo con le prime foto che iniziavano ad arrivare sulla chat telefonica del nostro club. Tanto onore ai presenti. La giornata è trascorsa sempre in compagnia di Federico e Cristiano di Bassa Valle con i quali, ritirati i biglietti per lo stadio presso l'albergo dove alloggiava la Juve, non avendoli potuti prendere prima, hanno poi pranzato tutti assieme in un ristorantino all'aperto, gustando ci dicono un ottima "paella" e scolandosi decine di birre....
Poi ancora un giro per le vie del centro per poi ritrovarsi tutti nella Piazza centrale da dove con il servizio transfert previsto nel pacchetto charter sono stati condotti allo stadio. Un impianto spettacolare...del resto non per questo li si giocherà la prossima finale di Champions League. Qualcuno sorridendo diceva....noi comunque a Lisbona ci siamo arrivati....ah ah ah ah ah ah! Appena dentro, scattano tantissime foto che iniziano ad arrivarci a raffica. Eccolo Giuliano ritratto nel pre-partita con alle spalle lo spettacolare impianto del Benfica. Anche li siamo riusciti ad arrivare. Un lungo cammino in Europa quest'anno, da Copenhagen e Lisbona, passando per Madrid, Istanbul, Trabzon, Firenze e Lione. Migliaia di Km percorsi pur di esserci sempre al fianco della nostra Juve!
Poco più di 500 i tifosi della Juventus presenti, non tantissimi per via dei prezzi altissimi dei voli. Buon tifo, mentre è stato imbarazzante quello dei tifosi del Benfica simili a quelli del Real Madrid per intenderci. A fine gara sono stati condotti tutti in pullman verso l'Aeroporto dove verso le due della notte hanno lasciato la capitale portoghese per far rientro a Malpensa. Stanchissimi, ma stra convinti che al ritorno sarà tutto diverso! Alle 4,30 appena arrivati a Milano, mentre per molti la trasferta si concludeva li, per i nostri ne iniziava un altra, l'ennesima, quella del viaggio di ritorno verso casa. Altri 800 km. Alle 14,00 del venerdì di festa hanno fatto rientro. E' subito sono partiti i tantissimi...."onore" nella nostra chat interna....subito interrotti dalla tragica notizia della morte di Tito Villanova l'ex allenatore del Barca. Addio grande uomo Tito...fai Buon Viaggio! 
Adesso nemmeno il tempo di rifiatare che subito ci rituffiamo in un altro viaggio: quello verso Reggio Emilia, dove nonostante si giochi di lunedì, partiremo comunque in mini bus da 25 persone a bordo, tutto pieno. Sono gli ultimi sacrifici di una stagione interminabile, di una stagione che stiamo vivendo da protagonisti sempre in prima linea al fianco della Juventus.
Contro il Sassuolo ci giochiamo davvero una intera stagione. Vincere vorrebbe, questa volta definitivamente significare, vincere il terzo scudetto di fila.
Forza Ragazzi, la Gloria è dietro l'angolo....ANDIAMOCELA A PRENDERE!
p.s. che impresa riuscire ad organizzare questo "mezzo" pullman per Reggio Emilia....non si trovavano pullman nemmeno a pagarli a peso d'oro. Tutti impegnati per la Santificazione dei "due papi" a Roma.  
 

 
 
CINQUE PUNTI CI SEPARANO DAL TRICOLORE
 
La Juventus batte anche il Bologna per 1-0 è si avvicina ulteriormente al terzo scudetto consecutivo. Soltanto 5 i punti che separano la Juventus dalla matematica certezza di conquistare questo "storico tricolore", lo scudetto dei RECORD. Basti pensare alle 17 vittorie su 17 gare disputate allo STADIUM. Un fortino praticamente inespugnabile per tutti! Chi lo avrebbe potuto mai immaginare a inizio stagione. Fare meglio dei primi due anni di Conte era "inimmaginabile" . Invece Antonio Conte e questo straordinario gruppo di giocatori ci stanno regalando una stagione che resterà per sempre scolpita negli annali del calcio italiano, una stagione che noi, avendola vissuta interamente dal vivo, potremo un giorno raccontare ai nipotini!
Anche il Bologna, come le precedenti sedici avversarie affrontate a Torino, si è dovuto inchinare allo strapotere bianconero. Non è stato semplice come si prevedeva, ma una magia di Paul Pogba ha scardinato il bunker eretto dall'allenatore dei felsinei, regalando alla Juventus altri tre punti importantissimi nella corsa al TRENTADUESIMO titolo!
Adesso ci siamo, manca davvero pochissimo alla grande festa, ma non bisogna assolutamente abbassare la guardia. Di punti potrebbero forse bastarne soltanto tre, da prendere possibilmente a Sassuolo per chiudere definitivamente i sogni giallorossi. Dipenderà dall'esito del loro prossimo incontro in casa contro il lanciatissimo Milan. Vedremo. Lunedì si potrebbe partire per Reggio Emilia con la consapevolezza che una vittoria potrebbe regalarci la riconquista del tricolore.
La partita con il Bologna è stata a senso unico con la Juventus che le ha provate di tutte concludendo la prima frazione sullo 0-0, poi nella ripresa la magia del gioiellino francese Pogba ha permesso alla Juve di passare in vantaggio per poi, da quel momento in poi, gestire la gara, come solo le grandi squadre sanno fare. Ovazioni per tutti, ma soprattutto per Antonio Conte e Paul Pogba, il cui coro....."non si vende Pogba..non si vende Pogba.." sarà arrivato forte e chiaro alla dirigenza seduta in Tribuna Centrale! Nonostante l'intensa pioggia caduta per tutta la giornata, partita compresa, su Torino, l'entusiasmo dello Stadium è stato come sempre travolgente.
Anche la trasferta dei nostri soci è stata bella ed entusiasmante, nonostante la pioggia. Innanzitutto un applauso a chi è partito alla Vigilia di Pasqua, permettendo al Club di organizzare l'ennesimo autobus verso Torino. In quasi 40 unità hanno viaggiato comodissimi all'interno di un bus da 58 posti. Il confort è sempre alla base dei nostri viaggi quando si parte per Torino. Del resto dodici ore di pullman (solo andata...) sono effettivamente pesanti! Partiti alle 21,45 in netto ritardo causa traffico intenso in zona Stazione per via della Processione del Venerdì Santo che aveva paralizzato il traffico veicolare, la comitiva, con numerosi bambini a bordo e molte donne si è diretta in Autostrada festeggiando in anticipo la Santa Pasqua. A dir il vero, Riccardo Matera si era prodigato a far preparare una buonissima torta gelato con tanto di logo della Juventus, da parte del Bar Aurora, per salutare la troupe francese di Canal Plus che sarebbe dovuta esserci a bordo del pullman. Qui apriamo e chiudiamo una parentesi. Era tutto pronto, i giornalisti erano già in viaggio per l'Italia, quando l'Ufficio Stampa della Juventus per il tramite del Centro Coordinamento dei Club Doc, ha negato l'autorizzazione al servizio per "logiche e comprensibili motivazioni". Dopo un susseguirsi di telefonate tra i nostri "dirigenti" e quelli del Coordinamento si è comunicato alla troupe francese, che non era più possibile ospitarli a bordo del nostro bus. Peccato, per noi sarebbe stata, in termini di visibilità, una grande opportunità. Resta la soddisfazione che anche dalla Francia, abbiano notato l'organizzazione e il dinamismo del nostro Club! Ma rispettiamo le decisioni della Società! 
Torta gelato, comunque divorata da tutti gli occupanti del bus, tra una battuta e l'altra con i bambini che nel frattempo si addormentavano tutti. Viaggio tranquillo, condizionato dalla pioggia da Piacenza in poi. Arrivo a Torino, dinnanzi allo stadio alle ore 11,00 circa del mattino. Tutti di corsa nel Centro Commerciale, ottimo rifugio per via del tempaccio. Poi a pranzo in diversi ristoranti per poi ritrovarsi, belli inzuppati d'acqua, tutti alle ore 16,00 puntuali al pullman, per asciugarsi e per la distribuzione dei tagliandi d'ingresso oltre che per formare i gruppi dei vari settori. Gregorio Del Giudice accompagna i soci in Nord, Giancarlo Paradiso accompagna quelli della Tribuna Ovest, mentre Enrico Ferro e Fabio Attimonelli conducono l'enorme plotone della Curva Sud. 
Tutti dentro già dalle 17,00 per posizionare lo striscione al solito posto (foto articolo) è sistemarsi tutti dietro! I bambini del club erano praticamente elettrizzati. Vivere l'atmosfera dello Stadium è qualcosa di spettacolare per grandi e piccini! 
Alla fine i soliti ringraziamenti di tutti a Fabio per la perfetta organizzazione, seppur in una giornata resa difficile dalla pioggia. Alle 21,30 lasciano lo stadio per dirigersi verso Andria dove arriveranno alle 8,30 del mattino dell domenica di Pasqua. Auguri, baci ed abbracci fra tutti. Scene oramai consuete, scene da grande famiglia, scene da Juventus Club Andria.
Orgogliosi di farne parte!
Ora ci attende la grande sfida in trasferta a Lisbona per le semifinali di Uefa contro il Benfica. Anche li ci saremo, per la prima volta nella storia del Club. Tante le vicissitudini nell'organizzazione di questa trasferta. Dapprima i costi altissimi dei voli di linea e dei "low cost (?????) per Lisbona, le difficoltà nel trovare una combinazione adeguata. Poi l'organizzazione di un comodissmo charter da Ancona. Quando tutto sembrava fatto, ecco la comunicazione della mancata organizzazione con la venuta meno di diversi soci prenotati. Poi finalmente la decisione di partire a bordo del charter dei gruppi organizzati della Sud, ma da Malpensa. Unica possibilità rimasta in piedi. In pratica con l'auto di Giuliano Zefferino si partirà da Andria nella tarda serata di mercoledì per raggiungere lo scalo milanese, da dove al mattino di giovedì partirà il charter per il Portogallo. Poi subito dopo la partita si ripartirà per l'Italia, per poi i nostri rimettersi in auto e far rientro ad Andria. Cosa non si fa, pur di seguire sempre la Juventus in ogni stadio d'Italia e d'Europa.
Per non parlare della trasferta a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Vendite dei biglietti mai partite in tutta Italia con un circuito, la Viva Ticket....che Dio te lo raccomanda....Assurdo, poi apprendere che però 2.000 o forse tutti i biglietti siano già stati venduti. Come, quando....non si sa.....Cosa abbiano combinato questi emiliani, che dovrebbero rendersi conto di essere in Serie A, non in Lega Pro, non lo abbiamo ancora capito. Ma di una cosa siamo certi....."noi partiremo anche senza biglietti".
JUVENTUS CLUB ANDRIA...FINO ALLA FINE SEMPRE AL TUO FIANCO!
 

 
 
BUONA PASQUA......DA PAURA
 
Se e' vero come è vero, che la paura fa novanta.....allora pensiamo che con la vittoria sofferta della nostra JUVE per 1 a 0 contro il Bologna, tutto completamente rintanato nella propria meta' campo, abbiamo ufficialmente rovinato anche la Santa Pasqua a tutti gli antijuventini. Dopo i tre "Natale" di fila, ecco arrivare anche la terza "Pasqua", con la Juve a dominare la scena! Ma questa Pasqua avra' un sapore ancora piu' particolare per tutta la popolazione gobba del pianeta, sara' una Pasqua ricordata per l'incredibile punteggio toccato sin qui dalla Juve: 90 punti a Pasqua e' un qualcosa di straordinariamente incredibile. Stiamo per riscrivere la storia che sara' sbattuta in faccia a chi la storia non l'ha mai scritta a chi la storia pensa di averla scritta, ma nella realta' e' solo figlia di FARSOPOLI.
No nemmeno a Pasqua diventiamo piu' buoni. Anche a Pasqua vogliamo ricordare a questi "sfigati" quanto cazzo stiamo godendo.....alla "strafacciazza" vostra. Anche la colomba, l'uovo di Pasqua e le "scarcelle" vi andranno di traverso. Per non parlare dei romani....ma che ne parliamo a fare....non svegliateli, lasciamoli dormire e sognare....per loro al pranzo pasquale "niente primi ma solo SECONDI".
Buona Pasqua fratelli gobbi, buona Pasqua a tutta la nostra grande famiglia chiamata JUVENTUS CLUB ANDRIA, buona Pasqua alle Vostre famiglie, buona Pasqua ai tantissimi nostri amici, vicini e lontani. 
Buona Pasqua ai nostri soci che trascorreranno la notte della Resurrezione di Cristo in viaggio di rientro dalla bellissima trasferta a Torino, tutti appassionatamente assieme in pullman, bagnatissimi per la tanta pioggia caduta su Torino, ma felici per esserci stati, ancora una volta. 
Andare in Pullman a Torino per Juve-Bologna e' stato un altro segno di grande maturita' per il nostro club. Noi seguiamo la Juve a prescindere da tutto e tutti.
Onore a Noi.
Fratelli Gobbi aprite le Vostre uova e mostrate la sorpresa al nemico, spalancate le finestre, preparate le bandiere, il Tricolore, il terzo consecutivo e' davvero dietro l'angolo.
Andiamocelo a prendere.
Buona Pasqua.
IL PRESIDENTE
Francesco NICOLAMARINO
P.S. comunque buona Pasqua anche a chi ci odia....ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
 

 
 
SBANCATO IL FRIULI. JUVE VICINISSIMA AL TERZO TITOLO CONSECUTIVO
 
Quanto avremmo dato per poter vedere tutte le facce dei romanisti e di tutti gli "anti juventini", sin da dopo il secondo gol della Juve a Udine lunedì sera. Erano tutti incollati alle Tv, questi "poveri sfigatelli" a sperare in un nostro passo falso. Invece come sempre, Conte e la "nostra meravigliosa" squadra gli hanno rifilato una spettacolare purga. Un 2-0 senza storie, senza recriminazioni. Una partita perfetta, giocata con grande determinazione dalla Juventus, che ha dominato in lungo e in largo l'incontro, rischiando solo allo scadere, quando l'Udinese ha colpito un palo. E' tornata la Juve di inizio stagione, pimpante  e soprattutto "schiaccia sassi", come previsto dalla tabella di marcia del CAPITANO: Antonio Conte! Uno stratega, uno che non lascia nulla al caso, uno che studia tutto nei minimi particolari, uno che sino al novantacinquesimo di una partita stradominata, come quella del Friuli di Udine è ancora li che urla per tenere alta la concentrazione del gruppo. Che spettacolo questo allenatore! E' la nostra bandiera, il nostro capo popolo. Vederlo esultare come un "Ultras" alla rete di Llorente è stato bellissimo. E' il nostro orgoglio! La foto dell'articolo del resto è dedicata a lui, proprio nel momento della sua incredibile esultanza, dove travolge tutto e tutti! Grazie Mister di quello che ci stai regalando, per le emozioni che ci stai facendo vivere. L'Udinese non è mai entrata in partita, perchè la Juve non gliel'ha mai permesso. Tutti li che lodano  questa cazzo di Roma, che avrà pur fatto la sua ottima comparsa, ma resta il fatto che 8 punti in più sono a Torino, resta il fatto che 87 punti sono un ruolino di marcia impressionante. In pratica gli stessi punti fatti lo scorso anno, quando già si parlava di JUVE MOSTRUOSA....Le reti di Giovinco e Llorente. Che dire, onore al Mister che ha plasmato un gruppo a sua immagine e somiglianza, chiunque gioca da il massimo per la maglia, lotta come un demone contro gli avversari. Basti vedere Giovinco, altra scommessa vinta da Antonio Conte. Alla fine grande festa in campo, sugli spalti e negli spogliatoi per un titolo, il 32° sul campo, sempre più vicino! Bellissimo vedere lo stadio Friuli per tre quarti tutto juventino. Bella la scena di Conte che si gira verso la Tribuna ed invita tutto il suo popolo ad esultare! OVUNQUE SEMPRE IN MASSA!
Adesso le distanze dalla Roma sono sempre di otto punti e le giornate che mancano alla fine sono soltanto cinque, in pratica basterebbe vincere le prossime tre gare in casa per far restare lo SCUDETTO ancora sotto la MOLE per il terzo anno consecutivo: STORICO! 
Ma noi siamo la Juventus, noi non ci accontentiamo di fare il necessario, noi vogliamo vincerle tutte di qui alla fine, vogliamo provare a stabilire un record che mai nessuno riuscirà a cancellare, vogliamo riscrivere la storia del calcio italiano in maniera indelebile! Ad iniziare dalla prossima difficile sfida contro il Bologna del Sabato di Pasqua, una partita dura contro un avversario in piena lotta salvezza! Noi ci saremo, come sempre, saliremo in pullman, non pieno, ma con quasi quaranta persone a bordo, l'ennesimo per Torino ed andremo a sostenere la Juventus come chiesto dal Mister. Contribuiremo anche noi a trasformare lo STADIUM in una bolgia. 
AVANTI JUVENTUS CLUB ANDRIA!  
 

 
 
LA JUVENTUS VOLA IN SEMIFINALE
 
Dopo ben 11 anni, la Juventus torna a disputare una semifinale di una competizione europea. Dopo aver vinto nell'andata dei quarti di finale per 1-0 a Lione in Francia, anche nel ritorno la Juventus ha la meglio sui transalpini, vincendo per 2-1 con reti di Pirlo, ancora una magistrale punizione e Marchisio che ha fatto esplodere di gioia lo JStadium ed il nostro club! Adesso in semifinale la Juventus sarà attesa dalla doppia ed affascinante sfida contro i lusitani del Benfica, nello "Estadio da Luz", una primissima volta per il nostro club in Portogallo. Per la Juventus non sarà invece la prima sfida ai portoghesi. Già due i precedenti, nel '68 siamo stati eliminati in semifinale di Champions, mentre nel 1993 abbiamo avuto la meglio nei quarti di finale della Coppa Uefa, poi vinta dai bianconeri. Speriamo che quest'ultimo precedente voglia potersi ripetere, anche nell'epilogo finale della prestigiosa competizione. Come ha detto il nostro Mister Conte, avevamo metà Italia calcistica tutta contro, ma fortunatamente ha trionfato l'altra metà, quella "gobba" che ancora una volta ha potuto gonfiare il petto con orgoglio. Unica squadra ancora in corsa in Europa, quando tutti ci dicevano....in Europa non contate nulla...., l'Europa non è per Voi.....ah se quelle maledette bocche le tenessero chiuse o le aprissero per dire cose sensate almeno....invece no, parlano...parlano...parlano....è invece di riuscire nell'impresa di "tirarci i piedi"....riescono a portarci addirittura bene!!!! Quanto ci fanno ridere questi poveri "sfigatelli", che adesso staranno rosicando come dei maiali, alla sola idea che la Juve possa trionfare due volte nel giro di pochissimi giorni...Anche la sfida contro il Lione allo Stadium è stata difficile, forse più della gara di andata. Lo sapevamo che sarebbe andata così. La Juventus aveva iniziato benissimo, andando subitissimo in vantaggio grazie ad Andrea Pirlo, ma poi complice una disattenzione difensiva, con la difesa praticamente immobile, abbiamo subito la rete del pareggio che stava complicando maledettamente le cose. La Juve ha iniziato a giocare con la paura addosso, con il timore di restare beffata. Se il Lione segnava, a passare sarebbero stati loro. Angoscia, ansia, brividi lungo il corpo, quando i francesi scendevano in avanti. La Juventus è apparsa poco lucida, ma poi quando sembrava che si sarebbe dovuto soffrire sino al novantesimo, ecco i ragazzi gettare, ancora un altra volta, il cuore oltre l'ostacolo, con la rete liberatoria di Claudio Marchisio che ci fa esplodere di gioia. Allo Stadium l'entusiasmo era contagioso. Partiva addirittura una "Ola" fenomeno inconsueto per la nostra tifoseria. Al Club, delirio allo stato puro, con Il Presidente che stentava a tenere a bada la parte di soci "più chiassosa", quella che staziona sul retro sala, rigorosamente tutti in piedi! Al triplice fischio dell'arbitro spagnolo, abbracci e cori per festeggiare questo "storico traguardo". Ma adesso la storia dobbiamo andare a "riscriverla", adesso bisognerà abbattere i portoghesi del Benfica, perchè la finale nel nostro Stadio non dovrà sfuggirci. Costi quel che costi!Sappiamo quanto sarà difficile, soprattutto perchè abbiamo il campionato ancora da chiudere, ma noi sappiamo soffrire, sappiamo sudare, sappiamo come fare per spingere la squadra in questo sprint finale di otto partite, prima dell'ipotetica finale: 6 di campionato e due in Coppa! Avanti Juventus, vincere è il tuo destino! 
La trasferta a Torino dei nostri "incredibili soci" è stata divisa in due tronconi, parte in mini bus con 27 persone a bordo e parte in aereo tra i quali Vincenzo Quacquarelli. Sul bus a condurre la comitiva di soci, per lo più alla prima trasferta, Gianni Zagaria con Giorgio e Roberto Nicolamarino a dar manforte come sempre. Organizzazione perfetta, come sempre, soci soddisfatti, tutti entrati in Curva Sud, tranne i tre in Tribuna Family, la famiglia Losappio! Alla partenza, incazzatura telefonica di Fabio, il Segretario, con la ditta del Mini Bus che è arrivata con ben 40 minuti di ritardo in stazione rispetto all'orario prestabilito. A Torino giungono alle 12,30 con solito giro in centro città. Alle 19 i nostri si ritrovano tutti sotto la Sud assieme a Vincenzo, Domenico Pesce e tutti gli altri arrivati su in aereo con il diretto dell'Alitalia da Bari. I primi entrano dentro per sistemare già striscione e prendere posizione a sinistra della porta. Gli altri, vanno a bersi una birra e a mangiare un mega panino con wurstel al chioschetto, per poi entrare poco dopo le 20. Eccoli ritratti nella spettacolare inquadratura, durante la diretta di Mediaset Premium, con il nostro consueto stendardo, tenuto dal "re delle scommesse....perse...." Vincenzo Quacquarelli, con in primo piano il lancia cori di Tradizione "fighterino"!!!! 
A fine primo tempo il saluto dei nostri con il Grande Presidente di Tradizione, Umberto Toia, ritornato allo stadio dopo quasi quattro mesi di assenza. Uno striscione AVANTI PRESIDENTE ne salutava il suo ritorno! 
A fine gara, saluti con tutti, tra chi doveva rientrare in mini bus e chi doveva rientrare in aereo, questa volta addirittura da Pisa con la Ryan Air, accompagnati dal pullman dello Juventus Club Massa della gentilissima Presidente Paola Francesconi, carissima amica del nostro Segretario Fabio! Il rispetto che riceviamo da questi gruppi e club di ogni zona d'Italia è un qualcosa di incredibile che ci fa comprendere quanta strada abbiamo percorso sin qui, vista la considerazione e l'attenzione che riceviamo da tutti! Grazie mille agli amici di Massa per aver portato i nostri ragazzi sino all'aeroporto di Pisa. Gli "aviatori", alle nove del mattino erano già ad Andria, mentre chi viaggiava in Pullman è arrivato in Stazione alle 11,30 circa. 
Adesso la Juventus è attesa dalla difficilissima sfida in campionato al Friuli di Udine. Non sarà semplice. La Roma si è rifatta sotto a cinque punti è noi dobbiamo ricacciarla assolutamente a otto punti per affrontare più sereni la doppia sfida ai portoghesi del Benfica in Europa. 
Lunedì sera la testa sarà solo esclusivamente al campionato, nessuna distrazione, ci vorrà la migliore Juve di sempre per aver ragione di un avversario da sempre molto ostico. Vincere anche al Friuli significherebbe davvero mettere forse la parola fine a questo campionato per poi dedicarci anima, testa e cuore alla Coppa Uefa! 
NOVITA' INCREDIBILE:
Udite udite...una grossa novità: per la prima volta in questo campionato, lo Juventus Club Andria non sarà presente al seguito in trasferta. Per la verità era già accaduto in Coppa Italia contro l'Avellino. Adesso si ripete per la seconda volta in stagione. Ma crediamo che a questo punto ci sia assolutamente  consentito, ci abbiamo provato in ogni modo, ma questa volta non abbiamo trovato ne le persone, ne le combinazioni economiche per poter raggiungere lo Stadio Friuli. Onore a Vincenzo Leone, il solo ad aver manifestato la volontà di andare su a Udine, per rappresentare il club, in uno stadio in cui siamo già stati presenti due volte negli anni passati. 
Abbiamo bisogno di rifiatare mentalmente ed economicamente per questo importante sprint finale!
Quindi lunedì sera tutti al Club a sostenere la Juventus! Vogliamo un "club-bolgia"!
TRASFERTA A LISBONA:
Il nostro club continua il suo tour in giro per l'Europa, adesso toccheremo anche il Portogallo per la prima volta. Anche a Lisbona saremo presenti nonostante le difficoltà nel reperire immediatamente una soluzione aerea economica. Per fortuna poi si è pensato di mettere su, da parte degli amici marchigiani (Jesi, Offida e Gruppo Marche), un volo Charter, con partenza da Ancona a cifre molto contenute. Sui 230 euro, oltre al biglietto per lo stadio, con partenza al mattino presto e rientro nella nottata subito dopo la partita. Al momento in 5 i soci che hanno risposto presente. Chiunque volesse aggiungersi a loro deve dircelo immediatamente entro breve perchè i posti stanno andando letteralmente a ruba.
P.S. Per Juventus - Bologna del sabato di Pasqua, si viaggia in pullman, ancora disponibili biglietti e posti, affrettatevi, andiamo allo Stadium a sostenere i ragazzi!
JUVENTUS CLUB ANDRIA: SPETTACOLO ALLO STATO PURO!
 

 
 
IL RUGGITO DEL RE LEONE
 
La vittoria della Juventus per 2-0 contro il Livorno, sentiamo di dedicarla interamente a tutti i tifosi romanisti, al loro tecnico Garcia, al loro capitano Totti e soprattutto a tutti coloro che "odiano la Juventus". Tutti questi "individui" si erano un tantino gasati domenica pomeriggio, subito dopo la vittoria della Roma a Cagliari. Del resto....per loro, "è stato bello sognare..."....Noi li abbiamo invece fatti parlare, li abbiamo lasciati sfogare e fatto fare i soliti "voli pindarici", ma poi la realtà è sempre ben altra cosa.
Il campo, come sempre, dice la verità, dice che la Juventus è nettamente più forte di questa Roma. Noi lo sapevamo e lo sappiamo, ma essendo juventini, restiamo sempre con i piedi ben saldi per terra, non facciamo proclami e non ci lasciamo intimorire dalle continue provocazioni gratuite che arrivano non solo dal "fronte romano"! Non hanno ancora capito che più ci mettono pressione è più riescono a concentrare la nostra squadra, più parlano è più Conte ed i ragazzi in campo vanno a "tremila all'ora" nonostante la comprensibile stanchezza! E' inutile questa Juventus ha aperto un ciclo che difficilmente, cari detrattori, riuscirete a fermare! Sognavamo da anni questi momenti e adesso godiamo nel vedervi "arrancare", nel vedervi "soffrire", nel sapervi "tremendamente rassegnati"! Pensare che a Roma parlavano di aiutini, de..."er sistema"....per poi puntualmente essere loro "agevolati" nella speranza di riaprire la corsa allo scudetto....è nessuno dice nulla....nessuna trasmissione speciale, nessun titolone sui giornali....poi ci sono quelli che lamentavano di non avere nemmeno un rigore....per poi ottenerne "uno" e sbagliarlo incredibilmente....(ma non era meglio non averne proprio???). Ricordiamo sempre a questi signori che nell'anno del trentesimo scudetto, la Juve ottenne un solo rigore all'ultima giornata contro l'Atalanta. Ricordiamo anche che la Juve giocava solo una gara alla settimana....con risultati ben diversi...pertanto la domanda sorge spontanea???? Dove sono le differenze????........
Vi diamo noi la risposta: la differenza è una sola.....ANTONIO CONTE! L'uomo che ha fatto perdere il sonno a tantissimi "rosiconi"...ah ah ah ah ah!  
Il primo tempo della Juventus contro i livornesi è stato quasi perfetto. E' tornata la Juve di oltre un mese addietro, sta ritornando la condizione atletica, sta tornando la Juve trita sassi. E' invece tornato al gol (ben due) il nostro RE LEONE, il nostro bomber a "parametro zero": FERNANDO LLORENTE: che campionato, tredici reti già messe a segno dall'attaccante basco, una doppietta strepitosa ha steso il Livorno. Spettacolare la prima rete! Nella ripresa poi la squadra ha controllato con semplicità disarmante la gara, ha tolto il piede dall'acceleratore, iniziando a dosare le forze per la ben più importante sfida di ritorno contro il Lione! Li ci giocheremo le semifinali, li bisognerà dare il massimo, li bisognerà sputare sangue, perchè VOGLIAMO ARRIVARE IN FINALE, COSTI QUEL CHE COSTI! Quanto visto contro il Livorno è segno di assoluta programmazione, è segno che abbiamo un grande Mister che sta preparando al meglio la squadra per questo grande rush finale! Lo sapevamo! Lui non lascia niente al caso, lui studia tutto nei minimi particolari, lui è semplicemente il NUMERO UNO....quello vero! 
Otto sempre i punti di vantaggio a sole sei giornate dalla fine: inizia a venirci l'ansia per l'attesa, sentiamo che il grande momento è sempre più vicino, chi lo avrebbe mai immaginato....Se dovessimo riuscire a conquistare il terzo scudetto di fila, sarebbe fantastico! La prossima trasferta di Udine è davvero forse l'ultimissimo scoglio da superare, vincere anche al Friuli potrebbe voler significare, titolo sicuro al 99%! Prima però ci sarà da scalare un altra montagna difficile in Europa, quella del Lione! Come ha detto il Mister, con l'aiuto di tutto il pubblico, sicuramente ci riusciremo. I biglietti sono andati a ruba in pochissimi giorni. Lo Stadium sarà un catino ribollente di passione ed entusiasmo per spazzare via tutti assieme questi francesi!
La trasferta di lunedì sera contro il Livorno è stata di quelle più tranquille della stagione. Un auto, quella di Pasquale, con la sua famiglia, oltre a Giuseppe Guglielmi, anche lui con la sua famiglia e il solito, oramai insostituibile, Giorgio Nicolamarino, questi ultimi tutti in aereo! In 9 per un lunedì sera, tutti appassionatamente in Curva Sud. Bellissimo. Riusciamo ad esserci sempre! Eccolo nella foto articolo,  Giorgio, ritratto dopo aver attaccato al bocchettone il nostro immancabile stendardo, questa volta portato senza aste. Un ringraziamento doveroso a Giorgio per aver radunato le due famiglie e averle condotte per la loro prima volta all'interno dello Stadium. Bello ricevere i messaggi di ringraziamento da parte di Pasquale e Giuseppe, felici per aver coronato il sogno dei loro figli, ma sicuramente anche il loro! Senza tregua, senza riposo, rieccoci subito tuffarci nell'organizzazione della spedizione verso Torino contro il Lione di giovedì sera. Mercoledì in tarda serata, partirà il mini bus con ben 27 persone a bordo, direzione STADIUM, direzione JUVENTUS - LIONE. A condurre i nostri su, sarà Gianni Zagaria "u capelloun"! Giovedì mattina invece partiranno altri 7 soci in aereo tra i quali Vincenzo Quacquarelli ribattezzato "il re delle scommesse". Una bella comitiva. Forza ragazzi portateci in dono le semifinali di Europa League! Noi come sempre abbiamo risposto presenti al richiamo del Mister Conte che ha invitato tutti ad esserci a Torino! 
Prima di chiudere vorremmo lasciarvi con un pensiero su Zio Fester...alias Galliani......: 
prima di uscire dalla Champions aveva detto: "noi non siamo una squadra da Europa League...noi certe competizioni le snobbiamo...."....curioso vederli adesso affannarsi in una rincorsa ad un posto nella prossima edizione della Europa League....di colpo adesso interessa a tutti????? 
FORZA JUVENTUS!
JUVENTUS CLUB ANDRIA DA SEMPRE AL TUO FIANCO!
p.s. un grande saluto agli amici del GRUPPO MARCHE e dello JUVENTUS CLUB MASSA! Poi vi diremo perchè! Onorati della Vs. amicizia!
FINO ALLA FINE!
 

 
 
IL SOGNO EUROPEO CONTINUA. ORA CALMA E SANGUE FREDDO
 
La Juventus continua a stupire in Europa. Anche lo "Stade de Gerland" di Lyon in Francia è stato espugnato. Dopo le vittorie di Trebisonda e Firenze, adesso giunge un altra pesante affermazione nell'andata dei quarti di finale contro l'ostico Lione. 1-0 il finale, con rete di Leonardo Bonucci, giocatore con qualche limite, che spesso ti fa incazzare, ma con un attaccamento alla maglia davvero impressionante. La partita in terra francese non è stata assolutamente facile. Lo sapevamo, il Lione del resto, ha esperienza internazionale oramai acquisita da moltissimi anni di Champions League. Giocare in quello stadio non era semplice. Le tribune sono subito a ridosso del campo con un pubblico, abbastanza caldo. Il primo tempo è stato difficile con una Juventus a tratti impalpabile e quasi evanescente in avanti, a parte una conclusione di Tevez respinta dal portiere francese. Continua ad essere stregato il palcoscenico europeo per il nostro Carlitos Tevez. Anche a Lione niente gol, anzi una uscita dal campo a metà ripresa ci aveva fatto preoccupare, ma in realtà pare che tutto sia sotto controllo. Resterà forse a riposo contro il Livorno per poi riprovarci ad andare in rete in campo europeo, nel ritorno allo Stadium contro i transalpini. Nella ripresa con l'ingresso in campo di Giovinco e Vucinic, la Juventus alza incredibilmente il ritmo. Inizia a giocare per trame orizzontali, come del resto sa fare, ed inizia a rendersi sempre più pericolosa in avanti. Dopo una rete clamorosa fallita sotto porta da Mirko Vucinic ecco a 5 minuti dalla fine arrivare la rete della vittoria ad opera di Leonardo Bonucci che fa esplodere di gioia un settore ospiti pieno all'inverosimile e straripante di entusiasmo. Viene a festeggiare proprio sotto di noi. Delirio totale con Leo che, facendo ruotare l'indice intorno alla bocca, lancia un chiaro messaggio a tutti i suoi detrattori....."SCIACQUATEVI LA BOCCA". Voi immaginate in quel momento....tutti i "cari tirapiedi" che stavano già pregustando un pareggio...come si saranno sentiti morire. Sapete cosa dicevano subito dopo????....."perchè giocava la Juve??????..."....."non l'abbiamo nemmeno guardata...".....oppure...."che voi una coppetta state facendo..."....."che voi il Lione stavate affrontando...." ah ah ah ah ah ah ah ah....quanto ci fate ridere....quanto ci fate godere nel vedervi soffrire.....
Il nostro sogno continua, il nostro sogno di poter tornare finalmente a trionfare in Europa va avanti. Non svegliateci, lasciateci sognare ad occhi aperti, lasciateci immaginare a quanto potrebbe essere bello riuscire a conquistare questo trofeo! Purtroppo è compiuta solo mezza missione, l'altra mezza va portata a termine giovedì prossimo nella nostra casa. E' finito semplicemente il primo tempo, come vi avevamo detto dopo il pareggio interno contro la Fiorentina. Adesso c'è da completare l'opera per poter approdare ad una storica semifinale di Coppa Uefa. Avanti Ragazzi Noi ci crediamo!
La trasferta dei nostri 9 soci a Lione è stata bellissima! Un altra tappa si è aggiunta nel nostro lungo tour europeo. In Francia il nostro club in 11 anni di vita non ci era mai stato. E' stata la nostra prima volta in questa nazione. Partiti alle 5 del mattino da Andria con le auto verso l'Aeroporto di Bari i nostri intrepidi e incredibili soci, capitanati da Francesco Nicolamarino e Fabio Attimonelli hanno preso il primo volo per Orio al Serio. Giunti li alle otto del mattino, hanno ritirato il furgone a noleggio da 9 posti, un comodissimo "Vito" della Mercedes per immettersi subito in autostrada direzione Torino. Sosta in autogrill per fare finalmente una tranquilla colazione, poi dritti a Torino per ritirare i biglietti per lo stadio. Arrivati "sotto" la Mole, si imbattono nel movimentato mercato rionale di "Porta Palazzo" a Torino che li fa perdere molto tempo nel traffico. Poi dopo un altro caffè, riescono verso le 13 a lasciare Torino per dirigersi verso il "traforo del Frejus". Allegria è buon umore a bordo. Trasferta tranquilla. Il Presidente, quando c'è, tiene tutti a "bacchetta"....ah ah ah ah ah....
Giuliano Zefferino ogni tanto ricorda a Fabio, la differenza tra la trasferta a Napoli di qualche giorno prima è quella che stavano "consumando"....Fabio risponde...."oggi sembra di essere in pellegrinaggio parrocchiale"....che ridere...
Francesco Troia e Tommy Moscatelli (l'eroe di Trebisonda), dormono alla grande sul retro del furgone, mentre Michele Zagaria, Gino Patano, Giorgio e Roberto Nicolamarino, tengono abbastanza svegli Fabio e Francesco che si alternano alla guida nei quasi 500 km di viaggio. La stanchezza di essersi svegliati all'alba si fa sentire. Superato il traforo,....che costa ben 53 euro andata e ritorno per soli 12 km di lunghezza, i nostri si fermano in un autogrill francese. Ottime baguette vengono divorate dai nostri. Inizia l'approccio con la lingua francese....che ridere....Michele Zagaria che cerca di farsi comprendere in un dialetto andriese...trasformato in francese...."Le potit riempir le baghett por prosutt....????"....ah ah ah ah ah...
Fatto rifornimento di baguette anche per la sera, il viaggio continua. In Francia sulle autostrade, la "noia" è dipesa dalle continue interruzioni, con le barriere autostradali disseminate lungo il percorso, per poi farti comunque riprendere il cammino sempre in autostrada....Fabio nel pagare al casellante chiede....."le scuntrin????" ovvero voleva la ricevuta del pedaggio....risata generale nel furgone. Alle 16,30 finalmente giungono alla barriera autostradale di Lione dove ad attenderli c'è la Polizia locale. Subito dopo arrivano il pullman a due piani dei Drughi e quello di Tradizione oltre al pullmino dei ragazzi romani dello stendardo "Ignoranza e Maleducazione".  Dopo poco la Polizia si rende conto che non arriverà più nessuno. Tutti gli altri tifosi erano oramai già transitati e abbondantemente arrivati. Vengono condotti subito allo stadio, scortati. Giunti nel parcheggio dello stadio, trovano la marea juventina al seguito. Proprio tanti. In oltre 2.000 nel settore, ma con una buona fetta di tribuna tutta bianconera. Una invasione. Da qui comprendiamo quanto forte sia la voglia di tornare a vincere in Europa. Dopo un paio di ore nel parcheggio a ridere e scherzare con i vari amici di altri gruppi ecco che finalmente alle 19 vengono aperti i cancelli. Si entra dentro è si posizionano in basso al primo livello dietro lo striscione del Gruppo Tradizione. Eccoli nella foto dell'articolo, ritratti prima dell'inizio della partita, con il Presidente che tiene lo stendardo a mano. Inizia la partita, sale il tifo, che diventa sempre più possente. I francesi ci guardano stupiti è con invidia. Ci si manda a cagare, spuntano bandiere del Toro e della Viola...sempre tra i piedi...poveri sfigatelli! Nella ripresa i nostri, "Fabio e Gino" aiutano a tenere a mano lo striscione di Tradizione, sempre alzato per tutti e 45 i minuti. Al gol, loro, essendo in primissima linea, si ritrovano in pratica quasi in campo! Alla rete di Bonucci, lo Stade de Gerland è un tripudio di scirape e bandiere bianconere. Il tifo rimbomba in tutto l'impianto. Ma il meglio doveva ancora arrivare. Finita la gara, chiusi nel settore nel silenzio dell'impianto oramai vuoto, il settore ospiti bianconero inizia a cantare a squarcia gola il nuovo coro...."sono un Ultras bianconero, ed amo soltanto due color....girando per lo stivale intero, la Juve per sempre sosterrò...ale ale ale oh...ale ale ale oh...ale ale ale ale ale oh..." Cantato per quasi 25 minuti in maniera spettacolare, con inservienti, steward, forze dell'ordine, giornalisti, tutti intenti a riprendere lo spettacolo. Su Youtube oramai impazzano i video. Spettacolare l'applauso finale che tutti "ci siamo fatti". Questo a dimostrazione che la curva bianconera ha fatto progressi enormi negli ultimi anni! Complimenti a chi c'era. Gente vera, tifosi veri, come Noi, che cantano sempre, non occasionali, perchè Lione non era trasferta per occasionali! Prima di uscire i saluti con Bassa Valle, Ragazzi Ungheresi (arrivati da Budapest in 4 con l'auto....da pazzi...) e i tantissimi altri amici arrivati sino a Lione. 
Sosta in autogrill stracolmo di tifosi juventini di rientro. Poi il traforo è via verso l'Italia, verso l'aeroporto di Bergamo, dove arrivano verso le 6,30 del mattino, condotti dal "grande" Michelone Zagaria, in tempo utile per riprendere il volo delle otto per Bari. I ragazzi sono felici, il Presidente, nonostante la stanchezza, pure. Un altra tappa si è compiuta. Alle dieci arrivano ad Andria, ognuno preso già dal riprendere la propria quotidianità. Weekend tranquillo, visto che adesso giocheremo quasi sempre di lunedì, a goderci la tranquillità delle famiglie o degli amici. 
Lunedì contro il Livorno ennesimo sacrificio. In nove, con due nuclei famigliari al seguito e Giorgio Nicolamarino a far da condottiero. Parte in aereo e parte in auto. Oramai Giorgio è una splendida realtà tra le nostre nuove leve al club! 
La storia continua! Ci saremo, come sempre! 
Giovedì invece contro il Lione siamo riusciti ad organizzare un mini bus da 28 posti oltre a 5 che saliranno in aereo. 
Qualcuno al rientro ad Andria da Lione ha detto: ma siete un club ricco????? No, non siamo un club ricco, siamo semplicemente un club, come tanti in giro, animato da forte passione per la propria squadra, grande organizzazione e soprattutto tanta follia nella zucca...senza di questi ingredienti non andremmo da nessuna parte! 
JUVENTUS CLUB ANDRIA: PASSIONE ALLO STATO PURO!
 

 
 
TRASFERTONA A NAPOLI. SPLENDIDO WEEKEND
 
Questa di Napoli è stata il classico esempio di trasferta dove il risultato passa assolutamente in secondo piano. Della partita ci è interessato praticamente niente o quasi. Ma questo non perchè la Juventus abbia, meritatamente perso (2-0 il finale), la seconda partita del campionato, ma per tutto quello che ci è stato intorno a questa splendida due giorni trascorsa con i R.U.J. (Ragazzi Ungheresi Juventus) e con i ragazzi dei Gruppi Bassa Valle e Aosta. In tutto 18 unità, arrivate ad Andria chi dal sabato pomeriggio, chi dalla domenica mattina. Un piacere come sempre poterli ospitare qui da Noi. Un altra occasione che è servita per cementare ancora di più amicizie oramai che durano negli anni. Storica quella con i ragazzi della Bassa Valle juventina. Iniziamo dall'arrivo degli ungheresi, capitanati come sempre dall'incredibile Blas che in pullmino da 9 posti ha condotto ad Andria i suoi ragazzi percorrendo ben 1.500 km da Budapest. Sacrifici incredibili che solo gente come noi può realmente comprendere! Questo a dimostrazione che se una squadra ti prende non esiste territorialità, nazionalità o puttanate varie. Esiste solo l'amore per quella maglia. Che non va assolutamente frainteso per l'amore per la propria città, per la propria terra d'origine e di appartenenza. Il calcio è come l'amore per una donna. Uno può innamorarsi follemente di una donna lontana km dalla propria città, stessa cosa accade per il calcio, che, che, se ne voglia dire! 
Arrivati al casello autostradale di Andria abbastanza "alticci", li abbiamo condotti subito presso l'Hotel in centro dove hanno alloggiato. Riposo d'obbligo dopo i tantissimi km macinati, per poi alla sera darsi appuntamento tutti freschi e riposati per andare a cena a Corato assieme agli amici dello JC Corato in una trattoria del centro città. In quasi cinquanta abbiamo occupato l'intera sala del locale facendo baldoria sino a tarda ora. Bellissima serata. Alle due della notte, quando oramai con la nuova ora erano in pratica già le tre, a fatica rientravamo ad Andria con i ragazzi Ungheresi per andare tutti a dormire. Al mattino, il Presidente e Nicola Pisani si recavano a primissima ora in aeroporto per prendere i ragazzi di Bassa Valle e Aosta che arrivavano con due diversi voli. Alle 11,00 tutti erano già in hotel ad Andria. Subito una passeggiata in centro con aperitivo, per poi a mezzogiorno in punto recarci tutti a pranzo in un ristorante sempre in centro città. Molti dei nostri partecipanti alla trasferta hanno preso parte a questo pranzo che segnava in pratica il vero inizio della "trasfertona". Alle 14,00 terminato il meraviglioso pranzo preparatoci dal ristoratore amico, tutti abbastanza carichi raggiungiamo il punto di ritrovo e partenza del bus, dove nel frattempo erano confluiti tutti coloro che non avevano partecipato al pranzo. Alle 14,30 prendiamo l'Autostrada direzione Napoli in ben 61 a bordo. Il caldo si fa sentire! La cosa più curiosa era vedere che ognuno aveva portato un qualcosa da bere. Avevamo a bordo di tutto di più, dai super alcolici agli amari, dal limoncello alle birre, dal vino alle red bull, insomma non ci siamo fatti mancare nulla. Incredibile "l'arsenale alcolico" portato dagli ungheresi. Una grappa "stupefacente" ah ah ah ah ah ah. Arriviamo a stento alla prima ed unica sosta in autogrill. L'autista deve suo malgrado sopportare la nostra straripante euforia. In questi viaggi la ditta lo sa, non ci sono persone "normali".....c'è la parte più massiccia del nostro club, quella che non va a Napoli per la partita ma solo per esserci e divertirsi a "modo nostro"! Nuvole di "fumo" si addensavano all'interno del bus, un bus che noi amiamo definire "anni '70" per la sua vetustà....ma va più che bene per andare a Napoli! 
Anche i soci più tranquilli a bordo, venivano contagiati dall'entusiasmo dilagante dei "capi popolo" come Salvatore Caldarone e Salvatore Lomuscio. Due autentici leader. Cori su cori, tutti rivolti ai napoletani ovviamente, l'adrenalina saliva sempre più. Battimani, battivetro....addirittura trenini nel corridoio del pullman, dove ad un certo punto non si capiva più nulla. Alla sosta in autogrill, anche un Napoli Club incontrato, si è subito reso conto di che pasta eravamo fatti....brutta gente...avranno pensato...ah ah ah ah ah ah! Qualcuno nel frattempo a bordo iniziava a sentirsi male....sarà stato il mal di pullman????......sacchetti sempre pronti all'uso.....ah ah ah ah ah! Giungiamo verso le 17,00 alla barriera di Napoli Nord è di li inizia tutt'altra trasferta. La Polizia si accorge di avere a che fare con un pullman "duro" ed inizia da subito ad imporre la legge "napoletana"....Iniziano i primi screzi, i primi battibecchi, sedati a stento dal nostro Fabio. Contenere tutti non è stato facile per lui. Diversi momenti di tensione ai controlli con la Polizia. Diverse volte volevano già portare via qualcuno dei nostri. Insomma l'aria non era delle migliori. Come sempre la repressione che attuano a Napoli nei confronti del tifoso juventino è un qualcosa da denuncia nei confronti di chi dovrebbe garantire l'ordine pubblico ed in realtà assume comportamenti da "camorristi". Ecco questo è il termine più appropriato per questi "leoni" in divisa.....
Riusciamo finalmente ad essere condotti allo stadio in tempo, rispetto a tutti gli altri anni è qui la sorpresa...controlli su controlli. Ogni 500 mt. dalla discesa dal pullman troviamo un filtraggio di poliziotti e steward che ci controllano nelle mutande e nelle scarpe....cioè ma ci rendiamo conto????? Andare allo stadio così è diventato uno schifo. Trattati peggio delle bestie in un macello! Altra sorpresa. La nostra mini coreografia fatta di "30 bandierine" gialle riportanti il logo della Juventus, con una piccolissima astina vengono tutte poste sotto sequestro perchè le "astine" secondo loro non erano a norma! Imprecazioni di Fabio, nuovamente attimi di tensione con la Polizia. La spuntano come sempre loro. Si entra dentro è ci accorgiamo che in 4 non erano passati dopo i controlli. Giunge la notizia che erano stati condotti in Questura. Assurdo, proviamo a contattarli è ci rassicurano che stanno bene, ma che per l'identificazione erano stati portati via. Non gli erano troppo simpatici. Chi c'era sa. Altro non possiamo aggiungere! 
Dentro ci posizioniamo in basso in quello schifo di settore e di stadio. Assurdo aver pagato la bellezza di 45 euro per un settore ospiti che cade a pezzi. Vergogna De Laurentis meriti di continuare a non vincere un cazzo! Attendiamo l'arrivo dei gruppi che vengono condotti con un ritardo incredibile all'interno del settore. Ancor più vergognoso sapere che forse, chi è arrivato a Napoli solo per dire "NOI CI SIAMO" ma senza biglietto...in dono potrebbero avere una diffida! Ma viviamo in un Paese democratico?....ecco poi perchè lo cantiamo con orgoglio il ....NOI NON SIAMO NAPOLETANI!!!!! 
Da premettere che mentre a noi veniva sequestrato è controllato di tutto di più, a loro, i tifosi napoletani, tutto è consentito entrare nello stadio. Dai fumogeni, ai razzi, alle bombe carta e tritoni! Tutte che piovevano sopra le nostre teste! La partita? cosa ve la raccontiamo a fare. Noi non l'abbiamo vista proprio, la Juve non l'ha giocata proprio, quindi non ci siamo persi nulla....ah ah ah ah. Ci poteva stare, il margine di vantaggio resta rassicurante sulla Roma e potrebbe arrivare a otto punti, sempre un buon bottino a sette dalla fine! Noi siamo in testa è possiamo sbagliare qualche partita. Chi è dietro non può sbagliare nulla! Vediamo allora chi sta meglio??? A Napoli con questa vittoria hanno festeggiato tutta la notte.....mentre noi prima di abbandonare il settore cantavamo: VINCERETE...VINCERETE...VINCERETE IL TRICOLOR....Sono proprio ridicoli. Vivono per questa gara per poi ritrovarsi a maggio puntualmente a mani vuote. 
Contenti loro, contentissimi Noi. 
Abbiamo fatto tutto sommato un buon tifo, seppur nella consueta bolgia del San Paolo. A fine partita un altro nostro ragazzo veniva condotto al Commissariato per "identificazione".....insomma abbiamo fatto incetta di "identificazioni più approfondite"....definiamole così.....per fortuna che tutti sono tornati al pullman prima di ripartire. Cosa gli accadrà adesso non sappiamo. Di una cosa siamo certi: la Polizia di Napoli non può assumere certi atteggiamenti irrispettosi nei confronti di gente che vuole semplicemente trascorrere una giornata in goliardia con amici. 
Devono rendersi conto che siamo in Italia non nel Regno di Napoli! 
Si rientra verso le tre della notte ad Andria, stanchissimi ma contentissimi per questa splendida trasferta assieme agli amici di fuori! Un grazie ad Enrico Ferro e Giuliano Zefferino per la collaborazione prestata a Fabio, nei momenti più delicati...e nelle "trattative" con la Polizia!!!! Il lunedì mattina abbiamo salutato prima la partenza dei ragazzi ungheresi in pullmino. Ripetiamo Onore a Loro! Poi dopo un aperitivo in un bar del centro ed una passeggiata, anche i ragazzi di Bassa Valle con i quali abbiamo avuto il tempo di chiacchierare più piacevolmente. Loro sono dei fratelli per Noi! Arrivederci alla prossima Ragazzi! 
Abbiamo rifiatato appena due giorni, che già ci rimettiamo in marcia verso Lione, dove ben 9 nostri soci di Andria saranno presenti nello stadio francese per l'andata dei quarti di finale contro il Lyon. Un altra trasferta nuova. La prima volta del nostro club in territorio francese. La storia continua, le trasferte pure....solo i soldi diventano sempre meno. Per raggiungere la Francia i nostri si sobbarcheranno un altra fatica. Pensate che in 30 ore nemmeno, faranno, andata e ritorno dalla Francia, senza pernottamenti. Nel prossimo articolo vi racconteremo quest'altra odissea. La partita è troppo importante. L'obiettivo Europa League pure. Quindi a costo di perdere qualche colpo in campionato, ma Noi vogliamo arrivare a questa importante finale! Avanti Ragazzi...Avanti Juventus. Noi siamo con Voi. 
JUVENTUS CLUB ANDRIA. PASSIONE VERA!
 

 
 
UN IMMENSO TEVEZ, AFFONDA ANCHE IL PARMA
 
Incredibile. Straordinario. Immenso. Non abbiamo più aggettivi per definire il nuovo numero 10 della Juventus. Carlitos Tevez, l'Apache arrivato questa estate con l'etichetta di "sfascia spogliatoi". Tutti i giornalisti, categoria per lo più composta da tanti ignoranti "raccomandati", diceva..."ha 6 kg. in più....è sovrappeso....un giocatore praticamente finito....uno non da Juve....acquisto inutile". 
Invece niente di tutto ciò. Noi ci avevamo visto giusto. Ecco perchè sin dal suo arrivo a Malpensa, noi tifosi juventini siamo andati in "estasi". 
Ha preso la Juve sulle sue spalle, sin dalla gara di Supercoppa Italiana a Roma nello scorso agosto e ancora oggi continua a portarla avanti. Contro il Parma ha praticamente risolto la partita da solo. 2-1 il finale con una sua doppietta. Nel momento più difficile della gara, nel primo tempo, dopo che il Parma aveva sfiorato il vantaggio, lui, Carlitos, ha siglato una rete magnifica, una progressione, uno scatto terrificante, che ha messo fuori gioco i due difensori del Parma che tentavano di contrastarlo, e in diagonale, quasi come a Catania, ha trafitto il portiere dei ducali che nulla ha potuto! Poi subito dopo è arrivato il raddoppio con un altra bella azione, con Tevez pronto a ribattere in rete una respinta corta del portiere. Poi la Juve ha accusato una comprensibile stanchezza e nella ripresa complice uno splendido gol dell'ex di turno Molinaro, la gara si è riaperta. Ma la Juve ha saputo come sempre soffrire, si è difesa fino alla fine, sfiorando anche la rete del ko. Ridicoli i soliti commentatori, i soliti frustrati dei tanti tirapiedi (potremmo farvi un elenco...), subito ad arrampicarsi sugli specchi, subito a dire che la Juve è stata avvantaggiata....ma di che??...di cosa...??? Siete solo dei poveri sfigatelli. Per non parlare di quella merda umana di "Mourinho" che adesso sta soffrendo come un cane, al solo pensiero che in Italia c'è un altro tecnico che lo supera di gran lunga....ed allora mette le mani in avanti.....Sei solo un povero Coglione....con la "C" maiuscola!
Convincetevi, tutti, che starete così per ancora molto tempo....noi questo momento lo sognavamo da anni, vedervi tutti rosicare non ha prezzo! Che soddisfazione. Record su record che vengono frantumati dalla Juventus. Adesso anche quello delle vittorie consecutive in casa. Ben 15 di fila. Mai nessuno ci era riuscito prima di mercoledì! Abbiamo anche interrotto la serie positiva del Parma che durava da ben 17 incontri! Insomma questa Juve ci stupisce di giornata in giornata. 81 punti a marzo è un qualcosa di inimmaginabile. Adesso la difficile sfida del San Paolo di Napoli. E, vero che i partenopei sembrano oramai fuori dai giochi per il secondo posto, ma è pur vero che con la Juventus tutti mettono quel qualcosa in più per cercare di prendersi almeno una "magra soddisfazione", ovvero cercare di fermare la Juventus dei Record. Noi invece pur consapevoli del valore dell'avversario, delle difficoltà ambientali, dell'assenza proprio di Tevez (squalificato.....meglio aggiungiamo noi...sarà riposato per Lione), vogliamo anche sfatare un altro tabù...vincere al San Paolo dopo tanti anni significherebbe davvero 32° SCUDETTO! Sono già 14 anni che non ci riusciamo! Ed allora proviamoci, andiamo a chiudere davvero questo campionato. Poi forse realmente inizieremo a pensare anche ad altri straordinari record! Testa solo a questa gara. Al Lione inizieremo a pensarci da lunedì mattina! Anche mercoledì sera una nostra piccola pattuglia di soci è stata presente allo Juventus Stadium per la partita Juventus - Parma. Massimo Matera, Giorgio e Roberto Nicolamarino hanno rappresentato al meglio il nostro club, occupandosi degnamente delle svariate faccende "casalinghe". Giorgio e Roberto del resto sono delle autentiche rivelazioni. Due ragazzi sui quali oramai puntare forte per il prossimo futuro. Tutti li conoscono in Curva, dagli steward ai Gruppi. Poi c'era Massimo. Una garanzia, una certezza, il prossimo papà! In aereo comodamente da Bari su Torino con l'Alitalia. Alle 16 erano già in centro a Torino, portati da Alex e Rocco del Gruppo Tradizione, che ringraziamo. Sosta al solito bar, poi passaggio dall'albergo dove hanno pernottato per poi recarsi all'altro bar, quello nei pressi dello stadio, consueto ritrovo degli Ultras Bianconeri. Alle 19,45 dopo aver atteso i ragazzi del Gruppo Bassa Valle ed Aosta, finalmente entrano dentro. Massimo si posiziona in vetrata principale con i tanti amici del Gruppo Tradizione, mentre Giorgio e Roberto qualche fila più sopra. Alla fine, urlo di esultanza sia allo Stadium che al Club. Ecco nella foto dell'articolo, il saluto della Juve, alla Curva Sud Scirea, eccoli i nostri ragazzi in prima linea che festeggiano la squadra, da notare Chiellini il gladiatore con la testa tutta fasciata per colpa della gomitata ricevuta da un altro sfigato che di nome fa: Amauri....."Siam venuti fin qui....siam venuti fin qui...per vedere segnare Amauri.....oh oh oh oh oh" 
E' stata una sofferenza incredibile negli ultimi minuti,  ma alla fine una soddisfazione immensa per altri tre punti importantissimi che tengono la Roma sempre a 14 punti dietro! I ragazzi recuperato il tutto in tram hanno raggiunto la zona della stazione di Porta Nuova dove alloggiavano in albergo per poi all'indomani (giovedì) dopo colazione, raggiungere Caselle per far rientro a casa. Un altra presenza del nostro Club che continua ad esserci sempre in ogni campo in Italia e in Europa. Che soddisfazione! Adesso ci stiamo preparando alla difficilissima, ma sempre irrinunciabile trasferta di Napoli. Un pullman da 60 è bello pronto con tanta bella gente a bordo e soprattutto i nostri inseparabili amici di Bassa Valle, Aosta e Ragazzi Ungheresi, che faranno tappa qui da noi per poi partire tutti assieme verso Napoli. Qualche nome dei nostri che andrà a Napoli? Fabio, Salvatore Lomuscio, Salvatore Caldarone, Enrico, Giuliano, Gregorio, Sinisi, Palladio, Giancarlo Conversano.....vi bastano questi qui?? Ci sarà anche Chiara Abbasciano unica donna! 
SEMPLICEMENTE JUVENTUS CLUB ANDRIA. 
 

 
 
VINTA ANCHE "LA BATTAGLIA" DI CATANIA
 
Che sarebbe stata una sfida difficilissima, quella del Cibali (ci piace ancora chiamarlo così lo stadio catanese) questo lo sapevamo già. Ma che il Catania l'avrebbe addirittura trasformata in battaglia....questo non c'è lo aspettavamo. Assurdo che una squadra che ha condotto sin qui un campionato mediocre, aspetti solo e soltanto la Juventus per cercare di rialzare la testa, lottando come se stessero per qualificarsi in zona Champions League, per poi la domenica prima perdere l'importantissima sfida salvezza contro il Sassuolo in maniera netta ed inequivocabile! Ma del resto da una Società presieduta da un tale "Pulvirenti"........(ci asteniamo dal dirvi cosa pensiamo di lui.....), cosa ci saremmo potuti aspettare? Ancor più bello è stato vincere "la battaglia"...ancor più bello vederli rosicare dopo che iniziavano a pregustare la conquista di un punto. Assurdo, semplicemente assurdo però, che una Società che militi in Serie A possa permettere ai propri tifosi (?????) di assalire il pullman della squadra avversaria a pochissimi km dallo Stadio. E poi vorrebbero restare in Serie A????? Ma fateci il piacere....Noi non badiamo alle chiacchiere dei giornali che continuano a ribadire che lo scudetto sia già vinto dalla Juventus. Lo fanno per cercare di rilassare un tantino la squadra nella speranza che magari in queste gare di marzo perdessimo qualche colpo....In cuor loro non lo dicono ma ovviamente ci sperano che magari con qualche pareggio si riuscisse a mettere del pepe a questa coda del campionato. Ma noi che siamo gente navigata, molto navigata, dal Mister alla squadra, dalla Società ai veri tifosi come noi, non ci siamo lasciati "abbagliare" da questi facili entusiasmi. Sapevamo che le trasferte a Genova e Catania con in mezzo la fatica di Firenze, avrebbero potuto nascondere delle insidie grosse. Ci sono state e le abbiamo superate alla grande. Qualcuno dirà con un pizzico di fortuna....bene sappiatelo, la fortuna assiste sempre chi è più forte! Quindi cari tirapiedi parlate di meno e rosicate sempre di più! 1-0 per la Juve il finale anche al Cibali, dopo quelli del Marassi e del Franchi.....e tutti a casaaaaaa come dice il nostro Salvatore Lomuscio! In soli otto giorni tre vittorie in trasferta pesantissime. Abbiamo mantenuto il vantaggio sulla Roma di ben 14 punti, un' altra giornata di campionato è trascorsa....adesso ne mancano soltanto nove e soprattutto è aumentata la nostra consapevolezza di avere una squadra di grandi giocatori che non si sono assolutamente risparmiati alla battaglia voluta dai catanesi, non si sono lasciati intimorire, non sono caduti nella trappola del nervosismo, anzi alla lunga sono stati proprio gli etnei a farsi cogliere impreparati. Del resto con un condottiero come Antonio Conte in panchina ed un Apache in campo come Carlitos Tevez non poteva che finire con la Juve vittoriosa...come sempre! Proprio Tevez ha siglato la rete della vittoria, la sedicesima di questa stagione, uno score incredibile da parte dell'argentino, che mai avremmo potuto immaginare ad inizio stagione. Stiamo attraversando un periodo difficile dal punto di vista degli infortuni. A raffica, situazione questa che sta costringendo il Mister a schierare quasi sempre gli stessi undici. Applausi a Marco Storari, a Martin Caceres, a Mauricio Isla, a Simone Padoin, a Daniel Pablo Osvaldo che chiamati alla causa solo quando necessario stanno sempre rispondendo alla grande. Ma qui i complimenti vanno tutti al nostro unico e grande Mister che ha formato un gruppo prima di veri uomini poi di campioni e di gregari autentici! Lui come nessun altro in circolazione in questo momento è il Mister più adorato dai giocatori, tutti vorrebbero essere allenati da uno come lui. Da considerare anche che a Catania si è vinto anche e nonostante quel pezzo di merda di Damato nostro conterraneo. Il solito protagonista ha cercato di metterci del suo cacciando Conte e contemporaneamente anche il tecnico etneo Maran dalle panchine. Siamo tornati dalla Sicilia con il petto gonfio d'orgoglio per quest'altra importantissima vittoria che ci avvicina sempre più alla conquista del terzo scudettodi fila!
78 punti conquistati e siamo ancora a marzo. 
Anche a Catania siamo stati presenti noi dello Juventus Club Andria (eccolo Salvatore Lomuscio nella foto, ritratto nel pre partita all'interno del settore ospiti dello Stadio Cibali). Ancora una volta siamo stati a Catania. La quarta volta nella storia del nostro club. Molti continuano "stupiti" a chiederci, come facciamo ad avere questa costanza che ha davvero dell'incredibile. Non sappiamo più rispondere, ci meravigliamo anche noi. Sappiamo solo che la nostra è una grande passione per una squadra che amiamo alla follia! Siamo consapevoli di aver creato un grande Club, stimato e rispettato oramai da tutti! E' bello vedere la disponibilità di tutti a partire per ogni dove, su qualsiasi campo, anche nei più pericolosi come quello catanese. Li non è mai una passeggiata. Lo abbiamo visto anche quest'anno. Partiti in tre in auto al mattino verso le sette da Andria, (Salvatore e Vincenzo con Ferrucci il grande ed inesauribile Presidente dello Jc Corato), dopo aver fatto rifornimento ed una abbondante colazione al Bar Aurora si sono diretti subito verso le strade della Calabria....sempre un terno al lotto quando si percorre quella maledetta "A 3"! La loro destinazione era Lamezia Terme questa volta, dove alle undici circa lasciata l'auto, sono montati a bordo del pullman dello JC Lamezia Terme che ha ospitato i nostri ragazzi a bordo. Pullman molto tranquillo ci raccontano. Solite foto di rito quando si attraversa lo stretto con tanto di "pezza". Poi sbarcati a Messina verso le 15,00 hanno subito preso l'autostrada per Catania, dove all'arrivo c'era la Polizia per i soliti controlli di rito. Tantissimi i club siculi e calabresi presenti, come anche immancabili le presenze del Gruppo Napoli (applausi per loro). Alla fine in trasferta tolti gli occasionali, ci si ritrova sempre gli stessi, oramai ci conosciamo tutti. Nel settore dopo svariati controlli anche sul bus riescono ad entrare verso le 18,00. Tutti i Gruppi arrivati invece in aereo nel primo e tardo pomeriggio arrivano nel settore soltanto verso le 20. Un bel settore alla fine, bello pieno con un bel tifo. I nostri si posizionano alle spalle di Tradizione come sempre. Salvatore, un grandissimo, riceve un primo piano incredibile dalle telecamere. Lui orgogliosissimo di esserci stato per la prima volta in quello stadio ci invia un messaggio in siciliano al termine della gara: "NA PUTITI SULU SUKARI...." ah ah ah ah ah...incredibile. Un applauso a lui capace in questa stagione di esserci a Firenze, Livorno, Bergamo, Verona, Catania e domenica a Napoli. Campi tutt'altro che facili...Cos'altro dire ad una persona del genere! Solo tanto di cappello! Ha preso letteralmente in mano il nostro Club. Poi il viaggio di rientro verso Lamezia dove arrivano alle 5 del mattino, in ritardo, causa uscita dallo stadio ad ora tarda....Ad Andria arrivano alle 8,30 del mattino giusto in tempo per recarsi al lavoro. Complimenti ragazzi! Domani contro il Parma ci aspetta un altra fatica di mercoledì. In campo sarà dura, contro una squadra che non perde da ben 17 partite. Pensate gli ultimi a batterli siamo stati proprio noi. Loro sono lanciati verso un clamoroso ritorno in Europa. Noi però siamo lanciati verso la conquista del tricolore e vogliamo chiudere quanto prima i conti in vista della difficile trasferta a Napoli. In sole tre unità si recheranno su a Torino, mercoledi sera contro il Parma, con Massimo Matera, Roberto e Giorgio Nicolamarino a rappresentarci. Loro quelli del mercoledi....come li ha definiti Fabio, lasceranno Andria per raggiungere Torino direttamente in aereo. Pernotto sotto la Mole per poi far rientro giovedì. 
NON CI FERMIAMO MAI! Già pronti per Napoli (pullman da 60 posti tutto al completo....spiace per chi si è mosso in ritardo ed è rimasto a terra) e Lione (in nove con furgone a noleggio)!
SEMPLICEMENTE JUVENTUS CLUB ANDRIA!
 

 
 
LA "MALEDETTA" DI ANDREA PIRLO...VISTA DAL SETTORE OSPITI!
 
Questa foto per noi rappresenta tantissimo. Siamo al minuto 71 della gara di ritorno degli Ottavi di Finale giocati allo stadio Franchi di Firenze, tra i viola e la Juventus. I nostri soci sono tutti nella parta alta del settore, chiamati a raccolta da Fabio nell'intervallo. Proprio Fabio è nervosissimo. Bestemmia, impreca con terminologie dialettali, guarda come uno schizzo frenico il tabellone della Curva Ferrovia. I minuti passano, il tempo per segnare almeno un gol diminuisce sempre più. Alberto Tesoro si agita, chiede più convinzione. Si canta nel frattempo, si cerca di spingere la squadra oltre l'ostacolo. Giuseppe Tattolo è il più tranquillo, ripete più volte a Fabio...."tranquillo segniamo"...."tranquillo la Juve andrà avanti". I ragazzi più giovani seguono con attenzione lo sviluppo dell'azione che porta alla punizione di Pirlo. Llorente si gira, sta per calciare, ma viene messo giù. Ammonizione, cartellino rosso. Viola in dieci uomini. Esultiamo, ma siamo ancora 0-0. E' qui che fabio chiede a Gaetano Maddalena di prendere il cellulare ed immortalare questo momento. Dice convinto: "sarà il momento chiave e faremo utilizzare questa foto per l'articolo del sito". Gaetano scatta...dopo pochi secondi...ci ritroviamo l'uno sull'altro...gente stesa per terra sui gradoni, incredula, impazzita di gioia. Fabio si precipita in basso nel parterre, corre ad abbracciare tutti gli amici dei vari Gruppi. Poi lo vediamo dirigere dal basso i cori dell'intero settore assieme ad altri. 
Che grossa soddisfazione, eliminare i viola dalla Coppa Uefa, a casa loro.
NOI CI ABBIAMO CREDUTO. ADESSO ANDIAMOCI A PRENDERE LE SEMIFINALI A LIONE. FORZA RAGAZZI. NOI CI CREDIAMO

 

 
 
AVEVAMO RAGIONE NOI. JUVE AI QUARTI DI FINALE
 
Dopo aver gustato la "fiorentina" a pranzo, adesso l'abbiamo gustata anche a cena, ben cotta! Poi se a questo ci aggiungiamo anche l'aver sorseggiato un ottimo vino liquoroso, come il "Porto"......., bene ragazzi capirete che giovedì sera la nostra cena è stata proprio "il top". 
Ve lo avevamo detto, ne eravamo convinti, la Juve dopo il pareggio casalingo nella gara di andata, aveva semplicemente chiuso il primo tempo. Il secondo tempo da giocarsi a Firenze aveva ringalluzzito tutti, viola e tirapiedi, oltre ai soliti "incompetenti" giornalisti. Tutti ci davano già per morti. Tutti speravano è volevano far capire che alla Juve non interessava questa Coppa. Lo dicevano apposta per cercare di destabilizzare l'ambiente, ma ancora una volta, come sempre, lo hanno preso tutto a quel posto! A Firenze la Juve ha vinto per 1-0 con un altra magistrale punizione di Andrea Pirlo, un giocatore che meriterebbe un Pallone d'Oro alla carriera, come Alessandro Del Piero. Stesso stile di Genova, angolino opposto. Il primo tempo è stato giocato contratto da entrambe le formazioni, primo quarto d'ora sicuramente meglio la Fiorentina, poi qualche occasione anche per la Juve. Ma la sfida non decollava. Troppo sentita la partita, troppo importante la posta in palio. Nella ripresa la Juventus, che ha schierato in pratica 9/11 della formazione titolare, fuori il solo Lichsteiner (poi subentrato a Isla) per scelta tecnica e Barzagli per infortunio, ha alzato subito il ritmo, ha capito che la Fiorentina era sulle gambe, sentivano troppo la pressione del loro pubblico e il passare dei minuti gli metteva sempre più ansia. I nostri invece hanno iniziato a far girare la palla, come sanno fare, hanno imbrigliato i viola che arretravano sempre più il loro baricentro. Poi il momento cruciale a poco più di venti minuti dalla fine. Llorente arpiona un pallone, si gira, prende il tempo all'avversario che lo stende al limite dell'aria. Doppia ammonizione e cartellino rosso. Viola in dieci. Pirlo va sul pallone, lo sistema, lo guarda, scruta la barriera, chiede il rispetto della distanza, osserva il portiere, con calma e tranquillità, riabbassa lo sguardo per alzarlo al fischio dell'ottimo arbitro Webb. La piazza nuovamente nell'angolino. Strepitoso. Nel settore Ospiti non si capisce più nulla. Ci si ritrova uno sull'altro, pazzi di gioia. Al Club esplode la festa. Poi iniziano i venti minuti più lunghi. Il tempo sembra non trascorrere mai. Ci si chiede sempre quanto manchi, chi allo stadio guarda il tabellone. Sfioriamo il 2-0 in più occasioni, non rischiamo praticamente più nulla. Al triplice fischio dell'arbitro ha inizio la nostra festa al club, allo stadio, tutti uniti da una passione, da una fede, dall'orgoglio di essere tifosi juventini. Noi ci abbiamo creduto è siamo stati premiati! Noi siamo quelli che non mollano mai. Noi siamo quelli che sostengono la squadra a prescindere. Conte ci ha ascoltato, la mail inviata nei giorni precedenti la sfida al Franchi a Marotta e al Team Manager della Juve ed indirizzata a Conte, avrà fatto effetto. Marotta ci ha ringraziati nella sua gentile e pronta risposta. Gli avevamo in pratica detto che Firenze valeva per noi quanto un derby contro il Toro. Che il trentaduesimo titolo vale per noi quanto gli altri precedenti. Che l'Europa League per noi in questo momento vale quanto una Champions League. Pertanto si chiedeva di mettere in campo 11 tigri fameliche, le migliori possibili! Ascoltati! Grazie Mister, Grazie Società! Noi siamo con Voi!
La trasferta dei nostri 9 intrepidi soci a Firenze è stata a dir poco entusiasmante. Ci hanno creduto i ragazzi sin dal primo istante dopo il pareggio dell'andata. Da premettere che alcuni gruppi della Sud hanno deciso di disertare la trasferta per protesta contro la scelta di chiedere l'obbligo di tessera del tifoso con biglietti "nominativi"....poi in pratica scritti a penna. Una forzatura assurda. Che non sta ne in cielo ne in terra. Poi il costo del biglietto assurdo a 50 euro per un settore a dir poco vergognoso, dove in pratica non guardi il campo, ma la Curva Ferrovia che te la ritrovi davanti a te! Ripetiamo condividiamo tutto, ma non ci andava di lasciare la squadra sola in questa delicata trasferta. Crediamo che nessuno può dire di aver fatto la scelta migliore. Democraticamente, crediamo, è giusto che ognuno abbia deciso quale fosse la soluzione migliore. Dei due soliti spicchi che riempiamo a Firenze, questa volta ne era pieno soltanto uno. I nostri ragazzi condotti su da Fabio il segretario e Alberto Tesoro, con Giuseppe Tattolo, sono partiti alle nove circa da Andria per raggiungere Firenze quasi alle 17, dopo aver raccolto sul Grande Raccordo Anulare a Roma, Gaetano Maddalena, altro socio storico, che si trova li per motivi universitari. Viaggio tranquillo con Vincenzo Ferrucci, Presidente dello JC Corato, (un grande) alla guida per tutto il tragitto. A bordo l'allegria di Domenico Giordano, il ritorno di Carlo Balducci e due new entry, Domenico e Marco. A Firenze Sud, troviamo subito i nostri amici di Bassa Valle con Adriano e Federico, i ragazzi di Aosta e quelli del Gruppo Tradizione con Claudio e il grande Corrado. Baci ed abbracci con tutti. Offriamo loro del buon vino frizzantino, poi si parte scortati verso lo stadio. Attraversiamo la città per giungere tranquilli al parcheggio del settore. Poi di la iniziano tutta una serie di assurdi controlli. Mai successo che in uno stadio ti costringessero a toglierti anche le scarpe. Ma ci rendiamo conto? Poi storie su storie...per documenti...tessere del tifoso...cambi nominativi....per alcuni dei nostri. Fabio si recava a parlare con la Digos di Torino che risolveva la questione. Finalmente tutti i nostri entravano. Onore anche a chi era arrivato a Firenze senza biglietto, rimasti tutti comunque fuori con orgoglio! Dentro ci posizioniamo nel primo tempo in maniera sciolta, ognuno in una posizione diversa con altre persone di altri club e gruppi. Poi nella ripresa Fabio chiama a raccolta tutti è decide di andare nella parte alta del settore, per scaramanzia. Tutti assieme, perchè li un altra volta da quella posizione in alto il nostro club, nella primissima volta a Firenze, nel 2005 aveva assistito ad un altra vittoria. E' andata nuovamente così. Al gol, salti di gioia, tutti impazziti, ci si abbracciava anche con chi non conoscevi. Sembravamo a quel punto in 10.000 per quanto abbiamo cantato di li alla fine. Sentivamo vicina la qualificazione. Poi apoteosi al fischio finale con Antonio Conte e la squadra in festa sotto di noi. Cori a non finire, trenini interni al settore, sfottò ai Viola. Delirio allo stato puro. Poi mega foto di gruppo con tutti i nostri soci e i ragazzi di Bassa Valle (come da bellissima foto articolo). Si esce fuori. Si parte praticamente dopo un oretta dalla fine dell'incontro. Tutto assolutamente tranquillo. Prendiamo l'autostrada salutando Firenze sprofondata in una depressione pazzesca. Adesso lo possiamo dire: il pullmino ha nuovamente portato fortuna. Era la nostra carta che ci eravamo giocati...come il "ristorante" porta fortuna, adesso anche il pullmino. Era lo stesso di Livorno, di Bologna è di Roma Ciampino per raggiungere Cagliari. Tutte vittorie. Al rientro alla guida passa Alberto Tesoro, altro pezzo da novanta del nostro club. Due soste. Alle 5 e trenta arrivano ad Andria, stanchissimi ma ultra felici per esserci stati, ancora una volta. Non per moda, non per apparire, ma solo per pura e sana passione! Adesso si va a Catania, altra sfida da prendere con le molle....sono all'ultima spiaggia, venderanno cara la loro pelle. Non dobbiamo pensare che sia una passeggiata solo perchè sono ultimi in classifica. Poi ciclo di ferro: Parma, Napoli e andata di Europa League a Lione. Questa squadra ci ha riservato l'urna. Non è più il Lione di qualche anno fa. Riteniamo avversario abbordabile ma da non sottovalutare. La strada verso la finale inizia ad essere sempre più chiara.
Bellissimo sapere che solo noi siamo rimasti in Europa delle squadre Italiane, alla faccia di chi diceva che la Juve è grande solo in Italia....ah ah ah ah ah. Adesso al cinema l'affollamento è incredibile. Oppure seguitevi in Tv Don Matteo...cari tirapiedi!
p.s. chi vuole venire con noi a Lione si faccia subito sentire. Stiamo già predisponendo tutti i dettagli organizzativi per esserci anche li. Si giocherà l'andata il 3 aprile in Francia, il 10 ritorno a Torino.
JC ANDRIA ti porta ovunque!

 

 
 
TRE PUNTI D'ORO....ALLA FACCIA DI CHI CI ODIA
 
Partiamo proprio dalla conclusione della difficile gara del Marassi di Genova, vinta dalla Juventus per 1-0 contro i rossoblu genoani! Punizione per la Juventus quando mancano poco meno di due minuti al termine dei minuti regolamentari. Andrea Pirlo va sulla palla, alza lo sguardo, scruta il portiere, guarda la barriera e con il suo piedino fatato disegna una magica traiettoria che va ad insaccarsi proprio nell'angolino dove il portiere genoano, proprio, non poteva arrivarci. Goduria allo stato puro. Estasi. Il Settore Ospiti è impazzito dalla gioia, Mister Conte pure. Al solo pensiero di immaginare le facce di tutti i nostri detrattori, insomma di tutti coloro che ci odiano, che non ci sopportano, che rosicano per questo incredibile andamento della Juventus per il terzo anno consecutivo, godiamo ancora di più! Ma se a questo aggiungiamo che poco prima il Genoa aveva usufruito di un calcio di rigore parato in maniera strepitosa dal nostro Gigi Buffon, ecco la soddisfazione per questa vittoria è stata doppia! L'urlo terrificante della nostra sala, alla rete di Pirlo è un qualcosa che difficilmente dimenticheremo. Questa vittoria significa molto probabilmente 32° scudetto. Questa rete ci riporta alla mente le vittorie di Cesena di due anni fa o alla vittoria contro la Lazio, o alla vittoria contro il Catania della passata stagione. Insomma una rete pesantissima, una rete che avrà dato una enorme mazzata psicologica alla Roma, oramai rassegnata a difendere il secondo posto. Sempre 14 i punti di vantaggio sui capitolini a dieci giornate dal termine. Significa che alla Juve basterà vincere altre sei gare e pareggiarne una, dopo di che sarà nuovamente festa, alla faccia di chi ci ODIA! Una gara davvero molto difficile, ben interpretata dal Genoa che, come spesso accade alle avversarie che affrontano la Juventus, ha fatto la partita della vita per poi essere "giustamente castigata" proprio al termine! Imparassero a giocare alla morte contro tutti, forse si ritroverebbero in classifica qualche punto in più! Ma nonostante tutto, nonostante un arbitraggio a dir poco mediocre, la Juventus era anche passata in vantaggio con una rete regolarissima e solare di Osvaldo, ingiustamente annullata dall'arbitro su segnalazione dell'assistente. Immaginate se questo fosse accaduto a parti inverse. Ecco abbiamo avuto la dimostrazione di quanto faziosi siano in Italia, i giornalisti della carta stampata e delle Tv nazionali. Vergognoso, nessuno ne ha parlato, nessun titolone sui giornali all'indomani. Se a questo poi ci aggiungiamo il rigore negatoci per evidente fallo volontario di mano di un difensore rossoblu....behhh a questo punto vi avremmo detto tutto! Ci hanno provato per l'ennesima volto a punirci, ma ancora una volta lo hanno preso tutto a quel posto! Fate pena!
Anche a Genova, come avrete potuto vedere dalla Tv, durante le dirette e come potrete notare dalla foto dell'articolo siamo stati presenti pur tra mille difficoltà economiche e sacrifici fisici. Non volevamo saltare la prima trasferta in campionato. Iniziamo ad essere stanchi, iniziamo a renderci conto che abbiamo speso tantissimi soldi, chi più chi meno pur di seguire la Juve in ogni dove, da Copenaghen a Trebisonda in Europa, da Genova a Catania (domenica prossima) in campionato! Questo ci fa tantissimo Onore, come ripetutamente detto domenica da diversi ragazzi dei Gruppi organizzati, i quali si complimentavano a Genova con il nostro Giuseppe Di Serio, per quello che da anni facciamo! La trasferta è stata molto agevole all'andata con volo diretto Bari - Genova nella mattinata con Ryan Air. Giuseppe Di Serio (formidabile e sempre più affidabile) e Vincenzo Ferrucci (sempre lui, encomiabile per i sacrifici che compie) dello JC Corato, appena sbarcati a Genova, hanno subito raggiunto la zona portuale per recarsi presso Eataly a pranzo. Dopo diversi calici di buon vino hanno optato per un caffè ed una tranquilla passeggiata in borghese per il centro del capoluogo ligure per poi alle 18 raggiungere la Fiera di Genova luogo di ritrovo per tutti i tifosi juventini. Li si sono ritrovati con gli amici di Bassa Valle e Massa (vi diremo in seguito il motivo) per poi montare a bordo di pullman di linea locali che gli hanno condotti allo stadio in tutta tranquillità. Appena dentro al settore si sono posizionati, prima nella parte bassa del settore (foto articolo) per poi salire ad inizio gara all'anello superiore. Stadio pieno, solito calore della tifoseria genoana, ma i nostri si sono ben difesi. Alla rete del vantaggio il tifo è diventato pazzesco. Appena terminata la gara Giuseppe Di Serio ci chiamava al club per raccontare le sue emozioni. Era senza voce. Di li in poi è iniziata la nostra solita odissea pur di rientrare in tempo utile per il lavoro. Grazie allo Juve Club di Massa della carissima e gentilissima Presidente Paola Francesconi, che ringraziamo, i nostri ragazzi sono stati condotti sino a Massa con il loro pullman, per poi essere accompagnati in Aeroporto a Pisa intorno alle due e trenta della notte. Li hanno poi atteso le sette e trenta e soprattutto l'apertura dello scalo aeroportuale, purtroppo ancora chiuso, con nebbia ed umidità elevatissima. Alle 8,30 arrivavano a Bari, stanchi ma felicissimi per esserci stati ancora una volta. Non ha importanza se si parte in due, in dieci, in cinquanta o in cento. E' importante esserci! Sempre, Ovunque e Comunque!  Sentiamo ancora una volta di ringraziare i ragazzi del Gruppo Bassa Valle, Alessandro Freydoz su tutti per la loro consueta collaborazione ed amicizia che ci dimostrano di domenica in domenica! Giusto il tempo di rifiatare che giovedì si riparte in mattinata per Firenze, in pullmino da 9 posti tutto pieno, con Fabio Attimonelli, Domenico Giordano, Alberto Tesoro e Giuseppe Tattolo a condurre gli altri soci. Al Franchi ci attenderà una battaglia non solo in campo, ma anche per l'ostico ambiente che troveremo noi tifosi al seguito. Mancheranno i gruppi principali che hanno deciso di non esserci per protestare, giustamente, contro l'assurdo prezzo del biglietto (50 euro) e per l'obbligo, nonostante fosse una gara di Uefa, della tessera del tifoso! Concordiamo in pieno con la loro presa di posizione, che riteniamo più che giusta. Noi al momento della loro decisione, avevamo già provveduto ad acquistare i tagliandi e sinceramente buttare 50 euro dopo averli acquistati, di questi tempi, sarebbe stato assurdo. Non ci sarà il pienone nel settore. Probabilmente riempiremo comunque il primo spicchio, si parla di circa un migliaio di tifosi comunque al seguito. La gara è importantissima, noi tifosi ci aspettiamo la qualificazione perchè questa Coppa potrebbe rappresentare molto in chiave futura. Sappiamo che anche Conte e la squadra, come la Società, Agnelli in primis, ci credono. Ci hanno dato tutti già per eliminati, a Firenze hanno festeggiato tanto, forse troppo per il pareggio nella gara di andata. Lo abbiamo detto nel precedente articolo di commento alla gara di andata, è semplicemente finito il primo tempo! Avanti, partiamo ed andiamo a prenderci questa qualificazione! 
FORZA RAGAZZI NOI CI CREDIAMO! JC ANDRIA NON MOLLA MAI!
p.s. Domenica sera raggiungeremo anche Catania. Mille difficoltà organizzative, problemi per recuperare i tagliandi, ma alla fine c'è l'abbiamo fatta. Ci saremo. Un' altra odissea pur di esserci anche al Cibali!
 

 
 
FINITO IL PRIMO TEMPO: NOI CI CREDIAMO
 
Dopo la fine della gara di andata degli ottavi di finale di Europa League tra la Juventus e la Fiorentina, disputatasi allo JStadium giovedì sera, sentiamo semplicemente di dire che è terminato il Primo tempo sul risultato di 1 a 1! Bello sapere che a Firenze hanno già festeggiato come se avessero passato il turno. Tutto questo ci piace! Peccato, perchè poteva tranquillamente finire sul 2-0 per noi, ma alla fine poteva anche incredibilmente terminare sul 2-1 per loro. Questo è il bello del calcio. Per questo motivo ne siamo sempre più follemente innamorati. La delusione è inutile nasconderlo si è subito manifestata al termine della partita sui nostri volti, ma dopo qualche minuto già forte era la determinazione e soprattutto la convinzione che a Firenze andremo a conquistare la qualificazione ai QUARTI DI FINALE! La carica è arrivata proprio dal nostro Presidente di Club che appena rientrato dalla trasferta a Trento per la laurea del proprio figlio Andrea, ha voluto da grande tifoso qual'è, condividere con tutti le emozioni di una importante sfida! Il Club era pieno nonostante la diretta Tv: ma questo non fa più notizia, visto il ripetersi con abitudine di questi pienoni! La Juventus ha giocato alla grande il primo tempo andando subito in vantaggio con il solito ARTURO VIDAL è sfiorando in più occasioni la rete del raddoppio. Anche una traversa colpita sempre dal fenomenale cileno! Peccato perchè il 2-0 sarebbe stato il risultato più giusto alla fine della prima frazione di gioco! Poi nella ripresa il consueto calo della nostra formazione, una caratteristica in questo periodo, ha rianimato una Fiorentina, sino a quel momento mai effettivamente pericolosa. La squadra toscana ha iniziato a prendere fiducia, pressando la nostra formazione che comunque si difendeva bene, ma complice un errore a centrocampo dove si regalava palla agli avversari, abbiamo permesso la ripartenza dei viola culminata con la rete del pareggio. Ora sentiamo di dire che a Firenze sarà una battaglia, bisognerà andare a compiere un autentica impresa. Ma abbiamo una grande occasione, forse unica ed irripetibile: vendicarci in un solo colpo di quel 4-2 maturato al Franchi nell'ottobre scorso! Per affrontare questa battaglia, crediamo che sarebbe preferibile schierare 11 tigri fameliche, le migliori possibili. Ci rendiamo conto che il nostro grande Mister, voglia far sentire tutti importanti in questa squadra, ma ci rendiamo anche conto che ci sono dei rincalzi, non proprio all'altezza dei titolari! Quindi a Firenze servirà la miglior JUVE possibile. Prima di affrontare però la sfida di ritorno alla Fiorentina abbiamo un altra importante tappa in campionato: al MARASSI contro il Genoa! Un avversario ostico da affrontare soprattutto tra le mura amiche. Se proprio dovessimo scegliere è ovvio che preferiremmo in questo momento lasciare qualcosa a Genova per poter poi raccogliere il massimo al Franchi. Ma noi siamo la JUVE ed abbiamo l'obbligo di andare a conquistare la vittoria OVUNQUE contro CHIUNQUE! Bene iniziamo allora da Genova, quella che sarà una settimana difficile che vedrà la Juve impegnata in tre campi infuocati: GENOVA, FIRENZE e CATANIA. La trasferta dei nostri sette soci a Torino di giovedì scorso contro la Fiorentina è stata comoda quasi per tutti......(dopo capirete il perchè.......ah ah ah ah "succedono tutte a lui...."). All'andata tutti con lo stesso volo aereo sino a Torino con la Ryan Air, tranne che per Roberto e Giorgio, che erano stati alla laurea del, rispettivamente fratello/cugino a Trento. Loro hanno raggiunto Torino in treno via Verona! Vincenzo Quacquarelli ha condotto gli altri 4 soci su a Torino. Tutti tranne lui avevano l'albergo prenotato. Pomeriggio libero per poi incontrarsi verso le 19,30 sotto la Sud anche con Roberto e Giorgio. Insieme hanno atteso l'arrivo del Gruppo Bassa Valle per poi entrare nella Sud verso le 20. Posizionato lo striscione grosso al solito bocchettone, al centro tra la sezione ABRUZZO di Tradizione ed il Gruppo Aosta (eccoli ritratti nella foto dell'articolo), si sono poi andati a posizionare in basso all'altezza dell'area di rigore grossa. Grande tifo, stadio ancora una volta tutto esaurito, grande coreografia! In curva Vincenzo ha partecipato alla chiacchierata con i gruppi della Sud per capire cosa fare per il ritorno a Firenze. La maggior parte dei gruppi avrebbe deciso per il non andare al Franchi. Vedremo! Alla fine della partita, mentre tutti comodamente raggiungevano i rispettivi alberghi in centro a Torino, Vincenzo Quacquarelli recuperato il tutto è salutati i ragazzi di Bassa Valle si dirigeva al pullman degli amici del Gruppo Drughi Sud che avevano allestito un pullman con tutte le svariate sezioni. Loro lo hanno lasciato all'Aeroporto di Bologna da dove aveva un volo alle 6,30 del mattino, che gli avrebbe permesso di rientrare in tempo utile a Bari per poi potersi recare a lavoro! Tutto perfetto, come sempre. Un grazie all'amico Rocco per il "passaggio". Arrivato sul cielo di Bari, il pilota comunica ai passeggeri a bordo che causa una forte nebbia l'aereo non poteva atterrare. L'aereo ritorna verso il Gargano per attendere comunicazioni dalla torre di controllo, sorvolando praticamente Vieste in maniera circolare.....poi arriva la comunicazione che il volo sarebbe stato dirottato sull'Aeroporto di Pescara, tra le bestemmie del nostro "pittoresco" Vincenzo. Alle 9,30 sono a terra per poi attendere un bus che porterà tutti all'Aeroporto di Bari soltanto alle ore 13. Che odissea! Il nostro Andrea Leonetti scherzando con Vincenzo gli ha detto: oggi ti sei quindi dedicato alla posta aerea???? ah ah ah ah ah ah! Cose che succedono per chi come noi segue la Juve ovunque, ogni tre giorni! 
Adesso ci attende la trasferta a Genova. Una trasferta da sempre difficile è scomoda da raggiungere. Dopo essere stati a Genova contro la Samp. domenica sera saremo presenti anche al Marassi contro il Genoa. Avevamo valutato di non farla, di rifiatare un pochino. Ma poi alla fine Giuseppe Di Serio con Michele Zagaria, poi venuto meno per suoi problemi e Vincenzo Ferrucci dello Jc Corato, hanno deciso tra mille difficoltà organizzative di esserci, per non saltare la prima trasferta di campionato! Onore a loro e buon viaggio ragazzi. Un altra odissea....pur di esserci! Poi vi racconteremo nel prossimo articolo! 
JUVENTUS CLUB ANDRIA......PASSIONE ALLO STATO PURO!
 

 
 
COMPLIMENTI DOTTOR ANDREA
 
Che ragazzo, che splendida persona che è Andrea Nicolamarino, figlio del nostro Presidente di club che oggi mercoledì 12 marzo, si è laureato presso l'Università agli Studi di Trento in Giurisprudenza, indirizzo Internazionale. Ha discusso una tesi sulla "Polizia Predittiva" in collaborazione con la Questura di Trento. Davvero questo gli fa tanto onore, a soli 25 anni, in perfetta media si è laureato con un bel 110 e lode. Che altro aggiungere se non dirgli che è davvero forte quanto la nostra JUVENTUS! Eccolo ritratto nella foto subito dopo aver conseguito la laurea assieme al fratello Roberto e al cugino Giorgio. Una triade davvero da lodare per quanto fanno oramai per il nostro club. Del resto buon sangue non mente. Sono dei "Nicolamarino" e non potevano smentire il grande Presidente Francesco. Del resto proprio Roberto e Giorgio, lasceranno Trento nella mattinata di giovedì per raggiungere in treno Torino, dove si aggregheranno agli altri cinque soci che arriveranno da Andria per la sfida alla Fiorentina in Euro League. Ad Andrea, ma anche a Francesco e Tonia, genitori impeccabili, giungano i complimenti vivissimi del Consiglio Direttivo dello Juventus Club Andria. Ad Andrea gli applausi ed i tanti saluti degli amici di altri club che lo hanno conosciuto, in primis il Gruppo Bassa Valle. Adesso caro Andrea rilassati, goditi questo meritato momento, anche perchè presto dovrai rimetterti in moto per questo finale di stagione con tante trasferte che ancora ci attendono.
CIAO DOTTORE, TI ASPETTIAMO PER "I COMPLIMENTI".......
 

 
 
ALE' DEN HAAG
 
Da sempre ci incuriosiva questo rapporto di amicizia con i tifosi olandesi dell'Ado Den Haag, spesso incontrati nelle loro visite qui in Italia è visti meglio da vicini nella trasferta in Europa League ad Amsterdam del febbraio 2010. Mai però eravamo riusciti ad avere un contatto diretto con loro. Questa è un amicizia soprattutto del Gruppo Viking di Milano, poi diventata anche del Gruppo Nucleo 1985 è man mano degli altri gruppi della Sud. Da ben 25 anni questo rapporto stringe noi tifosi juventini a questa calorosa tifoseria olandese del Den Haag, della città dell'Aia. Squadra che purtroppo quasi sempre naviga in basse posizioni di classifica del campionato olandese è che non riesce mai a partecipare alle coppe europee. Pertanto frequenti sono le visite dei tifosi juventini in Olanda o degli olandesi in Italia. Di recente, a gennaio, si è festeggiato il venticinquennale del gemellaggio proprio a L'Aia in occasione di una partita casalinga dell'Ado Den Haag. Cortesia ricambiata dagli olandesi proprio nell'importante sfida allo Stadium di domenica scorsa, contro gli odiati rivali della Fiorentina, quando un centinaio di olandesi ha invaso la nostra Curva Sud con i loro colori, il giallo ed il verde. All'arrivo allo Stadium del nostro pullman è coinciso l'arrivo del loro pullman, con cori, scambi di sciarpe, bevuta di birre....(loro erano completamente ubriachi...) è foto di rito con alcuni di loro. Davvero dei bei personaggi. Eccoli i nostri Salvatore, Nicola Pisani, Alessandra, Andrea Leonetti, Pasquale Moschetta, Daniele con gli amici coratini, ritratti assieme ad alcuni olandesi. Ci auguriamo di vero cuore che le due società adesso per suggellare questo splendido rapporto di amicizia possano magari in estate organizzare una gara amichevole proprio a L'Aia che significherebbe trasferta sicura ed immancabile  per Noi! Da segnalare anche la bella coreografia organizzata dal Gruppo Viking in loro onore prima della gara contro i Viola. Insomma una bella pagina di sport si è scritta nuovamente domenica allo Stadium, dopo quella vissuta contro l'Avellino in Coppa Italia.
ALE' DEN HAAG! JC ANDRIA 
 

 
 
OTTIMA LA FIORENTINA A PRANZO
 
Vittoria doveva essere e vittoria è stata! La sconfitta rimediata all'andata, l'unica sino a questo punto del campionato, ancora bruciava a noi tifosi gobbi! Quale miglior occasione se non quella di "divorarsi" all'ora di pranzo una bella "fiorentina"????? C'erano tutti gli ingredienti per fare un sol boccone della squadra viola! Stadium completamente esaurito, come sempre, splendida giornata di sole e soprattutto la prospettiva di poter allungare sulla Roma come poi è realmente accaduto. 1-0 il finale, di una sfida giocata alla grande nella prima frazione di gioco per poi difendere il risultato nel secondo tempo, risparmiando e dosando le forze per la prossima sfida ai viola, più importante della prima, in Europa League, giovedì sera sempre a Torino. Splendida la rete di Asamoah che ha deciso l'incontro. Un capolavoro del giocatore ghanese sempre più in forma in questa parte decisiva della stagione. Ci è piaciuta la Juventus del primo tempo, a tratti devastante. Peccato aver segnato soltanto una rete. Nella ripresa invece ne abbiamo apprezzato lo spirito di sacrificio, il saper soffrire e difendere con le unghia e con i denti una preziosa vittoria! Alla fine è esploso il pubblico dello J Stadium, è esploso Antonio Conte, per una vittoria, forse decisiva per la conquista del 32° titolo, il terzo consecutivo dell'era Conte. Alla vigilia di questo trittico di partite, derby, Milan e Fiorentina, tutti i tirapiedi speravano, o meglio erano convinti, che la Juve si sarebbe trovato con un vantaggio esiguo sulla Roma. Ed invece eccolo servito un bel + 14 punti sui giallorossi, che a nostro parere, adesso farebbero bene a guardarsi le spalle da un Napoli che vuole a tutti i costi raggiungere la seconda piazza. Con questo non vogliamo assolutamente dire che lo scudetto è già vinto...anzi assolutamente. Ma possiamo affermare che se dovessimo vincere le prossime due "difficili" trasferte (Genova e Catania) o per lo meno mantenere l'attuale distacco dalla Roma, bene allora potremmo forse dire "è fatta"! Che numeri ragazzi 72 punti su 81 disponibili. Record di vittorie consecutive in casa (14), record di gare in cui segniamo consecutivamente (40), insomma la Banda Conte da tre anni sta riscrivendo la storia del Campionato di Calcio italiano. Pensate se solo dovessimo nelle prossime otto giornate vincere sette volte e pareggiare una, la Juve si potrebbe laureare Campione d'Italia sin da Reggio Emilia il 27 Aprile prossimo. Ma sempre se la Roma le vincerà tutte e otto. Altrimenti addirittura potrebbe accadere prima, magari con il Bologna in casa, come potrebbe anche accadere dopo. Insomma noi aggiungiamo, basta che accada! La trasferta del nostro club a Torino domenica scorsa è stata di enormi proporzioni. Abbiamo portato su a Torino quasi una sessantina di soci, tra chi ha deciso di viaggiare nel nostro solito pullman organizzato è chi invece ha deciso di viaggiare con propria autovettura o comodamente in aereo. Per quante richieste abbiamo ricevuto, questa con la Fiorentina, sembrava essere una finale di Champions League. Siete davvero incredibili. Siete affamati di Juventus. Bene così! Bello il ritrovo di tanti andriesi nel piazzale della Sud, sembrava di essere in Viale Crispi. La partenza del bus questa volta è stata anticipata addirittura alle 19,30 del sabato sera. A Torino il bus è arrivato alle 8 del mattino dopo un viaggio super tranquillo. A bordo del bus ad accompagnare la truppa c'erano Nicola Pisani, Andrea Leonetti, Salvatore Lomuscio e Nino Lotti. Insomma una pattuglia di tutto rispetto! Durante il viaggio Salvatore e Vincenzo Ferrucci Presidente del club di Corato sorvegliavano l'intero bus....non dormendo praticamente mai è scattando foto a tutta forza ai soci che dormivano nelle posizioni più assurde.......che ridere! Giunti a Torino il pullman questa volta, per mancanza di tempo, vista l'ora della partita, si è diretto subito in zona stadio. Appena sbarcati vedono arrivare il bus dei tifosi olandesi dell' Ado Den Haag dell'Aia, città dell'Olanda Meridionale! Con loro la tifoseria juventina e soprattutto il gruppo dei Viking e del Nucleo hanno stretto un gemellaggio che dura da ben 25 anni, nato per la comune ed accesa rivalità con i tifosi dell'Ajax. Alla fine i tifosi olandesi saranno in tutto un centinaio, ma di questo incontro vi diremo in un altro articolo. Alle 11,00, orario insolito i nostri entrano dentro la Sud, mentre fuori restano Andrea Leonetti e Nicola Pisani a distribuire gli ultimi tagliandi a qualche ritardatario come il gruppo di Nico Lotito e quello di Marco Lambo. Dentro ci si posiziona all'altezza dell'area piccola dell'area di rigore (come da foto articolo tratta da www.tuttojuve.com), mentre il Gruppo Storico, quello dei più anziani è sempre li dietro lo striscione grosso al bocchettone. Questa volta c'era anche uno storico tifoso del vecchio club come Arnese D'Atteo Natale, vigile in pensione, ma sempre presente al club, che emozionato per essere entrato anche in quest'altro stadio, dopo averne visti diversi nella sua storia, per poco non restava fuori per aver fatto trascorrere troppo tempo nello spingere il tornello. Effettivamente lui andava allo stadio quando tutte queste "porcherie" non esistevano! Curva stracolma di gente, si era quasi uno sull'altro, anche per la presenza dei cento tifosi olandesi che hanno colorato di giallo e di verde una parte della curva. Grande tifo, grande sciarpata è grande esultanza finale al triplice fischio dell'arbitro. Alle 15,30 circa, il pullman lascia lo stadio dopo aver atteso il rientro di tutte le "pecorelle smarrite"...come sempre c'è qualcuno che non ritrova più la via maestra....Lunga tirata del pullman per poi fermarsi in zona Bologna. Di li, dopo una sosta lunghissima, senza più fermarsi, sono arrivati direttamente ad Andria verso le tre della notte. Ma nemmeno il tempo di rifiatare, di riposarci, che giovedì si riparte nuovamente per Torino, per l'Europa League, questa volta ovviamente in numero più esiguo, ma sempre presenti. Si viaggia tutti in aereo con Vincenzo Quacquarelli a fare da capo spedizione. Solo 7 i soci presenti, ma comunque per noi un ottimo numero dopo la sessantina di domenica. Bravi ed onore a loro che hanno deciso di partire in settimana. Ciro Marinacci, Ferdinando Ieva, Fabio Figliolia, i soliti Roberto e Giorgio Nicolamarino e AnnaRosa! Questa gara è più importante di quella di domenica scorsa. Bisognerà vincere, cercando di segnare più gol. Dobbiamo battere i Viola per passare a tutti i costi questo turno e per approdare ai quarti di finale di una coppa che vogliamo vincere ad ogni costo. Avremo l'Italia intera contro, tutti ora soffrono nel vederci ancora in lizza in Europa. Noi invece godiamo nel sapere che nell'anno di Expo 2015 che si terrà proprio a Milano, la Milano calcistica sarà fuori dall'Europa che conta! Chissà per quanto altro tempo ancora...aggiungiamo Noi! 
L'appuntamento è per giovedì tutti al club per soffrire insieme sperando di poter gioire alla fine. Vogliamo il club stracolmo di gente. Lasciate perdere la diretta televisiva. Venite a guardarla al Club.
JUVENTUS CLUB ANDRIA. TANTI FATTI. POCHE PAROLE!    
 

 
 
LA CAPOLISTA SE NE VA......
 
Prima di presentarvi il nostro commento alla vittoriosa partita di Milano della nostra Juventus, permetteteci di "lasciare" qualche cattivo pensiero a tutti coloro che negli ultimi giorni si erano tanto divertiti a rompere i coglioni alla nostra Juve, cercando puntualmente di infangare la splendida cavalcata che stiamo nuovamente facendo in questo campionato. Cari tirapiedi, cari giornalisti faziosi, cari anti juventini, ma secondo voi sarà sempre colpa di Rizzoli se domenica sera abbiamo vinto a Milano, contro il miglior Milan dell'anno? Oppure sarà colpa sempre del famoso gol di Muntari se il Milan non è riuscito a frenare la corsa di questa incredibile Juve???? O forse il salvataggio sulla linea di Bonucci era dentro la linea di porta???? Ah ah ah ah ah ah, ci piace prendervi per culo, vedervi soffrire, vedervi parlottare nei bar, vedervi quasi impotenti dinnanzi al nostro strapotere. Continuate ad arrampicarvi sugli specchi che noi nel frattempo continuiamo a VINCERE! Per non parlare di certi Presidenti di altre società calcistiche, vedi Della Valle e Cairo su tutti, che quando perdono con noi prontamente fanno casino....insinuando di tutto di più....per poi non parlare minimamente, quando subiscono altri "presunti" torti contro altre formazioni. Fate schifo! La vostra è solo una sindrome da inferiorità che vi portate dietro da sempre, visti i continui insuccessi delle vostre squadrette. Per non parlare di quelli che stanno sulle rive del Tevere sempre a piangere, sempre rincorsi da fantasmi, sempre vittime di un sistema.....ma sempre puntualmente perdenti....Invece di manifestare, invece di pensare ai cazzi che non vi riguardano, dovreste ammettere la superiorità di una squadra e una Società, la Juve, che vi converrebbe prendere ad esempio per riuscire, forse, ad ottenere qualche risultato! A Milano abbiamo vinto una partita incredibile (0-2 il finale con reti di Llorente e Tevez...i nuovi gemelli del gol...sulla scia di Alex Del Piero e David Trezeguet), più difficile di quanto immaginassimo, tre punti pesantissimi come un macigno in ottica scudetto (il trentaduesimo della nostra gloriosa storia). Tutti speravano che in questo turno la Roma recuperasse almeno un paio di punti alla nostra Juve. Invece alla fine della giornata ci ritroviamo noi ad aver guadagnato altri due punti sugli "sfigati capitolini". Adesso siamo a 69 punti....ma che bel numero....quanto ci piace....ah ah ah ah....per noi ARRAPATI di Juve.....ma non solo!  Abbiamo ben 11 punti di vantaggio sulla Roma, mentre gli altri distacchi (oramai abissali)...nemmeno ve li citiamo. Vi evitiamo, cari tirapiedi, di farvi sentire ancora più male...Tevez capocannoniere della Serie A....attacco atomico con 62 reti messe a segno. Ovvero oltre due gol a partita. Record su record che vengono frantumati dal CARRARMATO JUVENTUS, condotto magistralmente da Antonio Conte, il nostro idolo incontrastato. Il Milan ha giocato davvero una buona partita, a tratti sfortunato, avrebbe forse meritato il vantaggio, ma non dimentichiamoci della clamorosa parata di Abbiati su tiro ravvicinato di Lichsteiner. Un grande Buffon, un grande Caceres come anche lo svizzero hanno tenuto in piedi una squadra che è apparsa in alcuni frangenti stanca, sbadata ma comunque mai doma. Nel momento migliore della partita quando oramai il Milan pensava di andare negli spogliatoi sullo 0-0 arrivava la rete del basco Llorente a gelare la parte del San Siro rossonera. Davvero una mazzata tra capo e collo. 0-1 e si va negli spogliatoi. Goduria massima sugli spalti che si dipingono sempre più di bianconero. Nella ripresa il Milan cerca di alzare il ritmo, cerca in tutti i modi di pervenire forse ad un giusto pareggio. Ma la Juve è cinica, spietata, stile SIGNORA OMICIDI. Carlitos Tevez, per restare in tema Carnevalesco, decide di vestirsi da boia per "finire" il Diavolo. Una splendida rete che fa esplodere San Siro ed il nostro club ad Andria. Alla faccia di Galliani che aveva provato a portare l'Apache sotto il Duomo, ma che alla fine si è dovuto accontentare di Matri.....valutato quanto l'argentino! Di li in poi non c'è più partita, anzi la Juve avrebbe potuto dilagare ma si è contenuta per non infierire. Pogba e Pirlo vanno vicinissimi alla terza rete. Pensate un po... ma se la Juve avesse giocato come sa, quanto sarebbe finita allora la sfida???? Adesso ci attende un altro mini ciclo terribile. Tre volte la Fiorentina tra campionato e Coppa Uefa con in mezzo la trasferta al Marassi contro il Genoa. Sarà durissima ad iniziare da domenica. Altra giornata crocevia di un intero campionato: noi ospitiamo la Fiorentina, mentre la Roma va a Napoli. Vincere potrebbe significare molto, potrebbe voler dire ipoteca sul 32° titolo nazionale! Solo a pensarci ci vengono i brividi su tutto il corpo! La Fiorentina va battuta per molteplici motivi: 1) perchè non abbiamo ancora dimenticato la gara di andata; 2) perchè dobbiamo far capire loro quale sarà l'andazzo anche in Coppa Uefa! Quindi lo Stadium tra domenica e giovedì dovrà essere una bolgia, dobbiamo trasformarlo nell'INFERNO....dobbiamo incutere loro timore! Noi ci saremo come sempre, domenica in campionato in massa (DAVVERO IN TANTISSIMI) con Pullman al completo (complice l'orario favorevole per il rientro a casa), oltre a numerosi soci che saliranno su con svariati voli aerei. Mentre giovedì in numero decisamente inferiore, tutti in aereo, ma sempre al fianco della nostra JUVENTUS, per continuare ad INSEGUIRE UN SOGNO......chiamato EUROPA!
E SE NE VA...LA CAPOLISTA SE NE VA...LA CAPOLISTA SE NE VA....
JUVE CLUB ANDRIA TI PORTA OVUNQUE.  
 

 
 
POCHI MA BUONI
 
Oramai lo abbiamo capito. Andare in trasferta a Milano, non interessa praticamente a più nessuno. Più passano gli anni, più le prenotazioni si riducono ai minimi termini. Per fortuna abbiamo verificato che questo accade non solo a noi, ma praticamente a tutti gli altri club e gruppi. Sarà l'assurda posizione al terzo anello, sarà che le squadre milanesi da qualche tempo non navigano più nelle posizioni alte della classifica, sarà la crisi economica, fatto sta che a Milano domenica sera contro i rossoneri noi ci siamo comunque andati, anche se in pochissimi, appena in 5, ma come si suol dire.....POCHI MA BUONI! Pensate che l'età media del gruppo di soci presenti era di quasi 40 anni, tenuta "bassa" dalla cara MariaLaura. Eccoli tutti ritratti nel "sotto tetto" dello Stadio San Siro al termine della partita! Da sinistra, Giuseppe Tattolo (che gran bella persona), Fabio Attimonelli (ben tornato), Vito Telesca (anche a lui un bentornato) con sua figlia MariaLaura e Massimo Matera (perennemente al telefono....). Ma nonostante questo scarso interesse, qui al Sud Italia, il Settore Ospiti era praticamente tutto esaurito con l'intera Curva Verde, compresi primo e secondo anello invasi dai tifosi Juventini. Al gol di Tevez, eloquenti sono stati sia il boato, che l'esultanza dei tifosi juventini, proprio dietro quella porta dove l'argentino ha segnato il grandissimo gol del definitivo 0-2. Per non parlare dei settori arancio e rosso....secondo una stima i "gobbi" presenti a San Siro domenica sera erano non meno di 25.000! Numeri impressionanti, numeri che dovrebbero indurre a riflettere più di uno....sul perchè si tifi Juve da ogni parte, da ogni dove! La Juve ve lo ribadiamo, non è solo una squadra di Torino, la Juve è la squadra praticamente di una intera nazione! Trasferta molto tranquilla, considerati i numeri, ma allo stesso tempo divertente. Tutti in aereo, con Vito e figlia su Orio al Serio, con tanto di albergo prenotato per il dopo partita, mentre per Fabio, Giuseppe e Massimo, soluzione più economica trovata è stata questa volta sull'Aeroporto di Bologna. Partenza comoda, con Fabio che è addirittura andato alla Santa Messa della domenica mattina. Alle dodici in pratica hanno lasciato Bari. Da Bologna hanno raggiunto Milano in auto, non prima di essersi fermati alla solita trattoria "porta fortuna" nel modenese. Quando si va li, la Juventus non perde mai o meglio quasi sempre vince! Tradizione rispettata. Ottimo pranzo, come sempre, ottimo vinello, ottimo anche il prezzo. Solo 15 euro a persona. Uno sballo! Carichi i nostri tre sono partiti per Milano fermandosi per una sosta in autogrill a pochissimi km da Melegnano. Ecco la sorpresa che già lasciava intendere tutto. Ti aspetti tantissimi tifosi rossoneri fermi nell'autogrill...invece era invasione di tifosi juventini, in auto, furgoni, pullman. Il Centro Nord "gobbo" ha risposto alla grandissima! Incrociamo i ragazzi del gruppo Emilia Bianconera che si complimentano per i nostri continui sforzi e per la nostra assidua presenza. Bello, il fatto che tutti ci riconoscano e ci apprezzino per quello che facciamo da oramai quasi undici anni. Giunti nel parcheggio ospiti, hanno trovato ad attenderli Michelangelo dello JC Corato. Poi tutti assieme hanno atteso i soliti amici di Tradizione e Bassa Valle con i quali si è scherzato è bevuta qualche birra per poi entrare dentro. Ci si posiziona entrando a destra al fianco di Antichi Valori con i Ragazzi Ungheresi sulla nostra destra. La Curva Sud rossonera è apparsa molto sotto tono, complice la classifica. Noi molto carichi abbiamo sfornato una prestazione canora di tutto rispetto. Un crescendo sino al fischio finale con sciarpate spettacolari, cori possenti è il classico: MILANO E' BIANCONERA....E' proprio vero comunque. A Milano si gioca sempre in casa! Aria tranquilla all'esterno dello stadio. Dentro prima si soffre. Poi si esulta alla rete del vantaggio inaspettato di Llorente giunta allo scadere del Primo Tempo. La ripresa inizia con lo stesso copione, sofferenza per poi esplodere di gioia alla rete dell'Apache. Fabio, Massimo, Vito, Giuseppe e MariaLaura si abbracciano tra di loro e con tutti gli amici al fianco. La capolista se ne va....la capolista se ne va....iniziano ripetutamente a cantare....Da segnalare a fine primo tempo qualche problema con gli steward che ha richiesto l'arrivo della Digos di Milano e Torino. Finita la partita alle 23,30 i nostri erano già nel parcheggio pronti a recuperare l'auto, salutarsi con Vito e MariaLaura e incamminarsi verso Bologna. Una lunga sosta in autogrill per rifocillarsi per poi alle tre giungere in aeroporto a Bologna. Stanchissimi ma felici per l'ennesima vittoria della Juve. Nello Sky Bar si addormentano rischiando di perdere il volo. Entrano per ultimi a bordo, ma non avrebbero avuto problemi visto che il volo per guasti tecnici veniva rinviato di un ora....Questo scombussola i loro piani per recarsi a lavoro in orario....Arrivano in pratica ad Andria verso le 9,30. Tutto più che bene! Ancora una volta Noi abbiamo risposto presenti al fianco della Juventus!   
JUVENTUS CLUB ANDRIA. UNA SPLENDIDA REALTA'.   
 

 
 
ODISSEA A TREBISONDA
 

Intanto partiamo da un presupposto: siamo stra-orgogliosi di essere arrivati anche li giù dove "teoricamente" finisce l'Europa....praticamente in Medio Oriente. Una trasferta difficile che in pochissimi hanno organizzato, viste le difficoltà logistiche ed organizzative, ma anche economiche, considerando che un viaggio li giù, solo di voli aerei costava mediamente sui 400 euro! Immaginate un po! Aver avuto la disponibilità di Tommaso Moscatelli è stato per noi motivo di grande orgoglio. Una persona incredibile Tommy, su cui punteremo tantissimo per il prossimo futuro, una bella scoperta! A Tommy si è legato anche Vincenzo Ferrucci Presidente dello JC Corato. Insieme hanno affrontato questa "avventura" consapevoli delle difficoltà che presentava alla vigilia questa insidiosa trasferta. Ma forte era l'orgoglio di poter dire anche li siamo arrivati con le pezze! Partiti entrambi da Andria alle 7 del mattino di mercoledì 26 febbraio, hanno raggiunto in treno l'Aeroporto di Bari per poi prendere il primo volo della giornata direzione Malpensa. A bordo, anche il Gruppo Juventini del Sud - Bisceglie Ovunque, anche loro da oltre vent'anni, sempre presenti in ogni dove! Arrivati a Malpensa i nostri due si sono uniti ai tre ragazzi di Aosta, ai tre di Massa è man mano a tutti gli altri che giungevano nello scalo milanese, con molti dei Viking e del Nucleo. Iniziano a stringere nuove amicizia, ecco l'essere sempre presenti, ti porta gioco forza ad ottenere un rispetto di tutti, soprattutto per i Km che ogni maledetta partita percorriamo. Arriva l'ora dell'imbarco per Istanbul. Pronti via....sul secondo volo...destinazione Turchia. Di nuovo Istanbul...destino beffardo...proprio li...dove a dicembre avevamo salutato l'Europa che dicono, "conti di più". Ma a Febbraio noi ci ritroviamo ancora in Europa, mentre altri tra un po probabilmente la perderanno, mentre poi ci sono quelli che continuano a vederla comodamente seduti su di un divano è chissà per quanto altro tempo ancora ci resteranno! Giunti a Istanbul già abbastanza stanchi, alle 20 ore locali, attendono il nuovo ed ultimo volo per Trabzon delle 22. A mezzanotte sbarcano finalmente li giù...come detto....in culo al mondo....In taxi si dirigono con gli altri presso l'Hotel prenotato, che era lo stesso dei ragazzi di Aosta, del Gruppo Viking e del Gruppo Marche. Insomma davvero un ottima compagnia. Preso possesso delle stanze, vanno subito a nanna, la stanchezza prevale, il non rischiare ad imbattersi nella notte di Trebisonda pure. All'indomani gli attendeva una lunga giornata. Fatta colazione, dicono praticamente "schifosa"...si recano prima sul lungo mare....il Mar Nero...per poi andare in centro. Città caotica come tutte quelle turche e del medio Oriente. Tutto tranquillo. Trovano nel frattempo altre decine di tifosi con i quali si danno un appuntamento per ritrovarsi alle 17 all'albergo della Juve, da dove saranno poi condotti verso lo stadio, tutti assieme. Il pranzo lo trascorrono con alcuni dei vecchi Viking, del Gruppo Marche, di Aosta con il solito Marenco sempre presente. Bella compagnia. Tanti attestati di stima nei confronti di Tommy e Vincenzo per questa assidua presenza dei nostri club, da anni al seguito della Juve. Arriva l'ora in cui bisogna raggiungere il luogo di ritrovo prefissato. Li scoprono di essere massimo una ottantina giunti dall'Italia. Davvero tanto onore a loro. Queste sono di quelle trasferte che mai più dimentichi, che valgono per 100 normali trasferte. Seguire la Juve in questi numeri capiterà praticamente quasi "mai". Di li partono con un pullman verso lo stadio messo a disposizione dalle autorità turche. Ma arrivati allo stadio inizia la vera "odissea" di cui vi abbiamo accennato nell'articolo a commento della gara, la "trasferta nella trasferta". Controlli su controlli della polizia turca. Riescono finalmente a superarli ed entrano dentro. Tutto questo sotto una pioggia battente. Appena dentro posizionano lo stendardo su di una vetrata laterale (come testimonia la foto), i gruppi su quella centrale. Mentre sembra tutto ok, ad un certo punto intervengono prima gli steward che invitano i nostri a rimuovere tutti gli striscioni e le pezze nel frattempo appese....ordine dell'Uefa dicono! Iniziano le prime discussioni, i primi battibecchi, poi si decide di tenere tutto a mano, all'inglese....ma anche questo non accontenta la polizia turca....che ad un certo punto chiede a tutti di uscire per rifare i controlli a tutti. Assurdo, caos generale, urla, imprecazioni, incredulità....una assurda repressione! Si recupera tutto è si esce nuovamente fuori dal settore. Ma li viene il bello, mentre loro (gli addetti ai controlli) pensavano di poter ricontrollare beffardamente tutti...manco fossero delle bestie...ecco la decisione di tutti gli juventini presenti, compatti ed uniti: NON ENTRIAMO PIU'. Questa è la decisione. Interviene la Juventus, dirigenti della Digos di Torino, non è cosa. La decisione è presa, si torna tutti negli alberghi. Non potevano vietare anche quello. Non ne potevano più di subire quegli assurdi controlli, alcuni perquisiti per 3/4 volte. Tommy e Vincenzo ci mandano messaggi sulla chat del club per raccontarci i momenti concitati, la delusione, ma anche l'orgoglio per la decisione presa. Dopo poco ci mandano la foto mentre sono in albergo a Trebisonda ad assistere alla gara di li! Assurdo ma vero....Spesi oltre 1.000 euro in due per poi restare in albergo. Questa Turchia ci ha davvero rotto le palle...prima la neve che non ci permise di assistere al recupero della gara contro il Galatasaray...adesso le forze dell'ordine....speriamo di non ritornarci mai più da quelle parti. All'una della notte hanno poi raggiunto l'Aeroporto di Trabzon per dormire qualche ora sui sedili dello scalo e attendere la partenza del volo per Istanbul delle 6 del mattino di venerdì 28 febbraio. Che esperienza, indimenticabile ci hanno detto al loro arrivo a Malpensa. Incazzati ma contenti di esserci stati soprattutto per le nuove amicizie nate. Solo alle 21 rientreranno ad Andria. Un saluto a loro e a tutti quelli che hanno condiviso assieme questa trasferta memorabile!

PENSAVAMO DI AVERLE PROVATE TUTTE...QUESTA CI MANCAVA! JC ANDRIA C'E' SEMPRE!  
 

 
 
FINALMENTE L'EUROPA SORRIDE ALLA JUVENTUS. SI PASSA AGLI OTTAVI
 

Sinceramente, quando abbiamo appreso del diluvio, non previsto, che si era scatenato su Trebisonda dalle 15 ore locali, comunicatoci prontamente dai nostri due valorosi ragazzi, Tommy e Vincenzo, presenti li giù....."in culo al mondo..." (come qualcuno ha simpaticamente definito questo viaggio), abbiamo iniziato a preoccuparci seriamente è a fare gli dovuti scongiuri. Dopo la neve di Istanbul, insomma ci voleva anche la pioggia di Trebisonda....che ci ha fatto venire alla mente....i fantasmi di Perugia...

Insomma l'Europa quando vede arrivare la Juventus, abbiamo anche pensato, non vuole proprio, portarci bene...

Ma invece nulla di tutto ciò, la Juventus di Antonio Conte è scesa in campo determinata, vogliosa di far sua la partita sin dalle prime battute, non lasciando mai ragionare l'avversario, aggredendolo in modo autoritario, con un possesso palla spaventoso che si è trasformato dopo soli venti minuti in un autentico assedio per la spaesata difesa turca. 2-0 per la Juventus come all'andata, ma una partita completamente differente da quella di Torino, quando diversi giocatori erano apparsi affaticati e sotto tono. A Trebisonda chiunque abbia giocato, prime o seconde linee, ha recitato il copione imposto dal Mister, alla perfezione. Le reti tutte nella prima frazione di Arturo Vidal e del neo arrivato Daniel Pablo Osvaldo, due gare in Europa, due reti. Se il buongiorno lo si vede dal mattino....allora vorrà dire che Marotta e Conte ci hanno visto non bene, ma benissimo! Se il primo tempo fosse terminato sul 4-0 non ci sarebbe stato nulla da dire. Anche un palo pieno di un Isla, sempre più in crescendo, sempre più determinato, sempre più sui livelli di quando era una autentica freccia a Udine! Insomma davvero una gran bella Juventus, una Juventus che a prescindere dalla consistenza dell'avversario, ha finalmente dimostrato di saper affrontare con il piglio giusto anche le gare in Europa. In altri tempi, queste gare, non le avremmo vinte, era da tempo che non si vedeva la Juventus dominare l'avversario in una trasferta europea. Ieri, possiamo dirlo, la Juventus ha fatto fare una gran bella figura al calcio italiano tutto, riuscendo a sfoderare una prestazione di altissimo livello, apprezzata dai media e dagli addetti ai lavori! Quando vedi la "tua squadra" giocare una partita del genere, ne esci, alla fine, davvero soddisfatto ed orgoglioso. Così siamo usciti dal club giovedì sera tutti quanti. Eravamo davvero in molti nonostante la diretta televisiva....ma questo oramai non fa più notizia! Vendetta doveva essere è vendetta è stata nei confronti del calcio turco, dopo l'assurda eliminazione maturata in Champions a dicembre scorso. Ma quella è già acqua passata, adesso noi tutti siamo concentrati su questo nuovo obiettivo europeo, chiamato Europa League. Il lungo cammino è iniziato dal Trabzonspor, mentre adesso ci attende il derby tutto italiano con gli acerrimi rivali della Fiorentina agli ottavi di finale (13 e 20 marzo con andata a Torino). Una gara che ci rievoca un precedente sempre in Coppa Uefa proprio contro i Viola, quando in una doppia finale riuscimmo a conquistare nel 1990 la seconda Uefa della storia (poi ne arrivò anche una terza). Della gara in terra turca dobbiamo raccontarvi della superba prestazione di Sebastian Giovinco, il migliore in assoluto. Siamo contenti per lui, siamo contenti per il Mister che lo ha sempre difeso, ma siamo contenti anche per i suoi detrattori: avrà mille difetti, ma sin quando un giocatore veste la maglia bianconera siamo tutti tenuti a sostenerlo fino alla fine! Se tutto va come speriamo voglia andare di qui alla fine mancherebbero 20 finali, tra campionato ed Europa League. Crediamoci ragazzi, crediamoci fortemente, aiutiamo la squadra a coronare un sogno: terzo scudetto di fila è trionfo in Europa! A Trebisonda a dir la verità ci si aspettava un ambiente molto più caldo, invece, forse complice l'avvio bruciante della Juventus, anche i tifosi turchi si saranno un tantino disorientati. Anche al fatidico minuto 61....ci si aspettava l'inferno....invece solo cori possenti ed una "coriandolata" per restare in tema carnevalesco. Della nostra trasferta giù a Trebisonda vi racconteremo in un articolo a parte, ma possiamo solo dirvi che siamo ORGOGLIOSI DI ESSERCI STATI, ANCHE SE SCONCERTATI PER IL TRATTAMENTO SUBITO DAI NOSTRI LI GIU', che dopo aver percorso 3.000 km, preso tre voli aerei, hanno dovuto assistere alla partita in albergo, in segno di protesta agli assurdi controlli messi in atto dalla polizia locale! Sono a mala pena riusciti ad entrare nel settore (ecco Tommy nella foto dell'articolo con la nostra pezza) per poi essere nuovamente sbattuti fuori x altri controlli. Qui a questo punto tutti i tifosi juventini presenti hanno deciso di abbandonare lo stadio in segno di protesta. Non si poteva subire controlli su controlli...manco fossero dei pericolosi "criminali". La Turchia se vuole essere in Europa non può permettersi queste assurde prese di posizione. Che se ne stiano fuori ai confini dal Mondo. In una società civile, simili situazioni non possono essere tollerate. Rispetto, tanto rispetto per l'ottantina, forse anche meno, di tifosi giunti dall'Italia, tra i questi anche la nostra presenza. 

Dopo Varsavia per i Laziali, avevamo temuto anche per i nostri giù a Trebisonda. Per fortuna sono tornati in Patria! Ancora più orgogliosi di esserci stati! Già pronti per l'ennesima trasferta in quel di Milano a San Siro domenica contro i rossoneri. Solo in 5, ma comunque anche li presenti. Sarà difficile, dopo l'impegno di coppa, ma sappiamo di avere una squadra molto determinata ed un allenatore in grado di caricare mentalmente i giocatori. Questa con il Milan sarà una partita crocevia per lo scudetto. Vincere anche a San Siro potrebbe significare molto! Proviamoci. Mente fredda è cuore caldo! Questa la ricetta di Antonio Conte!

JUVENTUS CLUB ANDRIA....TANTISSIMI FATTI....POCHISSIME PAROLE!
 

 
 
TORINO E' SEMPRE PIU' BIANCONERA
 

Anche quest'anno il Toro ha portato regolarmente a termine la sua missione: consegnare in busta chiusa 6 punti alla Juventus, per poi piangere al termine della gara! E' una loro caratteristica! Se la prendono sempre con gli arbitri....(ma non solo loro) per poi non chiedersi come mai Gigi Buffon non abbia mai fatto una parata durante tutti i novanta minuti, visto che i loro giocatori hanno scambiato il calcio per il rugby.....considerando le loro continue mete in Curva! Ma cari "granata" di cosa stiamo parlando???? Non volete mai ammettere la Vs. manifesta inferiorità nei nostri confronti è vi attaccate sempre alle solite stronzate. Sono 19 anni che non vincono un derby è sono al sesto derby di fila perso...Record di sempre! Dobbiamo proseguire con questi numeri???? Sentite a Noi cari granata...meglio che ci fermiamo...altrimenti la vostra faccia da "granata" diventerebbe completamente "rossa" dalla vergogna! 1-0 il finale di questo derby, come all'andata è come sempre poco spettacolare, molto tattico è con la solita Juventus padrona del campo per tutto il primo tempo è ad inizio ripresa. Poi il vistoso calo della squadra, dettato dalla preparazione invernale che come sempre, in questo periodo, nelle squadre di Conte, avviene! La Juve ha però difeso benissimo il risultato, cercando di contenere l'inutile assalto dei granata che non ha prodotto nulla se non uno sterile possesso palla. Conte, da grande allenatore qual'é, ha compreso è capito tutto, modificando l'assetto in campo, coprendo maggiormente la difesa. Poi dopo 4 minuti di recupero, l'arbitro ha decretato la fine di quest'altro derby che ha consegnato tre punti d'oro alla nostra Juventus grazie alla rete del grandissimo Carlitos Tevez, autore non solo di una splendida rete, ma anche di una prestazione MAIUSCOLA che segue l'altra grande prestazione di giovedì in Coppa Uefa! Quattordicesima rete stagionale per l'Apache argentino che balza in testa alla classifica dei capocannonieri della Serie A. Senza battere calci di rigore...chi lo avrebbe mai immaginato! Sta rispettando a pieno la tradizione dei numeri 10 della Juventus ed onorando al meglio quella maglia che è stata sino a due stagioni fa, di Alessandro Del Piero. Avanti Carlitos! Da segnalare lo sciopero nel primo tempo della Curva Sud bianconera, sciopero che riteniamo giustissimo. Dopo la gara con i Prescritti è quella contro i turchi del Trabzonspor, anche contro i Granata, la Sud per tutto il primo tempo non ha cantato mai, se non per mandare a quel paese i Granata, che nonostante il silenzio della Sud, non è che si siano fatti sentire granchè! Le motivazioni sono sempre le solite, le mancate autorizzazioni a coreografie della Curva. In pratica la Società vuole dettare legge, nel senso che vorrebbe che la coreografia fosse unica è imposta da loro. Insomma la Società preferirebbe per intenderci uno stadio con tutti i tifosi a sedere che devono fare quello che vogliono loro. Ma stiamo scherzando???? Piuttosto non ci andremmo più alle gare casalinghe, disertandole, ma andremmo solo in trasferta! Assurdo, non ammettere che la parte vera dei tifosi juventini è proprio quella della Curva Sud, quei tifosi (come anche Noi) che non hanno mai abbandonato la Juve, ne in  Serie B, ne tanto meno quando si stazionava attorno al settimo posto in classifica. Assurdo sentire e leggere le critiche piovute addosso alla Curva da parte di "pseudo tifosi bianconeri" per lo più occasionali che si sono permessi di scrivere che gli Ultras della Sud, siano come un "cancro da estirpare...." Vergognatevi. Un vero tifoso juventino non parlerebbe mai in questi termini. Poi la parola cancro noi, non la useremmo nemmeno dinnanzi al peggior nemico. Noi piuttosto ci vergognamo di quei tifosi che abitualmente la domenica abbandonano la Nord, la Tribuna Est e la Ovest con almeno 10 minuti di anticipo per non trovare ingorghi all'uscita. Ma che razza di tifosi siete? Oppure di quelli che viaggiano solo se la gara è importante, per poi non esserci contro il Chievo, il Trabzonspor o nello stesso derby, dove in molti sono rimasti a casa! Onore alla Sud e a tutti i Gruppi che la compongono che noi ci Onoriamo di frequentare attivamente da oltre dieci anni. Avanti con le Vs. idee, Avanti sempre, perchè la JUVE SIAMO NOI! Al derby seppur in numero esiguo (otto soci), ma è un periodaccio, economicamente parlando un po per tutti, siamo stati come sempre presenti al fianco della nostra JUVE! Un po tutti gli abituali soci delle trasferte, stanno rifiatando in questo periodo per poi affrontare la parte finale della stagione è ringraziamo di cuore molte nuove leve per l'aiuto che stanno fornendo e soprattutto per l'affidabilità che dimostrano di avere! A dir la verità i presenti al derby dovevano essere 9, ma venerdì sera Giuseppe ha dato forfait per sopraggiunti dolori alla schiena....maledetta età....Il gruppo degli otto soci si è diviso in due parti, tra chi è partito in auto è chi in aereo su Orio al Serio. Mimmo Strippoli con Salvatore Vitanostra, Francesco De Lillo e Adriano Regano hanno lasciato Andria all'alba in auto percorrendo 2.000 km tra andata e ritorno. Ci hanno inviato tanti messaggi alla "chat del club", con svariate foto, soprattutto al momento del pranzo fatto nei pressi di Asti. Un grazie a Mimmo Strippoli, il vigile urbano "Ultras"....un passionale all'ennesima potenza. Gli altri 4 in aereo con i figli del Presidente Nicolamarino, oramai a tutti gli effetti "abili ed arruolati" e Fusiello padre con figlio! Per loro alzataccia comunque al mattino presto per poi prendere, prima il bus per Milano Centrale è poi "Italo", il treno ad alta velocità che gli ha condotti a Porta Susa. Per loro giro in centro, pranzo al solito self service è poi in taxi allo stadio. La partita era particolare ed era meglio non rischiare nulla! Alle 17 appuntamento con gli altri 4 andriesi, giunti abbastanza carichi ed alticci...dopo l'ottimo vino del Monferrato bevuto.... e gli amici di Bassa VALLE e Aosta (sempre più ritardatario il caro "Marenco"). Dobbiamo però spendere qualche parola per il Gruppo Bassa Valle. Un Gruppo davvero sempre più rivelazione della Sud. Tanti fatti per loro, poche parole, senza apparire più di tanto è sempre Presenti! Ieri sono arrivati in oltre trenta unità per un derby molto sentito dalle loro parti. C'erano proprio tutti, con Adriano e Federico a condurre il "plotone". Noi non sappiamo più come ringraziarli per l'affetto che dimostrano di domenica in domenica nei nostri confronti è per il trattamento che riservano a qualsiasi socio di Andria arrivi su a Torino. Davvero una splendida amicizia. Non si offendano tutti gli altri amici della Sud, ma questa riteniamo sia l'amicizia più vera è forse più sentita per Noi! Vi vogliamo bene Fratelli Gobbi. Onore a Voi e a tutta la Bassa Valle BiancoNera! Anche il nostro Presidente ieri ha chiamato Federico per ringraziare della loro continua disponibilità. Anche ieri si sono resi collaborativi al massimo accompagnando in aeroporto subito dopo la partita i soci che dovevano ripartire in volo per Bari da Caselle alle 22,15, in pratica con pochissimo tempo a disposizione! Ci raccontano di un Andrea Nicolamarino oramai sempre più a suo agio con loro, qualche birra di troppo....con il nostro Presidente che oramai si deve convincere che i suoi figli sono "Due di Noi"...ah ah ah. Roberto Nicolamarino  e Mimmo Strippoli sono entrati prima per sistemare lo striscione, poi tutti si sono posizionati in basso a sinistra della porta (come da foto articolo pubblicata) assieme proprio a tutto il Gruppone Bassa Valle. Un grazie di cuore a Mimmo, Roberto ed Andrea per quanto fatto in una "trasferta particolare". Il derby non è mai una gita! Bellissimo anche il saluto prima della partita di Edgar Davids alla Curva. Dopo Trezeguet un altro campione dell'era Lippi ha reso omaggio alla Juve di Conte. Nella ripresa tifo alle stelle con i granata surclassati! Alla fine raccolto il tutto, chi doveva partire in aereo è subito andato via con le auto di Bassa Valle, mentre la "Strippoli band" ci scriveva..., sempre in Chat...., "Missione compiuta...si riparte per casa....1.000 km solo per la Juve...Fino alla Fine..." Una raffica di "Onore"....sono partiti da tutti i soci qui ad Andria. Al Club tanta tensione ed euforia alla rete di Tevez. Ieri la "Curva rumorosa" quella che staziona in piedi sul fondo della sala, a guardia del Club, ha dato il meglio di se! Tra chi già urlava..."Tutti a Napoliiiiiiii".  Bellissimo il "chi non salta è un Granata di Merda...oh oh oh oh oh oh..." che ha trascinato tutti, anche i più pacati! Adesso ci prepariamo a salutare i due "eroi", Tommy e Vincenzo che andranno a Trebisonda in una trasferta per pochissimi ma non per tutti, dove lo JC ANDRIA sarà presente con orgoglio! Testa alla partita, non sarà una passeggiata, la qualificazione è tutta da conquistare. Avanti Juventus, Avanti JC ANDRIA, tutti uniti verso le prossime vittorie! 

JUVENTUS CLUB ANDRIA....UNA BELLA REALTA'.....UNA GRANDE FAMIGLIA!    

 

 
 
LA JUVE NON PERDE LA "TREBISONDA"
 
Almeno per questa gara di andata, la Juventus "non ha perso la Trebisonda....". Nei sedicesimi di finale di Europa League, la Juventus ha affrontato giovedì sera allo Stadium, l'ostico avversario turco, il Trabzonspor, battendolo per 2-0, grazie alle reti di Osvaldo, alla prima da titolare e alla prima marcatura e dell'incredibile Paul Pogba. Incredibile, perchè è sempre capace di tirare fuori dal suo cilindro magico delle reti spettacolari, tutte sempre decisive. La partita si è rivelata più difficile del previsto, complice anche il vistoso calo della nostra squadra nella ripresa, soprattutto del centrocampo. Ma noi riteniamo che sia comprensibile, in questo momento della stagione, non avere la brillantezza nell'arco dei novanta minuti. Non dimentichiamocelo mai: le squadre di Conte nel mese di Febbraio non si esprimono mai al meglio, pertanto in questa fase conterà vincere quante più partite possibili. Assurdo leggere e sentire tutte queste critiche piovute sulla squadra al termine dell'incontro. Ancora più assurdo è stato sapere che queste critiche arrivavano proprio da molti tifosi juventini (??????....tifosi????....mahhhh è una parola troppo grossa...). Ve lo ripetiamo, ricordiamoci da dove arriviamo e soprattutto se vogliamo portare avanti questi due importanti obiettivi, dobbiamo entrare nell'ordine di idee, che ci sarà tanto da soffrire di qui a Maggio. Chi non ci crede, chi non se la sente, chi vuole vedere la Juventus giocare sempre a 1000 all'ora....bene è pregati di farsi da parte....perchè in questa fase non abbiamo assolutamente bisogno di GENTE COME VOI! Siete solo degli occasionali, siete solo bravi a seguire la Juve nelle gare di cartello e non siete in grado di saper soffrire e sostenere una squadra che in tre anni sta facendo degli autentici miracoli. Anzi siete solo bravi a scrivere subito puttanate su Facebook...nemmeno il tempo di far fischiare la fine della partita all'arbitro. VERGOGNATEVI! 
Si, lo avrete compreso, siamo incazzati neri con questa gente. E' proprio vero che noi siamo di un altro pianeta, del resto chi come noi ha seguito la Serie B...può comprendere cosa significhi essere un vero tifoso della Juventus....gli altri sono spuntati come funghi dall'apertura del nuovo stadio e soprattutto perchè si è ritornati a vincere! La Juve del primo tempo non ci è dispiaciuta affatto. Se fosse finita 2 o 3 a zero la prima frazione di gioco non ci sarebbe stato nulla da dire. Poi nella ripresa abbiamo sofferto e rischiato tantissimo. Se avessimo subito la rete, avremmo complicato maledettamente la gara di ritorno, invece proprio all'ultima curva, all'ultimo respiro, grazie ad un FENOMENALE TEVEZ, abbiamo innescato l'ultima azione che ha portato Pogba a segnare un gol che molto probabilmente vorrà dire qualificazione agli Ottavi di Finale, dove dovremmo trovare i Viola in un doppio confronto da brividi! L'unica certezza per ora che abbiamo è che a Trabzon noi ci saremo e soprattutto la Juve potrà andare a giocare più serena, forte del 2-0 maturato a Torino. Peccato che ancora una volta i rincalzi, Isla, Peluso e Ogbonna schierati dal Mister titolari, non abbiano fornito una buona prestazione a dimostrazione che molti di questi rincalzi non meritano assolutamente di vestire la nostra maglia. Isla e Peluso sono stati a dir poco deludenti. Che riuscissero ad indovinare un cross...degno di essere chiamato cross???? Della gara di giovedì da segnalare uno Juventus Stadium incredibilmente pieno, segno che tutto il popolo gobbo ci crede in questa Coppa, una massiccia presenza di tifosi turchi che al 61° minuto hanno scatenato l'inferno, come sempre! Infatti pochi sanno che nel 1461 l'impero di Trebisonda cadde in mano ai Turchi Ottomani dopo la quarta crociata...insomma il 61....è il numero della Città di Trebisonda che rievoca questo passaggio storico e loro al 61° minuto di ogni gara ovunque si trovino, scatenano l'inferno! Immaginate se una cosa del genere accadesse ad una tifoseria italiana??? Chiuderebbero stadi, curve, diffiderebbero un intero settore....questa è l'Italia....dove se in Parlamento si prendono a schiaffi per essere pagati 20.000 euro al mese...tutto va bene....se poi una Curva intona dei cori di sfottò....se qualcuno accende un semplice fumogeno....scattano addirittura chiusure...censure e diffide per lunghi anni.....L'altra sorpresa l'abbiamo registrata al club: di giovedì sera alle ore 19,00, con molta gente ancora a lavoro, il club era pieno all'inverosimile. L'essere accorsi in massa, ad una gara di Europa League, è segno di una mentalità che in ognuno di noi cresce sempre più. Alle rete di Pogba non si è capito più nulla dalla gioia. Anche giovedì sera eravamo presenti a Torino, per l'ennesima volta in questa stagione anche se con una "sparuta presenza". Quattro soci giovanissimi, le nostre nuove leve, condotti da Giorgio Nicolamarino e Roberto Pisani che hanno fatto un egregio lavoro eseguendo alla perfezione "gli ordini" impartiti dalla Vecchia Guardia, rimasta ad Andria. Arrivati nella mattinata a Torino, hanno trascorso qualche ora in giro, per poi prendere appuntamento con i soliti e grandiosi amici del Gruppo Bassa Valle con i quali sono entrati assieme verso le ore 18, dentro la Sud, posizionando la pezza al bocchettone (come da foto articolo a testimonianza di quest'altra presenza), dove solitamente mettiamo lo striscione, e restando li per tutto l'incontro. Grandiosi! Un grazie a Giorgio per quanto fatto e per aver portato ad Andria, i due preziosi tagliandi di Trebisonda, dove faremo una storica presenza che resterà nei nostri annali per sempre! Adesso però è già l'ora di pensare al derby dove la pattuglia di nostri soci è nel frattempo diventata di 9 unità. Un auto con quattro soci a bordo più i 5 che viaggiano in aereo. Insomma ancora una volta riusciamo ad esserci a questa importante sfida per ogni vero tifoso gobbo! L'auto sarà condotta da Mimmo Strippoli con Salvatore Vitanostra, Adriano Regano e Francesco De Lillo, in aereo saliranno invece Fusiello padre e Fusiello figlio oltre a Roberto, Andrea e Giuseppe. Tutti si ritroveranno su per posizionarsi tutti assieme all'interno della Sud. Forza Juventus, Forza JC ANDRIA....ESSERCI...NON APPARIRE!

 

 

 
 
TUTTI CON...TE MISTER
 
Ve lo avevamo detto. Ancora una volta abbiamo avuto ragione! Il pareggio maturato nell'ultimo minuto di recupero a Verona contro l'Hellas, ha avuto un effetto devastante sia nel Mister che nella squadra tutta, domenica pomeriggio contro il Chievo Verona. Più lo fanno incazzare, più Antonio Conte risponde prima sul campo è dopo in conferenza. Grandioso è stato al termine della bella vittoria maturata contro il Chievo per 3-1 grazie alle reti di Asamoah, Marchisio e del solito Fernando Llorente, decima marcatura in campionato per il bomber spagnolo! Anche la rete dei clivensi è stato un ns. regalo, con la sfortunata deviazione di Martin Caceres su rinvio di Lichsteiner.  In tutta la settimana si sono dovute sentire puttanate a non finire da parte di certa stampa "faziosa" o di certi opinionisti del cazzo! Ma non lo avete ancora capito dopo quasi tre anni che con Antonio Conte ve lo prenderete sempre a quel posto??? Più cercherete di destabilizzarlo, più lui diventa una furia è trasmette questa carica alla squadra in campo che poi diventa a tratti devastante! Di mezzo poi ci si è messo, come il prezzemolo, ancora una volta, quell'infamone che di nome fa Capello, quello che nel 2006 scappò di notte, in piena tempesta FARSOPOLI, quello che qualche mese prima di firmare per la Juve, aveva detto: "Mai alla Juve"! Lo sappiamo, gli rode il culo, ma non solo a lui, per quello che Antonio Conte sta facendo alla Juventus, gli rode il culo per i record che questa Juve, nettamente inferiore a quella da lui allenata, uno squadrone, sta polverizzando! Ma, pezzo di merda che sei, Capello, non faresti meglio a restartene in silenzio nel gelo della Russia??? Cazzo parli a fare? Dobbiamo ricordarti i nomi dei giocatori che avevi in rosa per dirti che hai fallito in quei due anni in Europa, più di questa Juve, ripetiamo nettamente inferiore a quella?....Le due uscite ai quarti di finale contro Liverpool e Arsenal sono ancora nelle nostre menti. Quella Juve doveva vincere a mani basse quelle due Coppe per il valore della squadra è per il valore in quegli anni delle avversarie europee! Quindi taci è goditi il bel calcio che la Juve di Conte da tre anni ci offre. Conte sapete perchè è antipatico a tutti?? Perchè è fortemente gobbo dentro, ma soprattutto perchè VINCE! Questo è quello che rode di più a tutti. Hanno capito i nostri nemici che con lui in panca, si continuerà a vincere per molti anni ancora, ma soprattutto temono una nostra escalation in Europa! Noi ci crediamo OGGI PIU' CHE MAI, ecco perchè ad alta voce vi diciamo FORZA MISTER SIAMO TUTTI CON...TE! Bellissima l'immagine all'uscita di Giovinco dal campo, con il Mister che manda a fare in culo il pubblico che lo fischiava è lo teneva stretto a se, caricandolo e invitandolo a sedersi in panchina! Ricordiamoci tutti, anzi vi diciamo: facciamoci un bagno di umiltà, ne abbiamo bisogno tutti! Sino a quando un qualsiasi giocatore vestirà la maglia bianconera, NESSUNO, dovrà permettersi di offendere e umiliare un giocatore. Giovinco non sarà un campione, ma va sostenuto a prescindere! Poi le conclusioni le trarremo il 19 maggio! Adesso per i prossimi 90 giorni TUTTI UNITI, verso questi due importanti obiettivi: CAMPIONATO E COPPA UEFA! AVANTI RAGAZZI. CHI NON CI CREDE, LO RIPETIAMO ANCORA UNA VOLTA, RESTI A CASA! Anche domenica pomeriggio, siamo stati presenti a Torino, seppur in numero ridotto, solo 7 soci, ma come ci dicono i tanti amici del Nord, un numero che ci fa tanto onore, considerando i km che maciniamo ogni maledetta domenica! Trasferta finalmente comoda, tutti in Aereo su Orio al Serio, in due dal sabato, gli altri cinque in giornata, con partenza all'alba della domenica. Con auto a noleggio hanno poi raggiunto tranquillamente Torino. Subito in zona stadio con pranzo verso mezzogiorno per poi incontrarsi con gli amici di Bassa Valle (un sentito grazie va ad Ale Freydoz per l'amicizia che ci dimostra di domenica in domenica....semplicemente 1 GRANDE) e Aosta all'esterno dello Stadio. Alle 14,00 entrano in Sud. Soliti riti è solita scoperta: gli occasionali di Juve - Inter, di Juve - Roma etc. etc....non ci sono....chissà poi perchè. Solite facce è curva finalmente molto più ripulita di stendardi. I nostri lo aprono in pratica solo ad inizio gara, alla rete di Asamoah (bellissima l'inquadratura di Gigi Buffon che esulta con sullo sfondo il ns. stendardo aperto) e al saluto della squadra sotto la Curva (eccoli i giocatori sotto la Sud a fine gara nella foto scattata dal ns. socio Roberto Nicolamarino). Un grazie a Vincenzo Quacquarelli, ragazzo di poche parole, ma di tanti fatti! Un grazie anche al grande Corrado per il quale nutriamo una grande stima per la persona prima, per il tifoso poi! Ha guidato andata e ritorno sull'autostrada per Orio, ci dicono sfrecciando a velocità inaudita....causa rientro alle 20,30 e immenso traffico trovato in direzione Milano che ha messo a forte rischio l'arrivo in Aeroporto, dopo la partita. In extremis ma sono comunque arrivati. Alle 23,00 erano già comodamente alle loro case. Adesso tempo solo di rilassarci tre giorni che già giovedi, nuovamente in aereo, 4 nostri soci rappresenteranno lo JC ANDRIA anche nell'andata dei sedicesimi di finale di Europa League. 
Con il Trabzonspor niente scherzi: VINCERE ed ANDARE AVANTI. Ricordate tutti che la gara si giocherà alle ore 19 di giovedì sera, pertanto tutti al Club!
AVANTI JC ANDRIA, AVANTI JUVENTUS....NON SUCCEDE......MA SE SUCCEDE!
Buona settimana a tutti!
 

 
 
SARANNO DIECI GIORNI DI FUOCO
 
Archiviata definitivamente la bella e sfortunata trasferta di Verona contro l'Hellas, alla quale si riferisce questa simpatica foto dell'articolo, che i nostri soci (davvero una bella e colorita squadra...da notare Beppe Di Serio con la nostra "pezza" legata al collo!) saliti su, si sono "autoscattati" nel parcheggio ospiti dello Stadio Benetgodi, adesso ci attende, kilometricamente parlando, una dieci giorni difficile e da brividi. Andare tre volte di fila a Torino in sette giorni, più una "passeggiata" a Trebisonda....praticamente nel Medio Oriente turco, non è cosa assolutamente semplice. Iniziamo da domenica pomeriggio, quando 7 nostri soci condotti da Vincenzo Quacquarelli (a volte ritornano...) e Corrado Solfato, raggiungeranno lo Stadium per la sfida al Chievo Verona. Un grazie a Corrado, il socio delle trasferte...sulla carta più insignificanti....ma che per noi veri tifosi valgono invece molto di più delle solite gare di cartello che poi "stranamente" interessano a tutti.....Corrado dopo aver fatto, Genova con la Samp. alla prima di campionato, dopo aver fatto Juventus - Copenhagen di Champions e dopo essere stato a Cagliari il 12 gennaio scorso adesso ha scelto di partire per Juve - Chievo! Che dirgli se non onorati di averlo con Noi da tantissimi anni, lui l'uomo di Rimini, Crotone, Juve - Brescia, Frosinone...tutte in Serie B! Poi giovedì, il 20 sera, sarà nuovamente Juventus Stadium a Torino e anche qui seppur in pochissimi, appena 4, ci saremo all'esordio stagionale in Europa League per l'andata dei sedicesimi di finale contro il Trazbonspor, grazie a Giorgio Nicolamarino, nipote del Presidente e Riccardo Pisani, nipote del tesoriere.....insomma nuove leve che crescono più altri due nuovi soci di questa stagione! Il 23 sarà il giorno del derby di Torino e anche qui non mancheremo, con Mimmo Strippoli a condurre un gruppetto di soci che dovrebbe attestarsi sulla decina di unità, con l'organizzazione del viaggio e delle persone presenti, ancora in via di definizione. Ma la chicca di questo periodo sarà la presenza in quel di Trebisonda nelle profonde viscere della Turchia, sul Mar Nero. Tommy Moscatelli e Vincenzo Ferrucci dello Jc Corato si sobbarcheranno questa trasferta che per loro e per noi resterà scolpita negli annali. Quando Tommy si è affacciato dal club per dire....."io ci sarò li giù...." quasi non ci credevamo, 1) perchè non era semplice economicamente parlando, 2) perché logisticamente è davvero dura raggiungere Trabzon. Saranno fuori tre giorni e due notti, prenderanno in tutto 6 aerei pur di seguire la Juve dal vivo anche in quella gara di ritorno di un sedicesimo di finale di Europa League. Massimo rispetto per loro è sempre più orgogliosi di avere questa gente tra le nostre fila!
JUVENTUS CLUB ANDRIA: PASSIONE ALLO STATO PURO!    
 

 
 
OCCASIONE SCIUPATA MA PAREGGIO GIUSTO
 
Incredibile il pareggio per 2-2, maturato domenica pomeriggio sul terreno dello Stadio Bentegodi di Verona. A guardare il primo tempo, nessuno avrebbe scommesso nemmeno "1 euro", sulla possibilità che gli scaligeri sarebbero potuti poi pervenire al pareggio nella ripresa. Una prima frazione di gioco, praticamente perfetta, giocata sui soliti ritmi dalla Juventus. Un Verona che sembrava annichilito, quasi impaurito ed incapace di opporsi alla nostra armata! Eppure alla fine ci si ritrova con un "misero" punticino in tasca, dopo essere stati in vantaggio per 2-0 all'intervallo! Gran bella doppietta di Carlitos Tevez, alla tredicesima marcatura stagionale! Ma il bello del calcio è proprio questo! E' accaduto in pratica quello che accadde a Firenze lo scorso ottobre. Sono di quei pomeriggi che per fortuna alla nostra Juventus accadono molto di rado è che siamo certi, servirà nuovamente di lezione come servì di lezione quella sonora scoppola toscana. Questo ci deve far comprendere a tutti, ad iniziare da noi tifosi, che il campionato è tutto ancora da vincere, che le insidie e le difficoltà sono sempre nascoste dietro l'angolo. Ma il pomeriggio di Verona ci fa anche comprendere che questo campionato lo possiamo buttare al vento soltanto Noi. Noi saremo nuovamente artefici del nostro destino, come lo siamo stati negli ultimi due anni! E' bastato giocare con superficialità, con pressapochismo, con arroganza per poi ritrovarci, alla fine, quando mancava davvero pochissimo alla conclusione della gara, raggiunti da un pareggio beffardo dal sapore molto amaro. Avremmo potuto chiuderla prima la gara, viste le altre enormi occasioni avute, visto il palo colpito dall'esordiente Osvaldo che si è mosso bene, confermando che tornerà tanto utile alla causa e che non sarà stato un acquisto "inutile"! Peccato, abbiamo sprecato una ghiotta occasione, quella di poter allungare sulla Roma, fermata sul pareggio nel derby contro la Lazio. Avremmo potuto affrontare l'inizio dell'Europa League un tantino più sereni, invece dobbiamo adesso pedalare è tanto, sia in campionato che in Europa. Nove punti di vantaggio sulla seconda, seppur con una gara in più da disputare, restano sempre un cospicuo ed importante vantaggio sulla Roma. Ma Conte da persona di esperienza qual'è, sa perfettamente che non bisogna adagiarsi sugli allori, non bisogna cullarsi su nulla è pertanto appena finita la partita ha tuonato negli spogliatoi, rimproverando la squadra per le "gravi disattenzioni" che ne hanno determinato l'incredibile pareggio. Il risultato? nessun giorno di riposo, lunedì mattina tutti a Vinovo per riprendere gli allenamenti in vista dell'importantissima sfida al Chievo Verona di domenica prossima, che anticiperà il doppio confronto ai turchi del Trabzonspor in Europa League e il derby della Mole. Una riflessione però ci nasce spontanea. Questa Juventus ha totalizzato la bellezza di 60 punti su 69 disponibili. Cioè ma ragazzi ci rendiamo conto di cosa sta facendo questa squadra??? Ci fanno sorridere i giornalisti, gli opinionisti, i tirapiedi, quando iniziano a parlare di crisi....appagamento, stanchezza....ma vergognatevi! La miglior squadra di tutti i campionati europei. Nessuno, dall'Inghilterra, alla Francia, dalla Spagna alla Germania, ha totalizzato così tanti punti. E' dunque, Avanti Juventus, non ti curar di loro, pensiamo semplicemente a Noi, pensiamo a conquistare già la prossima vittoria, pensiamo al fatto che mancano 15 giornate alla conclusione, che potrebbe vederci ancora una volta trionfare, alla faccia di tutti quei bastardi che ci odiano! Inizia la fase più delicata della stagione. Adesso la squadra ha bisogno di noi, dei veri tifosi, non degli occasionali,  tutti insieme dobbiamo remare in un unica direzione per condurre la nostra nave nel porto chiamato "VITTORIA". Forza ragazzi chi si sente appagato, se ne resti a casa. 
La trasferta dei nostri soci a Verona è stata come sempre emozionante, piena di cose da raccontare ma anche molto "pesante". I km che percorriamo noi, ogni anno, per tanti mesi consecutivamente, sono davvero un qualcosa di incredibile. Per la seconda volta nella stagione il nostro club è stato presente al Bentegodi di Verona, prima con il Chievo nel turno infrasettimanale dello scorso settembre, ad inizio campionato è domenica nella più bella e difficile trasferta contro l'Hellas. Tanto onore ai nostri 6 soci rappresentanti, Salvatore Lomuscio, Michele Zagaria, Pasquale Cipriani, Giuseppe Di Serio, Gianni Zagaria e Gregorio Del Giudice che hanno risposto presenti in quest'altra difficilissima tappa. Partiti nella notte tra sabato e domenica, in furgone da 9 posti assieme a tre rappresentanti dello JC Corato è alla bottiglia di AMARO LUCANO....., i nostri hanno raggiunto già belli alticci....San Benedetto del Tronto, dove a bordo del pullman a due piani del Gruppo Marche hanno potuto, in tutta tranquillità raggiungere Verona. Un altra amicizia che si consolida sempre più quest'altra con gli amici marchigiani che spesso ospitano gruppi di nostri soci a bordo dei loro mezzi. Una comodità per noi, per non dover affrontare km e km alla guida, soprattutto in questi periodi di nebbie e quant'altro. Del resto non abbiamo più la pazienza è la forza fisica di guidare. E' proprio vero, lo riconosciamo, siamo diventati dei comodoni. Bella l'accoglienza a bordo per i nostri ragazzi, da parte del loro Presidente Edmondo...per gli amici semplicemente "Mondo".  Salvatore e Michele, i più grandi per età anagrafica, capitanavano il nostro gruppetto, ma con gli altri che seppur più giovani, vantano già una esperienza da vendere in fatto di trasferte al seguito della Juve! Ci raccontano di un pullman dove si fumava e beveva di tutto di più. Michele Zagaria ad un certo punto sembrava avvolto dalla nebbia della Val Padana....ah ah ah ah che ridere. Giuseppe Di Serio, pare sia entrato subito in perfetta sintonia con il DJ del pullman, tale Mimmo Colella, uno spasso! In perfetto orario il pullman giunge a Verona Nord. Sotto scorta vengono condotti al parcheggio ospiti per poi entrare praticamente subito in Curva Nord, dove scoprono che viene aperto soltanto l'anello superiore. Si posizionano sulla sinistra del tabellone (come si può notare da questa foto dell'articolo, scattata dal campo), in pratica verso i Distinti. Man mano la curva si riempie è si riempie anche lo stadio. Primo tempo con un tifo spettacolare da parte nostra, a tratti infernale. Nella ripresa, cala la squadra, cala anche la nostra curva, sale in cattedra la Sud veronese. Belli da sentire, belli da vedere, ci dicono i nostri saliti su! Al pareggio, la tensione sale con il settore distinti. Salta la zona cuscinetto creata per separare dalla tifoseria locale...volano parole grosse, cinghiate, ma tutto rientra. I nostri sono delusi, stanchi ed affranti per questo incredibile epilogo, ma felici di esserci stati è già pronti ad individuare la prossima trasferta da fare. Si ritorna a casa, dove arrivano alle 4 della notte tra domenica e lunedì, questa volta davvero stanchissimi! Un ringraziamento a Salvatore Lomuscio per quello che in questa stagione stà facendo per il nostro club. Macina km e km al seguito della Juve, da Copenaghen a Verona è un conto mostruoso! Davvero una persona sempre più insostituibile che ha letteralmente preso sulle spalle il club "nelle trasferte", in attesa che rientri Fabio, fermo ai box per motivi di salute. Un ringraziamento a tutti coloro che hanno fatto sentire la propria vicinanza al nostro Segretario in occasione dell'intervento chirurgico a cui si è sottoposto. Tutto è andato bene. Bello lo scambio di messaggi tra Salvatore, i ragazzi presenti a Verona, o chi era semplicemente al club è Fabio che era ricoverato in Ospedale! Segno di grande unione e fratellanza tra tutti! Sempre più orgogliosi di Noi, sempre a difesa della nostra grande passione chiamata JUVENTUS!    
Un ultima considerazione ci nasce spontanea: oramai nelle gare casalinghe della Juventus e soprattutto in Curva Sud, notiamo come la presenza della Puglia sia diventata oramai massiccia. Si può dire che tutte le città siano rappresentate. Non è un gran bel vedere di curva, detto in tutta sincerità! Ma questo spiace accada soltanto nelle gare di cartello, quelle di grande richiamo, quelle in cui la curva si popola di tanti occasionali che non conoscono nemmeno i cori! Altra cosa che notiamo é il proliferare di stendardi tutti riconducibili al nostro "........... PRESENTE", che ideammo anni fa, quando la Juventus navigava attorno al settimo posto della classifica del campionato italiano! Questo per farvi comprendere che noi c'eravamo, ci siamo è ci saremo. Altri appaiono e scompaiono, alle volte per semplice moda o al massimo per lucrare su quei viaggi dove gli occasionali non badano a spese. Ed è per questo che noi non abbiamo bisogno di farci vedere, di farci notare. Adesso lanciamo una nuova moda, quella di farci notare il meno possibile....per non mischiarci a tutti questi occasionali "pugliesi e non pugliesi", tanto alla fine dei conti...in trasferta poi ci siamo sempre è solo noi è pochi altri dalla Puglia, guarda caso tutti stretti in un fazzoletto di km! 
JUVENTUS CLUB ANDRIA OVUNQUE PRESENTE, non per moda, non per altro, ma per pura passione! 
 

 
 
BATTUTI I CHIACCHIERONI
 
Ancora una volta contro "i chiacchieroni" per eccellenza è finita con la Juventus in trionfo. E' inutile, noi dello JC ANDRIA abbiamo sempre ragione. Vuol dire che "qualcosa" di calcio ne capiamo....ah ah ah ah! Vi ricordate quando in estate "i chiacchieroni" sempre loro, dicevano......."vedremo se quest'anno sarete in grado di rivincere lo scudetto con la concorrenza così rinforzata....". E' tra la "spietata" concorrenza ci si mettevano pure loro, per il semplice fatto di aver preso un allenatore, aggiungiamo noi "perdente nato", del calibro di Mazzarri! Noi abbiamo come sempre ascoltato senza commentare....come si suol dire li abbiamo lasciati "sfogare", li abbiamo come sempre lasciato vivere la loro estate di sogni sotto l'ombrellone per poi, puntualmente, dare le dovute risposte sul campo. E' inutile, il campo dice sempre la verità è anche questa volta è stato così! Il problema è che la verità...spesso, ammetterla... fa male. Tant'è vero che adesso i chiacchieroni sapete cosa dicono????? Si proprio loro, gli stessi che ad Agosto dicevano che avremmo "arrancato" in un campionato, quest'anno, più equilibrato! Ora dicono che stiamo vincendo il campionato "albanese".....o "finlandese"....è giù di li. Ma fateci il piacere, per fortuna che oramai se lo dicono anche loro stessi....che sono una squadra di merda....gestiti da una Società di merda....insomma ragazzi la barzelletta continua! La Juventus ha battuto i Prescritti, Pagliacci e Accattoni per 3 a 1. Ringraziassero che ad un certo punto, la nostra squadra ha deciso di tirare i remi in barca è gestire il sicuro vantaggio che era maturato, insomma in parole povere non hanno voluto infierire sul ridicolo avversario. Credeteci una delle peggiori squadre viste all'opera allo Stadium in questa stagione, forse leggermente superiori, solo al Catania. Mentalità da provinciale, venuti a Torino per difendersi è per cercare magari di strappare il classico punticino....Allo Juventus Stadium, invece quest'anno non c'è ne proprio per nessuno ed anche per loro è stata applicata la tariffa, scontata, delle tre reti e a casa! Stesso trattamento riservato prima al Milan, poi al Napoli, in seguito alla Roma è adesso anche a loro i Prescritti di Milano. Che campionato ragazzi, la Juventus continua a frantumare record su record, 59 punti fatti, più 9 sulla seconda, a segno da ben 35 gare consecutive, 11 vittorie di fila in casa su 11 gare disputate, che altro dobbiamo dirvi?? Niente, se non che siamo davvero stupiti dalla forza della nostra squadra, dalla determinazione che tutti i giocatori hanno è che mettono di gara in gara per raggiungere lo storico traguardo dei tre scudetti di fila con lo stesso allenatore! Sarebbe meraviglioso. Tra l'altro proprio in questi giorni si sta discutendo del quesi certo rinnovo di Antonio Conte con la Juventus, un prolungamento che lo vedrebbe almeno per altri tre anni sulla panchina della "Sua" Juventus! Con lui in panchina, ricordatevele sempre le nostre parole, arriveremo a vincere tutto quello che si può vincere. Ne siamo sempre più convinti. Il ciclo in Europa faremo di tutto per avviarlo già in questa stagione con l'Europa League che poi ci porterebbe a disputare la finale di SuperCoppa Europea. Ma ci pensate dovesse accadere???? Domenica della Juve ci è piaciuto davvero tutto, determinazione, facilità nell'andare in rete, abilità nell' annichilire l'avversario, possesso palla, attaccamento alla maglia, anche da parte di chi gioca poco. Prendete l'esempio di Mirko Vucinic, entrato a pochissimi minuti dal termine è riuscito a colpire un palo a quell'avversaria che sarebbe potuta essere la sua squadra. Avesse segnato, sarebbe stato fantastico! Di Lichsteiner su perfetto assist del Mago Pirlo (che sempre i chiacchieroni è non solo,  davano per finito tre anni or sono), di King Kong Chiellini è di Re Arturo Vidal le tre marcature che hanno steso al tappeto la derelitta squadra dei chiacchieroni! Allo Stadium, quello che loro chiamano da perfetti "invidiosi" Conad.....perchè se non lo fossero, non lo citerebbero nemmeno, l'atmosfera è stata come sempre fantastica. Nel primo tempo c'è stata la giustissima contestazione da parte della Sud nei confronti di chi ha vietato la bellissima coreografia che si era preparata contro i chiacchieroni...che non era nulla di offensivo ma semplicemente goliardica e che avrebbe messo in risalto il loro "essere" pagliacci dal 1908! La trasferta dei nostri soci partiti su per Torino con pullman e aerei vari è stata come sempre più che tranquilla. Alle 23,15 di sabato sera hanno lasciato, sotto una fitta pioggerellina, la stazione di Andria con il solito pullman da 58 posti tutto completamente pieno. A bordo Andrea Leonetti a condurre l'insolita squadra di soci verso il capoluogo piemontese. Senza parole oramai per Andrea, una persona straordinaria che di partita in partita apprezziamo sempre più! Bello vedere alla partenza, tantissimi volti di nuovi soci o addirittura di gente che era alla primissima presenza a Torino. Ma è stato anche bello, essere finalmente riusciti ad inculcare nella testa dei tanti ragazzi che frequentano le nostre trasferte di disertare questa sfida che riteniamo davvero insignificante. Il vero tifoso lo si vede in ben altre partite, ad iniziare da quella di Verona domenica prossima. Molti i professionisti a bordo, anzi il pullman abbondava di svariati avvocati andriesi concentratisi casualmente in questo viaggio. Non mancavano nemmeno bambini e donne. Un ringraziamento particolare a Tommy Moscatelli e Graziano Lotti per l'aiuto fornito ad Andrea Leonetti. Due "nuove leve" sulle quali poter sicuramente contare nel prossimo futuro. Ma non mancavano nemmeno alcuni "pezzi da novanta" quelle che noi definiamo "facce brutte", come Franco Di Franco (Uno fisso) e Nino Molino il lavagista ufficiale del Club! A Torino arrivano verso mezzogiorno è si dividono sempre in due gruppi, tra chi preferisce fare la solita passeggiata per le vie del centro è chi preferisce andarsene in visita al Museum e allo Stadium oltre che al centro commerciale. Estasiati i nuovi che per la primissima volta erano su a Torino. Alle 18,00 veniva fissato il ritrovo da Andrea Leonetti con tutti i soci, anche quelli arrivati in aereo, per la consegna dei tagliandi di ingresso. Come sempre il grosso del gruppo, oltre venti, era in Curva Sud (nella foto dell'articolo eccoli ritratti una decina nel pre-partita). Alla fine erano contentissimi per esserci stati è per la perfetta organizzazione del Club. Bello come sempre ricevere numerosi messaggi ed attestati di stima da parte di coloro che apprezzano quello che per "pura passione" facciamo da oltre 10 anni! Viaggio di rientro tranquillissimo. Al Club invece c'era la "Creme de la creme...", così definita da Salvatore Lomuscio, in pratica tutto il Gruppo Storico al completo con un affluenza impressionante! Dietro il solito caldo gruppo che staziona in piedi come se fossero allo stadio con tanto di zeppole, fatte arrivare dal nostro socio Gianni Porro del Bar Astoria. Bellissimo il coro rivolto a Thoir.....che vendeva souvenir a Piazza Duomo....è il possente Inter Merda alè.....
Insomma NOI SIAMO LA JUVENTUS, NOI SIAMO LO JUVENTUS CLUB ANDRIA, già pronti a ripartire per la prossima difficile trasferta a Verona contro l'Hellas in furgone da 9 posti tutto al completo. Una partita da non sottovalutare perchè sappiamo riserverà tantissime insidie in uno stadio Bentegodi tutto esaurito e ribollente di passione per l'arrivo dopo tantissimi anni della Juventus! 
JUVENTUS CLUB ANDRIA SEMPRE AL TUO FIANCO  
 

 
 
LA JUVE NON FA TREDICI, MA VA BENISSIMO COSI'
 
La Juventus ha mancato il "tredici" allo Stadio Olimpico di Roma. La striscia di vittorie consecutive si è fermata praticamente a dodici, complice il pareggio di sabato sera per 1-1 contro la Lazio! Per carità, va più che bene così, quello che questo gruppo sta compiendo in questa stagione ha dello straordinario. Numeri incredibili che sminuiscono il grande campionato che la Roma alle spalle sta facendo! Ci sarà una ragione se questa squadra sia stata premiata come la migliore della passata stagione, se Conte abbia ricevuto il premio di allenatore dell'anno è se giocatori come Barzagli, Chiellini, Vidal, Pirlo siano stati inseriti nell'undici ideale della stagione 2012/2013. Insomma uno strapotere bianconero sul campionato scorso, che si sta riproponendo in questa stagione. Sei punti di vantaggio sulla Roma, non sono tanti, ma, credeteci, non sono nemmeno pochi. Se ci avessero detto ad Agosto, firmereste per avere a gennaio un punto in più sulla seconda in classifica????? Noi avremmo firmato senza pensarci su due volte! Questo ci fa aumentare il rimpianto per la prematura eliminazione dalla Coppa Italia ad opera proprio di una Roma che lo ripetiamo non ci ha assolutamente impressionato! Questo campionato lo possiamo perdere soltanto noi. La Juve infatti deve temere solo se stessa è non la Roma seconda o se vogliamo il Napoli terzo, scivolato a dodici lunghezze di distanza. Anche a Roma la Juventus ha dato l'ennesima dimostrazione di forza. A metà del primo tempo la squadra è rimasta in 10 uomini a causa dell'assurda regola che vede espulso il portiere se commette fallo da rigore. Ingiusto punire i portieri in questo modo, espulsione, calcio di rigore contro è squalifica di un turno! Questo è quanto accaduto a Gigi Buffon. Storari subentrato a freddo nulla ha potuto per evitare il vantaggio laziale. Di li in poi ti aspetti una partita in salita, invece nulla di tutto ciò, la Juve gioca con ordine, resta tranquilla e nella ripresa inizia ad aumentare il forcing verso l'area avversaria, riuscendo a pareggiare con un gran colpo di testa del solito Fernando Llorente, alla sua nona marcatura in campionato! La Juve continua ad attaccare sfiorando l'incredibile raddoppio con Carlitos Tevez. Poi rischia anche di capitolare, ma un grande Storari dice di no. La Juve non si arrende è prova sino al termine a conquistare la vittoria che però non arriva, ma arrivano gli applausi a scena aperta del "popolo bianconero" che ha letteralmente invaso l'Olimpico giungendo in 10.000 unità da ogni parte d'Italia, questo ad ennesima dimostrazione che la Juventus è seguita da ogni città, da ogni dove, indipendentemente da tutto e tutti! Ecco perchè la Juve è odiata da tutti, non solo perchè vince ma perchè riesce ad attirare dietro di se migliaia e migliaia di persone al seguito.Anche noi dello JUVENTUS CLUB ANDRIA eravamo ovviamente presenti, come sempre. Partiti in pullman da 59 posti, tutto completamente pieno, oltre ad un auto privata. Alle 12,30 in ritardo sulla tabella di marcia il pullman ha lasciato Andria direzione Roma. Viaggio tutto sommato tranquillo è piacevole per le tantissime "belle persone" a bordo, dal Presidente Nicolamarino a Nicola Pisani, da Andrea e Giuseppe Leonetti a Nico Lotito, da Pasquale Moschetta a Vincenzo Chieppa e sino a Domenico Giordano. In mezzo tanta ma proprio tanta altra "bella roba". Non possiamo citarvi tutti! Giunti a Roma Nord alle ore 18,00 circa veniamo subito invitati dalla Polizia ad entrare nell'autogrill subito dopo la barriera autostradale. Di li in poi inizia il nostro assurdo calvario.....Veniamo costretti ad una lunga attesa sul pullman per poi essere condotti davanti allo stadio soltanto alle 20,35. Migliaia e migliaia di persone ammassate davanti a tre soli tornelli....con una coda enorme che ci vede entrare dopo proteste energiche è momenti di forte tensione con gli steward...solamente alle 21,00 nel settore, in pratica quando si era già al quarto d'ora di gara. Ma si puo' ??? Soltanto in Italia possono accedere simili cose! Nella confusione il gruppone si divide...tra chi, pochi, riesce a passare nel pezzo degli ospiti è chi, la stragrande maggioranza, confluisce nella Curva Sud.
Quelli che riescono a confluire negli ospiti, poco più che una decina, si sistemano a ridosso della Tribuna MonteMario dietro il Gruppo Tradizione-Antichi Valori con tanto di bandiera del nostro club sventolata da Savio Ieva (come potrete notare dalla foto dell'articolo)...accolto come una star dai tanti amici del Nord e degli altri club! Primo tempo tifo blando, sarà stato anche lo sciopero dei laziali. Nella ripresa i laziali ripendono calore e colore ed anche noi ci svegliamo dal torpore facendo un tifo a tratti spettacolare. Finisce la gara, si torna al pullman, tutti commentano la gara, tutti abbiamo una gran fame. Si riparte, addormentandoci in pratica tutti, ci svegliamo all'autogrill di Mirabella, dove non tutti scendono è dove una pattuglia della Polizia ci controlla in tutte le operazioni dall'ingresso alla ripartenza.....ah ah ah ah ah ah ah ah ah! Arriviamo ad Andria prima del previsto, poco dopo le cinque del mattino, stanchi ma felicissimi ancora una volta di aver "lottato" al fianco della nostra VECCHIA SIGNORA! Domenica ci attende una partita dal sapore sempre particolare, quella contro i Prescritti di Milano, una partita che ci vedrà come sempre presenti con il solito pullman da 59 posti, anche questa volta tutto pieno oltre agli "autorizzati" soci che giungeranno in aereo ben 9! Anche questa volta abbiamo dato spazio a molte "prime volte" è a quei soci per i quali non c'era stata la possibilità di farli viaggiare contro la Roma. Questa nostra organizzazione ci ha permesso in questa stagione di poter a rotazione soddisfare tutti garantendo una o anche due gare di cartello a testa per tutti. Siamo contenti nel vedervi felici del nostro modo di fare e di operare per quella che è una grande passione chiamata JUVENTUS! 
539 VOLTE GRAZIE A TUTTI! Tanti quanti i nostri soci per la stagione 2013/2014. Per chi non partirà per Torino, domenica l'appuntamento è al club, mentre sono ancora aperte le prenotazioni per la trasferta a Verona contro l'Hellas!
Chiudiamo fornendo tutto il nostro sostegno al nostro Segretario Fabio che nei prossimi giorni si sottoporrà ad un intervento chirurgico è che lo vedrà distante dalle trasferte per un po di tempo! 
Forza Grande Fabio, ti aspettiamo presto al seguito della nostra Juve!    
JUVENTUS CLUB ANDRIA
 

 
 
L'AVVOCATO E' SEMPRE CON NOI!
 
"Nei momenti difficili di una partita, c'è sempre nel mio subconscio qualcosa a cui mi appello, a quella capacità di non arrendersi mai. E questo è il motivo per cui la Juventus vince anche quando non te l'aspetti."
Ecco una delle celebri frasi dell'Avvocato Giovanni Agnelli sul suo grande amore chiamato JUVENTUS! Come possiamo dimenticare questo grande Uomo, il Presidente dei Presidenti, colui che ha fatto Grande la nostra Juve! Mai, non lo dimenticheremo Mai, del resto gli abbiamo intitolato il nostro club. Gli anni passano, ma il ricordo di Lui resta scolpito nelle nostre menti e nei nostri cuori! Ciao Avvocato, da lassù continua a proteggere e ad indicare la strada verso il prossimo successo alla Tua e Nostra amata Juve! 11 anni fa, il 24 gennaio 2003 ci lasciava. A Ottobre dello stesso anno, noi costituimmo il nostro grande Club in Suo Onore. Crediamo di aver Onorato alla grande la Sua persona in tutti questi anni, per quanto fatto e per quanto ancora dobbiamo fare! 
Chissà cosa penserebbe, se fosse ancora qui con Noi, di giocatori come Arturo Vidal e Paul Pogba, chissà come gli avrebbe definiti....saremmo proprio curiosi!
Illuminaci sempre nel nostro cammino. Ciao indimenticabile Avvocato.
JC ANDRIA SEMPRE CON TE!
 

 
 
COPPE ANCORA STREGATE. LA MALEDIZIONE DELL'OLIMPICO
 
E' inutile, che si tratti di Champions League o Coppa Italia non vi è differenza per la nostra Juventus. La sfiga e la maledizione nelle coppe, continuano a perseguitarci! Incredibile ma vero. Per il terzo anno di fila all'Olimpico di Roma si chiude malamente la nostra avventura in Coppa Italia. Due stagioni fa abbiamo perso la finalissima contro il Napoli, lo scorso anno siamo usciti in maniera rocambolesca nella semifinale contro la Lazio, mentre quest'anno veniamo eliminati dalla Roma addirittura nei quarti di finale. Peccato, ma è inutile nascondersi dietro facili "frasi fatte"....del tipo....."ma che ci interessa tanto è solo la Coppa Italia....o giù di li....
Noi a questa Coppa ci tenevamo tantissimo, sia perchè non la vinciamo da tanti, troppi anni, è sia perchè vincerla, ci avrebbe potuto regalare un altra stella, quella d'argento per la decima coppa! Invece dovremo rimandare l'appuntamento alla prossima stagione, almeno speriamo! Da qui comprenderete la nostra giustificata delusione per un obiettivo che riteniamo fosse alla portata di questa squadra. Ma si sa nel calcio nulla è scontato, nulla lo si conquista senza lottare e sudare sul campo. Purtroppo il campo ci ha detto che la Roma è passata alle semifinali avendo avuto la meglio sulla nostra Juventus per 1-0, nell'unica disattenzione difensiva dei nostri ragazzi a pochissimi minuti dai supplementari. Dopo la delusione di Istanbul eccone arrivata un' altra. Ma noi siamo forti, siamo la Juventus e non ci abbattiamo certamente dinnanzi a questi risultati! E' andata! Avremmo certamente barattato il passaggio alle semifinali con un pareggio magari contro la Lazio in campionato. La partita non è stata molto bella. Le due squadre, dopo l'incontro di campionato di qualche settimana addietro, si temevano e si rispettavano. Nessuna delle due formazioni voleva prestare il fianco all'avversaria. La Juve ha adottato una tattica attendista, ha cercato semplicemente di contenere le sfuriate giallorosse e soprattutto le loro incursioni sulle fasce. Un primo tempo avaro di emozioni con un paio di tiri della Roma fuori dallo specchio della porta difesa da Storari. Premettiamo che i capitolini hanno affrontato questa sfida con la loro miglior formazione, praticamente quella del campionato, mentre la Juventus ha effettuato turn over per ben 5/11, inserendo quei giocatori che in pratica giocano pochissimo. Nella ripresa nonostante tutto, nonostante fosse entrato anche Ogbonna un altro rincalzo al posto dell'infortunato Chiellini, la Juventus inizia a produrre gioco e a mantenere il pallino dello stesso con un possesso palla ben più costante, rispetto alla prima frazione. Passiamo in vantaggio con una rete regolarissima di Peluso su perfetto cross di Isla, ma il guardalinee dice che la palla fosse prima uscita dal campo per poi rientrare....tutto assolutamente falso. Ma ne la Rai, ne la carta stampata e nessun altro hanno mostrato e parlato di questa situazione che ha certamente danneggiato la Juventus. Passare in vantaggio in quel momento, fuori casa, sarebbe potuta essere una enorme mazzata per i giallorossi, ma invece tutto è normale, quando di mezzo vi è un torto alla Juventus. Immaginate se fosse accaduto al contrario, apriti cielo, adesso qualcuno starebbe parlando di complotti, di aiutini....ma che ci facessero il piacere. Noi siamo dei Gran Signori, non ci attacchiamo a queste situazioni che accettiamo e che sappiamo, fanno parte del gioco del calcio. Nessuna polemica, abbiamo sportivamente accettato l'eliminazione, consapevoli di aver dimostrato seppur con tantissime seconde linee di essere nettamente più forti di un avversaria a nostro parere molto sopravalutata. Peccato anche a qualche errore di troppo dei nostri giocatori, Giovinco su tutti che hanno "sprecato" delle ottime e ghiotte occasioni. Nonostante la partita al martedì, nonostante i tantissimi impegni, anche in questa occasione seppur in sole due unità, il nostro club è stato presente nella bolgia dell'Olimpico, con due soci, Gaetano Maddalena (nella foto con tanto di t-shirt del club) e Antonello Apruzzese. Arrivati allo stadio grazie all'aiuto dei ragazzi dello JC ROMA nostri nuovi amici (che ringraziamo per l'ennesima collaborazione....dopo quella prestata per Copenhagen, Carlo il loro presidente su tutti), si sono da subito ritrovati negli incidenti che hanno caratterizzato il primo quarto d'ora di gara, quando dopo il ripetuto lancio di oggetti e bombe carta da parte della Nord romanista, un classico, i nostri gruppi ultras hanno reagito alle continue provocazioni lanciandosi verso il vetro che separa le due fazioni con cinghie alla mano, dimostrando, ancora una volta ai romanisti, di che pasta sono fatti i gobbi! E' poi intervenuta la celere sugli spalti per caricare, cosa che accade solo a Roma, assurdo! Ritornata, si fa per dire, la normalità si è potuto assistere all'incontro. Alla fine, dopo essere usciti quasi all'una dallo stadio, i nostri ragazzi hanno raggiunto scortati su mezzi di linea locali, la Stazione di Roma Tiburtina, dove ad attenderli c'erano i romanisti che hanno fatto la loro classica imboscata nei confronti di tutti gli juventini che avevano lasciato li i propri mezzi. Sono seguiti anche li degli scontri ma per fortuna i nostri ragazzi, sono riusciti a recuperare la strada verso casa. Come sempre la trasferta a Roma contro i giallorossi non è assolutamente una passeggiata ed è sempre piena di insidie. Dobbiamo complimentarci con Gaetano Maddalena, studente universitario che nonostante la giovane età, ne ha di esperienza da vendere, viste le tantissime trasferte sulle sue spalle. La Serie B su tutte! Onore a te socio Gaetano! Adesso nemmeno il tempo di smaltire questa delusione che si riparte nuovamente per Roma, questa volta in pullman GT, da 59 posti, tutto pieno con tantissimi volti noti (il nostro Presidente su tutti) è tanti volti nuovi, oltre all'auto di Mimmo Canzio e Giovanni Vurchio. Noi ci siamo sempre. 
Siamo pronti a rialzarci per questo finale di stagione che ci vedrà impegnati sui due fronti più importanti, il campionato e l'Europa League. Chiediamo troppo se vi diciamo che vogliamo vincere entrambe le competizioni?????? Allora vorrà dire che sarà stata stagione fantastica. Ma adesso concentriamoci sulla Lazio, partita difficilissima, che arriva in un momento in cui i laziali stanno attraversando un ottimo periodo di forma accompagnato anche da risultati positivi. Noi dobbiamo in fretta dimenticare la battuta d'arresto in Coppa Italia e rituffarci nel clima campionato, ancora tutto da vincere! Chi pensa che sia già conquistato, si sbaglia di grosso! Il difficile arriva proprio adesso. Vincere significherebbe portare a 13 le vittorie consecutive: PROVIAMOCI! 
SITUAZIONE MERCATO:
Nel precedente articolo di commento alla vittoria sulla Samp. vi avevamo accennato di una clamorosa trattativa che vedeva quasi certamente arrivare in bianconero Fredy Guarin, il giocatore interista con uno scambio alla pari con il nostro Mirko Vucinic. Vi avevamo anche detto che ci dispiaceva che Mirko andasse via, soprattutto perchè andava proprio da quella squadra di merda qual'è quella degli Accattoni e Prescritti, ma vi avevamo anche detto, che uno scambio del genere, o meglio un regalo del genere, non lo si poteva proprio rifiutare! Infatti si trattava dell'ennesimo abbaglio dei dirigenti interisti i quali hanno davvero fatto una figuraccia di merda colossale che ha lasciato parlare tutti per due giorni interi. Questo a dimostrazione ancora una volta della consistenza di quella Società che da sempre riteniamo fatta da Pagliacci e Ridiculi! In pratica, lo avete appreso dagli organi di stampa, l'affare (per noi) è saltato, perchè, giustamente, i loro tifosi si sono ribellati davanti ad un simile scempio che la nuova proprietà.....dall'Indonesia....ma si può????? stava consumando a loro discapito, mettendoli, come sempre, in ridicolo e alla berlina di tutti!  
Prima chiamano per chiedere di poter prendere Vucinic, poi alla risposta della Juve che chiede e voi cosa offrite??? loro rispondono, Guarin! Bene la Juve senza farselo ripetere due volte accetta immediatamente lo scambio. Vucinic svuota il suo armadietto a Vinovo, saluta i compagni è parte per Milano. Altrettanto fa Guarin, poi l'incredibile colpo di scena....(dopo la protesta dei loro tifosi....)...con la Società nerazzurra che dice...scusateci stavamo scherzando....ma cioè si può????? Ma che andassero veramente a cagare...stà società di indonesiani, di falsari.....gli unici ad essere acquistati da un "riccone....." è ritrovarsi poi senza soldi, da non potersi nemmeno permettere un acquisto!!!!! 
Intanto dovrebbe partire anche Marco Motta verso il Genoa, finalmente aggiungiamo noi, va via quello sfigato...l'ultimo reduce dei mercati di Secco & Blanc......
TESSERE E REGALI:
Sono finalmente arrivate le tessere di questa stagione sportiva è pertanto informiamo tutti i nostri soci che è possibile ritirare la stessa con il regalo, passando tutte le sere dalla nostra sede dalle ore 19,45 alle ore 21,15. Informiamo anche che durante le partite della Juventus non è assolutamente possibile consegnare tessere e regali, pertanto dovrete passare in settimana, ripetiamo quando non gioca la Juve. Nel frattempo il tesseramento vede staccate 539 tessere è crediamo a questo punto che sia un risultato praticamente definitivo a pochissimi giorni dalla chiusura dello stesso (31 gennaio).
JUVENTUS CLUB ANDRIA SEMPRE PRESENTE!
 

 
 
DODICESIMA VITTORIA CONSECUTIVA. JUVE SEMPRE PIU' CAPOLISTA SOLITARIA
 
Mentre in questi giorni si è incredibilmente ravvivato il nostro calcio mercato con la partenza in prestito al Genoa di Paolino De Ceglie, al quale auguriamo ogni bene e con il sorprendente scambio, probabilmente alla pari di Guarin, giocatore interista con il nostro Mirko Vucinic, la Juventus come un treno inarrestabile continua la sua marcia di avvicinamento verso lo storico 32° scudetto. Adesso mancano 18 battaglie al termine, ma probabilmente basterà vincerne altre 12/13 di partite per potersi assicurare il titolo! Ma torniamo per un attimo al clamoroso scambio di mercato che vedrebbe arrivare in maglia bianconera il forte centrocampista colombiano Fredy Guarin. Inutile dire che ci dispiace moltissimo veder partite Mirko Vucinic (come già era accaduto per Matri), soprattutto se verso la sponda nerazzurra, ma con tutta franchezza sentiamo anche di dire che il montenegrino ha dato tutto quello che poteva dare alla nostra causa. Non finiremo mai di ringraziare chi è stato il nostro attaccante titolare di due storici ed incredibili scudetti, il 30° ed il 31°. Dovesse, ma sembra certo, arrivare il colombiano, sarebbe davvero un gran colpo della nostra Società, la quale aveva già fortemente cercato il giocatore un paio di stagioni addietro. Ad un centrocampo già tra i migliori in circolazione si andrebbe ad aggiungere un altra pedina di livello! Potrebbe essere il giusto innesto per puntare decisi anche all'Europa League che il colombiano ha già vinto con la maglia del Porto! Tutto questo è maturato mentre la Juventus infiggeva alla Sampdoria la seconda sconfitta stagionale raggiungendo la dodicesima vittoria consecutiva in campionato, la diciottesima in assoluto su 20 giornate di campionato. Il girone di ritorno è in pratica iniziato così come era iniziato quello di andata, con una vittoria ai danni di una ottima Sampdoria che ha davvero messo in seria difficoltà la Juventus, sia quando era sotto per 2-0 e sia quando la Juve si era portata sul 3-1. Il finale è stato di 4-2 per la Juventus con Arturo Vidal sugli scudi, autore di un altra doppietta e con il solito Paul Pogba autore di una sensazionale rete, come solo i grandi campioni sanno fare. L'altra rete è stata messo a segno da Fernando Llorente, l'attaccante spagnolo rivelazione di questa Juventus, giunto all'ottava marcatura in campionato. Che altro volere di più????? Assolutamente nulla, siamo super orgogliosi di questo gruppo che continua a compiere imprese su imprese, sgretolando record su record. Anche contro la Samp, lo JStadium era tutto esaurito ed anche contro i doriani il nostro club è stato ovviamente presente al fianco della Juventus. In 6, partiti con il pullman della Marino da Andria venerdì sera, con Andrea Leonetti che sfoggiava il suo nuovissimo ed originalissimo maglione in lana a strisce bianco e nere (voluto dalla sua mamma....), suo figlio Giuseppe, Riccardo Pisani, Emanuele e i fratelli Marzano. Insomma l'ennesima presenza a Torino (credeteci non è semplice esserci sempre). Giunti al mattino presto nel capoluogo piemontese i nostri soci hanno dovuto da subito fare i conti con una fastidiosissima pioggia caduta quasi ininterrottamente per tutta la giornata. Giornata libera, poi alle 19,45 si sono ritrovati per entrare in Curva Sud, posizionandosi tutti a sinistra della porta in pratica sotto al nostro bocchettone assieme ai ragazzi di Aosta e Bassa Valle. Siamo ritornati nella posizione d'origine in questo nuovo anno. Già contro la Roma i nostri ragazzi si erano spostati verso sinistra. Questo perchè eravamo stufi di stare a centro curva, anche se ne avevamo tutto il diritto, visti i nostri rapporti, dove la situazione era diventata insostenibile, decine e decine di stendardi (tutti scopiazzati dal nostro....), di tante città italiane, molti occasionali, che pur di farsi inquadrare in tv erano li dall'apertura dei cancelli. Noi già dalla gara contro il Napoli, ultima del 2013 prima delle due giornate di squalifica, iniziammo a propendere per la soluzione di ritornarcene li, dove eravamo posizionati all'apertura del nuovo stadio. Questo per dimostrare che di farci inquadrare non c'è ne fregava e non c'é ne frega nulla. C'eravamo e ci saremo sempre seppur con meno visibilità. L'importante come diciamo noi non è apparire ma esserci! Finita la gara contro i doriani il grande Andrea ha inviato il suo classico messaggio: MISSIONE COMPIUTA. Dopo il pernottamento a Torino i nostri sono ripartiti chi in treno chi con volo da Orio al Serio all'indomani. Adesso ci attende una settimana lunghissima da trascorrere nella Capitale, dove affronteremo prima la Roma nei quarti di finale di Coppa Italia per poi rendere visita alla Lazio, sabato sera nell'anticipo di campionato. Due gare diverse l'una dall'altra. Ma se dovessimo scegliere è chiaro che propenderemmo per quella di Coppa Italia. In campionato se sbagli hai tutto il tempo per porre rimedio. In Coppa Italia, e negli ultimi anni ne abbiamo avuto la riprova, se sbagli sei fuori. Per il terzo anno consecutivo, ancora l'Olimpico sarà il nostro crocevia in Coppa Italia. Due stagioni fa perdemmo li la finale contro il Napoli, lo scorso anno fummo eliminati in semifinale dalla Lazio in maniera del tutto incredibile, quest'anno non vorremmo ripetere l'amara esperienza. Non è un obiettivo fondamentale, ma resta pur sempre un obiettivo che ci permetterebbe, vincendola, di conquistare la maledetta DECIMA COPPA, quella della stella d'argento! Forza ragazzi non sbagliamola questa partita. All'Olimpico martedì sera saranno presenti due nostri soci: Gaetano Maddalena e Antonello Apruzzese, due soci storici, che pur di rappresentarci risponderanno presenti nella difficilissima trasferta romana in uno Olimpico tutto esaurito, in un clima a dir poco incandescente. Per loro sarà la gara della vita! Avanti Juve. Sabato sera invece, saremo presenti in pullman contro la Lazio. Un pullman da 59 posti tutto al completo e ci spiace per chi continua a chiamarci, ma non possiamo rischiare di organizzare un secondo pullman per poi magari non riempirlo nemmeno per la metà.
JUVENTUS CLUB ANDRIA, TANTI FATTI SEMPRE MENO PAROLE! 
 

 
 
I NOSTRI "GOBBACCI" PRESENTI A CAGLIARI
 
Eccoli qui ritratti a fine partita all'interno del Settore Ospiti dello Stadio Sant'Elia di Cagliari i nostri soci che si sono sobbarcati questo lunghissimo viaggio in Sardegna. Tutto all'insegna della pura goliardia e della sfrenata passione per la Juventus. Davvero una bella trasferta come ci hanno raccontato i ragazzi (alcuni...non proprio....) al rientro! In aeroporto a Elmas, sappiamo che hanno dato il meglio di loro....(vero Salvatore???????). Hanno anche incontrato Giancarlo Marocchi, vecchia bandiera della Juventus sul finire degli anni ottanta e ad inizio degli anni novanta con la cui maglia ha anche vinto la Champions League del 1996. Uno scambio di battute e la foto ricordo. Era anche lui di rentro nel "continente"...come dicono i sardi...dopo aver fatto da commentatore della partita per Sky. Anche a Palermo lo scorso anno in aeroporto, era capitato di incontrare un altra bandiera della Juve che fu, Franco Causio! Adesso archiviata questa bella trasferta ci si rituffa già nella prossima, a Torino contro la Samp., altra sfida difficile con i doriani rivitalizzati dal cambio di allenatore in panchina. Una sparuta presenza sarà su allo Stadium con Andrea e Giuseppe Leonetti, i fratelli Marzano e Roberto Nicolamarino. Proseguono intanto le prenotazioni per la trasferta a Roma contro la Lazio del prossimo 25 gennaio!
JC ANDRIA SEMPRE AL TUO FIANCO!
 

 
 
RECORD SU RECORD. ANCHE IL CAGLIARI SPAZZATO VIA!
 
La Juventus sembra come uno di quei cicoloni americani, che quando arrivano spazzano tutto via! Anche il Cagliari da domenica pomeriggio ne sa qualcosa. Eppure, i sardi, sono forse tra le formazioni che meglio avevano contrastato la Juventus negli ultimi tempi. Un primo tempo che aveva visto una Juventus non esprimersi come sempre, ed un Cagliari davvero sorprendente, pimpante e che era addirittura riuscito a portarsi in vantaggio. Ma bomber Fernando Llorente dopo poco ha rimesso tutto a posto, saltando più in alto di tutti e riportando il match in parità. Nella ripresa la Juventus continuava a stentare ed ecco allora che Antonio Conte estrae dal suo cilindro magico, qual'è il suo "cervello", da allenatore più bravo in circolazione, la mossa tattica che si rivelerà ancora una volta vincente: fuori un opaco Andrea Pirlo e dentro Claudio Marchisio! E' la svolta, il principino dopo poco ci porta in vantaggio, finalmente a segno in questa stagione! Di li in avanti è un dilagare, uno straripare, un tornado che non lascia più scampo al Cagliari. Arrivano anche la terza e la quarta rete ad opera di Fernando Llorente, prima doppietta italiana per lui e di Lichtsteiner, lo svizzero che non si stanca mai di correre! Un 4 a 1 finale che lascia tutti di stucco e soprattutto che aiuta a percepire la grandezza di questa squadra che anche quando non è brillante, anche quando la sua manovra di gioco non è fluida ed appare molto prevedibile, riesce addirittura con la sua cinicità a devastare comunque l'avversario di turno!  Questa Juventus, questa squadra, entrano di diritto nella storia del club! 11 vittorie di fila mai nessuna Juve era riuscita a farle, 52 punti alla fine del girone di andata idem! Numeri impressionanti, numeri che fanno rabbrividire chiunque, numeri che fanno gonfiare il petto a noi tifosi gobbi che continuiamo a restare con i piedi ben saldi per terra consapevoli che il difficile viene proprio ora, quando i carichi della preparazione invernale si faranno sentire, come anche gli impegni nell'altro fondamentale obiettivo stagionale, l'Europa League! Ed allora avanti Juve, continua a pedalare, continua a macinare vittorie e punti. Le avversarie più dirette hanno vinto mantenendo i distacchi invariati. La Roma insegue a meno 8, il Napoli a meno 10. Le altre non le citiamo proprio, xché sempre più distanti! Anzi per farvi comprendere la grandezza di questo campionato che la Juventus stà dominando più dei precedenti due, vi diciamo che le due milanesi messe assieme riescono a sommare appena 54 punti, in pratica solo due punti in più di quanti ne ha fatti la Juventus! Vi bastano questi numeri?????? Mamma mia il livello di rosicamento da altre parti stà raggiungendo i livelli massimi......ah ah ah ah ah ah! Potevamo noi mancare all'appuntamento con la storia? Potevamo noi mancare all'undicesima vittoria di fila e soprattutto conseguita su di un campo in cui non eravamo mai stati????? Del "campo sportivo" (perchè non è uno stadio) vi diremo dopo, ma della nostra grande trasferta a Cagliari vi raccontiamo subito. Alle ore 2,00 della notte è scattata la nostra "missione"...sembravamo alla prima trasferta in assoluto per quanto eravamo elettrizzati. L'andare a Cagliari ci inorgogliva parecchio. Era da anni che provavamo, invano, ad organizzare questa trasferta in terra sarda, ma prima i divieti di trasferta poi le inagibilità degli stadi "isolani" non ci permettevano di raggiungere Cagliari con soldi (tanti) spesi inutilmente! Quest'anno non ci sembrava proprio vero che la partita finalmente si giocasse li, dove fosse giusto che si giocasse, allo Stadio Sant'Elia. In stazione ad Andria ci si è ritrovati per partire in furgone da 9 posti alla volta dell'Aeroporto di Roma Ciampino. 5 del nostro club, Fabio, Salvatore, Graziano, Corrado e Riccardo, 2 del club di Trani, Andrea e Giuseppe e 1 rappresentante del club di Corato, Vincenzo il Presidente. Purtroppo all'appello mancava Marco Fiandanese del nostro club, colpito da una bruttissima influenza alla vigilia della partenza. Viaggio di andata in tutta tranquillità, con unica sosta all'altezza di Caserta. La stanchezza prevale sull'euforia! Poi quasi 100 km in una fitta nebbia, che teneva tutti all'erta e soprattutto Corrado che guidava il mezzo. Arriviamo in Aeroporto a Ciampino verso le sette del mattino è parcheggiato il mezzo ci rechiamo subito ai controlli di rito. Dentro troviamo i ragazzi dello JC ROMA capitanati da Luca "er boss de Fiumicino". Poi man mano vediamo arrivare altri alla spicciolata. I ragazzi del Gruppo Marche, quelli del Gruppo Napoli, i Drughi Sud e altri sparsi qua e la. Ti rendi conto in pratica che ci si conosce tutti. Sempre le solite facce. Del resto queste sono le trasferte migliori in assoluto, quando gli occasionali restano a casa e trovi quelli che amano la Juve a prescindere dalla prima posizione in classifica, a prescindere da tutto! Si sale sul volo, ci ritroviamo alla fine in una cinquantina dalla Capitale, mentre sull'altro volo in arrivo da Orio al Serio sappiamo che ne arrivano altri 130. Mentre da Pisa con un altro volo un altra trentina, più Tradizione da Milano Linate. Raggiungiamo Cagliari in perfetto orario e subito troviamo la Polizia Sarda e la Digos ad attenderci. Ci sistemano tutti nella sala d'attesa dell'aeroporto. Ci dicono di aver pazienza perchè avremmo dovuto attendere l'arrivo di tutti gli altri voli. Facciamo colazione, iniziamo a rifocillarci prendendo confidenza con il bar e la barista dell'Aeroporto di Elmas. Nel frattempo arriva il grosso dei tifosi juventini, quelli dal Nord Italia, tra i quali i nostri amici di Aosta e Bassa Valle con i quali allestiamo una vera e propria tavolata, iniziando a bere birre e soprattutto a stappare bottiglie dell'ottimo vino Sardo, il Cannonau, accompagnato dal pecorino Sardo! Spettacolo, arriva mezzogiorno e la Digos ci inizia a chiamare a raccolta. Noi, che stavamo così bene sui divanetti dell'aeroporto chiediamo di poter restare ancora un po! Ma era l'effetto del vino....Abbastanza alticci, raggiungiamo le circolari messe a disposizione per il trasporto allo stadio. Ne riempiamo due. Si parte tra cori e battute varie. L'adrenalina sale tantissimo. Arriviamo nel parcheggio ospiti in tutta tranquillità e ci accorgiamo della totale assenza di pullman di tifosi juventini locali. Solo una decina di auto ed un furgoncino. Era la prima volta in assoluto che notavamo questa assoluta tranquillità al seguito della Juve! Entriamo dentro verso le 13,30 ed iniziamo ad osservare il desolante scenario. Uno stadio così, credeteci, non lo si trova neppure nei Dilettanti. Assurdo e soprattutto ingiusto per i tifosi del Cagliari, ma anche per gli ospiti che spendono come noi tanti soldi per poi ritrovarsi uno spettacolo indecente per un Campionato di Serie A. Dopo aver visto lo stato dello Stadio di Livorno, pensavamo di aver visto davvero il peggiore, invece quello di Cagliari è davvero orribile. Cade a pezzi, fatiscente, settore ospiti all'altezza del campo, una Tribuna pietosa con questi nuovi settori costruiti all'interno e sulla vecchia pista di atletica. Soltanto in Italia possono accadere simili situazioni. Grottesco! Pagare 28 euro per un settore così è davvero una ladrata! La cosa curiosa era che qualsiasi cosa urlavi in quel campo....ti sentivano davvero tutti, giocatori compresi. Ci siamo posizionati in primissima linea alle spalle del Gruppo Tradizione con i quali abbiamo riso e scherzato a lungo. Della gara vi abbiamo raccontato. Noi belli massicci nel settore tutti assiepati verso la Tribuna, abbiamo supportato la squadra. Anche i cagliaritani si facevano sentire, ma ripetiamo è indegno ospitare una simile partita di Serie A in uno stadio così, davanti a nemmeno 5.000 spettatori. A fine primo tempo i