Motto Club
   
totem
   
  HOME / NEWS

 
ULTIME NEWS
   
dot PERSO AI RIGORI IL MEMORIAL “RUGGIERO, RICCARDO LORUSSO e VINCENZO ORCIUOLO”

dot COME SE NON BASTASSE PRESENTI ANCHE AL SEGUITO DELL’UNDER 23 NEI PLAY OFF DI SERIE C

dot SI CHIUDE UNA ORRIBILE STAGIONE. NONOSTANTE TUTTO, NOI PRESENTI FINO ALLA FINE.

dot STAGIONE SENZA TROFEI, IL SALUTO A CHIELLINI E DYBALA.

dot ANCORA SUPPLEMENTARI AMARI PER LA JUVE! NOI IN 180 A ROMA.

   
ARCHIVIO NEWS
dot News anno 2009
dot News anno 2010
dot News anno 2011
dot News anno 2012
dot News anno 2013
dot News anno 2014
dot News anno 2015
dot News anno 2016
dot News anno 2017
dot News anno 2018
dot News anno 2019
dot News anno 2020
dot News anno 2021
dot News anno 2022
   
 
LA JUVE RIPARTE DOPO LA DELUSIONE CHAMPIONS. ELETTO IL NUOVO DIRETTIVO DEL CLUB
 

Dopo l’Eurodelusione Champions inutile nasconderlo, siamo piombati tutti in una naturale depressione “calcistica”. E’ servito più tempo del solito per sbollire rabbia e delusione. Gli strascichi lasciati dalla gara  Juventus-Villarreal erano tutti evidentissimi, una partita dove sono emersi difetti noti (e senza dubbio gravi), ma che è stata decisa da un episodio dopo 75 minuti durante i quali la Juve avrebbe meritato comunque il vantaggio. Proviamo a metterci alle spalle definitivamente la nottataccia europea e parlare delle gare che ci attendono di qui alla fine della stagione. Per battere la Salernitana (2-0 il finale), la Juventus gioca per un tempo (vizio solito), poi controlla - più o meno bene - la partita, fra tracce di stanchezza e un po' di superficialità. Inizia, però, con la giusta rabbia, certamente figlia dell'eliminazione e trova nell'ispirazione (anch'essa rabbiosa, ma per altre ragioni) di Dybala. Il gol dell'uno a zero è un piccolo capolavoro di controllo e tiro, perché la palla di Vlahovic è buona, ma non ottima e Paulo la deve addomesticare con tutta la sua perizia prima di siglare il 113° gol in maglia juventina al 5° minuto di gioco. La Juventus insiste: Vlahovic è devastante per presenza fisica e panico generato, Dybala gli danza intorno, De Sciglio e Cuadrado lo cercano dalle fasce. Ed è proprio De Sciglio a pescarlo con una pennellata perfetta, incornata in rete per il 2-0 che avviene al 29'. Da lì in poi scema la rabbia, l'agonismo e l'intensità, perché la Juventus va in modalità risparmio energetico e la Salernitana, non ha i mezzi per approfittare delle rare amnesie difensive bianconere. Il secondo tempo annoia parecchio con la Juve che rinuncia a giocare. Questo problema chi lo dovrebbe risolvere se non il nostro Mister? Ci riavviciniamo alle squadre di testa ma senza farci nessuna illusione. Seppur più continui in campionato non diamo mai la reale impressione di poter effettivamente rientrare nei giochi. Diverse le occasioni sprecate oltre ai pesanti infortuni che abbiamo dovuto registrare in questa seconda parte di stagione. Restiamo concentrati su questo finale di stagione cercando di mantenere la quarta posizione tenendo a distanze le romane. Al Club nonostante la delusione post Champions l’affluenza è stata buona dovuta anche dall’Assemblea dei Soci fissata al termine della partita, assemblea che ha visto eletto il nuovo Consiglio Direttivo con delle new entry e delle riconferme.


NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO: ATTIMONELLI GIUSEPPE FABIO, CHIEPPA SABINO, DELL’OLIO RICCARDO, FASCIANO FRANCESCA, LEONETTI ANDREA, LOMUSCIO SALVATORE, LORUSSO FRANCESCO, LOTTI GAETANO, NICOLAMARINO FRANCESCO, NICOLAMARINO GIORGIO, PISANI NICOLA, QUACQUARELLI VINCENZO E SCAMARCIO MARIA.  Un direttivo che vede l’ingresso di una donna in più Francesca Fasciano che affianca la riconfermata Maria Scamarcio. Salutano il Direttivo Giuliano Zefferino, Marco Fiandanese, Vito Coratella e Domenico Mosca, ragazzi che hanno dato il loro prezioso contributo a questo Club venuto poi meno per impegni personali e di famiglia. A loro tutto il nostro grazie e soprattutto l’onore di averli avuti in prima fila nella costante crescita di questa bella e grandiosa realtà associativa. Continueranno il loro percorso da soci del Club. Al nuovo Direttivo un compito già importante. Condurre questo Gruppo al ventennale del 2023, un passaggio strategico, un momento fondamentale che dovrà segnare in maniera indelebile il passaggio al Club del futuro. Obiettivo strategico di questo direttivo sarà quello di individuare sin da ora dei giovani capaci, volenterosi e passionali che possano garantire al Club un futuro sempre più roseo. Nella prima riunione del nuovo Direttivo saranno stabilite le cariche sociali. A Torino invece ben 21 i soci partiti per JUVE – SALERNITANA, chi in auto, cinque, (organizzata da Savino Selvarolo) chi in aereo, i restanti. Onore a tutti loro. Non è stato facile esserci dopo la delusione patita contro il Villareal. Ma si sa che noi siamo grandi tifosi, che sappiamo andare oltre il risultato, oltre l’importanza di una partita. Per noi conta soltanto esserci. Peccato come sempre registrare una Sud non degna della sua tradizione. Spettacolo invece dei Salernitani nel settore ospiti, tra tamburo, bandiere e quant’altro necessario per fare del tifo. Strumenti tutti inibiti invece per la nostra Curva. Così ribadiamo non va assolutamente bene, possiamo comprendere tutto quello che è successo ma non comprenderemo mai il perché non si voglia trovare una soluzione condivisa. A Torino la gente spesso rinuncia a salire, soprattutto i ragazzi in quanto giustamente non trovano più l’ambiente che tanto vorrebbero ritrovare, quella bolgia a noi tutti cara. Speriamo in tempi migliori. Bella la trasferta fatta dai ragazzi in auto raccontata di ora in ora, dalla partenza sino al rientro nella notte tra domenica e lunedì poco prima di recarsi a lavoro. Semplicemente unici. Nella pausa del campionato si è poi consumata un'altra atroce delusione calcistica, questa volta per colpa della Nazionale di calcio che per la seconda volta consecutiva non sarà presente ai mondiali di calcio. Roba da non crederci. Sconfitta casalinga contro la Macedonia del Nord e tutti a casa dopo l’Europeo vinto. Le stranezze del calcio. Squadra spenta e demotivata. Si sa che dopo una grande vittoria bisognerebbe avere il coraggio di puntare su gente nuova, giovani affamati con più attaccamento magari alla maglia. Senza nulla togliere a chi ci ha fatto gioire la scorsa estate ma pensiamo che alcuni elementi andavano tenuti fuori. L’assenza di Chiesa fondamentale anche per l’Italia.


 


Nella gallery come di consueto troverete le foto più significative di quest’altra trasferta a Torino.


JC ANDRIA A MODO NOSTRO SEMPRE! LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI

 

 
 
 
             
 
 
 
 
             
 
 
 
Juventus Club Andria "Giovanni Agnelli" - Via Enrico Dandolo 37/39 - 76123 Andria
Info line 320/6209445 - Sede: 0883 1983534 - info@juventusclubandria.it - Webmaster: Domenico Mosca

 
Sito non ufficiale in quanto tutti i marchi e i loghi (Juve, Juventus e Scudetto) sono di esclusiva proprietà della Juventus Football Club S.p.a..
Il sito non rappresenta un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 /2001 in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. I video, le immagini e i disegni
utilizzati sono tratti da Internet e quindi sono da ritenersi di pubblico dominio, in caso di violazioni comunicarlo a info@juventusclubandria.it,
provvederemo alla pronta rimozione.