Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS

 
ULTIME NEWS
   
dot ANCORA UNA VOLTA AL SEGUITO DELLA JUVENTUS WOMEN!

dot MINUTO 86…UNA GODURIA PAZZESCA: PURGATI ANCORA

dot UNA JUVENTUS PERFETTA BATTE IL CHELSEA

dot LA JUVE BATTE LA SAMP E RISALE IN CLASSIFICA

dot VITTORIA FONDAMENTALE A LA SPEZIA

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
dot News anno 2019
dot News anno 2020
dot News anno 2021
   
 
INCREDIBILE SCONFITTA! QUASI 350 ISCRITTI AL CLUB. CIAO CRISTIANO!
 

Dove eravamo rimasti? A prima dell’incredibile sconfitta casalinga contro l’Empoli (0-1), nei giorni in cui si è consumato l’addio a Cristiano Ronaldo, uno dei più grandi calciatori della storia della Juventus. Mai avremmo potuto immaginare che un giorno avesse potuto vestire la maglia della nostra squadra. Quel giorno è durato tre lunghissimi anni. Una emozione unica che vale sicuramente più di una vittoria sul campo. La soddisfazione di averlo avuto in squadra con noi resterà per sempre. Ma la Juve resta ed i campioni come sempre passano. Peccato per il Covid che non ci ha permesso di godere per un anno e mezzo dal vivo delle gesta del campione portoghese. Ma resterà indelebile ogni momento vissuto con lui in squadra. Grazie CRIS, grazie di tutto, grazie per aver scelto la JUVE nella tua lunghissima carriera. Da ora in poi sarai un avversario, ma siamo certi che nel tuo cuore porterai per sempre ogni attimo della tua esperienza bianconera. In bocca al lupo per il tuo ritorno al Manchester United. Nessun rimpianto, nessun dolore, come sempre si riparte più determinati di prima, si è vinto prima di Ronaldo, abbiamo vinto con lui, continueremo a farlo! Ma non poteva iniziare peggio il dopo Cristiano Ronaldo per la Juventus, incapace di segnare un gol all’Empoli sconfitta meritatamente allo Stadium dalla squadra di Andreazzoli che ha fatto davvero una prova superlativa. Appena un punto dopo due partite, per giunta contro due avversarie di valore oggettivamente inferiore, al di là di quello che si è visto in campo, a Massimiliano Allegri speriamo abbia giovato questa pausa per le nazionali per trovare un nuovo assetto e recuperare anche mentalmente i calciatori in vista della durissima trasferta di Napoli. Sosta in cui dovrà però fare a meno di gran parte della rosa, il che complica decisamente il suo compito. Ma nessun alibi. Perso Ronaldo, il tecnico bianconero contro l’Empoli rinuncia dall’inizio anche a Morata, presentando un attacco senza centravanti, con McKennie trequartista alle spalle di Chiesa e Dybala, sostenuti dagli inserimenti di Rabiot e Bentancur, mentre Danilo fa la guardia davanti alla difesa. Formata da Bonucci e De Ligt al centro, Cuadrado e Alex Sandro sulle fasce, entrambi sempre pronti ad appoggiare la manovra offensiva. Allegri in conferenza aveva chiesto una Juve arrabbiata per i due punti lasciati a Udine e i bianconeri lo accontentano con un inizio forsennato, in cui la difesa dell’Empoli è costretta agli straordinari. Chiesa avrebbe meritato la rete ma il portiere toscano gli toglie un gol praticamente fatto, dopo una strepitosa azione personale. Ma l’Empoli non sta a guardare ed inizia ad affondare pervenendo calorosamente al  vantaggio, complici errori in marcatura. Alla mezzora manca un rigore che ci poteva tranquillamente stare per fallo su Dybala. Si tratta però di un episodio: la Juve ha accusato il colpo e fatica a riordinare le idee, sfiorando anche l’autogol con un retropassaggio di testa di Chiesa che Szczesny alza in angolo, mentre l’Empoli acquisisce sempre maggiore sicurezza. Nell’intervallo Allegri corre ai ripari inserendo Morata al posto di McKennie e al 2' una sponda dello spagnolo manda al tiro Dybala. L’Empoli si difende con ordine è prova sempre a ripartire. La Juve invece continua a faticare a e così al 10' il tecnico inserisce anche Bernardeschi al posto di uno stanco Rabiot (al rientro dopo un mese di stop). Neanche questo cambio però spezza l’inerzia di una partita che l’Empoli controlla senza soffrire troppo, dando anzi la sensazione di poter far male alla Juventus. Al 21' arriva anche il momento di Locatelli, che ha il compito di alzare la qualità in mezzo al campo rilevando Bentancur, e di Kulusevski che rimpiazza Chiesa, progressivamente calato dopo un grande avvio. Proprio i nuovi entrati vanno vicini al pari al 25', ma Locatelli in spaccata mette fuori il cross basso dello svedese. Nonostante le forze fresche messe in campo da Allegri, però, l’Empoli continua a essere più brillante sul piano fisico e più ordinato tatticamente, concedendo il minimo e impegnando Bonucci e De Ligt, se non Szczesny. La clamorosa vittoria assume così contorni sempre più naturali col passare dei minuti, fino a diventare atroce realtà. Clamoroso allo Stadium! Che inizio di stagione davvero da incubo. Non vi è da stare molto sereni viste le prossime due gare che ci attendono contro Napoli e Milan. Nessun dramma comunque, siamo solo agli inizi, del resto Allegri nel tempo ci ha abituato a queste partenze al rallentatore. Speriamo trovi presto la quadra per ripartire di slancio verso le posizioni che ci competono. A noi tifosi il compito di crederci sempre e non arrendersi mai, nonostante tutto e tutti. Con il vento contrario è sempre più bello sostenere i propri colori. Finalmente si è poi concluso il calcio mercato, un mercato a dir poco strano condizionato dalla pandemia che si è abbattuta anche sul mondo del calcio. Moise Kean è tornato in maglia bianconera per sostituire Cristiano Ronaldo, un gran bel ritorno il suo, subito protagonista in Nazionale. Nel frattempo abbiamo anche conosciuto il girone della prossima Champions, siamo nel raggruppamento H in compagnia di Malmo, dello Zenit di San Pietroburgo e dei campioni d’Europa in carica del Chelsea. Due trasferte su tre le abbiamo già fatte. A Malmo siamo già stati nel novembre del 2014, mentre a Londra sponda Stamford Bridge ben due volte siamo stati li sugli spalti. Ci manca soltanto San Pietroburgo. Vedremo come si metteranno le trasferte vista la pandemia con le diverse regole nei vari Paesi. Nel frattempo la prima in Svezia è saltata visto che le due società non hanno trovato accordi sulle modalità e soprattutto stante i pochissimi biglietti che avrebbero potuto riservare a noi tifosi bianconeri. La Uefa in un primo momento le aveva vietate per poi ritornare sui suoi passi riaprendole ma con molti paletti e restrizioni ancora in via di definizione. Il problema più grosso resta quello della quarantena al rientro. Vedremo il da farsi. Sarà un girone da affrontare con la massima concentrazione per non incappare in brutte sorprese. Finalmente siamo tornati anche a parlare di trasferte, siamo tornati a vedere le nostre chat riempite di foto che ci inviavano i 14 soci saliti su a Torino per la prima casalinga contro l’Empoli. Chi in auto, chi in aereo, si sono ritrovati tutti nel piazzale antistante la Sud con Maria Scamarcio e Luigi Di Franco a far da “porta bandiere” e con diversi veterani presenti come Vincenzo Giannelli, Lorenzo Zagaria e Pino Suriano. Non potevano mancare ovviamente delle new entry. Bello tornare a sentirsi telefonicamente per vivere le emozioni di un pre partita, bello tornare a vedere le pezze seppur esposte soltanto all’esterno e prima dell’inizio della partita per le classiche foto di rito. Nonostante la sconfitta i nostri, a fine partita, non si sono persi d’animo ritrovandosi tutti seduti a tavola per una pizza e birra di gruppo al solito ritrovo della Boheme. Bello ritrovare anche i nostri amici di Bassa Valle dopo tantissimi mesi. Bello tutto, tranne il risultato e soprattutto la nostra CURVA SUD non più quella di un tempo ed irriconoscibile sotto certi punti di vista. Siamo convinti che così non si possa andare avanti, soprattutto quando nello Stadium arriveranno delle tifoserie più numerose e calorose. Anche i soci più piccoli che erano presenti per questa prima casalinga hanno detto che non ci si diverte più. Il calcio è passione popolare, il calcio vive dello spettacolo sugli spalti. Al Club nonostante questo inizio abbastanza stentato della nostra JUVE stiamo vivendo delle giornate molto intense che ci hanno visto quasi raggiungere quota 350 iscritti, nonostante il periodo di vacanze e nonostante la pausa per le nazionali. Non solo tesseramento e prenotazioni delle trasferte, ma anche serate di gruppo come da nostra tradizione. Ben tre gli appuntamenti che si sono susseguiti tra birre, carne e pizza, l'ultimo martedì sera il più numeroso con una trentina di soci presenti. Gran bella soddisfazione e soprattutto un'altra dimostrazione di come questo Club sia davvero grande in tutti i sensi. Se si pensa che in soli 40 giorni abbiamo già messo assieme tutta questa gente è davvero tanta roba. L'obiettivo adesso è quello di raggiungere quota 400 il prima possibile per poi cercare di crescere sempre più come fatto nelle ultime stagioni. Nella gallery troverete le foto della trasferta J-EMPOLI. Nel frattempo è ripreso il gioco della JOFC LEAGUE, il simpaticissimo gioco dei pronostici a cui si può partecipare gratuitamente grazie all’iscrizione al Club. Bisogna sempre indovinare chi segnerà almeno un goal, chi metterà a segno la prima marcatura di ogni partita, chi sarà il primo cambio dell’incontro oltre al risultato esatto e la somma gol. Insomma buon divertimento a chi vorrà cimentarsi. Lo scorso anno siamo arrivati secondi a livello mondiale in questo gioco. Dovevamo esserci a Napoli ma ancora una volta il prezzo esagerato non ci permetterà di esserci li dove non siamo mai mancati. Proprio prima del Covid (gennaio 2020) eravamo stati presenti in quasi 50 persone in un settore ospiti che vedeva la presenza di nemmeno 200 unità. Un veloce giro di chiamate con gli amici dei Club più rappresentativi per poi maturare la decisione di non esserci per una questione di principio. 65 euro per un settore ospiti sono una follia soprattutto se al settore di casa si fa pagare 50 euro. Bastardi, vivono in funzione di questa partita dimostrando che siamo il loro incubo peggiore. Ma che andassero a cagare! Ci ritroveremo tutti al Club compatibilmente ai posti disponibili. Ci rifaremo nel weekend a seguire quando in ben 42 unità si partirà per Torino con il primo bus organizzato dopo ben 18 mesi! Sarà una emozione unica. Nel frattempo l’invito è quello di tesserarsi per poter seguire la Juve in questa stagione. Sono aperte le prenotazioni per la gara Juventus – Chelsea di Champions del prossimo 29 settembre. Non ci stancheremo mai di ripetervelo……


SEGUI NOI & LA JUVENTUS. JCANDRIA, IL QUARTO CLUB AL MONDO PER NUMERO DI SOCI NELLA STAGIONE 20/21!

 

 
 
 
             
 
 
 
 
             
 
 
 
Juventus Club Andria "Giovanni Agnelli" - Via Enrico Dandolo 37/39 - 76123 Andria
Info line 320/6209445 - Sede: 0883 1983534 - info@juventusclubandria.it - Webmaster: Domenico Mosca

 
Sito non ufficiale in quanto tutti i marchi e i loghi (Juve, Juventus e Scudetto) sono di esclusiva proprietà della Juventus Football Club S.p.a..
Il sito non rappresenta un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 /2001 in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. I video, le immagini e i disegni
utilizzati sono tratti da Internet e quindi sono da ritenersi di pubblico dominio, in caso di violazioni comunicarlo a info@juventusclubandria.it,
provvederemo alla pronta rimozione.